Serrapetrona

Per Risorgi Marche si brinda alla cantina Alberto Quacquarini

Per Risorgi Marche si brinda alla cantina Alberto Quacquarini

Aperitivo degustazione alla cantina Alberto Quacquarini di Serrapetrona in occasione del concerto di Angelo Branduarti. L'evento rientra nel cartellone degli appuntamenti di Risorgi Marche. A questo appuntamento i comuni di Serrapetrona, Castelraimondo e Camerino hanno risposto con iniziative di vario genere, che coinvolgono anche gli operatori commerciali di diversi settori,  che animeranno l'intera giornata, prima e dopo il live. Tra queste iniziative, anche quella promossa dalla cantina. L'appuntamento è domani in via Colli 12 a partire dalle 19

02/07/2018
Branduardi in concerto, Serrapetrona si prepara all'evento. Tutto pronto per il Dopofestival

Branduardi in concerto, Serrapetrona si prepara all'evento. Tutto pronto per il Dopofestival

Grande attesa a Serrapetrona  per l'appuntamento di domani pomeriggio con Risorgimarche e il grande Angelo Branduardi : 40 anni di musica e non sentirli. Dopo un 2017 di straordinari sold out sia in Italia che all’estero, e un 2018 altrettanto ricco di soddisfazioni, Angelo Branduardi ha accettato con piacere l’invito di Neri Marcorè a dare il suo contributo a sostegno delle Marche, una regione che lo ha sempre accolto con grande calore. Accompagnato da Fabio Valdemarin alle tastiere, Antonello D’Urso alle chitarre, Stefano Olivato al basso e Davide Ragazzoni alla batteria, Angelo Branduardi porterà sul palco quel mondo musicale e creativo che, attingendo dalle leggende popolari e ai suoni del passato, lo ha reso unico sulla scena musicale italiana e internazionale. In scaletta i brani più amati del suo repertorio, da “Si può fare” a “Cogli la prima mela”, da “La pulce d’acqua” all’immortale “Alla Fiera dell’Est”. Tutti grandi successi che hanno arricchito gli ultimi 40 anni di musica italiana. Nei pressi dell'area concerto sarà presente fin dalla mattinata un'area ristoro con i produttori del territorio che faranno gustare le tipicità della norcineria locale e non solo! Immancabile la Vernaccia di Serrapetrona docg e il Serrapetrona doc, eccellenze del territorio,  che potranno essere degustati, nelle varie declinazioni delle Aziende produttrici, negli stands allestiti dalla Proloco di Serrapetrona, affiancata dall'Istituto Marchigiano di Tutela Vini. E dopo il concerto, che farà godere  delle stupende bellezze naturalistiche del nostro territorio sul Monte d'Aria in uno slancio che abbraccia i Comuni di Castelraimondo, Serrapetrona e Camerino, anche il paese di Serrapetrona si prepara per il Dopofestival Risorgimarche: gli esercizi commerciali del territorio ed i ristoranti, dal lago di Caccamo al capoluogo, rimarranno aperti con le proposte della più tipica cucina marchigiana e dalle 18,30 appuntamento in piazza Santa Maria a Serrapetrona per la visita di alcune delle "bellezze" culturali del paese: il "Dinosauro" di Serrapetrona con la mostra paleontologica "Attrezzi, ornamenti, armi e corazze" presso il Palazzo Claudi e nella stessa sede anche la stupenda e moderna Mostra Internazionale di Libri d'Artista allestita recentemente dalla Fondazione Claudi, così come sarà possibile visitare la Chiesa di san Francesco, l'unica agibile del territorio, un vero e proprio scrigno di pregevoli capolavori artistici.  

02/07/2018
Serrapetrona, a Palazzo Claudi inaugura  la mostra internazionale di libri d’artista

Serrapetrona, a Palazzo Claudi inaugura la mostra internazionale di libri d’artista

Sabato 23 giugno, alle 18, s’inaugura a Palazzo Claudi, a Serrapetrona, la mostra internazionale di libri d’artista “RM – LA / Contesti – Contexts. Opere e dialoghi Roma – Los Angeles”. Alla cerimonia saranno presenti, fra gli altri, il professor Massimo Ciambotti, presidente della Fondazione Claudi, il sindaco di Serrapetrona, Silvia Pinzi, e le curatrici della mostra. La mostra, a cura di Stefania Severi,  nasce da un’idea di John David O’Brien, artista di Los Angeles, e Lydia Predominato , artista della Fiber Art residente a Roma. Da qui il titolo che “gioca” tra testo e tessitura. La mostra è stata coordinata e realizzata dalla Galleria Sinopia di Roma, che ha voluto con questo importante evento celebrare i 30 anni di attività nel suggestivo spazio di via dei Banchi Nuovi 21, nel cuore del centro storico capitolino. La mostra infatti ha avuto il suo esordio il 3 maggio a Roma, presso la Galleria, sotto l’attenta visione della gallerista Raffaella Lupi. Il libro d’artista nell’accezione moderna si fa risalire al Futurismo. Tra le opere vi è un libro di Sante Monachesi  (Macerata 1910 – Roma 1991), che giovanissimo aderì al “Gruppo Umberto Boccioni. Movimento Futurista delle Marche”. Insieme a Monachesi sono presenti altri 19 artisti, italiani e americani, che declinano in modo diverso il libro d’artista. Si va dal libro a leporello o organetto al libro-oggetto non sfogliabile, dal libro realizzato con tecniche grafiche a quello dipinto, dal libro con immagini elaborate al computer a quello a rotolo. Vari i materiali, dalla carta fatta a mano al metallo, dalla ceramica alla lastra radiografica.  Tra gli artisti presenti vi è Laura Selmistraytite, con un libro realizzato presso il Centro Kaus di Urbino sotto la guida del Maestro Giuliano Santini, a seguito di un progetto di libri su versi del poeta Claudio Caludi, promosso dalla Fondazione Claudi. Il catalogo italiano-inglese, nella realizzazione grafica di Riccardo Pieroni, contiene interventi di Massimo Ciambotti, Maria Vittoria Lupi, John David O’Brien, Lydia Predominato, Stefania Severi. Le opere invece sono di Riccardo Ajossa, Vito Capone, Francesca Cataldi, Fiorella Corsi, Marzia Corteggiani, Daniela Costanzo Giorgio, Steve De Groodt, Mary Addison Hackett, Sante Monachesi, Nancy Monk, John David O’Brien, Lucia Pagliuca, Lydia Predominato, Steve Roden, Virginia Ryan, Laura Selmistraytite, Susan M. Sironi, Maria Grazia Tata, Justin Randolph Thompson, Joan Weinzettle. Sostengono l’iniziativa: la Cooperativa sociale Apriti Sesamo, di Roma (www.apritisesamo.org), e la “Sinopia Galleria”, di Roma (www.sinopiagalleria.com).   ---- Mostra internazionale di libri d’artista: RM – LA / CONTESTI – CONTEXTS - Opere e Dialoghi ROMA - LOS ANGELES Serrapetrona (MC), Palazzo Claudi, Via Rave 7 Dal 23 giugno al 16 settembre 2018 Orario: sabato e domenica h. 16 - 19. Per altri orari, su prenotazione, al numero 3394800381. Inaugurazione : sabato 23 maggio, alle 18.

22/06/2018
Incontro Anas - Provincia: scongiurata la chiusura in entrambi i sensi della superstrada 77

Incontro Anas - Provincia: scongiurata la chiusura in entrambi i sensi della superstrada 77

Scongiurata la chiusura della superstrada in entrambi i sensi di marcia fra Caccamo e Belforte del Chienti.  A seguito dell'interessamento del presidente della provincia di Macerata Antonio Pettinari e del sindaco di Belforte Roberto Paoloni, infatti, l'Anas ha deciso di modificare l'originaria decisione presa per consentire la manutenzione di un viadotto a seguito degli eventi simici. L'incontro fra i rappresentanti istituzionali e l'Anas ha evidenziato le enormi criticità che avrebbe comportato lo spostamento di tutto il traffico sulla ex ss 77, in particolare nell'attraversamento del tratto che comprende il centro storico di Belforte del Chienti. La scelta, così, è stata quella di lasciare aperta una corsia per ogni senso di marcia, evitando la chiusura del tratto in entrambe le direzioni. Ovviamente soddisfatto Pettinari che ha voluto ringraziare Anas per aver compreso la necessità di cambiare programma, al fine di evitare disagi enormi che si sarebbero protratti per oltre un mese. 

19/06/2018
Federcaccia di Macerata, si è svolta a Caccamo l'assemblea provinciale

Federcaccia di Macerata, si è svolta a Caccamo l'assemblea provinciale

Come da tradizione si è svolta presso il Ristorante “Da Lore’” a Caccamo di Serrapetrona l’Assemblea provinciale della Federcaccia di Macerata. Dopo un minuto di raccoglimento in ricordo di Antonio Filoni, prematuramente scomparso, e dell’indimenticabile Sergio Natalini, che ha guidato con competenza per anni la sezione provinciale, si è passati all’approvazione del bilancio, risultato in attivo grazie al lavoro svolto con professionalità e dedizione dal consiglio provinciale. Il presidente provinciale Nazzareno Galassi ha ringraziato i numerosissimi presidenti comunali presenti per il lavoro svolto sul territorio e grazie al loro impegno c’è stato un cospicuo aumento dei soci. E’ stato illustrato il lavoro svolto da Federcaccia in difesa di tutti i cacciatori e grazie alla collaborazione di tanti federcacciatori maceratesi (vedi raccolta ali tortora, beccaccia, compilazione dei diari di caccia), con l’Ufficio Avifauna Migratoria di Federcaccia, con l’elaborazione dei dati raccolti, abbiamo potuto effettuare un prelievo sostenibile nel rispetto della normativa comunitaria della Tortora, della Beccaccia e del Tordo Bottaccio. Non è stato trascurato il rapporto con il sociale, grazie alle iniziative in occasione della festa della Piccola Grande Italia, in collaborazione con le amministrazioni comunali, le scuole e Legambiente, con il posizionamento di cassettine nido nei parchi urbani, per incrementare la nidificazione di uccelli insettivori molto utili all’agricoltura. Per la comunicazione è stato migliorato il sito della sezione provinciale che viene aggiornato quotidianamente, al fine di permettere a tutti i soci di avere notizie riguardanti l’attività venatoria in tempo reale. Presente all’assemblea il Presidente regionale Paolo Antonioni, che ha illustrato tutte le iniziative messe in atto da Federcaccia per migliorare il Calendario Venatorio, comunque considerato già da adesso uno dei migliori d’Italia, ed il prelievo delle specie in deroga. Inoltre ha mostrato a tutti i presenti il video di risposta su un servizio andato in onda sul telegiornale regionale di Rai Tre, in cui sono state riferite delle grosse inesattezze sull’attività venatoria. Federcaccia è stata l’unica associazione venatoria che ha risposto, sempre sul telegiornale regionale di Rai Tre, punto su punto a tutte le inesattezze andate in onda.

12/06/2018
Risorgimarche fa il pieno di big: si parte il primo luglio con Piero Pelù ad Arquata - TUTTO IL PROGRAMMA

Risorgimarche fa il pieno di big: si parte il primo luglio con Piero Pelù ad Arquata - TUTTO IL PROGRAMMA

Piero Pelù, Angelo Branduardi, Alex Britti, Mario Biondi, Luca Carboni, Irene Grandi e Toquinho sono solo alcuni degli artisti che si esibiranno sui prati e le colline del Festival di Risorgimarche che rilancia con la 2° edizione (1 luglio - 2 agosto) dopo il successo dell'edizione 2017 che ha registrato oltre 80mila presenze. Il festival di solidarietà per la rinascita delle comunità colpite dal sisma, ideato e promosso da Neri Marcorè, è stato presentato dall'attore a Roma nel Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro. Il fatto che Risorgimarche voglia riportare il turismo e la grande musica nei parchi montani delle Marche colpita dal sisma del 2016, ha detto Marcorè: "è un modo di fare qualcosa di concreto per creare attenzione sul territorio e, viste le ricadute economiche sulla zona, speriamo ci siano ancora più presenze del 2017 dove avevamo raggiunto la quota di 80.000 visitatori". Tra le novità di questa edizione ci sarà poi anche un dopo-festival. Il programma si inaugura domenica primo luglio con Piero Pelù a Forca di Cresta (Arquata del Tronto). Il 3 luglio Angelo Branduardi sarà ai Piani di Crispiero - Monte d'Aria (Castelraimondo, Camerino, Serrapetrona). Venerdì 6 luglio Simone Cristicchi e lo Gnu Quartet suoneranno a La Roccaccia - San Lorenzo, fra San Severino e Treia. Sabato 7 luglio, invece, sarà la volta di Mario Biondi che canterà nel suggestivo scenario di Pizzo Meta fra Sarnano e Bolognola. Lunedì 9 luglio arriva Alex Britti a Monte Torrone (Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera), mentre sabato 14 luglio Noa sarà ai Prati di Monte Vermenone (Fiuminata - Sefro). Domenica 15 luglio è in programma l'esibizione di Clementino a Piano della Minutella, Monte Corneto e Monte Scalette di Serravalle di Chienti.  Luca Carboni sarà invece l'ospite previsto per martedì 17 luglio a Poggio della Pagnotta, Chiesa Santa Maria Maddalena (Valfornace - Caldarola). Lunedì 23 luglio Irene Grandi si esibirà ai Piani di Cagnano di Acquasanta Terme, mentre Andrea Mirò sarà venerdì 27 luglio a Monte La Torre - Quinzano di Force. I campi di vetice di Montefortino ospiteranno sabato 28 luglio Paolo Belli & la Big Band prima della festa a sorpresa di martedì 31 luglio a Casalicchio di Amandola. Mercoledì primo agosto Toquinho si esibirà a Pian della Cura di Fematre (Visso, Pieve Torina, Monte Cavallo), prima della tappa finale fissata per giovedì 2 agosto a San Giacomo - Monte Piselli e Montagna dei Fiori di Ascoli Piceno con Neri Marcorè e lo Gnu Quartet.

06/06/2018
Enel e Unione montana dei Monti azzurri insieme per il rilancio delle attività sportive sul lago di Caccamo

Enel e Unione montana dei Monti azzurri insieme per il rilancio delle attività sportive sul lago di Caccamo

Nuova vita per il Lago di Caccamo e per i comuni che lo abbracciano. Grazie al Protocollo d’intesa firmato da Enel, proprietaria della  diga di Borgiano che alimenta l’impianto idroelettrico Belforte I, e l’Unione Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio sarà possibile esercitare sport nautici sul lago, quali canoa –canottaggio – moto d’acqua e ammaraggio di idrovolanti secondo le misure di sicurezza nell’ambito della gestione della diga e i regolamenti previsti dal Coni. La ripresa delle attività nautiche rappresenta un’importante occasione per il rilancio turistico e lo sviluppo economico e sostenibile dell’entroterra marchigiano soprattutto dopo gli eventi sismici dell’agosto 2016 che hanno colpito diversi comuni della provincia di Macerata.L’accordo, presentato in occasione del Festival del Sviluppo Sostenibile e dell’evento sportivo promosso da Fipsas e dalla stessa azienda elettrica, è stato illustrato da Giampiero Feliciotti, presidente Unione Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio e da Angelo Guastadisegni, responsabile Enel Green Power Area Centro Sud.“Grazie a questo protocollo d’intesa condiviso – ha detto Giampiero Feliciotti – abbiamo ben delineato le azioni di valorizzazione e sviluppo ambientale del bacino con precisi intenti di collaborazione fattiva tra noi ed Enel per le popolazioni limitrofe che hanno messo a disposizione i loro terreni e per un sostegno alla ripresa socio economica delle attività commerciali dopo il sisma”.“Il lago di Caccamo rappresenta una importante risorsa del territorio - ha dichiarato Angelo Guastadisegni – non solo per la ricchezza dell’ambiente naturale e dell’attrattività turistico-sportiva, ma anche perché garantisce il funzionamento dell’impianto idroelettrico Belforte I che annualmente produce 22,3 GWh di energia, in grado di soddisfare il fabbisogno energetico annuo di oltre 7000 famiglie. Con la firma del protocollo vogliamo contribuire al rilancio economico dei comuni colpiti dal sisma, valorizzando questi territori dal punto di vista ambientale, culturale, sportivo e turistico”.Il protocollo, che durerà 5 anni, prevede inoltre l’utilizzo gratuito dei fabbricati di proprietà dell’azienda elettrica per le società sportive associate al Coni.

05/06/2018
"Metafisica di un sisma": ieri la presentazione del libro fotografico

"Metafisica di un sisma": ieri la presentazione del libro fotografico

La meravigliosa cornice della chiesa arcipretale di San Francesco a Serrapetrona ha accolto ieri la presentazione del libro fotografico del prof. Saverio Salvemini edito dall’unione montana dei monti azzurri “Metafisica di un sisma” curato nell’accostamento letterario dal prof.Alberto Pellegrino In una chiesa colma di gente ha fatto da anfitrione il presidente Giampiero Feliciotti che il sindaco Silvia Pinzi, nel salutare i tanti intervenuti, ha voluto ringraziare per l’opera svolta nei tanti anni passati da sindaco nei quali ha ritrovato la luce anche questa bellissima chiesa, unica agibile tra le tante del territorio comunale. Dopo il saluto ufficiale del sindaco e la proiezione delle varie foto dei 15 comuni dell’Unione Montana ma anche di altri comuni dell’alto maceratese, il professor Pellegrino ha voluto sottolineare la differenza tra il vedere ed il guardare per arrivare al significato profondo e impegnativo del titolo "Metafisica di un sisma" che vede nelle innumerevoli foto, in bianco e nero gli oggetti, le case e le macerie senza persone e anche amorevoli immagini di animali domestici sofferenti. Una platea incantata ha ascoltato ogni commento riuscendo poi a sfogare l’entusiasmo negli applausi agli intercalari dei brani declamati dal sig.Pagliari ed ai brani musicali dei  due grandi maestri quali Hector Ulises e Roberto Passarella che hanno allietato l’evento al braccio dei loro Bandoneon.

04/06/2018
Ricostruzione, dal sistema di calcolo l'amara sorpresa: quasi impossibile effettuare lavori senza accollo per i proprietari

Ricostruzione, dal sistema di calcolo l'amara sorpresa: quasi impossibile effettuare lavori senza accollo per i proprietari

L’impressione è che ci sia molto poco da stare tranquilli e a lanciare l’allarme, più o meno timidamente, sono stati gli stessi professionisti. Quegli ingegneri o architetti che, effettuando simulazioni nel sistema di calcolo per stabilire l’ammontare del contributo per la ricostruzione, hanno scoperto che sarà pressochè impossibile effettuare lavori senza accollo. Senza, cioè, che quanti hanno avuto la loro casa lesionata dal sisma di agosto o di ottobre non metteranno mano al proprio portafogli e ai propri risparmi per poter tornare ad abitarla. Il paradosso, poi, è che se il sistema di calcolo non sarà cambiato, i proprietari di abitazioni piccole non riusciranno a coprire l’importo dei lavori con il contributo ricevuto, mentre i proprietari di abitazioni grandi non riuscirebbero a spenderlo tutto. Il famigerato file di calcolo è stato messo online dal commissario straordinario per la Ricostruzione alcuni giorni fa, dopo un incontro avuto a Camerino tra i professionisti privati e i funzionari dell’ufficio ricostruzione. “Io – racconta l'architetto Loredana Camacci Menichelli - ho iniziato a fare delle prove inserendo i contributi che avevo stimato con un mio foglio di calcolo e pur inserendo importi che secondo le mie stime erano interamente coperti da contributo in realtà andavo sempre in accollo. Di certo nei condomini o per edifici con più proprietari, quando le unità sono di dimensioni diverse, le più piccole finiscono in accollo e quelle più grandi non possono utilizzare il loro contributo totale. Nel ‘97 per intervenire sulle strutture e sulle finiture connesse la procedura era diversa. Oggi, nel file di calcolo, per ogni unità immobiliare stimano il peso in rapporto ai mq e fanno il confronto fra parametrico e quanto previsto nel computo, poi scelgono la somma minore e aggiungono cassa professionisti e iva, e fanno di nuovo il confronto. A questo punto si finisce con l’andare sempre in accollo perché, facendo il confronto con somme maggiorate dall'iva, in proporzione hanno importi che superano il limite. Questo confronto fatto con le somme lorde è quantomeno discutibile in quanto la legge dice che cassa e iva sono in aggiunta”. Della questione sono già stati interessati gli addetti ai lavori e, stando a quanto è dato sapere, non sono mancate frizioni tra funzionari della Regione Marche e funzionari della struttura commissariale che hanno messo a punto questo sistema di calcolo. “Mi è stato detto – prosegue l'architetto Camacci Menichelli - che l'ingegner Spuri si è battuto molto per renderlo pubblico, mentre da Roma volevano giocare a briscola coperta e ruba mazzo contemporaneamente”. Tra l’altro, sembrerebbe che il programma presenta non pochi problemi, che si blocchi molto facilmente e che sia compatibile solo con determinati software.  “Se non siamo sicuri al 100% di come calcolano e interpretano il calcolo scopriremo solo al momento del decreto quanto contributo abbiamo perso e buttato al vento – conclude l’architetto che ha scoperto la falla - magari dopo aver detto ai clienti che la somma prevista nel nostro progetto era interamente coperta dal contributo. Noi tecnici rischiamo di dover spiegare alle riunioni di condominio che più o meno tutti andranno in accollo, ma non per aver fatto interventi necessari che vanno oltre il costo parametrico massimo e magari  perchè le somme parametriche sono basse e non coprono gli interventi necessari, ma perchè il meccanismo di calcolo che hanno impiantato non consente l'utilizzo dell'intero contributo che, se fosse spalmato su tutto l'edificio potrebbe e dovrebbe essere usato per tutti e per coprire tutti gli interventi strutturali e per le finiture connesse necessari”.

26/05/2018
Sisma, cento milioni per la ripresa delle imprese: 48 i comuni interessati nel maceratese

Sisma, cento milioni per la ripresa delle imprese: 48 i comuni interessati nel maceratese

Superano i cento milioni di euro le risorse disponibili per il rilancio economico e produttivo delle imprese delle aree terremotate. Le Marche hanno beneficiato di un contributo aggiuntivo dall’Unione europea di 248 milioni, di questi al rilancio produttivo sono stati destinati 100,5 milioni. Parte di queste risorse potranno essere utilizzate anche da 48 comuni della provincia di Macerata ricadenti nel cratere sismico. Uno specifico asse della programmazione regionale dei fondi Ue (il n. 8), è dedicato a "Prevenzione sismica e idrogeologica, miglioramento dell’efficienza energetica e sostegno alla ripresa socioeconomica delle aree colpite dal sisma". Le Marche per il periodo 2014 – 2020, hanno ora a disposizione risorse superiori a 585 milioni di euro, rispetto ai 337 iniziali. "I 100 milioni aggiuntivi per l’area del cratere, vanno a sommarsi ai 192 già stanziati dal programma ordinario, andando a comporre un monte risorse regionale per il sistema delle imprese pari a 292 milioni, cioè più di quanto il Fesr 2007/13 aveva nel suo complesso per tutti gli interventi previsti. In pratica ora per le imprese ci sono molte più chance di vedere finanziati i propri progetti d’investimento e per quelle localizzate nei comuni compresi nel cratere ce ne saranno ancor di più", commenta l’assessora alle Attività produttive, Manuela Bora. Molto importante è utilizzare subito queste risorse, secondo il presidente Luca Ceriscioli, "per far marciare la ricostruzione materiale dei luoghi con quella produttiva, parallelamente alle previsioni del Piano strategico che punta al rilancio delle zone terremotate attraverso l’innovazione e il sostegno agli investimenti produttivi". Infatti tre nuovi bandi usciranno entro giugno e promuoveranno con sei milioni, le attività imprenditoriali a sostegno delle istituzioni pubbliche che operano a favore delle fasce più deboli e disagiate della popolazione. Con dieci milioni la competitività delle aree colpite dal sisma e con 15 milioni le filiere del Made in Italy presenti nelle zone terremotate. Per quanto riguarda lo scorrimento di graduatorie su bandi che hanno ottenuto un grande interesse da parte delle imprese del cratere, vengono confermati stanziamenti aggiuntivi di 8 milioni per l’innovazione e aggregazione in filiere delle Pmi culturali e creative, della manifattura e del turismo. Confermati altri 8 milioni per quello che finanzia il miglioramento della qualità e sostenibilità, efficienza energetica e innovazione tecnologica delle strutture ricettive e di 5 milioni per scorrere i progetti presentati sul bando Aree di crisi del Piceno. Rilevante anche l’innovativo sostegno delle imprese sociali, così come lo stanziamento di 9 milioni per favorire l’accesso al credito nell’ambito dell’aggregazione dei Confidi, capace di movimentare fino a 300 milioni di investimenti.COMUNI NEL CRATERE SISMICOApiro - Cingoli - Poggio san vicino - Appignano - Colmurano - Corridonia - Loro piceno - Macerata - Mogliano - Montecassiano - Petriolo - Pollenza - San severino marche - Treia - Urbisaglia - Acquacanina - Bolognola - Camerino - Castelraimondo - Esanatoglia - Fiastra - Fiordimonte - Fiuminata - Gagliole - Matelica - Muccia - Pievebovigliana - Pioraco - Sefro - Serravalle di Chienti - Monte san martino - Penna san giovanni - Belforte del Chienti - Caldarola - Camporotondo di fiastrone - Cessapalombo - Gualdo - Ripe san ginesio - San ginesio - Sant'angelo in pontano - Sarnano - Serrapetrona - Tolentino - Castelsantangelo sul nera - Monte cavallo - Pieve torina - Ussita - Visso

25/05/2018
"Un brindisi per la prevenzione" arriva a Serrapetrona

"Un brindisi per la prevenzione" arriva a Serrapetrona

Successo e grande partecipazione per il convegno "Un brindisi per la prevenzione", organizzato dall'azienda vitivinicola e dolciaria Alberto Quacquarini in collaborazione con i medici dell'Area Vasta 3, che si è tenuto nella giornata di ieri, 23 maggio, presso palazzo Claudi a Serrapetrona. Sono intervenuti, oltre a Mauro Quacquarini dell'azienda vitivinicola, il dott. Roberto Catalini, Direttore UOC Medicina di Macerata, il dott. Nicola Battelli, Direttore UOC Oncologia di Macerata e il dott. Alessandro Maccioni, Direttore dell'Area Vasta3. Il convegno è nato dall'esigenza di dare una risposta a quanti quotidianamente si pongono domande sulla genuinità dei prodotti che mangiamo, sui prodotti che sono realmente nocivi alla salute e soprattutto sulle quantità, che fanno la differenza: dall'esigenza insomma di lanciare l'idea di una vera e propria "cultura del mangiare". "Lavorando da anni nella produzione e distribuzione di prodotti vitivinicoli e dolciari - ha affermato Mauro Quacquarini - capita spesso che mi venga chiesto quanto possano far male ad esempio, i salumi, o i formaggi, o ancora il vino. Da qui l'idea di organizzare un convegno con medici qualificati che potessero dare delle risposte concrete. La premessa è che la dieta mediterranea è considerata in assoluto la migliore, che deve poi essere adattata in base alle esigenze personali di ogni singolo".  Il convegno ha creato inoltre la possibilità da parte del pubblico di intervenire in prima persona e, di porre quindi domande specifiche direttamente ai medici.  "Un grande ringraziamento - ha concluso Quacquarini - va poi al Direttore dell'Area Vasta3 Alessandro Maccioni e alla Fondazione Claudi, che ha messo a disposizione un palazzo meraviglioso, i quali hanno permesso la realizzazione di questo incontro". Molti soddisfatti della riuscita del convegno anche i dottori Catalini e Battelli che ha ritenuto questo incontro un momento di conoscenza per i partecipanti in merito alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e oncologiche, anche attraverso delle buone abitudini alimentari: "Abbiamo avuto una soddisfacente risposta dal pubblico che è intervenuto attivamente con domande pertinenti e molto interessanti. Già precedentemente avevamo portato l'argomento nelle scuole e nelle piazze e cercheremo sempre più, anche attraverso i prossimi appuntamenti in programma, di diffondere l'importanza della prevenzione".

24/05/2018
Un nuovo veicolo 4x4 per la Polizia Locale di Serrapetrona dalla Fondazione Carima

Un nuovo veicolo 4x4 per la Polizia Locale di Serrapetrona dalla Fondazione Carima

Un nuovo mezzo per la Polizia Locale di Serrapetrona. E' il dono fatto al Comune dalla Fondazione Cassa di Risparmio della provincia di Macerata. Soddisfazione e gratitudine sono state espresse dal sindaco Silvia Pinzi: "Un ringraziamento sentito alla Fondazione Cassa di Risparmio della provincia di Macerata per la donazione di un nuovo veicolo 4x4 assegnato in dotazione alla nostra Polizia Locale. Una ennesima dimostrazione di vicinanza da parte della Fondazione, da sempre sensibile alle esigenze del nostro territorio".

24/05/2018
Happy Green Hours, si parte con la visita all'azienda biologica Maggi&Vecchioni

Happy Green Hours, si parte con la visita all'azienda biologica Maggi&Vecchioni

L’Ambito Territoriale Sociale XVI – Unione Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio – promuove il Progetto Giovani Green finanziato dalle Politiche Giovanili della Regione Marche, con l’obiettivo di far incontrare le competenze e la creatività dei giovani ed il mondo delle imprese green presenti nel territorio dell’Unione Montana di San Ginesio. Obiettivo del progetto la sensibilizzazione dei giovani, di età compresa tra i 16 ed i 35 anni, all’economia sostenibile, alla promozione del cambiamento sociale.  Tre le azioni promosse dall’Ambito all’interno del progetto: la promozione della “Green Education” che vede una diretta collaborazione con gli Istituti di Formazione Secondaria Superiore con l’intento di avviare percorsi di alternanza scuola lavoro all’interno di imprese green; “Green Video Making” un laboratorio per la realizzazione di un documentario volto ad approfondire la tematiche della green economy e sviluppo sostenibile; gli “Happy Green Hours” momenti di incontro itineranti organizzati all’interno delle Aziende Green del Territorio per consentire ai giovani di conoscere in modo diretto ed esperienziale, le realtà green presenti sul territorio. Il calendario degli Happy Green Hours prevede il primo incontro con l’Azienda Agricola Biologica Maggi&Vecchioni di Serrapetrona domenica 20 Maggio e a seguire con l'Azienda Agricola Biologica Maurizi Luigino di Cessapalombo (26 Maggio), il convegno alla Simonelli Group di Belforte del Chienti (1 Giugno), “Il Salto” Officina Agriculturale di Sant’Angelo in Pontano (8 Giugno), Caseificio Di Pietrantonio di Belforte del Chienti (15 Giugno), Azienda “BIOAromatic” Rommozzi di Gualdo (15 Settembre), workshop  con le Aziende Green del Territorio, Fabrica City di Tolentino (5-6 Ottobre).     Promosso dall’Ambito Sociale Territoriale 16 – Unione Montana dei Monti Azzurri, con il finanziamento della Regione Marche, ed il partenariato di: ARCI Macerata, CISEI, Vivi la tua terra, CGS V. Bachelet, Comunità attiva, Associazione culturale Oz, Infomagiovani Comune di Tolentino, CNA, I.I.S. “A. Gentili” di San Ginesio, IPSIA “R. Frau”, I.I.S. Filelfo Tolentino.    

18/05/2018
Mezzo pesante da recuperare: superstrada chiusa fra Serrapetrona e Caldarola - FOTO E VIDEO

Mezzo pesante da recuperare: superstrada chiusa fra Serrapetrona e Caldarola - FOTO E VIDEO

Superstrada 77 chiusa fra gli svincoli di Serrapetrona e Caldarola, in direzione monti mare per rimuovere un mezzo pesante rimasto in bilico sul guard rail all'altezza del chilometro 63+300.   Il traffico è deviato sulla viabilità secondaria con uscita obbligatoria allo svincolo di Serrapetrona e rientro a Belforte del Chienti, mentre lo svincolo di Caldarola è chiuso in ingresso in direzione Civitanova. Il tir, probabilmente per lo scoppio di una gomma, intorno alle 12.40 ha sbandato ed è andato a finire contro il guard rail, restando in bilico su due ruote. Fortunatamente non ci sono stati feriti. Laboriose, però, le operazioni per rimuovere il camion: si è resa necessaria la chiusura provvisoria di quel tratto di superstrada per il tempo necessario a recuperare il tir. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Tolentino e per bonificare l'area e ripristinare la regolare circolazione il personale di Anas    

18/05/2018
Camion fora e dopo aver sbandato finisce in bilico sul guard rail della superstrada

Camion fora e dopo aver sbandato finisce in bilico sul guard rail della superstrada

Probabilmente una foratura è la causa del singolare incidente che si è verificato nel primo pomeriggio di oggi lungo la Valdichienti, tra gli svincoli di Caldarola e Serrapetrona. Un camion ha sbandato finendo la sua corsa su due ruote, appoggiato al guard rail sul lato destro della carreggiata. Il conducente è illeso e, secondo la versione fornita, avrebbe perso il controllo del mezzo a seguito di una foratura. Sul posto, per bonificare l'area e ripristinare la regolare circolazione, il personale di Anas

18/05/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433