Scuola e università

Al via la settima edizione di Unifestival 2017. "Sconfinare e contaminarsi"

Al via la settima edizione di Unifestival 2017. "Sconfinare e contaminarsi"

Si svolgerà dal 2 al 6 maggio 2017 nel centro storico di Macerata, la settima edizione di Unifestival, il festival organizzato dagli studenti dell'università di macerata che offrirà dodici appuntamenti imperdibili tra concerti, spettacoli e mostre. Per la prima volta è stato scelto un tema unico, un filo conduttore che attraversa tutti gli eventi: "Sconfinare e contaminarsi", ossia incontrare culture, storie, musiche. I rappresentanti della lista studentesca  Obiettivo Studenti hanno organizzato, nell'atrio del Dipartimento di Giurisprudenza la mostra "La Rosa Bianca. Volti di un'amicizia che racconta l'unica espressione di resistenza clandestina nell'ambiente universitario della Germania nazista e il concerto dei Caro De andrè, una dele cover band più affermate del cantautore genovese. Officina Universitaria propone invece, "Eterna Primavera" un romanzo grafico incentrato sul caso dei due ventenni Luca Orioli e Mariarosa Andreotta, passato ale cronaceh come il caso deim fidanzatini di Policoro. La giornata conclusiva di sabato 6 maggio, sarà dedicata ad un evento speciale, organizzato per la prima volta insieme da tutte le liste dei rappresentanti degli studenti, il grande concerto in piazza Mazzini "Musica di ricostruzione": sul palco si alterneranno artisti dela scena reggae  e hip hop nazionale, per tenere alta l'attenzione sul territorio marchigiano, colpito dal sisma degli ultimi mesi.  Contenitore di cultura e vaso comunicante tra città e università è questo è questa la polpa vitale dela rassegna Unifestival che da sette anni anima la nostra città e fa emergere le idee più moderne culturalmente parlando attraverso la risorsa primordiale che sono gli studenti del nostro Ateneo. Sono state queste le parole del rettore Francesco Adornato.

Al via la demolizione delle scuole di San Ginesio

Al via la demolizione delle scuole di San Ginesio

A San Ginesio la rinascita parte dalla scuola. L'impresa di Sandro Baldini, incaricata di demolire il vecchio edificio scolastico, e da giorni e giorni bloccata letteralmente nella sua sede di Camerano dal divieto di accesso al cavalcavia che la collega con la strada direttissima del Conero, per paura di crolli sulla A14, ha finalmente ottenuto il permesso di far uscire i propri mezzi. "La società Autostrade ci ha concesso di tirar fuori le nostre macchine - ha annunciato Baldini - e questa sera inizieremo a lavorare nel cantiere di San Ginesio. È un piccolo piccolo risultato, però molto importante, perché ci permette di non perdere gli appalti presi e di non ritardare ulteriormente le ricostruzione. Dobbiamo dire davvero grazie all'amministrazione di San Ginesio, in particolare al sindaco e al vicesindaco Eraldo Riccucci, perché  ci sono stati vicini, ci hanno aiutato  e ci hanno aspettato. Sono stati fondamentali". "È solo un primo passo - ha concluso il titolare - perché la nostra sede è ancora ferma. E questi disagi ci disturbano, perché la nostra è un'impresa seria, sana, solida".

Tra palco e realtà: gli studenti di Recanati raccontano i pericoli della rete attraverso il teatro

Tra palco e realtà: gli studenti di Recanati raccontano i pericoli della rete attraverso il teatro

Tra palco e realtà - in scena l'era di lnternet. Gli studenti delle scuole medie raccontano attraverso il teatro i pericoli della rete e delle nuove tecnologie. "Tra palco e realtà" è un'azione di prevenzione ideata e promossa dalla Polizia di Stato, dal Dipartimento Dipendenze Patologiche AV3 Asur Marche e dal Garante Regionale per l'Infanzia. Il progetto è dedicato alla prevenzione dei comportamenti inadeguati e dei pericoli legati a Internet e nuovi media, quali dipendenze, cyberbullismo, predazione sessuale, gioco d'azzardo, acquisti illegali o pericolosi, abuso e cattivo uso dei social, estorsione dati sensibili. Un universo esteso e complicato di problematiche con cui quotidianamente tutti ci troviamo a fare i conti e in particolare su cui i più giovani rischiano di inciampare, con conseguenze che possono essere drammatiche quando sottovalutate. Lo dimostrano svariati casi di cronaca e il numero sempre maggiore di denunce per reati compiuti su "mezzi tecnologici". Domani, venerdì 28 aprile 2017, oltre 200 studenti degli Istituti Comprensivi "Beniamino Gigli" e “Nicola Badaloni” di Recanati saliranno sul palco del Teatro Persiani di Recanati per rappresentare con recitazione, musica e video i pericoli della Rete e delle nuove tecnologie. Lo spettacolo sarà duplice, alle 10 per i compagni di scuola, e alle 21.00 aperto anche alle famiglie ed alla cittadinanza. 

UNICAM e COOSS Marche: si rinnova con successo la collaborazione

UNICAM e COOSS Marche: si rinnova con successo la collaborazione

Si rinnova la collaborazione tra l’Università di Camerino e la Società Cooperativa COOSS Marche Onlus, la più importante realtà tra le cooperative sociali marchigiane, da sempre impegnata nel campo della formazione, della ricerca e della progettazione europea. L’accordo è stato firmato stamattina in Rettorato dal Pro Rettore Vicario Unicam Claudio Pettinari e dal Vice Presidente COOSS Marche Andrea Scocchera. “Siamo davvero lieti di proseguire il proficuo rapporto di collaborazione con Cooss Marche – ha dichiarato il prof. Pettinari – finalizzato alla promozione e allo sviluppo di attività culturali, formative, di aggiornamento, di ricerca e di consulenza. Abbiamo già ottenuto importanti risultati tra cui l’attivazione di un corso IFTS, un finanziamento regionale per un progetto che vede coinvolti anche nostri spin off, la sinergica collaborazione per progetti formativi: contiamo quindi di proseguire su questa strada”.  “Il rapporto con Unicam – ha dichiarato il dott. Scocchera – rappresenta per noi un punto centrale per la ricerca, la formazione e le iniziative che ricadono sul territorio. Visti i già più che positivi risultati ottenuti, con piacere non solo rinnoviamo questa collaborazione, ma vogliamo anche rilanciarla cercando di recuperare risorse sia europee che nazionali e regionali, per incrementare e sviluppare la ripresa di questo territorio. Anche per questo abbiamo deciso di finanziare due borse di studio a favore di studenti Unicam, con particolare attenzione a coloro che provengono da fuori regione.” Fra gli obiettivi della convenzione ci sono la definizione di un piano organico di cooperazione tra UNICAM e COOSS individuando settori di rilevante interesse comune, la promozione di attività formative e progettuali integrate tra le due strutture, nonché lo sviluppo di progettualità legate all'accesso dei fondi comunitari. Sarà quindi istituito un gruppo di lavoro composto dai rappresentanti dei due Enti, per coordinare e definire le attività necessarie al raggiungimento degli obiettivi. Nell’ambito dell’accordo sono previste attività quali la progettazione di percorsi formativi di comune interesse adeguati alle esigenze del territorio, la cooperazione alla formazione superiore integrata, nell’ambito dei programmi governativi FSI e IFTS, l’integrazione tra formazione professionale e formazione universitaria, nel contesto degli obiettivi comunitari, con particolare riguardo alla riqualificazione del personale (formazione permanente) e allo sviluppo di nuove professionalità, attività di orientamento e di tirocinio rivolte a studenti e giovani laureati, la predisposizione di servizi di supporto progettuale, normativo, tecnico-logistico per l’interazione con le strutture pubbliche e private del territorio, la ricerca di finanziamenti attraverso i fondi ed i bandi della comunità europea o di altri soggetti pubblici sia locali che nazionali  I coordinatori per le attività della convenzione sono, per l’Università di Camerino il prof. Claudio Pettinari e per Cooss Marche il dott. Diego Mancinelli.

UNIVPM: presentato programma del Your Future Festival 2017, eventi anche a Macerata

UNIVPM: presentato programma del Your Future Festival 2017, eventi anche a Macerata

È stato presentato il programma di Your Future Festival 2017 (#YFF2017) dall'8 maggio al 13 maggio: un totale di 43 eventi fra Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e San Benedetto del Tronto. Workshop, seminari, discussioni e momenti di incontro e intrattenimento che creeranno una settimana di fermento e di contaminazione guidati dal tema: “costruendo legami”. Il Rettore Sauro Longhi ha dichiarato: "Questo Festival pensato per i giovani e il loro futuro, vuol far riflettere sui valori e sulla forza dell’Europa, per creare legami, per diffondere l’accoglienza e la condivisione, per continuare quella contaminazione positiva, frutto dello scambio di conoscenze ed esperienze. Sono sempre più convinto che su questi valori correrà il futuro". Your Future Festival nasce per aprire l'Università al territorio ecco perché ci sono appuntamenti organizzati nelle sedi Univpm del territorio. A Macerata dal 5 al 13 maggio si svolgono una serie di iniziative inserite nella campagna “Diamoci una mano... sì, ma pulita!” rivolta a studenti e cittadinanza per la corretta igiene delle mani. In collaborazione con Collegio IPASVI di Macerata e ASUR AV3. A San Benedetto del Tronto martedì 9 maggio a Palazzo Vannicola, dalle ore 10:30, c’è il Convegno: “Giornata dell’economia in una prospettiva europea”. Venerdì 12 Maggio ad Ascoli Piceno, al Cinema Odeon, a partire dalle ore 08:30 “Promozione e prospettive di umanizzazione dell’assistenza” Giornata Internazionale dell’Infermiere 2017. A Pesaro, sempre venerdì, in viale Trieste, dalle ore 10:00, si tiene una tavola rotonda: "Europa: bacino di scambi ed opportunità di integrazione". A Fermo alle ore 17:30 si tiene la conferenza: “Europa: uomini senza frontiere” con la presentazione del libro “L’era del Capitale Umano" di Nunzia Eleuteri e la testimonianza di Fabio Bernardini, volontario di Emergency in Afghanistan. La giornata si conclude alle ore 19:15 con il concerto dell’Orchestra d’archi junior del Conservatorio Pergolesi diretta dal maestro D. Raggi nel cortile di Palazzo Gigliucci.

Genitori, a scuola! Il 7 maggio a Civitanova Marche parte il corso per educatori

Genitori, a scuola! Il 7 maggio a Civitanova Marche parte il corso per educatori

Una serie di incontri gratuiti dedicati agli educatori. Un corso per riflettere sulle nuove sfide educative lanciate a genitori e insegnanti dalla società contemporanea. È il percorso formativo organizzato dall'A.Ge. - Associazione dei Genitori in collaborazione con il Centro Servizi per il Volontariato, il Movimento per la Vita, gli Istituti Scolastici Comprensivi “Via Regina Elena”, “S. Agostino”, “Via Ugo Bassi” di Civitanova Marche. Si chiama "Essere genitori oggi" e partità domenica 7 maggio. L'incontro si svolgerà presso il teatro della parrocchia S. Carlo Borromeo di Fontespina. Ad illustrare le nuove sfide educative della società contemporanea saranno Ezio Aceti, psicologo di fama nazionale, che tratterà il delicato tema della comunicazione genitori-figli, e Samuele Cognigni, noto psicoterapeuta, che relazionerà sull'importanza della funzione materna e paterna nello sviluppo psichico del bambino. Il secondo appuntamento è fissato per il 21 maggio, quando si affronterà il tema "Infanzia e fanciullezza oggi". A seguire, il 4 giugno, conferenza sul tema “L'adolescenza oggi”. Dopo la pausa estiva, in programma gli ultimi due incontri, rispettivamente il 10 settembre su “Rapporti scuola-famiglia. DSA, BES, Disabilità” e il 15 settembre, presso l'Auditorium della Scuola Primaria “S. Giovanni Bosco”, su “Il bambino adottato a scuola”.

I ragazzi del liceo classico "Alfonso Varano" di Camerino scoprono la Grecia

I ragazzi del liceo classico "Alfonso Varano" di Camerino scoprono la Grecia

Un viaggio nella culla della cultura classica, un’esperienza emozionante che difficilmente dimenticheranno. È con grande entusiasmo che i ragazzi del liceo classico “Alfonso Varano” di Camerino raccontano i giorni trascorsi alla scoperta della Grecia. “Accompagnati dalle professoresse Lana, Miliani, Antinori, Villanova e dall’assistente tecnico Ferretti, abbiamo avuto la possibilità di partecipare al viaggio di istruzione in Grecia. L’obiettivo del progetto è stato quello di mostrare a noi studenti i luoghi, di cui fino ad ora abbiamo solo letto nei libri di scuola”. “Abbiamo raggiunto la Grecia in traghetto. La prima tappa – raccontano – è stata Kalambaka. Qui abbiamo avuto l’opportunità di visitare  le Meteore, torrioni di roccia arenaria, dove in passato monaci eremiti si sono stanziati per condurre una vita ascetica. Sono seguite, nel corso dei secoli, imponenti costruzioni di monasteri bizantini, oggi visitabili. Il giorno seguente è stato dedicato alla visita del sito archeologico di Delfi, famoso per l’oracolo di Apollo, che gli antichi Greci consultavano per questioni pubbliche e private”. “Il momento più significativo e senz’altro più affascinante – proseguono – è stata la visita all’Acropoli di Atene. Lì nel V secolo a.C. sono stati edificati alcuni dei capolavori dell’arte classica greca: il Partenone, i Propilei, l’Eretteo e il tempio di Atena Nike. Oggi l’Acropoli è patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il complesso, perfettamente inserito nel paesaggio naturale, pur essendo composto da strutture imponenti,  mantiene sempre presente e viva l’eleganza tipica dell’arte ellenica”. “Successivamente abbiamo attraversato Corinto, città della regione del Peloponneso, per poi giungere al piccolo villaggio di Epidauro, famoso per il teatro che si ergeva su un’altura, sfruttando il pendio naturale per la cavea, ovvero le gradinate del pubblico. Il teatro, oltre ad un’ulteriore prova dell’abilità architettonica della civiltà ellenica, è anche esempio della perfetta acustica dei teatri greci”. “Il nostro viaggio si è concluso con la visita di Micene, antica città del Peloponneso, centro della civiltà micenea. Qui l’acropoli è circondata da possenti mura ciclopiche e la parte più alta era dedicata al palazzo reale, con il famoso megaron (sala del trono). La sensazione che ci ha accomunati al ritorno è stata la consapevolezza di aver saggiato un ambiente intriso di arte, fascino, cultura e storia di una civiltà che, sebbene scomparsa, continua a vivere nei resti di un passato glorioso. Siamo grati al nostro preside Rosati per averci permesso, nonostante i disagi che questo periodo ha comportato, di realizzare questo progetto e godere di questa emozionante esperienza, che sicuramente – concludono i ragazzi – contribuirà ad ampliare il nostro bagaglio culturale”.

Istituto Alberghiero Varnelli: studenti tra esperienze in classe e in cucina

Istituto Alberghiero Varnelli: studenti tra esperienze in classe e in cucina

Interessanti le ultime proposte previste nell’offerta formativa rivolta agli studenti dell’alberghiero “G.Varnelli”  di Cingoli: innanzitutto la partecipazione, anche quest’anno rinnovata con successo, dello chef Nikita Sergeev del ristorante l’Arcade di Porto San Giorgio. Gli alunni delle classi quinte hanno assistito con ammirazione alla masterclass di alto livello offerta dallo chef: la sua cucina rispecchia in pieno le esperienze gastronomiche dei viaggi compiuti nei paesi del Mediterraneo, ma anche la sua formazione alla scuola di Gualtiero Marchesi per la notevole  particolarità nella presentazione delle vivande e la fusione con ingredienti orientali e spezie. I ragazzi hanno degustato i piatti simulando un servizio ristorativo a tavola.  Altrettanto stimolante si è rivelata l’iniziativa rivolta ai ragazzi delle classi quarte che hanno incontrato lo chef Rodrigo Staffolani del ristorante Seta cruda di Loro Piceno, ex alunno dell’istituto cingolano, con importanti esperienze lavorative anche in altri continenti. Durante la masterclass lo chef ha proposto alcune tecniche di cucina innovative e piatti primaverili a base di pesce, crostacei e molluschi dell’Adriatico. Ad abbinare alle pietanze i vini del territorio, il sommelier del ristorante Pagliaccio di Roma, Luca Belleggia, anche lui ex studente del Varnelli. Lo scorso 10 aprile, inoltre, l’istituto Varnelli ha ospitato una delegazione di studenti australiani provenienti dal college Sidenam di Melbourne. Gli allievi del corso serale e della classe quinta sez. CD, rispettivamente guidati dai proff. Bruno Spaccia e Oscar Piccinini, hanno offerto un  ricco pranzo  marchigiano, presentando i piatti tipici della cucina del nostro territorio. Il gemellaggio tra il “Varnelli” e il college australiano, che prosegue  da ben dieci anni,  si è caratterizzato per la qualità delle scelte culturali proposte, spaziando dalle visite culturali, alle escursioni naturalistiche, con  esperienze  enogagastronomiche alla scoperta dei sapori tipici della tradizione marchigiana.

Macerata, nuovo polo scolastico alle Casermette: il progetto definitivo consegnato alla struttura commissariale     

Macerata, nuovo polo scolastico alle Casermette: il progetto definitivo consegnato alla struttura commissariale  

“L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre corri". E’ con questa battuta presa a prestito da Giorgio Faletti che la recitò nel film Notte prima degli esami che il sindaco Romano Carancini ha iniziato la conferenza stampa convocata per questa mattina, durante la quale, affiancato dalla Giunta, ha annunciato nuove e importanti novità sul campus scolastico che sorgerà nell’area delle ex Casermette che ospiterà la Dante Alighieri e la Mestica.    “E’ il senso di responsabilità che voglio trasmettere – ha detto il primo cittadino -  e il lavoro di una squadra che, quotidianamente, attraverso il confronto continuo, è riuscita  a rispettare l’impegno che  il governo della città aveva rispetto ai cittadini e in particolar modo al mondo della scuola”.    L’ufficio tecnico comunale, infatti, ha completato e consegnato alla struttura commissariale per la ricostruzione il progetto definitivo del complesso, che sarà posto a base di gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori.   “Dietro la nostra scelta – ha proseguito Carancini – c’è un’opzione che abbiamo voluto scegliere, quella che l’intera operazione vuole essere pubblica al 100% e questo non era scontato. Per farlo abbiamo trovato un partner e non un venditore di aree, la Cassa Depositi e Prestititi, con il quale abbiamo instaurato un rapporto che sta generando altri progetti”.   Il sindaco, annunciando che nei prossimi giorni inizierà la demolizione degli immobili che si trovano all’interno della zona dell’ex Saram e che entro maggio la stessa sarà completamente ripulita, ha ricordato che la realizzazione del campus è frutto della rigenerazione di una parte della città: “Abbiamo risvegliato un’area addormentata che avrà un valore e sarà un nuovo polmone per Macerata”.   Il nuovo polo scolastico prevede una superficie complessiva di 24,000mq, di cui 6,971.30 mq di superficie coperta, 5,568mq di parcheggi e ben 11,460mq di verde, attrezzature e percorsi: una progettazione in cui è stata posta particolare attenzione alla fruibilità degli spazi all’aperto, integrati pensati per diventare una prosecuzione degli spazi scolastici ed un luogo di incontro per la città.   Il plesso è articolato in tre corpi distinti, che si adattano all’andamento altimetrico del lotto, tutti costituiti da volumi a due piani, nel rispetto delle caratteristiche progettuali vigenti per l’edilizia scolastica: due di essi saranno destinati ad ospitare le scuole Dante Alighieri e Mestica, mentre il terzo una palestra usufruibile dall’intera città. I tre edifici vengono inoltre messi in comunicazione fra di loro tramite passerelle coperte.    I due edifici scolastici sono organizzati come due strutture gemelle a pianta quadrata, a cui si aggiungono i corpi più piccoli di forma rettangolare che ospitano le palestre scolastiche.    La distribuzione interna si organizza intorno alle due grandi corti centrali vetrate, su cui si affacciano tutti gli spazi di connessione: le due corti-giardino, oltre a poter essere utilizzate come “aule all’aperto” per le attività scolastiche, portando il verde anche all’interno della scuola, riforniscono di luce naturale anche gli spazi interni degli edifici. Questi infatti vengono pensati non solo come spazi distributivi, ma come aree ampie e illuminate in cui troveranno ubicazione attività didattiche libere e spazi di ricreazione.   I tre edifici, pur connessi fra loro, sono strutturalmente indipendenti: ognuno di essi è realizzato con struttura portante a telaio in legno, che garantiscono una sicurezza strutturale ottimale unita a velocità di esecuzione. A questo si unisce una particolare cura nei dettagli, che vedono l’uso di altri materiali come l’acciaio, esempio nei passaggi di collegamento tra gli edifici e nelle scale antincendio, studiate non solo da un punto di vista funzionale ma anche architettonico.   L’edificio dedicato all’Istituto Comprensivo Enrico Mestica ospiterà al piano terra la scuola dell’infanzia (3 classi) e la scuola primaria (5 classi), mentre al primo piano sarà collocata la scuola media inferiore (3 sezioni, 9 classi). Su entrambi i livelli sono previste inoltre aule polifunzionali, aule per laboratori ed attività di sostegno. Il piano terra conterrà inoltre gli uffici amministrativi e lo spazio mensa dotato di cucina.   La scuola Dante Alighieri ospiterà 7 sezioni (21 classi), oltre ad aule - laboratorio, sale polifunzionali e gli uffici amministrativi, collocati al piano terra. Questo ospiterà anche il locale - mensa, servito dalla cucina presente nella scuola Enrico Mestica.    “Tutti gli arredi scolastici – ha detto ancora il sindaco Carancini – saranno nuovi grazie ad un finanziamento di 250.000 euro di Conad Adriatico, per interessamento di Antonio Di Ferdinando, ad e direttore generale dell’azienda, impegnata in un progetto che riguarda varie scuole dei centri del cratere danneggiati dal  recente terremoto”.   Adesso si entra nel vivo della seconda fase, quella dell’appalto per la progettazione esecutiva e la realizzazione, che secondo le disposizioni della Struttura Commissariale per la Ricostruzione sarà seguita direttamente da Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa). Le procedure per l’affidamento sono già iniziate. Infatti, nei giorni scorsi, è stato pubblicato un avviso pubblico i cui termini sono scaduti ieri, 21 aprile, per la “formazione di un elenco di esecutori interessati alla realizzazione dell’opera scolastica”.    L’esecuzione interesserà inizialmente i due edifici scolastici, oggetto di due distinti appalti, del valore di 7'936'419.00 euro per la Mestica e di  7'976'576.07 euro per la Dante Alighieri.  A questo seguiranno procedure negoziate che porteranno all’affidamento dei lavori la cui esecuzione, secondo l’ordinanza n.18 del 3 aprile 2017, dovranno essere eseguiti entro 150 giorni dalla data di sottoscrizione del verbale di consegna, ovvero 5 mesi.   E sui tempi di realizzazione il sindaco Carancini ha detto che gli edifici che ospiteranno le due scuole del nuovo campus saranno pronte entro la primavera del 2018  anche se, ha affermato ancora, “qualcuno all’interno dell’ufficio Ricostruzione  è più ottimista  e pensa che i lavori potrebbero essere completati entro la fine del 2017.   Per quanto riguarda la realizzazione delle altre strutture a corollario degli edifici scolastici i lavori avranno tempi più lunghi”.     “Questo piacere nel correre – ha concluso il sindaco Carancini -  ci piace condividerlo con tutto il Consiglio comunale, senza alcuna distinzione. E’ una risposta alle esigenze dei cittadini, perché la politica sa dare risposte”.

22/04/2017
Da Bagnacavallo la solidarietà per gli studenti di Cesolo: donati banchi, sedie, cattedre, armadi e pc

Da Bagnacavallo la solidarietà per gli studenti di Cesolo: donati banchi, sedie, cattedre, armadi e pc

Banchi e sedie nuove per gli alunni, nuove cattedre per gli insegnanti, armadi e computer per migliorare la vivibilità a scuola e rendere più moderna la didattica. Il cuore grande dei cittadini di Bagnacavallo, realtà del Ravennate, si è aperto nei confronti dei tanti piccoli settempedani che frequentano l’Istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi” e del Comune di San Severino Marche. Nei giorni scorsi il vice sindaco, Giovanni Meschini, la referente della primaria del plesso di Cesolo, Maria Laura Callea, e il dirigente del Comprensivo, Sandro Luciani, hanno ricevuto in dono un campion carico di materiale acquistato grazie alla raccolta fondi “Aiutiamo San Severino Marche”. La consegna è avvenuta per mezzo del gruppo di Protezione civile di Bagnacavallo, accompagnato dal vicesindaco, Matteo Giacomoni, e da Cesare Giorgi, presidente della sezione Avis di Bagnacavallo, che ha coordinato la raccolta fondi. Insieme a banchi, sedie, cattedre, armati e computer, per un valore complessivo di 9mila euro, la ditta Natura Nuova di Bagnacavallo ha fatto arrivare in città alcuni bancali di succhi di frutta che sono stati consegnati anche in altri plessi scolastici di San Severino Marche. Grande soddisfazione è stata espressa dal coordinatore del gruppo di Protezione civile, Oriano Ballardini, “per il clima di amicizia che si è creato subito fra i volontari bagnacavallesi e i bambini, la responsabile della scuola e le autorità. Ora il progetto, promosso dalle associazioni e dal Comune di Bagnacavallo, proseguirà con l’obiettivo di acquistare altri tre armadi-casellario così da completare le cinque classi del plesso. Desideriamo ringraziare coloro che hanno partecipato all'iniziativa per aver creduto nel progetto e i bambini che abbiamo incontrato, perché con la loro semplicità e i loro messaggi di affetto sono riusciti a farci commuovere”. Alla raccolta fondi hanno contribuito le associazioni Amici dell'Abbondanza, Amici di Neresheim, Cercare la luna e Anpi, Avis, Comunicando e Pro Loco di Bagnacavallo, il centro sociale Il Senato, la Tenda della Pace e l'Arci Casablanca di Villanova, la Polisportiva di Rossetta, la ditta A. Minardi e Figli di Bagnacavallo, l'associazione L'Incontro e il Consiglio di Zona di Villa Prati assieme a privati cittadini.    

Unimc protagonista in Argentina

Unimc protagonista in Argentina

Anche l’Università di Macerata partecipa alle “Giornate Cuia in Argentina 2017”, l'annuale manifestazione del Consorzio Universitario Italiano per l’Argentina in corso fino al 6 maggio a a Buenos Aires. Nelle attività di cooperazione scientifica e accademica tra l’Italia e il paese sudamericano, anche quest’anno l’Ateneo maceratese riveste un ruolo di primo piano presentando importanti iniziative. La professoressa Amanda Salvioni coordinerà la “Giornata della scuola in patrimonio culturale” quest’anno dedicata al tema "Le relazioni culturali fra Italia e Argentina: viaggi reali e immaginari". La giornata, che si svolgerà presso la Universidad del Salvador di Buenos Aires, vedrà presenti importanti studiosi argentini e italiani in dialogo fra loro sui temi della ricezione e circolazione delle letterature e degli immaginari culturali fra i due paesi.   Unimc partecipa anche con un progetto di ricerca, vincitore del bando Cuia 2017, coordinato da Gennaro Carotenuto, dal titolo "Il discorso sui diritti umani fra Italia e Argentina come patrimonio culturale". Infine, in occasione delle Giornate, saranno siglati accordi con il Conicet, corrispettivo del Cnr argentino, per il cofinanziamento di progetti di ricerca congiunti, e con la Secretaría de políticas universitarias, emanazione del Ministero dell'Educazione argentino, per il riconoscimento dei titoli di studio e il regolamento sui dottorati in cotutela fra università italiane ed argentine.

Recanati: premiata la scuola Patrizi per il logo contro il gioco d'azzardo

Recanati: premiata la scuola Patrizi per il logo contro il gioco d'azzardo

“Da una sconfitta si può solo che imparare. Siamo noi ad essere consapevoli della nostra vita” è lo slogan del logo vincitore del bando promosso dall'amministrazione comunale di Recanati per contrastare il gioco d'azzardo. Ad elaborarlo è stata la scuola secondaria di primo grado Patrizi dell'Istituto Comprensivo B. Gigli alla quale è andato il contributo di 1000 euro. Il logo, ideato dall'alunno Mattia Accattoli della III D, d'ora in poi contrassegnerà tutte le iniziative nell'ambito del progetto "Game over, non azzardo con l'azzardo" lanciato dall'Assessorato ai servizi sociali unitamente a quello delle Culture e pubblica istruzioni guidati rispettivamente da Tania Paoltroni e Rita Soccio. La cerimonia di premiazione si è svolta questa mattina alla presenza del sindaco Francesco Fiordomo, dell'assessore Rita Soccio, degli alunni, degli insegnanti e dei dirigenti scolastici Giovanni Giri e Giuseppe Carestia. Il logo che si è classificato al secondo posto, caratterizzato dal motto "No alle slot" elaborato dall'alunna Federica Ronzitti della III B, è della secondaria di primo grado San Vito dell'Istituto comprensivo Badaloni a cui è andato un contributo di 500 euro. Terzo classificato e degno di menzione è il logo proposto dalla secondaria di primo grado della Patrizi intitolato "Abbattiamo il gioco d'azzardo" ideato dall'alunna Lucrezia Taffi della III D. Massiccia la partecipazione al bando con l'invio di ben 64 elaborati che sono stati sottoposti alla valutazione della giuria tecnica composta da esperti nell'ambito della comunicazione e della grafica, appartenenti all’Associazione “Riviera del Conero e Colli dell’Infinito” con presidente della commissione il dott. Massimiliano Paolucci. Il progetto “Game Over – Non azzardo con l’azzardo”, è finalizzato alla prevenzione e al contrasto del gioco d’azzardo patologico e prevede la realizzazione di un’azione di sensibilizzazione nei confronti del mondo della scuola. Tra i vari interventi messi in atto, oltre al bando relativo al Logo, si ricorda anche la conferenza - spettacolo che si è svolta al Teatro Persiani alla presenza di oltre 300 alunni promossa dalla società Taxi di Torino dal titolo "Fate il nostro gioco, perdere è matematico" in cui si è utilizzata la matematica come forma di prevenzione nel contrasto alla ludopatia.

Unicam: il progetto "Pensy" selezionato dalla Regione Marche per il Regiostars Awards 2017

Unicam: il progetto "Pensy" selezionato dalla Regione Marche per il Regiostars Awards 2017

Ancora un importante riconoscimento per la ricerca di eccellenza Unicam. Il progetto “Nuovo polo didattico sperimentale a Montelupone", realizzato dallo spin off Pensy – Pro Energy Systems, è stato selezionato dalla Regione Marche come unico rappresentante regionale al “RegioStars Awards 2017” nella sezione “Energy Union: climate action”. Il concorso RegioStars Awards, promosso ogni anno dalla Commissione europea e dedicato ai progetti finanziati dai fondi strutturali europei, intende premiare le buone pratiche e le iniziative finanziate dalla Politica regionale, individuando i progetti innovativi capaci di ispirare altre Regioni europee. Il progetto del polo scolastico situato a San Firmano, nel comune di Montelupone, nasce dalla collaborazione tra lo spin off Unicam e l’amministrazione comunale. Il complesso si articola in una scuola materna che ospita circa 25 bambini e in un parco pubblico attrezzato di 5.000 metri quadrati: un involucro altamente performante, sonde geotermiche per il riscaldamento e impianto fotovoltaico per il condizionamento ne fanno un esempio di progettazione integrata sostenibile. “Siamo estremamente orgogliosi – ha dichiarato l’arch. Angela Giovanna Leuzzi, amministratore delegato dello spin off Pensy e docente della Scuola di Architettura e Design “E. Vittoria” di Unicam – di questo importante risultato, che conferma la qualità del progetto, già considerato dalla Regione Marche esempio di buona pratica per quanto riguarda l’efficienza energetica negli edifici pubblici, da replicare anche per altri interventi pubblici italiani, tanto che proprio la Regione Marche lo ha inserito nella sezione Buone Pratiche all’interno del portale dedicato ai Fondi Europei”. In occasione del 60° Anniversario della Firma dei Trattati di Roma, poi, l’Agenzia per la Coesione Territoriale ha inserito il progetto del “Polo Sperimentale Didattico Montelupone” tra i 60 progetti selezionati tra quelli cofinanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento dell’Unione Europea, che sono stati protagonisti di una campagna di comunicazione volta a raccontare le realizzazioni concrete delle politiche europee in Italia per migliorare la conoscenza e la percezione dell'utilità dei finanziamenti dell'UE. La cerimonia di premiazione del RegioStars Awards si terrà a Bruxelles il prossimo mese di ottobre, durante la Settimana europea delle regioni e delle città 2017.

"Tra palco e realtà": gli studenti mettono in scena l'era di lnternet

"Tra palco e realtà": gli studenti mettono in scena l'era di lnternet

"Tra palco e realtà" è un'azione di prevenzione ideata e promossa dalla Polizia di Stato, dal Dipartimento Dipendenze Patologiche AV3 Asur Marche e dal Garante Regionale per l'Infanzia. Il progetto è dedicato alla prevenzione dei comportamenti inadeguati e dei pericoli legati a Internet e nuovi media, quali dipendenze, cyberbullismo, predazione sessuale, gioco d'azzardo, acquisti illegali o pericolosi, abuso e cattivo uso dei social, estorsione dati sensibili. Un universo esteso e complicato di problematiche con cui quotidianamente tutti ci troviamo a fare i conti e in particolare su cui i più giovani rischiano di inciampare, con conseguenze che possono essere drammatiche quando sottovalutate. Lo dimostrano svariati casi di cronaca e il numero sempre maggiore di denunce per reati compiuti su "mezzi tecnologici".   L’iniziativa è partita ad autunno scorso, con un’attività informativa/didattica in cinque scuole secondarie di primo grado della Provincia di Macerata (Dante Alighieri di Macerata, Badaloni e Gigli di Recanati, …………….). In questa prima fase gli esperti della Polizia di Stato, del Dipartimento Dipendenze, hanno realizzato incontri informativi utili ad stimolare interesse e comprensione, allo scopo di ottenere nella fase creativa una maggiore profondità di analisi e consapevolezza riguardo a i fenomeni dell'era digitale, delle risorse e dei pericoli da cui sono caratterizzati.   Giunti ora alla fase conclusiva, l’iniziativa si pone l’obiettivo non solo di sensibilizzare gli studenti delle scuole, ma introducendo una innovativa e coinvolgente metodologia, assurgendo i ragazzi al ruolo di attori e stimolando un percorso interattivo e creativo, con l’uso del linguaggio teatrale, tenterà di portare un messaggio alle famiglie, che saranno presenti agli spettacoli al personale docente delle scuole che ha collaborato all’organizzazione delle rappresentazioni ed a tutti gli spettatori. Gli spettacoli si svolgeranno in primis con una rappresentazione teatrale eppoi con altri approcci artistici, attivati grazie alla guida dei docenti, in ambito musicale, video, poesia, disegno.   Domani, venerdì 21 aprile 2017, oltre 170 studenti della scuola media inferiore "Dante Alighieri" di Macerata saliranno sul palco del Teatro Don Bosco per rappresentare con recitazione, musica e video i pericoli della Rete e delle nuove tecnologie. Lo spettacolo sarà duplice, alle 10 per i compagni di scuola, e alle 18,30 aperto anche alle famiglie ed alla cittadinanza. Venerdì al Don Bosco si assisterà ad una serie di performance di diverso tipo, che articoleranno oltre un'ora di spettacolo. La performance principale, quella che parteciperà al concorso con le altre scuole, è ovviamente quella prettamente teatrale. Il teatro è stato scelto quale linguaggio di espressione e fascinazione che mai come oggi appare utile valorizzare, proprio opponendolo alle insidie individualistiche delle tecnologie, mettendo in luce la sua impareggiabile capacità di creare divertimento, relazione, e di attivare riflessione critica e creativa. Un lavoro che ora si andrà a svelare, un po' alla volta, in un itinerario di eventi che parte il 21 aprile a Macerata ma si snoda per oltre un mese per raggiungere le altre scuole coinvolte: venerdì 28 aprile al Teatro Persiani a Recanati con le scuole "Gigli" e "Badaloni", martedì 9 maggio al Teatro Cecchetti di Civitanova Marche con i ragazzi del "Tacito", venerdì 12 maggio al Teatro Spirito Santo di Tolentino con la scuola "Lucatelli". Infine venerdì 26 maggio 2017 ritorneremo a Macerata, nella vetrina esclusiva del Teatro Lauro Rossi per la serata finale che prevede le premiazioni delle opere più significative. Le opere saranno poi utilizzate in nuove azionie diversi contesti, nella speranza siano in grado non solo di parlare ai ragazzi, ma anche ai loro genitori, che sovente sono altrettanto impreparati riguardo le insidie della Rete, ma loro è primariamente il compito di accompagnare i figli in un difficile percorso di uso moderato e consapevole.   "Tra Palco e Realtà" è dunque un'azione ambiziosa di educazione digitale, che coinvolge tutto il tessuto sociale, e questo è stato reso possibile grazie al patrocinio dei comuni di Macerata, Recanati, Tolentino, Civitanova Marche e alla collaborazione di associazioni culturali e di promozione sociale: Rotary Club Matteo Ricci Macerata, Glatad, Aiart, Compagnia Calabresi Tema Riuniti, Play Marche. I registi teatrali coinvolti sono Lucia De Luca per Macerata, Laura De Sanctis per Tolentino, Roberto Tanoni per Recanati e Vanessa Spernanzoni per Civitanova Marche.      

20/04/2017
Gli studenti dell'Istituto Ricci studiano l'agro-alimentare per il mercato tedesco all'interno della SiGi

Gli studenti dell'Istituto Ricci studiano l'agro-alimentare per il mercato tedesco all'interno della SiGi

Conoscere il mondo del lavoro, sviluppare la creatività, apprezzare i valori del proprio territorio e approcciarsi al mercato internazionale e in particolare a quello della Germania, sono questi gli obiettivi del progetto Unternehmen Deutsch (Piazza Affari tedesco) organizzato dal Goethe Institut per gli alunni che studiano il tedesco e a cui l’indirizzo Turismo dell’ IIS Matteo Ricci partecipa per il quarto anno consecutivo. L’attività viene realizzata in collaborazione con le aziende del territorio e quest’anno i ragazzi della classe terza N hanno rivolto la loro attenzione al settore agro-alimentare del Maceratese approfondendone le potenzialità per il mercato tedesco. Dopo una fase iniziale di conoscenza delle produzioni locali e del mercato online di prodotti alimentari italiani in Germania gli studenti della classe 3N hanno scelto l’azienda SiGi di Macerata che ha accolto e sostenuto i ragazzi nel loro progetto attraverso una visita aziendale e vari incontri, la classe ha poi approfondito l’analisi con ricerche online e consultando anche un blogger di cucina italiana che è notoriamente molto apprezzata in Germania. Il primo incontro dei i ragazzi del Matteo Ricci presso la SiGi che si è svolto a febbraio ha decretato un amore a prima vista tanto che i ragazzi vengono descritti dai titolari della SiGi come giovani ardenti e innovativi, carichi di voglia di fare, di assaggiare di condividere e trasmettere positività. Da parte loro i ragazzi hanno subito compreso e apprezzato i valori che la visita aziendale da SiGi è riuscita a trasmettere: passione, volontà, curiosità, ricerca e soprattutto amore per le proprie radici. Valori che difficilmente si acquisiscono rimanendo sempre tra i banchi di scuola e che solo con l’esperienza e l’emozione rimangono ancorati in profondità. Per gli alunni del Matteo Ricci si è trattato di un vero e proprio viaggio alla scoperta dei valori e dei sapori del territorio, sapori antichi e genuini che sicuramente potrebbero trovare un maggiore apprezzamento anche nel mercato estero. Anche in classe l ’attività si è svolta in modo interdisciplinare e l’idea per il mercato tedesco, che i ragazzi hanno sviluppato insieme alle loro insegnanti, è la realizzazione di “SiGi- SiBi” nuove confezioni studiate ad hoc per la realizzazione di serate italiane in cui i prodotti SiGi vengono abbinati ai prodotti dei Sibillini, tra questi naturalmente il Ciauscolo, il pecorino e aperitivi, il tutto realizzato con prodotti locali che i ragazzi hanno voluto scegliere tra quelli delle aziende colpite dal terremoto. Gli obiettivi del progetto a cui si è lavorato durante tutto l’anno scolastico sono stati raggiunti: formare i ragazzi dell’indirizzo turismo a pensare in un’ottica internazionale e a sviluppare le loro competenze in lingua tedesca in situazioni reali legate al territorio e alle sue migliori produzioni, promuovendo un turismo sostenibile in grado di valorizzare l’ambiente, i sapori e le tradizioni locali, ma il lavoro continua e si concluderà presto con la realizzazione di uno spot pubblicitario in lingua tedesca per le Marche e i suoi prodotti.      

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433