Sport

Civitanova, si dimette il mister della Boca Sette Re

Civitanova, si dimette il mister della Boca Sette Re

Il mister de La Boca Sette Re di Roma, Demmis Agus, si è dimesso dall’incarico subito dopo la sconfitta in campionato contro Moretti Country House e ha salutato la causa gialloblu. Agus, alla guida degli Xeneizes, ha ottenuto cinque punti contro Incompresi, Olians Plast e Montegranaro c7. La società, ascoltati i calciatori e non volendo correre il rischio di dover scegliere in fretta, con tutte le problematiche del caso, ha optato per la soluzione interna.   “Siamo dispiaciuti come club e, in primis personalmente, visto che conosco Demmis da dieci anni e c’è sempre stata grande stima reciproca – afferma il presidente Emanuele Trementozzi – Ma alcune idee erano divergenti, seppur nella reciproca validità e il mister ha deciso di farsi da parte. La nostra è una filosofia di vita e di sport che, a volte, può cozzare contro la legittima voglia di anteporre il risultato al resto, ma il progetto gialloblu va al di là di quello e i ragazzi vogliono sentirsi partecipi di un’idea che sia prima aggregante e poi, magari, vincente sul campo. Non posso che ringraziare, a nome mio e della società, Demmis per quello che ha fatto sin dal primo giorno di allenamento come calciatore prima e tecnico poi, augurandogli sinceramente di poter esprimere le sue qualità altrove nel più breve tempo possibile. Restiamo in buoni rapporti perché, lo sport, va oltre l’aspetto personale e questo è quello che La Boca si propone di raggiungere ogni giorno. Anche per questo abbiamo deciso, insieme ai ragazzi, di optare per una gestione interna affidando l’incarico di guidare la squadra al trio formato dal capitano Lorenzo Bianchetti, al saggio ed esperto Patrick Di Lupidio, ai quali si affiancherà Matteo Trementozzi che con grande umiltà ha voglia di imparare accanto ai due nostri Xeneise. Resta immutato, dunque, il nostro progetto di costruzione di un’idea, di un progetto, che ha saputo tirare su, in cinque mesi, tre squadre e un totale di quasi quaranta tesserati. Tutti uguali, tutti meritevoli di un’opportunità che non hanno avuto altrove e che, invece, La Boca è orgogliosa di poter offrire loro”.

22/01/2018
Macerata, Vecchi: “Il Bayer Cappuccini prova a vincere”

Macerata, Vecchi: “Il Bayer Cappuccini prova a vincere”

Il Bayer Cappuccini è pronto a vivere un 2018 da grande protagonista sia nel calcio a 5 che nel calcio a 7, scendendo in campo con la solita determinazione e voglia di vincere. Tra i grandi protagonisti della formazione maceratese c’è, senza dubbio, Riccardo Vecchi, che è pronto ad inseguire il sogno chiamato scudetto. “Il Bayer Cappuccini è una grande famiglia – esordisce Vecchi – si è creato un grande gruppo e lottiamo tutti per un unico obiettivo. C’è grande armonia tra di noi e facciamo sempre il massimo per ottenere i risultati più importanti. Siamo a due punti dalla capolista e faremo di tutto per raggiungere la testa della classifica, ma prima di tutto siamo una squadra di amici che si rispettano e si vogliono bene, che giocano per divertimento e si impegnano per raggiungere un obiettivo. Personalmente mi trovo benissimo e spero che si riesca, a fine stagione, a festeggiare qualcosa di importante”.  

22/01/2018
Calcio, il Caldarola lotta ma cede sul campo della Monteluponese

Calcio, il Caldarola lotta ma cede sul campo della Monteluponese

Il Caldarola lotta ma si piega alla doppietta di Dottori che, nel sabato calcistico di Montelupone, manda in estasi i tifosi giallorossi. I ragazzi di mister Nerpiti sfiorano subito il vantaggio con Pettinari, che sbatte sulla traversa e controllano il match fino al retropassaggio di Paolucci che innesca Dottori, atterrato dal portiere biancorosso: rigore e trasformazione impeccabile. Gli ospiti ci credono ma non trovano il pari, fino al raddoppio di testa del solito Dottori che, ad inizio ripresa, manda la Monteluponese sul due a zero. Il Caldarola prova a reagire ma non trova la via del gol, recriminando per la grande occasione capitata a Maccari che, a due passi dalla porta, spedisce incredibilmente tra le braccia del portiere giallorosso. Arrivano così i tre punti per i ragazzi di mister Canesin, apparsi più esperti e cinici rispetto ad un Caldarola, comunque, che ha venduto cara la pelle.   

22/01/2018
Fine settimana positivo per il Banca Macerata Rugby

Fine settimana positivo per il Banca Macerata Rugby

Domenica positiva per il Banca Macerata Rugby che ha visto vincere sia la Seniores che l’Under18. La Seniores in trasferta a Forlì con tanto di tifoseria al seguito affronta la prima delle 5 partite della poule promozione per la serie B, la prima del girone emiliano contro la terza del marchigiano. Si preannunciava una partita dura, equilibrata, difficile e così è stata! Un’inizio di partita subito in attacco con due punizioni a favore dei maceratesi e 3 punti nei primi 5 minuti, punteggio invariato per buona parte de primo tempo fino alla meta e sorpasso al 15° dei forlivesi con punteggio di 5-3.   Da qui in poi una difesa eccellente per Macerata che attaccata da fasi martellanti di Forlì, intervallate da errori per entrambe le formazioni e cartellini gialli al 25°per Forlì e al 37° per gli Amatori causa falli ripetuti, riesce a contenere l’avanzata avversaria fino al 39° dove un clamoroso errore difensivo dei maceratesi regala la meta del 10-3 a Forlì e tutti a riposo. Forze fresche e menti concentrate per l’inizio del secondo tempo con gli Amatori sempre in attacco, nonostante l’ inferiorità numerica riescono a marcare con Ronconi e il piede di Aguzzi in gran forma trasforma la meta per il 10 pari. Macerata continua con un attacco ad alto ritmo fino a cogliere in fallo i padroni di casa con un fuorigioco e Aguzzi porta nuovamente in vantaggio la squadra con il punteggio di 10-13, ripetendosi da li a poco sempre su punizione nuovamente per fuorigioco avversario. Giunti quasi alla conclusione di una partita equilibratissima Forlì accorcia le distanze con una meta andando a -1 dagli avversari, facile la trasformazione dai 20 metri ma quando meno te lo aspetti e tutto sembra andare per il peggio ecco che ancora Nicola Aguzzi che corre verso il calciatore e con un timing perfetto salta e stoppa clamorosamente la trasformazione avversaria! I padroni di casa non demordono, vogliono la meta e attaccano decisi sfruttando i pochi minuti di recupero che decretano la fine della partita, ma a chiudere definitivamente i giochi sono proprio i maceratasi con un’intercetto di Romagnoli che vola in meta con Aguzzi che trasforma e segna la fine per 15-23 per il BancaMacerata Rugby. Da sottolineare la bellissima prestazione in mischia e difesa maceratese che è riuscita a contenere le potenti prime linee avversarie. Non solo Seniores come anticipato ma anche Under18 che va a vincere di carattere a Fano con 5-56 e con partita vinta a tavolino purtroppo causa infortuni dei padroni di casa rimasti in 14. L’Under 18 del Banca Macerata Rugby si classifica terza ad un passo dai playoff. All’ Elia Longarini di Villa Potenza invece si è svolto il mutch  dell’Under 16 Potentia Rugby contro Tortoreto finito 7-31 per gli abruzzesi, non è bastato l’impegno dei padroni di casa per la vittoria. In fine anche 2 componenti del Banca Macerata Femminile sono scese in campo con il tutorato delle Belve Nero Verdi de L’ Acquila ed hanno contribuito alla vittoria a casa della Old Napoli Rugby per 17a22, titolare per tutta la partita Flavia Albertini mentre Elena Chiurchiù scende in campo al 20°del secondo tempo. Il Banca Macerata Rugby da appuntamento ai suoi tifosi domenica 28 Gennaio per sostenere alle 10.00 i ragazzi  dell’Under 14 e alle 14.30 la senior contro Rugby Jesi 70.

22/01/2018
Zero reti ed emozioni, pari tra gli sbadigli per il Montecosaro

Zero reti ed emozioni, pari tra gli sbadigli per il Montecosaro

Pari tra gli sbadigli al Mariotti di Montecosaro tra i ragazzi di mister Mazzaferro e il Monte Urano Campiglione, con uno zero a zero che rispecchia in toto la sonnolenza di una gara che, comunque, allunga la striscia positiva dei neroverdi, saliti a quota 23 punti, a meno quattro dalla zona play off e con eguale distanza dai play out. Il campo pesante non facilita le giocate locali e l’unica conclusione degna di nota del primo tempo è quella di Vallesi che, dal vertice destro alto dell’area, spara fuori. Nella ripresa qualche tentativo in più, ma sempre molto circoscritto. Al quinto ancora Vallesi si lancia in contropiede, entra in area e calcia di sinistro ma non trova lo specchio. Al decimo risponde Bartolini dal limite servito da Pistelli, pallone tra le braccia di Diomedi. Ci prova anche D’Angelo al 16esimo, ma il tiro a giro è centrale e non ottiene i risultati sperati. L’ultimo tentativo della gara è di Pistelli al 40esimo ma è centrale e spegne le ultime velleità di uno zero a zero tanto noioso quanto giusto.   MONTECOSARO – MONTE URANO CAMPIGLIONE   MONTECOSARO: Torresi, Albanesi, Quintabà, Cozzi, Benfatto, Marziali, Bartolini (Baiocco L 25’ s.t.), Rapacci (Pietrella 42’ s.t.), Ulivello (Tramannoni 38’ s.t.), D’Angelo, Pistelli; All Mazzaferro. A DISP: Gentili, Ercoli, Baiocco S, Mazzante MONTE URANO CAMPIGLIONE: Diomedi, Morelli, Viti, Santarelli (Renzi 20’ s.t.), Fornari, Cerquozzi, Nepi (Cardenà 24’ s.t.), Smerilli, Vallesi (Moretti 26’ s.t.), Bracalente (Vallesi P 45’ s.t.), Morlacco; All Bagalini. A DISP: Foronesi, Caporaletti, Barbabietolini DIRETTORE DI GARA: Leonardo Vai (Jesi), Daniele Concetti (SBT), Alessio Michele Padovano (Ancona) AMMONITI: Rapacci (30’ p.t.); Cerquozzi (32’ s.t.)Cardenà (48’ s.t.) NOTE: ANGOLI (2-1); RECUPERI (1’ p.t.; 5’ s.t.) MAN OF THE MATCH: Mattia Benfatto (Montecosaro)

22/01/2018
Cantine Riunite Tolentino, poker dei Giovanissimi ma cade la C2 maschile

Cantine Riunite Tolentino, poker dei Giovanissimi ma cade la C2 maschile

Buon fine settimana per le Cantine Riunite Tolentino che, al netto della sconfitta della C2 maschile, ottengono due vittorie con la formazione Csi e i Giovanissimi del tecnico Roberto Perà. Per il Csi Cantine vittoriose in quel di Treia: i ragazzi della coppia Ranzuglia-Pascucci cominciano alla grande con un uno-due firmato Marcelletti Kaschey ma poi, su una rimessa laterale contesa, arriva il gol dei padroni di casa. Ma la prima frazione non finisce qui, perché arriva finalmente il primo gol in campionato del muro Konte e anche la prima segnatura di Muslija. La ripresa inizia con i padroni di casa carichi a mille che siglano su punizione il 2-4, continuando il forcing e siglando anche il 3-4; si fa dura, così, per i cantinari ma Konte sembra avere il piede caldo e piazza un siluro sotto al sette per il 3-5 della sicurezza. I Treiesi sono arcigni di natura ed arrivano addirittura a firmare il 4-5, ma poco dopo l’ arbitro fischia la fine per una vittoria sudatissima ma meritata, soprattutto per la prima frazione di gara giocata in modo perfetto. Due reti di Gashi e le marcature di Bonvecchi e Antovski, invece, lanciano i Giovanissimi sul campo dell’Acli Mantovani. Quattro a uno il risultato finale e primo posto in coabitazione con il Cus Macerata. L’unica sconfitta arriva, invece, dalla C2 maschile che viene sconfitta per 5 a 1 da Casenuove. Di Ercoli l’unica rete tolentinate, che non basta ad evitare l’ultimo posto in classifica.

22/01/2018
Volley potentino, l’avventura in Pool B si aprirà al sesto posto

Volley potentino, l’avventura in Pool B si aprirà al sesto posto

Prima parte della Regular Season chiusa al settimo posto per il Volley Potentino con obiettivo della qualificazione alla Pool B centrato già la scorsa settimana. A partire dal 4 febbraio (esordio al PalaManera con Mondovì) Monopoli e compagni affronteranno in gare di andata e ritorno le quattro formazioni del Girone Blu che si sono qualificate allo stesso raggruppamento. I punti andranno a integrare la classifica d’ingresso alla Pool B. I biancazzurri si presentano alla seconda fase con 6 punti (dati dai successi ottenuti all’andata negli scontri diretti contro Aversa e Reggio Emilia). La nuova classifica, che comprende le squadre posizionate tra il quinto e l’ottavo posto al termine dei Gironi Bianco e Blu, vede Potenza Picena al sesto posto con gli stessi punti di Reggio Emilia, ma con un miglior quoziente set, e con 3 lunghezze di vantaggio sul fanale di coda Mondovì.   Nell’ultimo turno del Girone Bianco il tecnico Adriano Di Pinto aveva promesso una GoldenPlast Potenza Picena battagliera al PalaJacazzi di Aversa e così è stato. Contro il sestetto normanno i biancazzurri sono partiti in quarta e hanno continuato a lottare su tutti i palloni, ma nel cuore dell’incontro, spinti dai propri sostenitori, i giocatori agli ordini di Pasquale Bosco sono cresciuti creando seri grattacapi alla formazione marchigiana, che non si è mai arresa e ha lottato fino agli ultimi scampoli del match senza però evitare la sconfitta per 3-1. Tra i giocatori che hanno strappato applausi persino ai tifosi di casa, spicca il libero nato a Ortona nel 1998, Alessandro Toscani, che si è distinto a più riprese nella fase difensiva senza però festeggiare con un successo la sua centesima presenza in Serie A: “Sono contento di aver raggiunto questo primo traguardo, anche perché ogni gara è una tacca in più d’esperienza. Contro Aversa ho cercato di difendere i più possibile per agevolare la fase break. Siamo partiti forte, ma, dopo una prima fase di smarrimento degli avversari per l’uscita di scena di Libraro, con il passare dei minuti proprio quell’assenza li ha responsabilizzati e hanno tirato fuori molta grinta. Sono venute fuori individualità come Simeonov e Santangelo, ma anche il gioco di squadra. Noi abbiamo provato fino all’ultimo a ribaltare l’inerzia della gara e nel quarto set ci siamo andati vicino. Nella seconda fase partiremo dalle retrovie, ma sarà un nuovo Campionato e ci giocheremo le nostre carte per risalire la china. Sarà un altro banco di prova difficile perché anche le nuove avversarie saranno toste. Sfidare la mia ex squadra (Sieco Service Ortona) sarà una bella esperienza perché rivedrò tanti amici”.   Classifica FINALE Girone Bianco (prima fase Regular Season) 1. Ceramica Scarabeo GCF Roma 47 2. Kemas Lamipel Santa Croce 42 3. Emma Villas Siena 40 4. Videx Grottazzolina 34 5. Aurispa Alessano 34 6. Sigma Aversa 33 7. GoldenPlast Potenza Picena 25 8. Conad Reggio Emilia 24 9. Messaggerie Bacco Catania 23 10. Materdominivolley.it Castellana Grotte 16 11. Acqua Fonteviva Massa 12   Team inseriti nella Pool B (dal Girone Bianco) 5a Aurispa Alessano 6a Sigma Aversa 7a GoldenPlast Potenza Picena 8a Conad Reggio Emilia (dal Girone Blu) 5a Gioiella Micromilk Gioia del Colle 6a Pool Libertas Cantù 7a Sieco Service Ortona 8a VBC Mondovì Classifica INIZIALE Pool B 1.Gioiella Micromilk Gioia del Colle 14 2.Sigma Aversa 13 3.Aurispa Alessano 11 4.Pool Libertas Cantù 10 5.Sieco Service Ortona 9 6.GoldenPlast Potenza Picena 6 (Q. set) 7.Conad Reggio Emilia 6 (Q. set) 8.VBC Mondovì 3   CALENDARIO SECONDA FASE (i match potrebbero essere anticipati o posticipati) 1a giornata di andata – Domenica 4 febbraio 2018, ore 18.00 VBC Mondovì - GoldenPlast Potenza Picena 2a giornata di andata  – Domenica 11 febbraio 2018, ore 18.00 GoldenPlast Potenza Picena – Gioiella Micromilk Gioia del Colle 3a giornata di andata  – Domenica 18 febbraio 2018, ore 18.00 Pool Libertas Cantù - GoldenPlast Potenza Picena 4a giornata di andata – Domenica 25 febraio 2018, ore 18.00 GoldenPlast Potenza Picena – Sieco Service Ortona   1a giornata di ritorno – Domenica 4 marzo 2018, ore 18.00 GoldenPlast Potenza Picena – VBC Mondovì 2a giornata di ritorno – Domenica 11 marzo 2018, ore 18.00 Gioiella Micromilk Gioia del Colle - GoldenPlast Potenza Picena 3a giornata di ritorno – Domenica 18 marzo 2018, ore 18.00 GoldenPlast Potenza Picena – Pool Libertas Cantù 4a giornata di ritorno – Domenica 25 marzo 2018, ore 18.00 Sieco Service Ortona - GoldenPlast Potenza Picena      

22/01/2018
Tolentino, ribalta internazionale per Francesco Raschini allo UK Open Qualifier di London Victoria

Tolentino, ribalta internazionale per Francesco Raschini allo UK Open Qualifier di London Victoria

Una soddisfazione enorme, ma poteva addirittura andare meglio. Ribalta internazionale per Francesco Raschini, originario di Caccamo di Serrapetrona, che è arrivato fino ai quarti di finale dello UK Open Qualifier di London Victoria, battuto solamente al terzultimo atto del torneo da Joe Davis, giovane inglese molto attivo sui circuiti minori della PDC e finalista al recente Malta Open della WDF. Davis si è imposto per 4-1, mettendo fine al sogno di Rosco di partecipare allo UK Open, che si disputerà nel mese di marzo a Minehead nella storica sede del Butlins, e unico torneo che mette di fronte i migliori 96 giocatori della PDC (Tour Card Holders e membri pdpa, alle qualificazioni hanno guadagnato il diritto a partecipare Michele Turetta e Andrea Micheletti dopo la loro q-School) e 32 giocatori "amatoriali", ossia non membri PDC ma comunque liberamente attivi in BDO, WDF o addirittura quelli che vengono chiamati "giocatori da Pub". Per Raschini, giocatore cresciuto e allenatosi con le freccette al bar "Le Grazie" di Tolentino e che da un paio di mesi vive nella capitale inglese, un grandissimo risultato, e magari la possibilità di riprovarci in uno dei prossimi tornei di qualificazione (ne mancano ancora più della metà), e coltivare il sogno di qualificarsi ad uno dei tornei più affascinanti delle freccette Mondiali. "Grazie di cuore ragazzi, ho cercato di dare il massimo - ha affermato Raschini - con un altro sorteggio forse un passo in più lo avrei fatto, ma mi è costato caro lo sbaglio in doppia sull'uno pari, ma va bene così sono contento di come è andata. Spero che andrà meglio la prossima volta". L128 Bye L164 Francesco Raschini - John Ross 4-2L32 Francesco Raschini - Matthew Kiernan 4-1L16 Francesco Raschini - Shaun Lovett 4-2L8 Francesco Raschini - John Davis 1-4

22/01/2018
Successo per l’assemblea quadri dirigenti dell’U.S. Acli Marche

Successo per l’assemblea quadri dirigenti dell’U.S. Acli Marche

La sala della delegazione provinciale del Coni, gentilmente concessa, ha ospitato sabato 20 gennaio l’assemblea dei quadri dirigenti dell’Unione Sportiva Acli Marche, ente di promozione sportiva ed associazione di promozione sociale che nella nostra regione registra più di 12000 iscritti. All’iniziativa, svoltasi per la prima volta e voluta fortemente dal nuovo consiglio regionale, hanno partecipato i consiglieri regionali, i rappresentanti dei comitati provinciali, i presidenti provinciali delle Acli delle province di Macerata e Pesaro/Urbino (Roberta Scoppa e Giuseppe Diamantini), il direttore regionale del Patronato Acli Fabio Corradini, ma soprattutto tanti dirigenti che quotidianamente portano avanti le attività sportive dell’U.S. Acli in tutto il territorio regionale con dati sempre più significativi, con un tesseramento in continuo aumento e con un incremento notevole delle iniziative programmate.   Nel corso dell’incontro è stato evidenziato il valore sociale delle attività sportive dell’Unione Sportiva Acli Marche ed è stato dato spazio ad alcune iniziative particolari realizzate nel territorio regionale come ad esempio il fit walking a Macerata, le camminate per promuovere gli stili di vita corretti dei cittadini nelle province di Ancona, Macerata, Fermo ed Ascoli, l’attività di arti marziali in provincia di Pesaro/Urbino, le iniziative sportive all’interno della casa circondariale di Ascoli Piceno, i corsi di autodifesa personale per donne svoltisi a Fano ed Ascoli Piceno, l’intensa attività podistica e le manifestazioni più importanti come la Stramacerata e la Run & Smile di Porto San Giorgio, l’intensa attività di burraco svolta nelle province di Ancona, Ascoli e Pesaro/Urbino. La presentazione di tali attività è stata fatta anche per permettere al presidente nazionale dell’U.S. Acli Damiano Lembo ed al vice presidente nazionale Luca Serangeli di meglio conoscere le attività del comitato marchigiano dell’ente di promozione sportiva delle Acli. Nel corso dell’assemblea dei quadri dirigenti, alla quale hanno partecipato 50 persone provenienti dall’intero territorio marchigiano, sono anche intervenuti il rappresentante della Regione Marche Fabio Sturani, il presidente regionale del Coni Fabio Luna, il coordinatore degli enti di promozione sportiva delle Marche Giorgio Sartini ed il presidente regionale della Uisp Armando Stopponi a testimoniare la validità della rete di rapporti e di alleanza che l’U.S. Acli ha saputo allestire nel corso degli anni. 

22/01/2018
La Rossella Civitanova sconfigge il Matera: grande prestazione di Cassese

La Rossella Civitanova sconfigge il Matera: grande prestazione di Cassese

La Rossella Civitanova sconfigge Matera 101-89 e conquista un’altra importante ed emozionante vittoria davanti al proprio pubblico in uno scontro diretto per i playoff. La copertina è obbligatoriamente per Alessandro Cassese, MVP del match con 37 punti di cui ben 17 nell’ultimo quarto (parziale 33-16, con la Rossella che partiva sotto 68-73) con 6/7 da due e 7/9 da tre e super anche in difesa, ma è stata anche una grande prova di squadra con tutti che hanno dato un gran contributo quando, chiamati in causa, considerando anche l’infortunio di Coviello a metà secondo quarto e Andreani a mezzo servizio, al ritorno in campo dopo un mese. Matera si è dimostrata una squadra compatta e dotata di grandi individualità, è riuscita a sfruttare la maggior fisicità (26 tiri liberi a 14), ma non ha potuto nulla contro il 16/28 da tre della Rossella.   Il primo quarto è Tessitore-show: la guardia di coach Rossi ne mette 14 con 2 triple e la Rossella va avanti 21-15 dopo 7’, ma dall’altro lato Ravazzani e Battistini fanno valere tutto il loro atletismo e ricuciono fino al 25-26 del primo quarto. Nel secondo parziale inizia meglio Matera con due canestri, rispondono Tessitore e Felicioni da tre, ma si sblocca Migliori e Matera va a +8. La Rossella attraversa qualche momento di confusione anche per qualche tensione con gli arbitri e trova solo una tripla di Cassese, mentre gli ospiti “rubano” due canestri in contropiede con Battistini e vanno al massimo vantaggio: 36-46. Ci pensa il solito Cassese con tripla in step-back e appoggio in contropiede, Tessitore torna a segnare dal post e Civitanova va al riposo sul -4 (46-50). Il terzo quarto è simile al precedente, la Rossella non riesce a contenere Migliori (top scorer del girone) e Ochoa, mentre in attacco perde fluidità e finisce a -12 (59-71). Felicioni però dà la carica con una tripla e Cassese risponde con tre canestri consecutivi per il 68-73 con cui si entra nel finale. Gli ultimi 10 minuti sono appannaggio di Cassese e capitan Amoroso (13 punti tutti nel quarto), che segnano praticamente ad ogni azione e in ogni modo facendo impazzire i lucani, mentre in difesa Cognigni, Felicioni, Vallasciani e Marinelli non concedono più nulla.   Per la Rossella è la quinta vittoria consecutiva al PalaRisorgimento, ma adesso deve tornare a vincere fuori casa perché ci saranno due durissime trasferte consecutive a Campli e Recanati, rispettivamente 3° e 2° in classifica con una e due vittorie in più dei civitanovesi, sesti insieme a Teramo. Rossella Virtus Civitanova Marche - Olimpia Matera 101-89 (25-26, 21-24, 22-23, 33-16) Rossella Virtus Civitanova Marche: Alessandro Cassese 37 (6/7, 7/9), Gennaro Tessitore 25 (5/9, 5/8), Francesco Amoroso 13 (3/3, 1/2), Matteo Felicioni 9 (1/3, 2/4), Matteo Marinelli 8 (4/8, 0/0), Lorenzo Andreani 5 (1/3, 1/3), Marco Vallasciani 2 (1/1, 0/2), Riccardo Coviello 2 (1/4, 0/1), Filippo Cognigni 0 (0/1, 0/0), Marko Milisavljevic 0 (0/0, 0/0), Luigi Dania 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 9 / 14 - Rimbalzi: 27 4 + 23 (Francesco Amoroso 8) - Assist: 22 (Matteo Felicioni 5) Olimpia Matera: Leonardo Battistini 29 (9/14, 2/6), Franco Migliori 26 (4/7, 4/7), Nicolò Ravazzani 11 (5/8, 0/0), Ignacio Ochoa 9 (2/5, 0/0), Marcello Cozzoli 9 (2/2, 1/4), Samuele Pasqualini 3 (0/0, 1/1), Matias nicolas Di marco 2 (0/1, 0/0), Lorenzo Varaschin 0 (0/1, 0/0), Alberto Montemurro 0 (0/0, 0/0), Alessandro Marra 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 21 / 26 - Rimbalzi: 29 4 + 25 (Franco Migliori 9) - Assist: 21 (Marcello Cozzoli 7)    

22/01/2018
Goldenplast Potenza Picena rimontata in 4 set ad Aversa

Goldenplast Potenza Picena rimontata in 4 set ad Aversa

    Il Volley Potentino comincerà la seconda fase con 6 punti nella Pool B. Nell’ultima giornata del Girone Bianco, chiuso al settimo posto con 25 punti, non riesce l’impresa esterna alla GoldenPlast Potenza Picena, rimontata e sconfitta in 4 set dalla Sigma Aversa al PalaJacazzi. Un match partito come una sorta di passerella trionfale per Monopoli e compagni, avanti di un set, con i padroni di casa sotto choc per l’uscita dal campo di Libraro dopo pochi scambi. Poi il cambio di rotta. Nel finale di un secondo parziale molto combattuto la svolta per i normanni, capaci di prendere il largo in volata con gli acuti di Simeonov. Campani micidiali anche nel terzo e nel quarto set, ma al team marchigiano va dato atto di non essersi mai arreso. Spinti da una regia di qualità i potentini lottano strenuamente anche nel set decisivo (23-22), ma cadono 25-22. Buona prestazione di Potenza Picena al servizio con 8 ace a 5 rispetto ai rivali, molto più fallosi con 22 errori dai 9 metri. A muro, però, c’è un abisso. Ben 15 i block vincenti dei “lunghi” campani contro i 5 dei biancazzurri. Top scorer del match è Fabio Bisi con 19 punti, ma la formazione dell’ex Pinelli vanta 5 giocatori in doppia cifra contro i 2 del sodalizio marchigiano. In evidenza tra beniamini di casa Santangelo e Simeonov (36 punti in 2 equamente distribuiti). Tra gli ospiti ottima prova difensiva per Alessandro Toscani, alla sua partita numero 100 in Serie A. La prossima gara ufficiale dei biancazzurri sarà l’esordio nella seconda fase in programma il 4 febbraio alle 18.00 in Piemonte contro VBC Mondovì.   Biancazzurri in campo con Monopoli al palleggio per Bisi opposto, Bucciarelli e Maccarone al centro, Sette (cambio Under con Cristofaletti) e Marinelli in banda, Toscani (centesima partita in Serie A) nel ruolo di libero. Padroni di casa schierati con Pinelli in cabina di regia per il terminale offensivo Santangelo, Vigil Gonzalez e Giacobelli al centro, Libraro e Simeonov in banda, Vacchiano libero. Nel primo set, dopo pochi punti, Libraro abbandona il campo. Buona circolazione del pallone di Potenza Picena, sul +5 con ottime murate e un ace targato Monopoli (5-10). I biancazzurri continuano ad amministrare il primo parziale e allungano con l’ace di Monopoli (12-18). Coach Bosco fa uscire il libero Vacchiano e inserisce il compagno di reparto Marra, ma Cristofaletti e Monopoli continuano a infierire (12-20). Tra i padroni di casa entra Montò per Santangelo. Aversa cerca la rimonta (16-21). Sull’errore al servizio di Simeonov i marchigiani conducono 18-24. La squadra campana annulla le prime due palle set, ma capitola 20-25 sulla battuta a rete di Montò. Nel secondo set i padroni di casa partono meglio (7-4), ma Potenza Picena torna nel parziale con convinzione (sul 7-7 per Aversa esce Marra) e trova il doppio vantaggio (7-9). Sul pallonetto di Cristofaletti Potenza Picena allunga (9-12) e dimostra una buona padronanza di difesa e contrattacco. I normanni non si danno per vinti e agguantano il pari (13-13) per poi passare avanti su un’incertezza a muro degli ospiti (15-14). Di Pinto inserisce Larizza per Bucciarelli. Su un attacco out di Cristofaletti la Sigma va sul 17-15. Sul 19-18 l’attacco dei normanni trova le mani del muro potentino (20-18). L’ace di Santangelo e il muro normanno valgono il 23-19. Simeonov (7 punti nel set come Santangelo) trova i 2 punti del 25-19. Sul fronte opposto prolifico Bisi con 8 punti.  Nel terzo set sono i giocatori campani a partire più convinti. Sull’ace di Vigil Gonzalez Aversa è avanti 10-6. Su una leggerezza dei biancazzurri la Sigma allunga (12-7). Sul 14-11 i biancazzurri credono nella rimonta. L’attacco vincente di Bucciarelli al centro riduce il divario (15-13). Il servizio degli uomini di Bosco mette i marchigiani, che perdono colpi e incassano un muro pesante (18-13). Sette entra per Marinelli. Sul 22-17 il Volley Potentino incassa un altro block duro da digerire (23-17). Santangelo chiude i giochi sul 25-18 con un mani out.  Nel quarto set sono ancora i padroni di casa ad azzeccare l’avvio (9-5). Sull’attacco out dei potentini i normanni allungano (11-6). La prerogativa numero uno di Potenza Picena è quella di non arrendersi mai. Con Bisi al servizio gli ospiti provano a recuperare lo svantaggio (13-10). Il sestetto di Bosco continua a far male anche con gli atleti subentrati dalla panchina, come Baldari (18-13). Le speranze dei potentini si aggrappano agli errori degli avversari dai 9 metri e al servizio di Bisi, autore di un ace importante (20-17), ma vanificato dalla successiva invasione di un compagno (21-17). Un errore dei campani, il muro di Bucciarelli e l’ace di Marinelli riaprono il match (21-20). Sul 23-22 Aversa tiene la testa avanti e trova 2 palle match (24-22) chiudendo la contesa a muro (25-22).   AVERSA: Pinelli 2, Santangelo 18, Vacchiano L, Grassi ne, Vigil Gonzalez 14, Libraro, Simeonov 18, Catena ne, Montò U 1, Baldari U 16, Marra L, Giacobelli 10. All. Bosco POTENZA PICENA: Sette U 2, Bisi 19, Toscani L, Bucciarelli 7, D’Amico L, Cristofaletti U 12, Marinelli 6, Di Silvestre, Larizza, Monopoli 3, Lavanga, Romanò ne, Maccarone 6. All. Di Pinto Arbitri: Piubelli di Verona e Sessolo di Treviso Note: durata set 24’, 26’, 23’, 30’. Durata totale 1h 43’. Aversa: errori al servizio 22, ace 5, muri 15. Potenza Picena: errori al servizio 9, ace 8, muri 5.

21/01/2018
L'Infa Feba Civitanova espugna Savona

L'Infa Feba Civitanova espugna Savona

L'Infa Feba Civitanova Marche espugna Savona. Le ragazze di coach Matassini battono le liguri per 54-70 ed ottengono la 3° vittoria consecutiva nel 2018. Un successo prezioso quello delle biancoblu arrivato dopo un'ottima prestazione che permette di continuare a risalire la china della classifica. Primo quarto all'insegna dell'equilibrio fino a metà frazione poi le momò piazzano un break di 0-7 che le porta sul 6-14 a due minuti dal termine. Le padrone di casa reagiscono e collezionano un contro break di 5-0, firmato Tosi, che chiude il periodo sull'11-14. Nel secondo quarto si parte con un botta e risposta tra le due compagini, poi le biancoblu tentano un nuovo allungo, 19-26 a 4'44' da giocare, grazie ad un'ispirata Perini. Tuttavia Savona non cede e ancora una volta nel finale ricuce lo strappo così si va al riposo lungo sul 28-31. Alla ripresa delle ostilità partono meglio le locali che mettono il naso davanti e grazie a Tosi toccano il +5, 43-38 a 3'33' da giocare. Le ragazze di coach Matassini reagiscono prontamente e con un break di 0-12 arrivano al 43-50 ad un minuto dal termine, prima che il canestro di Penz fissi il punteggio sul 45-50. Nell'ultima frazione le momò prendono il largo: le locali si inceppano in attacco, mentre la Feba continua a bucare la retina con estrema precisione. Nel finale trova i tre punti anche la giovanissima Anna Paoletti. Finisce 54-70. "E' stata una partita dura come immaginavamo, - commenta coach Alberto Matassini - che abbiamo interpretato bene offensivamente nel primo tempo, muovendo la palla e trovando dei tiri aperti che purtroppo non sempre sono entrati. In difesa lasciavamo circolare troppo la palla a Savona e questo ci creava dei grattacapi. Nel secondo tempo invece si è invertito inizialmente il trend in attacco, perchè soffrivamo la loro zona, mentre in difesa non riuscivamo a stringere le maglie: poi dopo due  - tre minuti abbiamo fatto 16 minuti di grande intensità difensiva con ottime letture in attacco. Siamo riuscite a trovare quel vantaggio che ci ha dato la fiducia necessaria per vincere alla fine. Torniamo da Savona soddisfatte perchè abbiamo ottenuto la vittoria su un campo difficile contro una squadra ostica. Due punti importanti per la nostra classifica e penso che possiamo lavorare con fiducia, perchè nonostante abbiamo avuto qualche problema in difesa però lo abbiamo risolto con grande forza di volontà mentre in attacco dimostriamo di essere sempre incisive. Ci attende un'altra sfida dura contro Orvieto, - conclude l'allenatore biancoblu - pertanto testa alla settimana di lavoro che ci attende".  CESTISTICA SAVONESE - INFA FEBA CIVITANOVA MARCHE 54-70 (11-14; 17-17; 17-19; 9-20)  CESTISTICA SAVONENSE: Zanetti 9, Penz 10, Villa 6, Tosi 21, Aleo 3, Sansalone 3, Ambrosi ne, Guilavogui, Roncallo, Bianconi 2 All. Pollari INFA FEBA CIVITANOVA: Rosier 15, Bocola 4, Perini 19, Mataloni 12, Ceccarelli 13, Orsili, Trobbiani 4, Paoletti 3, Marinelli, Stronati, D'Amico ne, Pelliccetti ne All. Matassini Arbitri: Chiarugi e De Bernardi

21/01/2018
Lube, passo falso in casa contro Modena

Lube, passo falso in casa contro Modena

È della Azimut Modena il big match della 6ª giornata di ritorno della Regular Season di SuperLega UnipolSai.  La squadra di Radostin Stoytchev centra l’impresa battendo la Cucine Lube Civitanova con un secco 3-0 (25-23, 25-21, 25-19) all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche, dove i campioni d’Italia e vice campioni del mondo in carica non perdevano in campionato addirittura dal 9 aprile 2016 (Gara 1 della semifinale play off contro Perugia). Con questa vittoria i modenesi, ancora in emergenza per l’indisponibilità di Sabbi (in diagonale con Bruno riproposto Argenta, uno dei grandi protagonisti della vittoria) e di Earvin Ngapeth (problemi alla schiena, utilizzato nel corso della gara ma col contagocce), e nuovamente avversari dei marchigiani sabato prossimo a Bari nella semifinale della Del Monte Coppa Italia, si tratta della prima vittoria contro la Lube in tre gare stagionali già disputate, considerando anche la Supercoppa. Una vittoria che oltretutto riapre ufficialmente anche il discorso per il secondo posto: con Perugia capolista volta a +4 sulla squadra di Medei, i punti di distacco dei modenesi dalla seconda posizione si accorciano ora a 2. Nella gara odierna Azimut Modena ha tenuto botta alla Lube senza grossi patemi sin dalle prime battute del primo set, in cui dopo l’ottima partenza è riuscita a mettere in più occasioni il muso davanti, grazie al servizio sempre velenoso specie con la float (15-17 con l’attacco di prima intenzione di Holt sulla ricezione lunga dei marchigiani), a qualche errore di troppo dei marchigiani (Sokolov attacca out, 17-19), ma anche e soprattutto col gran lavoro del muro-difesa. Civitanova? Non si vede ma si presenta alla partita con tanti cerotti addosso (problemi al ginocchio sia per Kovar che per Sokolov, comunque presente nello starting six), schiera quindi Sander in posto 4 con la coppia italiana Cester-Candellaro al centro, e fatica subito più del dovuto in attacco (48% di squadra contro il 58% degli avversari), cercando ogni volta rifugio nella buona vena di Juantorena per ricucire gli strappi favorevoli all’Azimut. Che però nel finale piazza la zampata vincente: 20-22 dopo il muro vincente di Mazzone sul primo tempo di Candellaro, e sul 23-24, al secondo set-point, gran punto di Urnaut dopo la strepitosa (ennesima) difesa di un compagno sul pallonetto di Juantorena (23-25). Modena continua a difendere ogni palla anche nel secondo parziale, in cui è Argenta (5 punti e 80% nel primo parziale) a scrivere il massimo vantaggio dei suoi sull’11-15, costringendo dall’altra parte Medei a chiamare time out per provare a scuotere i suoi. Sul 14-17 per i modenesi, che schiacciano col 67% di concretezza contro il 41% della Lube, Stoytchev inserisce Earvin Ngapeth per Van Garderen, e con lui in seconda linea unitamente a un super Unaut (autore di 15 punti, sarà Mvp della sfida) gli ospiti acquisiscono ancor più sicurezza, allungando fino al 17-22. Poi la reazione dei campioni d’Italia, comunque timida, che arriva sul turno in battuta di Cester (1 ace), con la diagonale Zhukovski-Casadei in campo, e si spegnerà sul 20-22. Chiuderà un attacco dell’ottimo Argenta, a referto con altri 6 punti e uno stellare 86% di efficacia in attacco. Sotto di due set, Medei chiede a Kovar di stringere i denti, inserendolo al posto di Sander e insieme a Stankovic, che sostituisce Candellaro. La Cucine Lube Civitanova stavolta parte bene (9-6 dopo un errore di Urnaut), ma si fa riprendere da Modena (c’è di nuovo Van Garderen nel sestetto) a quota 10. Nuovo break per i marchigiani firmato da Cester, che mette a terra la palla del 14-12 dopo una incredibile difesa di Bruno, poi nella metà campo biancorossa si spegne definitivamente la luce. Modena trova il break con un fallo a rete dei marchigiani (15-17), quindi allunga sul 16-19 con un ace di Bruno. Il grande mattatore della partita, trascinatore emotivo dei suoi. Finisce 19-25.  “Merito a Modena - dice Giampaolo Medei - per l’ottima prestazione, siamo arrivati a questa partita non in buone condizioni per una serie di motivi ma questo fa parte di una stagione e del gioco: non dimentichiamo che l’Azimut ha giocato senza due giocatori molto importanti per loro. Non mi è assolutamente piaciuto che siamo mancati di carattere, la squadra non ha reagito quando la partita si è messa male e mi aspettavo di più dai giocatori in condizioni normali: peccato perdere di fronte ad un palasport così gremito, questa mancanza di carattere non deve più accadere. Modena ha dato il tutto per tutto avendo anche poco da perdere visto che i favori del pronostico erano dal nostro lato, ora dobbiamo pensare a guardare avanti e alla sfida sabato, ancora più importante, con Modena”. CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 10, Candellaro 7, Sander 6, Marchisio n.e., Juantorena 8, Casadei 1, Stankovic 2, Kovar 2, Grebennikov (L), Christenson 1, Cester 9, Milan n.e., Zhukouski. All. Medei. AZIMUT MODENA: Bruno 3, Franciskovic n.e., Argenta 15, Van Garderen 6, Tosi n.e., Rossini (L), Ngapeth S. n.e., Sabbi n.e., Bossi n.e., Holt 8, Pinali n.e., Urnaut 15, Mazzone 6. All. Stoytchev. ARBITRI: Boris (PV) – Pasquali (AP). PARZIALI: 23-25 (27’), 21-25 (28’), 19-25 (26’).  

21/01/2018
La Roana Cbf Macerata chiude con una vittoria il giro di boa del campionato

La Roana Cbf Macerata chiude con una vittoria il giro di boa del campionato

Ultima gara di andata per la Roana Cbf Macerata che conclude con una vittoria il giro di boa del campionato di B1. Una vittoria importante per Di Marino e compagne che scacciano con uno 0 a 3 il ricordo delle ultime due prestazioni poco brillanti. Questa volta a scendere in campo è una Roana Cbf concreta ed aggressiva, che conquista tre punti importante in terra toscana. Come di consuetudine, dato il girone molto equilibrato, le due formazioni partono in completo equilibrio. Macerata prova il primo strappo sul 3 a  10, con Rita in battuta, costruendo un break grazie ad un gioco meno falloso e più aggressivo in attacco. La Time Net cerca di recuperare ma la Roana Cbf tiene le avversarie a debita distanza e spegne tutte le speranze. Il tecnico locale chiede il secondo time out sull’8 a 16. Ritornate in campo è ancora Macerata che senza troppi problemi chiude il set 14 a 25. Nel secondo parziale si riparte con il punto punto, le locali sembrano più  incisive in battuta e in attacco da posto 4 e, questa volta, sono loro a creare il primo break 7 a 4. Con un attacco di Rita la Roana Cbf torna a far punti e si riporta subito dopo in parità. La Time Net ha molta più verve del primo set, sembra un’altra formazione, ma le ragazze di Paniconi non si arrendono e fanno la voce grossa a muro riportandosi  in vantaggio 10 a 14, al primo time out di Empoli. Tornate in campo Peretti e compagne ricominciano a macinare punti, Empoli risponde non lascia la presa e sul 19 a 20 Paniconi chiama tempo per evitare il ritorno delle locali. Si chiude 21 a 25 per la Roana Cbf che con merito si porta sullo 0 a 2. Nel terzo set Macerata mette il piede sull’acceleratore, Empoli dopo un smarrimento iniziale si rifà sotto e cerca di allungare la partita portandosi avanti 9 a 5. Paniconi chiama tempo per cercare di riportare la sua squadra al gioco aggressivo dei primi due set, appena tornate in campo le maceratesi tornano a far punto con la pipe di Pomili. Scambi lunghissimi e ottime difese da entrambe le parte, la Roana Cbf si riporta in parità 10 a 10. Sembra un’altra partita, molto più equilibrata e avvincente, le maceratesi però riescono a portarsi di nuovo in vantaggio  sfondando la difesa avversaria con grandi attacchi. È  ancora l’onda arancionera ad essere padrona del campo, Empoli non vuol cedere e sul finale di set cerca di risorgere ma  il match si chiude  21 a 25 per Macerata. Prossimo weekend di pausa e poi si torna a giocare con un'altra trasferta in cui la Roana Cbf non potrà sbagliare per cercare di ritornare a quella grinta e determinazione che la contraddistingue.

21/01/2018
ASD Roller pattinaggio, al via una nuova stagione

ASD Roller pattinaggio, al via una nuova stagione

Fervono gli allenamenti in casa Roller: per l’ASD Roller pattinaggio di Civitanova Marche sta per iniziare infatti una nuova stagione di intenso agonismo. Il 2-3-4 febbraio a Pesaro si terranno i Campionati Italiani Indoor e la Roller sarà presente con sei atleti pronti a correre gare Sprint, gare lunghe a punti e le Americane a squadre. Per la categoria Ragazzi: Presti Giulia, già campionessa di titoli italiani su rotelle e forte anche sul ghiaccio visto che si è piazzata al secondo posto al Campionato Italiano Sprint Ghiaccio Junior a Bolzano, e Turtù Aurora; per la categoria Allievi: Comodo Martina, Marconi Marta, Papili Arianna e Splendiani Sofia. La Roller organizza corsi di pattinaggio a partire dai 5/6 anni, tenuti dall’allenatrice Flavia Martinelli, sui pattini da quando aveva tre anni, cinque titoli italiani, convocata ai Campionati Europei del 2006 e svariati titoli regionali sulle spalle; corsi di FreeStyle per ragazzi ed adulti tenuti dagli allenatori Loredano Boncori e Francesco Lattanzi.  

21/01/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433