Attualità

Terremoto, droni e scanner 3D per i rilievi e il monitoraggio delle torri di Castello a San Severino

Terremoto, droni e scanner 3D per i rilievi e il monitoraggio delle torri di Castello a San Severino

Il Politecnico di Torino in campo per i rilievi tecnici, ma anche per le attività di monitoraggio, di due dei più importanti monumenti della città di San Severino Marche: la torre degli Smeducci e la torre campanaria di Castello al monte. Un team di super esperti, guidati dal professor Andrea Lingua del Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture del Po.Li.To., ha effettuato, con un gruppo di quindici appartenenti al disaster recovery team, una serie di attività utilizzando tecniche molto innovative che si avvalgono dell’ausilio di droni, laser scanner e scanner 3D. Il progetto che coinvolge l’ateneo piemontese, con finalità meramente scientifiche, ha come scopo l’approfondimento del comportamento delle strutture attraverso tecniche dinamiche di identificazione. Il monitoraggio dinamico sarà eseguito con tecniche non invasive che non comportano alcuna alterazione permanente dello stato dei luoghi e non presentano impatto visivo significativo. In questa prima fase saranno creati modelli tridimensionali sia della torre degli Smeducci che della torre campanaria, visti dall’esterno ma anche dall’interno. Poi sarà realizzato anche un “modello navigabile” dei due monumenti. In una seconda fase il Politecnico di Torino installerà anche delle centraline all’interno delle due torri per monitorare eventuali movimenti causati da eventi sismici. L’attività avviata nel Comune di San Severino Marche ha coinvolto anche diversi studenti del Politecnico che hanno potuto così approcciarsi con strumentazioni super tecnologiche che potranno essere d’ausilio alle emergenze e in situazioni di crisis mappers.   Fra i componenti della speciale task force fanno parte ingegneri geotecnici e strutturisti come i professori Sebastiano Foti, Renato Lancellotta, Donato Sabia e Daniele Costanzo. Al gruppo di geomatica impegnato nelle misurazioni si sono uniti l’ing. Andrea Lingua e gli architetti Filiberto Chiabrando, Antonia Spanò e Paolo Maschio oltre agli studenti delle lauree magistrati di architettura, ingegneria edile, ingegneria civile, ingegneria ambiente e territorio del Politecnico. Con loro anche l’architetto Pier Domenico Pierandrei, consigliere comunale con delega alla Valorizzazione del centro storico.

23/02/2017
"Questa non è ricostruzione: bisogna darsi un'altra governance altrimenti non ce la faremo": l'audio dell'intervento di Errani ad Ancona

"Questa non è ricostruzione: bisogna darsi un'altra governance altrimenti non ce la faremo": l'audio dell'intervento di Errani ad Ancona

Ieri lo avevamo già scritto. Oggi pubblichiamo anche l'audio. Nei giorni scorsi Vasco Errani, commissario straordinario per la ricostruzione, in una riunione con i sindaci dei comuni colpiti dal sisma svoltasi ad Ancona, ha usato parole durissime: "Bisogna darsi una governance totalmente differente, è un punto all'ordine del giorno di questa riunione e doveva forse essere il primo. Non c'è dubbio che avendo avuto quattro terremoti, la dimensione è stratosferica, ma questo non risolve il fatto che non riusciamo andare avanti su alcune cose: macerie, stalle, casette... Questa non è ricostruzione, non lo è, questa è gestione dell'emergenza. Bisogna darsi un'altra governance sennò non ce la faremo". La vicenda oggi è finita anche su Panorama: Vasco Errani ha sottolineato, come riferisce il settimanale "il fallimento dello Stato, che lui stesso rappresenta, nella gestione delle fasi successive alle terribili scosse che hanno messo in ginocchio diversi paesi di Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio". "Errani ha detto più volte 'non esiste' - prosegue Panorama- di fronte all'evidenza della consegna delle casette, della quasi totale inagibilità delle stalle e dei ritardi sul ripristino della viabilità che vede ancora molti paesi isolati". "Rivolgendosi ai sindaci - prosegue l'articolo - Errani ha testualmente parlato di un quadro drammatico a cui si aggiunge la beffa dei sopralluoghi". Ma l'ufficio stampa del Commissario per la ricostruzione prova a sminuire la portata dell'intervento e smentisce parte della ricostruzione fatta da Panorama. "Ad Ancona, ad una affollata assemblea di sindaci, amministratori locali e regionali, il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, non ha parlato né di drammi né tanto meno di 'fallimenti dello Stato', assolutamente inesistenti". "Semplicemente, anche in forza del nuovo decreto che prevede procedure più rapide - prosegue l'ufficio stampa - il commissario Errani ha sottolineato l'esigenza concreta di moltiplicare gli sforzi per accelerare. Questo è ciò che si è deciso in quella sede ed è ciò che si sta facendo".  

23/02/2017
Gianni Morandi in visita al CentroArancia di Tolentino insieme a Cesare Bocci

Gianni Morandi in visita al CentroArancia di Tolentino insieme a Cesare Bocci

Le ragazze ed i ragazzi del CentroArancia di Tolentino hanno incontrato Gianni Morandi e Cesare Bocci in occasione della loro visita ai territori colpiti dal Sisma. Per tutti loro è stata una grande emozione poter incontrare il loro beniamino, un grande cantante che con le sue canzoni ha scritto una parte importante della storia della musica leggera italiana di questi ultimi cinquanta anni. Entusiasmante anche l’incontro con Cesare Bocci che conosce bene il CentroArancia e tutte le sue attività, tanto che qualche anno fa aveva partecipato direttamente ad un progetto specifico per la realizzazione di una favola con la tecnica delle ombre cinesi.

23/02/2017
Sfollati nei camping: "Potremo restare fino a maggio. Ma dopo dove andremo?"

Sfollati nei camping: "Potremo restare fino a maggio. Ma dopo dove andremo?"

"Fino a maggio resteremo qui, poi chi lo sa... tornare a casa ci piacerebbe, ma chissà quando potremo farlo''. Maria, con il marito Arnaldo, è sfollata dalle scosse di ottobre a Porto Sant'Elpidio (Fermo) in uno degli appartamenti del Camping Le Mimose. ''Non avevamo mai fatto vacanze e il mare chi l'aveva mai visto, ma certo abbiamo sbagliato stagione per venire'' scherza parlando con l'ANSA seduta al sole su una panchina della piazzetta del villaggio. Il posto dove la comunità degli sfollati del sisma si riunisce aspettando la cena. ''Ci hanno detto che potremo rimanere fino a maggio ma poi dovremo andare via...chissà dove? Mio figlio con la moglie fa avanti e indietro da Valfornace (l'ex Pievebovigliana, nel Maceratese, ndr), dove abbiamo la casa. Mi ha detto che la neve ha aggravato le infiltrazioni. I danni sono tanti, i muri sono tutti rovinati. Io su non sono più tornata, sto qui da 4 mesi con mio marito, che non sta bene, il trasloco forzato lo ha solo fatto peggiorare. In questa situazione chi sta bene si ammala e chi sta male sta peggio". Anche Franco, ultraottantenne, siede al sole guardando il vuoto, con il suo bastone di canna in mano. "Non so dove andremo - spiega -, qui non ci manca nulla ma ci manca tutto, i posti in cui siamo nati sono 'spianati' dal terremoto, ma io vorrei tornare su, e lassù voglio morire. Sarà l'umidità, ma qui non mi sento bene, la mia pressione è peggiorata''. ''Siamo tutti stati male, pure mio figlio: lo hanno salvato in extremis in ospedale da una brutta polmonite''. Franco tiene anche una triste contabilità: ''tra qui e le altre strutture sono 18 gli anziani deceduti dopo il terremoto''. Con lui ci sono i figli e i nipoti: ''ma non so che fare, non c'è neanche un panorama che mi piace. Siamo gente di montagna e al mare stiamo male. Non mi lamento, certo, ma vorrei tanto la mia casa e i miei posti e invece non si sa se potremo rientrare né quando''. Alle Mimose gli sfollati sono scesi da 300 a 192 attuali. Resteranno nel camping fino al 27 maggio, poi con la stagione estiva molti se ne dovranno andare. La Regione sta cercando sistemazioni alternative. ''Abbiamo prenotazioni già da un anno all'altro - spiega l'amministratrice Roberta Sabbatini -, per questo non possiamo continuare ad ospitare i terremotati. Stiamo facendo un censimento dopo che nei giorni scorsi ci è stato comunicato che l'emergenza proseguirà fino al 31 dicembre prossimo: cercheremo di far restare le famiglie con ragazzini iscritti a scuola fino a giugno, e anche le persone che hanno trovato lavoro tra Porto Sant'Elpidio e e Porto San Giorgio. Tentiamo di far rimanere anche gli anziani con situazioni particolarmente difficili o disagiate. Il problema è per il trimestre estivo, da settembre potremo riprendere tutti''. (Fonte Ansa)

23/02/2017
L'assessore Cecchetti interviene sulla presenza di tane di topi al Lido Cluana

L'assessore Cecchetti interviene sulla presenza di tane di topi al Lido Cluana

 A fronte dell'ennesima segnalazione arrivata per la presenza di tane di topi presso l'area verde a nord del Lido Cluana, l'assessore all'ambiente del comune di Civitanova Marche Cristiana Cecchietti ritiene opportuno rendere noto alla cittadinanza che l'anomala presenza di ratti in quell'area è dovuta al recente abbattimento della vecchia fiera. "La demolizione dell'immobile ha movimentato le popolazioni da anni stanziali in quel sito nonostante in tutto il perimetro dell'ex fiera siano state nel tempo posizionate numerose stazioni di avvelenamento, che di recente sono state controllate e vengono rifornite mensilmente con nuove esche. Purtroppo i movimenti terra e l'abbattimento dei muri perimetrali hanno in qualche modo prodotto uno spostamento dei roditori, che sono usciti allo scoperto. La bonifica del sito, un risultato fondamentale per la città, nel breve periodo ha prodotto questo disagio, che verrà presto risolto. Le esche saranno risistemate appena terminati i lavori, che sono in dirittura d'arrivo". Nell'immediato, a tutela della popolazione, dei bambini che frequentano la vicina scuola dell'infanzia e delle attività ricettive e commerciali nell'area, la Cecchetti fa sapere che domattina le tane di topi venute allo scoperto saranno irrorate con del veleno e si provvederà a perimetrare la zona, segnalando adeguatamente il lavoro in atto per debellare la presenza dei roditori. L'amministrazione comunale sta dialogando con la ditta che sta completando i lavori di abbattimento dell'ex ente fiera, affinché, al termine dell'intervento, effettuino uno scavo dove sono emerse tane di ratti per coprirle adeguatamente. "Un lavoro che non poteva essere effettuato prima, dal momento che le operazioni di smantellamento del vecchio edificio si stanno ultimando proprio in questi giorni. In questa fase è particolarmente importante la collaborazione della cittadinanza. L'errato conferimento di rifiuti, nello specifico dell'umido, da parte di chi abita nei dintorni di zone in cui si registra la presenza di roditori, favorisce la presenza di questi animali". L'amministrazione comunale invitia quindi ad un conferimento corretto e a non abbandonare mai rifiuti in terra, anche perchési sta valutando il posizionamento di una telecamera per sanzionare eventuali abbandoni non corretti di immondizia.      

23/02/2017
Leonardo (FDI-AN): "Bene patto Umbria-Marche ma non diventi alibi per svuotare entroterra dei servizi essenziali"

Leonardo (FDI-AN): "Bene patto Umbria-Marche ma non diventi alibi per svuotare entroterra dei servizi essenziali"

La Vice Presidente della Commissione Sanità al Consiglio regionale, Elena Leonardi, (Capogruppo di Fratelli d' Italia) interviene in merito alla notizia circa la firma di un protocollo di intesa Marche-Umbria per l'assistenza di persone delle zone colpite da eventi sismici e dal maltempo. “Ho appreso da agenzia di stampa – dichiara la Leonardi – di questo protocollo di intesa fra Regione Marche e Regione Umbria per l'assistenza di persone coinvolte nelle zone colpite dal sisma e dal maltempo: in particolar modo, da quanto appunto si apprende, verra' garantito al Comune di Visso e alle sue frazioni, e ai Comuni attorno Visso interessati alla chiusura della strada “Valnerina”, alcuni servizi che riguardano l'esistenza di emergenze; l'accesso alle strutture sanitarie tramite l'Azienda USL Umbria 2 e le prestazioni ambulatoriali ed ospedaliere. “Ritengo positivo – conclude la Leonardi – che si riesca dopo mesi di richieste da parte dei territori coinvolti, a garantire l'assistenza a tutte le persone che in quelle aree sono in sofferenza da molto tempo. Tale iniziativa deve a mio avviso restare circoscritta all'emergenza creata dal blocco delle viabilità e non diventare un alibi per svuotare l'entroterra marchigiano dai servizi essenziali in tema di tutele della salute o per rinviare gli interventi necessari ed urgenti per il ripristino e le messe in sicurezza della Valnerina .”

22/02/2017
In arrivo la 27esima edizione del Carnevale maceratese

In arrivo la 27esima edizione del Carnevale maceratese

Domenica 26 febbraio torna nella tradizionale cornice dei giardini Diaz il Carnevale maceratese, giunto quest’anno alla 27^ edizione. Organizzato dalla Pro Loco di Piediripa, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Macerata e della Regione Marche, il Carnevale 2017 promette ancora una volta una giornata ricca di divertimento e spensieratezza per adulti e bambini. La sfilata dei carri – cinque a cui se ne aggiungono altri due fuori concorso -  e dei sei gruppi mascherati, che prenderà il via alle 14, sarà animata dalla Banda città di Petriolo con tanto di majorettes al seguito, da  La lombarda  anni 70  di  Santa Maria Nuova  dal gruppo storico di sbandieratori di Corinaldo. Presentatori della kermesse carnevalesca saranno Daniza Marziali e Marco Moscatelli mentre madrina del Carnevale Maceratese quest’anno sarà Veronica Maya, popolare showgirl e conduttrice televisiva. Nel corso della manifestazione, che quest’anno più che mai assume  carattere solidale, la Pro Loco di Piediripa, da sempre attenta alle rievocazioni storiche e a tramandare alle giovani generazioni le tradizioni di una volta, consegnerà i fondi raccolti durante la Rievocazione del Canto della Pasquella nel periodo natalizio, non solo come avviene ogni anno ai rappresentanti dell’Istituto Bignamini di Falconara ma anche alla popolazione terremotata, in particolare alle Pro Loco di Pievetorina e Pievebovigliana per la realizzazione di un centro aggregativo e di accoglienza.  Il Carnevale Maceratese, che in caso di maltempo rimanderà i festeggiamenti al 5 marzo, promette anche dolci, vino e caramelle offerti dalla Pro Loco di Piediripa e dall’azienda agraria Lucangeli.  

22/02/2017
Bisonni su ospedale di San Severino Marche: "Ceriscioli mantenga le promesse"

Bisonni su ospedale di San Severino Marche: "Ceriscioli mantenga le promesse"

“Ospedale di San Severino Marche. Il Presidente, nonché Assessore alla Sanità, Luca Ceriscioli mantenga le promesse fatte e l’accordo sottoscritto il 18 aprile con il Sindaco della città.” A chiederlo è il Consigliere regionale Sandro Bisonni che con una interrogazione ha portato il problema del presidio ospedaliero all’attenzione dell’Assemblea legislativa. “Dei quattro medici ginecologi in servizio– ha detto Bisonni – due sono stati trasferiti e uno è andato in pensione. E' malefico pensare di trasferire a Loreto la diagnostica prenatale di secondo livello dove l’ospedale non ha spazi, medici e strutture adeguate per rispondere a questo servizio. Le analisi di amniocentesi e villocentesi che erano fatte presso il presidio oggi non vengono più eseguite. Per la pediatria erano state garantite diciotto ore settimanali mentre invece oggi ne sono offerte solo otto. Inoltre i venti posti del week – surgery, la chirurgia settimanale, sono nei fatti ridotti a dieci perché dieci impegnati per la lunga degenza. Un quadro allarmante perché nasconde forse un progetto di smembramento dell’Ospedale Eustachio che noi non accetteremo mai e per cui lotteremo senza tregua.” Determinato l’intervento di Bisonni che ha portato alla luce la mancanza del rispetto dell’accordo a suo tempo sottoscritto da Ceriscioli e soprattutto ha evidenziato l’importanza e il ruolo strategico dell’Ospedale di San Severino. “Gravissimo – ha affermato Bisonni – che si adottino simili strategie per un ospedale che risiede in una zona gravemente colpita dal terremoto e che offre un grande servizio ad un territorio montano e dell’entroterra che tutti a parole dicono di voler salvaguardare. Per questo chiedo al Presidente Ceriscioli di far ripristinare i quattro medici in servizio, di far recuperare il terzo piano dell’ospedale per la lunga degenza affinché i posti disponibili della week – surgery tornino ad essere venti e soprattutto che si blocchi immediatamente qualsiasi disegno funesto che miri alla riduzione dei servizi che questo ospedale offre alla comunità.”

22/02/2017
Carnevale al Lauro Rossi insieme all’Orchestra Filarmonica Marchigiana

Carnevale al Lauro Rossi insieme all’Orchestra Filarmonica Marchigiana

Il “giovedì grasso” si festeggia con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana. La Form porta al Teatro Lauro Rossi, a Macerata, due delle più famose fiabe musicali scritte appositamente per l’infanzia: il Carnevale degli animali e Pierino e il Lupo.   Domani giovedì 23 febbraio, alle 21, va in scena il Family concert, un appuntamento da non perdere dedicato a bambini, ragazzi e alle loro famiglie.    Si comincia con il Carnevale degli animali, una composizione musicale pensata e scritta da Saint-Saëns nel 1886 per presentare ai più giovani il suono e le caratteristiche degli strumenti musicali che compongono un’orchestra, associandoli in maniera curiosa a degli animali che ben si sposano a quelle stesse caratteristiche. È così che il contrabbasso diventa un elefante, il violoncello un cigno e i violini delle galline. Una descrizione umoristica fatta attraverso la magia e l’immediatezza del linguaggio musicale.   A seguire la fiaba musicale per bambini op.67 Pierino e il Lupo, scritta dal compositore russo Sergeij Prokof'ev, per divertire i piccoli e nello stesso tempo per introdurli alle magie della “tavolozza timbrica orchestrale”.   Grazie all’energia della voce narrante di Luigi Maio e accompagnati dalle descrizioni musicali dei singoli personaggi, gli spettatori vengono proiettati nel mondo di Pierino e dei suoi amici animali in un avventuroso viaggio. Ogni personaggio è interpretato da uno strumento musicale: l’uccellino dal flauto, l’anatra dall’oboe, il gatto dal clarinetto, il nonno dal fagotto, il lupo da tre corni, Pierino dal quartetto d’archi, gli spari dei fucili dai timpani e dalla grancassa. Il finale è un tripudio di tutti i protagonisti che sfilano in un gioioso corteo al ritmo di marcia trionfale Protagonisti insieme all’Orchestra, condotta dal primo violino concertatore Alessandro Cervo, Luigi Maio, già acclamato in passato dal pubblico marchigiano per le sue originali e divertenti esibizioni e per la sua travolgente vivacità, e i giovani pianisti Enrico Cicconofri e Davide Martelli. Per Luigi Maio, il poliedrico artista genovese che ha coniato per sé il termine di “musicattore” a sintetizzare la sua multiforme natura di attore, musicista, autore e cantante, Pierino e il Lupo rappresenta un vero e proprio “cavallo di battaglia”.   Ospite d’eccezione della serata l’Orchestra di bambini de El Sistema, della Scuola Civica di Musica “Stefano Scodanibbio” di Macerata, a cui spetta l’ouverture, con l’interpretazione di diversi brani famosi della tradizione musicale classica. Biglietto speciale a 5 euro. INFO FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana tel. 071 206168 | fax 071 206730 | info@filarmonicamarchigiana.com  Biglietteria Teatro Lauro Rossi tel. 0733 230735 | fax  0733 261570 | boxoffice@sferisterio.it .    

22/02/2017
A Sea of Culture, a Macerata parlare di valorizzazione del patrimonio culturale

A Sea of Culture, a Macerata parlare di valorizzazione del patrimonio culturale

Un seminario internazionale con protagonisti gli operatori culturali, le istituzioni e le imprese creative per discutere e auspicabilmente giungere a sottoscrivere una dichiarazione di intenti per una proficua collaborazione nell’area della macroregione adriatico-ionica nei settori della valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale e della progettazione europea comune. Molte infatti in questo campo le opportunità di prossima uscita offerte dall’Europa in generale e, più in particolare, dai programmi legati alla strategia adriatico ionica da cogliere. Questo il senso e l’obiettivo dell’evento A Sea of Culture, seminario di due giorni al via nel pomeriggio di venerdi 24 febbraio e sabato 25 al mattino a Macerata presso il Teatro della Filarmonica. L’evento porta a conclusione il progetto regionale di Distretto Culturale Evoluto denominato Adriatico affidato da Regione Marche al capofila SVIM. In collaborazione con il Comune di Macerata e con l'Università di Macerata, la due giorni è un'occasione importante per confrontarsi sulle strategie di sviluppo fondate sulla valorizzazione del patrimonio. "Siamo felici di ospitare un convegno che offre possibilità di crescita per i nostri territori - afferma il sindaco Romano Carancini.- Ringraziamo gli organizzatori per aver scelto la città di Macerata come incubatore culturale per nuove relazioni di pace e di sviluppo". Oltre venti ospiti illustri da Serbia, Croazia, Grecia ed Albania in rappresentanza di istituzioni e prestigiosi hub culturali.   Sono attesi tra gli altri: il responsabile per i progetti culturali dell’ambasciata croata in Italia, il Sindaco di Gjrokaster, il dirigente del dipartimento della cultura del Comune di Tirana, un alto rappresentante del ministero della cultura Serbo, il responsabile delle relazioni internazionali del comune di Salonicco, il direttore del museo di arte contemporanea di Zagabria, i direttori di due importanti festival musicali di Belgrado, il direttore dell’Istituto archeologico di Tirana.  A questi si aggiungeranno rappresentanti di istituzioni, imprenditori ed operatori culturali marchigiane. Si tratta dunque di una importante occasione che conclude un Progetto che ha consentito in più di due anni di attività, di mettere a confronto, elaborando strategie e progetti comuni, numerosi operatori, pubblici e privati, nel settore dei beni culturali con l’obiettivo di condividere in tutta l’area adriatica un modello di sviluppo che il Distretto Culturale delle Marche ha reso fattivo nel nostro territorio. Oggi le nuove strategie europee rendono dunque fattiva la possibilità di elaborare progetti integrati in area adriatica nella quale i soggetti pubblici e le imprese private marchigiane possono trovare occasioni di lavoro insieme ai partner dell’altra sponda dell’Adriatico.  I temi trattati, tutti volti a rafforzare le forme della cooperazione in campo culturale in area adriatica saranno tra gli altri quelli delle tecnologie innovative per lo sviluppo e la promozione del patrimonio culturale, le nuove relazioni tra il patrimonio ed il turismo in area adriatica ed infine i nuovi modelli di allestimenti museali. L’iniziativa è promossa da Svim spa, Comune di Macerata e Università di Macerata.  

22/02/2017
Corvatta risponde alla diffida inviata da Vince Civitanova

Corvatta risponde alla diffida inviata da Vince Civitanova

"Meno male che esiste Vince Civitanova, che inviando una provvidenziale “diffida ad adempiere” al sindaco, a componenti della giunta, alla Polizia municipale, per conoscenza a Prefettura, Questura e rappresentanti delle forze dell'ordine, ritiene di aver offerto un portentoso contributo per eliminare il commercio abusivo". Così il sindaco Corvatta interviene sulla vicenda della diffida recentemente ricevuta.  "Si perdonerà l'ironia, ma a volte è l'unica arma di fronte alla povertà di contenuti con cui si ha a che fare. La verità è che i componenti di Vince Civitanova sono molto preoccupati: da dicembre, e in particolare nelle ultime settimane, i controlli interforze sul fronte dell'abusivismo commerciale sono stati continui ed insistiti, con risultati evidenti. Il loro principale cavallo di battaglia per i sogni di gloria elettorale arranca. Non sapendo come fare a restare sul pezzo, hanno pensato bene di inviare una diffida, corroborata da una documentazione fotografica che immortala venditori abusivi e acquirenti in ciabatte e t-shirt, quindi di incontestabile attualità. La verità è un'altra. Al mercato del sabato non si stanno più verificando esposizioni di venditori abusivi. Il lungomare ed il centro, nel fine settimana, sono sempre presidiati. Certo capita occasionalmente che alcuni abusivi riescano per intervallo di tempo ridotti ad operare, ma il presidio è costante, grazie alla sinergia con Prefettura e forze dell'ordine. Da dicembre ad oggi sono stati effettuati controlli e sequestri sia penali che amministrativi. Nel dettaglio, la sola Polizia municipale ha effettuato sequestri penali di 55 giubbotti, 20 borse, 20 paia di scarpe con marchi contraffatti, oltre ad altri materiali, e sono stati sanzionati 5 acquirenti con relativo sequestro della merce". A chi si chiede come mai si verifichi una maggiore assiduità di controlli in questo periodo rispetto al passato, il primo cittadino afferma che la riorganizzazione della Polizia municipale, che oggi è entrata a pieno regime, parte da lontano. "Già nel 2013 individuammo l'esigenza di provvedere in tal senso. I tempi si sono protratti a causa delle normative nazionali, che hanno prolungato la tempistica per provvedere all'individuazione di un dirigente specifico per il corpo dei vigili, che in vista dell'estate avrà un potenziamento superiore rispetto agli anni precedenti, con l'assunzione stagionale di 4-5 unità. Oggi stiamo raccogliendo i risultati di un lavoro avviato da tempo, risultati che sono sotto gli occhi di tutti e che a Vince Civitanova danno immensamente fastidio". Infine Corvatta sottolinea che, dato che nella diffida si evidenziano le competenze del sindaco e della polizia locale, è il caso di ricordare che, se nel corso di un intervento viene fermato un extracomunitario irregolare, deve essere accompagnato in Commissariato o all'ufficio immigrazione della Questura competente, perché la sua presenza viola formalmente una legge penale, che assorbe per gerarchia delle fonti la norma amministrativa. Le violazioni che Vince Civitanova contesta sono infatti sia penali che amministrative, quindi non di esclusiva competenza dell'ente locale.

22/02/2017
Serrapetrona, nuova biblioteca comunale costruita con i soldi delle donazioni

Serrapetrona, nuova biblioteca comunale costruita con i soldi delle donazioni

Domenica 26 febbraio alle ore 10.00 verrà inaugurata la nuova biblioteca comunale a Serrapetrona presso la sala Marco Peda, Vecchio Mulino del Borgo. La realizzazione dell'opera è stata possibile grazie alle donazioni raccolte dall'associazione di volontari della Protezione civile gruppo a2a e da tutte le associazioni del comune di Bellano. All'evento saranno presenti il sindaco Silvia Pinzi e diversi esponenti delle citate associazioni. L'amministrazione comunale invita la cittadinanza a partecipare.     

22/02/2017
Spuri su sisma: "Siamo al lavoro h24 per risolvere i problemi di chi è stato colpito"

Spuri su sisma: "Siamo al lavoro h24 per risolvere i problemi di chi è stato colpito"

"Dal 24 agosto lavoriamo tutti i giorni e facciamo tutto quanto è nelle nostre possibilità con la 'fissa' di risolvere i problemi" causati dal sisma. Lo ha detto Cesare Spuri, direttore dell'Ufficio speciale per la ricostruzione, dopo l'incontro con una delegazione di terremotati e rappresentanti della rete di realtà sociali Terre in Moto, che stamani ha dato vita ad un sit-in di protesta sotto la sede della Regione Marche per denunciare i ritardi nella ricostruzione. Sulle Soluzioni abitative di emergenza, le casette, che nelle Marche ancora non ci sono, Spuri ha ricordato che ne sono state ordinate altre 700 e che sono stati conclusi incontri con i sindaci per chiarire i fabbisogni dei Comuni ''e bruciare le tappe''. La priorità è ricostruire le comunità'' ha rimarcato. Il direttore ha inoltre preannunciato una serie di incontri con le popolazioni terremotate per ascoltare le loro esigenze e per spiegare quanto si sta facendo. Probabilmente verranno anche aperti altri uffici informazioni (ANSA).

22/02/2017
Caldarola, inaugurata l'area container: ospiterà 20 persone

Caldarola, inaugurata l'area container: ospiterà 20 persone

Oggi a Caldarola, nel maceratese, è stata inaugurata dal sindaco, Luca Giuseppetti, l'area container destinata a ospitare temporaneamente circa 20 persone. Lo comunica la Protezione civile. Sono dieci i comuni tra le province di Macerata e Perugia che hanno chiesto questa soluzione temporanea. Nelle Marche i comuni che hanno fatto richiesta dell'installazione di aree alloggiative in container, per un fabbisogno complessivo di quasi mille posti, sono otto. L'area di Caldarola si aggiunge a quelle già completate e consegnate nei comuni di Petriolo, Pieve Torina, Amandola, Tolentino, Camerino e Visso per una disponibilità alloggiativa di oltre 850 posti letto, utilizzati, attualmente, per ospitare circa 480 persone. Sempre nelle Marche sono in corso le operazioni di predisposizione dell'area di San Ginesio che potrà ospitare più di 40 persone (ANSA).

22/02/2017
Lamentele mense scolastiche, Ghio: "Maggiore partecipazione dei genitori"

Lamentele mense scolastiche, Ghio: "Maggiore partecipazione dei genitori"

"Leggo con sconcerto la posizione assunta dall'Amministrazione riguardo alle lamentele avanzate da alcuni genitori rispetto alla mensa e alla qualità nutrizionale dei pasti. L'atteggiamento che ci si può attendere da una Amministrazione è quello di ascolto dei cittadini, nessuno escluso, e di comprensione delle loro preoccupazioni, non certo quello di promuovere un dibattito sulla qualità alimentare che ciascuno propone a casa propria o sullo stato di morosità di altri". Così si esprime il candidato sindaco al comune di Civitanova Marche, Stefano Massimiliano Ghio. "L’Amministrazione è onerata a perseguire l'interesse pubblico preminente che è quello di fornire ai bambini un servizio pasti di assoluta qualità a prescindere dalle abitudini alimentari casalinghe, nelle quali non si può incidere,  e delle morosità che comunque vanno perseguite. Quando anche un solo genitore solleva dubbi sulla qualità, e nel caso di specie se ne contano ad oggi almeno un centinaio (dati di un  sondaggio pubblicato on line da alcuni genitori) il Comune deve immediatamente procedere alla verifica del problema ed alla sua eventuale soluzione" . Prosegue.  Il tema quindi è quello della esigenza di un servizio di qualità e di una gestione di rapporti trasparente e partecipativa. Sotto questo ultimo aspettosi ritiene dunque opportuna una modifica del regolamento della refezione scolastica con la previsione di una maggiore partecipazione dei genitori negli organismi di controllo e di direzione con la concreta possibilità da parte di questi di verificare anche nelle cucine la qualità del cibo e la sua provenienza. Il processo di partecipazione allunga i tempi decisionali ma consente un significativo abbattimento delle problematiche come quelle che oggi si stanno vivendo con un sensibile beneficio qualitativo del servizio. "Dall’amministrazione ci si sarebbe aspettato tutto questo" conclude Ghio "e non certo interventi sulla stampa che tendono ad accusare coloro che in completa buona fede cercano di salvaguardare la salute dei propri bambini e che cercano solo rassicurazione sulla qualità di un servizio essenziale quale quello della mensa".        

22/02/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433