Loro Piceno

Touring Club nelle Marche: "Ecco i 10 prodotti che hanno sconfitto il sisma"

Touring Club nelle Marche: "Ecco i 10 prodotti che hanno sconfitto il sisma"

Un territorio ferito ma che non si è arreso. È così che Touring Club Italiano descrive le Marche ad oltre un anno dal sisma del 2016 (leggi qua l'articolo completo). Un itinerario guidato dalla voglia di raccontare il territorio attraverso i suoi prodotti, di indiscussa qualità, e dalla volontà di sostenere una terra duramente colpita. Nell'articolo vengono raccontati dieci prodotti tipici dell' entroterra marchigiano fra Ancona, Macerata e Fermo. Tra i prodotti, eccellenze della provincia di Macerata, non poteva mancare la vernaccia di Serrapetrona docg, l’unico spumante italiano rosso docg. "Presso la Società agricola Alberto Quacquarini è possibile ammirare - si legge nell'articolo - il processo di appassimento, lungo 3 mesi, delle uve della Vernaccia di Serrapetrona docg, una delle dieci etichette prodotte dall’azienda". Da Serrapetrona a Loro Piceno alla scoperta del Vino Cotto. Qui, in questo paese sulle colline di Macerata, a 436 metri di altitudine, ci accoglie la Cantina Tiberi David che produce il Vino Cotto Stravecchio “Occhio di Gallo”, con l’etichetta che nel nome evoca il colore tipico.  A San Severino Marche, in località Parolito, presso l’Azienda Agricola Marinelli si allevano bovini di razza Frisona e si produce il latte per la mozzarella Stg (Specialità Tradizionale Garantita) Trevalli. E ancora il verdicchio di Matelica è una delle doc più importanti e note delle Marche. Prodotto nell’area di Matelica e di Fabriano, nelle province di Ancona e Macerata, prevede uve verdicchio minimo 85% e si differenzia dal verdicchio dei Castelli di Jesi per una maturazione delle uve più lenta che dà al vino più corpo e una maggiore longevità."Da non perdere - si legge - i Vini Belisario di Matelica. L’azienda, nata nel 1971, ha appena celebrato i 50 anni di attività. Oggi conta 300 ettari vitati: è il più grande produttore di verdicchio di Matelica doc e tutti i vigneti, che coltiva direttamente, sono attorno alla cantina, in valle Esina. L’azienda è anche certificata per la vinificazione di uve da coltura biologica, con circa 24 ettari di vigneti bio. Fra i vini bianchi produce anche pecorino, passerina, esimo bianco; far i rossi colli maceratesi doc, rosso Conero, lacrima di Morro d’Alba". Infine, una tappa a Castelraimondo dove il Relais Benessere Borgo Lanciano ha saputo mantenerne inalterato lo stile aggiungendovi comfort e servizi. "Un luogo - si legge - al tempo stesso accogliente e ritirato, in posizione ideale per scoprire le bellezze del territorio e con un cielo notturno stellato indimenticabile".

21/01/2018
Torino adotta la rete museale dei Sibillini, Leon: “Un dovuto atto solidale”

Torino adotta la rete museale dei Sibillini, Leon: “Un dovuto atto solidale”

Lunedì 15 e martedì 16 gennaio, l’assessore alla cultura del Comune di Torino Francesca Leon insieme a una delegazione comunale sarà nelle Marche per visitare i comuni della Rete Museale dei Sibillini.  La Rete Museale dei Sibillini, che attualmente riunisce 10 comuni (Loro Piceno, Montefortino, Montefalcone Appennino, Smerillo, Monte Rinaldo, Montelparo, Montalto delle Marche, Ripe San Ginesio, San Ginesio e Sarnano), in seguito agli eventi sismici che hanno interessato le Marche e il centro Italia a partire dal 24 agosto 2016, ha subito una drastica interruzione delle attività, per via dell’inagibilità di diverse strutture museali.    Per sostenere l’attività della rete, la città di Torino ha stanziato 26.000 euro nell’ambito dell’iniziativa “Adotta un museo”, la campagna di crowdfunding promossa da Icom Italia, per supportare gli istituti culturali colpiti da disastri naturali e sostenere la ripresa delle attività.  I fondi stanziati sono parte degli incassi che i musei torinesi hanno raccolto dopo il 24 agosto 2016, aderendo all’appello nazionale “Museum4Italy” promosso dal MiBACT (Ministero per i Beni le Attività Culturali e il Turismo).  Questa “adozione” permetterà di realizzare un calendario di attività pomeridiane in quei comuni della rete i cui musei sono chiusi perché inagibili. L’iniziativa si rivolge a bambini e ragazzi e prevede la realizzazione di laboratori didattici, progettati e realizzati dal team della Rete museale dei Sibillini. L’inizio delle attività è previsto per la prima settimana di febbraio.   “Questo contributo - sottolinea Francesca Leon, assessore alla cultura del comune di Torino -  è un dovuto atto solidale a favore delle attività culturali di un territorio martoriato dalla calamità e che ha bisogno di riprendere le normali attività quotidiane”.   “La sensibilità e generosità mostrate dalla città e dai musei torinesi – riferisce Daniela Tisi, direttrice della Rete museale dei Sibillini - rappresentano un’opportunità straordinaria per supportare e rilanciare l’attività dei musei della rete.  Questa “adozione” – prosegue – permetterà di garantire agli operatori una continuità lavorativa e al tempo stesso rimarcherà il ruolo sociale ed educativo che il museo può e deve avere, in quanto istituto al servizio della società e del suo sviluppo”.  I musei infatti, in attesa della riapertura delle loro sedi, continueranno ad adempiere alla loro funzione sociale fuori dal museo.   “Ancora più emozionante - conclude la direttrice - è che questo aiuto ai musei marchigiani in difficoltà venga da altri istituti culturali”.    

A Loro Piceno il Presepe degli Antichi Mestieri - FOTO

A Loro Piceno il Presepe degli Antichi Mestieri - FOTO

A Loro Piceno un Presepe degli antichi mestieri. A realizzarlo da ormai 10 anni è il cittadino Antonio Grisogani, 63 anni, che ogni anno comincia la sua opera all'inizio di ottobre. Un'opera molto originale che rappresenta circa diciotto mestieri di una volta, dal falegname al fabbro al cestaio.  Tutti gli accessori sono fatti mano e il presepe è semi-meccanizzato. Vengono non solo dalla città ma dai dintorni e da tutta la provincia di Macerata a vedere questo presepe unico che resta esposto nell'abitazione di Antonio fino all'Epifania. Gli anni passati la media dei visitatori ammontava intorno alle 700-800 unità.  

22/12/2017
Loro Piceno, domani "A Piedi nel Cratere": una passeggiata tra storia, natura ed enogastronomia

Loro Piceno, domani "A Piedi nel Cratere": una passeggiata tra storia, natura ed enogastronomia

Domani, sabato 23 dicembre, a Loro Piceno si svolgerà la manifestazione "A Piedi nel Cratere", organizzata da Epicentro Terremoto Culturale, dal Comune di Loro Piceno e da Legambiente. Nuovo appuntamento del progetto Epicentro per gli amanti del camminare: da San Lorenzo, frazione di Loro Piceno al centro del paese percorrendo contrada Appezzana, un'occasione per scambiarsi gli auguri di Natale. Lungo il tragitto incontreremo Faustì, che per passione ha introdotto cervi, daini ed altre specie animali nei suoi 10 ettari recintati: durante il giorno è difficile poterli vedere, ma seguendo le indicazioni del nostro Noè, potremmo avvicinarli. Arrivati a Loro Piceno una navetta predisposta dal Comune riporterà gli autisti a riprendere le auto. Si proseguirà con la visita guidata alla Cucina Seicentesca dell’antico Castello dei Brunforte, sorto sui resti di un castrum romano e già residenza dei Signori di Loro, ed al museo delle Due Guerre. Pranzo alla Taverna, accogliente locale del centro storico, che curerà un menù particolare per l’occasione (prenotazione obbligatoria. costo € 20 bevande incluse. previsto menù bambini). Dopo il pranzo visita al Museo Permanente delle Attrezzature e degli Utensili per il Vino Cotto dove è prevista una degustazione a cura dei produttori locali con brindisi di saluto al nuovo anno. PROGRAMMA ore 8,45: ritrovo davanti alla chiesa di San Lorenzo, frazione di Loro Piceno (MC) ore 9,00: partenza escursione ore 11,30: arrivo a Loro Piceno e recupero mezzi con bus navetta ore 12.00: visita alla Cucina Seicentesca e al Museo delle Due Guerre ore 13,30: pranzo alla Taverna ore 15,30: visita guidata e degustazione al Museo del Vino Cotto Prezzo 20€ Disponibile anche il menù bambini: pasta al pomodoro, patatine, bevanda e dolce € 10 Informazioni escursione Escursione facile: asfalto e sterrato. Lunghezza 7 km. Ultima frazione in salita. Consigliate scarpe da trekking e abbigliamento consono alle condizioni climatiche. Prenotazione pranzo obbligatoria entro venerdì 22 alle ore 15.00 al numero 3460696200 (Monia)Informazioni sulla passeggiata al num 3358063596 (Luciano)

La Muròla, quando il vino diventa un viaggio fra passione e storia

La Muròla, quando il vino diventa un viaggio fra passione e storia

Un visita gradita per conoscere meglio una delle aziende che rappresenta perfettamente il territorio maceratese.  Ospitata dal dottor Ferdy Mosiewicz, la redazione di Picchio News ha conosciuto meglio la realtà de La Muròla, una family company con 500 ettari di vigneti a cavallo fra Urbisaglia e Loro Piceno, in una incantevole cornice di colori e profumi delle colline marchigiane. Fin da subito si percepisce il rapporto stretto fra azienda e territorio, un legame solido sottolineato anche nel sito dell'azienda: "E’ parte fondamentale del nostro progetto il legame al territorio, alla sua storia e alle sue tradizioni ed è un punto irrinunciabile per noi la cura dell’espressione individuale dei vini. Lavoriamo per la ricerca e l’esaltazione della Tipicità cioè per l’inconfondibile espressione che alcune terre sanno trasmettere ai vigneti che su di loro insistono. Vogliamo che i nostri vini parlino del luogo da cui provengono e siano inconfondibili". Il dottor Mosiewicz ci ha portato alla scoperta di alcuni dei diversi vini prodotti da La Muròla, da un fresco e profumato Ribona al sapore intenso dello straordinario Teodoro fino al corposo Brunforte in una affascinante sala degustazione completamente in vetro. Il viaggio nella cantina de La Muròla è fatto di storia e musica in un antico casale del '700, completamente restaurato e oggi sede dell'azienda. E' stata una scelta dettata dal cuore e dalle radici profonde nella terra maceratese, quella che ha portato nel 2000 i Bonati Mosiewicz a creare questa realtà sulle terre che appartengono alla loro famiglia da 3 secoli.  E la volontà ferma è quella di radicare sempre di più questa realtà in questo territorio meraviglioso, lo stesso dove la nonna del dottor Mosiewicz e dei suoi fratelli si laureò come prima donna ingegnere delle Marche. 

13/11/2017
Tragedia a Loro Piceno, trattore si ribalta: muore il padre, ferito il figlio

Tragedia a Loro Piceno, trattore si ribalta: muore il padre, ferito il figlio

Dramma nel primo pomeriggio di oggi a Loro Piceno in contrada Salsaro Ete.  Un trattore con a bordo due persone, Pietro e Michele Miconi, padre e figlio, è uscito di strada e si è ribaltato. Pietro Miconi è stato sbalzato fuori dall'abitacolo ed è deceduto praticamente sul colpo. Inutile l'intervento dei sanitari del 118. Ferito in maniera non grave, invece, Michele Miconi che è stato trasportato in ambulanza all'ospedale di Macerata. Sul posto 118, vigili del fuoco e carabinieri. 

10/11/2017
Pareggio senza reti tra Chiesanuova e San Marco Servigliano Lorese

Pareggio senza reti tra Chiesanuova e San Marco Servigliano Lorese

Partita senza reti quella al Settimi tra il San Marco Servigliano Lorese e il Chiesanuova FC. Entrambe le formazioni sono scese in campo rimaneggiate: il S.M. Servigliano Lorese era priva del bomber Cerbone, assenza importante, mentre il Chiesanuova ha dovuto fare a meno di Giansante e Medei. Dopo un primo tempo all’insegna dell’equilibrio, nel secondo tempo la gara ha avuto qualche sussulto interessante, con occasioni da ambo le parti. In un paio di frangenti importanti il portiere Natali ha sfoderato numeri determinanti prima su Pettinari poi su Aloisi, ma anche i ragazzi del Presidente Bonvecchi Luciano hanno avuto 2 clamorose occasioni, con Chiaraberta prima e Pasqui successivamente, per potersi aggiudicare l’incontro. Al termine i due allenatori, Peppino Amadio e Luca Travaglini hanno gradito il verdetto del campo soddisfatti di una buona ed equilibrata partita. SAN MARCO LORESE Carnevali, Iommi, Finucci, Fermani, Fortunati, Iacoponi, Tidiane (23′ st Bah), Aloisi, Frascerra, Pettinari (36′ st Simonetti), Quadrini (27′ st Jallow). All. Peppino Amadio CHIESANUOVA FC Natali, Belelli, AringolI, Aquino, Rango, Ferrini, Morettini, De Santis, Santoni (14′ st Rapaccini), Chiaraberta, Pasqui (26′ st Rossetti). All. Luca Travaglini   ARBITRO: Tassi di Ascoli Piceno, assistenti Paolella di Ancona e Pizzuti di Macerata

05/11/2017
Loro Piceno, muore a 48 anni per un malore volontario della protezione civile

Loro Piceno, muore a 48 anni per un malore volontario della protezione civile

È morto ieri sera nella sua abitazione a soli 48 anni. Rossano Moglianesi, si è sentito male poco prima delle 22 e per l'uomo, probabilmente colpito da un infarto, non c'è stato nulla da fare. Gli operatori del 118, intervenuti prontamente nella sua abitazione in contrada Cerrone, a Loro Piceno, hanno tentato di rianimarlo. L'uomo, molto conosciuo, era un volontario della protezione civile. Rossano lascia le sue due bambine, la moglie Elena, il padre Mario, la madre Maria Luisa e la sorella Lavinia. Il funerale si svolgerà domani alle 10 nella chiesa di Santa Maria a Loro Picena

30/10/2017
La scure di Poste Italiane in arrivo anche in provincia di Macerata: 52 gli uffici postali a rischio chiusura, la maggior parte nel cratere

La scure di Poste Italiane in arrivo anche in provincia di Macerata: 52 gli uffici postali a rischio chiusura, la maggior parte nel cratere

Già avviata l'operazione che prevede la chiusura di 4300 uffici postali in tutta Italia, 159 quelli nelle Marche che dovrebbero quantomeno subire radicali riduzioni di orari di apertura se non la soppressione vera e propria entro il 2019, 52 quelli solo nella provincia di Macerata. Una scelta quella di Poste Italiane basata sulla razionalizzazione dicono, ma che già da tempo trova diversi oppositori. Infatti già molte sono le segnalazioni dei cittadini che si trovano e si troverebbero ancor più in difficoltà, famiglie che per un invio postale devono e dovranno fare diversi chilometri. Per non parlare della mole di lettere in giacenza, bollette consegnate dopo la scadenza, o addirittura raccomandate urgenti portate al destinatario "con calma". Questi i dati che risultano dalle prime verifiche effettuate. E non sono decisamente confortanti.   A lanciare l'allarme è Patrizia Terzoni, portavoce del Movimento Cinque Stelle alla Camera dei Deputati. “Uno scenario che desta non poca preoccupazione - commenta Terzoni - Se da una parte è vero che oggi tante operazioni si possono fare online o altrove, penso soltanto alla possibilità di pagare una bolletta dal tabaccaio, dall’altra ci sono piccoli centri dove il servizio postale ha ancora un ruolo basilare, soprattutto laddove è alta la concentrazione di cittadini in là con gli anni. In base al documento di 124 pagine che ci è stato consegnato, gli uffici a cui diremo addio sono 52 nella provincia di Pesaro-Urbino, 11 in quella di Ancona, 52 in quella di Macerata, 22 in quella di Fermo e altri 22 in quella di Ascoli-Piceno, molti dei quali in piccole realtà o in comuni interni dove a breve per un invio postale bisognerà fare svariati chilometri. Comprendiamo l’esigenza di riorganizzazione di Poste Italiane, ma un taglio così netto ci pare una scelta scriteriata”.   Il Ministero risponde cercando di rassicurare, dicendo che in alcuni casi degli uffici rimarranno aperti due volte a settimana e che si tratta solo di un piano di razionalizzazione, ma al contrario delle intenzioni la risposta non rassicura per nulla.  "In base alle prime verifiche - prosegue la Terzoni - abbiamo appurato che non sono pochi nelle Marche gli uffici chiusi in via definitiva. Inoltre la scure su questo servizio ha prodotto una mole notevole di missive in giacenza, con bollette consegnate anche dopo la scadenza e compromettendo persino invii prioritari, come raccomandate dell'Inps, avvisi di Equitalia e telegrammi. Naturalmente come M5s non staremo a guardare, e chiederemo al ministro Graziano Delrio di prendere in mano la situazione, perché i cittadini in difficoltà per queste chiusure rischiano di diventare parecchi e molte famiglie ci stanno già inviando segnalazioni”. Un problema da risolvere con la massima urgenza, considerati i tempi stretti con cui si sta procedendo nell'effettuazione di questa manovra. Gli Uffici Postali del maceratese sub judice sono quelli di Acquacanina, Apiro, Appignano , Belforte del Chienti, Bolognola, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Cingoli, Colmurano, Corridonia, Esanatoglia, Fiastra, Fiordimonte, Fiuminata, Gagliole, Gualdo, Loro Piceno, Matelica, Mogliano, Monte Cavallo, Monte San Martino, Montecassiano, Montefano, Montelupone, Morrovalle, Muccia, Penna San Giovanni, Petriolo, Pieve Torina, Pievebovigliana, Pioraco, Poggio San Vicino, Pollenza, Potenza Picena, Recanati, Ripe San Ginesio, San Ginesio, San Severino Marche, Sant'Angelo in Pontano, Sarnano, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti, Tolentino, Treia, Urbisaglia, Ussita, Visso. Dalla lista evidente anche la chiusura di tantissimi uffici nel cratere dei comuni terremotati. Un ulteriore disagio quindi per le popolazioni colpite dal sisma. Viene da chiedersi se il Ministero abbia valutato anche questo di aspetto.    IN QUESTO LINK L’ELENCO DI TUTTI I 4300 UFFICI POSTALI INTERESSATI DAL PIANO DI RIORGANIZZAZIONE: https://www.poste.it/Elenco_def_Fase-3_Step-1.pdf

22/10/2017
Pareggio tra Futsal Potenza Picena e Castrum Lauri: il match tirato e combattuto finisce 2 a 2

Pareggio tra Futsal Potenza Picena e Castrum Lauri: il match tirato e combattuto finisce 2 a 2

Divertente pareggio nella gara fra Futsal Potenza Picena e Castrum Lauri. Primi minuti subito avvincenti con occasioni da una parte e dell'altra. La più clamorosa al 10' quando Tornatola non trova la porta dopo un pasticcio della difesa, mentre al 16' il tiro di Emanuele Salvi sibila a fil di palo. I portieri sono impegnati da ambo le parti ma a spezzare l'equilibrio ci pensa al 28' Massaccesi dopo una travolgente azione in velocità. Tuttavia il vantaggio dei giallorossi dura poco, perchè proprio allo scadere Pietracci realizza il gol dell'ex, dopo un'azione insistita in area potentina da parte degli ospiti. Prima del riposo c'è pure il tempo per l'espulsione di Sarnari, molto discutibile. Alla ripresa delle ostilità i ragazzi di mister Sbacco partono bene e ancora una volta Massaccesi, grazie ad un tiro potente e preciso, gonfia la rete. Tuttavia il Futsal subisce un'altra espulsione, quella di Mobbili, e nel finale mister Sbacco si ritrova con poche rotazioni a disposizione. Gli ospiti cercano il tutto per tutto e arrivano al pareggio al 17' con la deviazione vincente sotto porta di Emanuele Salvi. Finale palpitante, con entrambe le compagini che sfiorano la rete del possibile vantaggio, ma alla fine il tabellone recita 2-2. Buon esordio invece per la nuova realtà Sportware di calcio a 5 FPP United, nata dalla collaborazione tra il Futsal Potenza Picena e la 3P United. Infatti la neo compagine ha esordito con un pareggio per 4-4 contro la FFF Calcio a 5. A segno Carinelli, Ciabocco, Santolini oltre ad un autogol a favore. "Stasera la squadra mi è piaciuta molto, - ha commentato il dg Simone Consolani - hanno giocato con la voglia e la tenacia che ci ha sempre contraddistinto, l'orgoglio di fare bene e l'entusiasmo di chi sa di essere forti. Tutti bravi, anche gli avversari, hanno fatto la loro partita. Chi proprio non ne ha azzeccata una sono stati gli arbitri, serataccia per loro. Purtroppo quando sbagliano gli arbitri rischiano di rovinare una partita bella. Comunque la squadra mi è piaciuta e soprattutto sono felice per mister Sbacco, voleva delle risposte dal gruppo e credo che le abbia avute. Questo è un fine settimana di pareggi, abbiamo esordito anche nello sportware con un 4-4, lì abbiamo visto un Mirko Santolini in forte ascesa, questo ragazzo ha delle qualità straordinarie, se continua a crescere con la voglia e l'umiltà che ha, sicuramente farà parlare di se' nel futsal marchigiano".   FUTSAL POTENZA PICENA: Fortuna, Tornatola, Matteucci, Massaccesi, Di Toro, Latini, Micucci, De Luca (c), Mobbili, Sarnari, Cimmino, Mancini All.Sbacco CASTRUM LAURI: Iacoponi, Paolella, Pietracci, Salvi E., Salvi F., Pazzaglia, Santini, Parrucci, Castellucci, Bonci, Bartolini, Tronelli All. Broda Arbitri: Florin Popa e Francesco Ruscetta di Jesi Reti: 28' Massaccesi, 30' Pietracci, 7' st Massaccesi, 17' st E. Salvi   Note: Ammoniti Pietracci, Massaccesi, Mobbili, Sarnari. Espulsi al 31' Sarnari, al 14' st Mobbili  

14/10/2017
Vespa contro auto, incidente a Loro Piceno

Vespa contro auto, incidente a Loro Piceno

Uno scontro vespa contro auto oggi intorno alle 12 lungo la statale che porta da Loro Piceno a Sant’Angelo, in contrada Acquaviva San Paterniano. È stata inizialmente allertata l’eliambulanza che però è stata fatta tornare indietro. Sul posto il 118 e le forze dell’ordine che stanno accertando le dinamiche dell’incidente. Il conducente della vespa è stato trasportato all'ospedale di Macerata dove sta facendo accertamenti per un trauma cranico e toracico ma non sembra versare in gravi condizioni.

10/10/2017
Loro Piceno, grande festa di inaugurazione per la mensa della scuola Cecchi

Loro Piceno, grande festa di inaugurazione per la mensa della scuola Cecchi

Bambini, insegnanti, dirigenti, sindaci e cittadini. Hanno partecipato in tantissimi alla cerimonia di inaugurazione della nuova mensa della scuola dell'infanzia Filippo Cecchi di Loro Piceno organizzata questa mattina. Un progetto lungo e difficile che si è concretizzato dopo un periodo intenso di lavoro e che ha dimostrato che con l'impegno, la determinazione e l'aiuto di professionisti e di tanta solidarietà si può fare molto.  Così, dopo la ricostruzione del primo piano della scuola Filippo Cecchi, ora si è passati all'apertura della mensa che rappresenta molto di più di un semplice spazio, la possibilità di riuscire nella realizzazione di opere pubbliche utilizzando al meglio tutte le risorse disponibili. "Oggi per noi è una bella giornata, risolviamo un problema che era un'emergenza perché i bambini nell'ultimo anno hanno mangiato in quella che prima era la palestra - ha commentato il sindaco di Loro Piceno, Ilenia Cataliani -. Però questo soprattutto è il primo passo di un lungo percorso perché questa struttura è pensata nella parte superiore per la ricostruzione della scuola dell'infanzia, il nostro prossimo impegno e della scuola Santini considerata inagibile dopo il terremoto".  Il sisma dello scorso 24 agosto ha messo a dura prova l'amministrazione che ha dovuto affrontare situazioni difficili. Il progetto è riuscito grazie al recupero di oltre 800 mila euro di contributo statale che stavano per essere revocati e da altre risorse che sono state convogliate lì, ma anche grazie ad una grande opera di solidarietà. Nella mattinata sono stati ringraziati anche tutti quelli che hanno dato il loro prezioso contributo per rendere più concreto il progetto. L'unione dei Comuni della Valdera che ha donato ben 30 mila euro utilizzati per la cucina della mensa, la frazione Villacampanile e l'associazione di Rentano del Comune di Castelfranco di Sotto che hanno donato 8 mila euro utilizzati per l'arredo del refettorio, l'associazione Bambini al primo posto di Cesenatico che ha donato ben 7 mila euro utilizzati per la fornitura completa e l'arredo del locale magazzino. Le associazioni del Comune di Veniano che ha donato 3 mila euro, il Comune di San Miniato che ne ha donati 4 mila, la discoteca "Sombrero" che ne ha donati altri 4 mila, l'arci di Ponte a Elsa che ha dato 3 mila euro, la pubblica assistenza Fornacette che ne ha dati 2600 per l'allestimento del locale lavanderia e il club BMW Z3mendi che hanno permesso di completare l'arredamento della mensa.  Un momento di grande festa condiviso dai bambini, dalle insegnanti e dalle famiglie che hanno saputo affrontare con grande forza momenti difficili senza arrendersi.  "Oggi è una giornata di festa che dà inizio ad un percorso ancora lungo, ma che piano piano ci porterà a risolvere tanti altri problemi e a migliorare sempre - ha commentato il Sindaco".

07/10/2017
Loro Piceno, alla scuola Filippo Cecchi domani si inaugura la mensa

Loro Piceno, alla scuola Filippo Cecchi domani si inaugura la mensa

Un lungo lavoro che porta ad un altro risultato importante: dopo la ricostruzione del primo piano della scuola dell’infanzia Filippo Cecchi di Loro Piceno è il momento di inaugurare la mensa posizionata al piano terra. Un grande progetto portato avanti dall’Amministrazione Comunale di Loro Piceno, impegnata da tempo nella ricostruzione. L’appuntamento è per domani, sabato 7 ottobre alle 10:00 durante una cerimonia organizzata per l’occasione. “L'inaugurazione della mensa è per noi molto di più della mensa in se' – commenta il Sindaco Ilenia Catalina –. Recuperare oltre 800.000 Euro di contributo statale che stavano per essere revocati; convogliarci altre risorse destinate per interventi meno urgenti e anche questi a grave rischio di revoca, non poter realizzare un progetto perché i costi erano insostenibili per l'ente e non vi era tempo per attendere che ne arrivassero altri, sono sati solo alcuni dei problemi iniziali che l'amministrazione ha dovuto affrontare. La determinazione di lavorare per i bambini, la professionalità dei tecnici comunali e dei professionisti impegnati in questo progetto hanno fatto sì che tutto si concludesse nei tempi prestabiliti”. Dopo il sisma dello scorso 24 agosto, anche le sistemazioni precarie dei bimbi dell'infanzia e della mensa sono saltate. L'inagibilità della scuola Santini che conteneva anche la mensa ha comportato lo spostamento in palestra della sala da pranzo e la sistemazione nel seminterrato della scuola media dei bambini dell'infanzia. Una situazione difficile da affrontare che ha messo a dura prova tutte le persone coinvolte. “Nonostante tutto non ci siamo arresi. Abbiamo lavorato con ancora più determinazione per rispettare i tempi e ricostruire tutto, l'infanzia e la primaria (tra le prime scuole finanziate dal  Commissario, attualmente in gara di affidamento dei lavori). Un percorso che porterà nel giro di pochi mesi a vedere un campus scolastico completamente rinnovato e sicuro – ha aggiunto il Sindaco -. La determinazione dell'amministrazione ha anche trovato la solidarietà. Tutte le donazioni pervenute al Comune da paesi, associazioni ed Enti di tutta Italia sono state destinate agli arredi delle scuole, mensa compresa. La cerimonia di domani è anche un momento per ringraziare chi ha aiutato il Comune a realizzare un bellissimo arredo della cucina e della sala refettorio, consentendo all'Ente di liberare risorse da utilizzare per tutte le opere di finitura esterna che ovviamente una nuova struttura inevitabilmente avrebbe richiesto. Un gesto di grande solidarietà che ha rappresentato anche un grande momento di speranza. In questi mesi le famiglie sono state disorientate e preoccupate. “Domani per noi sarà una festa – ha commentato il sindaco – Perché domani inizia un percorso in cui uno alla volta risolviamo un problema e aggiungiamo un tassello all'educazione dei ragazzi”.

Loro Piceno inaugura la targa ai "Caduti sul Lavoro" nella “Giornata dell'Invalido del Lavoro"

Loro Piceno inaugura la targa ai "Caduti sul Lavoro" nella “Giornata dell'Invalido del Lavoro"

Domenica 3 settembre 2017 si è tenuta a Loro Piceno, in Provincia di Macerata, la “Celebrazione della Giornata dell’Invalido del Lavoro”.   L’evento, aperto a tutta la cittadinanza, ha visto la prima cittadina, Sindaco Ilenia Catalini, fare gli onori di casa ed accogliere in rappresentanza dei Comuni del comprensorio: Innamorati Stefania, Assessore dell’Istruzione di Sarnano; Pizzarulli Marianna, Consigliere Comunale di Gualdo, e Tiziana Viola, Assessore dell’Istruzione di Ripe San Ginesio. Per l'ANMIL Macerata erano presenti il Presidente Territoriale Silvano Mercuri, la Vice Presidente Territoriale Maria Pia Azzurro, il Consigliere Territoriale e Presidente del Comitato Anmil Sarnano, Giampiero Funari. A seguito del ritrovo dei partecipanti e l’accoglienza delle Autorità in Piazza Matteotti, l’evento ha visto aprire la Cerimonia Civile al Teatro in Piazza San Francesco, con un dibattito sul tema “infortuni sul lavoro”; denunciando una preoccupante crescita di infortuni ed episodi mortali sul lavoro, tristemente confermata  dal bilancio elaborato dall’INAIL al 31 luglio 2017. In questi primi sette mesi dell’anno infatti, sia gli infortuni, che i morti sul lavoro, sono cresciuti in misura del 1,3% e del 5,2% rispetto allo stesso periodo 2016. Ancora più preoccupante risulta l’andamento delle denunce degli infortuni mortali che fanno registrare un aumento pari a +5,2% (dai 562 casi dei primi 7 mesi 2016 ai 591 dell’analogo periodo 2017): vale a dire 29 vittime del lavoro in più. Nelle nostra Provincia la crescita di infortuni rispecchia i dati nazionali, è invece più frenata quella per infortuni mortali che vedono meno vittime per lo stesso periodo.     Denunce d'infortunio per luogo di accadimento – Regione Marche  Luogo di accadimento     Luglio 2016         Luglio 2017           Gennaio-Luglio 2016          Gennaio-Luglio 2017  Marche                                  1.344                  1.455                             10.955                                       10.974 Ancona                                      487                     521                                4.045                                         3.958 Ascoli Piceno                            151                     187                                1.351                                         1.390  Fermo                                       118                     104                                   837                                             861  Macerata                                  240                    292                                  2.167                                        2.193  Pesaro E Urbino                      348                     351                                  2.555                                        2.572   L’Associazione con i suoi rappresentanti ha invitato le amministrazioni ad un impegno maggiore,  chiedendo atti più concreti a favore della prevenzione, della tutela e del rispetto della sicurezza e salute sui luoghi di lavoro; nonché presentando il progetto “Primi in Sicurezza”, di educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, dove si formeranno i lavoratori di domani. Dopo la Cerimonia Civile il Parroco Don Claudio Morganti ha celebrato la S. Messa in suffragio ai caduti sul lavoro nella Chiesa di Santa Maria. Al termine della S. Messa è stata inaugurata la targa donata dal Comune, posta all’ingresso del palazzo comunale, ove è stato reso onore con il contributo della Banda Comunale guidata dal Maestro Gabriele Piatti, e con la deposizione di una corona d’alloro; un momento di doveroso riconoscimento al sacrificio di chi sul lavoro ha perso la propria vita. A conclusione della giornata si è tenuto il tradizionale pranzo sociale presso il Ristorante  “Il Girarrosto “, un’occasione conviviale di aggregazione tra soci, cittadini ed Autorità civili.

04/09/2017
Tentato suicidio del migrante a Loro Piceno: spunta un video choc - VIDEO

Tentato suicidio del migrante a Loro Piceno: spunta un video choc - VIDEO

E' fuori pericolo il migrante nigeriano di 30 anni che nel primo pomeriggio di martedì è caduto dal tetto dell'Hotel Le Grazie di Loro Piceno dove si trovava alloggiato (qui). E in queste ore è spuntato in rete un filmato choc che documenta integralmente i drammatici momenti della caduta del giovane nigeriano. Il ragazzo si trova in bilico di spalle ad un'altezza di circa sei metri e ad un tratto si volta, guarda in basso e si butta all'indietro ricadendo a terra frontalmente. Ci sono tre o quattro persone che abbozzano, sembra non troppo convintamente, un tentativo di afferrarlo, senza però riuscirci. Quando il giovane cade, resta esanime a terra e a quel punto il corpo viene raccolto e spostato da altre persone.  Una dinamica che potrebbe confermare l'ipotesi del tentato suicidio, ma che lascia aperte anche altre piste di indagine. Innanzitutto, perchè nessuno cerca di fermare il giovane? Perchè non è stato chiesto aiuto prima che il ragazzo si lasci cadere? Perchè il corpo viene subito spostato da un'altra parte? Il filmato non chiarisce nessuno di questi punti, ma conferma che il 30enne nigeriano si è buttato volontariamente. "Aveva dei problemi e tutti tifiamo per lui" si legge in un post pubblicato da un amico e queste parole sembrerebbero confermare l'ipotesi del tentato suicidio, ad oggi quella ancora maggiormente accreditata. la cosa più importante, comunque, è che il 30enne sia fuori pericolo e che quanto successo martedì possa restare solamente un brutto ricordo.   IMMAGINI FORTI SCONSIGLIATE A MINORI E PERSONE SENSIBILI

02/09/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433