Cingoli

Cingoli, domenica 23 dicembre torna la magia del presepe vivente

Cingoli, domenica 23 dicembre torna la magia del presepe vivente

A Cingoli tutto pronto per la quarta edizione presepe vivente itinerante di domenica 23 dicembre ore 17 i ragazzi del catechismo e dell'oratorio, gli allievi della scuola di musica “Cerquetelli” e gli alunni dell'Ipseoa “Varnelli” di Cingoli  saranno protagonisti di un evento unico nel suo genere, un presepe vivente arricchito da musica parole e ballo. Ventisei scene, centocinquanta comparse animeranno i suggestivi vicoli di uno dei “borghi più belli d’Italia”. L'ingresso quest'anno sarà dalla Porta principale del paese, Porta Pia, dalla quale le ragazze del settore turistico dell' alberghiero accompagneranno i visitatori in questo viaggio nel tempo, denso di significato e davvero emozionante, sempre seguendo una luce nel cielo che illuminerà il loro cammino. Le rappresentazioni saranno a ciclo continuo ogni 10 minuti e l'intera visita durerà 45 minuti circa dalle 17 alle 20. Al termine di ogni visita ,in piazza Risorgimento, i visitatori saranno accolti con dolci tentazioni natalizie preparate dall’ Associazione Sant’ Esuperanzio e dall’ Avis di Cingoli in collaborazione con la Proloco di Cingoli.  

22/12/2018
Volley, La Del Mastro Cingoli batte la Futura Tolentino e abbandona l'ultimo posto portandosi sesta

Volley, La Del Mastro Cingoli batte la Futura Tolentino e abbandona l'ultimo posto portandosi sesta

Del Mastro Cingoli 3-1 Rhutten Futura Tolentino Parziali: 20-25, 25-23, 25-23, 25-22 Del Mastro Cingoli: Barbetti (L), Bartoloni, Campana, Castaldi, Coppari, Liberati, Lapadula, Lombardi, Marasca, Marchegiani, Rotaru, Tittarelli. All. Castaldi - Aquili RHUTTEN FUTURA Tolentino: Bettucci, Vicomandi, Sabbatini, Morgoni (L), Menghini, Mancini, Canaletti, Sagripanti, Salvatori, Tosti Lattanzi, Crocetti. All. Innocenzi Arbitro: Principi  La Del Mastro Auto Cingoli scaccia la crisi e batte la Futura Tolentino. Le ragazze di Castaldi e Aquili ottengono così la terza vittoria in assoluto in Serie D Femminile di pallavolo. Finalmente le cingolane riescono a vincere dopo un lungo periodo, caratterizzato da poche soddisfazioni e prestazioni poco brillanti. Nel primo set, la Del Mastro manifesta i soliti problemi in fase di costruzione del gioco, di conseguenza gli attacchi sono sterili e il livello di gioco è al di sotto delle aspettative. Anche in difesa la squadra non brilla per prontezza e agonismo: ne viene fuori un parziale condotto senza troppi patemi da Tolentino, che dal canto suo può contare in una fase difensiva ben organizzata e ben interpretata dalle giovani tolentinati. Da segnalare l’ottima prestazione del libero Morgoni e dell’alzatrice Bettucci, capaci quasi sempre di organizzare e mettere a proprio agio le loro attaccanti. Nel secondo set mister Castaldi mischia le carte, inserendo a sorpresa Paola Coppari come opposta e Silvia Tittarelli. La squadra così rimodellata riesce ad essere più compatta e ordinata, la fiducia cresce e praticamente tutta la rosa viene abilmente coinvolta dagli allenatori per portare a casa il risultato nei tre set successivi, che vengono condotti in fotocopia dalla Del Mastro. “Ci auguriamo – ci dice il vice allenatore Simone Aquili - che questa vittoria dia fiducia a questo gruppo di ragazze. Devono intravedere da questa prestazione la possibilità di rimanere nella categoria. Servirà però più coraggio e la voglia di osare a fare meglio su ogni palla.” Le migliori sei sono le tolentinate Morgoni e Bettucci insieme alle cingolane Tittarelli, Coppari, Liberati e Barbetti. La Del Mastro ora scaccia l’ultimo posto ed è sesta a 10 punti, un punto dietro la Cgf Pranzetti e due dietro Emmont Volley. Sabato prossimo, 22 dicembre, Campana e compagne affronteranno il Le Ali Montegranaro, quarto a 16 punti. Appuntamento al PalaQuaresima alle ore 18.00. Per continuare un sogno chiamato Serie D.

21/12/2018
Apiro, carabinieri a scuola per parlare di cyberbullismo

Apiro, carabinieri a scuola per parlare di cyberbullismo

Nella mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Apiro, nell’ambito del progetto “Diffusione della cultura della legalità" hanno incontrato gli alunni della scuola Media “Coldigioco” per affrontare il delicato tema dei pericoli della “Rete Internet” e del Cyberbullismo”.   La dirigenza scolastica aveva accolto favorevolmente l’iniziativa alla quale hanno partecipato gli alunni delle 3 classi delle Medie Inferiori.   Certamente i temi hanno destato interesse nei ragazzi i quali, pur essendo “nativi digitali”, erano all’oscuro di pericoli che si nascondono nelle pieghe della rete. Gli incontri su tutto il territorio e su temi d’interesse per gli Istituti Scolastici, proseguiranno per l’intero anno scolastico.

Pallamano, sconfitta a testa alta per Cingoli in casa dell'Euromed Mugello

Pallamano, sconfitta a testa alta per Cingoli in casa dell'Euromed Mugello

Euromed Mugello 22-20 Cingoli (12-9) Mugello: Dallai, Gargani 5, Gorelli 3, Gori, Landi, Lapi E., Lapi M. 2, Raguzzi, Ricceri 1, Salemme 5, Santoni 3, Simoni 3, Zanieri, Guidoni, Lapi A., Gosani. All. Volterrani Cingoli: Battenti, Bartolucci 4, Cappelli 1, Ciattaglia, Cipolloni 6, Cristalli 4, Faris, Lenardon 1, Torelli 3, Turki 1. All. Analla Arbitri: Passelli – Rinaldi  Alla fine l’Euromed Mugello vince 22-20, ma Cingoli ne esce a testa alta, combattendo fino alla fine e penalizzata da una rosa cortissima. Le ragazze di Analla scivolano al quinto posto del girone C di Serie A2 Femminile di pallamano, superate proprio dalle toscane.   Nel primo tempo c’è grande equilibrio tra le due squadre. La Polisportiva riesce a portarsi sul +4 con 3 reti di Cipolloni e una di Cristalli, 4-8. Le toscane rispondono con un contro-break di 6-0 con Maddalena Lapi, Salemme, Gorelli, Simoni e due volte Gargani, punteggio sul 10-8. Lenardon accorcia, ma Salemme e Gargani chiudono la prima frazione sul 12-9. Nella ripresa Mugello si fa rimontare, ma alla fine riesce ad avere la meglio; le cingolane, in vantaggio a 4 minuti dalla fine, non riescono a piazzare il colpaccio. Ad inizio tempo, Torelli, Cipolloni e Bartolucci riportano in parità la sfida (12-12). Le locali tornano a +3 trascinate da Maddalena Lapi, Gargani e Simoni, parziale sul 15-12. Turki riduce il gap, ma l’Euromed arriva ad un massimo di +5, con le giocate di Santoni e Salemme (18-13). Cingoli non molla e accorcia prima di due reti con Cappelli e Cipolloni, poi, sul 19-15, mette in fila cinque punti con Bartolucci, Cristalli, Torelli, ancora Bartolucci e ancora Cristalli, parziale sul 19-20 a 5 minuti dalla fine della partita. Salemme pareggia i conti, i mister Volterrani e Analla si sfidano a colpi di timeout. Ad avere la meglio è la squadra di casa, che chiude i giochi con Raguzzi e Santoni, sfruttando qualche errore di troppo delle cingolane. L’Euromed Mugello vince 22-20 contro la Polisportiva Cingoli e chiude il girone d’andata al quarto posto, sopravanzando le cingolane. La squadra di Analla può comunque ritenersi soddisfatta per non aver mollato  aver tentato di vincere fino al 60’. Top scorer della gara Sofia Cipolloni con 6 reti, seguita a 5 da Gargani-Salemme e a 4 da Sara Bartolucci e Francesca Cristalli. La classifica vede in testa l’Alì Mestrino con 16 punti a punteggio pieno, seguita a 14 dalle Marconi Jumpers. Terzo posto per le Tushe Prato a 11, seguite a 9 dall’Euromed Mugello. Cingoli chiude il 2018 al quinto posto con 8 punti, a pari merito con la Cellini Padova. Dopo le vacanze natalizie, sarà proprio la sfida esterna contro le venete ad aprire il girone dei ritorno, per la partita prevista per il 26 gennaio.

18/12/2018
Pallamano, Serie A: la Polisportiva Cingoli si arrende di misura a Bolzano

Pallamano, Serie A: la Polisportiva Cingoli si arrende di misura a Bolzano

La capolista Bolzano batte di misura la Polisportiva Cingoli targata Santarelli, favorita da due decisioni arbitrali discutibili. A 60 secondi dalla sirena, infatti, i cingolani erano in vantaggio 24-23, dopo una delle migliori prestazioni stagionali contro la corazzata di Dvorsek, nella dodicesima giornata di Serie A Maschile di pallamano.  Ad inizio primo tempo gli ospiti sembrano confermare il pronostico, ma si sa che al PalaQuaresima è vietato rilassarsi. Gli alto-atesini piazzano il +3 sul 1-4 e poi il +4 sul 2-6 nei primi cinque minuti. Due reti di Alvarez riportano la Polisportiva sul -2 (4-6). Nocelli risponde a Gaeta, poi i segnapunti regalano un gol al Bolzano, quando i direttori di gara avevano fischiato fallo (5-8). Un super Strappini tiene a galla Cingoli sul 7-9. Il capitano cingolano risponde con due reti ad Halilkovic, parziale sul 9-10. La partita a questo punto diventa equilibrata. Colleluori si supera su Turkovic. Garroni ribatte la rete di Sonnerer, poi Halilkovic, Brzic e Sonnerer portano il Bolzano sul 10-14. Segue una fase in cui i portieri sono protagonisti: Volarevic chiude lo specchio su Garroni e Matijasevic, Colleluori respinge le occasioni di Halilkovic e Brzic. Cingoli, nonostante la traversa di Nocelli, riesce a recuperare due reti con Randes e Nocelli, così il primo tempo termina 12-15.  Si riprende molto tempo prima di giocare, poiché probabilmente gli arbitri hanno verificato il gol “fantasma” assegnato alla capolista dai segnapunti. Amendolagine e Potenza ravvisano l’errore e il punteggio diventa 12-14. La partita così cambia completamente volto. Il PalaQuaresima diventa una bolgia e Cingoli viaggia sulle ali dell’entusiasmo. Sporcic ristabilisce il 12-15 dopo il palo di Nocelli, ma la Santarelli piazza un break di 4-0 firmato Alvarez, doppio Strappini e Mangoni che ribalta il parziale sul 16-15 al 35’, grazie anche alle parate di Colleluori su Turkovic e compagni. Volarevic si supera su Randes, Sonnerer pareggia ma Randes conferma il +1 (17-16). Bolzano comincia a sbagliare troppo, la Polisportiva fallisce il +2 con la traversa Mangoni. Halilkovic firma il pari, ancora Randes ristabilisce il vantaggio (18-17). Gli alti-atesini tornano avanti grazie a Gojani e Turkovic, due parate di Colleluori evitano un passivo peggiore (18-19). Gli ospiti riescono a portarsi poi sul +3 sul 19-22, sfruttando anche la sfortuna cingolana, con Randes a colpire la traversa sul 19-19. Sul 20-23 a 7 dalla fine, la Polisportiva realizza un fantastico 4 a 0, trascinata dalla bolgia del PalaQuaresima, con le reti di Strappini, Randes e Mangoni (2), al 57’ il risultato è di 24-23. Gentilozzi rileva Colleluori ed è decisivo in almeno 4 occasioni. Accade quindi l’impensabile. A 2 minuti dalla fine, Strappini riceve un due minuti che ci poteva stare ma che è eccessivamente severo, che costringe Cingoli a terminare la gara con un uomo in meno. Bolzano non riesce a pareggiare e imbatte sulla traversa. A 53 secondi dalla fine, gli arbitri sospendono Alvarez per un normale contrasto di gioco, lasciando la Polisportiva in doppia inferiorità numerica. Gli ospiti pareggiano i conti, 24-24. La Polisportiva cerca allora di mantenere il possesso palla. Gli alti-atesini commettono fallo su Ilari, gli arbitri lasciano incredibilmente correre, in ripartenza Gaeta segna il 24-25 a meno 2 secondi dalla sirena. Il PalaQuaresima non può credere alla seconda beffa consecutiva in casa.  Bolzano passa 24-25 a Cingoli. Alla vigilia questo sarebbe stato un risultato insperato per i ragazzi di Nocelli, per l’occasione squalificato: per come è maturato, è tanta l’amarezza in giocatori, dirigenti e tifosi, che stavano pregustando l’impresa. Sono almeno due i punti che mancano per via di decisioni arbitrali estremamente discutibili. Favorendo sempre le squadre più “potenti”, a livello di blasone e di peso societario, il movimento pallamanistico italiano non crescerà mai. La Polisportiva ha comunque disputato la migliore prestazione stagionale, meritandosi gli applausi del calorosissimo pubblico, che potrebbe far invidia a qualsiasi altro Palazzetto d’Italia. Top scorer della gara un immenso capitan Diego Strappini con 7 reti, seguito da Randes (in crescita continua), Turkovic e Halilkovic a 5. Migliore in campo Ema Alvarez, autore di una prestazione di esperienza, 3 reti ma tanto gioco e assist per i compagni. Da segnalare anche la buona prestazione di Mangoni, ancora non ai livelli della passata stagione ma comunque in miglioramento. Cingoli resta penultima con 7 punti, a pari merito con Merano, impegnato oggi a casa del Conversano. Ora ci saranno le vacanze natalizie. I cingolani torneranno in campo il 12 gennaio al PalaChiarbola di Trieste, dove affronteranno l’Alabarda, società più titolata d’Italia con 17 scudetti. Cingoli 24-25 Bozen (12-14) Cingoli: Gentilozzi, Colleluori, Danti, Ilari, Garroni 1, Nocelli L. 4, Mangoni 4, Camperio, Trillini, Latini, Strappini 7, Alvarez 3, Randes 5, Matijasevic, Ciattaglia D., Chiaraberta. All. Nocelli N. (squalificato, in panchina Ciattaglia S.) Bozen: Volarevic, Brzic 1, Gaeta 2, Innererben, Kammerer 1, Pircher, Sonnerer 4, Sporcic 2, Turkovic 5, Udovcic, Arcieri 2, Matha 2, Halilkovic 5, Viehwieder, Gojani 1. All. Dvorsek  Arbitri: Amendolagine - Potenza  

17/12/2018
Cingoli, Auditorium Santo Spirito: grande partecipazione alla presentazione del libro "Il Sorriso del Cuore"

Cingoli, Auditorium Santo Spirito: grande partecipazione alla presentazione del libro "Il Sorriso del Cuore"

Quando i sogni si realizzano all’inizio si resta increduli, si vuole esser certi che ciò che abbiamo voluto, sperato e sudato ora è realtà. Quando poi percepiamo che tutto ciò accade realmente, subito la commozione prende il sopravvento e di seguito vogliamo che tutti sappiano, vogliamo rendere gli altri partecipi del prodigio. Questo è ciò che è accaduto durante la realizzazione del libro “Il Sorriso del Cuore” di Jonathan Arpetti, la storia di una giovane volontaria della Croce Rossa di Cingoli morta a 19 anni. Quel 3 febbraio 2007, il suo cuore malato si è fermato, ma sembra continuare a battere forte e instancabile. Se n'è avuta la prova durante la presentazione del libro. Più di cento persone presenti all’Auditorium Santo Spirito. Presente l’assessore alla cultura Martina Coppari che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale. Intorno alla platea i sei ritratti realizzati dall’artista Roberto Broglia, che ritroviamo all’interno del libro, sintetizzavano visivamente la vita di Vittoria. Durante la serata la moderatrice Daniela Perroni ha intervistato l’autore Jonathan Arpetti e insieme hanno immerso il pubblico nelle meravigliose pagine del libro. Non sono mancati momenti di forte commozione nel rivivere la storia di questa ragazza che con la sua vita ha dimostrato che tutto ciò che abbiamo è un dono che dobbiamo condividere con gli altri. Lei, seppur con la sua malformazione al cuore, non si è mai tirata indietro nell’aiutare gli altri e soprattutto nel saper donare un Sorriso. Il suo poi era un sorriso terapeutico, che faceva ritrovare in chi lo riceveva la serenità. Era anche e un sorriso coinvolgente, se stavi con lei non potevi non sorridere. In questo libro l’autore ha saputo cogliere e trascrivere l’essenza di Vittoria. Scrivere di una persona che non c’è più fisicamente non è facile, ma il sentirla viva in chi le ha vissuto accanto lo ha aiutato a ricostruire la sua vita e il suo essere. Vittoria ha rubato il cuore anche a chi non la conosceva, di seguito una frase trovata nel diario tenuto davanti la porta della rianimazione “ Ciao Vittoria… io non ti conosco, ma penso tu sia una ragazza speciale… lo deduco da tutte le persone che ti vengono a trovare, che si fermano davanti alla tua stanza per ore e ore, pur di starti vicino. Ti auguro di riprenderti presto… un bacio”. Il libro non rappresenta un traguardo, come ha ricordato il Presidente della Croce Rossa, Maurizio Massaccesi, ma l’inizio di un nuovo Progetto Vittoria. Con il ricavato, verrà finanziata un’iniziativa a sostegno di attività legate ai giovani, inerente l’arte figurativa, con una ricaduta nel nostro territorio. Il libro si può acquistare presso i seguenti punti: Cartoleria Fufi di Cingoli, Tabaccheria/Edicola Palpacelli Mirko di Cingoli; Tabaccheria/Edicola Corinaldi Claudio di Cingoli; Tabaccheria Paccusse Eva di Mummuiola; Cartolibreria L’Edicola di Villa Strada; Cartoleria Masciani Stefania a Grottaccia; ATC Pro Loco Cingoli.

15/12/2018
La Polisportiva Cingoli premiata con la Stella di Bronzo del Coni

La Polisportiva Cingoli premiata con la Stella di Bronzo del Coni

La Polisportiva Cingoli è stata insignita del prestigioso riconoscimento della Stella di Bronzo al merito sportivo del CONI. Ieri, 13 dicembre, infatti, alcuni dirigenti della società hanno ritirato l’onoreficenza nell’ambito della Festa dello Sport a Macerata. Domani, inoltre, la squadra di Serie A Maschile di pallamano del main sponsor Santarelli sfida la capolista corazzata Bolzano.  Ieri sera, 13 dicembre, il direttore sportivo Gastone Corti e il segretario Mirco Mazzieri hanno ricevuto, per mano della delegazione provinciale CONI, la Stella di Bronzo al merito sportivo per i risultati ottenuti nella passata stagione, con le tre promozioni della squadra maschile di pallamano (Serie A1), femminile di pallamano (Serie A1) e Femminile di pallavolo (Serie D). “Questo riconoscimento – ha commentato il presidente della Polisportiva Cingoli, Simone Ciattaglia, - è il simbolo di una storia di impegno, di crescita e di successi.” Archiviata la soddisfazione per il premio, continua il campionato di Serie A Maschile di pallamano con la penultima giornata di andata. Domani, sabato 15 dicembre, arriva al PalaQuaresima il Bolzano, attuale capolista del girone unico. La Polisportiva Cingoli targata Santarelli, reduce dalla vittoria esterna contro il Bologna, sfida gli alto-atesini, veri protagonisti degli ultimi anni della pallamano italiana con 4 scudetti, 3 Coppe Italia e 3 Supercoppe. Finora la squadra di mister Dvorsek ha fatto un percorso quasi perfetto: 10 vittorie, 1 pareggio e 4 punti di margine sul Conversano secondo. Nella rosa spiccano il portiere croato Volarevic, il terzino sinistro della Nazionale italiana Dean Turkovic, l’ala destra Sonnerer e il nuovo pivot bosniaco Halilkovic. Inoltre, si sta ritagliando buoni spazi Stefano Arcieri, grande ex della sfida, nell’organico cingolano nella passata stagione. Nei due precedenti tra le squadre, risalenti ai play-off scudetto della passata stagione, gli alti-atesini si sono affermati sia a Bolzano che a Cingoli.                                                                                                                La Polisportiva scende in campo con la testa libera: sono arrivati 3 punti tra Bressanone in casa e Bologna fuori, che hanno permesso agli uomini di Nocelli di riagganciare il treno salvezza. Non sono tuttavia al meglio Camperio, Alvarez e Randes per via di stiramenti muscolari.  Per quanto riguarda la Serie A2 Femminile di pallamano, le ragazze di Analla sfideranno l’Euromed Mugello in trasferta per cercare di ottenere la terza vittoria consecutiva e restare attaccate al treno promozione. La Serie D di pallavolo femminile, invece, vedrà impegnata la Del Mastro Auto nella sfida esterna contro la seconda squadra della Lardini Filottrano, per tornare a vincere dopo un periodo negativo.  

14/12/2018
Cingoli, al Teatro Farnese una lezione di storia contemporanea per gli studenti dell’Ipseoa Varnelli

Cingoli, al Teatro Farnese una lezione di storia contemporanea per gli studenti dell’Ipseoa Varnelli

Il Teatro Farnese di Cingoli gremito dagli studenti dell’Ipseoa Varnelli, lunedì 10 dicembre per una lezione di storia contemporanea e cittadinanza  tenuta da Giovanni Ricci, figlio dell'autista di Aldo Moro, ucciso insieme agli altri agenti della scorta nella strage di via Fani del 16 Marzo 1978, per mano armata delle brigate rosse.  Gli studenti attenti e commossi, dopo aver dedicato un minuto di silenzio alle vittime della tragedia di Corinaldo, hanno conosciuto e fatto proprie alcune pagine importanti di storia di fatti accaduti una quarantina di anni fa,di persone che hanno dato la loro vita per portare la legalità e la democrazia nel nostro paese.  “Per trent’ anni ho vissuto con un mostro dentro di me –ha spiegato Ricci – un mostro che si è materializzato quando, sulla pagina dell’edizione straordinaria di Repubblica, quel pomeriggio vidi la fotografia di mio padre riverso a terra, trivellato da sette colpi di arma da fuoco». Un bambino di undici anni, seduto in cucina assieme alla madre in attesa di andare a scuola, il quale una mattina, improvvisamente, viene gettato in mezzo a uno dei più tragici capitoli della Repubblica italiana.«Quella fotografia mi ha annientato e per anni mi sono sentito diverso da tutti, perché ero il figlio di un servitore dello Stato trucidato da un brigatista che in mio papà vedeva solo un servo dello Stato».Perdere il padre a quell’ età, e in quella mattinata nella quale 91 colpi di arma da fuoco rimbombarono tanto in via Fani, quanto a Montecitorio, dove si attendeva l’ insediamento del governo Andreotti IV che avrebbe decretato l’ avvicinamento della Democrazia Cristiana al Partito Comunista Italiano, significava per Giovanni Ricci anche la condanna a una adolescenza non normale.Si è trattato di una lezione che ha permesso agli studenti di focalizzare l’attenzione su uno dei protagonisti della politica italiana del secondo Novecento vittima di uno degli attacchi più feroci sferrati contro lo Stato italiano.  Nel silenzio più assoluto della gremita sala, Giovanni Ricci nel suo intervento ha raccontato ai ragazzi la sua esperienza di vita vissuta: “Avevo la vostra età quando mio padre Domenico, appuntato dei carabinieri, morì all'età di 43 anni nella strage di via Fani insieme a Oreste Leonardi e ai tre agenti di pubblica sicurezza Francesco Zizzi, Giulio Rivera e Raffaele Iozzino".  Un racconto volutamente ricco di dettagli famigliari e aneddoti "con lo scopo di ridare la giusta dignità alle persone che persero la vita nella strage del 1978, senza ridurre l'intera esistenza di tali persone alla giornata che ricorda le stragi attraverso la deposizione di una corona di fiori davanti ai monumenti dei caduti ma restituirla  ad una memoria costante” ha sottolineato Ricci. Significativi anche gli interventi della Dirigente dell’ Ipseoa Varnelli prof.ssa Maria Rosella Bitti, del sindaco di Filippo Saltamartinie del Colonello dei carabinieri Michele Robertiche hannosollecitato i giovani al rispetto delle regole e della legalità nella convinzione che la democrazia è un valore irrinunciabile e che nello stesso tempo occorre “fare memoria” del passato per “decidere” di essere oggi per la democrazia e per la difesa della libertà".    Ancora una volta a Cingoli, nell’ ambito del progetto “Cultura e legalità: responsabilità e diritti”, scuola, territorio e autorità insieme, in una sinergia positiva per un incontro che ha sicuramente lasciato un seme di conoscenza nelle giovani generazioni, che rappresentano il domani.    

Pallamano, Serie A2 femminile: Cingoli batte Ferrara al Pala Quaresima

Pallamano, Serie A2 femminile: Cingoli batte Ferrara al Pala Quaresima

È stata definitivamente archiviata la crisi delle ragazze di Serie A2 Femminile della Polisportiva Cingoli. Le Analla’s Girls, infatti, hanno battuto 33-28 l’Ariosto Ferrara al PalaQuaresima nella gara della seconda divisione di pallamano, ottenendo la seconda vittoria consecutiva.  Le cingolane nel primo tempo hanno più occasioni per scappare, ma le ferraresi riescono a restare in gara. Bartolucci e Cipolloni segnano subito le reti del 2-0. Lentini e Lo Biundo pareggiano i conti, Cipolloni riporta avanti le locali (3-2). Sul 4-3, Lo Biundo sbaglia un 7 metri, così Cipolloni e Velieri piazzano il +4 sul 7-3. Stampi accorcia, Velieri ribadisce l’8-4. Ferrara torna a -2 con Lo Biundo e Verrigni (8-6). Cingoli torna sul +3 grazie a Faris, Bartolucci e Lenardon, brave a rispondere agli attacchi ospiti, parziale sull’11-8. L’Ariosto non ci sta e riduce lo svantaggio con Whna e Lentini, tornando a -1 (11-10). Torelli riporta il +2, Lo Biundo e Whna ristabiliscono la parità a 7 minuti dalla fine del primo tempo, punteggio sul 12-12. Sul 13-13, Lenardon e Torelli segnano i gol del 15-13, con in mezzo un errore ospite dai 7 metri. Nel finale, la Polisportiva mantiene una rete di vantaggio, e così il primo tempo termina 16-15.  Nella ripresa, Cingoli parte forte, subisce la rimonta ferrarese, ma alla fine riesce a chiudere la gara. Francesca Cristalli segna subito due reti per il +3 (18-15). Lentini accorcia, Torelli ribadisce il 19-16. L’Ariosto torna pericolosamente a -1 grazie a Whna e Lentini (19-18). Roberta Velieri tiene a distanza di sicurezza le avversarie, che tuttavia tornano in parità con le reti della solita Whna e di Stampi, 20-20. Lentini risponde a Cipolloni, Whna a Bartolucci, si resta sul 22-22. Quindi la Polisportiva, a 20 minuti dalla fine, decide di prendere il largo. Si inizia con un break di 5-0 firmato Cipolloni, Velieri e Bartolucci, che fa volare Cingoli sul 27-22; quindi arriva il +6 grazie a due reti di capitan Cappelli (29-23). Così le padrone di casa riescono a gestire tranquillamente il vantaggio fino al 60’.  La Polisportiva Cingoli batte 33-28 L’Ariosto Ferrara e centra la seconda vittoria consecutiva. Sembra essere definitivamente superato il momento no delle ragazze di Analla dopo le sconfitte con Mestrino, Prato e Marconi Jumpers. Top scorer della gara una ritrovata Sofia Cipolloni con 9 reti, al pari della ospite Nina Whna, seguite a 7 da Lentini e a 6 dal duo Bartolucci-Velieri. In classifica, le cingolane restano al quarto posto con 8 punti; ora la vetta è distante 4 punti, dato che Mestrino (con una partita in meno) e Marconi Jumpers sono appaiate a 12 e seguite a 11 dalle Tushe Prato. Nella prossima giornata, Cappelli e compagne affronteranno in trasferta l’Euromed Mugello, quinta a 7 punti, per l’ultima giornata di andata, sperando che Marconi Jumpers e Tushe Prato, allo scontro diretto, possano rallentare.  Cingoli 33-28 Ariosto Ferrara (16-15) Cingoli: Battenti, Turki, Bartolucci 6, Cappelli 2, Faris 2, Ciattaglia, Lenardon 3, Velieri 6, Torelli 3, Barcaioni, Cipolloni 9, Cristalli 2, Marrocchi. All. Analla Ariosto Ferrara: Domi, Fantini 1, Whna 9, Verrigni 1, Ottani 1, Manzoni 1, Stampi 3, Lentini 7, Spasari, Lo Biundo 4, Pozzati 1. All. Brutos Arbitri: Fato – Guarini   

10/12/2018
Pallamano, la Santarelli Polisportiva Cingoli batte Bologna United

Pallamano, la Santarelli Polisportiva Cingoli batte Bologna United

La Santarelli Polisportiva Cingoli espugna il Pala Savena di Bologna e conquista due punti salvezza importantissimi, nell’undicesima giornata di Serie A Maschile di pallamano. I ragazzi di Nocelli hanno vinto 28-30 contro il Bologna United, al termine di una vera e propria battaglia. Già nel primo tempo si è capito che le due squadre si sarebbero date filo da torcere dal primo all’ultimo minuto. Randes e Strappini segnano le prime due reti del match. Racalbuto accorcia, Nocelli fissa l’1-3. Colleluori para su Racalbuto. Cingoli ha la palla del +3 con Strappini, Rossi salva e così Bologna riesce a recuperare il passivo: Cimatti e Savini firmano il 3-3 al quinto minuto. Nocelli ristabilisce il vantaggio ospite, Savini e Cimatti ribaltano il parziale (5-4). Sul 6-5, Randes e Nocelli riportano avanti la Polisportiva, grazie anche ai grandi interventi di Colleluori su Cimatti e Garau (6-7). I felsinei riescono, con un break di 3-0, a portarsi sul +2 con doppio Savini e Racalbuto al 13’, risultato sul 9-7. Racalbuto risponde a Strappini, Savini a Mangoni: è 11-9. Colleluori continua a tenere chiusa la porta, Alvarez accorcia però Savini vale il 12-10. Cingoli rimane sotto con Strappini, poi viene aiutata dal palo di Racalbuto e dalla traversa di Kovacevic. Nocelli firma il pareggio e Garroni piazza il sorpasso (12-13). Riccardi e Kovacevic pareggiano, ma Randes e Nocelli ribadiscono il 14-15. La Polisportiva riesce a conquistare il +2 al 27’ con Nocelli e Garroni (15-17) e può andare sulle tre lunghezze con lo stesso Nicolò, Rossi devia sul palo. Nel finale Kovacevic accorcia, Colleluori para su Bonassi ed evita il pareggio del parziale, che termina 16-17 a favore dei cingolani. Nella ripresa Cingoli riesce a scappare sul +5, Bologna prova a tornare sotto ma si ferma ad un massimo di -1. Ad inizio secondo tempo, la Polisportiva piazza quattro punti di fila con Alvarez, doppio Strappini e Randes, volando sul 16-21; nel mezzo Colleluori ipnotizza Savini dai 7 metri. Il numero 10 rossoblu si ferma sul palo, Nardo segna il -4 (17-21). Rossi miracoleggia su Randes, dall’altra parte Kovacevic e Martini valgono il 19-21. Al 38’ Randes ristabilisce il +3 (19-22). Nardo accorcia, tuttavia Nocelli e Randes portano la Polisportiva sul 20-24. Al 45’ il Bologna torna sul -2 con Tedesco e Nardo, Nocelli tiene la distanza di sicurezza sul 23-26. Strappini risponde a Kovacevic, Colleluori salva su Pasini. I locali non mollano e tornano a -1 grazie a Nardo e Riccardi (26-27). Cingoli resta concentrata e ribatte colpo su colpo: Savini replica a Strappini, parziale di 27-28. Ancora Nocelli e Randes riescono a portare la Santarelli sul 27-30 a 3 minuti dalla fine. Colleluori chiude due volte la porta a Nardo e Racalbuto. Randes si becca un due minuti discutibile, Savini ne approfitta per segnare il 28-30 a 120 secondi dal termine. Ancora una volta super Andrea Colleluori blinda il risultato, i compagni restano concentrati ed arrivano i due punti. La Santarelli Cingoli passa a Bologna al termine di una sfida emozionante. Il 28-30 finale premia l’aggressività e la voglia di vincere dei cingolani, alla seconda vittoria stagionale in trasferta. Per i rossoblu, la salvezza ora diventa un miraggio, dato che sono 5 i punti che distanziano i felsinei, ultimi a 2, da Merano, Gaeta e Cingoli a 7. La squadra di Nocelli sfata così il tabù Bologna, conquistando la prima vittoria su 12 incontri disputati. Top scorer della gara un insaziabile Lorenzo Nocelli con 9 reti, seguito a 8 da Savini e a 7 da Vincenzo Randes, protagonista di prestazioni in crescita nelle ultime gare. Da sottolineare anche l’ottima prova di capitan Strappini con 6 centri. Il migliore in campo è stato senza dubbio Andrea Colleluori, decisivo con 3 interventi salva risultato negli ultimi 5 minuti. Una folta rappresentanza cingolana ha trascinato Strappini e compagni alla vittoria, facendo fare bella figura al movimento pallamanistico del Balcone delle Marche davanti alle telecamere di SportItalia. Nella prossima partita, la Polisportiva ospiterà in casa il Bolzano, attuale dominatore del campionato al primo posto con 21 punti, frutto di 10 vittorie e un pareggio, tra le cui fila milita l’ex Stefano Arcieri.    

10/12/2018
Premiazioni finali Circuito "I Sentieri del Sole e dei Sapori", Avis Bike Cingoli trionfa

Premiazioni finali Circuito "I Sentieri del Sole e dei Sapori", Avis Bike Cingoli trionfa

Si sono tenute domenica scorsa a Roma le premiazioni finali del Circuito di Mountain Bike “I Sentieri del Sole e dei Sapori”, il maggiore circuito del fuoristrada pedalato del Centro Sud Italia. Un circuito che comprendeva ben sette gran fondo : I Sentieri dei Lupi – Collarmele (AQ) – Abruzzo Martani Superbike – Massa Martana (PG) - Umbria Antica Carsulae – Sangemini (TR) – Umbria 9 Fossi Mtb Race – Cingoli (MC) – Marche Marathon dei Colli Albani – Rocca di Papa (RM) Lazio Marathon degli Stazzi – Scanno (AQ) – Abruzzo Gran Fondo Est Est Est – Montefiascone (VT) Lazio Tantissimi i partecipanti provenienti da tutto il centro sud Italia. Un circuito che ha visto protagonisti dall'inizio alla fine i bikers gialloneri del team marchigiano G.S. Avis Bike Cingoli organizzatore tra l'altro di una delle manifestazioni facenti parte del circuito la “9 Fossi Mtb race” che nel 2019 taglierà il traguardo delle 22 edizioni. Dicevamo Avis Bike Cingoli protagonista, infatti al termine delle sette tappe, il team cingolano è risultato vincitore assoluto della classifica a squadre con ben 76117 punti, davanti al team Casteltrosino Superbike piazzatosi con 60452 punti in seconda posizione ed al team Umbro Triono racing team che con 46300 punti si è piazzato in terza posizione. Ma la squadra del Presidente appena rieletto Primo Ciattaglia, non si è accontentata di vincere la classifica a squadre, ed infatti ha piazzato anche diversi atleti a podio nelle classifiche di categoria. Ben due sono stati gli atleti vincitori di categoria Scortechini Francesco nella categ. M1 e Diletti Alesssandro per il secondo anno consecutivo nella categ. M3. Ben due gli atleti piazzati al secondo posto di categoria nelle persone di Cacciamani Giovanni (uno dei giovani emergenti) nella categ. Elite Master e Del Bianco Carlo Alberto nella categ. M4. Il terzo gradino del podio invece se lo sono aggiudicato Piantini Palmiano nella categ. M7 e Coppari Alessandro nella categ. M4. Una stagione davvero piena di soddisfazioni quella giallonera protagonista nei principali circuiti del Centro Sud Italia sia in Mtb che su strada. I Sentieri del Sole e dei Sapori, 3 Regioni, Bike Tour Coppa Marche, Conero Cup, Italian Six Races, Marche Marathon sono i circuiti che hanno visto i colori cingolani ai nastri di partenza. Molti i giovani che quest'anno sono iniziati ad essere protagonisti lasciando presagire un futuro roseo per il sodalizio del Balcone delle Marche. Circa 80 le manifestazioni partecipate nelle varie specialità, 142 tesserati dei quali 105 FCI. Già oggi sono molti i bikers che si stanno avvicinando al team giallo nero per entrare a far parte del sodalizio nella stagione 2019 tra essi anche qualche bella sorpresa in rosa che farà parlare certamente di sé nelle varie manifestazioni, una presenza quella rosa a Cingoli che inizia a farsi consistente. Annunciata intanto la data della 22ma edizione della Gran Fondo 9 Fossi che si terrà a Cingoli il 28/4/2019, mentre sono riconfermate le partecipazioni alle principali iniziative in ambito nazionale e non solo.

06/12/2018
Cingoli, l'Avis festeggia 50 anni di solidarietà

Cingoli, l'Avis festeggia 50 anni di solidarietà

Si è svolto in un clima di festa e di allegria il tradizionale pranzo sociale della sezione comunale Avis di Cingoli intitolata ad Antonio Galloppa. La conviviale quest’anno è coincisa con i festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario di fondazione, avvenuta nel 1968.  Sono stati oltre 250 i partecipanti, tra cui anche alcuni soci che fondarono l’Avis cingolana nel lontano 1968. Tra le autorità presenti il sindaco Filippo Saltamartini, gli assessori comunali Martina Coppari e Pamela Gigli; gli ex sindaci Emanuela Branchesi e Leonardo Lippi, Alessandro Maccioni, direttore dell’Area Vasta 2, il presidente Avis provinciale Silvano Gironacci,e l’ematologo dottor Gabriele Marchegiani. Con loro anche il parroco di Cingoli don Patrizio Santinelli. Il presidente uscente della sezione Floriana Crescimbeni ha portato il caloroso saluto a tutti gli intervenuti, ed ha ringraziato i componenti del direttivo uscente, i membri della commissione elettorale Alfei Piergiuseppe, Borgoforte Gradassi Antonio e Grasselli Giacomo, gli autori del volume celebrativo realizzato per il cinquantesimo, che in molti hanno portato a casa come ricordo. Anche il Sindaco Saltamartini ha preso la parola per salutare e ringraziare l’Avis di Cingoli per quanto ha fatto a favore della collettività. Dopo di lui il presidente Gironacci ha invitato tutti a continuare nella strada della donazione e del volontariato. Il pranzo si è svolto al ristorante Dei Conti dove gli chef Franca e Angelo Bolletta hanno preparato un raffinato e gustosissimo menù ittico.  A Gastone Corti è stata consegnata una pergamena - finemente composta da Ennio Marrocchi - per aver raggiunto le cento donazioni. Tutti i donatori presenti hanno poi preso parte alle votazioni per il rinnovo del consiglio direttivo che resterà in carica per il triennio 2019-2022. Al termine dello scrutinio il presidente Gironacci ha comunicato i nominativi eletti nel nuovo consiglio che sono: Floriana Crescimbeni, Gastone Corti, Vanessa Passarelli, Gabriele Nocelli, Federica Bordi, Francesco Cardarelli, Rosanno Banchetti, Giorgio Giorgi ed Andrea Ripanti. A loro si uniscono gli eletti del Collegio dei Sindaci dei Revisori dei Conti: Simone Massaccesi, Marco Gigli e Luigi Cavalletti. Il nuovo direttivo si riunirà prima di Natale per procedere alla nomina del presidente e all’assegnazione delle cariche come previsto dallo statuto In tutti è rimasta impressa la bella giornata caratterizzata da un grande clima di socializzazione, serenità e voglia di stare insieme.         

04/12/2018
Torna alla vittoria la squadra di Serie A2 Femminile della Polisportiva Cingoli

Torna alla vittoria la squadra di Serie A2 Femminile della Polisportiva Cingoli

Torna alla vittoria la squadra di Serie A2 Femminile della Polisportiva Cingoli. Le ragazze di Analla battono agevolmente l’Imola per 51-14, nella settima giornata di andata della seconda divisione di pallamano. A onor di cronaca sono le ospiti a portarsi in avanti all’inizio della gara per 1-3. Le cingolane spiccano tuttavia il volo con un break di 9 a 0 (10-3). Le giovani romagnole non riescono ad opporre resistenza, così la Polisportiva si porta sul +10 (15-5) e sul +15 (20-5). La prima frazione termina 25-9.  Nella ripresa Cappelli e compagne non concedono nemmeno le briciole alle avversarie. Al 7’ sono 24 le lunghezze di differenza sul 34-10. Così la partita scorre velocemente verso il finale 51-14, con Imola rimasta a sole 5 reti nel secondo tempo.  La Polisportiva Cingoli vince al PalaQuaresima. Dopo la sconfitta contro le Tushe Prato, le ragazze di Analla hanno dato una sonora lezione alle giovanissime dell’Imola. Sara Bartolucci, Cristina Lenardon e Sofia Cipolloni condividono il primato di top scorer con 8 reti insieme all’imolese Mengon, seguite a 6 da Jessica Torelli, Fatima Faris e Francesca Cristalli. Battenti e Danti hanno blindato la porta, da segnalare anche che tutte le cingolane di movimento sono andate in rete. La Polisportiva ora è quarta con 6 punti insieme alla Cellini Padova, a 3 punti dalle Tushe Prato. Nella prossima giornata, le Analla’sGirls affronteranno al PalaQuaresima l’Ariosto Ferrara, nella partita posticipata a Domenica 9 Dicembre alle 16.00. Cingoli 51-14 Imola (25-9) Cingoli: Danti, Battenti, Turki 4, Bartolucci 8, Cappelli 1, Faris 6, Ciattaglia, Lenardon 8, Velieri 2, Torelli 6, Cipolloni 8, Cristalli 6, Marrocchi 2. All. Analla Imola: Cattabriga, Albertazzi 1, Babini, Bolognesi, Loreto, Mainetti 1, Mengon 8, Palombi 2, Rebeggiani, Marozzi 2, Zardi, Valmori. All. Chiarini Arbitri: De Marco – Carcea

04/12/2018
I "balconcini" dell'Alberghiero di Cingoli conquistano tutti

I "balconcini" dell'Alberghiero di Cingoli conquistano tutti

Un’impresa nata tra i banchi di scuola, nell’ottica di quella stretta collaborazione che lega il Varnelli al mondo dell’imprenditoria, una “strart up” presentata, in compagnia di tanti illustri ospiti, venerdì 30 novembre presso la sala Verdi del Comune di Cingoli e volta a promuovere i balconcini, deliziosi biscotti dal sapore tipicamente cingolano e marchigiano che richiamano, anche nel nome, l’appellativo della cittadina di Cingoli, il “Balcone delle Marche”. L’occasione è stata offerta dal progetto “Apprendere per riprendere”, un’importante iniziativa nata all’indomani del sisma del 2016 dalla creatività di VISES Onlus e dalla generosità di Federmanager, che insieme hanno permesso ai giovani studenti delle Scuole Secondarie delle regioni Marche, Abruzzo e Lazio di diventare i protagonisti del futuro del loro territorio colpito dal sisma; l’obiettivo proposto dalla Vises è stato quello di coniugare le tradizionali conoscenze acquisite a scuola con le abilità manageriali e tecniche, supportando l’intero processo nella realizzazione dell’impresa e contribuendo così a sviluppare qualità personali e competenze trasversali essenziali per la progettazione di un futuro professionale.  Affiancati dai loro docenti (in particolare dal prof. Marcello Stefano per il prodotto dolciario e dal prof. Michele Zitti per l’ambito dell’economia aziendale) e dai manager in qualità di mentori, gli allievi della classe V del corso di pasticceria hanno realizzato e promosso, tre differenti tipologie di biscotti, veramente speciali poiché prodotti con ingredienti tipici del territorio locale, come i BALCONCINI al farro con la farina macinata nell’antico mulino Bravi di Cingoli, o quelli al cece quercia che promuovono un legume ormai dimenticato, e infine i BALCONCINI con la purea di lenticchie che richiamano il territorio di Castelluccio di Norcia, drammaticamente colpito dal sisma. E’ così che l’Istituto Alberghiero, con i suoi balconini, un panorama di sapori, è stato scelto, insieme al Liceo Scientifico “A. Einstein” di Teramo e all’I.I.S “C. Rosatelli” di Rieti , quale scuola destinataria di una cospicua donazione con la quale verrà acquistato un nuovo pulmino, utile a supportare e rafforzare l’attività quotidiana dell’istituto.    La bella iniziativa, che rientra nelle attività del protocollo sull’Alternanza Scuola-lavoro coordinata dalla prof.ssa Francesca Accrescimbeni, ha visto la partecipazione di tante personalità, tra le quali la Dirigente Scolastica, prof.ssa M. Rosella Bitti, la Dsga, dott.ssa Marcella Maccioni, le autorità comunali, i referenti della Vises e di Federmanager accanto agli alunni e ai docenti coinvolti per un intero anno scolastico, intervenuti per festeggiare questa importante occasione del Varnelli di Cingoli. 

La Gs Avis Bike di Cingoli celebra il finale di stagione

La Gs Avis Bike di Cingoli celebra il finale di stagione

Grande serata di fine stagione quella celebrata dal Gs Avis Bike Cingoli sabato scorso presso il ristorante Tetto delle Marche di Cingoli. Circa 250 i convenuti per la cena tra atleti, sponsor, autorità e collaboratori. Tra le autorità presenti anche il Presidente Regionale della Federazione Ciclistica delle Marche Lino Secchi ed il Sindaco Filippo Saltamartini. Prima dell'inizio della serata si è tenuta l'assemblea sociale con l'approvazione del bilancio e l'elezione del nuovo consiglio Direttivo che ha visto la riconferma a Presidente di Primo Ciattaglia che da 35 anni guida il sodalizio giallonero. Nel corso della serata poi come da tradizione ormai, si è svolta la premiazione della classifica sociale nella quale vengono premiati gli atleti che hanno accumulato il maggior numero di punti in base alla partecipazione alle gare ed anche in base ai piazzamenti. Alla fine della serata viene premiato l'Avisbiker dell'anno che è per l'appunto il vincitore della classifica sociale, vengono premiati anche il miglior agonista mountain bike ed il miglior agonista settore strada. Vengono premiati anche i finisher dei vari circuiti e l'atleta che si è contraddistinto in imprese particolari, spesso fuori dal comune. La stagione giallonera ha visto i propri tesserati partecipare a circa una ottantina di manifestazioni tra gran fondo, marathon, cross country, ciclocross e cicloturistiche sia su strada che in mountain bike. 142 sono stati i soci della stagione 2018 di cui 105 tesserati Fci che hanno fatto si che l'Avis Bike Cingoli fosse la prima società nelle Marche come numero di tesserati Amatori e Cicloturisti FCI.  Nel corso del 2018, il club cingolano non è stato presente solo nei vari campi di gara in tutta Italia, ma si è reso anche protagonista come organizzatore di eventi agonistici e non. In primis la Gran Fondo "9 Fossi" classica della mountain bike a livello nazionale, ormai un must imperdibile per gli amanti delle ruote grasse che quest'anno con 1267 iscritti è risultata ancora una volta tra le più apprezzate e partecipate del Centro Sud Italia e tra le principali manifestazioni a livello nazionale non solo per il numero dei partecipanti ma anche per l'elevato standard organizzativo. Oltre alla classica delle Gran Fondo sono state organizzate diverse iniziative cicloturistiche come la notturna Pedalata col Lupo, la classicissima Merennuccia Bike di fine stagione, la Pedalata dell'acqua in onore di uno dei più importanti sponsor del G.S. Avis Bike CIngoli "Acquambiente Marche", la Verdicchio Bike di Staffolo e la pedalata in onore di un grande ciclista giallonero una delle colonne storiche del gruppo scomparso prematuramente dopo una lunga malattia Del Bianco Natale. Gli atleti gialloneri quest'anno hanno ben figurato nei vari circuiti agonistici ottenendo diversi piazzamenti a podio e vincendo anche la classifica di categoria in alcuni casi. Due maglie di campione  provinciale Mtb conquistate quest'anno con Francesco Scortechini ed Alessandro Diletti. Due vincitori di categoria sempre nel settore della Mountain Bike circuito I Sentieri del Sole e dei Sapori il principale circuito del centro sud Italia con Alessandro Diletti che per il secondo anno si assicura il gradino più alto del podio nella categoria M3 e con Francesco Scortechini vincitore nella cateoria M1. Ma il Circuito I Sentieri del Sole e dei Sapori ha davvero visto le maglie giallonere protagoniste assolute non solo con i due vincitori assoluti di categoria, ma anche con due secondi posti di categoria con il giovanissimo Cacciamani Giovanni cateoria Elite master e Carlo Alberto del Bianco nella categoria M4, due terzi posti di categoria con Piantini Palmiano categoria Master 7 e Coppari Alessandro categoria Master 4, ben sei podi di categoria quindi a fine stagione e tre quarti posti con Tobaldi, Ciriaci e Carletti. E come se non bastasse il sodalizio cingolano ha vinto la classifica a squadre. Nel circuito Bike Tour Coppa Marche ancora un podio di categoria con l'Elite Master Ciriaci Matteo ed il terzo posto del club nella classifica a squadre. Nel circuito 3 Regioni Mtb invece l'Avis Bike Cingoli si è piazzata terza nella classifica a squadre e sono andati a premio nelle rispettive categorie Ciriaci, Cacciamani, e Fabbrizi. Nel Circuito Italian Six Races ottima quarta piazza per il giovane Matteo Ciriaci, e sesta posizione per Cacciamani Giovanni. Sesto piazzamento invece nella classifica a squadre nel circuito Marche Marathon settore strada. Riguardo invece alla speciale classifica sociale, il miglior agonista settore strada è risultato Branchesi Luca per gli amici Frizz, mentre il miglior agonista nel settore Mountain Bike è stato Alessandro Diletti. Il premio più ambito quello di Avisbiker 2018 quest'anno è andato ad Alessandro Diletti sicuramente l'atleta di punta in questa sua seconda stagione in giallonero.12000km percorsi, circa 30 gare disputate, maglia di campione provinciale conquistata alla Infinito Bike di Recanati, vincitore cat Master 3 circuito I Sentieri del Sole e dei Sapori per il secondo anno consecutivo, 1 primo e un terzo assoluto su strada, otto volte primo di categoria in mountain bike cinque volte secondo di categoria in mtb ed una volta terzo di categoria, ben 16 podi. E' riuscito a prevalere sull'agguerritissimo Francesco Scortechini secondo classificato e Matteo Ciriaci terzo classificato. Veramente una stagione eccezionale la sua che ha dato prestigio e stimolo a tutta la squadra. Infine un premio speciale è stato consegnato all'Extreme Biker ovvero a colui che si è distinto nella stagione in qualcosa di insolito. Con 14000km percorsi fino a novembre, 200000 metri di dislivello, con la partecipazione alla Race Across Italy (Abruzzo, Molise,Lazio e ritorno) 800km per 10000 metri di dislivello, col conseguimento del brevetto Everesting 11 volte Sarnano Sassotetto ovvero 271km per 9000 mt di dislivello in 18 ore, con la partecipazione alla 24 ore Dolomitics in 16 ore 22 minuti e 41 pedalati in tutto 209,21km  e 9213 metri di dislivello, con la partecipazione alla Trans Dolomitics Way pedalando per 65ore 23 minuti e dieci per 1071km e 23458 metri di dislivello, con la partecipazione alla Randonnè Marche Trail 461km per 9713 metri di dislivello e 30 ore di pedalata,  e da ultimo la trasferta Loreto / Lourdes in bici da strada con 99ore di pedalata, 1774 km percorsi e 17441 metri di dislivello, il mitico PIER ovvero Pierluigi Micheloni si è aggiudicato il Trofeo dell'extreme biker per il secondo anno consecutivo. Un pizzico di follia giallonera e soprattutto tanta passione  e determinazione la sua. In chiusura di serata è stato ufficializzato il settimo Trofeo Acquambiente Marche ovvero la Gran Fondo 9 Fossi che nel 2019 si terrà il 28/4 toccando il traguardo di 22 primavere. Da gennaio si riapriranno i tesseramenti per la nuova stagione e già sono diversi nuovi bikers pronti a vestire la maglia giallonera tra cui anche una gradita sorpresa femminile che sicuramente dirà la sua sui campi di gara.   

03/12/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433