Sport

Seconda categoria, la Settempeda travolge Visso e consolida il primato

Seconda categoria, la Settempeda travolge Visso e consolida il primato

La Settempeda inizia il girone di ritorno con l’ennesima vittoria casalinga (sette su sette) su di un Visso che nulla ha potuto di fronte alla forza della squadra di Ruggeri che segna altre 5 reti consolidando il primato in classifica (41 punti con più 4 sull’Elfa e con un match da recuperare) e quello di miglior attacco del torneo (51 reti). La superiorità dei settempedani è da subito palese e in pratica non c’è mai storia in una gara dominata tecnicamente e tatticamente dai ragazzi di casa che hanno mostrato, specie nel primo tempo, un calcio brillante e propositivo arricchito da azioni spettacolari in velocità e con tocchi di prima. Gioca a memoria la Settempeda e il modo preciso di applicare gli schemi consente di portare a bersaglio cinque uomini diversi tra cui tutti i componenti del tridente oltre a Marasca, che chiude i giochi nel finale, e a Del Medico, al primo centro stagionale. Per il Visso una pesante sconfitta che rispecchia il pronostico della vigilia che lo vedeva sfavorito e che comunque ha fatto e dato quello che poteva conscio che, anche viste le molte assenze, l’ostacolo era troppo alto e i punti per la salvezza dovranno essere conquistati contro altri avversari. LA CRONACA – Dopo il rinvio di sabato per l’abbondante neve caduta e che aveva coperto il manto erboso del “Gualtiero Soverchia” e aveva fatto pensare ad un altro stop, si gioca regolarmente grazie alla temperatura più mite e soprattutto grazie all’opera di spalatura effettuata dai dirigenti biancorossi che dalla tarda mattinata fino ad un’ora dal via hanno lavorato a fondo rendendo possibile la disputa del match su di un terreno che al fischio di inizio risultava quasi del tutto sgombro dalla neve. Dopo l’ok dell’arbitro squadre in campo con la Settempeda in formazione tipo(4-3-3) e un Visso che fa di necessità virtù viste le tante assenze e che schiera quindi una formazione rimaneggiata. Si intuisce subito che il match verrà gestito e condotto dai biancorossi che partono forte occupando stabilmente la metà campo ospite. La parte di terreno più praticabile permette alla Settempeda di giocare come sa e vuole, ovvero palla a terra in velocità e con tecnica. Già al 5’ i locali vanno in rete con Fiecconi su assist dal fondo di Borioni, ma la posizione di fuorigioco di quest’ultimo rende inutile la girata vincente del numero 10. Al 10’ Selita trova un varco in area sulla sinistra e crossa. Pallone che scende all’altezza del secondo palo dove Rocci salta e schiaccia di testa trovando l’ottimo riflesso di un ben piazzato Dedoni. Sugli sviluppi del terzo corner la Settempeda passa. Minuto 15. Fiecconi dalla bandierina. Pallone che arriva in mezzo all’area con Borioni che salta benissimo e di testa gira nell’angolino basso più lontano. 1-0. Tre minuti dopo ecco il raddoppio. Pallone recuperato a centrocampo che finisce sui piedi di Borioni. Immediato il passaggio in verticale per favorire la partenza in accelerazione di Rocci. Scatto fulminante con difensore lasciato sul posto e ingresso in area con controllo e rasoterra in diagonale che trafigge Dedoni. 2-0 e Lorenzo Rocci che torna a segnare salendo a quota 18 al minuto 18. Settempeda che continua a spingere tanto che al 38’ trova ancora la via della rete. Sventagliata perfetta di Rossi verso sinistra per l’avanzante Scocchi che al volo fa camminare la sfera verso Fiecconi che parte palla al piede fino ad arrivare davanti alla porta. Piatto destro preciso e Dedoni battuto. 3-0. Poco prima dell’intervallo il poker è servito. Azione veloce con tocchi di prima l’ultimo dei quali, molto bello, è di Fiecconi che dalla lunetta dell’area fa viaggiare Del Medico che, praticamente dal fondo e con il portiere addosso, trova il tocco morbido e preciso che scavalca il corpo dell’estremo ospite e entra in porta. 4-0. Grazie ad un gran primo tempo i giochi per la Settempeda sembrano fatti. La ripresa si gioca per onor di firma e c’è modo e spazio per Ruggeri di effettuare tutte e cinque le sostituzioni previste. Entrano in rapida successione Latini, Palazzetti, Marasca e Broglia, mentre poco oltre il ventesimo toccherà anche a Fattori. Secondo tempo che vede i biancorossi sempre in controllo, anche se il ritmo è per ovvi motivi meno alto. Il Visso si affaccia qualche volta in avanti, ma oltre a qualche angolo non crea nulla. Nella parte conclusiva dell’incontro la Settempeda torna a farsi pericolosa. Al 36’ Marasca ci prova dalla lunga distanza con un tiro a spiovere che per poco non sorprende il neo entrato Orazi che, però, è attento e distendendosi all’indietro va a deviare il pallone. Due minuti più tardi il quinto gol sembra fatto. Discesa di Fiecconi a destra e cross rasoterra che Fattori devia perfettamente trovando il pertugio giusto fra portiere e palo, ma l’arbitro annulla rilevando un fuorigioco a dire il vero inesistente. 5-0 che in è solo rimandato tanto che arriva al 90’. Altra azione splendida della Settempeda che si avvia da metà campo e che vede coinvolti vari giocatori che scambiano tra loro con tocchi di prima. Alla fine l’assist decisivo è di Fattori che serve centralmente con un passaggio precisissimo Marasca che controlla in corsa e poi mette dentro rasoterra.   IL TABELLINO SETTEMPEDA-VISSO 5-0 MARCATORI: 15’ Borioni, 18’ Rocci, 38’ Fiecconi, 45’ Del Medico, 90’ Marasca SETTEMPEDA: Sorichetti(53’ Palazzetti), Del Medico, Scocchi, Selita, Massi(47’ Latini), Galuppa, Gianfelici, Rossi(61’ Broglia), Borioni(56’ Marasca), Fiecconi, Rocci(71’ Fattori). A disp. Bonifazi. All. Ruggeri VISSO: Dedoni(80’ Orazi), Vono(46’ Sabbatini), Calabrò(53’ Guadagno), Sisini, Rosi, Cali, Brachetta, Catalani, Baldoni(67’ Giordani), Metushi, Kasadija. A disp. Mazzetti, Pugini. All. Pelagaggi ARBITRO: Martiniello di Macerata NOTE: spettatori 60 circa. Ammoniti: Borioni, Calabrò, Vono. Angoli: 7-5 per la Settempeda.

13/01/2019
Appignano. La Paoloni vince il derby con l’Aurora e conquista la settima vittoria consecutiva

Appignano. La Paoloni vince il derby con l’Aurora e conquista la settima vittoria consecutiva

La Paoloni vince il derby con l’Aurora e conquista la settima vittoria consecutiva nel girone B di Serie C Maschile. I ragazzi di Giganti si sono sbarazzati in tre set dei compaesani in “trasferta” al PalaAppignano, dominando la partita. Nel primo set i ragazzi di Mobbili partono meglio, portandosi prima sull’8-6 e poi sul 16-13. La partita comunque scorre sul filo dell’equilibrio in questa fase. Sul 20-18, Storari conquista il cambio palla e la Paoloni rimonta il parziale fino al 20-21. Quindi la squadra “ospite” riesce a conquistare il primo gioco per 22-25, dopo aver conquistato un punto importantissimo sul 21-23. Il parziale successivo cambia totalmente la musica e la Paoloni si erige a direttrice d’orchestra. Tobaldi e compagni volano velocemente dal 3-8 al 10-16 e al 11-19, l’Aurora non riesce a contenere la fame paoloniana. Il set termina 18-25 e mister Giganti fa giocare tutti i giocatori in distinta. Nel gioco finale la squadra di “casa” parte meglio, portandosi sull’8-5, ma sbaglia in battuta e lancia la fuga “ospite”, prima sul 10-16 e poi sul 16-21. Il muro di Persichini è decisivo per il 20-25 che vale punto, set e match. La Paoloni vince 0-3 contro l’Aurora e centra la settima vittoria di fila. Un successo importante per Gagliardi e compagni, che consente di incrementare ancora di più il bottino di punti in vista della Poule Play-Off. Restano 5 le lunghezze di vantaggio dall’US Volley ’79 Civitanova Marche. Top scorer della gara Alessandro Storari con 19 punti, seguito da Massei a 10 e da Tobaldi a 9. Nella prossima giornata, i ragazzi di Giganti sfideranno l’E.M. Company al PalaAppignano sabato. Aurora Volley 0-3 Paoloni Appignano Parziali: 22-25 (25’), 18-25 (25’), 20-25 (23’) Aurora Volley: Cotognini, Serafini 1, Bravi 1, Gobbi 8, Coppari (L), Paolantoni 6, Papa 4, Giannoni, Genovesi 8, Bravi, Capon 3. All. Mobbili Paoloni Appignano: Uguccioni 3, Massei R. 10, Tobaldi 9, Strappati, Lanciani, Gasparrini, Spernanzoni (L), Genevrini 7, Gagliardi 1, Molari, Persichini 5, Storari 19. All. Giganti Arbitri: Petterini – Pazzaglia

13/01/2019
Battuta d'arresto per la Juniores Rossblu: a Recanati finisce 5 a 0

Battuta d'arresto per la Juniores Rossblu: a Recanati finisce 5 a 0

Battuta d’arresto per la Juniores Nazionale rossoblù che a Recanati rimedia una manita. Tutti nella ripresa i gol dei padroni di casa. La prima frazione si era infatti chiusa sullo 0-0 con la formazione leopardiana che si faceva preferire nella manovra, senza però grandi occasioni da rete su entrambi i fronti. La Recanatese andava in vantaggio con un tocco sotto a scavalcare Raccio susseguente a corner, mentre il raddoppio avveniva in contropiede con Monterubbianesi che insaccava su assist di Lombardi. Lo stesso Lombardi siglava il 3-0 dal dischetto, Morresi con un tiro da trenta metri sotto l’incrocio siglava il poker, un contropiede sanciva il definitivo 5-0. “Una sconfitta meritata - il commento di mister Adolfo Rossi - anche se il passivo è forse un po’ troppo pesante. Nel primo tempo abbiamo contrastato bene la forza dell’avversario, mentre nella ripresa, dopo aver preso il primo gol, il secondo su una disattenzione ci ha tagliato definitivamente le gambe. La squadra è giovane ed ha accusato un po’ il colpo. Complimenti alla Recanatese, ottima squadra. A noi questa partita serva per crescere e fare tesoro degli errori”.   RECANATESE - SANGIUSTESE 5-0 RECANATESE: Piangerelli, Manzetti, Lucchetti, Morresi, Accattoli, Pizzuto, Sopranzetti Luca, Tanoni, Latini, Ferreyra, Lombardi. A disposizione: Sopranzetti Ludovico, Mosca, Notti, Panucci, Ulisse, Vallasciani, Monterubbianesi, Pasqualini, Grassi. All. Gianluca Dottori.SANGIUSTESE: Raccio, Di Rosa, Buaka Lutatala, Guzzini, Girotti, Basconi, Niane, Doci, Messi, Ercoli, Frontini. (Subentrati nel secondo tempo: Scoponi, Tarsilla, Rogani, Arcangeletti e Lazzarini.A disposizione: Apolloni, Nepa, Pianaroli, Mastrillo). All. Adolfo Rossi.ARBITRO: Sig. Andrea Traini della sezione di San Benedetto del Tronto.ASSISTENTI: Sigg. Mirko Baldisserri della sezione di Pesaro ed Andrea Aureli della sezione di San Benedetto del Tronto.RETI: Monterubbianesi (doppietta), Sopranzetti, Lombardi (rig) e Morresi.

13/01/2019
Giornata no per la Polisportiva Cingoli: sconfitta da Trieste per 27 a 22

Giornata no per la Polisportiva Cingoli: sconfitta da Trieste per 27 a 22

Giornata no per la Polisportiva Cingoli targata Santarelli. I ragazzi di Nocelli escono sconfitti 27-22 dall’incontro con il Trieste, nell’ultima giornata di andata del girone unico di Serie A Maschile di pallamano. Dopo oltre 15 minuti giocati alla pari, gli alabardati hanno dominato l’incontro e portato a casa l’intera posta. Nella prima frazione, le squadre si studiano, poi i padroni di casa prendono il largo, sfruttando l' ingenuità cingolane. Garroni risponde a Radjokovic, Ilic prova la fuga ma Alvarez firma il 3-2. Colleluori salva la porta in due circostanze e viene graziato anche dal palo. Nocelli e Matijasevic tengono testa a Lekovic, si resta sul 5-4. Visentin imbatte sulla traversa, Colleluori continua a immolarsi ma Radjokovic mette a segno il 6-4 al 10º minuto. Randes accorcia, Sandrin conferma il +2 (7-5). Debutta Bincoletto e subito mette a segno il 7-6 al 15’. A questo punto Trieste realizza un break di 4 reti con triplo Radojkovic e Visentin, mettendo tra se e Cingoli cinque lunghezze per l’11-6. Lorenzo Nocelli prova a far reagire i suoi, ma la squadra locale riesce a concretizzare un altro parziale di 4-0 con Sandrin, Ivic e Lekovic (2), risultato sul 15-7. Cingoli colpisce due traverse con Mangoni e Matijasevic e viene ipnotizzata da Milovanovic, il quale blocca su un tentativo ravvicinato Strappini e neutralizza un 7 metri di Garroni. Matijasevic accorcia prima della fine del tempo, il palo di Lekovic grazia la Polisportiva. I direttori di gara mandano le squadre alla pausa sul 15-8. Nella ripresa la Santarelli Cingoli prova a tornare in partita, ma Trieste riesce a controllare l’incontro. Strappini e Garroni valgono il -5 (15-10), con in mezzo il palo di Ilic e la traversa di Matijasevic. Bincoletto risponde a Lekovic, ma la formazione locale torna a +7 con Radojkovic al 40’, parziale sul 18-11. Ilic e Sandrin tengono testa a Strappini e Garroni, 20-13. Randes accorcia, ma due reti di Pernic a metà del secondo tempo portano gli alabardati al massimo vantaggio di +8 sul 22-14. La Polisportiva piazza il -6 con Nocelli e Mangoni, ma i locali riescono quindi a controllare il match e a riportarsi sul +8, grazie a Hrovatin e Pernic (24-16). Sul 25-17, però, Cingoli ha una reazione d’orgoglio, piazzando un break di tre reti di fila con Nocelli, Mangoni e Garroni: è -5 a 300 secondi dalla sirena (25-20). Strappini e compagni, tuttavia, sbagliano troppi in attacco, Lekovic e Carpanese ne approfittano e mettono in ghiaccio la gara (27-20). Inutili le due reti finali di Alvarez, che servono solo a rendere meno amaro il parziale. Trieste vince 27-22 contro la Polisportiva Cingoli e conferma il settimo posto in classifica. La superiorità tecnica e l’esperienza degli uomini di Pucelj hanno fatto la differenza. I ragazzi di Nocelli, ancora penultimi, dopo un inizio brillante, non hanno retto l’onda d’urto triestina, sbagliando troppe situazioni offensive nei momenti decisivi. Top scorer della gara il terzino croato Lekovic con 8 reti, seguito dall’azzurro Radojkovic a 6, decisamente i migliori giocatori della partita, insieme al portiere Milovanovic. Nocelli e Garroni sono i migliori marcatori cingolani con 4 reti, seguiti a 3 da Alvarez, Strappini e Matijasevic. Fortunatamente anche le avversarie per la salvezza non sorridono: Gaeta perde con il Siena in casa, Cologne esce sconfitta a Bressanone, mentre Merano-Fasano verrà recuperata il 31 gennaio. La classifica resta dunque Cologne/Merano 9-Gaeta 8-Cingoli 7. Nella prossima giornata, il team di mister Nando Nocelli sarà impegnato ancora in trasferta contro il Cassano Magnago secondo in classifica, per il match in programma sabato 19 gennaio.

13/01/2019
Pallanuoto femminile serie A2, NPN Tolentino: intervista al tecnico Lorenzo Bartolo

Pallanuoto femminile serie A2, NPN Tolentino: intervista al tecnico Lorenzo Bartolo

E’ ormai tutto pronto alla piscina comunale “G. Caporicci di Tolentino” per ospitare la partita inaugurale del campionato 2018/19 di pallanuoto femminile serie A2 A ridosso del match, che vedrà opposte le ragazze di casa alla formazione campana dell’Acquachiara Ati 2000, abbiamo raccolto impressioni ed auspici del tecnico delle maceratesi Lorenzo Bartolo in merito alla stagione ai nastri di partenza Mister Bartolo innanzitutto come giunge la squadra al debutto della stagione? “Quando affronti una nuova categoria l’inizio è sempre un’incognita ma la squadra ha lavorato molto bene. Purtroppo abbiamo avuto qualche guaio fisico sotto le vacanze ma diciamo che stiamo recuperando tutte al meglio” Che tipo di campionato si aspetta e quali squadre ritiene siano favorite? “Il nostro obiettivo da neopromossa è senza dubbio la salvezza. Le squadre favorite sono la Vela Ancona, L’Acquachiara il Flegreo…Almeno sulla carta. Ogni risultato al di sopra di quello minimo è per noi positivo” Quali armi dovrà mettere in acqua la sua formazione per cercare di fare risultato in ogni occasione? “Le armi a nostra disposizione sono la dedizione al lavoro e l’impegno nell’affrontare ogni singolo momento di allenamenti e partite per cercare di alzare ogni volta l’asticella di un centimetro. Solo così riusciremo a migliorare” Quali sono, a suo avviso, le qualità più importanti delle sue ragazze che potrebbero fare la differenza? “Le qualità, prescindendo da una valutazione tecnica che è assolutamente soggettiva, sono lo spirito di gruppo il sacrificio che ognuna delle mie atlete dimostra ogni giorno in allenamento. Sono veramente felice di allenare un gruppo con valori morali così importanti” Oltre alla forza del collettivo c’è, secondo lei, una giocatrice che potrebbe essere determinante? “Jakie Kholi, per esperienza, qualità tecniche e morali è certamente un punto di riferimento per tutti…Ma non mi piace fare nomi. Ci sono giovani con qualità importanti e ragazze con più esperienza che stanno dando un enorme apporto alla causa. Mi piace  pensare ad una squadra come collettivo anziché a un insieme di individualità” Che ambiente ha trovato a Tolentino? “L’ambiente lo conoscevo dalla precedente esperienza ad Osimo, coi dirigenti ci conosciamo da anni ed è un piacere poter lavorare con loro dopo così tanto tempo” Come giudica gli acquisti effettuati dalla società per rinforzare l’organico? “La campagna acquisti è stata ottima. Mi hanno messo a disposizione un gruppo con grandi potenzialità. Ora sta a me e allo staff tecnico tirare fuori il meglio da tutte” Cosa si aspetta dalle sue ragazze? “Non mi aspetto nulla in particolare…Solotanta concentrazione cattiveria e spirito di sacrificio come mostrato sino ad oggi” Quali sono le sue aspettative per questa stagione di A2 e dove crede possa  arrivare la neopromossa Tolentino? “…Ve lo dico a fine stagione” Infine cosa si sente di promettere a tifosi e società? “A tifosi e società prometto che mai e poi mai molleremo un solo centimetro a livello di impegno. Dove riusciremo ad arrivare lo vedremo tra un po, ma l’impegno sarà totale”  

13/01/2019
Volley, Roana CBF HR Macerata: San Giustino travolto in quattro set (VIDEO)

Volley, Roana CBF HR Macerata: San Giustino travolto in quattro set (VIDEO)

La Roana CBF non si ferma e fa il suo esordio casalingo nel 2019 con un’altra vittoria, sudata e sofferta. La San Giustino Volley ha dato filo da torcere alle maceratesi, uscite vincitrici con un 3 - 1 dopo quasi due ore di gioco. Un approccio spavaldo quello delle umbre che hanno lottato punto a punto, cedendo il primo set alle maceratesi sul 23 - 25. Le imbeccate di Tosti e Mearini si fanno sentire e nel secondo parziale pagano: San Giustino pareggia i conti sul punteggio di 25 - 18. Tutto da rifare per la Roana CBF che, nel terzo set, ingrana la quinta marcia e annienta le umbre con un perentorio 25 - 11. Nel quarto parziale le maceratesi sembrano averne di più e allungano progressivamente fino a portarsi sul 18 - 11. Tutto lascia presagire ad un comodo epilogo in fotocopia al set precedente ma San Giustino non vuol fare da comparsa, ricomincia a spingere sull’acceleratore e, grazie alle scorribande di Romani e Silotto, annulla il vantaggio delle padrone di casa fino a portarsi sul 23 - 24. Sarà proprio Silotto, poco dopo, a fallire il servizio decisivo e a consegnare i tre punti alle ragazze di Paniconi. Una vittoria estremamente pesante in virtù della battuta d’arresto di Cesena sul campo di Trevi, che porta le maceratesi a + 7 sulle romagnole. Invariato, invece, il + 4 su Montale Rangone, vincitrice contro Quarrata. “Sono tre punti importantissimi in una serata dove non abbiamo sicuramente offerto una bella prestazione - ha dichiarato coach Paniconi - E' pur vero che non si può sempre giocare bene perciò diventa fondamentale, in serate come questa, ottenere un risultato positivo. Abbiamo affrontato una squadra che ha lottato col coltello fra i denti e che ha giocato molto bene in diverse fasi del match”. Menzione speciale per un altro importante traguardo: “Abbiamo raggiunto le final four di Coppa Italia, un risultato che gratifica il grande lavora della squadra e della società tutta. Con questo spirito ci rimetteremo a lavoro, pensando alla prossima gara” - ha aggiunto Paniconi, le cui ragazze chiuderanno il girone di andata in trasferta sul campo di Quarrata: “ E’ una squadra molto forte in casa e per la quale nutro un grandissimo rispetto. Sarà una trasferta complicata, come tutte le trasferte toscane”. Una vittoria sporca, cercata, inseguita, fortemente voluta, perché maturità e consapevolezza nei propri mezzi passano anche da gare come questa. Quando bellezza e brillantezza vengono a mancare, cinismo e praticità diventano i veri protagonisti, quelli che non ti aspetti, quelli di cui hai sempre pensato di poter fare a meno ma che, in fondo, arrivano sempre puntuali ad insegnarti qualcosa di nuovo. Ecco il video con le interviste post-partita:  ROANA CBF HR VOLLEY MC – PICCINI PAOLO S. GIUS. PG  3 - 1  Roana CBF: Pomili V. 8, Spitoni B., Gobbi M. 10, Partenio S. 1, Patrassi A., Grilli G. ne, Peretti I. 7, Rita E. 13, Zannini S. (lib.), Malavolta G. (lib.), Di Marino C. 8, Barbolini V. 12. All. Paniconi Piccini Paolo S. Gius. PG: Betti S. 2, Borelli F. 8, Galetti N. (lib.), Mearini V. 10, Silotto G. 9, Leonardi L., Tosti S. 13, Romani C. 9, Giordano B. 6. All. Gobbini ARBITRI: Grossi - Bonomo PARZIALI: 25 - 23 (30’); 18 - 25 (27’); 25 - 11 (21’); 25 - 23 (28’) NOTE: Roana CBF: 1 ace, 9 muri, 34 err. avv., 53% in ricezione (30% perfetta), 31% in attacco. Piccini Paolo S. Gius. PG: 6 ace, 8 muri, 25 err. avv., 48% in ricezione (20% perfetta), 26% in attacco.  

13/01/2019
Basket in carrozzina, Serie A: il Santo Stefano Porto Potenza regola in casa Roma

Basket in carrozzina, Serie A: il Santo Stefano Porto Potenza regola in casa Roma

Un Santo Stefano Avis Porto Potenza determinato e volitivo ha regolato al PalaPrincipi un sempre insidioso Santa Lucia Roma con il punteggio finale di 59 a 53. Gli adriatici di coach Roberto Ceriscioli sono stati in vantaggio dall’inizio alla fine del match. Ciò non significa che la blasonata formazione capitolina sia stato un avversario remissivo e sottotono. Tutt’altro. Cavagnini e soci hanno dato filo da torcere ai marchigiani determinando un incontro dal livello agonistico e tecnico di tutto rispetto. Di fatto la partita si è potuta considerare davvero chiusa soltanto nell’ultimo minuto di gioco nel quale il Santo Stefano, incalzato dai romani che si erano fatti sotto a 7 lunghezze di divario, ha inanellato un paio di canestri che hanno dato la sicurezza della vittoria. Un pronostico plausibile ma non scontato alla vigilia. Ottima la regia tattica di Bob Ceriscioli, bene la risposta dei giocatori all’alternarsi delle differenti situazioni di gioco. Bello lo spettacolo che hanno goduto i circa duecento spettatori del PalaPrincipi e coloro che invece hanno seguito la diretta streaming sul sito Twinssebastiani. Il Santo Stefano consolida la seconda posizione solitaria nella classifica generale di Serie A di basket in carrozzina ed insidia il primo posto della corazzata Cantù. Miglior giocatore per i romani Marco Stupenengo, per i portopotentini Sofyane Mehiaoui. Le formazioni Santo Stefano Avis Porto Potenza: Davide Schiera, Enrico Ghione, Dimitri Tanghe, Luca Biondi, Jordi Ruiz, Jennifer Feltrin, Driss Saaid, Andrea Giaretti, Sofyane Mehiaoui, Alessandro Boccacci, Sabri Bedzeti, Emanuele Bianchi. All. Roberto Ceriscioli. Santa Lucia Roma: Domenico Beltrame, Ali Mohammed Sanna, Tobia Di Monte, Iulian Milos, Matteo Cavagnini, Mauro Pennino, Salim Chakir, Ismael De Sousa, Marco Stupenengo, Cristian Fares, Alessio Torquati. All. Fabio Castellucci. Arbitri: Marco Di Paolo di Chieti e Massimo Borsani di Pescia.    

13/01/2019
Nuoto: Tolentino subito protagonista al meeting “Città di L’Aquila”

Nuoto: Tolentino subito protagonista al meeting “Città di L’Aquila”

Oro, argento e bronzo. E’ pioggia di medaglie per gli atleti della NPN Tolentino nella prima giornata del meeting nazionale di Nuoto in corso a L’Aquila. I ragazzi guidati dai tecnici Michele Boschi e Chiara Ruffini non hanno perso l’occasione di dimostrare tutto il loro valore  e la loro preparazione centrando l’appuntamento con il podio in ben 9 occasioni. A splendere come non mai sono innanzitutto le stelle di Viola Schiavoni e Ilaria Simoncini che colorano d’oro la vasca abruzzese mettendosi al collo il metallo più prezioso rispettivamente nei 200 misti e 100 dorso della categoria juniores col tempo di 2.32.45 e 1.04.19. Le giovani rappresentanti tolentinati sono riuscite ad esprimere in acqua ritmo e armonia nell’azione che associate ad una grande determinazione hanno permesso loro di sbaragliare la concorrenza mettendo in riga le avversarie e cogliendo così le prime affermazioni per la società maceratese Gioie e soddisfazioni sono poi proseguite con i diversi secondi posti che solo per un pizzico di sfortuna hanno mancato di trasformarsi in ulteriori trionfi. Ad aggiudicarsi la piazza d’onore sono stati i “boys” Nicolò Brugnoni e Massimiliano Fornaro nei 50 rana e 100  misti entrambi nella categoria Ragazzi in 31.54 e 1.06.27. Ad essi hanno risposto le “girls” Viola Schiavoni e Irene Simoncini con due stupendi argenti nei 100 misti juniores e Ragazzi in 1.11.67 e 1.17.11 Di grande prestigio e assoluto valore anche le medaglie di bronzo che sono finite al collo di Natalia Schiavoni nei 50 rana Ragazzi (tempo 37.92), Rachele Appignanesi nei 100 misti Ragazzi (1.77.18) e Nicolò Brugnoni nei 100 misti Ragazzi (tempo 1.04.33 completando il primo giorno di gare in modo davvero eccellente      

13/01/2019
Il Trodica risorge con Balloni e Ulissi, la Pinturetta cede in casa tra le polemiche

Il Trodica risorge con Balloni e Ulissi, la Pinturetta cede in casa tra le polemiche

Gol, emozioni, tensioni finali e una serie infinita di errori arbitrali caratterizzano il pomeriggio del Belletti dove, il Trodica, dopo otto giornate ritrova la vittoria grazie alle reti del ritrovato Balloni e di Ulissi che piegano la Pinturetta, furiosa con l’arbitro e capace di riaprire i giochi a cinque minuti dal termine con Amadio, che devia in porta una conclusione dal limite di Pacini. Sul sintetico elpidiense va di scena il big match del girone C, mal gestito però dal direttore di gara che non tiene in pugno l’incontro e lascia recriminazioni da una parte e dall’altra. Gara combattuta e maschia, con equilibrio spezzato all'11esimo minuto: Balloni viene servito sulla sinistra, entra in area e calcia in diagonale battendo Malpiedi, subentrato a Canaletti dopo appena nove minuti. Ma i padroni di casa hanno la grande chance del pari al 37esimo: lancio lungo di Santagata, Cher protegge la sfera in attesa del rinvio ma Pennacchietti, in uscita disperata fuori area, mette fuori tempo il difensore e liscia la sfera; Pacini si inserisce e calcia a porta vuota, la difesa trodicense salva sulla linea. Due minuti più tardi calcio di punizione forte e preciso di Massaccesi, Pennacchietti blocca a terra. Quindi, al 41esimo, arriva il raddoppio Trodica: Ulissi prende palla sui venticinque metri, lascia partire un destro potente sotto la traversa che si infila in rete e manda le due squadre al riposo sul due a zero. Al 12esimo della ripresa primo grave errore del direttore di gara: Pacini punta la difesa ospite e viene atterrato, l’arbitro assegna un improbabile angolo e nega agli elpidiensi un penalty apparso evidente. Sul conseguente corner conclusione di piatto di Vergari all’altezza dell’area piccola, pallone alto. Al 36esimo Bracciotti si invola dalla destra verso la porta, Benigni lo atterra al limite ma viene solamente ammonito, nonostante la chiara occasione da gol. Quindi, al 38esimo, la Pinturetta riapre il match: girata dal limite di Pacini, deviazione fortuita di Amadio e pallone in fondo al sacco. Gli animi si accendono, ci prova due volte Marchioni ma sfiora l’incrocio. Nei sei minuti di recupero l’arbitro lascia correre su ogni contatto, volano cartellini gialli a raffica, spesso affrettati e, al 96esimo, il fischio finale che sancisce la vittoria biancoceleste. Tabellino Pinturetta-Trodica Pinturetta: Canaletti (Malpiedi 9’), Verdecchia, Benigni, Vergari E, Ciccola, Vergari A, Santagata (Parmegiani 82’), Massaccesi (Olivieri 66’), Amadio, Pacini, Dragjoshi (Brunelli 65’); All Paolo Properzi A disp: Cicchini, Vallesi, Fulimeni Trodica: Pennacchietti, Panico, Lambertucci, Bibini, Cher, Petruzzelli, Ulissi, Silla, Balloni (Marchioni 62’), Bracciotti (Bigioni 75’), Canuti (Monteverde 60’); All Pasquale Minuti A disp: Butteri, Sgalla, Berrettoni, Lambertucci F Direttore di gara: Francesco Corfiati (San Benedetto) Marcatori: Balloni (11’), Ulissi (38’), Amadio (85’) Ammoniti: Dragjoshi (29’), Massaccesi (29’), Amadio (30’), Benigni (71’), Canuti (31’), Monteverde (66’), Cher (68’) Note: Angoli (5-3); Recuperi (1’ p.t.; 6’ s.t.) Man of the match: Luca Balloni (Trodica)  

13/01/2019
Volley, Superlega 2018/2019: Lube ko in quattro set contro Perugia

Volley, Superlega 2018/2019: Lube ko in quattro set contro Perugia

Cucine Lube Civitanova sconfitta a Perugia nella 4ª di ritorno della Regular Season della Superlega Credem Banca. I biancorossi, che ad inizio della prossima settimana saranno impegnati nel big match europeo di Champions League in Polonia, contro lo Zaksa di Andrea Gardini, si arrendono in tre set dinanzi alla Sir Safety (23-25, 24-26, 15-25), rimediando dunque la prima sconfitta con Ferdinando De Giorgi al timone, e soprattutto lasciando strada agli umbri nella corsa per i piani più alti della classifica. In attesa che domani si completi il tabellone delle partite, gli umbri salgono momentaneamente al primo posto, distanti una lunghezza da Trento (che ha una gara in meno) e 4 dalla Lube, insidiata da Modena che scenderà in campo domenica a Milano. Il primo parziale giocato dalle due contendenti, equilibratissimo, si decide soltanto nel finale, con De Cecco sulla linea dei nove metri. Siamo 21 pari dopo un ace di Leon che ha ricucito il gap conquistato dalla Lube con due muri consecutivi di Cester su Atanasijevic , e il regista argentino firma la terza battuta vincente della Sir pescando la riga alla destra di Osmany Juantorena (24-23 per gli umbri), che nell’attacco dell’azione successiva verrà murato dal grande ex Marko Podrascanin. E’ il punto che chiude il set in favore dei padroni di casa, sul 25-23. Le due squadre giocano punto a punto anche nel secondo set in cui la Lube, scesa in campo con Simon titolare a scapito di capitan Stankovic, si ferma nuovamente proprio sul più bello. I biancorossi, nonostante il misero 37% di efficacia in attacco (contro il 56% di Perugia) sono infatti i primi a conquistare un set point, proprio con un imperioso primo tempo del centralone cubano (24-23), annullato da Podrascanin (24 pari). Poi i marchigiani regalano però la palla set agli avversari attaccando out con Sokolov (24-25). E nell’azione successiva mancano il cambio palla, consentendo a De Cecco di ricostruire per Leon (6 punti, 62% sulle schiacciate), che schianta a terra la palla del definitivo 26-24. La reazione dei cucinieri arriva nel terzo parziale, dominato da Bruno e compagni sin dall’inizio: 8-5 dopo un contrattacco vincente di Juantorena seguito da un ace di Cester, 10-5 dopo un muro vincente di Bruno (su Lanza), che in fase di ricostruzione si affida soprattutto nella pipe di Leal. Sul 13-5, dall’altra parte della rete Bernardi prova allora a scuotere i suoi attingendo dalla panchina: dentro Della Lunga in posto 4 per Lanza e Hoogendoorn al posto di Atanasijevic. Ma la Cucine Lube, che attacca addirittura col 75% di squadra, allunga fino a chiudere 25-18. Gara riaperta, dunque, ma non fino in fondo: il quarto parziale è infatti un monologo dei padroni di casa, spinti dagli ace di De Cecco e del solito Leon, ma anche agevolati dai tanti, troppi errori in attacco (ben 7) dei cucinieri. De Giorgi gioca invano le carte Kovar (per Leal) e Cantagalli (utilizzato costantemente anche nei set precedenti per alzare il muro) per Sokolov. Finisce 25-15 per la Sir. Il tabellino SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 6, Hoag, Lanza 8, Podrascanin 11, Atanasijevic 9, Leon 16, Ricci 4, Della Lunga 4, Seif , Galassi , Piccinelli (L). All. Bernardi. CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 9, Kovar 1, D’Hulst, Marchisio n.e., Juantorena 12, Massari n.e., Stankovic , Diamantini n.e., Leal 9, Cantagalli , Cester 7, Simon 13, Bruno 3, Balaso (L). All. De Giorgi. ARBITRI: Rapisarda (UD) - Tanasi (SR) PARZIALI: 25-23 (30’), 26-24 (31’), 18-25 (23’) , 25-15 (24') NOTE: spettatori 3959. : Sir Perugia battute sbagliate 22, ace 14, muri vincenti 5, 51% in attacco, 57% in ricezione (22% perfette). Cucine Lube: battute sbagliate 19, ace 7, muri vincenti 8, 49% in attacco, 31% in ricezione (7% perfette).

12/01/2019
Sangiustese e Isernia si spartiscono la posta: la gara termina 1 a 1

Sangiustese e Isernia si spartiscono la posta: la gara termina 1 a 1

Prima gara dell’anno per entrambe le formazioni che hanno visto rinviata la gara di esordio a causa delle precipitazioni nevose che la scorsa settimana hanno colpito il centro Italia.Inevitabile un po’ di ruggine da scrollarsi addosso, ma è un altro inizio schock per la Sangiustese che, dopo Jesi, anche nel match casalingo contro l’Isernia viene colpita a freddo dopo appena 4’ minuti.Questa volta a fare male è l’inserimento solitario coronato da una bella conclusione dalla destra di Lenoci sulla quale Chiodini nulla può.Assente per squalifica il jolly Scognamiglio, tenuto a riposo lo stantuffo Pezzotti, mister Senigagliesi si affida al consueto assetto offensivo, spostando Cheddira a sinistra e inserendo Pluchino come terminale avanzato.La “vecchia volpe” Silva si rifugia invece in un prudente 5-3-2 con licenza di offendere, come in effetti si verifica in avvio e anche nel corso della gara con qualche contropiede non finalizzato a dovere.I padroni di casa, dopo aver accusato il colpo e rischiato di sbandare in qualche altra occasione, trovano la quadra al quarto d’ora.Argento si rende protagonista in un paio di circostanze, scheggiando anche il palo, ma è dell’esperto Cerone il diagonale al 16’ pt che fa pari.Nella ripresa out Argento, Pluchino e Santagata, dentro le energie fresche di Kamara, Tizi e De Reggi, ma il piede più caldo sembra sempre quello di Iaboni, che prova da calcio piazzato e su azione a siglare il sorpasso.A rispondere è sempre Cerone, ma il suo tiro fa la barba al palo.La stanchezza inizia a farsi sentire: diminuiscono i giri e crescono le distanze tra i reparti.Il risultato non cambia: Sangiustese e Isernia si spartiscono la posta, in vista del turno infrasettimanale di mercoledì.   SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Shiba, Santagata (19’ st De Reggi), Perfetti, Patrizi, Moracci, Pluchino (12’ st Tizi), Camillucci, Cheddira, Cerone, Argento (33’st Kamara). A disposizione: Carnevali, Massaroni, Doci, Pezzotti, Buaka, Papavero. Allenatore Stefano Senigagliesi.ISERNIA (3-5-2): Tano, Lenoci (36’ st Di Lonardo), Capuozzo, Frabotta, Barretta, Cacic, Gyabaa (12’ st Schena), Fazio, Romano (25’ st Petitti), Iaboni, Ciccone (45’ st Maresca). A disposizione: Del Giudice, De Vito, Marino, Vitale, Mandolfo. Allenatore: Massimo Silva.ARBITRO: Sig. Angelo Tomasi della sezione di Lecce.ASSISTENTI: Sig. ri Federico Linari della sezione di Firenze e Carmine De Vito della sezione di Napoli.RETI: 4’ pt Lenoci, 16’ pt Cerone.NOTE: spettatori 250 circa con piccola rappresentanza ospite; ammoniti Iaboni, Camillucci e Santagata; corner 2-0; recupero 1’+ 5’

12/01/2019
San Severino Marche. Incontro di fine anno per gli atleti del Judo

San Severino Marche. Incontro di fine anno per gli atleti del Judo

Tradizionale incontro di fine e inizio anno, nei giorni scorsi, per le promesse del judo settempedano dell’associazione sportiva dilettantistica J-etic guidata dal maestro Boris Giachetta. Il 2018 è stato un anno di grandi soddisfazioni, come ha avuto modo di sottolineare l’assessore comunale allo Sport, Paolo Paoloni, che ha preso parte all’iniziativa insieme ai familiari degli atleti. L’anno appena conclusosi ha visto sugli scudi i piccoli e i grandi judoka ai Campionati Nazionali Csen svoltisi a Follonica, in provincia di Grosseto.

12/01/2019
Volley, Perugia-Lube Civitanova: come seguire la partita in tv

Volley, Perugia-Lube Civitanova: come seguire la partita in tv

È il grande giorno del big match tra Sir Safety Conad Perugia e Cucine Lube Civitanova. La partita, valevole come quarta giornata di ritorno del campionato di Superlega 2018/2019, si svolgerà al Pala Barton e sarà seguita in diretta televisiva su Raui Sport + HD (canale 57 del digitale terrestre). Appuntamento per sabato 12 gennaio a partire dalle ore 18:00.  La telecronaca sarà affidata a Maurizio Colantoni e Andrea Lucchetta. Aggiornamenti live anche su profili ufficiali Lubevolley Instagram, Facebook e Twitter. Replica televisiva lunedì alle ore 21 su Arancia Television (canale 210 digitale terrestre). In caso di vittoria la squadra di Ferdinando De Giorgi potrebbe agganciare il secondo posto in classifica.     

12/01/2019
Menghi Shoes. Domizioli: “Sarà una battaglia ma vogliamo risalire in classifica”

Menghi Shoes. Domizioli: “Sarà una battaglia ma vogliamo risalire in classifica”

La Menghi Shoes è tornata a muovere la classifica grazie alla vittoria per 3 a 1 della scorsa settimana sull’Aurispa Alessano. Serve però continuità ai biancoverdi che domenica vanno in trasferta dove al Palasport "William Ingrosso" verranno accolti dalla BCC Leverano. I salentini distano dieci punti dalla Menghi Shoes ma sono in forma, anche se devono ancora disputare la loro prima partita del 2019. Nelle ultime gare giocate hanno battuto la Roma Volley e l’Aurispa Alessano nel derby e all’andata costrinsero i biancoverdi a una sofferta vittoria al tie break. Entrambe le squadre sono quindi alla ricerca di punti e si profila una sfida combattuta. "Ci aspetta una nuova battaglia - commenta il Secondo Allenatore Federico Domizioli -. Dopo la vittoria di domenica scorsa vogliamo continuare a fare punti, siamo consapevoli di essere competitivi in questo campionato e di potercela giocare fino alla fine per un posto in alta classifica". Era importante riscattarsi dopo il passo falso contro la Roma Volley. "Sì, a Roma abbiamo sbagliato approccio ed evidenziato dei limiti sui quali stiamo lavorando". Non sarà facile ripetersi contro la BCC Leverano, anche all'andata fu una partita tirata. "Questo è un campionato dove è sempre difficile andare a giocare in trasferta. Loro hanno dimostrato di essere una squadra ostica soprattutto davanti ai loro tifosi e dovremo essere bravi a reagire come squadra alle difficoltà. Stiamo molto lavorando sul gruppo e sulla capacità di essere pazienti nel corso della partita e saper leggere meglio i momenti".La gara tra Menghi Shoes e BCC Leverano sarà trasmessa in diretta streaming alle ore 19 su Diretta Lega Volley Channel.

12/01/2019
Il Futsal Potenza Picena non vince di un soffio: 5 a 5 contro la Nuova Juventina

Il Futsal Potenza Picena non vince di un soffio: 5 a 5 contro la Nuova Juventina

Il Futsal Potenza Picena vede sfumare la vittoria all'ultimo. I potentini impattano per 5-5 in casa contro la Nuova Juventina e non riescono nel sorpasso ai bianconeri in classifica generale. Un match emozionante e tirato in cui i giallorossi non sono riusciti a chiudere la gara in alcuni frangenti ed alla fine hanno pagato dazio a pochi istanti dal termine. Comunque una prestazione positiva che conferma il buon momento dei ragazzi di mister Lanari. ù Partenza sprint dei locali che dopo nemmeno 30 secondi passano in vantaggio grazie alla rete di Massaccesi da corner. I potentini si galvanizzano ma non trovano il raddoppio, così gli ospiti al 9' pervengo al pareggio con la rete di Marzetti da calcio d'angolo. La sfida è in equilibrio ma il Futsal Potenza Picena colpisce in due occasioni con Massaccesi e Gattafoni e va al riposo lungo sul 3-1. Ad avvio ripresa Diomedi in contropiede realizza il 4-1 che sembra chiudere i giochi ma i padroni di casa hanno un black-out e la Nuova Juventina ne approfitta siglando con Marzetti e Mancinelli due reti nel giro di un minuto. Cassaro piazza la zampata del 5-3 al 16' ma al 18' Corallini dà speranza ai suoi. Finale thrilling con i giallorossi che non approfittano per due minuti della superiorità numerica e, nell'ultima azione, Favetti gira sotto il sette la palla che chiude la questione sul 5-5.   FUTSAL POTENZA PICENA - NUOVA JUVENTINA 5-5 (3-1 pt)   FUTSAL POTENZA PICENA: Traini (gk), Gheco (gk), Matteucci, Sarnari, Massaccesi, Cassaro, Diomedi, De Luca, Lanari, Gattafoni, Gabbanelli, Bonfigli All. Lanari NUOVA JUVENTINA: Pierini (gk), Catini, Baleani, Mancinelli, Marzetti, Pecorari, Mazza, Corallini, Campana, Doumi, Favetti, Ramundo All. Brasili Arbitri: Loris Travaglini e Giorgio Binni di San Benedetto del Tronto Reti: 1' Massaccesi, 9' Marzetti, 13' Massaccessi, 23' Gattafoni, 2' st Diomedi, 6' st Marzetti, 7' st Mancinelli, 16' st Cassaro, 18' st Corallini, 30' st Favetti Note: Ammoniti Cassaro, Mancinelli, Favetti, Doumi, Diomedi, Ramundo Espulso al 21' st Ramundo per doppia ammonizione  

12/01/2019
Nuoto Macerata, riparte la stagione con la novità Triathlon

Nuoto Macerata, riparte la stagione con la novità Triathlon

Il nuovo anno comincia subito a spron battuto per il Centro Nuoto Macerata. La società che gestisce la rinnovata piscina comunale di viale Don Bosco apre il 2019 con un gennaio fitto di appuntamenti agonistici (e dopo le vacanze in tanti stanno riempiendo la struttura per ritrovare la forma fisica). Domenica 20 il CN Macerata sarà protagonista al Meeting di Civitanova e inoltre nello stesso giorno i piccoli della categoria Propaganda vivranno l’emozionante debutto a Tolentino. Ancora, il 27 gennaio a Moie scatteranno le gare valide per il Campionato Regionale di Salvamento. Insomma l’associazione vedrà tuffarsi e nuotare con le sue cuffiette quasi 100 atleti di tutte le età o quasi. A proposito di numeri, oltre 250 persone hanno partecipato sotto le Festività alle varie cene di auguri e fine anno. Tre per l’esattezza le conviviali: quella dello staff; dell’agonistica ragazzi comprendente il nuoto, il Salvamento, il Syncro, l’Acquagol; quella dei Master assieme ai tesserati dell’area fitness e gli adulti che frequentano la Scuola Nuoto. Va infine ricordato che gennaio accompagnerà una novità assoluta, il Centro Nuoto Macerata venerdì 18 presenterà infatti la sua squadra di Triathlon presso la sede di Bikers partner del progetto. Gli appassionati di questo difficile, appassionante e multidisciplinare sport (che ingloba nuoto, bicicletta e corsa) possono informarsi su corsi e allenamenti recandosi in segreteria.    

12/01/2019
Lube Civitanova, si organizzano pullman per la trasferta di domenica 20 contro Trento

Lube Civitanova, si organizzano pullman per la trasferta di domenica 20 contro Trento

Si organizza la trasferta in pullman per seguire la sfida tra Cucine Lube Civitanova e Itas Trentino, quinta giornata di ritorno di SuperLega, che si giocherà alla BLM Group Arena di Trento domenica 20 gennaio, inizio gara ore 18.00. Costo della trasferta € 35,00 (pullman e biglietto, minimo 40 adesioni). Partenza da Macerata ore 8.00. Partenza da Civitanova ore 8.30. Per prenotazioni contattare il 340-8609198 (sig. Giuseppe Cozzi) dalle 16.00 alle 19.30, entro mercoledì 16 gennaio.  

11/01/2019
NPN Tolentino, in prima linea con i programmi nutrizionali

NPN Tolentino, in prima linea con i programmi nutrizionali

Giornate intense ed impegnative dal punto di vista sportivo e non solo quelle che hanno caratterizzato la fine dell’anno per gli atleti della NPN Tolentino Oltre a cicli di doppi allenamenti, infatti, nuotatori e pallanuotisti  sono stati sottoposti a test specifici con il biologo nutrizionista Dott. Luca Belli per la valutazione della composizione corporea e la gestione dell'idratazione durante gli allenamenti. I dati raccolti, oltre a quelli dei test svolti in vasca, saranno utili per capire l'andamento della preparazione atletica in questa prima parte della stagione agonistica. Il percorso strutturato dalla società Nuoto Pallanuoto Tolentino per l'anno 2018-2019 con medico sociale e staff sanitario prevede, in effetti, giornate informative rivolte a genitori e sportivi per la gestione dell'alimentazione e dell'integrazione in allenamento e gare, nonché un monitoraggio periodico della stato nutrizionale degli atleti del settore agonistico, in modo da fornire ad allenatori e preparatori atletici dati utili per impostare al meglio e personalizzare la preparazione, oltre che per eventuali interventi alimentari specifici se dovessero emergere delle criticità.

11/01/2019
GoldenPlast Potenza Picena, domenica alle 15.30  sfida contro Lamezia

GoldenPlast Potenza Picena, domenica alle 15.30 sfida contro Lamezia

L’orario insolito, la fame di punti degli avversari e l’ennesimo incontro con il roster biancazzurro non al completo sono tra le insidie più spinose della terza giornata di ritorno del Girone Bianco. Domenica 13 gennaio, all’insolito orario delle 15.30, la GoldenPlast Potenza Picena scenderà in campo al PalaFerraro di Cosenza per sfidare l’ultima della classe, la Conad Lamezia di coach Gianpietro Rigano (lo scorso anno in Sicilia alla guida di Catania fino a metà aprile). Il collettivo calabrese, che a torneo in corso ha rinunciato al centrale Valeriano Usai, è stato sconfitto dai marchigiani all’andata per 3-1 sul campo dell’Eurosuole Forum quando sulla panchina della Conad prendeva posto Vincenzo Nacci, il tecnico della promozione, rimasto fino a metà novembre. Poi l’avvicendamento al timone.   Tra le due squadre c’è un divario di 20 lunghezze in classifica, ma coach Gianni Rosichini non vuole correre rischi e predica la massima attenzione contro un team che non sarà assolutamente remissivo. I biancazzurri sono quinti con 25 punti all’attivo dopo le vittorie di spessore sul campo di Brescia e tra le mura amiche con S. Croce, mentre la Conad Lamezia, che il 30 gennaio sosterrà il posticipo del 2° turno di ritorno a Mondovì, è in coda alla classifica con solo 5 punti, frutto del successo corsaro al tie break contro Alessano sul campo del PalaTricase (6a giornata) e del 3-1 in casa inflitto alla BCC Leverano (7° turno).   GLI EX IN SERIE A2. Nella stagione 2004/05 l’opposto Antonello Di Fino ha militato a Potenza Picena nel Campionato di Serie B1.   Coach Gianni Rosichini: “In settimana abbiamo lavorato bene, ma non siamo al completo. Il centrale Garofolo si è allenato con cautela, mentre lo schiacciatore Gozzo si è rifermato su consiglio dello staff sanitario e potrebbe rimanere nelle Marche. Il concetto di andare a Cosenza con la giusta tensione agonistica è passato perché vedo gli atleti consapevoli di dover affrontare una gara delicata. Logico che le imprese con Brescia e Santa Croce abbiano portato euforia e sicurezze, ma tutti sanno di dover dare il massimo anche domenica per non uscire dal seminato. Gli avversari non hanno nulla da perdere e avranno un atteggiamento spregiudicato. Non è stato semplice decifrare il loro gioco in sala video perché nelle ultime settimane hanno compensato l’assenza del centrale cambiando ruolo al palleggiatore Negron attuando alcuni esperimenti. Domenica scorsa non sono scesi in campo e ora l’emergenza è rientrata”.   GLI AVVERSARI: Finora il primo anno in Serie A2 della Conad Lamezia ha dovuto fare i conti con un cammino tortuoso che ha relegato i calabresi all’ultimo posto della classifica provvisoria del Girone Bianco. Il tecnico Gianpietro Rigano è subentrato in corsa al predecessore Vincenzo Nacci. I presidenti Perri e Rettura hanno costruito una squadra giovane, dall’età anagrafica di 24 anni e mezzo di media, composta da atleti promettenti, ma anche da giocatori navigati. L’organico è stato rivoluzionato. Solo tre i giallorossi confermati: il libero Giuseppe Zito, il palleggiatore Manuel Alfieri e lo schiacciatore Manuel Bruno. Tanti gli innesti: i posti 2 Luca Bigarelli e Antonello Di Fino, capaci di garantire 

11/01/2019
Lube Civitanova, sabato alle 18 big match contro Perugia in trasferta

Lube Civitanova, sabato alle 18 big match contro Perugia in trasferta

Torna il big match tra Cucine Lube Civitanova e Sir Safety Conad Perugia: nell’anticipo televisivo di sabato (ore 18.00, diretta tv Rai Sport) al PalaBarton i cucinieri sfidano i campioni d’Italia nella quarta giornata di ritorno. Match molto importante soprattutto per la classifica, le due formazioni sono infatti divise da un solo punto in graduatoria (secondo posto per gli umbri, terzo per i biancorossi) e vincere la gara significherebbe restare in scia alla capolista Trento oltre che evitare un possibile sorpasso da parte di Modena, che segue a brevissima distanza al quarto posto in classifica. Da una parte gli uomini di De Giorgi vogliono confermare i progressi fatti vedere nelle sette vittorie consecutive conquistate, mentre dall’altro lato i ragazzi di Bernardi puntano a riscattare la sconfitta rimediata sabato scorso nello scontro diretto a Trento. Oggi l’ultimo allenamento all’Eurosuole Forum per Stankovic e compagni, poi la partenza per Perugia. Alla scoperta dell'avversario Sir Safety Conad Perugia Punti di riferimento in attacco per il tecnico Lorenzo Bernardi lo schiacciatore cubano naturalizzato polacco Wilfredo Leon e l’opposto serbo Atanasijevic. Completano la formazione il regista argentino De Cecco, l’altro martello Lanza, il centrale ex Lube Podrascanin insieme al compagno di reparto Galassi (in ballottaggio con Ricci). Max Colaci è il libero. Parla Dragan Stankovic (centrale Cucine Lube Civitanova) “Torniamo a giocare in un palasport che conosciamo molto bene, teatro di tante battaglie e già assaggiato in questa stagione nella Finale terzo posto di Supercoppa italiana. Stavolta, però, si gioca per il campionato e sarà una sfida fondamentale per la classifica, tra le due squadre al secondo e terzo posto, divise soltanto da un punto. Vogliamo riscattare il ko casalingo nel match di andata e provare il sorpasso in graduatoria, servirà una grande Lube per ottenere questo traguardo, in trasferta e contro una formazione che vorrà rifarsi dopo la sconfitta di Trento. Da parte nostra vogliamo confermare la nostra crescita e proseguire la serie di vittorie, domani sarà il primo appuntamento di un difficile trittico di sfide lontano da casa e conquistare un buon risultato a Perugia sarebbe un ottimo inizio”. Parla Fabio Ricci (centrale Sir Safety Conad Perugia) “Domani c’è quella che, per definizione, è una “partita importante”. Lo è per tanti motivi. Per riprendere a vincere ed a far punti, per tenere dietro in classifica la Lube che ci tallona ad un punto e nello stesso tempo per non perdere terreno da Trento capolista. E poi è importante per noi per riprendere a giocare bene, a macinare la nostra pallavolo, ad intraprendere nuovamente il ruolino di marcia che avevamo prima. Sarà una partita dura ovviamente perché la Lube è forte ed ha in più Kovar che può dar loro una grande mano in posto quattro. Ma siamo davanti alla nostra gente e vogliamo tutti tornare alla vittoria”. Gli arbitri di Sir Safety Conad Perugia - Cucine Lube Civitanova La quarta giornata di ritorno sarà diretta da Daniele Rapisarda di Udine e Alessandro Tanasi di Siracusa. Match numero 35 della storia contro la Sir Continua a salire il numero di sfide tra Lube e Perugia, sarà la numero 35: bilancio in perfetta parità in 17 vittorie per parte. E’ la terza gara stagionale, dopo la Finale terzo posto di Supercoppa (vinta 3-1 dai biancorossi in Umbria) e la gara di andata di SuperLega (vittoria umbra 3-0 a Civitanova). Gli ex di turno Marko Podrascanin a Civitanova dal 2008 al 2016, Fabio Ricci a Civitanova nel 2012-2013 (settore giovanile). Giocatori a caccia di record In Regular Season: Luciano De Cecco – 1 muro vincente ai 200, Marko Podrascanin – 5 muri vincenti ai 600 (Sir Safety Conad Perugia); Dragan Stankovic – 5 battute vincenti alle 100 (Cucine Lube Civitanova). In Carriera: Dore Della Lunga – 7 attacchi vincenti ai 1000, Nicholas Hoag – 6 attacchi vincenti ai 500 (Sir Safety Conad Perugia); Enrico Cester – 12 punti ai 1900, Jiri Kovar – 4 punti ai 1600 (Cucine Lube Civitanova).

11/01/2019

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433