Attualità

Confindustria, lo sfogo di Domenico Guzzini: "La situazione in A14 è drammatica, ribelliamoci"

Confindustria, lo sfogo di Domenico Guzzini: "La situazione in A14 è drammatica, ribelliamoci"

"Le Marche sono una regione dimenticata. Viviamo in un territorio che da sempre ha carenze di infrastrutture, ma è il momento di dire basta e ribellarci". Così il presidente di Confindustria Macerata Domenico Guzzini si è espresso in un incontro con i giornalisti convocato nella sede della 'Fratelli Guzzini spa', per esprimere tutto il suo profondo rammarico riguardo i disagi che stanno interessando, da due anni a questa parte, il tratto della A14 che va da Porto Sant'Elpidio a Pescara.  "Sono arrabbiato come cittadino marchigiano e maceratese - tuona Guzzini -, andare in autostrada, anche solo sino a San Benedetto del Tronto, è drammatico. E bisogna pagare anche il pedaggio: una vera follia. Chi si assume la responsabilità di tutto ciò? Non capisco perché il presidente Ceriscioli non prenda alcuna posizione. La stessa autorità giudiziaria deve farsi carico delle conseguenze che ha portato il sequestro dei ponti in A14. Nessuna parla, nessuno fa nulla". "Che lavori in corso ci sono? Io non ho mai visto nessuno lavorare - si chiede il presidente di Confindustria Macerata - Per diventare un Paese moderno, abbiamo bisogno di infrastrutture veloci. Da Ancona a Roma, servono ancora 3 ore e mezzo di treno. Per non parlare della situazione dell'aeroporto. Alla politica dico: è facile fare promesse, attendiamo i fatti. In vista delle prossime elezioni siamo disposti ad ascoltare i programmi di chiunque ma non prenderemo posizioni, siamo con tutti e con nessuno. Vogliamo soltanto il bene del nostro territorio". Un accenno viene fatto soltanto a Sandro Parcaroli, visto che Guzzini ne annuncia le dimissioni dal ruolo di vice-presidente di Confindustria Macerata, a seguito della scelta di correre come sindaco di Macerata alle prossime amministrative (leggi qui).  Lo sfogo del presidente di Confindustria investe anche la ricostruzione post-sisma ("Siamo ancora fermi al palo dopo 4 anni, le nostre aree interne rischiano lo spopolamento") e le problematiche che hanno riguardato l'emergenza coronavirus ("Un nostro dipendente è tornato soltanto oggi al lavoro, dopo oltre due mesi in cui attendeva un tampone. Abbiamo dovuto pagarglielo noi come azienda, oltre ad aver anticipato anche la cassa integrazione a tutti i nostri lavoratori"). Una ferita aperta è anche quella del trasferimento del prefetto Iolanda Rolli: "Hanno deciso di darle una nuova destinazione dopo soli 2 anni. Di solito nelle aziende, quando si nomina un nuovo manager, lo si lascia lavorare almeno 3-4 anni. Avevamo iniziato da poco ad avere un dialogo col Prefetto, peraltro molto disponibile. Ora bisognerà ricominciare da capo". La mancanza di una presenza forte da parte dello Stato si avverte prepotentemente nelle parole di Guzzini. "Non si può scaricare tutto su aziende e dipendenti" dice.  Il pensiero finale torna alla A14: "La magistratura disponga i dissequestri oppure si scelga di controllare la velocità con degli autovelox, ma si faccia qualcosa per far tornare il traffico scorrevole. Non si può continuare così".   

13/07/2020
San Severino, aumenta il numero delle telecamere di videosorveglianza: quasi 80 quelle attive

San Severino, aumenta il numero delle telecamere di videosorveglianza: quasi 80 quelle attive

Nuovi investimenti per migliorare la sicurezza pubblica: la Giunta comunale di San Severino Marche ha deciso di ampliare il numero delle telecamere di videosorveglianza in piazza del Popolo, in via San Giovanni, via Indivini, via del Glorioso, nella rotatoria posta all’intersezione tra viale Varsavia e viale della Resistenza e nei giardini di via Padre Giuseppe Zampa. Per poter ricevere le immagini del circuito di videosorveglianza in tempi più rapidi e con una migliore definizione sarà anche potenziata la fibra ottica con un collegamento cha partirà dalla sede provvisoria del Comune, a palazzo Governatori, e arriverà fino a viale Matteotti, intersezione con viale Mazzini. L’intervento, su proposta del responsabile dell’Area Vigilanza, costerà complessivamente circa 20mila euro. Complessivamente saranno una ottantina le telecamere in funzione in città. Tra quelle già attive 16 sono dotate di sistema Ocr, optical character recognition, per la lettura ottica delle targhe. Queste ultime apparecchiature entreranno presto a far parte di una rete che avrà una centrale operativa comune e che consentirà il monitoraggio tra Comuni diversi. Oltre all’installazione di nuove apparecchiature la Polizia Locale ha annunciato anche un aumento dei controlli in tutto il territorio settempedano, con pattuglie impegnate in questo periodo pure nei turni serali. Inoltre sono stati predisposti controlli sulle strade con l’utilizzo di apparecchiature per il controllo della velocità che consentiranno di monitorare anche i flussi in ingresso e in uscita sempre per una maggiore sicurezza dei cittadini. L’uso dei dispositivi mira ad aiutare anzitutto prevenzione e deterrenza. Se del caso gli stessi saranno utilizzati per reprimere eventuali reati ma anche per aiutare le forze dell’ordine nella loro quotidiana attività a servizio della comunità.  

13/07/2020
San Severino, post-sisma: tornano agibili sei abitazioni e uno studio professionale

San Severino, post-sisma: tornano agibili sei abitazioni e uno studio professionale

Il sindaco del Comune di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha firmato la revoca di due Ordinanze di inagibilità emesse nel 2016 a seguito delle scosse di terremoto che sconvolsero il centro Italia. Con un nuovo provvedimento il primo cittadino settempedano ha dichiarato di nuovo utilizzabili, a seguito dei lavori di riparazione del danno, 4 abitazioni e uno studio in un condominio di via XX Settembre. Per la ricostruzione dello stesso l’edificio l’Ufficio speciale per la Ricostruzione della Regione Marche ha riconosciuto ai proprietari un contributo di 270mila euro. E con provvedimento sindacale è tornato utilizzabile anche un edificio bifamiliare sito in località Serripola. Anche in questo caso sono stati effettuati lavori di riparazione del danno ma per un importo complessivo di circa 105mila euro.            

13/07/2020
Coronavirus, le Marche tornano a quota 0: nessun nuovo contagio dopo 6 giorni

Coronavirus, le Marche tornano a quota 0: nessun nuovo contagio dopo 6 giorni

Il Gores ha comunicato, con il consueto aggiornamento delle ore 9:00, che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 361 tamponi: 202 nel percorso nuove diagnosi e 159 nel percorso guariti. Dopo sei giorni consecutivi con almeno un nuovo caso registrato, si tornano a registrare zero contagi nelle Marche.  Il numero complessivo dei contagiati resta dunque a 6.792 su un totale di 89.643 campioni testati,  con un'incidenza complessiva, che conferma una lenta e costante discesa.  Di seguito, nel dettaglio, i grafici rilasciati dal Gores nella mattinata odierna. 

13/07/2020
Montecassiano in lutto: Don Paolo Picchio si spegne a 80 anni

Montecassiano in lutto: Don Paolo Picchio si spegne a 80 anni

È venuto a mancare all'età di 80 anni Mons. Paolo Picchio, l'intera comunità di Montecassiano è colpita dal lutto. Da tempo il parroco lottava contro una terribile malattia.  Lunga la sua attività pastorale, iniziata come cappellano proprio a Montecassiano. Don Paolo è stato parroco di San Domenico, a Recanati. Ha amministrato per ben dieci anni la diocesi di Macerata e, a partire dal 2003, è stato scelto come vicario generale della Delegazione Pontificia per la Santa Casa di Loreto. La salma sarà esposta presso la Sala del Commiato di Montecassiano, mentre i funerali si svolgeranno domani, alle ore 16:00, nella Collegiata di Montecassiano. La redazione di Picchio News si stringe attorno al dolore dei familiari e dei fedeli. 

12/07/2020
Coronavirus Marche, un nuovo caso positivo su 630 tamponi analizzati: è nel Maceratese

Coronavirus Marche, un nuovo caso positivo su 630 tamponi analizzati: è nel Maceratese

l Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1061 tamponi: 630 nel percorso nuove diagnosi e 431 nel percorso guariti. Un caso positivo registrato in provincia di Macerata. Il numero complessivo dei contagiati sale dunque a 6.792 su 89.441 campioni testati,  con un'incidenza complessiva, che conferma una lenta discesa Si registra, però, una leggeradiminuzione rispetto alla giornata di ieri, quando erano stati riscontrati quattro nuovi casi positivi (Leggi qui l'articolo). Di seguito, nel dettaglio, i dati resi noti dal Gores:    eADV  

12/07/2020
Diritto di critica politica: quando produce una condanna

Diritto di critica politica: quando produce una condanna

Torna, come ogni domenica, la rubrica curata dall’avv. Oberdan Pantana, “Chiedilo all'avvocato”. Questa settimana, le numerose mail arrivate hanno interessato il tema della diffamazione e maggiormente quella in ambito politico anche alla luce delle imminenti elezioni regionali e comunali. Ecco l’analisi dell’avv. Oberdan Pantana. La sussistenza dell’esimente del diritto di critica presuppone, per sua stessa natura, la manifestazione di espressioni oggettivamente offensive della reputazione altrui, la cui offensività possa, tuttavia, trovare giustificazione nella sussistenza del diritto. In tale contesto, l’esercizio di tale diritto consente l’utilizzo di espressioni forti e anche suggestive al fine di rendere efficace il discorso e richiamare l’attenzione di chi ascolta. Peraltro, secondo quanto altrettanto statuito dai giudici della Suprema Corte, in tema di esimenti del diritto di critica e di cronaca, tale giurisprudenza si esprime in termini consolidati nell’individuare i requisiti caratterizzanti nell’interesse sociale, nella continenza del linguaggio e nella verità del fatto narrato. Con riferimento specifico al diritto di critica politica, però, occorre osservare che il rispetto della verità del fatto assume rilievo limitato, in quanto la critica, quale espressione di un’opinione meramente soggettiva, ha per sua natura carattere congetturale, che non può, per definizione, pretendersi rigorosamente obiettiva e asettica. Il confine immanente all’esercizio del diritto di critica politica è, pertanto, costituito dal fatto che la questione trattata sia di interesse pubblico e che comunque non si trascenda in gratuiti attacchi personali, tenendo altresì conto della perdita di carica offensiva di alcune espressioni nell’attuale contesto politico, fissando comunque quale limite insuperabile quello del rispetto dei valori fondamentali, allorché la persona pubblica, oltre al ludibrio della sua immagine pubblica, sia esposta al disprezzo. A tal proposito, è ad esempio stato affermato dalla giurisprudenza che sussiste l’esimente del diritto di critica politica laddove l’espressione usata consista in un dissenso motivato, anche estremo, rispetto a idee e comportamenti altrui, dove possono trovare spazio anche valutazioni non obiettive, sempre che non sia configurabile un attacco personale lesivo della dignità morale ed intellettuale circostanza questa produttiva della fattispecie penalmente rilevante (Cass. Pen., Sez. V, sentenza n. 43598/18). Rimango in attesa come sempre delle vostre richieste via mail, dandovi appuntamento alla prossima settimana.                                                               

12/07/2020
Riparte in piena sicurezza il turismo a Potenza Picena: Pro Loco in campo con tante iniziative

Riparte in piena sicurezza il turismo a Potenza Picena: Pro Loco in campo con tante iniziative

La Pro Loco di Potenza Picena, nel pieno rispetto delle normative, riparte per una stagione estiva sicuramente diversa ma non ridimensionata rispetto al passato.  Grande soddisfazione trai i soci per il lavoro svolto in sinergia con Amministrazione Comunale e Assessorato al Turismo che ha portato all' apertura dell'InfoPoint presso laSede dell'ufficio turistico. La gestione affidata ai giovani  ragazzi della Pro Loco  che oltre al servizio di informazione e assistenza per turisti e per in operatori del settore gestiranno tutte le prenotazioni per gli eventi e spettacoli del territorio.    Si prospetta un estate  ricca di eventi culturali ed artistici in primis le visite guidate (martedì e venerdì ore 18) alla scoperta delle tante bellezze del centro storico con aperitivo finale vista riviera del Conero nello scenario unico del Pincio. Da non perdere sicuramente il sabato alle ore 21 "in Arte Montesanto" curato dall'Associazione Culturale Aurora. Uno spettacolo itinerante di musica danza e arte visive alla scoperta del paese sotto una veste magica. Tornerà  poi dopo il successo degli anni scorsi "Pe Ride un Mocco'" rassegna di teatro dialettale in una nuova location  con  posti seduti da prenotare per il rispetto delle normative.   Ma l'estate a "Montesanto" non si fermerà qui.  Sono infatti in via di definizione tanti altri appuntamenti  che  a breve saranno presentati, il tutto per allietare i cittadini di Potenza Picena e i turisti che verranno per passare delle serate in allegria, alla scoperta di Arte e Cultura nel centro storico e per godere dei panorami unici del Pincio .

11/07/2020
Intervalliva Tolentino-San Severino, allo studio un secondo tracciato: "Più funzionale ed economico"

Intervalliva Tolentino-San Severino, allo studio un secondo tracciato: "Più funzionale ed economico"

Proseguono le verifiche tecniche per la realizzazione della strada di collegamento tra Tolentino e San Severino Marche, infatti la società di progettazione procederà alla redazione dello studio di fattibilità di un secondo tracciato, ai fini della sua comparazione con il precedente. Il Capogruppo dei Verdi in Regione il Consigliere Sandro Bisonni esprime la sua soddisfazione: “finalmente assistiamo ad un po' di ragionevolezza – dichiara soddisfatto - per primo avevo evidenziato le criticità del primo tracciato sia in termini di impatti ambientali, sia in termini di efficienza e sia in termini di costi.” La decisione è stata assunta con la condivisione degli enti interessati: la Regione Marche, la Provincia di Macerata e i due Comuni di Tolentino e San Severino. “Il primo tracciato proposto – continua Bisonni – era nei fatti già fermo prima di iniziare, per il lievitarsi continuo delle risorse richieste poiché all'appello ad oggi mancano oltre 20 milioni di euro; con questo nuovo tracciato meno impattante, più funzionale e più economico finalmente potremo dare corso ad un'opera che da anni le nostre comunità aspettano. Mesi or sono, per primo denunciai pubblicamente che il tracciato proposto non andava bene, oggi finalmente se ne siano accorti tutti e questo non può che rendermi felice".  Infine Bisonni traccia un ipotesi per la realizzazione di altre opere ricavate dalle risorse risparmiate: ”Il secondo tracciato proposto - conclude - prevede costi molto più contenuti e questo permetterà di realizzare altre importanti infrastrutture quali ad esempio il ponte dell'addolorata a Tolentino e il ponte dell'intagliata a San Severino Marche. Si proceda dunque velocemente per la realizzazione di questa importante opera".

11/07/2020
Macerata, sopralluogo del presidente Pettinari all'Itc: "Pronte le due palestre"

Macerata, sopralluogo del presidente Pettinari all'Itc: "Pronte le due palestre"

Proseguono i sopralluoghi nelle scuole della provincia di Macerata. Il Presidente Antonio Pettinari si è recato all’Istituto Tecnico Commerciale “Gentili” di Macerata dove si stanno concludendo i lavori di adeguamento sismico delle due palestre. L’intervento, il cui progetto ammonta a 533mila euro ed è stato finanziato grazie a risorse provenienti da un bando del MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - extra-terremoto, è consistito nel rinforzo del telaio in calcestruzzo armato e di alcune travi e pilastri, nella esecuzione di alcuni cordoli di fondazione e nel rifacimento della pavimentazione con la realizzazione dell’impianto di riscaldamento a terra. La palestra del piano più in basso ha dimensioni regolamentari per attività sportive, ed è stata rivestita con un fondo di parquet, mentre la seconda ha una pavimentazione in gomma blu. Inoltre, sono stati sostituiti tutti gli infissi e installati quelli in alluminio a taglio termico, dotati di vetri termici ad alta efficienza energetica e trattamento superficiale per l’abbattimento della luce solare entrante, e certificati contro gli urti. Infine, si è provveduto alla tinteggiatura esterna di tutto il fabbricato e, grazie alle economie di ribasso è stato possibile tinteggiare anche la superficie interna, compreso il tetto, ed effettuare delle migliorie sulle finiture e sui vetri degli infissi. “Tra pochi giorni - afferma il Presidente della Provincia Antonio Pettinari - consegniamo alla scuola e alla comunità sportiva due palestre nuove, molto belle, sicure e pienamente efficienti. Una delle due per dimensione e caratteristiche consente l’attività di alcune discipline sportive; l’intenzione dell’Amministrazione provinciale, come ha sempre fatto in questi anni, è continuare a concedere tali attrezzature anche per attività extra scolastiche, per società sportive, con lo scopo agevolare lo sport tra i giovani. Naturalmente questa possibilità dovrà essere verificata anche alla luce della attuali disposizioni in relazione all’attuale emergenza sanitaria”.    

11/07/2020
Finanziato il progetto della strada Montelago- Nibbiano: 370.000 euro  per Camerino e Sefro

Finanziato il progetto della strada Montelago- Nibbiano: 370.000 euro per Camerino e Sefro

Ottenuto il finanziamento per aggiustare e riaprire la strada di Montelago- Nibbiano. Camerino e Sefro hanno vinto, infatti, il bando nell’ambito del programma di sviluppo rurale della Regione, ottenendo il finanziamento e l’approvazione del progetto esecutivo che consentirà gli interventi di "sostegno a investimenti nell'infrastruttura necessaria allo sviluppo, all'ammmodernamento e all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura - viabilità rurale 2019”. Lavori per l’importo di 300mila euro circa per il Comune di Camerino, a cui si vanno ad aggiungere i 70mila euro del Comune di Sefro per un totale di 370mila euro. Le due amministrazioni hanno presentato due progetti e sono stati entrambi finanziati permettendo così di realizzare i lavori per l’intero tratto di strada appartenente a entrambi i Comuni. “Riapriremo una strada ormai chiusa da oltre 12 anni – spiega l’assessore ai lavori pubblici di Camerino Marco Fanelli – Nonostante l’impegno quotidiano enorme riguardi il dare un progetto di ricostruzione alla città e con grande sforzo siamo riusciti ad azzerare i tempi delle risposte del Comune sulla ricostruzione privata, cerchiamo di non tralasciare anche gli altri molteplici aspetti che riguardano la città come lo sviluppo rurale. Non è facile, ma siamo riusciti a partecipare a questo bando regionale e non nego che siamo veramente soddisfatti per l’esito”. Soddisfatto anche Marco Crispiciani, consigliere delegato per la viabilità di Sefro: “Dopo molti anni il Comune di Sefro riesce a ripristinare una strada importantissima che risultava abbandonata da tempo. Con le sole risorse comunali risultava, infatti, praticamente impossibile intervenire e si è deciso di intraprendere la strada dei finanziamenti regionali. Abbiamo partecipato ad un bando PSR, e abbiamo ottenuto il finanziamento. La quota di cofinanziamento del Comune ammonta a circa 70mila euro. Cifre importantissime per un piccolo Comune come Sefro, ma che comunque sono in grado di ridare vita ad una arteria montana che ci collega a Camerino. Collaborazione strettissima con la città ducale, visto che siamo stati sempre in contatto con l’Amministrazione vicina - puntualizza Crispiciani - proprio per dare senso ad un intervento che altrimenti sarebbe stato parziale. Questo è il primo passo per il rilancio dell’altopiano e del turismo naturalistico e sportivo - conclude Crispiciani - perché ci unisce con lo stesso obiettivo di Camerino e di Serravalle di Chienti. Non solo, è anche di fondamentale aiuto a tutte le imprese che per lavoro devono transitare per quella strada”.

11/07/2020
Strada Statale 16: "priorità alla variante nel tratto urbano di Civitanova", mozione presentata in Regione

Strada Statale 16: "priorità alla variante nel tratto urbano di Civitanova", mozione presentata in Regione

La variante alla Strada Statale 16 nel tratto urbano di Civitanova Marche priorità infrastrutturale della Regione Marche. A chiederlo è il capogruppo in Consiglio regionale, Francesco Micucci, in una mozione approvata giovedì 9 luglio in Aula. Sostiene Micucci: «Se in questi anni si è lavorato soprattutto alla connessione tra la Strada Statale 16 e la 77, con la necessità di accelerare la realizzazione della rotatoria e del sottopasso, l’obiettivo della prossima legislatura regionale deve essere la variante alla SS16. Vista la disponibilità affermata in Aula dall’assessore Anna Casini - prosegue Micucci - è possibile, discutendo con il Comune di Civitanova e la Provincia di Macerata, arrivare rapidamente alla definizione del progetto esecutivo, considerando anche che l’opera era già stata inserita nel Piano regolatore. Vista anche la tipologia di opera, non dovrebbe essere difficile anche procedere per stralci, velocizzando l’iter. Per questo – afferma Micucci – chiedo al presidente ed alla Giunta regionale di attivarsi affinché sollecitino gli Enti locali ad avviare la progettazione, nonché Anas per il relativo finanziamento. La realizzazione della strada nel tratto urbano di Civitanova – aggiunge ancora Micucci – è diventata indispensabile. L’attuale viabilità, infatti, che assicura i collegamenti nord-sud, non è adeguata né al traffico ordinario generato dalla popolazione locale né a quello della stagione estiva dove il carico veicolare viene incrementato notevolmente dalla presenza turistica. Inoltre Civitanova Marche è la prima città all’uscita della Superstrada, senza contare – conclude Micucci – che la Statale è un’arteria di particolare importanza non solo per la città ma anche per la mobilità del tratto periferico a Civitanova Marche e del collegamento con l’Umbria».

11/07/2020
Macerata, i commercianti del centro al sindaco: "inutile pedonalizzare quando vie e piazze sono vuote"

Macerata, i commercianti del centro al sindaco: "inutile pedonalizzare quando vie e piazze sono vuote"

I commercianti del centro storico rispondono al sindaco di Macerata Romano Carancini , il quale nei giorni scorsi, riguardo il tema della pedonalizzazione,  aveva dichiarato  a mezzo stampa di preferire le persone alle auto in piazza. “ Il problema si pone – spiegano i commercianti -  quando vediamo le piazze con le vie vuote allora è meglio qualche auto così qualche persona la porta di sicuro.  Un bravo amministratore pedonalizza quando le persone sono troppe e le auto danno fastidio”. “Inoltre – continuano -  abbiamo chiesto anche le prime 2 ore di sosta gratis per tutta la città fino a fine anno. Ricordando che tantissimi  comuni hanno dato agevolazioni per il covid (come per esempio Civitanova Marche, dove  i parcheggi sono stati gratis fino a fine giugno). Inoltre facciamo presente che abbiamo comuni vicini come Treia, Pollenza, Appignano e San Severino,  dove i parcheggi sono tutti liberi. Quindi – concludono i commercianti del centro -  è chiaro che i nostri amministratori o sono incapaci o curano solo gli interessi dei supermercati facendo morire le nostre attività e il nostro centro storico”.  

11/07/2020
San Severino, banda ultra larga: Comune al lavoro per attivare il servizio

San Severino, banda ultra larga: Comune al lavoro per attivare il servizio

Il Comune di San Severino Marche sta lavorando per l’attivazione della banda ultra larga in città e per dare una soluzione ai problemi che interessano le cosiddette aree bianche. È per questo che con la società Open Fiber ha sottoscritto un accordo, attuato da Infratel, società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico, volto a promuovere la realizzazione e l’integrazione delle infrastrutture per la fruizione dei servizi internet veloci anche in zone a bassa densità di popolazione. La società esterna sta provvedendo alla progettazione e alla realizzazione, poi si occuperà anche della gestione e della manutenzione in modalità wholesale dell’infrastruttura di rete di accesso sia passiva che attiva, per le unità immobiliari presenti nel territorio comunale. Di pari passo a breve i cittadini settempedani potranno contare pure su collegamenti internet più veloci grazie all’arrivo della fibra ottica Tim. In questo caso il Comune ha dato semaforo verde per i lavori di potenziamento dell’importante infrastruttura telematica. La Tim inserirà cavi in fibra ottica ramificandoli nel sottosuolo tramite condutture da realizzare oppure già esistenti e che sono di sua proprietà o del Comune per quanto riguarda la rete della pubblica illuminazione. È notizia delle ultime ore, infine, che il Comune di San Severino Marche si è aggiudicato 15mila euro di finanziamento grazie al bando europeo WiFi4EU con il quale sono state messe a disposizione nuove risorse per realizzare infrastrutture WiFi locali, pubbliche e gratuite. Pur essendo presente una connessione wi-fi free senza fili denominata “Sanseverinonet”, grazie alla nuova iniziativa sarà possibile attivare nuovi punti d’accesso ad Internet pure in alcune frazioni del vasto territorio comunale.

11/07/2020
Coronavirus Marche, 4 nuovi casi positivi su 605 tamponi analizzati

Coronavirus Marche, 4 nuovi casi positivi su 605 tamponi analizzati

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1020 tamponi: 605 nel percorso nuove diagnosi e 415 nel percorso guariti. 4 casi positivi registrati: due in provincia di Pesaro Urbino, uno in provincia di Ancona e uno fuori regione. Il numero complessivo dei contagiati sale dunque a 6.791 su 88.811 campioni testati,  con un'incidenza complessiva, che conferma una lenta discesa Si registra, però,  un leggero aumento rispetto alla giornata di ieri, quando era stato riscontrato un solo nuovo caso positivo. La notizia positiva riguarda i decessi: anche oggi non sono state registrate vittime a causa del Covid-19. Si tratta del ventiseiesimo giorno consecutivo. Di seguito, nel dettaglio, i dati resi noti dal Gores:   

11/07/2020

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.