Fiastra

Fiastra, i vicini non la vedono e lanciano l'allarme: donna di 91 anni trovata senza vita

Fiastra, i vicini non la vedono e lanciano l'allarme: donna di 91 anni trovata senza vita

I Vigili del Fuoco di Camerino sono intervenuti questa mattina a Fiastra, in via degli Orti, per forzare l'apertura della porta di un'abitazione nella quale risiedeva da sola una donna di 91 anni. Al momento dell'ingresso nel domicilio i soccorritori hanno ritrovato l'anziana senza vita sul proprio letto.  L'allarme era stato lanciato dai vicini di casa della signora, preoccupati dal fatto che da un paio di giorni che non si facesse vedere. Sul posto sono intervenuti anche i sanitari del 118 e i carabinieri. 

08/05/2019
Fiastra, morso al petto da un cane: pronto intervento del Soccorso Alpino

Fiastra, morso al petto da un cane: pronto intervento del Soccorso Alpino

Due interventi ieri, 1 maggio, hanno coinvolto il Soccorso Alpino della stazione di Macerata. Il primo è avvenuto intorno alle 14:30 a un uomo di 46 anni di Servigliano, morso da un cane al petto durante l'escursione alle Lame Rosse. Il 46enne, recuperato lungo il sentiero e trasportato fino all'ambulanza nei pressi della diga, è stato medicato e portato all'Ospedale di Camerino. La squadra è stata poi subito allertata per un secondo intervento alle ore 14:50, lungo le rive del Lago di Fiastra dove un giovane di 29 anni, durante una corsa, è scivolato e, nella caduta, ha riportato una sublussazione della spalla. Il giovane, raggiunto dalla squadra, è stato recuperato e accompagnato fino all'ambulanza.

02/05/2019
Cadono in un dirupo sulle Lame Rosse: recuperati da Icaro e trasportati all'Ospedale di Camerino

Cadono in un dirupo sulle Lame Rosse: recuperati da Icaro e trasportati all'Ospedale di Camerino

Fortunatamente lo spiacevole episodio si è concluso con tanta paura ma nessuna grave conseguenza per i due malcapitati. La coppia stava passeggiando alle Lame Rosse, la stratificazione rocciosa dei Monti Sibillini che si trova nei pressi del Lago di Fiastra. Per cause ancora da chiarire, i due sono scivolati in un dirupo dal quale non riuscivano a risalire in modo autonomo.  Immediati sono scattati i soccorsi e i sanitari del 118 hanno deciso di allertare Icaro per recuperare le due persone. L'eliambulanza è subito riuscita nell'impresa ed entrambe le persone sono state poi trasportate presso il punto di primo soccorso delle ambulanze per poi essere trasferite all'Ospedale di Camerino per accertamenti. Le loro condizioni non sono gravi.    

25/04/2019
Festival IT.A.CA': amichevole tra Save The Youths Montepacini e Asd Aquila di Fiastra

Festival IT.A.CA': amichevole tra Save The Youths Montepacini e Asd Aquila di Fiastra

Nell'ambito della prima edizione del festival IT.A.CÀ Parco Nazionale dei Monti Sibillini - in programma dal 25 al 28 aprile tra Ussita e Fiastra - la squadra di calcio di Terza Categoria della Save TheYouths Montepacini (costituita da rifugiati, richiedenti asilo, volontari e amici della Fattoria Sociale Montepacini di Fermo) affronterà in amichevole l'Asd Aquila di Fiastra. L'incontro, che si terrà domenica 28 a partire dalle ore 18 al campo sportivo del Comune montano, viene presentato dagli organizzatori della manifestazione come “un altro modo di pensare, vivere e praticare lo sport nei nostri territori all’insegna dell'integrazione e dell'accoglienza”. IT.A.CÀ, infatti, nasce “come riscoperta di memorie e tradizioni perdute per strada, comunità inclusive che si prendono cura l’una dell’altra, messa in discussione dei modelli di sviluppo ostili e calati dall’alto, identità interrotte da recuperare, territorio come bene ma anche come responsabilità comune, centralità e tutela del patrimonio naturalistico, rivendicazione di servizi negati o perduti”. “Siamo onorati per l'invito da parte degli organizzatori di IT.A.CÀ e per la grande disponibilità dell'Asd Aquila di Fiastra - afferma Muhamed Lamin Marr, presidente della Save TheYouths Montepacini -. Poter visitare le zone terremotate e conoscere le comunità così duramente colpite era un nostro obiettivo sin dall'inizio di questa esperienza che, tengo a sottolinearlo a nome di tutta la società, non nasce come semplice squadra di calcio ma come un vero e proprio progetto volto alla conoscenza reciproca e alla condivisione di un percorso umano. Per questo poter giocare in quei luoghi, poter ascoltare storie e vivere momenti di riflessione è un privilegio che porteremo sempre con noi”. Quando siamo stati informati dagli organizzatori di IT.A.CA. della possibilità di giocare questa partita amichevole con la squadra Save The Youths Montepacini - commenta Simone Polverini, presidente della compagine maceratese - siamo stati subito entusiasti e abbiamo accettato l'invito. I fini dell'evento, d'altronde, sono gli stessi di quelli che ci eravamo prefissati nel momento in cui abbiamo creato la nostra squadra cioè l'aggregazione, l'integrazione e l'amicizia. Speriamo che questo evento possa aiutare a far capire l'importanza di questi valori a tutti. Nel nostro caso, per esempio, l'importanza di questi valori è venuta fuori soprattutto nel periodo del terremoto in cui, nonostante la maggior parte dei componenti della squadra fosse costretta a vivere lontana da Fiastra, siamo riusciti a rimanere uniti e ritrovarci alle partite, che sono servite anche a liberare un po' la testa da tutti i problemi che c'erano”. Al termine della partita ci sarà un terzo tempo offerto dall’associazione RicostruiAmo Fiastra per salutare il festival e darsi appuntamento al 2020.

24/04/2019
Il tg di Mediaset a Fiastra per gli auguri di nonna Peppina (FOTO)

Il tg di Mediaset a Fiastra per gli auguri di nonna Peppina (FOTO)

È un'altra Pasquetta difficile nelle zone del centro Italia colpite dal sisma ed in particolare a Fiastra, che ha ancora il volto sfigurato dai segni del terremoto di quasi tre anni fa. Le telecamere di Mediaset sono tornate da nonna Peppina, nella sua casetta divenuta simbolo della lotta e della voglia di non mollare la propria terra e di andare avanti con tenacia e determinazione nonostante la burocrazia. È proprio Giuseppa Fattori, quasi centenaria, con la sua voce flebile, ad aprire il servizio con gli auguri di buona Pasquetta a tutti e può farlo per la prima volta dalla sua casetta di 63 metri quadrati, da otto mesi libera dai sigilli, nella quale può vivere finalmente in serenità tra i suoi affetti e un ospite particolare che passa spesso a trovarla, il gatto Oreste. Il messaggio di Peppina a quanti si trovano a vivere da sfollati per colpa del terremoto è quello di avere pazienza, nella speranza che presto possa iniziare la ricostruzione e che tutti possano finalmente riavere le proprie abitazioni riparate.

22/04/2019
Scossa di terremoto di magnitudo 3.1 nel Fermano

Scossa di terremoto di magnitudo 3.1 nel Fermano

Prosegue piuttosto intensamente l'attività sismica nella nostra regione. Questa mattina l'INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ha registrato alle ore 6:25 una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 con epicentro a Santa Vittoria in Matenano, nel fermano, ad una profondità di 23 chilometri.  Poco prima, alle 6:05, vi è stata una scossa di magnitudo 2.7 che ha avuto epicentro il territorio di Fiastra.

20/04/2019
Tutti i riti del Triduo pasquale all'Abbadia di Fiastra presieduti dal Vescovo Marconi

Tutti i riti del Triduo pasquale all'Abbadia di Fiastra presieduti dal Vescovo Marconi

Tutti i riti del Triduo pasquale, a iniziare dalla Messa crismale del Giovedì santo, saranno presieduti dal vescovo Nazzareno Marconi nella chiesa abbaziale di Fiastra. In aggiunta alle celebrazioni dell'Abbadia di Fiastra, monsignor Marconi celebrerà, il Giovedì santo, una Messa con lavanda dei piedi nella casa di riposo di Villa Cozza a Macerata alle ore 16:30 e il Venerdì santo guiderà la Processione del Cristo Morto a Macerata, alle ore 21:00.   Nella mattinata del Giovedì Santo 18 aprile andrà online la versione rinnovata del sito diocesano. La completa riorganizzazione della Home Page consentirà una navigazione più agevole tra le informazioni proposte.   Di seguito, gli orari nel dettaglio delle Celebrazioni all'Abbadia di Fiastra:   Giovedì Santo 18 aprile Ore 10.00 Messa crismale (con la consacrazione degli oli santi). Durante la celebrazione saranno conferiti i ministeri del lettorato e dell'accolitato ai candidati al diaconato permanente Ore 18.30 Messa in Coena Domini   Venerdì Santo 19 aprile Ore 18.30 Adorazione della Santa Croce   Sabato Santo 20 aprile Ore 21.30 Solenne Veglia pasquale   Domenica della Risurrezione 21 aprile Ore 10.00 Solenne Messa della Risurrezione

17/04/2019
A Fiasta e Ussita scatta la prima edizione di "IT.A.CÀ": il Festival del turismo responsabile

A Fiasta e Ussita scatta la prima edizione di "IT.A.CÀ": il Festival del turismo responsabile

  La prima edizione di IT.A.CÀ Parco Nazionale dei Monti Sibillini è nata dall’incontro tra C.A.S.A. Cosa Accade Se Abitiamo (Ussita) e Alcina -Centro di Educazione Ambientale (Fiastra), organizzatori del festival, con il patrocinio del Comune di Ussita, del Comune di Fiastra e del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Tutto questo è stato possibile grazie al confronto, al supporto e all’impegno di tantissime persone, territori e realtà che credono e vogliono impegnarsi per un’idea di turismo più etico e rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive, coniugando la sostenibilità del turismo con il benessere dei cittadini.   Da giovedì 25 aprile a domenica 28 aprile: quattro giorni di incontri, passeggiate, film, documentari, installazioni, lezioni di yoga, letture, mostre e riflessioni su turismo sostenibile, esperienze di comunità, restanza e resistenza, recupero della memoria storica, responsabilità e beni comuni, ricettività diffusa, terremoto, spopolamento, cammini, cucina, comunanze agrarie, progettazione partecipata,tradizione e futuro, accoglienza e integrazione, economie possibili, alternative di sviluppo e cooperazione.   La Restanza - termine nato dall’antropologo Vito Teti e tema nazionale del festival IT.A.CÀ 2019 – è per noi una riflessione collettiva e aperta su come abitare le terre colpite dal sisma, contro l’abbandono e lo spopolamento delle aree interne dell’Appennino Centrale. Riscoperta di memorie e tradizioni perdute per strada, comunità inclusive che si prendono cura l’una dell’altra, messa in discussione dei modelli di sviluppo ostili e calati dall’alto, identità interrotte da recuperare, territorio come bene ma anche come responsabilità comune, centralità e tutela del patrimonio naturalistico, rivendicazione di servizi negati o perduti.   Diritto a partire, restare, tornare, arrivare. Dovere di accogliere e non abbandonare.   L'obiettivo a lungo termine è quello di unire sempre di più i territori sensibili ai valori del turismo sostenibile per trasformare IT.A.CÁ Parco Nazionale Monti Sibillini in un momento di confronto esteso e trasversale, uno spazio di cooperazione e ritrovo tra paesi fragili ma non per questo marginali. Dopo il festival si terrà un incontro tecnico e di messa in rete per l'edizione 2020. Clicca qui per consultare il programma completo  Clicca qui per visualizzare l'evento su Facebook 

15/04/2019
A buon punto i lavori sulla Pian di Pieca- Monastero- Fiastra

A buon punto i lavori sulla Pian di Pieca- Monastero- Fiastra

Tra i diversi lavori posti in essere dalla Provincia in sintonia con l'Anas per il ripristino delle tante strade dissestate dal terremoto, si segnalano quelli relativi alla messa in sicurezza della Pian di Pieca - Monastero – Fiastra iniziati dalla ditta appaltatrice l'ottobre scorso ed ormai prossimi alla loro ultimazione.   “I Lavori in questione – ci dice Pettinari -  rivestono particolare importanza per una moltiplicità di ragioni; si tratta di sistemare un'arteria stradale rilevante per tutta l'economia del comprensorio. L'ATI – prosegue il Presidente -  costituita dalle ditte MS Costruzioni e FEMA, dall'ottobre scorso, mese in cui è stato aperto il cantiere, ha lavorato senza sosta nonostante la particolarità degli interventi da eseguire che, in alcune circostanze, hanno richiesto anche l'utilizzo degli elicotteri.”  L'intervento sulla Pian di Pieca – Monastero - Fiastra che è stato appaltato per 4.337.000,00 euro, nella sua complessità, ha comportato la posa in opera di barriere paramassi, la messa in sicurezza di una galleria e la sistemazione di un un tratto mediante l'istallazione di micropali. “Si sta cercando – riferisce ancora Pettinari – di restituire quanto prima al territorio la totale fruibilità di una strada essenziale non solo per il collegamento tra i paesi della zona ma anche per il turismo.” La strada, infatti,  scorre all'interno di un territorio che racchiude in se un patrimonio di bellezze non solamente di carattere paesaggistico ma anche d'interesse storico. “È quindi necessario per il sistema produttivo della zona – ha ribadito il Presidente – riattivare completamente quanto prima la viabilità su una strada in molti tratti delimitata da rocce particolarmente friabili che con il terremoto si sono sgretolate con tutti i danni che ne sono conseguiti. Questi lavori come molti altri – fa notare Pettinari – sono stati progettati e diretti dall'ANAS quale Soggetto Attuatore ed eseguti in sinergia con la Provincia proprio per sveltire tutte le attività di recupero da porre in essere.”  

27/02/2019
La Provincia rende omaggio a Dario Conti dedicandogli il ponte sul lago di Fiastra

La Provincia rende omaggio a Dario Conti dedicandogli il ponte sul lago di Fiastra

La Provincia di Macerata, con decreto del Presidente, ha deciso di intitolare il ristrutturato ponte sul lago di Fiastra a Dario Conti nato in quelle zone. Le motivazioni di questo riconoscimento che hanno visto concorde anche il Sindaco del Comune di Fiastra, sono tutte legate all’impegno politico che lo scomparso Dario Conti ha messo nel proteggere tutto quell’immenso patrimonio ambientale, culturale e storico racchiuso nel territorio montano.  Stimato Sindaco nel Comune di Camerino e Assessore Provinciale si è infatti sempre distinto per la dedizione con la quale ha cercato di tutelare quelle zone che, per mancanza di opportunità economiche, si vanno ancora oggi via via spopolando.    “La ristrutturazione del ponte – ci riferisce Antonio Pettinari –  rappresenta indubbiamente un’opera importante non solo per il Comune di Fiastra ma per tutta quell’area montana che gli gravita attorno; avevamo iniziato i lavori prima del sisma ma il patto di stabilità, come per altre opere, ci ha impedito di concluderli secondo crono programma. A volte, non tutti i mali vengono per nuocere. Nel periodo in cui il cantiere era forzatamente chiuso per il doveroso rispetto delle “Regole” imposte dal Governo Centrale, la struttura portante del viadotto ha infatti subito ulteriori danni dalle ripetute scosse sismiche che si sono succedute in quel periodo. Siamo stati quindi costretti a rimodulare il progetto proprio perché si è evidenziata la necessità di interventi che garantissero la messa in sicurezza di tutto il viadotto. Dunque – prosegue Pettinari - un percorso con diversi ostacoli che però, una volta superati, non potevano che renderci soddisfatti per aver portato a compimento un’altra operazione a vantaggio non solo dei residenti ma anche di quanti, per turismo, amano la montagna. Sono contento di poter intitolare quest’opera alla memoria di Dario Conti che ho avuto il piacere di conoscere personalmente e di apprezzarne la serietà e l’equilibrio con cui ha saputo svolgere il suo ruolo di Amministratore guardando sempre con particolare attenzione i problemi legati alla montagna.”

16/02/2019
Chiusa la provinciale "58 Lago di Fiastra" a causa di una frana

Chiusa la provinciale "58 Lago di Fiastra" a causa di una frana

Interrotta la circolazione sulla provinciale Lago di Fiastra. Un movimento franoso sul quale si sta già lavorando ha costretto la Provincia di Macerata a chiudere la strada seppure per pochi giorni. La provinciale 58 "Lago di Fiastra" è stata temporaneamente chiusa al traffico per uno smottamento che si è verificato nella giornata di ieri al km. 11.500. La strada è quella che conduce a Fiegni; non ci sono case isolate. Nella zona esistono infatti percorsi alternativi. Già oggi sono iniziati i lavori di ripristino e sistemazione con la rimozione dei materiali che hanno di fatto sbarrato la strada; proseguiranno con la messa in sicurezza della scarpata e con la risistemazione della rete paramassi divelta dal movimento franoso. La Strada verrà riaperta non appena ultimati i lavori che dovrebbero protrarsi per pochi giorni.  

07/01/2019
Il Capodanno di Nonna Peppina: "Buon anno a tutti, anche a quelli che sono stati cattivi con me"

Il Capodanno di Nonna Peppina: "Buon anno a tutti, anche a quelli che sono stati cattivi con me"

Novantasei anni compiuti da poco e una tempra fuori dal comune che le ha permesso di resistere a tutte le avversità che l'hanno vista protagonista negli ultimi tempi, a cominciare dal terremoto che ha distrutto la sua casa di Fiastra, fino ai problemi burocratici che l'hanno tenuta lontano dalla sua agognata casetta di legno, passando per una brutta caduta, lo scorso luglio, che ha reso necessario il ricovero in ospedale e la situazione si era aggravata a tal punto che le è stata impartita perfino l'estrema unzione. Il rientro nella casetta, a settembre, è stato un vero toccasana per Peppina, e le ha restituito una serenità di cui non godeva da da tempo. 63 metri quadrati che rappresentano tutto il suo mondo, fatto di piccole cose. "Quì è tutto a portata di mano, sto bene" dice la nonnina all'inviato, ricordando che sono più di settant'anni che vive li. Il servizio del Tg5 termina con gli immancabili auguri per il nuovo anno, da parte di nonna Peppina: "Ringrazio tutta la gente che mi è stata vicino, che mi ha sostenuto, anche quelli contrari, che sono stati un po' cattivi, però gli auguro un buon anno lo stesso".

01/01/2019
Provinciale Pian di Pieca-Fiastra, stop al transito per trasporto di materiali in quota

Provinciale Pian di Pieca-Fiastra, stop al transito per trasporto di materiali in quota

La Provincia di Macerata, con ordinanza n. 183 del 30 novembre scorso, ha disposto la chiusura della strada provinciale 91 Pian di Pieca - Monastero - Fiastra per giovedì 6 dicembre dalle 9 alle 16.30.  L'interruzione del transito si rende necessaria per ragioni di sicurezza in quanto la ditta M.S. costruzioni srl di Roma, appaltatrice dei lavori del Sisma 2016 per la messa in sicurezza della strada in questione, ha la necessità di effettuare un trasporto di materiali ed attrezzature in quota con elicottero. Il tratto interessato dalla chiusura, che non presenta nella zona percorsi alternativi, va dal km 7+600 (circa 500 mt dopo l'inrocio per Monastero) al km 9+600 (circa 500 mt dopo la galleria). Gli utenti della Pian di Pieca - Fiastra, per evitarsi disagi, dovranno attenersi scrupolosamente alla segnaletica che sarà presente all'inizio ed alla fine del tratto inibito temporaneamente al traffico.

04/12/2018
Nonna Peppina - Aspettando l'inverno

Nonna Peppina - Aspettando l'inverno

Stiamo entrando nel vivo della stagione invernale e buona parte della popolazione maceratese si domanda – dopo le peripezie burocratiche e legali dello scorso anno – quali siano le condizioni della nonna più famosa d’Italia, Giuseppina Fattori, 96 anni. La decana di Fiastra, dopo gli eventi sismici del 2016 che avevano scosso il Centro Italia, non ne ha voluto sapere di mollare la sua amata Morreggini – frazione di San Martino a Fiastra. Di qui la scelta di far costruire una piccola abitazione in legno: soggiorno e sala pranzo, due camere, una cameretta, un bagno, non più di 63 metri quadri. Il primo intoppo burocratico, legato ai vincoli paesaggistici, porta al sequestro della piccola residenza da parte della magistratura, rispendendo per quasi sette mesi l’anziana signora nei pressi di Castelfidardo. Lo sfratto balza agli onori della cronaca nazionale ma bisogna attendere solo il 4 agosto di questa estate per avere l’ok della procura, al fine di procedere al dissequestro dell’abitazione. Solo agli inizi di questo settembre, dopo un’odissea burocratica legata al decreto Salva – Peppina, ha potuto fare rientro, di buona lena, nella casetta di legno. E pensare che per non abbandonare la sua terra amata, lo scorso inverno aveva trascorso alcune giornate in una vecchia roulotte risalente al sisma del '97, glaciale d’inverno e rovente d’estate. Proprio in questa piccola sistemazione di fortuna si ammalò, ma riprendendosi miracolosamente, mostrando una forza titanica, d’altri tempi. Questo inverno invece - che si prevede quantomai aspro e pungente - potrà trascorrerlo nella terra dove è cresciuta, il suo paradiso, grazie agli sforzi sovrumani delle figlie Agata e Gabriella Turchetti per superare le controversie dei tecnicismi legali. Abbiamo parlato con la figlia Gabriella Turchetti che ci ha raccontato, con estrema grazia e garbo, qual è l'attuale situazione di Giuseppina Fattori : "Mamma si trova qui a San Martino di Fiastra con un'amica di famiglia, mi trovo anche io qua con lei, sta benino e ha ripreso la vita di tutti i giorni, nonostante le fragilità accumulate dopo questi due anni" - ci spiega Gabriella. "Il lunedì venturo compierà 96 anni e nel frattempo noi stiamo concludendo i traslochi della nostra abitazione, danneggiata in maniera irrevocabile dal sisma". Dal racconto emergono anche le difficoltà evidenti legate al doppio peso con cui si è caratterizzata la loro storia. Da una parte l'impatto imprevedibile del terremoto, dall'altra la fatica legale che dura da più di un anno. Non mancano però dalle sue parole cortesi e cordiali un messaggio audace di speranza : "Anche se è brutto vedere le proprie terre, il proprio paese ancora in stallo, il desiderio è che progressivamente possa ripartire tutto".   

20/11/2018
Ultimo giorno della festa nazionale Copagri ad Abbadia di Fiastra

Ultimo giorno della festa nazionale Copagri ad Abbadia di Fiastra

Ultimo giorno per “Agricoltura in festa”, festa nazionale di Copagri, avviata lo scorso venerdì al Castello della Rancia. Oggi è in allestimento, con oltre 50 espositori compresi quelli di birra agricola, l'undicesima edizione della mostra mercato di prodotti agricoli ed artigianali del centro Italia, all'Abbadia di Fiastra di Tolentino ed Urbisaglia. Nell'area è allestita anche un'esposizione  di trattori d'epoca. È aperta l'area bimbi, con animazione e gonfiabili, che rimarrà anche nel pomeriggio. E' in programma un seminario, alle 15.30, su “Educare il consumatore: cosa ci dice l'etichetta?” con relatore Piero Sciamanna. E' previsto anche un momento di spettacolo, alle 17, con il concerto della “Riccardo Foresi & that's amore swing orchestra”. Vengono così proposte una serie di interessanti iniziative, quali approfondimenti, laboratori del gusto e artigianali, concerti musicali, degustazioni enogastronomiche, mostra mercato che, tra l'altro, è stata inaugurata nel primo pomeriggio di ieri. Dopo il taglio del nastro il presidente nazionale di Copagri, Franco Verrascina, di Marche Giovanni Bernardini e di Macerata Andrea Passacantando hanno visitato due aziende agricole, una di Colmurano e l'altra di San Ginesio, che hanno subito danni con il sisma. "Un modo questo – ha detto il presidente Verrascina - per essere vicini al territorio colpito dal terremoto. Bisogna dare un segno di speranza e partire dal territorio che ha bisogno di rinascita ed evitare che i produttori riprendano a piangere". Parole e concetti che Verrascina ha ripetuto anche nel corso del convegno, su “Agricoltura e turismo enogastronomico per la rinascita del territorio” ricordando le lacrime degli allevatori durante l'inaugurazione della stalla a Visso di Maurizio Sabbatini, realizzata con il contributo di Copagri, Regione Marche ed alpini. L'incontro, molto partecipato, si è tenuto ieri mattina al Castello della Rancia e si è aperto con un concerto di pianoforte a quattro mani del duo Romanelli Allevi, che ha riscosso grande successo. Erano presenti il sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, gli onorevoli Tullio Patassini e Mirella Emiliozzi. Tra i relatori del convegno la vicepresidente della giunta della Regione Marche. Anna Casini. "Stanno uscendo – ha spiegato - dei bandi Ue mirati allo sviluppo. Le risorse quindi ci sono, ma dobbiamo lavorare con l'Unione Europea per averne ancora di più". Sulle ricadute turistiche dell'enogastronomia si è soffermato Alessio Cavicchi, docente dell’Unimc. "L'università propone un luogo in cui creare un centro di turismo educativo nelle aree interne; ciò vuol dire mettere in rete ciò che abbiamo". Il turismo enogastronomico è la ricetta per rilanciare le zone colpite dal sisma e su questo connubio ha puntato la festa nazionale di Copagri. La manifestazione è così una vetrina per le eccellenze enogastronomiche del Made in Italy, ma soprattutto un evento per rilanciare le arre colpite dal sisma. Non è causale la scelta di Tolentino come location per l'attuale edizione di “Agricoltura in festa”. "Noi crediamo – ha confermato Bernardini - che con i prodotti agricoli e le aree gestite dagli agricoltori possiamo dare una grande risposta a questo territorio per la rinascita e l'attrazione turistica". Per Andrea Passacantando, presidente di Copagri Macerata, "l’agricoltura è sempre più volano per lo sviluppo del territorio. “Agricoltura in festa” è una vetrina importante per le nostre aziende agricole volenterose di mettersi in mostra. Un grazie anche a tutte le istituzioni che ci hanno aiutato per la realizzazione dell’evento". Agricoltura in festa si è aperta con il convegno “Agricoltura 4.0 – Blockchain ed analisi isotopica – La nuova frontiera per la tracciabilità dei prodotti made in Italy” al quale hanno preso parte tantissime persone. Tra i relatori Sabrina Poggi, Ceo circuito di credito commerciale regionale Marchex; Roberto Gunnella, della Scuola di scienze e tecnologia dell'Università di Camerino; Fabio Fabiani, Ceo di Eggchain.

07/10/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433