San Severino Marche

San Severino, al via i lavori al palasport "Albino Ciarapica"

San Severino, al via i lavori al palasport "Albino Ciarapica"

Ammontano a 680mila euro i lavori di riqualificazione del palasport comunale “Albino Ciarapica” di viale Mazzini, a San Severino Marche. Previsti due stralci funzionali per l’efficientamento energetico della struttura, tramite la realizzazione di un “cappotto”, e per l’adeguamento antincendio alle più recenti normative. Le opere saranno in parte finanziate dal Comune, con fondi provenienti dall’avanzo d’amministrazione dell’annualità 2019, e in parte dal Commissario straordinario del Governo alla ricostruzione sisma 2016 che, con l’Ordinanza n.104, ha messo a disposizione 200mila euro.  Oltre al miglioramento energetico si procederà alla sistemazione delle uscite di sicurezza, alla messa a norma degli impianti, al trattamento ignifugo delle strutture in legno, all’adeguamento dei parapetti e all’adeguamento delle scale e degli spazi esterni. “Dopo il finanziamento del Commissario - spiega il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei – l’Amministrazione comunale ha deciso di procedere alla messa a norma di tutta la struttura che rappresenta un’opera strategica e molto importante per tutta la comunità settempedana”. Il palasport comunale “Albino Ciarapica”, ultimato nel 1986, risulta costituito da un corpo centrale e da tre corpi laterali a due piani. L’impianto è stato realizzato con struttura portante in cemento armato, pilastri in acciaio e copertura in legno lamellare. È uno spazio destinato alle attività sportive polivalenti con ambiti specifici e presenta gradinate e servizi riservati agli atleti, ma anche agli spettatori, e viene utilizzato pure per occasioni a carattere non sportivo come concerti ed eventi vari. Il complesso risulta anche dotato di un’ampia superficie all’aperto. Nel corso degli anni il palas “Ciarapica” è stato già oggetto del rilascio dei pareri di agibilità da parte della Commissione provinciale di Vigilanza e del Comando dei Vigili del Fuoco.  Di recente lo stabile è stato interessato da diversi interventi finalizzati alla separazione tra pubblico e atleti, all’installazione di ausili per la protezione delle gradinate, alla posa in opera di nuovi infissi in corrispondenza delle vie d’esodo, alla revisione dell’impianto elettrico. Sono state poi installate nuove plafoniere a servizio delle gradinate e un sistema di allarme con centralina di rilevazione incendi. Tali interventi hanno reso possibile l’utilizzo della struttura da parte di società sportive e degli istituti scolastici per lo svolgimento delle lezioni di educazione fisica.  Altre opere hanno consentito il ripristino degli spogliatoi e della palestrina posta al piano terra. Durante la prima fase dell’emergenza terremoto, nell’agosto del 2016, l’impianto è stato utilizzato anche per dare ospitalità a molte famiglie settempedane rimaste senza un tetto.  

10/07/2020
San Severino, arrivano 15.000 euro per la rete pubblica wi-fi free

San Severino, arrivano 15.000 euro per la rete pubblica wi-fi free

Il Comune di San Severino Marche si è aggiudicato 15mila euro di finanziamento grazie al bando europeo WiFi4EU con il quale sono state messe a disposizione nuove risorse per realizzare infrastrutture WiFi locali, pubbliche e gratuite. Pur essendo presente una connessione wi-fi free senza fili denominata “Sanseverinonet”, realizzata in collaborazione con la società Eurocad, grazie alla nuova iniziativa che è stata portata avanti dall’Innovation and networks executive agency della Commissione europea, sarà possibile attivare nuovi punti d’accesso ad Internet pure in alcune frazioni del vasto territorio comunale. Insieme al Comune di San Severino Marche più di 8.600 municipalità europee hanno preso parte al bando ma meno di un migliaio di queste sono state scelte. L’iniziativa, in particolare, tenta di ridurre progressivamente il digital divide nelle aree più marginali.          

09/07/2020
San Severino, città amica dei ciclisti: più attenzione sulle strade

San Severino, città amica dei ciclisti: più attenzione sulle strade

San Severino Marche città bike-friendly e amica degli appassionati delle due ruote a pedali. Il Comune ha deciso installare, raccogliendo tra l’altro un invito lanciato tempo fa dalla fondazione Michele Scarponi nata in ricordo del campione di ciclismo morto dopo essere stato investito da un furgone mentre si allentava sulle strade di casa a Filottrano il 22 aprile 2017, alcuni cartelli che invitano a mantenere la distanza di almeno un metro e mezzo proprio dai ciclisti. Ogni anno, in Italia, si registrano in media più di 250 decessi in incidenti che coinvolgono persone in bici. Un morto ogni 35 ore in una statistica che fa veramente paura e dove, spesso, la poca prudenza va a braccetto con un destino fatale. I numeri, insomma, fanno registrare una vittima ogni giorno e mezzo. Da diverso tempo, grazie al lavoro congiunto e alla collaborazione del comando della Polizia Locale, dell’assessorato di riferimento, di alcune associazioni e soprattutto delle scuole settempedane; l’Amministrazione comunale sta portando avanti peraltro diversi progetti di educazione al corretto comportamento stradale e di sicurezza, in particolare sulle strade urbane ed extraurbane.   L’ultima azione messa in atto è proprio l’installazione di cartelli con la dicitura: “Attenzione! Strada frequentata da ciclisti”. Oltre a riportare la distanza di sicurezza da tenere, come previsto dal codice della strada, i cartelli invitano ovviamente alla prudenza da parte di ciclisti e automobilisti.

09/07/2020
San Severino, camion perde carico di orzo: gli abitanti puliscono la strada

San Severino, camion perde carico di orzo: gli abitanti puliscono la strada

Piccoli disagi alla circolazione stradale, nel tardo pomeriggio di martedì scorso intorno alle 18,30, lungo la SS502 “Cingolata” nel breve tratto urbano che va da incrocio per la località Sant'Elena a quella per passo Colmone, nella frazione di Cesolo di San Severino Marche. A causa del cedimento di una delle sponde laterali, un autocarro di un’azienda settempedana ha perso parte del carico che è finita sulla sede stradale. Il mezzo, che trasportava orzo, ha subito arrestato la marcia e l’autotrasportatore che ne era alla guida si è dato da fare per rimediare all’incidente che ha avuto una rapida soluzione grazie anche all’intervento di alcuni abitanti che si sono prestati per ripulire l’asfalto. Sul posto, per regolamentare la viabilità e segnalare il pericolo, è intervenuta una pattuglia della Polizia Locale.  

08/07/2020
San Severino, aumentano i controlli della velocità sulle strade urbane

San Severino, aumentano i controlli della velocità sulle strade urbane

Più controlli sulle strade urbane del Comune di San Severino Marche. Ad annunciarli il comando della Polizia Locale che riattiverà, con maggiore costanza, il servizio di rilevamento della velocità itinerante, in particolare nelle zone di accesso alla città. La presenza dei vigili interesserà le zone teatro di diversi incidenti, anche di recente, come le località di Colotto, Taccoli, Cesolo e quella di ingresso al nucleo abitato provenendo da Castelraimondo. L’assessore comunale alla Sicurezza, Jacopo Orlandani, fa presente l’importanza dei servizi anche per il controllo generale del territorio. Diversi i cittadini che hanno segnalato, nelle zone che saranno maggiormente presidiate, sorpassi azzardati o velocità sostenute da parte di automobilisti e motociclisti. Nessun giro di vite ma un’attività di prevenzione più intensa. Inoltre, come ogni estate, in questo periodo sono stati riattivati anche  i servizi serali. “Ringrazio il corpo della Polizia Locale - sottolinea ancora l’assessore Orlandani - che anche dopo il lavoro svolto durante l'emergenza sanitaria da Covid19, ha deciso di rafforzare la propria presenza con questi turni”.              

08/07/2020
San Severino, torna agibile un palazzo storico in viale Matteotti: quattro famiglie tornano a casa

San Severino, torna agibile un palazzo storico in viale Matteotti: quattro famiglie tornano a casa

Il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha revocato l’Ordinanza con la quale, a seguito delle scosse di terremoto del 2016, aveva dichiarato solo parzialmente agibile uno storico palazzo del centro, sito in viale Matteotti. L’immobile, composto da 4 appartamenti al primo e al secondo piano e da alcuni locali commerciali al piano terra, è stato interessato da lavori di riparazione del danno per un importo pari a 55mila euro alle sole abitazioni dove gli inquilini potranno finalmente tornare a vivere.

07/07/2020
San Severino, "Per non dimenticare": cerimonia per le vittime degli eccidi di Chigiano e Valdiola

San Severino, "Per non dimenticare": cerimonia per le vittime degli eccidi di Chigiano e Valdiola

Nel 76° anniversario della Liberazione di San Severino Marche dal nazifascismo, nel pieno rispetto delle regole imposte dall’emergenza sanitaria da Covid19, si è tenuta al ponte di Chigiano una commemorazione, promossa dall’Anpi e dal Comune, in ricordo degli eccidi di Chigiano e Valdiola. Alla deposizione di una corona d’alloro sono seguiti gli interventi del sindaco, Rosa Piermattei, della rappresentante dell’Anpi cittadina, Donella Bellabarba, e del presidente regionale dell’Anpi, Lorenzo Marconi. Presenti anche il presidente del Consiglio comunale, Sandro Granata, e il presidente dell’Anpi, sezione “Salvatore Valerio”, Sergio Gironi. Il sindaco Piermattei ha ricordato come non sia stato possibile organizzare la commemorazione degli eccidi nella forma tradizionale, la cerimonia si tiene tutti gli anni e si conclude con una marcia sui Sentieri della Memoria, a causa delle restrizioni alle cerimonie pubbliche imposte dal Covid, sottolineando: “Nonostante questo siamo qui in rappresentanza di tutti i nostri concittadini che vogliono rendere sempre viva la memoria dei martiri che vennero trucidati in questi luoghi. Oggi non si vuole solo rinnovare il ricordo di quanto accaduto ma anche fermarsi per riflettere poiché quanto successo non abbia mai ai ripetersi. La nostra città è stata piegata prima dal terremoto e poi dall’emergenza sanitaria, però il senso di unità e di collaborazione della nostra comunità non è mai venuto meno”. Il presidente regionale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, Lorenzo Marconi, ha celebrato, invece, l’indimenticabile figura di Bruno Taborro, partigiano settempedano, quale testimone e promotore di memoria, nonché la necessità di sostenere la nostra Costituzione nata dalla Liberazione e portatrice dei fondamentali diritti dell’uomo, come quello alla salute.    

06/07/2020
San Severino, riapre l'Officina Severini dopo i lavori di ristrutturazione post-sisma

San Severino, riapre l'Officina Severini dopo i lavori di ristrutturazione post-sisma

Terminati i lavori di ristrutturazione post terremoto, che hanno interessato lo stabile in cui ha sede dal 2007, riparte a pieno ritmo l'Officina Severini di viale Europa.  Il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha tagliato il nastro dei rinnovati locali, dove già si respira l'entusiasmo di poter lavorare per lasciarsi alle spalle il brutto periodo dell'emergenza Coronavirus.  “In questo periodo c'è richiesta dei prodotti per il giardinaggio – dice il titolare, Marco Severini – come le macchine per il taglio erba o gli attrezzi per la cura del prato. Inoltre, grazie anche al bonus regionale per l'acquisto di bici, abbiamo registrato un grande interesse per il settore del pedale”.  L'Officina Severini si presenta oggi con un doppio spazio contiguo: sul retro c'è l'officina meccanica vera e propria, in cui lavorano i giovani fratelli Matteo ed Enrico Guardati per le riparazioni di bici, moto, minicar e “trattorini”; davanti invece si trova il punto vendita con l'esposizione dei mezzi e degli altri prodotti, in particolare per il giardinaggio.  Nel suo lavoro Marco ha il supporto della moglie Cinzia, che spesso gli sbriga anche qualche pratica d'ufficio. Ora stanno preparando insieme un evento “a porte aperte” per il prossimo 5 settembre: “Abbiamo pensato a un momento inaugurale – dicono –, unito a una serie di dimostrazioni pratiche per i clienti, con il coinvolgimento di alcune ditte fornitrici dei nostri prodotti. Alle spalle dell'officina abbiamo uno spazio verde in cui sarà possibile vedere all'opera tagliaerba, motoseghe e strumenti per la potatura. Fin d'ora invitiamo tutti a partecipare all'iniziativa”.     

06/07/2020
San Severino, nuovi orari estivi alla pinacoteca civica  e al museo archeologico

San Severino, nuovi orari estivi alla pinacoteca civica e al museo archeologico

Da martedì prossimo 7 luglio nuovi orari estivi alla pinacoteca civica “P. Tacchi Venturi” e al museo archeologico “Giuseppe Moretti” di San Severino Marche. La raccolta d’arte di via Salimbeni resterà aperta e fruibile dal martedì al sabato la mattina dalle ore 9,15 alle 12,30 e il pomeriggio dalle ore 15 alle 19. Domenica e festivi apertura dalle ore 9,30 alle 12,30 e dalle ore 15 alle 19. Il lunedì chiuso (eccetto i festivi). Il museo archeologico “Giuseppe Moretti” di Castello al Monte, invece, sarà aperto nelle giornate di  venerdì e sabato dalle ore 9,15 alle 12,30 e dalle ore 15 alle 19. Domenica e festivi dalle ore 9,30 alle 12,30 e dalle ore 15 alle 19. Martedì e mercoledì visite su prenotazione in Pro Loco (tel. 0733/638414 – email: proloco.ssm@gmail.com). Il lunedì il museo archeologico sarà chiuso (eccetto i festivi).  

03/07/2020
San Severino, post sisma: torna di nuovo utilizzabile la chiesa di San Salvatore in Colpersito

San Severino, post sisma: torna di nuovo utilizzabile la chiesa di San Salvatore in Colpersito

Torna di nuovo utilizzabile la chiesa di San Salvatore in Colpersito, all’interno del convento dei Frati Cappuccini di San Severino Marche. Il primo cittadino settempedano, Rosa Piermattei, a seguito dell’avvenuta realizzazione di opere di pronto intervento per la messa in sicurezza, ha emesso un provvedimento in merito alla fruibilità di alcuni spazi pubblici dichiarati finora non utilizzabili e, quindi, interdetti al pubblico e ai fedeli. La chiesa dei Cappuccini da sempre rappresenta un luogo di aggregazione per la comunità settempedana mentre il santuario, ospitando anche un importante Centro di Studi Francescani, è divenuto riferimento per persone che arrivano anche da fuori. Il luogo di culto, in particolare, è stato interessato dalla posa in opera di una cinturazione vincolata con ritti e cavi in acciaio e piastre di ancoraggio. Per evitare ulteriori danni all’epigrafe collocata sopra al bussolone d’ingresso, si è poi provveduto alla sua stabilizzazione mediante un pannello ligneo. Inoltre, per contrastare i meccanismi ortogonali ai piani delle facciate nord e sud, è stato creato un sistema di contenimento con tiranti e piastre forate. Infine anche per contenere lo stato di dissesto della volta si è realizzata una combinazione di interventi come il puntellamento su ponteggio misto prefabbricato e con tubi e giunti delle due prime campate a ridosso dell’ingresso principale. Per quanto riguarda il solaio di copertura è stata effettuata una completa ricognizione con il riposizionamento dei coppi in quelle porzioni ove si erano rilevati scorrimenti degli elementi a rischio di caduta. La chiesa dal 1576 appartiene ai Francescani. La prima costruzione risale però all’XI secolo, quando un gruppo di pie donne, dopo aver ricevuto due visite da San Francesco, si insediò in questa zona, abbracciando l’ordine delle Clarisse. Della chiesa originale rimane la facciata in pietra bianca locale, qualche testimonianza negli archi della parete meridionale. La chiesa oggi si presenta nella forma acquisita in seguito all’ampliamento e ai rifacimenti cinquecenteschi messi in opera dai Francescani in seguito ai danni provocati dall’esercito di Francesco Sforza. L’interno, a navata unica coperta da volta a botte, presenta due cappelle laterali a pianta quadrata realizzate nell’Ottocento.    

03/07/2020
San Severino, il circo Takimiri arriva in piazza: prima serata dedicata all'arte circense

San Severino, il circo Takimiri arriva in piazza: prima serata dedicata all'arte circense

Un po’ circo antico, un po’ teatro di strada e un po’ il futuristico circo del domani. L’antica famiglia circense Takimiri arriva a San Severino Marche per presentare, in una delle più belle piazze d’Italia, uno spettacolo unico. L’appuntamento è per venerdì 10 luglio, alle ore 21, nell’ambito del progetto “RisorgiMarche”, promosso dalla Regione in collaborazione con il Comune. Lo show “Le cirque des arts” presenta uno spettacolo culturale completo che ripercorrerà il cammino del circo teatro dall’antico “carro del tespi”, dove i gitani, gli acrobati, i musici ed i commedianti giravano di castello in contrada, di villaggio in città, portando la loro arte in giro per il mondo sino ad arrivare al circo contemporaneo. Il Circo Takimiri ha già fatto parlare di sé e si è presentato nelle puntate dedicate a questo fantastico mondo su “Un medico in famiglia7”, “Ris4”, “Il Commissario Manara”, “Don Matteo 3" e tanti altri appuntamenti in tv e non solo. Il lanciatore di coltelli  di questa meravigliosa squadra ha partecipato al film premio Oscar “La grande bellezza”, gli artisti del cast si sono esibiti nelle migliori trasmissioni televisive: da “Buona Domenica” a “Uno Mattina”.        

02/07/2020
San Severino, sopralluogo del presidente Pettinari all'Itts Divini: "Lavori nel più breve tempo possibile"

San Severino, sopralluogo del presidente Pettinari all'Itts Divini: "Lavori nel più breve tempo possibile"

Sopralluogo del Presidente della Provincia all’ITTS “Divini” di San Severino Marche. Antonio Pettinari, con l’installazione del cantiere da lunedì scorso e la ripartenza dei lavori, ha raggiunto questa mattina la sede dell’istituto per incontrare l’impresa che sta eseguendo l’intervento di completamento dei laboratori e dell’aula magna e che è subentrata alla ditta originariamente aggiudicataria, il cui contratto è stato rescisso per grave inadempimento, come comunicato ieri. Durante il sopralluogo il Presidente ha sottolineato più volte l’importanza di eseguire i lavori nel più breve tempo possibile.

Il Cinema nel salotto di Piazza del Popolo. Torna la fortunata rassegna:  " Una piazza da cinema"

Il Cinema nel salotto di Piazza del Popolo. Torna la fortunata rassegna: " Una piazza da cinema"

  Torna il Cinema nel salotto settempedano di Piazza del Popolo, nel rispetto delle regole imposte dall'emergenza sanitaria. Anche questa estate, la rassegna "Una Piazza da Cinema", organizzata dal Cinema San Paolo, in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di San Severino Marche, offrirà nei sette appuntamenti che inizieranno il 4 Luglio alle ore 21:15 e proseguiranno martedì 7, sabato 9, martedì 14, giovedì 16, giovedì 23 e giovedì 30, un sano momento di divertimento e condivisione familiare. Inaugurano la rassegna, Sabato 4 Luglio la coppia nella vita e sulla scena Paola Coltellesi e Riccardo Milani, con la pellicola: " Ma cosa ti dice il cervello ". Accanto all'attrice co-sceneggiatrice Paola Coltellesi, gli interpreti Stefano Fresi, Tomas Arana, Teco Celio, Remo Girone e Vinicio Marchioni. Vincitore di un premio ai Nastri d'Argento, il lungometraggio è il quarto consecutivo del sodalizio Riccardo Milani - Paola Cortellesi e arriva dopo “Scusate se esisto!”, “Mamma o papà?” e il grande successo di pubblico di “Come un gatto in tangenziale". In questo film corale, il regista Milani pone l'accento sui vizi e le virtù degli italiani, elevando ad esempio la sua capitale Roma, in cui regna sovrana, l'unica livella praticabile, quella data dai vizi, generosamente distribuiti in modo equo, tra le differenti classi sociali. L' incipit del film è quello caratteristico di un cinecomic, ove l'affollamento di personaggi e tematiche trattate ,desiderano condurre lo spettatore, all'interno del cannovaccio di una commedia morale, contraddistinta dall'esigenza sempre vigile, di consegnare al fine un messaggio etico. La storia racconta di Giovanna, una Super Pippo, grigia creatura impiegata in un ministero, dove subisce la sua noiosa attività lavorativa e al contempo riveste il ruolo segreto di un' agente della Sicurezza Nazionale, il cui impegno è ovviamente non dare nell'occhio. Tra una missione a Marrakech e una a Mosca, l'agente sotto copertura, si riavvicina ai compagni di liceo, che tutto sommato, possono ritenersi soddisfatti dell'andamento della loro esistenza quotidiana, finché non confessano le rispettive vessazioni, subite da un ricca compilation di cafoni e ricchi prepotenti. Giovanna, mentre dà la caccia a un terrorista intento a realizzare un'arma di distruzione di massa, decide che non può rimanere inerme di fronte ai sopprusi iterativi, subite dai suoi amici e al loro consequenziale abbruttimento.....To be continued.

02/07/2020
San Severino, “Scacchi metafora educativa”: La Torre Smeducci rappresenta le Marche a Roma

San Severino, “Scacchi metafora educativa”: La Torre Smeducci rappresenta le Marche a Roma

Ci sono anche i giovani scacchisti settempedani dell’associazione sportiva dilettantistica “La Torre Smeducci” tra i partecipanti al workshop “Scacchi metafora educativa”, in corso in questi giorni a Roma. L’appuntamento segna l’avvio del più importante progetto nazionale di promozionale sociale basato sull’insegnamento degli scacchi a scuola. Il progetto è stato selezionato dall’impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e viene promosso dal Centro sportivo educativo nazionale e dalla società sportiva Alfiere bianco. L’iniziativa coinvolge oltre diecimila minori di 14 regioni italiane. Oltre alle Marche partecipano Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Lazio, Umbria, Abruzzo, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia e Friuli Venezia Giulia. L’Asd “La Torre Smeducci” prende parte alle giornate romane quale unico partner ufficiale riconosciuto per tutta la regione Marche. Anche il prossimo anno scolastico il sodalizio terrà una serie di iniziative che, nel dettaglio, coinvolgeranno i piccoli studenti dell’Istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi” di San Severino Marche e dell’Istituto comprensivo “Don Bosco” di Tolentino. Sul territorio saranno realizzate diverse attività sia curruculari, con lezioni in aula, che extracurriculari. Inoltre sarà attivato un circolo dove tutti potranno prendere parte all’attività scacchistica. Infine una sezione sarà dedicata alla formazione degli insegnanti con il coinvolgimento dei genitori tramite il “Torneo delle famiglie”. In programma poi altre attività collaterali.

01/07/2020
San Severino, post sisma: torna agibile il “noviziato” nel monastero di Santa Chiara

San Severino, post sisma: torna agibile il “noviziato” nel monastero di Santa Chiara

Torna agibile, dopo le scosse di terremoto dell’agosto 2016, l’edificio del “noviziato”, nel monastero di Santa Chiara. Il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, ha firmato la revoca dell’Ordinanza con la quale aveva dichiarato non utilizzabile la porzione dello stabile facente parte del complesso monumentale che si trova a Castello al Monte.   Con opere di riparazione e rafforzamento è stato recuperato un piccolo cedimento di fondazione, localizzato all’angolo nord – est, attraverso la realizzazione di sottofondazioni in muratura e la messa in opera di tiranti con capochiavi esterni a paletto. Oltre agli interventi strutturali sono state poi realizzate opere di finitura sia interne che esterne. Quella delle suore di Santa Chiara a San Severino Marche è la più antica presenza clariana in tutta la regione e risale addirittura al 1223. All’inizio le clarisse furono ospitate nel convento di San Salvatore in Colpersito poi nel 1500 circa si trasferirono nell’attuale monastero di clausura con l’annessa chiesa anticamente intitolata a Santa Maria Annunziata. La struttura originaria risale al XIV secolo quando gli Smeducci finanziarono la costruzione di un edificio di culto per le terziarie di San Francesco. Questo luogo carico di spiritualità oggi all’interno dell’altare maggiore, scolpito da Venanzio Bigioli, ospita un’Annunciazione dipinta da Lucio Tognacci. Di notevole interesse è anche il coro ligneo intagliato e intarsiato da Domenico Indivini già autore del coreo ligneo della basilica superiore di Assisi. Con altri due provvedimenti il sindaco di San Severino Marche ha inoltre revocato le Ordinanze di inagibilità con le quali aveva vietato l’utilizzo di due immobili in località Pitino e in località Barbiato, nelle campagne settempedane. I due stabili, che ospitano altrettante abitazioni, sono stati interessati da lavori di recupero per un importo complessivo che si aggira sui 50mila euro.                

01/07/2020

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.