Sport

Bella vittoria del Bayer Cappuccini contro il Potenza Picena

Bella vittoria del Bayer Cappuccini contro il Potenza Picena

Convincente vittoria in trasferta  per 9-2 del Bayer Cappuccini contro il Potenza Picena. Quasi tutti in gol i giocatori maceratesi, ben disposti in campo da mister Tirri, che hanno disputato un'ottima gara per concentrazione e agonismo. Un'iniezione di fiducia in vista dei prossimi ostici impegni che li attendono. La cronaca del match vede gli ospiti subito in gol con una punizione velenosa di Imeraj. Il vantaggio smorza l'ardire del Bayer ed il Potenza Picena si procura diverse occasioni per pareggiare ma Guardati prima ed il palo poi negano la gioia dei gol ai locali. Il primo tempo continua sul filo dell'equilibrio che viene interrotto a 3° minuti dal termine grazie ad un assist esemplare di Palazzesi che mette Giorgini a tu per tu con il portiere locale ed insacca il 2-0 Bayer. Poi Bonfigli raccoglie una palla vagante al limite dell'area e timbra il 3-0 con un "cucchiaio" e qui termina la prima frazione di gioco.   I primi minuti del secondo tempo vedono una girandola di reti; Agaj sigla una doppietta con 2 gol in fotocopia: in libertà dentro l'area di rigore su assist di Bonfigli. Sono intramezzati da una doppietta di Zago, il migliore dei suoi, che prima beffa Guardati da posizione defilata poi sfrutta un'indecisione difensiva per segnare il punto del 2-5. A spegnere la voglia di rimonta dei locali ci pensa Foresi con una rete di pregevole fattura tecnica, applausi per lui e per Palazzesi 10 minuti dopo che segna con un colpo di testa al volo direttamente dal rinvio con le mani del proprio portiere. La partita termina virtualmente qui, il Bayer arrotonda il risultato negli ultimi minuti con Bajrami su contropiede e con Es Haq che approfitta di una incomprensione difensiva locale. Tra i maceratesi hanno esordito il portiere Perfetti, autore di due belle parate, e Albani, ragazzo con il quale è nata la "famiglia" Bayer; due giocatori fondamentali per il gruppo. Ora l'attenzione del team é gia per il prossimo impegno venerdì 19 ottobre contro il Numana alle 21:45 presso la palestra dei Salesiani a Macerata.   BAYER CAPPUCCINI: Guardati, Agaj, Albani, Es Haq, Giorgini, Cossali, Imeraj, Palazzesi, Bajrami, Foresi, Perfetti. All. Tirri   ASD POTENZA PICENA: Matera, Sabbatini, Ramazzotti, Malizia, Cognigni, Zago, Mazziero, Marabini, Zazzarini, Canale. All. Giorgi    ARBITRO: Ubaldi di Fermo     RETI: al 1° Imeraj(bc), al 27° Giorgini(bc), al 30° Bonfigli(bc), al 33° Agaj(bc), al 34° Zago(pp), al 35° Agaj(bc), al 36° Zago(pp), al 38° Foresi(bc), al 49° Palazzesi(bc), al 57° Bajrami(bc), Al 60° Es Haq(bc).

15/10/2018
San Severino, organizzato un incontro pubblico sul tema "Sport, educazione e società"

San Severino, organizzato un incontro pubblico sul tema "Sport, educazione e società"

“Sport, educazione e società” è il titolo dell’incontro, rivolto a insegnanti, genitori, tecnici e allenatori che l’associazione sportiva dilettantistica J-Etic di San Severino Marche propone per sabato prossimo (20 ottobre), a partire dalle ore 15,30, nella sala Aleandri del teatro Feronia. L’iniziativa, patrocinata dal Comune, sarà introdotta dal maestro Boris Giachetta, maestro di judo della J-Etic, e vedrà la partecipazione di Giuseppe Tribuzio, sociologo dell’educazione all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari e di Vittorio Serenelli, maestro di Judo ideatore del metodo “Movi-mente” per bambini da 3 a 6 anni. I due esperti tratteranno diverse tematiche tra cui i problemi dell’attuale società come il bullismo, i problemi di attenzione ed i disagi nella scuola pubblica.  

L'Infa Feba Civitanova Marche viene fermata da Bologna

L'Infa Feba Civitanova Marche viene fermata da Bologna

Prima sconfitta stagionale per la Feba Civitanova Marche. Le momò vengono battute a domicilio da Bologna per 60-65, dopo una partita equilibrata fino all'ultimo quarto. Le biancoblu, orfane di Gaskin, sono state sul pezzo per quasi tutta la partita, prima di cedere negli ultimi 4 minuti. Una sfida in cui le ragazze di coach Nicola Scalabroni hanno tenuto testa ad una squadra attrezzata per lottare per le posizioni di vertice, ed hanno messo in mostra grinta, intensità e tanto carattere. Purtroppo non è bastato ed è arrivato così il primo stop di questa nuova stagione. Prima frazione equilibrata, con Bologna che prova l'allungo in alcune circostanze senza riuscirci, con un vantaggio massimo di cinque punti, tuttavia le biancoblu rimangono in partita e chiudono la prima frazione sul 12-15. Nel secondo quarto la partita si mantiene sostanzialmente in equilibrio. Le momò trovano il primo vantaggio della serata sul 27-25 con De Pasquale, particolarmente ispirata visto che chiuderà con 24 punti, a 2'11'' dalla fine. La compagine di coach Giroldi impatta sul 30-30 ma la Feba ha l'occasione di chiudere in avanti negli ultimi secondi con Perini che fallisce il canestro da sotto. Nella terza frazione l'equilibrio si mantiene fino a 3’50’’ dal termine con Tava che realizza il canestro del +5, 38-43. Una straripante Bocola realizza in successione 6 punti e porta le biancoblu in vantaggio sul 44-43 ma Tassinari realizza la tripla del pari, 46-46, con cui si chiude la frazione. Nell'ultimo quarto dopo un equilibrio sostanziale, a 4' dalla fine Tava porta le emiliane sul 54-63. Le momo' non riescono a reagire ed alla fine chiudono sul 60-65. “C’è sicuramente un po’ di delusione per il risultato – commenta coach Nicola Scalabroni – però bisogna essere equilibrati sia nella vittoria che nella sconfitta e capire ciò che è andato bene e ciò che è andato meno bene. Sicuramente a livello caratteriale abbiamo fatto una grande gara perché siamo stati lì fino alla fine. Dobbiamo giocare un po’ meglio a pallacanestro, perché in alcuni casi abbiamo preso delle soluzioni affrettate che hanno un po’ avvantaggiato le nostre avversarie e hanno portato uno svantaggio a noi. Peccato per gli ultimi tre minuti che non siamo riuscite a rimanere con la testa in partita ma ci può stare. Dobbiamo giocare partita per partita e continuare il nostro buon percorso”.   FEBA CIVITANOVA – BASKET PROGRESSO BOLOGNA 60-65 (12-15; 30-30; 46-46; 60-65)   CIVITANOVA: Maroglio ne, Orsili 6, Ortolani 2, Paoletti 2, Perini 12, Bocola 10, Trobbiani 4, De Pasquale 24, Gaskin ne, Marinelli, Pelliccetti ne, D'Amico ne All. Scalabroni BOLOGNA: D'Alie Raelin 12, Cordisco 2, Grandini, Tassinari 21, Dall'Aglio 5, Patera 1, Storer ne, Tava 14, Meroni 5, Tridello, Prisco ne, Nannucci 5 All. Giroldi Arbitri: Palazzo e Guarini    

15/10/2018
La Goldenplast Potenza Picena comincia a razzo poi si ferma: all’Eurosuole Forum è Brescia a prevalere

La Goldenplast Potenza Picena comincia a razzo poi si ferma: all’Eurosuole Forum è Brescia a prevalere

Rimandato l’appuntamento con la vittoria per il Volley Potentino di Gianni Rosichini. I biancazzurri cedono in 4 set contro la Centrale del Latte Sferc Brescia nel primo turno del Girone Bianco di Serie A2 Credem Banca all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche. Doppio black-out elettrico in tutta la città con pausa di 30 minuti durante il terzo parziale, corrente alternata nel gioco potentino dopo un primo set di altissimo livello, vinto con merito ai vantaggi. Poi un calo generalizzato al cospettodell’ex biancazzurro Fabio Bisi. Magra consolazione per un inossidabile Matteo Paoletti, il titolo di top scorer della serata (19 punti), condiviso con il rivale Alberto Cisolla, e il premio di Lega come miglior realizzatore del Campionato 2017/18 ricevuto dal team manager Amedeo Pesci prima della gara. Tifoso d’eccezione sugli spalti lo schiacciatore Mirco Cristofaletti, a Civitanova Marche per salutare i suoi ex compagni dopo la vittoria nell’anticipo della sua Monini Spoleto contro l’Aurispa Alessano. A fine match premiazioni del torneo di beach volley “Gioca col campione”, organizzato a fine estate dai tifosi di “Passione Biancazzurra”. Biancazzurri in campo con Monopoli al palleggio per l’opposto Paoletti, Garofolo e Larizza al centro, Di Silvestre e Pinali laterali, D’Amico libero. Gli ospiti rispondono con Tiberti in cabina di regia, l’ex biancazzurro Bisi finalizzatore, Signorelli e Valsecchi centrali, Milan e Cisolla bande, Scanferla libero. Il Campionato si apre con l’ace targato Di Silvestre. Poi a braccetto fino al break di 4-0 per i padroni di casa (12-8). Il muro funziona, Paoletti (8 punti nel set) e Di Silvestre (7 nel set) finalizzano (16-11) Crescita degli ospiti che tornano sotto con Bisi (19-18), per poi firmare il sorpasso coi block di Milan e Signorelli (19-20). Rosichini inserisce Gozzo e Calistri, ma sul 21-21 rientrano Di Silvestre e Pinali. La giocata di Paoletti e l’errore di Cisolla valgono il 24-22. Brescia annulla 2 palle set (24-24). Potenza Picena (bene in ricezione) chiude alla quinta chance col muro di Larizza (28-26). Nel secondo set Brescia più concentrata (6-8). I tucani sbagliano meno, ma il sestetto potentino, generoso in difesa, regge l’onda d’urto fino al break passivo di 4-punti (11-15), con time out quasi obbligato di Rosichini. Sull’ace di Tiberti La GoldenPlast scivola a -6 ed entra Gozzo per Pinali (12-18). Nervosismo tra i beniamini di casa (14-22). Esordio in Serie A2 per Trillini. Biancazzurri meglio in attacco (59% contro il 57% dei rivali), ma in difficoltà a muro e nella fase di ricezione. Punto finale di Bisi (19-25). GoldenPlast Potenza Picena in campo con lo starting six, ma Brescia centra un buon avvio con Signorelli al servizio(4-7). Rosichini inserisce Calistri, poi chiede un time out (4-8). Sotto 4-9 entra anche Gozzo per Pinali. Doppio black-out elettrico in tutta Civitanova Marche e gioco temporaneamente sospeso, prima sul 5-10, poi sul 6-10. Al rientro il team lombardo continua a comandare il set (12-19). I potentini lottano senza riguadagnare terreno. Chiusura di Bisi (17-25). Bresciani più costanti nei fondamentali. In avvio di quarto set, con Gozzo e Pinali dall’inizio, si riaccende la luce anche nel gioco biancazzurro. Il +5 è firmato dal laterale ex Portomaggiore (8-3). Il team di casa sembra tornato quello del primo set (11-5). Sul più bello, però, Brescia infila 3 punti e Rosichini chiama a raccolta la squadra (11-8). Letali i muri di Valsecchi (12-12). Out Pinali, dentro Di Silvestre. Sul 13-14 in campo Trillini per Garofolo. Sul primo tempo di Larizza Potenza Picena torna avanti (17-16), ma subisce un break di 3 punti (17-19). Brescia allunga con Bisi (19-23). Sul 21-24 entra Calistri al servizio, ma Valsecchi chiude i conti (21-25). Opposto Matteo Paoletti: “I nostri equilibri sono fragili, ma con il lavoro insieme cercheremo di tirare fuori la forza della squadra. Siamo partiti bene, poi il valore degli avversari e il calo in parte dei fondamentali hanno giocato un ruolo rilevante” Sabato 20 ottobre (ore 18.00) la GoldenPlast Potenza Picena sarà impegnata al PalaParenti nell’anticipo del secondo turno di andata con la Kemas Lamipel Santa Croce. POTENZA PICENA: Trillini 1, Pinali 8, D’Amico L, Ferri ne, Gozzo 7, Di Silvestre 16, Larizza 10, Monopoli 1, Lavanga ne, Calistri, Paoletti 19, Garofolo 5. All. Rosichini BRESCIA: Signorelli 10, Rodella, Tiberti 3, Crosatti, Statuto ne, Valsecchi 15, Bisi 17, Scanferla 1, Candeli ne, Milan 14, Cisolla 19, Tasholli ne. All. Zambonardi Arbitri: Selmi di Modena e Licchelli di Reggio Emilia   Note: durata set 31’, 25’, 57’, 27’. Totale 2h 20’. Potenza Picena: errori al servizio 15, ace 4, muri 5. Brescia errori al servizio 15, ace 7, muri 11.  

15/10/2018
Buona la prima: la Lube espugna Padova in tre set

Buona la prima: la Lube espugna Padova in tre set

Buona la partenza della Cucine Lube Civitanova nell’esordio in SuperLega Credem Banca 2018-2019: nella prima giornata i cucinieri espugnano in tre set il campo della Kioene Padova. Arrivano i primi tre punti stagionali dopo un match inizialmente in salita per i cucinieri, bravi però a superare le fasi più calde della gara nel finale del primo set e nel cuore del secondo parziale, piazzando la spallata al momento giusto per mettere ko la resistenza dei veneti. Netta la superiorità a muro e servizio della Lube, fanno la differenza i 12 ace a fronte di sole 7 battute sbagliate e i 10 muri vincenti contro i 3 di Padova. Juantorena è l’MVP con 18 punti e il 57% in attacco, in doppia cifra anche Leal con 12 punti e il 54% in attacco. Nella Kioene Louati è l'ultimo a mollare con 12 punti a il 69% in attacco. La partita Coach Medei schiera come da previsioni la formazione già vista in Semifinale di Supercoppa contro Modena, ovvero Bruno-Simon, Stankovic-Cester, Juantorena-Leal, Balaso (ex di turno acclamato dal pubblico) libero. Padova parte bene grazie ad un servizio efficace e qualche colpo a vuoto dell’attacco Lube che non riesce a sfruttare i due muri messi a segno da Stankovic e Cester (da 4-5 ad 8-5). Il turno al servizio di Bruno prova a ribaltare il set: ace del brasiliano sulla riga e il terzetto Juantorena-Stankovic-Leal firma il +2 biancorosso (11-13), ma Padova reagisce con il servizio di Randazzo che mette in difficoltà la ricezione Lube e propizia il 17-14 per i veneti. I cucinieri tornano sotto (18-18) con il doppio cambio D’Hulst-Sokolov per Bruno-Simon e il super turno di Leal (8 punti nel set) al servizio firma il 20-22. A chiudere i conti ci pensano Sokolov e Stankovic, 21-25. Tre ace e 4 muri Lube fanno la differenza. I veneti ci riprovano partendo ancora una volta meglio della Lube nel secondo set (11-9 con Polo) ma Simon entra in partita trovando il primo punto del suo match, un ace e anche il contrattacco del 12-14. E’ il break decisivo, Torres sbaglia un palleggio e poi si fa murare da Juantorena (14-19). Al posto del portoricano entra Premovic che non trova il campo regalando il 15-21 alla Lube, il set scivola in mano biancorossa 18-25. L’attacco biancorosso è al 56%, Juantorena top scorer con 6 punti nel parziale. Senza storia il terzo set: la Lube scappa subito grazie al servizio pungente di Cester (8-13) e ad un Juantorena sopra le righe (11-21). Anche gli ingressi di Diamantini e Massari nel finale di set contribuiscono a conquistare rapidamente il successo finale che arriva con un secco 14-25. Il tabellino KIOENE PADOVA: Polo 4, Bassanello (l) n.e., Ferrato n.e., Louati 12, Cottarelli n.e., Cirovic, Sperandio n.e.,Volpato 6, Torres 5, Premovic 2, Travica 1, Lazzaretto n.e., Randazzo 9, Danani (l). All. Baldovin. CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 2, D'Hulst, Marchisio (l) n.e., Juantorena 18, Massari, Stankovic 6, Diamantini 1, Leal 12, Sander n.e., Cantagalli n.e., Cester 7, Simon 5, Bruno 3, Balaso (l). All. Medei. ARBITRI: Pozzato (Bz); Gnani (Fe). PARZIALI: 21-25 (30'); 18-25 (24'); 14-25 (22').   NOTE: spettatori: 3345, incasso: 32.392,05. Padova: 15 battute sbagliate, 1 aces, 3 muri vincenti, 46% in attacco, 33% in ricezione (20% perfette). Cucine Lube: 7 b.s., 12 aces, 10 m.v., 54% in attacco, 45% in ricezione (40% perfette). Votato miglior giocatore: Juantorena.

15/10/2018
La Paoloni Appignano batte il Teleusiano 3-1

La Paoloni Appignano batte il Teleusiano 3-1

La Paoloni Appignano batte Telusiano 3-1 e si guadagna la qualificazione al prossimo turno di Coppa Marche. I ragazzi di mister Giganti non hanno disputato la loro miglior partita, anche per via di alcune assenze pesanti, ma alla fine sono usciti vincenti di fronte al proprio pubblico. Nella squadra di casa, infatti, non potevano essere utilizzati capitan Tobaldi per via di un infortunio al ginocchio, il centrale Lanciani influenzato e il posto quattro Molari. Per questo gli appignanesi partono con il freno a mano tirato: nel primo set si combatte punto su punto, ma alla fine la Paoloni mette a segno il break decisivo per il 25-19. Nel gioco successivo l’equilibrio resta massimo fino al 20-20, poi Telusiano difende bene e si porta a casa il pareggio (22-25). Nel terzo e nel quarto set, tuttavia, la squadra di casa, trascinata dall’opposto Storari, riesce a vincere agevolmente (25-12, 25-18), conquistando tre punti fondamentali. La Paoloni Appignano si qualifica così alla seconda fase della Coppa Marche Serie C e si prepara a difendere il titolo conquistato la scorsa stagione. Il Telusiano esce con una sconfitta a testa alta, giocando alla pari degli appignanesi per due set. Top scorer della gara Storari con 24 punti, seguito da Genevrini e Massei a 15. Montalbano chiude il girone al primo posto con 11 punti, seguito a 10 dalla Paoloni: queste due ultime squadre sono certe del passaggio del turno. Spera San Severino, terza a 6 punti, di risultare tra le migliori terze per la qualificazione. Già dalla prossima settimana si penserà al campionato: i ragazzi di Giganti debutteranno Sabato 20 Ottobre a Civitanova Marche contro l’U.S. Volley ’79. Paoloni Appignano 3-1 Fea Telusiano Parziali: 25-19, 22-25, 25-12, 25-18 Paoloni Appignano: Molari, Tobaldi, Strappati, Vigilante, Marconi 1, Uguccioni, Spernanzoni, Persichini 9, Piermattei 6, Gagliardi 3, Storari 24, Genevrini 15, Massei 15. All. Giganti Fea Telusiano: Fiacchini 4, Temperini 5, Cestola 5, Fortuna 7, Ramadori 2, Pastocchi 11, Pistolesi 7, Sparapani 1, Giulianelli, Silenzi, Di Ruvio, Caraceni 1. All. Forconesi Arbitro: Acquaviva Totale: 97-74  

14/10/2018
Camila Giorgi raggiunge la finale del Wta di Lienz

Camila Giorgi raggiunge la finale del Wta di Lienz

Camila Giorgi ha raggiunto la finale del torneo Wta di Lienz, in Austria, grazie alla vittoria in due set sulla belga Alison Van Uytvanck, col punteggio di 6-3, 6-4. La marchigiana affronterà per il titolo la russa Ekaterina Alexandrova, numero 119 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni, che si è imposta in tre set sulla tedesca Andrea Petkovic. A prescindere dal risultato del match di domani, Giorgi è già sicura di salire per la prima volta al n.29 della classifica mondiale, scavalcando Maria Sharapova. In caso di successo, salirà al 28/o posto. (Ansa)

14/10/2018
L'Amatori San Severino espugna la Sacrata Porto Potenza con un grande match

L'Amatori San Severino espugna la Sacrata Porto Potenza con un grande match

Il «senatore» Marco Reggio l’aveva detto subito dopo la sconfitta all’esordio sul parquet amico con il P.S.Elpidio: «Abbiamo bisogno di un po’ di tempo per assimilare gli schemi dopo l’arrivo del «totem» Tortolini. I ragazzi risponderanno in breve». Ed è stata sufficiente una sola settimana per reagire d’impeto sul parquet di un’avversaria storica come la Sacrata. I biancorossi di Sparapassi stavolta hanno riempito di soddisfazione il proprio coach andando ad espugnare il parquet rivierasco con un punteggio inequivocabile: 68-46. Difesa ferrea, attacco stavolta convincente, quattro uomini in doppia cifra ed i primi due punti della stagione nel sacco. Niente male per la giovane truppa del presidente Ciclosi, in cui Tortolini, dall’alto dei suoi 2,04, è il valore aggiunto. Dopo un primo quarto equilibrato, nel secondo parziale i settempedani assestano un micidiale break di 19 punti (21-2) che «ammazza» la partita. Nel prosieguo del match i portopotentini non riescono a reagire a dovere, perdono pure Emiliani per 5 falli e devono arrendersi. Primo «Hurrà!» stagionale per la nuova Rhütten. SACRATA PORTO POTENZA - AMATORI SAN SEVERINO 46-68 Sacrata: Emiliani, Filo 5, Bovari 7, Angelici 11, Vergari ne, Salvatelli, Raccosta 6, Cervellini 8, Pompozzi 6, Purifico 3, Margheritini, Spinozzi All. Ramini Rhütten: Fucili 13, Severini, Massaccesi 12, Potenza 6, Rossi 5, Rucoli, Ortenzi, Reggio, Cruciani 8, Della Rocca, Cruciani 13, Tortolini 11 All. Sparapassi Note: parziali: 11-14, 2-21 (13-35), 15-16 (28-51), 18-17 (46-68). Uscito per 5 falli Emiliani. Arbitri: Palmieri e Mazzarini  

14/10/2018
Pallamano Cingoli, la Serie A2 Femminile vince la prima giornata di campionato contro il Padova

Pallamano Cingoli, la Serie A2 Femminile vince la prima giornata di campionato contro il Padova

Una grintosa Polisportiva Cingoli riesce a rimontare il Cellini Padova e vince la prima giornata del campionato di Serie A2 Femminile di pallamano. Le ragazze di Analla, nonostante un tempo passato in svantaggio, hanno risalito la china e hanno vinto meritatamente l’incontro. Nella prima frazione le cose non si erano messe bene per Cappelli e compagne. Cipolloni segna il primo gol, ma Padova mette a segno un break di tre reti con Tenguin Vanessa Djiogap (2) e Eghiaruwa per l’1-4. Torelli accorcia, ancora Djiogap conferma il 2-5. Bartolucci non basta ad evitare altre due reti di Djiogap (3-7). Ancora Sara Bartolucci e Cristina Lenardon dimezzano il gap, però le sorelle Djiogap ristabiliscono il +4 (5-9). Djiogap risponde a Velieri, Scolaro a Bartolucci dopo il palo di Faris, punteggio sul 7-11. Damean stabilisce il massimo vantaggio Veneto sul 7-12, due reti di Cristina Lenardon concludono il primo tempo sul 9-12. Nella ripresa Cingoli entra in campo determinata e si porta a casa l’intera posta in palio. Bartolucci dà il via alle marcature (10-12). Noumeden Djiogap ristabilisce il +3 sul 10-13. Torelli e Bartolucci fissano il -1, Tenguin Djiogap ribadisce il 12-14. Sarà l’ultimo vantaggio padovano. Infatti la Polisportiva piazza un break di 5 reti con Velieri, Lenardon, Torelli e altre due volte Lenardon per il 17-14; non basta la parata di Ghilardo su Cipolloni. La solita Djiogap accorcia, Lenardon ribadisce il +3 (18-15). Cipolloni risponde due volte a Eghiaruwa, 20-17. Nelle ultime battute della gara la partita si accende e le squadre lottano per i 2 punti. Battenti salva la porta in diverse circostanze. Damean e Dijogap T. riavvicinano pericolosamente Padova: è ancora Ylenia Battenti, a due minuti e mezzo dalla sirena, ad evitare il pareggio. Cristalli nel finale chiude definitivamente i conti e fa esplodere di gioia il PalaQuaresima. La Polisportiva Cingoli inizia con una vittoria il campionato di Serie A2 Femminile contro una delle pretendenti al primo posto nel girone. Le Analla’s Girls hanno saputo inseguire e poi colpire nel momento più delicato della gara. Top scorer della gara la padovana Tenguin Vanessa Djiogap con 11 reti, seguita a 7 da Cristina Lenardon. Ottima prestazione per Sara Bartolucci e Sofia Cipolloni, autrici rispettivamente di 4 e 3 reti. È stato piacevolmente sorprendente il ritorno in campo di Jessica Torelli dopo alcuni anni di assenza dalla pallamano grazie a 3 marcature. Nella prossima giornata, in programma per sabato 20 ottobre, Cappelli e compagne saranno di scena in Emilia per la difficile sfida contro le Marconi Jumpers. Cingoli 21-19 Cellini Padova (9-12) Cingoli: Battenti, Turki, Bartolucci 4, Cappelli, Faris, Ciattaglia, Lenardon 7, Velieri 2, Torelli 3, Barcaioni, Cipolloni 3, Cristalli 1, Marrocchi. All. Analla Cellini Padova: Mantovan, Scolaro 1, Lincetti, Aroubi F., Barbon, Broch, Pavan, Damean 2, Djiogap N. 2, Djiogap T. 11, Ghilardo, Terren, Aroubi S., Djiogap A., Eghiaruwa 3. All. Turalic Arbitri: Anastasio – Zappaterreno  

14/10/2018
Milano Marathon 2019: 5 atleti parteciperanno al progetto “Treia corre per Milano”

Milano Marathon 2019: 5 atleti parteciperanno al progetto “Treia corre per Milano”

Inserita nel calendario internazionale della IAAF, e da quest’anno anche, unica in Italia, nel nuovissimo circuito internazionale Abbott World Marathon Majors Wanda Age Group World Rankings, nel 2019 la Milano Marathon giunge alla sua XIX edizione. Generali Milano Marathon offre ai runner un percorso moderno e intrigante, capace di abbinare la ricerca della velocità e della prestazione con l’esperienza di godere a pieno di una città sempre più bella nella perfetta combinazione di interesse storico e sviluppo contemporaneo e con la festosa animazione dei punti musicali. Il prossimo 7 aprile la partenza è prevista da Corso Venezia (stessa location dell'arrivo) alle ore 9 e il tempo di percorrenza previsto è di 6 ore e 30 minuti. Dall'amicizia nata tra la Città di Treia e Giammarco D'Orazio, mental coach della Ekis Sport, lo scorso 16 settembre nel corso della prima camminata solidale della Roccaccia (a sostegno del progetto “I fuori classe”) è nata l'idea della creazione del progetto “Treia corre per Milano”. Esso prevede che cinque atleti del territorio prenderanno parte alla Maratona di Milano. La selezione dei partecipanti avverrà a Treia e l'ultramaratoneta Roberto Martini (anche lui presente all'evento de “ i fuori classe” di settembre) allenerà gli atleti a distanza, inserendoli nel suo corso online, seguendoli con tabelle e suggerimenti, con il supporto nel ruolo di mental coach dello stesso Giammarco D'Orazio. Per la raccolta delle adesioni l'amministrazione comunale di Treia si avvale della collaborazione dell'Acli Macerata (per info Ulisse Gentilozzi Presidente Acli Macerata 3496667368 segreteriapolaclimc@gmail.com  ulisse.gentilozzi@gmail.com). Le iscrizioni scadranno il prossimo 5 novembre. Dopo il riconoscimento di “Comune Made in Sport” della Fondazione Symbola nel 2017, la donazione della Fidal del primo parco urbano delle Marche (attrezzato per camminate, corsa e nordic walking) nell'ambito del “progetto Parchi” Anci-Fidal, e l'adesione al circuito “Città della corsa e del cammino”, un altro tassello importante per l'amministrazione comunale di Treia nella visione dello sport come motore per la ripartenza di un territorio e dell'equazione attività fisica-salute  nel “belpaese dello sport accessibile”.  

14/10/2018
Pallamano: primi tre punti per il Cingoli

Pallamano: primi tre punti per il Cingoli

I Santarelli Boys conquistano i primi due punti casalinghi della stagione con una prestazione magistrale. La Polisportiva Cingoli, infatti, ha sbaragliato 33-25 il Metelli Cologne, portando a casa la prima vittoria al PalaQuaresima alla sesta giornata del campionato di Serie A1 Maschile di pallamano. Già nel primo tempo si capisce che la squadra di Nocelli vuole portare a casa i 2 punti. Alvarez e Matijasevic aprono le marcature. Soldi accorcia, ma Alvarez e Strappini fissano il parziale sul 4-1. Bobicic va a segno, Randes ribadisce il +3 (5-2). Bobicic e Barbariga piazzano il -1, Alvarez colpisce un palo (5-4). Mazza e Soldi rispondono a due gol di Randes, 7-6. Ancora Vincenzo segna il +2, Garroni fa volare la Polisportiva verso il 9-6. Bobicic e Soldi diminuiscono il parziale, dopo una parata di Thiaw Pope su Ilari (9-8). Soldi replica due volte ad Alvarez e Ilari, punteggio sull’11-9. Cingoli trova il +4 con due reti di Strappini, dopo una bella parata di Colleluori e la traversa su rigore degli ospiti (13-9). Gentilozzi ipnotizza i bresciani dai 7 metri, ma nulla può sul gol del 13-10 di Barbariga. Matijasevic e Alvarez regalano il +5, Ilari sfiora il gol ma è solo palo (15-10). Manenti salva su Strappini, sul ribaltamento Cantore e Soldi realizzano il 15-12. L’ultima parola del primo tempo è di Lorenzo Nocelli, che chiude il parziale sul 16-12. Nella ripresa Cologne prova subito a riportarsi sotto, ma la reazione viene subito spenta dai locali, i quali prendono il volo sugli avversari. Gli ospiti infatti piazzano subito il break di 3 reti con Cantore, Bobicic e Mazza e tornano sul -1 (16-15), complici anche due ottime parate di Manenti su Strappini e Randes. Cingoli replica con un controbreak di 4 goal con Alvarez, Mangoni, ancora Alvarez e Nocelli per il 20-15; Lancini colpisce una traversa e Cantore il palo. Garroni risponde a Bobicic, 21-16. Strappini vale il +6, ma Mazza non è d’accordo e ristabilisce i 5 gol di distacco (22-17). Randes, Strappini e Matijasevic piazzano l’allungo decisivo sul 25-17, con in mezzo un palo di Bobicic. Gentilozzi si supera su Foglia, ma nulla può su Mazza e Cantore (25-19). Soldi risponde ad Alvarez, Mazza a Nocelli, restano così 6 le marcature di differenza (27-21). I Santarelli Boys continuano ad attaccare con Matijasevic; i lombardi cercano una rimonta disperata con Lancini, ma Nocelli ristabilisce il +7 (29-22). Barbariga e Mazza riducono il gap, Mangoni colpisce un palo e Colleluori effettua una grandissima parata con la mano di richiamo (29-24). Thiaw Pope respinge su Camperio, Colleluori non fa passare Bobicic, così Mangoni segna il 30-24. Mazza accorcia, ma è ormai troppo tardi. Strappini, Nocelli e ancora Strappini firmano la vittoria cingolana con gli ultimi tre gol. La Polisportiva Cingoli targata Santarelli vince 33-25 contro il Metelli Cologne e conquista i primi due punti casalinghi della stagione. La squadra di Nocelli ha dimostrato di potersi benissimo ritagliare un ruolo da outsider nella Serie A1 Maschile di pallamano, mettendo in campo una buona pallamano di grinta e muscoli. Top scorer della gara Mazza con 8 reti, seguito a 7 da Strappini e Alvarez, i migliori della squadra di casa, Buona prestazione anche di Randes, Matijasevic e Nocelli, autori rispettivamente di 4, 5 e 5 marcature. Ancora decisivi i portieri Colleluori e Gentilozzi, i quali hanno salvato il risultato in diverse circostanze.   I cingolani sono ora all’ottavo posto con 4 punti, in coabitazione con l’Ego Siena. Ora ci sarà una pausa per la partita della Nazionale del direttore tecnico Riccardo Trillini contro l’Ungheria e per gli impegni delle Nazionali minori. Si ripartirà il 10 novembre con la difficile trasferta sul campo dell’Acqua & Sapone Fasano campione d’Italia, squadra attualmente in cerca di riscatto per l’ultima posizione in graduatoria (con 2 partite in meno). Cingoli 33-25 Metelli Cologne (16-12) Cingoli: Gentilozzi, Colleluori, Ilari 1, Garroni 2, Nocelli 5, Mangoni 2, Camperio, Trillini, Latini, Strappini 7, Alvarez 7, Randes 4, Matijasevic 5, Chiaraberta. All. Nocelli Metelli Cologne: Manenti D., Thiaw Pape, Mercandelli, Foglia, Mazza 8, Barbariga 3, Soldi 5, Manenti M., Lancini 1, Mombelli, Cantore 3, Lopez Mon 1, Bobicic 4. All. Kokuca Arbitri: Dionisi – Maccarone Spettatori: circa 300

14/10/2018
Volley: buona la prima per le ragazze della CBF HR Roana Macerata

Volley: buona la prima per le ragazze della CBF HR Roana Macerata

Ora possiamo davvero dirlo: “Buona la prima!” per la Roana CBF HR Volley Macerata. All’esordio stagionale alla Mar. Pel. Arena la selezione maceratese non tradisce le aspettative e rifila un secco 3-0 alla Montesport M. FI chiudendo il match in meno di un’ora e mezza. Un match che, nel suo complesso, non ha avuto molto da dire: 3 set portati a casa uno dopo l’altro in maniera agevole dalle ragazze di coach Paniconi che hanno dominato in lungo e in largo, facendo registrare anche il vantaggio massimo di 12 lunghezze in alcuni tratti della sfida. La selezione fiorentina, di contro, è riuscita a tener botta solo nella parte iniziale di tutti e 3 i set, per poi capitolare puntualmente nelle parti centrale e finale di ciascun parziale sotto le implacabili sferzate di Pomili, Gobbi e Rita, le 3 top scorers dell’incontro che hanno portato a casa ben 33 punti totali (11 a testa). Ferme a 12 punti, invece, le due migliori realizzatrici tra le fila di coach Buoncristiani, Mazzini e Antonini (6 a testa). Lo strappo decisivo del match è giunto nel secondo parziale di gioco quando la Roana CBF ha migliorato sensibilmente la propria performance difensiva, balzando da un 46% in ricezione nel primo set ad un 92% nel secondo set, contestualmente al calo fatto registrare dalla controparte toscana nel medesimo dato, passato da un 45% ad un 33% nella stessa fase di gioco. Nelle parole di coach Buoncristiani a fine match c’è spazio solo per un sano realismo “La differenza di valori è importante. La Roana CBF punta ad un campionato di vertice mentre noi dovremo lottare con le unghie e con i denti per salvarci […] Non era facile venire a giocare in un ambiente come questo e contro un avversario del genere – ha commentato il coach – Non sono queste le partite che dobbiamo vincere anche se speravo di far meglio contro un avversario sicuramente di gran livello”. Certamente diverso il morale per Macerata con coach Paniconi che può ritenersi complessivamente soddisfatto delle sue ragazze “C’era gran voglia di vedere questa squadra in una partita ufficiale. Siamo contenti perché crediamo di aver fatto una buona prestazione coinvolgendo quasi l’intero gruppo ed esprimendo un buon gioco”. Ad ogni modo è vietato adagiarsi sugli allori perché le insidie non finiscono certamente qua. Sabato 20 ottobre le ragazze maceratesi sono attese in Ancona per far visita alla Conero Planet nella prima trasferta stagionale. Era importante cominciare bene ma sarà altrettanto importante confermare quanto di buono è stato fatto per far crescere mentalità e sicurezza all’interno di un gruppo che potrà sicuramente regalare soddisfazioni a tutto l’ambiente Macerata.   Ufficio Stampa Roana CBF HR Volley Macerata

14/10/2018
Calcio Juniores: sconfitta in trasferta per la Sagiustese

Calcio Juniores: sconfitta in trasferta per la Sagiustese

VASTESE: Di Rienzo, Iannone, Di Virgilio, Conti, Minutolo, Lombardo, Cipollone, Pistillo, Ferrara, Troilo, Sarracino. Subentrati nella ripresa: Villani, Piras, Laaouine, Iacovino, Menna. A disposizione: Panico, De Grandis, Ronzitti, Acquarola. Allenatore: Paolo Acquarola.SANGIUSTESE: Apolloni, Girotti, Di Rosa, Guzzini, Armellini, Basconi, Tarsilla, Doci, Marcantoni, Messi, Frontini. Subentrati nella ripresa: Giulianelli, Ercoli, Nepa, Scoponi, Rogani. A disposizione: Raccio, Lazzarini, Pianaroli, Di Chiara. Allenatore: Adolfo Rossi.ARBITRO: Sig. Antonio Di Reda della sezione di Molfetta.ASSISTENTI: Sig.ri Manuel Giorgetti e Mario Flaviano della sezione di Vasto.RETE: 28’ pt Iannone. VASTO - Arriva la prima sconfitta per i ragazzi di mister Rossi che a Vasto vengono fermati con il risultato di 1-0 dai padroni di casa.Il gol è arrivato sugli sviluppi di un calcio d’angolo alla mezz’ora della prima frazione, con Iannone più lesto di tutti sulla respinta.Un tiro che si infila sotto la traversa e che decide il match.“Usciamo sconfitti, ma a testa altissima dopo una buonissima gara. Una bella prestazione, su un campo difficile, contro una squadra molto forte - ha commentato Mister Rossi - sin dai primi minuti abbiamo cercato di imporre il nostro gioco e ci siamo riusciti anche bene, concedendo pochissimo. Per questo faccio grandissimi complimenti ai ragazzi, autori di una partita gagliarda, che in alcuni casi è stata una vera battaglia. Sono stati comunque correttissimi, tanto è vero che non c’è stato nessun ammonito. I nostri avversari, più avanti di noi sul piano fisico e agonistico, sono stati bravi a chiudersi e punirci nell’unica distrazione commessa. In avanti avremmo potuto concretizzare meglio alcune occasioni create: con un po’ più di convinzione avremmo potuto fare meglio sotto porta”.

14/10/2018
Trasferta amara per il Villa Musone in casa del Santa Veneranda

Trasferta amara per il Villa Musone in casa del Santa Veneranda

Il Villa Musone si complica la vita da solo, lotta, reagisce ma alla fine non riesce a fare punti. E’ stata una partita sicuramente emozionante quella tra Santa Veneranda e Villa Musone con i locali che si sono imposti per 3-2. Una sfida in cui i padroni di casa hanno approfittato dei troppi errori dei villans per ottenere il successo, anche se i ragazzi di mister Angelo Cetera hanno molto da recriminare. Purtroppo i punti non sono arrivati anche se questa gara dimostra come la squadra sia in crescita costante. Pronti via ed i gialloblu dopo neanche 120 secondi finiscono in svantaggio: errore in disimpegno di Marco Camilletti che propizia il gol nato dal colpo di testa di Rossi. Passano 20 minuti e la partita per il Villa Musone si complica ulteriormente con la zuccata di Coppa che regala il 2-0 ai locali, punteggio con cui si chiude la prima frazione. Alla ripresa delle ostilità i villans iniziano a farsi pericolosi, grazie anche all’ingresso in campo di Fabiani, il quale accorcia le distanze al 70’ in una mischia in area, mentre due minuti dopo Marco Camilletti, di testa, da azione di corner sigla il 2-2. I ragazzi di mister Cetera sulle ali dell’entusiasmo creano altre palle gol nitide che però non vengono sfruttate ed al minuto 82 arriva la doccia fredda: disimpegno errato in area gialloblu, la palla arriva a Del Pivo che inzucca in rete il 3-2 con cui si chiude la sfida. “Se guardiamo la prestazione i ragazzi sono stati molto bravi – commenta mister Angelo Cetera – perché non era facile recuperare il doppio svantaggio e abbiamo pure rischiato di passare in vantaggio. Questo dimostra che la squadra c’è, che stiamo crescendo e che la squadra ha voglia di lottare. Detto questo c’è molta delusione per come regaliamo i gol agli avversari, spesso in maniera ingenua. Non è la prima volta che capita e questo è sicuramente un aspetto su cui dobbiamo migliorare: posso accettare l’errore dal giocatore giovane, un po’ meno dal giocatore esperto. Dispiace vedere vanificati dei punti così, perché è vero che siamo all’inizio del campionato ma siamo pur sempre ancora fermi a 0 punti. Adesso dobbiamo trasformare la rabbia per questa sconfitta in energia positiva in vista della prossima gara”. SANTA VENERANDA – VILLA MUSONE 3-2 (2-0 pt) SANTA VENERANDA: Bonci, Uguccioni, Licari (61’ Righi), Gambelli, Paoli, Tebaldi, Del Pivo, Morelli, Coppa (89’ Lanzetta), Rossi (68’ Sorbini), Roselli (52’ Saltarelli) All. Clara VILLA MUSONE: Menghi, Moglie (60’ Fabiani), Gentile, Marchetti, Pucci, Camilletti Mar., Giammaria (68’ Traferro), Bonifazi (79’ Camilletti Mat.), Tonuzi, Mascambruni, Leone All. Cetera Arbitro: Evangelista di Macerata Reti: 2’ Rossi, 23’ Coppa, 70’ Fabiani, 72’ Camilletti Mar., 82’ Del Pivo Note: Ammoniti Tebaldi, Bonci, Del Pivo, Giammaria, Mascambruni, Marchetti   Matteo Valeri

14/10/2018
Il Trodica rimonta il Casette Verdini e vola in testa alla classifica

Il Trodica rimonta il Casette Verdini e vola in testa alla classifica

Un Trodica tutto cuore, grinta e coraggio rimonta il Casette Verdini e vola  in testa alla classifica dopo quattro giornate di campionato. L’iniziale rete del vantaggio locale con Okere, infatti, non scoraggia i biancocelesti che, dopo aver raggiunto il pari con un bolide fuori area di Bracciotti, trovano il gol vittoria con Ulissi nella ripresa, difendendo nei sette minuti di recupero la preziosa vittoria esterna. I ragazzi di mister Marco Michettoni, in un sol colpo, riscattano il pareggio casalingo di sabato scorso contro l’Elpidiense Cascinare e si portano in solitaria al primo posto, con un punto di vantaggio sulla Passatempese, che però ha già osservato il turno di riposo e conta una gara in meno.   E pensare che inizia male il pomeriggio trodicense: al quinto minuto, infatti, il fallo di mano di Monteverde permette a Russo di calciare una punizione dalla sinistra, Okere viene lasciato colpevolmente solo e insacca alle spalle dell’incolpevole Recchi. Ma la gioia dei locali dura solamente cinque minuti: al decimo, infatti, una corta respinta della difesa permette a Bracciotti, di contro balzo, di calciare dal limite dell’area e trovare l’angolo opposto per l’uno a uno. Lo stesso Bracciotti, cinque minuti più tardi, calcia una punizione dal vertice alto destro dell’area, Caracci devia sul palo e Angelini, sulla ribattuta, trova la decisiva deviazione in angolo del difensore granata. Succede poco altro fino al 42esimo, quando una conclusione di Tarquini viene respinta alla grande dall’attento Recchi. L’ultima chance del primo tempo capita sui piedi di Ulissi che, su punizione, impegna in due tempi Caracci.   Si va così al riposo sul risultato di parità. Al rientro in campo, dopo due minuti, Tacconi calcia al volo ma spara di poco alto. Quindi, al 62esimo, il gol vittoria: cross dalla destra di Monteverde, Ulissi si apposta in area e di piatto beffa Caracci per la rete della rimonta. Okere, tre minuti più tardi, ha la grande chance del pari ma la conclusione al volo termina di poco sopra la traversa. La gara si maschia, tanti contatti e falli costringono il direttore di gara a ben sette cartellini gialli. Al minuto 84 ci prova il neo entrato Bibini da fuori area, pallone di nulla a lato. Un minuto più tardi Silla subisce un colpo da Menghi, per l’arbitro è solo giallo. A nulla valgono i sette minuti di recupero, il Trodica resiste all’attacco in massa del Casette Verdini e vola in testa alla classifica del girone C di Prima Categoria.   Tabellino Casette Verdini – Trodica 1-2   Casette Verdini: Caracci, Menghi, Menchi, Foresi (Telloni 55’), Piermattei, Tacconi, Bisi (Di Gioia 65’), Fosfati, Tarquini, Russo (Guermandi 71’), Okere; All Daniele Marinelli   A disp: Ruani, Staffolani, Campilià, Vallorani   Trodica: Recchi, Monteverde, Panico, Cher (Bibini 46’), Muraro, Tidei, Ulissi, Canuti (Bingunia 65’), Angelini (Berrettoni 77’), Bracciotti (Bigioni 85’), Silla; All Marco Michettoni   A disp: Pennacchietti, Lambertucci, Marchioni Direttore di gara: Mohammed Taboubi (Jesi)   Marcatori: Okere 5’, Bracciotti 10’, Ulissi 67’   Ammoniti: Cher (23’), Bracciotti (30’), Tidei (60’), Bigioni (93’), Foresi (53’), Tacconi (68’), Menghi (85’)   Note: Angoli (6-4); Recuperi 1’ p.t.; 7’ s.t.)   Man of the match: Luca Bracciotti (Trodica)   LE INTERVISTE DEL DOPO GARA   LUCA BRACCIOTTI (TRODICA):”Abbiamo avuto un grande cuore, il merito va a tutti i ragazzi che hanno strappato tre punti su un campo difficilissimo, contro una squadra davvero ostica. Restiamo con i piedi per terra, andremo avanti partita dopo partita e vedremo in avanti quello che potremo regalarci. Il mio è stato un bel gol, per altro di destro che non è il mio piede preferito e sono felice che sia servito alla squadra”.   MAICOL ULISSI (TRODICA):”Vittoria importantissima su un campo molto difficile, abbiamo sofferto verso la fine ma il risultato pieno è stato davvero il top per tutti noi. Grande cuore di tutta la squadra, ora testa bassa e andiamo avanti. Non ci nascondiamo, puntiamo alle zone alte della classifica ma c’è ancora tanto da lavorare”

14/10/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433