Porto Recanati

Alluvione del 2011, un milione e 236mila euro per finanziare gli ulteriori interventi

Alluvione del 2011, un milione e 236mila euro per finanziare gli ulteriori interventi

La Giunta regionale ha destinato un milione e 236mila euro a finanziamento ulteriore degli interventi resisi necessari a seguito degli eccezionali eventi metereologici che hanno colpito il territorio della regione Marche nel marzo 2011.   “Per finanziare gli interventi – informa l’Assessore alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti – erano state predisposte specifiche graduatorie che hanno potuto beneficiare di risorse messe a disposizione dal Dipartimento nazionale di Protezione civile. I progetti sono stati via via definiti e rimangono ancora da finanziare alcuni interventi proposti da parte di soggetti privati. Per questo abbiamo chiesto ed ottenuto di poter acquisire al bilancio regionale le risorse giacenti nella contabilità speciale e finanziare gli interventi residui relativi agli edifici ad uso residenziale e produttivo. Le richieste di contributo da parte dei privati verranno trasmesse ai Comuni, i quali, dopo le opportune verifiche, provvederanno ad inviare le richieste di liquidazione del contributo alla Regione”. I comuni interessati sono Ancona, Ascoli Piceno, Castelfidardo, Chiaravalle, Colli del Tronto, Falconara Marittima, Fermo, Fiordimonte, Montappone, Montelupone, Monteprandone, Morrovalle, Porto Recanati, Porto Sant’Elpidio, Recanati, Sant’Elpidio a Mare, Santa Vittoria in Matenano e Senigallia.        

16/10/2017
Porto Recanati, droga: in manette giovane pakistano

Porto Recanati, droga: in manette giovane pakistano

Ancora l'Hotel House di Porto Recanati nel mirino dell'attività investigativa in merito allo spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri pomeriggio la Squadra Mobile ha effettuato alcuni controlli e ha proceduto ad arrestare un giovane pakistano di 28 anni. L'arresto non è stato facile. Infatti non appena il personale di Polizia è arrivato nel parcheggio della struttura, due giovani immigrati si sono dati alla fuga imboccando una stradina che porta sul retro dell'Hotel House. Gli agenti li hanno inseguiti e fermati un centinaio di metri piu avanti nei pressi della recinzione esterna del condominio dalla quale si accede alla campagna. I due ragazzi, cittadini afghani di 23 e 25 anni, risultavano essere residenti in un appartamento della struttura ricettiva di cui uno già conosciuto in quanto oggetto di precedenti controlli. Gli agenti hanno sottoposto a controllo la loro abitazione e hanno rintracciato un cittadino bengalese, che abitava il soggiorno dell'appartamento. Una porta era chiusa. Riusciti ad entrare la Squadra Mobile ha ritrovato sotto una valigia dentro l'armadio due involucri di eroina del peso di 35 grammi. Nel corso dell’operazione,all’interno dello stesso armadio, è stata rinvenuta anche una carta Mastercard Oro intestata proprio ad un pakistano nonché uno smartphone Samsung di ultimissima generazione del valore di svariate centinaia di euro, sul quale peraltro erano conservate diverse fotografie dell’uomo scattate proprio all’interno della stanza in questione. Intensificata l’attività di ricerca del pakistano, è stato rintracciato e fermato poco dopo mentre si trovava al buio, all’interno di un giardino pubblico sito nel quartiere Europa di Porto Recanati. Anche lui alla vista degli agenti ha tentato di fuggire ma è stato raggiunto e bloccato poco dopo e accompagnato in ufficio in stato di arresto.   Sottoposto a perquisizione personale, nell’immediatezza l’immigrato è stato trovato in possesso della chiave di ingresso dell’appartamento e di quella della porta della camera in cui era nascosta la droga, nonché una rilevante somma di denaro ed altra carta poste pay.   L’attività effettuata rientra in una più ampia programmazione di servizi, in atto da mesi, anche con la collaborazione della Polizia Municipale di Porto Recanati, mediante i quali la Questura di Macerata costantemente monitora i fenomeni di illiceità presenti nei complessi residenziali Hotel House e River Village.

15/10/2017
Fra Portorecanati e Olimpia Marzocca finisce in pareggio - VIDEO

Fra Portorecanati e Olimpia Marzocca finisce in pareggio - VIDEO

Giornata di pareggio anche per il Portorecanati e per l'Olimpia Marzocca. Partita vivace e combattuta. Al 27’ arriva il vantaggio per gli ospiti., con un cross da sinistra che arriva a Nacciariti, bravo a scavalcare il portiere e a mettere in rete. Il tempo di riprendere il gioco ed arriva il pareggio. Apertura sulla sinistra per Davide Gasparini ed immediato cross sul quale si avventa Martin Garcia che deposita in rete. Ma gli ospiti non demordono e, dopo un paio di occasioni sventate dalla difesa, Montanari trova il gol di testa. Ma il Portorecanati riprende ad attaccare e in un paio di occasioni va vicino al gol che comunque arriva al 22’ quando il direttore di gara assegna un calcio di rigore per un evidente fallo di mano in area. Si incarica della battuta Pablo Garcia che non fallisce. I restanti minuti vedono gli arancioni costringere gli ospiti sulla propria area senza però riuscire a piazzare il colpo finale. Risultato. 2-2. PORTORECANATI: Isidori, Mandolini, Gasparini David (62’ Gasparini Emanuele), Mercuri Matteo(81’Filippetti), Garcia Pablo, Camilletti; Mercuri Andrea, Gagliardini, Pandolfi, Garcia Pantone (58’ Cento). A disp.ne Suarato, Castellani, Patrignani, Malaccari. All.re Possanzini OLIMPIA MARZOCCA: Marin, Asoli, Canapini, Tomba, Montanari, Naccaiariti; Costantini, Gresta(68’ Mandolini), Moschini (84’ Pigini), Pianelli, Terrè. A disp. Nucci, Binotti, Pizzardi, Frincolini, Santarelli. All.re Giuliani Arbitro: Sig. Caponi di San Benedetto del Tronto (Ass.Preci di Macerata-Ripanti di Ancona) Reti: 27’ Nacciariti, 28’ Martin Garcia, 33’ Montanari, 67’ Pablo Garcia (rigore) Ammoniti Camilletti, Pandolfi, Moschini Pianelli. Espulso Pianelli per doppia ammonizione. Angoli 7-3 Recupero (‘ (3’+5)    

14/10/2017
Si è svolto a Porto Recanati il primo Triathlon Sprint, 150 i partecipanti

Si è svolto a Porto Recanati il primo Triathlon Sprint, 150 i partecipanti

Domenica 8 Ottobre si è svolto ad Porto Recanati il 1° Triathlon Sprint, organizzato dalla FLIPPER Triathlon AP A.S.D. Si è trattato di una gara inserita nel calendario nazionale della Federazione Italiana Triathlon ed hanno partecipato circa 150 Atleti provenienti da tutta Italia. Dopo la prima frazione con 750 metri di nuoto in mare, gli atleti hanno percorso 20 km in bici, con suggestivo passaggio in Corso Matteotti, prima di tornare sul Lungomare e completare la gara con 5 km di corsa sulla splendida passeggiata pedonale. Ad iscrivere il proprio nome come vincitori per la prima volta sull'Albo d'Oro della manifestazione sono stati Marco Mariotti del T.D. Rimini (1h00'52") e Valeria Marina Coccia della Flipper Ascoli Piceno (1h12'38"). Podio maschile completato da Marco Selicato di Bari e Moreno de Angelis di Fermo, mentre quello femminile da Federica Fecondini di San Marino e Paola Ciccarelli di Civitanova. Le classifiche complete della gara sono pubblicate su: https://www.endu.net/events/triathlon-sprint-porto-recanati/results Tutti i partecipanti sono rimasti favorevolmente colpiti dai percorsi che hanno esaltato la bellezza della città, favoriti anche dalle perfette condizioni meteo che hanno reso la giornata ancora più piacevole. Il successo della manifestazione, fortemente voluta dall'Amministrazione Comunale di Porto Recanati, è frutto di un enorme lavoro organizzativo che ha coinvolto un notevole numero di responsabili. Particolarmente curato il rispetto della sicurezza in gara, meticolosamente coordinato dai rappresentanti della Polizia Locale e della Capitaneria di Porto di Porto Recanati. Fondamentale l'assistenza svolta dai volontari delle locali Sezioni della Protezione Civile ed Ass.ne Naz.le Carabinieri in congedo, supportati dalle Scorte Tecniche del Moto Club Morrovalle. Il Servizio Sanitario è stato garantito dal Dott. Massimiliano Rimini e dalle Ambulanze della locale Croce Azzurra.  

10/10/2017
Porto Recanati, incidente per il titolare di uno stabilimento balneare: cade da una scala e batte violentemente la testa

Porto Recanati, incidente per il titolare di uno stabilimento balneare: cade da una scala e batte violentemente la testa

Momenti di paura questa mattina a Porto Recanati per un infortunio capitato al titolare di uno stabilimento balneare nella zona centro sud della città. L'uomo, P.M., 55 anni, è caduto da una scala mentre stava lavorando e ha battuto violentemente la testa, procurandosi un brutto trauma cranico. E' stato lui stesso a chiedere l'intervento dei sanitari, essendo rimasto cosciente per tutto il tempo.  Quando l'ambulanza della Croce Azzurra è arrivata insieme all'auto medica da Recanati, si è preferito allertare l'eliambulanza. Poi, però, Icaro è tornato indietro, in quanto evidentemente le condizioni del 55enne erano meno gravi di quanto si pensasse in un primo momento. L'uomo è stato quindi trasportato in ambulanza all'ospedale di Civitanova. 

09/10/2017
Notte di controlli della Polizia Stradale: ben sedici le patenti ritirate, tre per guida sotto l'effetto di droghe

Notte di controlli della Polizia Stradale: ben sedici le patenti ritirate, tre per guida sotto l'effetto di droghe

Notte di controlli della polizia stradale lungo le arterie maggiormente frequentate dai giovani il sabato sera, in modo particolare lungo la costa. Sono state ben sedici le patenti ritirate, tredici per guida in stato e ebbrezza e tre a soggetti trovati alla guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Il drug-test, svolto dal dottor Frascarelli, sanitario della polizia di Stato sul posto, ha consentito di individuare due persone che guidavano dopo aver fatto uso di cocaina e una dopo aver fumato cannabis.  

08/10/2017
Torna "L'AltRa Stagione" a Porto Recanati

Torna "L'AltRa Stagione" a Porto Recanati

Come tradizione, l'Amministrazione Comunale di Porto Recanati, in collaborazione con AMAT Marche, dà il benvenuto alla terza edizione de "L'AltRa Stagione". Dopo il successo ottenuto negli anni scorsi è dimostrato da un pubblico di volta in volta sempre più numeroso ed affezionato,è stata accolta la nuova proposta del Marstro Alberto Nones che anche quest'anno, come già nelle due precedenti stagioni sinfoniche, guiderà il pubblico all'ascolto di opere che spaziano dalla musica classica alla più contemporanea.  Attraverso la nuova programmazione si vuole dare un segno di continuità fra gli appuntamenti estivi della rassegna "Lirica al Porto", conclusasi con grande successo, e quelli che si susseguiranno nei prossimi mesi con "L'AltRa Stagione". La rassegna invernale infatti è diventata una piacevole consuetudine che negli anni è cresciuta presentando sempre nuove occasioni musicali di prestigio, con ospiti illustri e di elevato valore artistico e il desiderio è quello di vedere la "L'AltRa Stagione" volate sempre più in alto e più lontano sulle ali di una passione che accumula un publico di concittadini numerosi e variegato. Il nuovo cartellone si pone su una linea di continuità con le stagioni precedenti, con l'obiettivo di promuovere una ricca offerta in termini di autori e tipologie di repertorio. Un calendario importante di appuntamenti mensili che accompagneranno gli spettatori da ottobre fino ad aprile. Tra i sette appuntamenti, ce ne sono due di particolare attenzione: quello del 12 novembre, frutto della collaborazione con un'importante realtà commerciale locale è quello del 14 gennaio, che sarà un omaggio musicale al 125° Anniversario dell'Autonomia della città di Porto Recanati. Si parte domenica 8 ottobre, quando le porte della Pinacoteca Comunale "Attilio Moroni" si apriranno ancora una volta alla magia che solo la bella musica sa creare.  Il calendario: 8 ottobre 2017: "Duo Ancilotti-Micheli", musica Mozart, Debussy, Castelnuovo-Tedesco, Piazzolla, Shankar. Concerto straordinario di apertura della stagione, con uno dei più grandi flautisti italiani e internazionali in duo con uno dei maggiori chitarristi italiani. Mauro Ancilotti con il flauto e Lorenzo Micheli alla chitarra.  12 novembre 2017: "Una voce portorecanatese", arie d'opera da Mozart a Verdi e Puccini. Concerto della giovane cantante portorecanatese Laura Tomasucci (soprano) accompagnata da Stefano Chiurchù (pianoforte). Concerto sponsorizzato da Vogue Pelle di Isidora Cesari. 10 dicembre 2017: "Dalla lirica romantica alla sono americana", concerto per oboe e pianoforte con musica di Shumann, Mendelssohn l, Requena, Ziegler, Gardel, Bernstein, con Gian Marco Solarolo (oboe) e Cristina Monti (pianoforte).  14 gennaio 2018: "Concerto dell'autonomia", un concerto straordinario della pianista russo-americana Alexandra Kasman, vincitrice del "Roberto Melini" International Piano Competition Edition 2017. 11 febbraio 2018: "Canti lunari tra Chipin e Leopardi". Musica di Chopin e letture da Leopardi. Com Eliana Grasso (pianoforte), Elena Zegna (voce recitante).  11 marzo 2018: "Beethoven", concerto per pianoforte con musica di Beethoven, con Letizia Michielon (pianoforte).  8 aprile 2018: "Le stagioni tra natura ed arte", concerto d'inaugurazione della mostra personale di Fabrizio Focosi, con musica di Cajkovskij, Lucchi e Caberlotto; con Francesco Maria Moncher (pianoforte).     

Porto Recanati, lettera di Pigini al Sindaco: "Cosa si farà per laghetto Volpini?"

Porto Recanati, lettera di Pigini al Sindaco: "Cosa si farà per laghetto Volpini?"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera di Sauro Pigini, capogruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle, indirizzata al sindaco di Porto Recanati Roberto Mozzicafreddo. "Signor Sindaco, sono trascorsi ormai sette giorni da quando, nel corso della seduta del Consiglio Comunale del 28 settembre, ci fornì informazioni relative al grave incidente, ecologicamente devastante, verificatosi nel laghetto Volpini. Lei, riferendo informazioni ricevute dagli Enti preposti alle indagini, ci rassicurò che l'inquinamento non era in alcun modo riconducibile all'Hotel House ma non poté fornirci ulteriori ipotesi circa quel disastro ambientale in quanto, tra l'altro, gli ulteriori prelievi da farsi erano ostacolati dalla mancanza di idoneo mezzo, che consentisse di effettuare detti prelievi al centro del laghetto. Alle informazioni, per sua autonoma decisione, non segui alcuna replica come non è seguita, questi giorni, alcuna altra comunicazione circa le ulteriori indagini né, tanto meno, la pubblicazione dei dati rilevati. Nei sette giorni intercorrenti dalle sue comunicazioni, però, sono avvenuti alcuni fatti di non poco conto. Il primo è l'intervento del Prof. Ettore Orsomando, già docente di botanica all'Ateneo di Camerino, che, in un convegno svoltosi in città, ha portato a conoscenza una lettera a lei inviata in cui, tra l'altro, esprimeva alcune valutazioni sull'avvelenamento del laghetto, ed il secondo le foto di due pozzetti fatti o manutenuti presso il parcheggio dell'Hotel House, presumibilmente in data 1 ottobre.  Pertanto, Sig. Sindaco, alla luce di quanto esposto, e nello spirito da lei sempre auspicato di una collaborazione costruttiva, mi permetto di segnalarle, ove mai si fosse ancora alla ricerca di un natante, che la Protezione Civile cittadina aveva in dotazione idoneo gommone e, caso mai lo stesso non fosse più nella disponibilità comunale, si potrebbe certamente ricorrere ad un mezzo dei Carabinieri o dei Vigili del Fuoco. Per quanto invece attiene la ricerca delle cause dell'inquinamento, esclusa quella di natura fecale-batterica, mi permetto di suggerire uno screening a largo sprettro sui campioni prelevati, con esami mirati alla ricerca di organiclorurati, idrocarburi, solventi e metalli. In attesa di un suo cortese e spero sollecito riscontro a questa mia, magari con indicazioni anche sulla natura dei lavori sui due pozzetti, voglia gradite cordiali saluti.  Sauro Pigini."

05/10/2017
Porto Recanati, minacciano il cassiere del market e rubano oltre 2000 euro

Porto Recanati, minacciano il cassiere del market e rubano oltre 2000 euro

È successo intorno alle 15 di oggi pomeriggio al market di via Gramsci a Porto Recanati. Due malviventi a volto scoperto, probabilmente italiani, hanno minacciato il cassiere con un coltello e si sono fatti consegnare 2200 euro. I due sono poi fuggiti nelle vie laterali ma nessuno ha visto con quale mezzo. Si ipotizza o che avessero un complice o che siano fuggiti a bordo di una moto. I carabinieri stanno indagando anche attraverso le telecamere di sorveglianza per risalire all'identità dei due.  

02/10/2017
Auto d'epoca a Porto Recanati e Montecosaro per la “Due giorni del Conero”

Auto d'epoca a Porto Recanati e Montecosaro per la “Due giorni del Conero”

Sono stati 67 gli equipaggi partecipanti alla 22^ edizione della “Due Giorni del Conero”, che hanno sfilato lungo i panoramici itinerari e le città simbolo della Riviera, Numana e Sirolo. Sono intervenuti equipaggi da tutta la regione ed anche da Umbria, Abruzzo, Toscana, Emilia-Romagna e Lazio. La colorata carovana ha percorso nella prima giornata la “Strada del Rosso Conero” tra vigneti, colline, scorci suggestivi e aziende vinicole, fino a giungere all’Azienda Vinicola Moroder in località Montacuto di Ancona, dove la visita alle cantine e la presentazione dell’attività agrituristica, ha accompagnato l’aperitivo in terrazza con le vigne alle luci del tramonto. La seconda giornata ha portato gli equipaggi di nuovo lungo la Litoranea del Conero fino a Porto Recanati, per raggiungere Potenza Picena e successivamente Montecosaro, comune tra “I Borghi più belli d’Italia”. Oltre al Teatro delle Logge, uno dei piccoli numerosi teatri che fanno “grande” la regione Marche da questo punto di vista. In centro storico, precisamente a Palazzo Marinozzi, i partecipanti sono stati accompagnati in una interessante visita del “Museo del Cinema a Pennello”, una singolare e ricca collezione di pezzi unici, disegni originali che hanno dato vita ai manifesti pubblicitari dei film dagli anni trenta per diversi decenni. Vari oggetti legati al cinema, uniti a numerosi omaggi di importanti attori che hanno visitato la collezione, testimoniano l’importanza storica del Museo. Le ottime condizioni meteo hanno permesso il perfetto svolgimento della manifestazione che ha concluso la stagione organizzativa del CAEM-Lodovico Scarfiotti, impegnato ora a chiudere l’anno solare con la tradizionale Mostra Scambio di Villa Potenza di Macerata, in calendario per il prossimo novembre. Al pranzo conclusivo, effettuato sul panoramico Ristorante Villa Clelia di Sirolo, il vicepresidente Carlo Lazzarini, ha consegnato a Mario Santarelli di Jesi il “7° Memorial Gianmario Lazzarini”, per ricordare il padre, socio fondatore del CAEM con Roberto Isidori, nel segno della profonda amicizia e della lunga partecipazione alle iniziative. Lo staff organizzatore ha avuto il supporto di GM Meccanica, Tecnostampa, Ca.Bi. Gomme, Hotel Giardino Numana, Moroder e Villa Clelia Sirolo, ed il patrocinio dei comuni di Numana e Montecosaro.  

Il Portorecanati batte il Cantiano nella seconda giornata di campionato

Il Portorecanati batte il Cantiano nella seconda giornata di campionato

Il Portorecanati vince e convince nella seconda giornata del campionato di promozione girone A battendo al "Monaldi" il Cantiano per tre reti a uno. Il Portorecanati dilaga nella ripresa sciorinando un calcio d’antologia e coglie la prima vittoria in campionato nei confronti del malcapitato Cantiano. E dire che nella prima frazione di gioco gli ospiti erano riusciti a passare in vantaggio con Bucefalo al 15’, bravo a raccogliere un cross dallas destra di Vittorio Lucarini. Il Portorecanati non reagisce, la manovra appare lenta e con poche verticalizzazioni e il Cantiano non ha difficoltà ad andare in vantaggio negli spogliatoi. Nella ripresa è un altro Portorecanati. L’ingresso di Camilletti prima e di matteo Mercuri poi danno linfa vitale agli arancioni che chiudono gli ospiti nell’area di rigore. Dopo un tentativo di Cento al 12’ con Pifarotti bravo a respingere e con la difesa più volte in difficoltà in fase di controllo, arriva il pari al 28’. Leonardi si libera bene dai venti metri, Pifarotti cerca di respingere in angolo ma la sfera carica di effetto ritorna in campo e viene raccolta di testa da Pantone che di testa mette dentro. Gli arancioni ci credono e ottengono la ricompensa del gioco prodotto alla mezz’ora con Martin Garcia che riceve la sfera da suo fratello Pablo e lascia partire un preciso rasoterra che si infila a a fil di palo sulla destra di Pifarotti. Al 33’ Leonardi è bravo a procurarsi un calcio di rigore. Si incarica della battuta il neo entrato Pandolfi ma si fa ipnotizzare da Piferotti che è bravo a bloccare. Ma il terzo gol è rinviato di qualche minuto. E’ il 38’ quando il solito Leonardi si libera bene in area di ricore me lascia partire un bolide la cui traiettoria incontra il petto di Garcia che inganna il portiere e finisce in rete. Da segnalare nei minuti finali il rientro in campo di Emanuele Gasparini dopo il grave infortunio occorso nella scorsa stagione. PORTORECANATI: Isidori, Cento, Gasparini David (58’ Mercuri Matteo), Mandolini, Garcia Pablo, Gagliardini; Filippetti (46’ Camilletti), Garcia Martin (87’ gsparini Emanuele), Leonardi, Pantone (73’ Pandolfi), Mercuri Andrea. A disp.ne Suarato, Patrignani, Malaccari. Allenatore Possanzini CANTIANO: Pifarotti, Luchetti Matteo (76’ Panico), Angradi, Bernardini, Ercoli, Angradi Filippo; Lucarini Vittorio (76’ Campanari), Badeschi, Bucefalo (83’ Morolli), Luchetti Simone, Ciufoli.. A disp. Rampini, Chaqrouin, El Karouachia, Rossetti,. Allenatore Gettaione Arbitro: Montanellii di Ascoli Piceno (Assistenti Donati e Persichini di Macerata) Reti: 15’ Bucefalo, 68’ Pantone, 75’ e 82’ Martin Garcia. Ammoniti Gagliardini, Badeschi. Angoli 6-2.. Recupero 5’ (0+ 5).

01/10/2017
Quindicenne investita davanti all'Eurospin di Porto Recanati: è grave

Quindicenne investita davanti all'Eurospin di Porto Recanati: è grave

Investimento sulla statale 16, praticamente di fronte all'Eurospin di Porto Recanati. Per cause in corso di accertamento, intorno alle 20 una Fiat Punto condotta da un uomo ha travolto una ragazza di 15 anni di Camerano che stava attraversando la strada insieme a un'amica rimasta illesa.  Sono stati subito allertati i soccorsi e sul posto sono intervenuti i sanitari della Croce Azzurra di Porto Recanati e un'automedica da Recanati. La ragazza è stata trasportata all'ospedale di Civitanova: le sue condizioni sono gravi. 

30/09/2017
Porto Recanati, l'associazione Bene Comune si è presentata ai cittadini

Porto Recanati, l'associazione Bene Comune si è presentata ai cittadini

Venerdì sera alla Bocciofila di Porto Recanati, l’associazione Bene Comune si è presentata ai cittadini. Il presidente Pasquale Telera ne ha illustrato le finalità di carattere politico/culturale, sottolineando come la cultura sia fondamentale per la vita del paese. Ha anche fatto cenno agli attuali problemi di Porto Recanati, tra cui quello dell’inquinamento del laghetto Volpini, assai dibattuto in questo periodo. A tal proposito, ha lasciato la parola a un esperto di geobotanica, il Prof. Ettore Orsomando, per anni docente dell’Università di Camerino. Abitando nei paraggi il professore ha raccontato di aver personalmente assistito alla moria di pesci, anche di grosse dimensioni sospettando fin da subito che in quello specchio d’acqua \«i fossero sostanze nocive ai microrganismi naturalmente presenti di cui quei pesci si nutrono. Alcuni presenti hanno posto domande in merito alla provenienza di tali immissioni potenzialmente pericolose per quel piccolo ecosistema, naturalmente, come ha spiegato il Professore, servirebbero piu approfondite indagini Il Prof. Orsomando ha fatto presente che il Laghetto e la Pineta Volpini sono una, se non le uniche aree verdi di Porto Recanati e avrebbero bisogro di una cura particolare. La Vice Presidente Stefania Pievitoli ha poi integrato la spiegazione del Presidente Telera, in merito alla neonata Associazione Bene Comune, paragonandola & una rete di pesca che raccolga opinioni, suggerimenti ed eventuali malumori dei Cittadini residenti e non.. Certamente come ha sottolineato il Socio Gianbattista Laici, “noi come associazione Bene Comune siamo preoccupati per l’inerzia dell’Amministrazione Comunalein merito a certe problematiche ambientali“ e a tal proposito ci attivererno verso quelle Associazioni e Comitati cui stanno a cuore l’ambiente e di conseguenza il benessere e la… salute dei cittadini di Porto Recanati. Infine, l’Associazione Bene Comune si propone di ripetere incontri con i Cittadini per approfondire varie tematiche di interesse comune.

30/09/2017
Controlli della Questura a Porto Recanati: nei guai prostituta trovata con 30 ml di metadone

Controlli della Questura a Porto Recanati: nei guai prostituta trovata con 30 ml di metadone

L'attività della Questura di Macerata non si ferma. Sempre più incisivi i controlli volti al contrasto dello spaccio di stupefacenti, soprattutto lungo la fascia costiera. Nel pomeriggio di ieri, la Squadra Mobile, insieme al Reparto Prevenzione Crimine di Perugia, hanno effettuato servizi mirati nella zona di Porto Recanati. Durante l'attività, è stata trovata una 25enne, residente ad Ancona, in possesso di 30 ml di metadone. La ragazza è già nota alla Forze dell'Ordine, dal momento che si prostituisce. La 25enne è stata munita di foglio di via obbligatorio con il divieto di fare ritorno nel comune per tre anni. Stessa sorte anche per altri tre soggetti nello stesso pomeriggio. Tra questi, gli agenti hanno scoperto un tunisino di 23 anni, sorpreso all'interno del River Village, con 700 euro in contanti, molto probabilmente da investire in stupefacenti. Al contempo, le pattuglie hanno effettuato perquisizioni in alcune abitazioni di soggetti pregiudicati, nonché perquisizioni personali e di veicoli. Per quanto riguarda le auto, sono state segnalate altre tre persone per la revisione della patente di guida, poiché assuntori di stupefacenti.  

30/09/2017
Porto Recanati, Zoppi attacca il Comune: "Si spreca denaro dei cittadini per attività discutibili e inefficaci"

Porto Recanati, Zoppi attacca il Comune: "Si spreca denaro dei cittadini per attività discutibili e inefficaci"

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa del consigliere comunale Loredana Zoppi di Uniti per Porto Recanati "Essendo trascorsi solo sei mesi dall'approvazione del Documento Unico di Programmazione del triennio 2017-2019, quello che possiamo in primis rilevare è che nel nuovo DUP, oggi in discussione, non ci sono significativi cambiamenti dal punto di vista del contenuto, e che la realizzazione di buona parte delle opere pubbliche ha subìto un mero slittamento temporale. Per chiarezza espositiva, i nostri rilievi, e dunque l’analisi, seguiranno punto per punto lo stato di attuazione delle linee programmatiche di mandato. Sostenete di aver incrementato i rapporti con Prefettura e Questura: piacerebbe a noi e al resto della cittadinanza sapere dove sono i frutti di questa rinnovata sinergia, visto che è tangibile e diffusa una crescente sensazione di insicurezza. Nonostante al primo punto del vostro programma ci sia proprio la sicurezza, i mesi successivi alla vostra elezione sono stati caratterizzati da un aumento di furti negli appartamenti - anche durante le ore diurne -, scippi in pieno Centro, per non parlare dei ritrovamenti di quantitativi ingenti di sostanze stupefacenti. Solo pochi mesi fa abbiamo scoperto che i nostri lidi sono diventati uno degli approdi scelti dalla malavita per gli sbarchi della droga legata a traffici internazionali. Non stiamo parlando di pochi grammi, ma di quintali di droga. Tali fenomeni ci inquietano anche per il fatto che dalle indagini è emerso il coinvolgimento di persone radicate e conosciute nel nostro territorio. Siamo enormemente preoccupati dagli episodi di detenzione e spaccio che hanno coinvolto giovanissimi, e non possiamo accettare di rimanere inerti davanti alle cronache di ripetuti casi di overdose. Ormai è chiaro che il problema non è solo di ordine pubblico, ma sociale. Dando voce alle istanze che come movimento politico ci vengono rivolte, chiediamo una maggiore presenza fisica sul territorio delle forze dell’ordine e l’attivazione di iniziative dirette a contrastare i crescenti episodi di truffa ai danni degli anziani. Affermare di aver avviato il progetto di "Controllo del vicinato" ci sembra troppo poco, considerando che si sono svolti soltanto preliminari incontri informativi, senza nulla di concreto. Proseguendo l'analisi dello "stato dell'arte", e dovendo valutare le ordinanze "anti-prostituzione e "anti-sacconi", sulla base dei risultati visibili pensiamo di essere autorizzati a dire che sono rimaste entrambe lettera morta. Le prostitute sono ancora al loro posto e il fenomeno dell’abusivismo non è stato debellato. Se dovessimo valutare efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa sul punto più qualificante del vostro programma il voto sarebbe: Non Classificabile. Passando ad altro, vorremmo dire qualcosa sul riassetto societario della Farmacia comunale, in particolare sui criteri delle nomine e delle scelte operate, ma il tema sarebbe solamente quello della lottizzazione politica, per cui preferiamo stendere un velo pietoso.Ci è venuto invece da sorridere leggendo dell'incremento dei rapporti con i quartieri: recentemente un comitato si è dimesso, e non ci sembra che abbiate fatto tutto il possibile per cercare di ricomporre la frattura. Nel caso specifico, le questioni che erano sul tavolo riguardavano importanti problematiche legate alla viabilità, alla salute pubblica (amianto ed inquinamento atmosferico) al decoro urbano, (parco Kronberg sporco e ridotto ad un accampamento nomadi): tutte questioni rimaste insolute. Via il comitato, via i problemi. L’episodio della chiusura della strada che conduce al cimitero, non pianificata coi delegati locali e lasciando inascoltate le richieste dei residenti, ci conferma che esistono attriti anche con altri comitati di quartiere. Per quanto riguarda le Associazioni culturali e sociali, la verità è che non è stato abbandonato il vecchio metodo dei "figli e figliastri". I finanziamenti concessi a vere e proprie categorie economiche riunite in associazione ne sono l’esempio.E' stato rifondato il gruppo di Protezione civile ma ancora aspettiamo l'aggiornamento del Piano comunale. In risposta ad una mozione di Uniti per Porto Recanati, emendata ma comunque approvata, vi eravate impegnati a realizzare, entro maggio 2017, la microzonizzazione sismica. Non lo avete fatto. Il piano inoltre ci risulta carente della sezione relativa alla “Previsione del Rischio di Inquinamento Costiero” nonostante una norma di Legge Regionale del 2014 lo imponga. Per finire, come abbiamo recentemente denunciato, se ci dovessimo trovare di fronte a un'emergenza di ordine pubblico legata alla delicatissima situazione che sta vivendo l'Hotel House, non sapremmo come affrontarla, dato che il Piano vigente nemmeno menziona la struttura e le sue problematiche. Alla luce di quanto continuiamo ad apprendere dagli organi di stampa sul condominio multietnico, crediamo sia doveroso coinvolgere il Consiglio comunale, le comunità residenti, le associazioni sindacali e di volontariato, le istituzioni scolastiche, nonché informare per trasparenza tutta la cittadinanza sulle iniziative che pensate di intraprendere se l'ordinanza da lei emanata Sindaco, risultasse inosservata. Pensiamo sia a dir poco semplicistico - come avete fatto anche nel documento in esame - sottolineare lo status di "edificio privato", e allo stesso tempo ci e vi chiediamo come si conciliano gli interventi di riqualificazione sociale e culturale previsti dal Piano triennale delle opere pubbliche, per un importo complessivo di quasi 700 mila euro (compreso un mutuo del nostro Comune di 150.000,00 Euro), con l'eventualità dello sgombero. Il vostro intento è sgomberare o riqualificare? Per questo torniamo a chiedervi di illustrarci nel dettaglio come si articola tale progetto. Nel D.U.P. vengono menzionate soltanto alcune opere pubbliche di avvio, come la manutenzione straordinaria del ponte di legno c.d. “Mewi” (frutto di una recente lottizzazione e già bisognoso di interventi), un nuovo percorso pedonale, la realizzazione del marciapiede e dell'asfaltatura di via Salvo D'Acquisto. In ordine alle missioni “cultura” e “turismo”, il giudizio è: “Missione non Compiuta”. Dopo un Natale sottotono, il bilancio della stagione appena conclusasi è imbarazzante, così come l'"americana" che avrebbe dovuto pubblicizzarne gli eventi costata alla collettività migliaia di euro e per la quale non siete stati in grado neppure di calcolare il ritorno economico dell’investimento pubblicitario, sicuramente vantaggioso per l’impresa fornitrice. Venendo alle singole iniziative: "FotoAma" ridotta ai minimi termini dopo la “misteriosa scomparsa” dell'organizzatore e alla fine realizzata solo grazie alla buona volontà degli appassionati locali. Concerti in cartellone all'Arena annullati o rimandati seguendo solamente le logiche di incasso degli organizzatori, per nulla considerando il danno all’immagine arrecato alla città. Clamoroso è il caso del concerto di Antonello Venditti: prima rimandato per la scarsa prevendita, poi venduto senza troppa pubblicità a prezzi dimezzati per scongiurare il flop. Comprendiamo del resto l'imbarazzo e la necessità di evitare le reazioni di chi aveva pagato l'intera cifra, decisamente esosa. Con il caso Albano e Romina siamo addirittura finiti sulla cronaca nazionale. Le celebrazioni dell'anniversario di Potentia non sono state all'altezza dell'importanza dell'evento: assistere all’esibizione di una singola biga in plastica e ad un  banchetto dell’accampamento romano sotto forma di grigliata di braciole è stato svilente. Ci piacerebbe conoscere i numeri dell'affluenza alla mostra "Potentia. Storia di un paesaggio rivelato". Abbiamo sperimentato in modo diretto l'inefficienza  dell'organizzazione e l’imbarazzo degli addetti nel dover giustificare le aperture ridotte ed i collegamenti col sito archeologico saltuari e senza orari certi. A parte le serate a tema e poche altre nel fine settimana, alle 23 Porto Recanati era vuota, fatta eccezione dei pochi residenti che si ostinavano a passeggiare per un Corso Matteotti desolatamente deserto. Di certo non ha aiutato l'ordinanza sui decibel, fatta peraltro rispettare a macchia di leopardo. Ci risulta che sono stati multati alcuni esercizi e non altri, palesemente fuori norma: di nuovo la politica dei "figli e figliastri".Per gli eventi che hanno registrato maggior successo di pubblico bisogna ringraziare le Associazioni.       In ordine alle opere pubbliche fin qui realizzate: Clamoroso è quello che avete fatto per la manutenzione dei piani viabili di corso Matteotti: Avete paralizzato il paese nel pieno della stagione estiva, trasformando la via principale in un cantiere a cielo aperto, in spregio alle più elementari misure di sicurezza, generando il caos per cittadini e turisti.  Vi siete difesi dicendo che i lavori non erano posticipabili ma poi vi siete contraddetti rimandando quelli di via Garibaldi ad un settembre che è già ottobre. Ma la cosa che più di tutti ci ha colpito è la gestione finanziaria dell’appalto. Avete chiesto alla Cassa Depositi e Prestiti un Mutuo di 200.000,00 Euro. Avete appaltato lavori per 149.590,56 Euro che sono stati aggiudicati ad una ditta che ha offerto 75.378,73 Euro (pari quasi al 50% di ribasso) e poi li ha a sua volta subappaltati. Alcune aziende che hanno partecipato al bando ci hanno chiesto come fosse possibile eseguire un tale lavoro a corrispettivo di un importo che non copriva neppure i materiali. La risposta è giunta con la determina 908 del 31/07/2017 con la quale abbiamo appreso che, all’esito del quadro economico conclusivo, alla ditta aggiudicataria sono stati riconosciuti ulteriori 120.549,71 Euro (quasi il doppio dell’offerta!)tra imprevisti (56.000,00), altri lavori di bonifica (40.000,00), incentivi (2.991,81) ed altre voci per un totale che, guarda caso, corrisponde all’importo mutuato di 200.000,00 Euro (quasi tre volte il prezzo di aggiudicazione!). La cosa per noi ha dell’incredibile! Riguardo la viabilità il piano del traffico commissionato alla Sintagma di fatto è stato accantonato, visto che dichiarate di voler prima realizzare i parcheggi multipiano. Francamente il vostro modo di procedere ci risulta incomprensibile e paragonabile al committente che, volendo costruire una casa, prima ne esegue le parti principali poi chiede all’architetto di redigerne il progetto. Ad oggi non potete nemmeno più fare affidamento sulle soluzioni “tampone” dell’ex Assessore Cingolani, a questo punto non avete né progetti né buona volontà. I varchi elettronici, previsti in un bando del 2015, di cui rivendichiamo la paternità, dopo l’ennesimo rinvio dovevano entrare in funzione all’inizio della stagione estiva appena conclusa. In data 3 luglio dalle pagine del “sindaco informa” lei Dott. Mozzicafreddo “invitava i cittadinia prestare particolare attenzione all’attivazione imminente”.Sono trascorsi tre mesi, per quanto ancora dovremo prestare particolare attenzione?Stessa sorte sembra aver subito il“piano antenne” per il quale il Documento Unico di Programmazione che si va a votare è già superato quanto disatteso,visto che in esso si parla di un passaggio in Consiglio entro il mese di settembre. Passando all’Ambiente i problemi atavici che tanto sembravano starvi a cuore quando si trattava di denigrare l’operato altrui sono lungi dall’essere risolti; la fiumarella continua a riservarci indecorosi fenomeni di scolmatura fognaria che solo il meteo ci ha risparmiato in piena stagione estiva, mentre, restando in argomento, i liquami invadono non solo metaforicamente gli specchi d’acqua interni.Per concludere non si contano le segnalazioni pervenuteci sullo stato di degrado della città, sempre più sporca e malcurata. Strade e parchi delle aree periferiche, così come del centro non sono mai stati così indecorosi. Porto Recanati è troppo sporca e la mancanza di politiche di sensibilizzazione al rispetto della cosa comune e della convivenza civile sono testimoniate dal fallimento della raccolta differenziata che non registra nessun progresso. Non accetteremo per l’ennesima volta la giustificazione che il Comune ha scarse risorse umane e finanziarie. Ci risulta che avete effettuato assunzioni a tempo determinato per le attività di giardinaggio con una maggiore uscita registrata fra le variazioni di bilancio di 11.000,00 Euro; mentre, per l’aspetto economico, continuate a sprecare denaro dei cittadini per attività discutibili quanto inefficaci. Per fare alcuni esempi abbiamo speso 7.311,00 Euro per un’impalcatura metallica, 5.490,00 Euro per interrare una fontana trasformandola in una specie di grande posacenere,3.900,00 Euro per annaffiare un solo giorno il prato già secco di piazzale Europa (alle 15 del pomeriggio con 40 gradi di temperatura) con la pretesa di ottenere, a caro prezzo, ciò che è avvenuto naturalmente e gratuitamente con i primi acquazzoni di settembre. Potete già immaginare quale sarà la nostra dichiarazione di voto. Loredana Zoppi Uniti per Porto Recanati."

29/09/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433