Montecosaro

Montecosaro,quattro pakistani aggrediscono una donna: c'è un arresto

Montecosaro,quattro pakistani aggrediscono una donna: c'è un arresto

Sono stati attimi di puro terrore quelli vissuti, nella notte tra venerdì e sabato da una quarantenne, che all'uscita di un locale situato nel centro di Montecosaro Scalo, è stata accerchiata da un gruppo di quattro uomini di origini pakistane. La donna dapprima sarebbe stata avvicinata da un soggetto del gruppo che già conosceva e che poi l'avrebbe condotta presso la sua abitazione dove ad attenderli c'erano altri tre ragazzi pakistani e proprio tra quelle mura si sarebbe consumata la violenza. Nonostante la stretta del branco la donna è riuscita a divincolarsi riuscendo ad avvertire i Carabinieri di Civitanova Marche che sono arrivati repentinamente sul posto dando il via subito alle indagini e perquisendo la casa del pakistano. I quattro uomini sono stati tutti identificati e durante il controllo sembrerebbe che uno di loro avrebbe opposto resistenza ad uno dei militari dell'arma venendo subito posto in arresto.  

07/03/2020
Montecosaro, al Teatro delle Logge torna la rassegna "Francamente Rido"

Montecosaro, al Teatro delle Logge torna la rassegna "Francamente Rido"

Riparte la stagione di eventi al Teatro delle Logge di Montecosaro nata dalla pluriennale collaborazione tra l’Assessorato alla cultura del Comune di Montecosaro e l’Associazione Franco. Quest’anno è stato creato Frammenti, il nuovo contenitore artistico che convoglierà al suo interno oltre alle già note Francamente Rido _ rassegna di Teatro Comico e Scena Franca _ Rassegna teatrale di nuova drammaturgia, anche Musica&Visioni _ Mix di appuntamenti tra musica e performance. Un programma ricco di eventi - teatro comico, performance, musica, nuova drammaturgia - negli spazi più rappresentativi del territorio di Montecosaro e che accompagnerà il pubblico dalla Primavera all’Estate 2020, offrendo l’incontro con artisti di rilevanza nazionale e con realtà emergenti presenti nel nostro territorio. Si parte col primo appuntamento della rassegna di teatro comico “Francamente Rido”, il 7 marzo con “La Goscienza Universale” di e con Lidia Miceli. Si tratta di un  dialogo comico fra Questa, cassiera di provincia sull’orlo di un esaurimento nervoso e la sua “Goscienza”, con la G perché si definisce imperfetta ed umana. La tecnica narrativa varia dalla stand-up comedy, al cunto siciliano dell’opera dei pupi, dal rap napoletano alla tragedia greca. Prossimi appuntamenti il 14 marzo con “Ma quando arriva ‘sto principe?” di e con Francesca Rossi Brunori e il 21 marzo ci sarà Andrea Paone con “Vi aspetto fuori!”. Gli spettacoli iniziano alle 21. Biglietto posto unico 10 euro.

04/03/2020
L'Aido Civitanova Marche e Montecosaro rinnova il direttivo: Giulio Fofi confermato presidente

L'Aido Civitanova Marche e Montecosaro rinnova il direttivo: Giulio Fofi confermato presidente

Il giorno 16 febbraio 2020 si è tenuta l’Assemblea Elettiva dell’associazione AIDO Civitanova Marche e Montecosaro per designare gli undici componenti del consiglio direttivo che rimarranno in carica per il quadriennio 2020/2024. Nella successiva riunione del 20 febbraio 2020 si sono stabilite le varie cariche all’interno del consiglio ed è stato riconfermato alla Presidenza il dottor Giulio Fofi, in qualità di Vice Presidente Vicario l’Avvocato Leonardo Teodori di Montecosaro, Vice Presidente la signora Sabrina Nasini, Tesoriere la signora Paola Parenti e Segretaria la signora Gabriella Catini. Consiglieri: Carla Borroni, Giuseppe Craia, Vincenzo Gagliardi, Liana Leonori, Caterina Pucci, Renato Rossi e come consigliere supplente Chiara Cesaretti. Il presidente Giulio Fofi, nel salutare i nuovi consiglieri, si è soffermato a ringraziare i componenti del precedente direttivo per i vari eventi messi in atto lo scorso anno per i festeggiamenti del 40° di fondazione. Per questo nuovo anno il direttivo dovrà ancor più incentivare la sua azione di sensibilizzazione della cittadinanza sulla valenza della scelta della donazione di organi. A tal proposito propone per il mese di marzo una conferenza con il Dottor Carmine Antonio Curcio cardiochirurgo per raccontare la sua formazione medica e conoscenza nell’Equipe del famoso Christian Barnard a Città del Capo, Sud Africa, e con la presentazione del suo libro riguardante questa sua esperienza formativa ( 1° trapianto di cuore 3 dicembre 1967 su Luis Washkansky).   

29/02/2020
Dopo Sanremo, un inizio anno a tutto spettacolo per l'hair stylist montecosarese Roberto Acquaroli (FOTO)

Dopo Sanremo, un inizio anno a tutto spettacolo per l'hair stylist montecosarese Roberto Acquaroli (FOTO)

Lirica, Cosmoprof e poi Malta sono solo alcuni degli impegni che occuperanno in questo inizio anno il triologo e Hair stylist Roberto Acquaroli. Dopo le serate sanremesi in occasione della 70° edizione del Festival di Sanremo, dunque la sua arte è di nuovo richiesta dal mondo dello spettacolo.  Roberto Acquaroli, nato e cresciuto a Montecosaro per poi spostarsi per motivi professionali a Senigallia, anche quest’anno, su espressa richiesta del maestro Alfredo Sorichetti, direttore dell’evento lirico Civitanova all’Opera che quest’anno proporrà il Rigoletto (13 marzo) con la regia di Enrico Beruschi e l’Elisir d’Amore (15 maggio), dirigerà il trucco e parrucco. Sempre a marzo, il 15 e il 16, Roberto Acquaroli sarà impegnato a condurre l’Hair Ring al Cosmopropf di Bologna,la fiera leader mondiale per l’intera industria della cosmetica e della bellezza professionale. Il montecosarese sarà sul palco del Cosmoprof per condurre insieme a Tiziana Chiorboli (presidente di Confartigianato Acconciatori) l’Hair Ring dove si metteranno alla prova le giovani leve del mondo dell’acconciatura Roberto Acquaroli intervisterà le giovani leve, le presenterà e chiederà loro di spiegare i motivi dell’acconciatura che hanno creato per la manifestazione.  L’Hair Ring è tra gli eventi di maggiore visibilità promossi dalla Camera Italiana dell’Acconciatura, è la performance dedicata ai giovani professionisti emergenti che ha riscosso negli scorsi anni un grande successo. E insieme all’amico e stimato collega Emanuel Vecchioli stanno lavorando ad un evento fashion internazionale e nel mese di marzo andranno a Malta per selezionare la location più adatta per uno spettacolo di moda e bellezza in programma a fine settembre 2020.  

18/02/2020
Schianto tra mezzi pesanti in autostrada: muore un 59enne di Montecosaro

Schianto tra mezzi pesanti in autostrada: muore un 59enne di Montecosaro

Schianto tra mezzi pesanti sulla A1: perde la vita Clemente Fabio Palumbo, 59enne residente a Montecosaro. L’incidente è avvenuto ieri intorno alle 13,  nel territorio comunale di Lodi. L’uomo, a bordo del suo camion, viaggiava in direzione nord quando, per cause da accertare, si è scontrato con un altro mezzo pesante. Sul posto sono accorsi immediatamente i sanitari del 118, che però non sono riusciti a salvare la vita al 59enne. Troppo gravi  le lesioni riportate nello schianto. La salma dell’uomo è stata poi trasferita all’ospedale di Lodi. Clemente Fabio Palumbo lavorava per la ditta Ldt di Morrovalle, era originario di Milano, ma viveva a Montecosaro da diversi anni. Lascia la moglie ed un figlio.   (Foto di archivio)

06/02/2020
In 200 alla cena per Baldassarri: il pilota lancia la sfida al prossimo mondiale di Moto2

In 200 alla cena per Baldassarri: il pilota lancia la sfida al prossimo mondiale di Moto2

La cena più partecipata e coinvolgente. La 6° edizione della festa organizzata dal Balda Fanclub per il centauro Lorenzo Baldassarri e i suoi tifosi, ha fatto registrare il record di presenze sabato. Oltre 200 persone, giovani ma non solo, hanno gremito il ristorante dell’Hotel Horizon a Montegranaro. Il massimo possibile, al punto che decine sono state le richieste di partecipanti che non è stato possibile esaudire. Come l’anno scorso dunque i tifosi si sono ritrovati nell’elegante cornice dell’Horizon e come un anno fa è stato Luca Ciarpella a condurre la serata. Stavolta si è avvalso di un simpatico gioco a quiz, un momento di intrattenimento con domande sul Balda, intervallate da prove di memoria e musicali, che hanno creato un divertente clima di competizione anche lì, nemmeno fossimo in pista. Il 23enne pilota montecosarese col numero 7 si è prestato con disponibilità e col sorriso a foto-ricordo con gli estimatori e li ha salutati anche al microfono ricordando l’ultima stagione in Moto2, il rapporto col motore Triumph e la scuderia Pons Racing, le difficoltà con i nuovi pneumatici, l’addio al Vr46 Academy, i vari cambiamenti in questa off season e manifestando la grande carica per il prossimo mondiale che prenderà il via in Qatar nel weekend dell’8 marzo. Baldassarri ha aggiunto di aver apprezzato come non mai l’atmosfera della cena, di essersi sentito come tra amici. Felice lui e felicissimo il fan che ha vinto la lotteria finale aggiudicandosi come primo premio un biglietto per il Gran Premio del Mugello. Se la festa è riuscita così bene, il merito principale naturalmente va ai ragazzi del Fanclub che, durante la serata, hanno anche distribuito uno zainetto e il calendario 2020 ed hanno annunciato le prossime iniziative (via ai tesseramenti a metà marzo). Un plauso dunque al presidente Lorenzo Natali, a Paolo Doria, Roberto Perugini, Leonardo Ercoli, Silvia Chiurchiù, Silvia Berdini, Jonny Olivieri, Luigi Perugini, Daniele Corsalini.

28/01/2020
L'omelia di Monsignor Dal Cin per i genitori e gli amici di Mattia Perini: "Cercatelo tra i vivi!"

L'omelia di Monsignor Dal Cin per i genitori e gli amici di Mattia Perini: "Cercatelo tra i vivi!"

L’Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio di Loreto, Mons. Fabio Dal Cin, ha celebrato questa mattina alle 11 una Santa Messa nella Basilica della Santa Casa per ricordare alla presenza di genitori, amici, studenti e docenti dell’Istituto Einstein-Nebbia di Loreto Mattia Perini, il giovane vittima di un mortale incidente alla stazione di Loreto lo scorso 9 gennaio. Nella sua omelia l'Arcivescovo, al cospetto di una Basilica piena e in un clima di grande commozione, ha ripercorso i drammatici momenti dell'incidente: "Era verso mezzo giorno quando il sole si oscurò e si fece buio su tutta la terra. Così l’evangelista descrive il momento della morte di Gesù. Era alla fine di una mattinata di scuola, quando all’improvviso si fece buio per Mattia, si fece buio per i suoi genitori…per tutti i suoi cari, per voi studenti e insegnanti dell’Istituto Alberghiero, si fece buio per i suoi amici e conoscenti e per tutti noi che siamo rimasti colpiti da questa tragedia. Siamo qui ancora allibiti e sgomenti. Increduli per come in un istante tutto sia potuto accadere". Dal Cin espime grande vicinanza per il grande dolore dei familiari e dei conoscenti di Mattia: "Siamo qui con il desiderio di esprimere, o meglio di balbettare almeno qualche parola di conforto e di partecipazione ai familiari e voi amici di Mattia, di dirvi che non vi lasciamo soli, che soffriamo con voi. Ci siamo raccolti nella Casa di Maria perché Lei che ci è Madre, Lei che ha sperimentato cosa vuol dire perdere un figlio innocente, arrivi con la sua materna vicinanza lì dove noi non arriviamo, perché non ci sono parole umane che possano lenire ferite così amare". "Anch’io quando sono stato raggiunto dalla triste notizia - confessa l'Arcivescovo - mi sono chiesto perché? Perché è successo? E ritorna la domanda di sempre: Dov’era Dio? Nessuno di noi ha la risposta pronta a tale domanda.  Eccoci qui allora a piangere con chi piange, come faceva Gesù davanti al dolore della vedova di Naim, che aveva perso suo figlio o delle sorelle per la morte del fratello Lazzaro. Quando i bambini crescono, arrivano a una certa età in cui non capiscono bene com’è il mondo, verso i due anni, più o meno, cominciano a fare domande: “Papà, perché? Mamma, perché? Perché?”.  Tu cominci a spiegare, ma loro non sentono perché hanno sempre un altro perché? Non vogliono sentire la spiegazione. Soltanto, perché?! Perché così attirano l’attenzione del papà, della mamma e dei grandi. Noi possiamo chiedere al Signore: Ma Signore, perché? Perché è successo questo a Mattia? Perché a questo giovane buono? Perché tanto dolore. Il Signore non ci dirà parole, ma se sentiremo il Suo sguardo su di noi, questo ci darà forza". "La vita dei defunti e di Mattia è nelle mani del Dio della vita e a Dio lo affidiamo nel dolore e nella speranza. In quella speranza che il Vangelo ci rassicura: non cercate tra i morti colui che è vivo. Cerchiamo tra i vivi Mattia, tra coloro che sono vivi nel mistero di Cristo. Andiamo avanti! Cerchiamo tra i vivi Mattia" l'accorato invito di Dal Cin ai presenti.     

23/01/2020
Cena con il pilota Lorenzo Baldassarri: attesi centinaia di supporters

Cena con il pilota Lorenzo Baldassarri: attesi centinaia di supporters

Torna l’ormai tradizionale cena e festa con Lorenzo Baldassarri. Ancora una volta sarà il ristorante dell’Hotel Horizon a Montegranaro ad ospitarla, organizzata dal Balda Fanclub sabato 25 gennaio. Una conviviale abbastanza vicina al nuovo Mondiale di Moto2 che prenderà il via in Qatar nel weekend dell’8 marzo. Una stagione che sarà la 7° nella categoria mediana del motociclismo per il Balda e vedrà il centauro di Montecosaro correre nuovamente per il team dell’ex campione iridato Sito Pons. Un Baldassarri “arrabbiato” dopo un’annata che era cominciata oltre ogni aspettativa, davvero in modo fragoroso con 3 vittorie nelle prime 4 corse ma che poi, dalla metà in poi, è diventata problematica in virtù di nuovi pneumatici con i quali non è mai entrato in sintonia. Comunque i numeri finali del 2019 sono stati i migliori della sua giovane carriera (ha compiuto 23 anni a novembre), mai aveva realizzato 171 punti e mai aveva trionfato in 3 gran premi all’interno di una stagione. Per gli appassionati delle due ruote e del pilota col numero 7, sarà l’occasione per trascorrere una bella serata, mangiare dell’ottimo pesce, ma soprattutto per conoscere da vicino uno dei centauri più veloci e più talentuosi. E magari tornare a casa con l’autografo o la foto-ricordo. Ai presenti verrà consegnato un simpatico gadget, il Fanclub illustrerà le iniziative già definite in vista della prossima stagione e metterà in palio dei premi a chi parteciperà ad un quiz con domande, naturalmente, su Lorenzo Baldassarri.

16/01/2020
La preghiera di Monsignor Dal Cin per Mattia: "Il Signore lo accolga nella casa del Padre"

La preghiera di Monsignor Dal Cin per Mattia: "Il Signore lo accolga nella casa del Padre"

L‘Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio di Loreto, Mons. Fabio Dal Cin, ha voluto dedicare a Mattia Perini, alla sua famiglia, ai suoi amici e all’intero Istituto Einstein – Nebbia di Loreto un pensiero commosso prima della recita del Rosario di ieri sera nella Basilica della Santa Casa. Dal Cin ha ricordato il giovane studente 16enne, vittima del tragico incidente verificatosi alla stazione di Loreto lo scorso giovedì con queste parole: "Vogliamo pregare per Mattia affinché il Signore lo accolga e lo introduca nella casa del Padre; vogliamo pregare per i suoi genitori, straziati dal dolore; per i parenti e per tutti gli studenti, gli insegnanti e sopratutto per i suoi amici che soffrono per la perdita del loro amico e compagno. Che la fede in Cristo, che ci vuole vivi, li aiuti a superare questa situazione e accogliere la vita che Dio ci ha dato in pienezza". 

12/01/2020
Montecosaro, nella chiesa dell'Annunziata l'ultimo saluto a Mattia: proclamato il lutto cittadino

Montecosaro, nella chiesa dell'Annunziata l'ultimo saluto a Mattia: proclamato il lutto cittadino

È stato fissato per domani (domenica 12 gennaio)  alle 15, presso la chiesa dell’Annunziata a Montecosaro, il funerale di Mattia Perini, il 16enne travolto e ucciso da un treno in corsa alla Stazione di Loreto. La salma del giovane lascerà l’ospedale di Torrette  nel pomeriggio e sarà restituita ai familiari. La camera ardente sarà allestita alla sala di commiato Soft di Montecosaro. Il primo cittadino Reano Malaisi ha proclamato per domani il lutto cittadino, nel paese dove il 16enne viveva con la madre. Inoltre, oggi pomeriggio, nella partita tra Montecosaro-Palmense, ci sarà un momento di ricordo per Mattia. Gli  amici e i compagni di squadra, che giocheranno con il lutto al braccio, faranno volare in aria prima del  match 16 palloncini bianchi. Domani, invece, sarà il giorno dell’ultimo saluto a Mattia Perini. Profondo dolore per la scomparsa del giovane, oltre che nella comunità montecosarese, anche a Civitanova, cittadina dove il govane era nato e dove aveva vissuto per un periodo.

11/01/2020
Open Day all'Istituto "Sant'Agostino" dall'11 al 18 gennaio: il calendario completo

Open Day all'Istituto "Sant'Agostino" dall'11 al 18 gennaio: il calendario completo

Dall’11 al 18 gennaio 2020 le porte dei plessi dell’Istituto “Sant’Agostino” di Civitanova Marche e Montecosaro verranno aperte ai futuri alunni e alle loro famiglie per visitare le scuole e conoscere l’Offerta Formativa proposta. Tutor e “Ciceroni” d’eccezione saranno gli alunni delle ultime classi di ogni ordine e grado di scuola, che, supportati dagli insegnanti e dalla Dirigente Scolastica, si occuperanno di accogliere gli ospiti guidandoli in un percorso alla scoperta delle strutture, delle attività e delle opportunità che l’Istituto offre. A tal proposito verranno proposti laboratori didattici ai quali i bambini potranno partecipare singolarmente o in piccoli gruppi. Ecco il calendario completo:   

Macerata, arrestate cinque persone in possesso di mezzo chilo di eroina

Macerata, arrestate cinque persone in possesso di mezzo chilo di eroina

Cinque arresti e 450 grammi di eroina sequestrati. È il risultato di un servizio coordinato di controllo del territorio svolto dai Carabinieri del Comando Provinciale di Macerata, agli ordini del Colonnello Michele Roberti, che ha portato all'identificazione di 160 persone, con l’impiego di 30 militari del Reparto Operativo, delle Compagnie dipendenti e del NORM della Compagnia di Macerata.  Nell’ambito dei controlli sono stati arrestati quattro uomini di cui 3 pakistani e un 40enne civitanovese nonché una donna 41enne originaria del napoletano e domiciliata a Porto Recanati. Complessivamente sono stati sequestrati 450 grammi di eroina e il denaro trovato in possesso durante le perquisizioni personali. In particolare, i Carabinieri hanno colpito nel contesto di due distinti posti di controllo, uno a Civitanova Marche all’altezza dell’incrocio tra la S.S. 16 e Via Aldo Moro e l’altro a Montecosaro nei pressi dell’uscita allo svincolo della Superstrada SS 77 bis. Nel primo controllo i militari dell’Arma hanno arrestato un cittadino pakistano (titolare di un esercizio commerciale presso il complesso condominiale Hotel House) alla guida del proprio furgone, il quale nascondeva nel vano porta oggetti dello sportello lato guida un involucro in cellophane con 2 ovuli contenenti rispettivamente grammi 105 e 55 di eroina del tipo “brown”. A primo acchito il cittadino pakistano, risultato incensurato, è apparso del tutto normale ma appena i carabinieri hanno iniziato la perquisizione personale l’uomo è andato in agitazione e la successiva perquisizione del mezzo è stata positiva.     Durante il posto di controllo effettuato a Civitanova, invece, i Carabinieri identificavano 4 persone (una coppia di italiani residenti a Porto Recanati e due cittadini pakistani di 34 e 28 anni seduti sui sedili posteriori) a bordo di un'utilitaria. All’alt dei carabinieri sia il conducente che la convivente seduta nei posti anteriori sono apparsi nervosi, tanto da indurre i militari ad approfondire il controllo e a procedere alle relative perquisizioni personali e a quella veicolare. Nella circostanza, i militari trovavano sotto il sedile lato passeggero un involucro in cellophane con 2 ovuli contenenti rispettivamente di 210 e 80 grammi di eroina del tipo “brown”. Pertanto, i Carabinieri del Reparto Operativo procedevano all’arresto anche dei quattro soggetti, che sono risultati avere a carico alcuni precedenti di polizia, tranne il 28enne pakistano, risultato invece irregolare nel territorio dello Stato poiché colpito da decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Macerata a maggio scorso.  Oltre allo stupefacente veniva sottoposto a sequestro il denaro trovato in possesso agli arrestati, corrispondente nel totale a 525 euro. La droga, del tipo eroina “brown sugar” di qualità elevata, avrebbe fruttato nella vendita al dettaglio un volume d’affari di circa 45.000 euro.   

09/01/2020
Li Matti de Montecò in visita al Salesi: sorrisi e doni per i bimbi in cura

Li Matti de Montecò in visita al Salesi: sorrisi e doni per i bimbi in cura

Per il secondo anno di fila l’associazione Li Matti de Montecò è andata in Ancona portando doni e un messaggio di vicinanza ai bambini curati nel reparto di Oncoematologia dell’Ospedale “Salesi”. Una visita all’insegna della musica, del canto della Pasquella, ma anche dei balli della tradizione popolare marchigiana che il gruppo folk di Montecosaro ha riprodotto mediante un'esibizione nei corridoi (i piccoli pazienti, purtroppo malati, non possono uscire dalle loro stanze). Non solo, a grande richiesta, sono andati anche a Pediatria e al Pronto Soccorso allietando anche queste altre due aree della struttura dorica. Un aiuto, un pensiero di speranza concreto perchè Li Matti de Montecò hanno consegnato giochi e persino un televisore, quest’ultimo dono reso possibile grazie alle offerte dei commercianti di Potenza Picena. La scrittrice Giulia Ciarapica ha contribuito lasciando una raccolta di libri per adolescenti e bambini, il resto del materiale è stato ottenuto in virtù della solidarietà degli alunni delle scuole primarie di Morrovalle e di Potenza Picena, nonché di coloro che hanno risposto agli appelli fatti sui social. “Attraverso questo piccolo gesto di solidarietà - afferma Claudio Scocco, presidente dell’associazione montecosarese - abbiamo donato un sorriso ai bambini che hanno trascorso le feste natalizie lontani dalla propria casa e dai propri cari. E' importante per noi compiere una concreta opera di solidarietà, ci siamo mostrati come esempio per i più i giovani e abbiamo riscaldato i cuori dei meno fortunati". La visita è stata dunque un ulteriore attestato dello spirito del gruppo folk, sempre sensibile nei confronti di chi è in difficoltà (ad esempio le popolazioni terremotate). Si può dire che Li Matti de Montecò oltre a valorizzare il nostro passato musicale e culturale, cerca di salvaguardare anche le tradizioni del cuore, legate ad aiutare il prossimo. L’associazione ringrazia il personale medico per la gentile accoglienza e per questo secondo invito.

08/01/2020
Montecosaro, la Caritas festeggia l'Epifania alla Residenza Anni Azzurri

Montecosaro, la Caritas festeggia l'Epifania alla Residenza Anni Azzurri

La Caritas montecosarese si è ritrovata anche quest’anno, volontari, autorità e tante famiglie del territorio, per festeggiare l’Epifania, scambiarsi gli auguri di anno nuovo e fare il bilancio della propria attività. E, anche quest’anno come oramai piacevole consuetudine da alcuni anni, la conviviale Caritas è stata organizzata presso la Residenza Anni Azzurri “Santa Maria in Chienti” di Montecosaro Scalo, in contrada Cavallino. “Continua la nostra mission di cercare di essere vicini a tutte le fasce deboli della popolazione – ha detto la responsabile comunale Caritas, Mariagrazia Coltorti nel corso della conviviale, alla quale erano presenti anche il Sindaco Reano Malaisi, l’Assessore Stefania Lufrano, il parroco di Montecosaro Scalo don Lauro Marinelli e Stefano Castagna, responsabile di “Tarassaco”, cooperativa che opera all'interno della Caritas diocesana di Fermo - tra queste, ovviamente, ci sono gli anziani e, a tal proposito, vorrei sottolineare la bella collaborazione avviata da alcuni anni con la Residenza Anni Azzurri “Santa Maria in Chienti con la quale è cresciuta un’ottima sinergia”. L’associazione di volontariato montecosarese, infatti, svolge presso l’RSA un’attività ludico ricreativa e di compagnia, come ad esempio passeggiate nel giardino esterno durante le belle giornate, partite a carte, le iniziative con il coro della Città alta, un appuntamento fisso settimanale per recitare assieme le preghiere del rosario. La Caritas è una bella realtà del territorio comunale, attiva nell’aiuto e sostegno dei meno abbienti residenti a Montecosaro. A tal proposito sono un centinaio i pacchi alimentari distribuiti regolarmente dalla Caritas ad un totale di circa 20 nuclei familiari montecosaresi. Numeri simili per l’abbigliamento. La Residenza Anni Azzurri “Santa Maria in Chienti” di Montecosaro Scalo è una struttura per anziani autosufficienti e non autosufficienti che lavora con standard assistenziali e sanitari molto elevati, con particolare attenzione alle problematiche legate all’Alzheimer e alle demenze senili, offrendo alle famiglie un luogo dove il proprio caro può trascorrere il periodo necessario alle cure, in un ambiente dove trovare calore umano e clima familiare.  

07/01/2020
Torna la rassegna "Parlare Futuro": programma completo e ospiti della nona edizione

Torna la rassegna "Parlare Futuro": programma completo e ospiti della nona edizione

“Le conseguenze delle nostre azioni ci prendono per i capelli, del tutto indifferenti al fatto che nel frattempo si sia migliorati” tuona l’aforismo 179 di Al di là del bene e del male di Friedrich Nietzsche, opera ultima e capitale del filosofo tedesco del superuomo e del nichilismo, che provoca ancor oggi le coscienze e suscita discussione, ontologica e non, sulla nostra contemporaneità. Quali sono le conseguenze delle nostre azioni? Superando etica e morale, le antiquate concezioni di bene e male che il diciannovesimo secolo si teneva strette come coriacea armatura, si arriva alla libertà personale, filosofica e psicologica dal sistema culturale che il filosofo di Rücken agogna. Ma quali sono le sue conseguenze?  Se da una parte il sistema filosofico nietzschano nella Gaia Scienza invita a credere “che bisogna stabilire di nuovo il peso di tutte le cose”, e riconoscere i propri bisogni e ciò che per l’essere ha davvero valore, senza più guardare alle stantie definizioni di bene e male fin de siécle, dall’altra pone un interrogativo latente terribile, quali saranno le conseguenze di un sistema di valori non più condivisi e comuni per l’umanità? Cosa genererà l’anarchia dello spirito e delle azioni (basate su valori personali e non più comuni) in una comunità/umanità che però può sopravvivere solo che congiunta? Quali conseguenze ci tireranno per i capelli, implacabili, dopo aver fatto filosofia col martello?  A questi interrogativi irrinunciabili al giorno d’oggi risponderanno gli ospiti della rassegna Parlare Futuro 2020, che sceglie provocatoriamente come suo fil rouge proprio il titolo dell’opera ultima di Nietzsche, Al di là del bene e del male, e come ospiti filosofi di fine sensibilità, come Umberto Galimberti, Marcello Veneziani e Nicla Vassallo, e interessati intellettuali come il poeta Franco Arminio e la scrittrice e conduttrice televisiva Enrica Bonaccorti.  La rassegna viaggerà nel freddo inverno attraverso le Marche, e il suo viaggiare è esso stesso sintomo di irrequieta ricerca e volontà di dialogo con il grande pubblico.  Parlare Futuro 2020: il programma completo degli appuntamenti  Si partirà da Porto Sant’Elpidio, il 9 Gennaio alle 21:15 presso il Teatro delle Api con il filosofo Umberto Galimberti, e il suo intervento dall’emblematico titolo ‘Nietzsche. Come si filosofa con il martello’ che, citando il celeberrimo sottotitolo de’ Il crepuscolo degli idoli, si dirigerà verso l’analisi filosofica ed ontologica del nichilismo e verso il ritratto del suo irrequieto fondatore.  A seguire, il 16 gennaio alle 21,15, a Porto Recanati presso il Castello Svevo, sarà ospite della rassegna il poeta Franco Arminio, che analizzerà i riflessi dell’assenza di bene e male nella prospettiva dell’amore, e di come esso possa forse portare nuovi valori, forti e impetuosi come la passione, e condivisi dagli innamorati come pane e quotidiano. Il 18 gennaio alle 21,15 sarà ospite nella città di Sarnano, sotto le Logge di via Roma, il filosofo Marcello Veneziani, con un intervento dal titolo Dispera bene,  che si focalizza proprio su come affrontare la vita quando non ci sono più valori prestabiliti. Invece il 30 Gennaio, sempre alle 21,15, presso il Teatro delle Logge di Montecosaro, sarà la celebre filosofa Nicla Vassallo a raccontare al pubblico, dialogando, come la filosofia di Nietzsche possa essere una proposta de facto per il futuro, in un intervento intitolato Al di là del bene e del male. Gender. Chiuderà la rassegna con spirito e sagacia Enrica Bonaccorti, che, il 5 Febbraio alle 21,15 presso la Sala del Consiglio di Loreto, attraverso il personaggio del romanzo Il Condominio, Cico, racconterà attraverso la narrazione cosa vuol dire per un giovane uomo abbracciare la filosofia del martello, cercare la libertà dai vincoli societari in una perfetta solitudine ed equilibrio libertario, e trovarsi però sempre continuamente tirato e contemporaneamente attratto verso la comunità, personificata dal condominio, che lo cerca e avviluppa, che vuole con lui costruire nuovi rapporti e regole condivise.  La direttrice artistica della rassegna, Oriana Salvucci, ha così definito fil rouge e intento di Parlare Futuro 2020, e così commentato la scelta dei suoi geniali ospiti: "Mi fido dei filosofi perchè pongono domande alle nostre coscienze quiescenti, mi fido dei filosofi perchè incitano alla ribellione, mi fido dei filosofi perchè indicano le vie strette, quelle poco frequentate, mi fido dei filosofi perchè invitano a rifuggire il pensiero già pensato, il pensiero omologato, il non-pensiero. E' da questa premessa che nasce il fil rouge della nona edizione di Parlare Futuro, Al di là del bene e del male, una provocazione di chiara matrice nicciana. Un omaggio al Nietzsche demolitore, al Nietche che filosofa col martello, al Nietzche contrario all'ipostasi delle verità. E' sul solco della decostruzione-costruzione che si inseriscono gli interventi degli ospiti dell'edizione 2020, da Umberto Galimberti che traccerà la strada a Franco Arminio, da Marcello Veneziani a Nicla Vassallo, per finire con Enrica Bonaccorti e la sua narrazione. La nona edizione è un inno alla vita come divenire, alla necessità di pensare e porre interrogativi, al bisogno di confrontarsi con l'ignoto e con l'angoscia dell'imprevedibile per mettere in discussione le certezze a cui siamo abbarbicati e le più comode verità".  

04/01/2020

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.