Fiastra

A Fiastra il corso per diventare Guida E-Bike (FOTO)

A Fiastra il corso per diventare Guida E-Bike (FOTO)

Movimento, passione, salute, emozioni: questi i messaggi al centro del corso di Guida E-Bike di II livello organizzato dalla SIEB - Scuola Italiana E-Bike nei giorni 5 e 6 ottobre presso l'Agriturismo Fonte Rosa a Fiastra. Venti gli iscritti - già in possesso del titolo di "Accompagnatore E-Bike" - provenienti da tutta Italia che, nella splendida cornice dei Monti Sibillini, stanno partecipando alla due giorni di full immersion nel mondo delle biciclette a pedalata assistita. Il programma del corso prevede sessioni teoriche e pratiche, con nozioni di cartografia, topografia, orientamento e conoscenza di GPS, oltre che sull'utilizzo delle e-bike su percorsi off road. A inaugurare la manifestazione è intervenuto questa mattina il sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia, già promotore del cicloturismo come settore strategico per il rilancio del turismo nell'entroterra marchigiana. Accompagnato dal vicesindaco Castelletti, ha così dato il benvenuto ai partecipanti: "Mi fa molto piacere che questa bella iniziativa si svolga nel territorio di Fiastra. Il nostro comune si sta impegnando su vari fronti per accrescere il turismo nella nostra località e quello delle biciclette è un settore in visibile crescita. Stiamo recependo prontamente le direttive della Regione Marche, per esempio siamo già attivi per la riapertura di sentieri e percorsi al momento in disuso ma fondamentali per esplorare la natura e conoscere la nostra bellissima montagna".   Sulla stessa onda il titolare dell'Agriturismo Lorenzo Autorino, imprenditore agricolo di nuova generazione che ha deciso di puntare sul turismo escursionistico per incrementare e destagionalizzare la ricettività: "Per noi operatori sul territorio è fondamentale captare i trend della domanda turistica e aggiornare sempre la nostra offerta. Già da tempo avevo individuato il cicloturismo come settore su cui puntare e per questo, l'anno scorso, ho seguito il corso di Accompagnatore E-Bike e ho dotato la mia struttura di biciclette elettriche a noleggio. Sono soddisfatto della mia intuizione: i clienti - più o meno esperti - sono entusiasti di riscoprire il piacere di una pedalata senza sforzi eccessivi raggiungendo mete altrimenti inaccessibili. Sono onorato di ospitare oggi a Fonte Rosa questo corso per Guida di II livello e mi fa piacere che il Comune di Fiastra stia accogliendo così prontamente la spinta delle politiche regionali: le nostre zone, per la conformazione del paesaggio e la sua ricchezza naturalistica e di sentieri, sono davvero il paradiso per chi ama le due ruote". Proprio con lo scopo di promuovere l’utilizzo dell’e-bike nasce la SIEB, operante sotto l’egida dell'ACSI, Ente di Promozione Sportiva leader del settore ciclismo nazionale. La bicicletta a pedalata assistita permette di approcciarsi all’esperienza della pratica ciclistica in modo semplice, rendendola accessibile a chiunque e permettendo a tutti di giovarsi dei suoi numerosi benefici. La formazione di figure qualificate è fondamentale per guidare in sicurezza chi voglia utilizzare al meglio il mezzo a pedalata assistita, permettendo a tutti di cimentarsi su strade e percorsi anche avventurosi in totale sicurezza. Le E-Bike saranno ancora a disposizione dei provetti ciclisti presso l'Agriturismo Fonte Rosa per tutto il periodo invernale, in attesa della pubblicazione del nuovo calendario di uscite organizzate nella prossima primavera.

05/10/2019
Investimento a Fiastra, una persona finisce in ospedale

Investimento a Fiastra, una persona finisce in ospedale

Erano circa le 18:00 quando nei pressi del Lago di Fiastra, lungo la strada che collega il bacino artificiale alla zona di montagna, un'auto ha investito un passante; ancora da chiarire la dinamica esatta del sinistro. In seguito all'urto, la persona che procedeva a piedi, è finita sotto a una scarpata, riportando dei traumi e alcune escoriazioni. Immediato è scattato l'allarme e i sanitari del 118, giunti sul posto, hanno raggiunto il pedone, nonostante la zona impervia, e gli hanno prestato le prime cure del caso. Dopo aver stabilizzato il paziente lo hanno trasferito all'ospedale di Camerino. Sul posto anche i carabinieri. 

29/09/2019
Fiastra, taglio del nastro per la "Casa della Comunità" : "Un punto di incontro per i cittadini"

Fiastra, taglio del nastro per la "Casa della Comunità" : "Un punto di incontro per i cittadini"

È stata inaugurata ieri, venerdì 27 settembre, la casa in legno, che le Acli Nazionali e le Acli provinciali di Macerata hanno realizzato per la comunità di Fiastra. Il pomeriggio è iniziato alle 15:30 presso l’auditorium San Paolo di Fiastra con la tavola rotonda “Ricostruiamo: Quali comunità? Attese e speranze delle popolazioni, una sfida a tre anni dal sisma”  Lanfranco Norcini Pala, Direttore di farebene.info, è stato il moderatore dell’evento dando inizialmente la parola alle autorità intervenute.  Il primo saluto è stato del Sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia che ha fatto gli onori di casa dichiarando di essere emozionato per l’inaugurazione del pomeriggio ed ha ringraziato le Acli di Macerata e le Acli Nazionali per aver donato alla comunità di Fiastra un luogo dove poter ripartire tornando a fare vita di comunità. Ha poi presentato a tutti i presenti presenti la squadra di psicologi che hanno assistito i suoi concittadini nell’immediato post terremoto.  La parola è poi passata a Claudio Castelletti, Vicepresidente Comunità montana Marca di Camerino ed ex-sindaco di Fiastra, che ha messo in evidenza la solidarietà della gente nei confronti degli abitanti di Fiastra fin di primi minuti del terremoto partendo dai soccorritori, a semplici volontari venuti dai paesi vicini per aiutare a sgombrare dalle macerie.  Il presidente regionale delle Acli delle Marche Maurizio Tomassini ha sottolineato come si senta orgoglioso dell’intervento del nazionale e del provinciale perché la bellezza del territorio merita un recupero partendo dalle professionalità presenti.  Al termine dei saluti è toccato a Roberta Scoppa, Presidente provinciale Acli di Macerata, introdurre i lavori della tavola rotonda. Ha spiegato come la struttura che le Acli hanno voluto donare a Fiastra vuole essere un luogo per far incontrare le persone perché in questo momento servono le case ma soprattutto, serve ricostruire le comunità. “Bisogna non perdere le tradizioni e la cultura, ed oggi con questa tavola rotonda vogliamo parlare di quali comunità costruire in questi territori colpiti dal terremoto. Abbiamo incontrato l’esigenza del comune di Fiastra perché l’insegnate Silvia Pantaloni si è rivolta ai nostri servizi mentre con la sede nazionale programmavamo la costruzione di una struttura grazie ai fondi del 5 per mille delle acli. La casa che doniamo vuole essere un riferimento per la comunità di Fiastra; un centro di comunità, una piazza di cittadinanza attiva dove tutti possono ritrovarsi e stare insieme".  Ha poi concluso la sua introduzione sottolineando che la bellezza di fare qualcosa qui ed inaugurarla con una tavola rotonda è stata una cosa fortemente voluta perché i territori terremotati del maceratese sono quelli meno alla ribalta ma i problemi ci sono e sono tanti.  L’assessore della Regione Marche Angelo Sciapichetti ha esordito dicendo che bisogna ricostruire la speranza da quello che abbiamo già.  Purtroppo nelle Marche circa 45.000 edifici civili sono da ricostruire e se non si ricreano le condizioni per ricostruire rapidamente, i territori sono destinati a vuotarsi.  Anche lui ha messo in evidenza che sarà fondamentale ricreare condizioni occupazionali e creazione di lavoro, incentivare l’imprenditoria soprattutto per chi viene a portare lavoro in questi luoghi. “Dobbiamo lavorare insieme e ricostruire la coesione sociale”.  Stefano Tassinari, Vice presidente nazionale Acli, ha ringraziato  perchè questi territori dimostrano coraggio, resistenza e rabbia. Ciò che ritiene fondamentale è la rivalutazione dell’appennino e della sua importanza.“Saremo un paese ponte nel mondo se saremo in grado di ripensare alle nostre aree interne pensando che l’appennino è un punto importante del nostro paese in quanto a cultura e produzione. Bisogna capire quanto il paese ha bisogno di queste territori perché se non lo capisce, il modello italiano salta completamente”.  Il Coorinatore degli ambiti territoriali XVI, XVII e XVIII riferisce come 22.000 persone nei suoi ambiti siano state colpite dal sisma e che il 74% di persone è stata fuori casa. “Con i suoi assistenti sociali ha rilevato come il terremoto abbia messo a dura prova la serenità delle famiglie con aumenti di litigi. In questi anno sono rimaste colpite principalmente le persone più fragili come gli anziani che hanno meno strumenti e magari sono state ospiti di strutture trovandosi non capaci di essere autonome al ritorno.  Ci si aspettava un rafforzamento di organi sovracomunali come gli ambiti perché si poteva fare una programmazione più efficace, ma non è stato fatto. Ora, quello che serve sono casa, lavoro e servizi e per questo è prioritario un piano strategico da qui a 20 anni con la coscienza che non può essere tutto come prima ma che necessità di un patto serio fra tutti”. L’ultimo intervento è stato della professoressa Paola Nicolini, Docente di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione dell’Università di Macerata, che ha sottolineato come l’importanza della rete è fondamentale in quanto le reti valgono e le persone devono esserne al centro. Il grande ruolo è stato lì, gli insegnanti hanno retto il tessuto sociale. Per questo è necessario che si pensi a delle scuole che mantengano i bambini in questo territorio perché “quello che non investiamo all’andata, poi ce lo troviamo al ritorno". “Noi abbiamo già un modello di sviluppo, non bisogna inventarsi un modello alternativo perché questi erano già luoghi di benessere. Ci sono già delle attrattive che basta rivalutare senza fare chissà quali spese”. Ha concluso il suo intervento evidenziando il fatto che azioni come quelle che fanno le acli sono da lodare perché difficilmente nelle sae ci sono dei punti di socializzazione. Prima delle conclusioni è intervenuto in maniera molto concreta il Vescovo di Camerino Sua Eccelenza  Monsignor Massara, che ha detto che “se si ricostruiscono le chiese ma la gente se ne va,a cosa serve? La cosa peggiore è che non c’è concertazione: se non si fa un lavoro di insieme non si va da nessuna parte e chi ci va di mezzo è la gente che non ne può più.  Anche Monsignor Masara Ha ringraziato  le Acli per aver creato un punto di socializzazione in quanto i punti di incontro sono fondamentali. “Nella vita ci incrociamo ogni giorno, ma non ci incontriamo perchè andiamo dritti; ci sentiamo ma non ci ascoltiamo: parole, parole, parole. Se non ci incontriamo e non ci ascoltiamo e non lavoriamo insieme, il cambiamento e la ricostruzione vera non ci sarà”. Le conclusioni sono spettate al Presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini. Rossini ha affermato che “le ricostruzioni spesso diventano elemento di identità e di riscatto delle città e che la ricostruzione morale deve essere per forza accompagnata dalla ricostruzione fisica:da li nasce l’idea dello sviluppo e della speranza.La ricostruzione fisica si porta dietro l’idea della ricostruzione morale! Noi possiamo fare uno sviluppo tenendo conto che può essere differenziato e non c’è solo l’industria per esempio; ci può essere anche molto altro. A seconda dei propri talenti, il territorio si sviluppa in ogni singolo aspetto.  Il modello di sviluppo è la questione che ci si deve porre in questi anni e voi, a seguito di questa tragedia, ve lo dovete porre in modo importante ed urgente non dimenticandovi del passato, facendo memoria del passato. Infatti, il modo in cui negli anni siamo usciti dalle tragedie ci deve dare la speranza verso il futuro. Non c’è un modello perfetto e finito ma noi delle acli ci poniamo l’obiettivo di starci dentro con voi; stare in mezzo alla gente e contribuire a costruire un dialogo ed una ricostruzione del tessuto sociale dei luoghi del terremoto”. Subito dopo, le oltre 70 persone presenti alla tavola rotonda si sono recate nell’area sae in località Cupolo al centro di Fiastra, dove la struttura in legno è stata costruita e dove ad attendere l’inaugurazione vi erano oltre 100 cittadini insieme alla banda musicale, dimostrando tutta la voglia che la comunità di Fiastra ha di tornare a vivere e far tornare a rinascere il proprio paese, da oggi, grazie anche all’aiuto delle Acli.      

28/09/2019
A Fiastra l’inaugurazione della “Casa della Comunità” realizzata dalle Acli

A Fiastra l’inaugurazione della “Casa della Comunità” realizzata dalle Acli

Verrà inaugurata il prossimo venerdì 27 settembre la “Casa della Comunità” realizzata dalle Acli di Macerata a Fiastra. La casa in legno verrà messa disposizione della popolazione e in particolare dei bambini dell’Istituto comprensivo “F.lli Ferri” rimasti senza sede. Il progetto è stato reso possibile anche grazie al contributo della sede nazionale delle Acli ed alle donazioni delle Acli di tutta Italia per le popolazioni terremotate. La struttura, di circa 35 mq e dotata di servizi igienici, è stata costruita dalla ditta Casaecopiù su una apposita platea in cemento predisposta dal Comune di Fiastra presso l’area Sae in località Cupolo. Per inaugurare la struttura, le Acli di Macerata hanno organizzato una tavola rotonda sul tema “Ricostruiamo: quali comunità? Attese e speranze delle popolazioni, una sfida a tre anni dal sisma”, in programma per le ore 15:30 a Fiastra presso l’Auditorium San Paolo. A portare i saluti in apertura dei lavori saranno il Sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia, il Presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari, il Vicepresidente della Comunità montana “Marca di Camerino” Claudio Castelletti ed il Presidente regionale delle Acli delle Marche Maurizio Tomassini. A introdurre la tavola rotonda sarà invece la Presidente provinciale delle Acli di Macerata Roberta Scoppa. Interverranno sul tema della ricostruzione della comunità l’Assessore della Regione Marche Angelo Sciapichetti, il Vicepresidente nazionale delle Acli Stefano Tassinari, il Coordinatore dell’Ambito territoriale XVI – XVII – XVIII Valerio Valeriani e Paola Nicolini, docente di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione all’Università di Macerata. Le conclusioni dell’incontro saranno affidate al Presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini. La tavola rotonda sarà condotta da Lanfranco Norcini Pala, Direttore di Farebene.info. Alle ore 17:30 si procederà all’inaugurazione della “Casa della Comunità” e alla benedizione impartita dall’Arcivescovo di Camerino mons. Francesco Massara. Parteciperanno, tra gli altri, i ragazzi e il corpo docente della scuola “F.lli Ferri” di Fiastra. “Abbiamo voluto realizzare un segno visibile della solidarietà delle Acli – spiega la presidente delle Acli di Macerata Roberta Scoppa – che sia davvero un riferimento per la popolazione. Accanto alla ricostruzione materiale, quella degli edifici, poniamo oggi la questione cruciale della ricostruzione della comunità, dei legami e delle relazioni che tengono unite le persone anche davanti a sciagure come quella del 2016”. “I centri colpiti dal terremoto – conclude la Scoppa – riavranno le loro strutture, gli abitanti torneranno nelle loro case, ma a noi sta a cuore che si ricostruisca anche il senso di appartenenza, l’incontro, la socialità senza i quali esiste un comune ma non una comunità”. “Ringraziamo le Acli – aggiunge il Sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia - per aver pensato al nostro territorio per questo gesto di generosità. La utilizzeremo appieno per le attività di aggregazione della popolazione e per quelle della scuola. Ci stiamo rialzando e vogliamo incamminarci velocemente verso la normalità. La “Casa della Comunità” ci aiuterà in questo percorso”.

23/09/2019
Torna Fiastra Fantasy: il paese si trasforma nel regno della magia

Torna Fiastra Fantasy: il paese si trasforma nel regno della magia

Sabato e domenica prossimi, 14 e 15 settembre, torna per il terzo anno consecutivo Fiastra Fantasy, manifestazione sostenuta dall'Amministrazione comunale sia con un contributo economico che con l’impegno di uomini e mezzi che già da oltre una settimana lavorano all’evento. I ruderi del Castello Magalotti saranno il teatro del coinvolgente gioco di interazione ideato da Gregorio Antonuzzo. Per due giorni in paese tornerà il duello tra la Generalessa dei Nani e il Negromante e chi arriverà a Fiastra nel weekend sceglierà se schierarsi con l’uno o con l’altro. Durante la manifestazione (ingresso gratuito) si potrà godere del mercatino medievale, della taverna, si potranno ammirare le danze elfiche o gustare la cucina medievale. Ci saranno anche giochi da tavolo, trucca bimbi, artisti e combattimenti con giochi di fuoco, concerti serali, disegnatori, le Erboriste del Giardino delle Farfalle, scultori, alcuni dei quali attivi anche nel gioco della giornata. Si potranno gustare bevande storiche, come l’ippocrasso, la birra creata appositamente per l’evento, l’Idromele e il sidro e si potrà cenare in compagnia degli eroi che affiancherete durante la giornata. Una grande festa, insomma, che trasformerà il paese nel regno della magia  L’amministrazione comunale metterà a disposizione un servizio navetta tra San Paolo di Fiastra e il grande parcheggio di San Lorenzo al Lago che sarà attivo per tutta la durata della manifestazione. Il Sindaco Sauro Scaficchia, nel ringraziare gli organizzatori (Gregorio Antonuzzo e l’associazione Ricostruiamo Fiastra), sottolinea un altro aspetto positivo di Fiastra Fantasy, che oltre ad essere sempre più un’attrattiva turistica si è dimostrata molto coinvolgente per la stessa comunità fiastrana. Alla sua complessa organizzazione stanno contribuendo da mesi, volontariamente, tanti cittadini e tutte le attività commerciali hanno versato un contributo economico, segno che in tanti hanno compreso il senso di questa bella iniziativa.   

12/09/2019
Raduno precampionato per il Bayer Cappuccini femminile (FOTO)

Raduno precampionato per il Bayer Cappuccini femminile (FOTO)

Si è svolto anche quest'anno  il mini-ritiro di preparazione estiva che vede la squadra femminile di calcio a 5 del Bayer Cappuccini Macerata ritagliarsi due giorni di preparazione atletica immersi nella natura; appuntamento fisso da tre anni a questa parte. Incastonato nei Sibillini s Fiastra,con i suoi panorami mozzafiato, l'aria limpida, il sole estivo e le acque fresche del famoso lago di San Lorenzo non potevano lasciare dubbi per la conferma di questo “locus amoenus” che tanto piace alle ragazze, il tutto condito dalla splendida ospitalità della popolazione e dell'amministrazione comunale, sempre disponibile al dialogo, che ha concesso l’utilizzo di tutte le strutture sportive presenti (campo di calcio a 11 il località Boccioni con annessi spogliatoi, campo di calcio a 5 di Acquacanina).  Due giorni intensi quelli di sabato 7 e domenica 8 settembre per le ragazze del calcio a 5 che hanno sostenuto tre sedute di allenamento, due alle 9:30 e una alle 16:00 non risparmiando impegno, dedizione e spirito di sacrificio. A rendere sopportabile la fatica ci ha pensato il caratteristico rifugio di Tribbio, con piatti tipici regionali, porzioni super-abbondanti e il titolare Giancarlo Ricottini sempre pronto ad accogliere le ragazze con il sorriso. Un week-end dal notevole contenuto sportivo, ma non solo, con la società Bayer Cappuccini del presidente Daniele Starnoni intenzionata a rivalutare e portare movimento in questi luoghi fortemente danneggiati dal sisma di due anni fa. Le ragazze nei momenti liberi hanno potuto passeggiare per le strade ed osservare i danni ancora ingenti, con container sostitutivi nel centro di Fiastra, edifici ancora inagibili (come la chiesa di San Lorenzo al Lago), e numerosissimi sostegni in legno che sorreggono le mura delle abitazioni. Una riflessione importante dal punto di vista sociale con una punta di amarezza che rimane nel vedere dopo tre anni, una situazione di precarietà e difficoltà degli abitanti. Continua anche questa settimana la preparazione al campionato di serie C regionale che prenderà il via venerdi 20 con la coppa marche con la rosa quasi al completo con ben 16 ragazze. Un grosso in bocca al lupo alle ragazze maceratesi!

10/09/2019
Un'avventura alla scoperta del territorio: al via la terza edizione di Fiastra Fantasy

Un'avventura alla scoperta del territorio: al via la terza edizione di Fiastra Fantasy

Il 14 e 15 settembre Fiastra (MC) sarà invasa da un'orda di Avventurieri in cerca di nuove emozioni. Fiastra Fantasy nasce da un'idea di Gregorio Antonuzzo e soprattutto dalla volontà di rianimare turisticamente le zone colpite dal sisma trasformandole in un regno fantastico. Ecco perché nella trilogia fantasy Keemar (ossia Mar-kee) le vicende si ambientano tutte nelle terre maceratesi. Il desiderio è di creare, a breve, degli itinerari che veicolino turisti seguendo una trama narrativa, riportandoli nelle zone terremotate del territorio marchigiano. Insomma, un turismo attivo e coinvolgente che faccia scoprire luoghi ed eccellenze di queste terre. In quest’ottica nasce il Fiastra Fantasy, dove poter incontrare ed interagire con alcuni dei personaggi del romanzo ed essere protagonisti in prima persona della storia. Infatti, chiunque arriverà il 14 e il 15 settembre a Fiastra dovrà fare una scelta: schierarsi con la Generalessa dei Nani venuta a combattere il Negromante o difendere quest’ultimo che in fondo è un portatore di vita eterna. Durante la manifestazione (ingresso gratuito) si potrà godere del mercatino medievale, della taverna, gustarsi le danze elfiche o la cucina medievale a cura di Domus in Arte, il tutto mentre incombe la battaglia. Ci saranno anche giochi da tavolo a cura dell’associazione ludica LABS di Macerata, trucca bimbi, artisti e combattimenti con giochi di fuoco, concerti serali, disegnatori, le Erboriste del Giardino delle Farfalle, scultori, alcuni dei quali attivi anche nel gioco della giornata. Potrete gustare bevande storiche come l’ippocrasso, la birra creata appositamente per l’evento o l’Idromele e il Sidro dell’azienda Le Torri, o cenare in compagnia degli eroi che affiancherete durante la giornata. I bambini potranno partecipare alla caccia all’Orco in un percorso di laboratori creativi in cui i giovani cacciatori dovranno realizzare manufatti magici e insieme ai ranger (le guide del parco) e ai loro uccelli rapaci, dovranno catturare il Malvagio Orco lestofante. Uno dei laboratori sarà curato dagli Arcieri dell'Aspidum Sagittas di Camerino che nel loro accampamento, oltre a creare un manufatto magico contro l'Orco, faranno anche provare l'emozione di scagliare alcune frecce. Per chi volesse invece cimentarsi nei combattimenti, potrà farlo nelle arene di combattimento della Generalessa Nana a cura dell’associazione Il Grifone Della Scala di San Severino Marche. In entrambe le serate ad allietare cena e dopocena, i concerti dei Brutti di Fosco (Rock Celtico) sabato 14 e dei TranCeltic ( Maurizio Serafini e Luciano Monceri) domenica 15. Tutte e due le giornate sono studiate per dare alla gente informazioni sul territorio o per far imparare qualcosa oltre a trascinarli in un mondo fantastico e stimolare la loro immaginazione. Domenica 15 alle ore 12:00 ci sarà la presentazione di un libro la cui prefazione è stata curata dalla presentatrice e giornalista televisiva Rosanna Lambertucci, una raccolta di racconti fantasy scritti dai ragazzi delle scuole medie di Camerino. Per qualsiasi ulteriore info cercate Fiastra Fantasy su Facebook.  

06/09/2019
Studenti giapponesi in visita a Fiastra per un progetto tra Unicam e l'università di Tokyo

Studenti giapponesi in visita a Fiastra per un progetto tra Unicam e l'università di Tokyo

Una delegazione di studenti giapponesi ha visitato questa mattina il territorio di Fiastra in-sieme al sindaco Scaficchia, il vice Castelletti e l’assessore Rossetti. Gli studenti sono nell’entroterra marchigiano per un progetto interdisciplinare promosso dall’Università di Camerino e dalla Toyo University di Tokyo che consiste nell’attivazione di uno scambio di competenze finalizzato a fornire idee e suggerimenti per la gestione del post sisma e la ricostruzione. “È un progetto di durata quadriennale, interamente finanziato dalla Toyo University di Tokyo, e siamo già al secondo anno - spiega la Professoressa Lucia Ruggeri, direttore della Scuola di Specializzazione in diritto civile e promotrice del progetto -. Ogni anno ospitiamo circa 40 studenti di varie facoltà della Toyo University, scelti tra i migliori. In questi dieci giorni gli studenti monitoreranno la situazione economica e sociale delle aree colpite: stiamo incontrando le realtà sociali del territorio, dai cittadini alle istituzioni, dell’entroterra camerinese, con un occhio di riguardo ai paesi del Parco Nazionale dei monti Sibillini. Lo scopo è quello di attivare uno scambio di conoscenze che vanno dall’architettura al diritto, passando per l’ingegneria e il turismo. Già dalla prossima settimana inizieremo una serie di workshop dai quali attendiamo un primo ventaglio di idee e suggerimenti da poter attivare praticamente nel nostro territorio”. “Il progetto è nato grazie all’importanza della Scuola di specializzazione in Diritto Civile dell’università di Camerino - prosegue la Professoressa Ruggeri - che è unica in Italia e attrae moltissimi professori da tutta la nazione. Uno di questi ci ha messo in contatto con la Toyo University già pochi giorni dopo il sisma e da questo contatto è partito tutto”. La delegazione di studenti è accompagnata dai docenti Kazuhiko Okamoto, Sano Hiroyoshi e Tomiyasu Ryosuko della Toyo University, mentre per Unicam, oltre alla professoressa Ruggeri, seguono la delegazione giapponese i Dottori Federico Pascucci e Roberto Garetto, assegnatari di ricerca, e i dottorandi Josè Manso, cubana, e Gerardo Ulloa, venezuelano. A Fiastra la delegazione ha visitato le frazioni più colpite dal terremoto, alcuni dei più significativi beni artistici danneggiati - come l’antica Chiesa di San Marco in Colpolina - una delle aree Sae del Comune e alcuni punti panoramici del territorio. Accolti da una bellissima giornata settembrina, i ragazzi hanno poi concluso la visita con un pranzo in un noto agriturismo locale per proseguire la loro visita verso Bolognola.    

Turismo, Vincenzo Nibali testimonial delle Marche: "Voglio tornare in vacanza"

Turismo, Vincenzo Nibali testimonial delle Marche: "Voglio tornare in vacanza"

"Avevo visto le Marche solo correndo in bicicletta e in questi giorni ho avuto modo di apprezzarne le bellezze sia quelle dell'interno che della costa. Vorrei tornarci in vacanza". Così il pluricampione di ciclismo Vincenzo Nibali, scelto come testimonial della Regione Marche di cui promuoverà le attrattive per due anni dal primo gennaio 2020. E' intervenuto ad Ancona a un incontro con la stampa assieme al presidente della Regione Luca Ceriscioli e all'assessore alla Cultura e al Turismo Moreno Pieroni. L'iniziativa giunge al termine di un tour di tre giorni nei luoghi più suggestivi del territorio marchigiano (nell'ultimo è stato a Numana, Loreto, Recanati, Sirolo e Portonovo) per realizzare una serie di filmati e di scatti che andranno a comporre la campagna promozionale del Servizio Turismo della Regione Marche. In particolare saranno prodotti spot televisivi da 15, 30, 60, 120 e 300 secondi, spot radiofonici e foto che saranno diffusi anche sui social media e sul web. Fonte e credit foto: Ansa 

05/09/2019
Vincenzo Nibali a Fiastra per il nuovo spot turistico della Regione Marche

Vincenzo Nibali a Fiastra per il nuovo spot turistico della Regione Marche

Domani, martedì 3 settembre, il campione di ciclismo Vincenzo Nibali sarà a Fiastra e incontrerà i fans alle 19:30 presso la spiaggia Verdefiastra di San Lorenzo al Lago. Lo squalo dello stretto, come è soprannominato il campione siciliano di ciclismo, uno dei più grandi talenti mondiali in attività, vincitore di due Giri d’Italia, una Vuelta di Spagna e un Tour de France, è infatti il testimonial scelto dalla Regione Marche per la promozione del cicloturismo nei prossimi due anni e sarà domani nell’entroterra per un primo ciclo di riprese. Alle 19.30 parteciperà, insieme al Governatore regionale Luca Ceriscioli, al sindaco Sauro Scaficchia e agli altri sindaci dell’entroterra, all’apericena organizzato per l’occasione da Verdefiastra, gestore della spiaggia di San Lorenzo al Lago.  Prima sarà protagonista, sempre a Fiastra, delle riprese che la Regione ha commissionato per la realizzazione dei nuovi spot dedicati alla promozione del cicloturismo nelle Marche. L’intera giornata di domani sarà dedicata alle riprese nell’entroterra e la troupe girerà in giornata a Pieve Torina, a Bolognola e al Rifugio del Fargno prima di giungere a Fiastra.  “Siamo orgogliosi di essere stati scelti di nuovo tra i luoghi simbolo dell’entroterra marchigiano - ha dichiarato il sindaco Scaficchia - e ringrazio la Regione per l’attenzione che sta rivolgendo alle aree interne, in particolare a quelle colpite dal terremoto”.

02/09/2019
Dieci giovani volontari europei in cammino nell'Unione Montana dei Monti Azzurri

Dieci giovani volontari europei in cammino nell'Unione Montana dei Monti Azzurri

Il 27 agosto prenderà il via il progetto “Youthquake - Il Cammino dei Passi Azzurri”, progetto di volontariato europeo finanziato dal programma Erasmus+ che vede coinvolte le associazioni ARCS di Roma e Gruca onlus di Macerata con la collaborazione tecnica di Risorse Active Tourism ed il supporto logistico dell’Unione Montana dei Monti Azzurri. Il progetto prevede che un gruppo di 10 giovani volontari provenienti da Regno Unito, Spagna, Francia, Polonia, Turchia e Portogallo di età compresa tra 18 e 25 anni percorra un cammino all’interno del territorio dell’Unione Montana dei Monti Azzurri. Il cammino (www.passiazzurri.it), ideato all’interno del Progetto Rinascimento Appennino, è costituito da un lungo anello di 160 km suddivisi in 9 tappe che già a partire dai prossimi mesi sarà oggetto di promozione verso i camminatori di tutta Europa. L’itinerario attraversa borghi medievali dal fascino senza tempo percorrendo per lo più strade bianche e sentieri già esistenti, costeggiando campi coltivati e incrociando casali e vecchie chiese rurali. Le località toccate sono state nei secoli teatro di eventi storici cruciali per il nostro paese: dal Risorgimento al Medio Evo, dalla Resistenza all’Impero romano. Eventi che hanno lasciato tracce indelebili nell’architettura, nell’arte e nelle testimonianze storiche che hanno plasmato l’anima dei borghi in cui ci si immerge nel corso del cammino. Le 9 tappe si snodano a partire da Camporotondo di Fiastrone e porteranno i giovani volontari, accompagnati da una Guida Ambientale Escursionistica, ad attraversare tutti i comuni dell’Unione Montana pernottando a Sarnano, Monte San Martino, Sant’Angelo in Pontano, San Ginesio, Colmurano, Abbadia di Fiastra, Tolentino e Serrapetrona. I volontari terranno un diario giornaliero del cammino che sarà consultabile nel blog di Risorse Active Tourism (www.activetourism.it/blog-with) e nei canali social di Passi Azzurri, inoltre ogni giorno interverranno in diretta su Radio Linea parlando dell’esperienza vissuta e delle eccellenze naturalistiche, storiche e culturali del territorio. Al termine del Cammino i volontari alloggeranno nell’ostello comunale di Camporotondo di Fiastrone e lavoreranno per due settimane nella mediateca comunale per rielaborare il materiale raccolto durante il trekking e per sviluppare strategie di marketing territoriale online al fine di promuovere il nostro territorio anche nei loro paesi di origine. Nel corso delle attività i giovani camminatori avranno anche un occhio privilegiato sul post sisma e sulla situazione che permane nell’entroterra maceratese, cercando di raccontare il contesto e cosa significa attraversare questi luoghi feriti.   Le tappe del Cammino dei Passi Azzurri 27 agosto - tappa 1: Camporotondo di Fiastrone – Cessapalombo - Sarnano 28 agosto - tappa 2: Sarnano – Monte San Martino 29 agosto - tappa 3: Monte San Martino – Penna San Giovanni – Sant’Angelo in Pontano 30 agosto - tappa 4: Sant’Angelo in Pontano – Gualdo – San Ginesio 31 agosto - tappa 5: San Ginesio – Ripe San Ginesio – Colmurano 1 settembre - tappa 6: Colmurano – Loro Piceno – Abbadia di Fiastra 2 settembre - tappa 7: Abbadia di Fiastra – Tolentino 3 settembre - tappa 8: Tolentino – Serrapetrona 4 settembre - tappa 9: Serrapetrona – Belforte del Chienti - Caldarola – Camporotondo di Fiastrone  

26/08/2019
"Il jazz italiano per le terre del sisma": concerto di Carlo Maver a Fiastra

"Il jazz italiano per le terre del sisma": concerto di Carlo Maver a Fiastra

Il ritmo del respiro, passo dopo passo, nota dopo nota. Dopo il successo delle edizioni precedenti, “Il Jazz italiano per le terre del sisma” torna con un’edizione rinnovata in prima linea nelle terre del cratere delle quattro regioni coinvolte – Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria - confermando l’impegno e l’organizzazione della Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano” – con il coordinamento operativo della Associazione I-Jazz – insieme a Mibac, il Main Sponsor SIAE-Società Italiana degli Autori ed Editori, NuovoIMAIE e ai molti partner tecnici coinvolti. Un’edizione, questa del 2019, che conferma la grande maratona musicale all’Aquila (con inizio la sera del 31 agosto e concerti in molteplici location della città domenica 1° settembre) preceduta da una settimana di concerti e trekking nel cuore delle Terre del Sisma tra le regioni citate organizzata da I-Jazz attraverso i propri soci Musicamdo, Young Jazz e Fara Music in collaborazione con Associazione Movimento Tellurico, Trekking, ecologia e Solidarietà. Dal 24 al 31 agosto, infatti, il progetto, cui capofila è Musicamdo, prende la forma di un percorso di musica e trekking, un viaggio a piedi alla scoperta dell’entroterra di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo, per esprimere solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma, sostenere la micro-economia locale e mantenere alta l’attenzione attraverso un cammino a passo lento, uniti dalla passione e dall’amore per il linguaggio universale della musica.  Partendo da Camerino, con un percorso di 21 chilometri e un dislivello di 870 metri, si potrà godere di panorami affascinanti, tra i quali spicca Polverina e il suo lago per poi arrivare sul colle che domina Fiastra, con la chiesa romanica di San Paolo, il castello Magalotti e la vista sull’azzurro del lago. Proprio al Castello Magalotti, alle ore 18.30 si aprirà il concerto di Carlo Maver, flautista, bandoneonista e compositore bolognese ma anche viaggiatore (solitario) in Paesi esotici e remoti tra i quali Kurdistan, Mali, il deserto del Sahara, l’Uzbekistan e il Turkmenistan. Esperienze di vita che diventano autentiche fonti di ispirazione creativa per la sua musica. Nel settembre del 2002 parte per l’Argentina, dove rimane sei mesi perfezionando lo studio del Bandoneon sotto la guida del grande Maestro argentino Dino Saluzzi. Le sue musiche fanno parte degli archivi RAI e Mediaset e vengono spesso usate come commenti musicali di trasmissioni televisive.  Un programma innovativo di musica, trekking e solidarietà diffuso nelle terre mutate dal sisma, per scoprire luoghi di alto interesse paesaggistico e naturalistico e conoscere le specificità enogastronomiche locali, con concerti diffusi e percorsi escursionistici che permetteranno a turisti e appassionati, di viaggiare a piedi nelle Terre Mutate, insieme a una carovana itinerante.    Un’idea progettuale portata avanti da I-Jazz insieme a Musicamdo (capofila), Young Jazz e Fara Music è realizzata in collaborazione con le amministrazioni locali, le società di guide e organizzazioni culturali/artistiche, associazioni volontarie che con le loro idee stanno già operando in questo territorio (Movimento Tellurico, TAM, RisorgiMarche, Legambiente, Terre di Mezzo Editore e tutti gli operatori nel settore turismo sostenibile quali Active Tourism e molti altri).

24/08/2019
Stanziati 5,3 milioni di euro per i lavori alla S.P. 91 “Pian di Pieca - Monastero - Fiastra"

Stanziati 5,3 milioni di euro per i lavori alla S.P. 91 “Pian di Pieca - Monastero - Fiastra"

Oltre 5,3 milioni di euro per la messa in sicurezza e il ripristino della strada provinciale 91 “Pian di Pieca - Monastero - Fiastra”. L’arteria stradale era stata chiusa a seguito dei sismi del 2016 e sono stati necessari, per la sua riapertura, ben quattro interventi, di cui tre già realizzati e uno in corso, progettati e diretti dall’Anas per conto del soggetto attuatore, la Protezione Civile. “Si tratta di una strada molto importante per il comprensorio montano - dichiara il presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari - che oggi si può percorrere in sicurezza, grazie agli investimenti effettuati per il ripristino della viabilità e alla collaborazione tra i vari enti, ANAS, Protezione Civile, Provincia e Regione”. I lavori sono stati affidati ad aziende differenti, attraverso quattro appalti. Il primo intervento di 668.734 euro è consistito nella posa di reti e pannelli in maglie di ferro ancorati con chiodature alla roccia e piccole opere di muratura sul muro esistente alla base della scarpata. Il secondo lavoro, dell’importo di 137mila euro, ha riguardato il ripristino delle reti paramassi che, dopo il terremoto, si erano riempite di detriti. Il terzo intervento, molto corposo con i suoi 4.337.257 euro di spesa, ha permesso di mettere in sicurezza le pareti rocciose con le barriere paramassi e i rafforzamenti corticali, rimuovendo i massi pericolanti e sistemando l’imbocco della galleria. Per queste opere si è reso necessario anche l’utilizzo dell’elicottero per arrivare in quota alle pareti rocciose. La conclusione degli ultimi lavori, dell’importo di 160mila euro, riguarda la messa in sicurezza di una frana ampliata dal terremoto ed è prevista per la fine del mese di settembre.  

22/08/2019
Secondo appuntamento con "La Terra Tremano": il 10 agosto tappa a Fiastra

Secondo appuntamento con "La Terra Tremano": il 10 agosto tappa a Fiastra

Il Festival "La Terra Tremano", dopo la serata indimenticabile nella gremita piazza di Valfornace, entra nel vivo del cartellone con una serie di date nei giorni e nei luoghi più suggestivi del cratere maceratese; ad aprire questa fila di emozioni, sabato 10 agosto, è Fiastra, lì dove lo spettacolo di Giorgio Felicetti che dà nome al festival è nato e dove, dopo il sisma del 2016, il regista e autore attivò un laboratorio per le persone rimaste sul lago. Dalle prime testimonianze raccolte proprio a Fiastra e dintorni, scaturì il lavoro di scrittura drammaturgica, frutto di quegli incontri in luoghi di fortuna, e in gelide stanze d’inverno, divenute le stanze della memoria. Dalla raccolta di testimonianze vere, dagli spunti dalla cronaca post sisma, dalle narrazioni, dalle leggende legate al mito, e da inserti scientifici, è venuto fuori un racconto teatrale epico, poetico e realistico, che sta girando in tutta Italia, con una scia di commozione che ha toccato l’altra sera un apice nell’epicentro dell’Umbria, a Campi di Norcia. E ora, nella notte più suggestiva dell’anno, la notte di San Lorenzo, approda in riva al lago, proprio nella spiaggia di San Lorenzo. La reazione che hanno gli spettatori ogni sera e in ogni luogo di fronte a questo spettacolo, è un esempio puro di catarsi, fenomeno a cui si è ormai poco avvezzi, e che rimanda ai primordi del teatro, a quando le civiltà arcaiche si ritrovavano intorno alla rappresentazione della propria tragedia, per superare collettivamente il dolore di un accadimento funesto. Ci sono nello spettacolo tutti quei sentimenti che le persone rimaste nei territori, provano quotidianamente: la paura di vivere nel dimenticatoio, il timore di non avere più parola, di non avere più storia, di non avere più luogo. C’è la rabbia, la solitudine, la mortificazione, ma c’è soprattutto quella voglia di andare comunque avanti, oltre le macerie, verso una vita, una sapienza e una consapevolezza nuove: è per questo uno spettacolo che parla agli anziani, ma soprattutto alle nuove generazioni, nelle cui mani peseranno le sorti ed il futuro di questi territori. La Terra Tremano è una storia molto potente, come potente è la forza della natura, è una storia di luoghi bellissimi, come questi nostri borghi tra gli Appennini. Una storia di abbracci, di sogni, di sorrisi, di pianti. Una storia di tanti spaesati. È il tempo di dare voce a chi, da quel 2016, è rimasto senza parola. È importante ascoltare e tramandare questa storia. Perché riguarda tutti noi. Nessuno escluso. Il paesaggio naturale e bellissimo del lago di Fiastra farà da cornice ad una serata che si prevede di forti emozioni e di grandi suggestioni. A termine dello spettacolo ci sarà il concerto degli Our Cat, chitarra acustica e fisarmonica che inviteranno il pubblico a guardare verso il cielo, e a sognare, sotto le stelle di San Lorenzo. Il Festival si sposterà poi, il 14 agosto, a Pintura di Bolognola, dove, sin dal pomeriggio si attenderà il ferragosto, tra le installazioni artistiche di Paola Tassetti, le incursioni poetiche di Antonio Malagrida, la musica per la montagna di Sergio Altamura&Francesco Savoretti, fino al tramonto con lo spettacolo di Giorgio Felicetti. E domenica 18 agosto nel centro storico di Sarnano, altra giornata imperdibile, con gli spaesamenti letterari della scrittrice Lucia Tancredi, con la musica dei Bevano Est in doppio concerto, e La Terra Tremano in scena nella Piazzetta di Santa Chiara. Si arriverà poi a quel 24 agosto, a tre anni esatti da Amatrice, nel luogo simbolo del sisma nel maceratese: la piazza di Visso; ci saranno ospiti d’eccezione come la scrittrice SIMONA VINCI, che dialogherà con Lucia Tancredi su “coraggio e paura”, Ci sarà l’ensemble musicale di Valerio Corzani, e ci sarà soprattutto un l’allestimento speciale. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito.

08/08/2019
Fiastra, due ragazzi si perdono nel sentiero a Podalla: ritrovati nella notte (FOTO)

Fiastra, due ragazzi si perdono nel sentiero a Podalla: ritrovati nella notte (FOTO)

Due ragazzi di circa 24 anni, lui proveniente da Udine, lei da Campofilone, in provincia di Fermo, erano intenti a percorrere un sentiero con i loro due meticci, Lupo e Orsa, nella giornata di domenica 4 agosto in località Podalla di Fiastra, quando si è fatto tardi e hanno perso l'orientamento ritrovandosi in un posto impervio.  Non riuscendo più a muoversi e privi di sistemi di illuminazione sono riusciti a chiamare la centrale operativa del 118 che ha immediatamente allertato le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico regionale. I ragazzi e i loro cagnolini sono stati prima rintracciati con il sistema SMS locator dalla centrale nazionale del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico), messi in sicurezza e recuperati poco dopo le 24 attraverso una serie di corde fisse e paranchi predisposti da parte della stazione di Macerata del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) intervenuta sul posto come squadra di competenza territoriale. I due sono stati poi accompagnati sul sentiero fino all'auto.  Sul posto presenti anche i Vigili del Fuoco di Camerino. 

05/08/2019

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433