Cronaca

$ => Array (20)
(
|    ['0'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10049
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484938565
|    |    |    author = String(2) "18"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484942331
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    |    id = Integer(1) 8
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(60) "Strage di animali a San Ginesio dopo giorni di agonia - FOTO"
|    |    slug = String(58) "strage-di-animali-a-san-ginesio-dopo-giorni-di-agonia-foto"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484940840
|    |    desc = String(1615) "<p>Non ce l&rsquo;hanno fatta gli animali intrappolati sotto i capannoni di un'azienda crollati a causa della neve. &nbsp;</p> <p>L'azienda agricola LAI ss di Gualdo (contrada Picacchi, 18), con punto vendita a San Ginesio, vantava circa 1500 capi, in prevalenza pecore e 30 mucche.</p> <p>Gli animali sono rimasti per quattro giorni sotto le lamiere della struttura che &egrave; crollata con il peso della neve.</p> <p>I soccorritori ormai stanno estraendo i cadaveri in putrefazione&nbsp;delle povere bestiole, morte per il freddo e le lesioni causate dalle&nbsp;lamiere.</p> <p>Finora sono stati estratte le carcasse di 25 esemplari, ma se ne contano circa 50 sotto il capannone.</p> <p>La proprietaria&nbsp;dell'azienda&nbsp;fa sapere che ad oggi hanno bisogno di paglia e fieno in quanto le scorte che avevano si sono bagnate con la neve e sono quindi inutilizzabili.</p> <p>Le &nbsp;strade sono per&ograve; impraticabili e quindi &egrave; impossibile persino muoversi.</p> <p>Si confida in un altro intervento salvifico pari a quello degli &ldquo;angeli&rdquo; di san Ginesio, ma stavolta con trattori e camion per portare le rotoballe di fieno.</p> <p>&nbsp;</p> <p class="MsoNormal" style="margin-bottom: .0001pt; line-height: normal;">L&rsquo;azienda si trova in Contrada Morichella&nbsp; n. 19 e il contatto telefonico &egrave; 338 355 1139.</p>"
|    |    image = String(47) "1484937071_b2280f68e2f338aac1c1811f9bb78375.jpg"
|    )
|    ['1'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10034
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484923094
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484928132
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 3
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(95) "Pieve Torina: crolla la stalla de "La Collina", intrappolati 150 maialini di pochi mesi"
|    |    slug = String(49) "disaagio-azienda-agricola-la-collina-pieve-torina"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484928120
|    |    desc = String(1409) "<p>La neve ed il terremoto non fanno altro che aggravare la grave situazione che stanno passando gli allevatori pievetorinesi.&nbsp;<br />La stalla dell'azienda agricola "La Collina" di Pieve Torina, di propriet&agrave; di Roberto Micheli, aveva gi&agrave; subito gravi danni per causa del terremoto ed ora per causa del peso eccessivo della neve &egrave; crollata la tettoia. Sono rimasti intrappolati 150 suinetti che hanno due mesi di vita e purtroppo per causa del freddo cinque di questi sono morti.</p> <p>Roberto Micheli ha detto: "io ed i miei dipendenti stiamo facendo di tutto per liberare i maialini e se non ci dovessimo riuscire da soli chieder&ograve; aiuto all'Esercito. Per causa di queste forti nevicate il camion che di solito mi porta il mangime per i maiali non riusciva a risalire la strada che porta alla mia stalla ed in quell'occasione ho dovuto chiedere aiuto all'Esercito. La situazione si sta facendo sempre pi&ugrave; grave, da troppo&nbsp;tempo io ed altri allevatori siamo in attesa di aiuti e non possiamo pi&ugrave; andare avanti cos&igrave;".<span class="HOEnZb" style="color: #222222; font-family: arial, sans-serif; font-size: 12.8px;"><font color="#888888"><br /></font></span></p>"
|    |    image = String(47) "1484919494_14a02b8b3a766ff7d63b0b004da0991f.jpg"
|    )
|    ['2'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10026
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484913729
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484931246
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 9
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(62) "Il dramma dell'Hotel Rigopiano: salva la famiglia di Osimo"
|    |    slug = String(57) "ultim-ora-ci-sono-sei-superstiti-dentro-l-hotel-rigopiano"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484913720
|    |    desc = String(6680) "<p>AGGIORNAMENTO &nbsp;-&nbsp;<strong>Sono salvi tre dei dispersi marchigiani che si trovavano nell'Hotel Rigopiano. Sono Domenico Di Michelangelo, 41 anni, di Chieti, poliziotto in servizio a Osimo (Ancona), la moglie Marina Serraiocco, 37 anni, di Popoli, e il loro bambino di 7 anni. Lo conferma il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni, che cita fonti "dei familiari e delle forze di polizia".</strong></p> <p><strong>'La citt&agrave; intera sta&nbsp;esultando, perch&egrave; sono persone super'. Cosi' il sindaco di Osimo&nbsp;Simone Pugnaloni che ha dato all'ANSA la notizia dei suoi&nbsp;'concittadini' - in realt&agrave; originari di Chieti - Domenico Di&nbsp;Michelangelo, 41 anni, la moglie Marina Serraiocco, titolare del&nbsp;negozio 'La bomboniera di Marina' nel centro di Osimo, molto&nbsp;noto in citt&agrave; e il loro bambino di 7 anni, salvati dalle macerie</strong><br /><strong>e dalla neve dell'Hotel Rigopiano. &nbsp;Pugnaloni ha anche postato la notizia su Facebook,&nbsp;raccogliendo in pochi minuti quasi 600 mi piace e oltre 300&nbsp;condivisioni. 'Li aspettiamo a braccia aperte', dice. Andr&agrave; a&nbsp;trovarli? 'Se me lo permettono, se il protocollo lo prevede&nbsp;sicuramente s&igrave;', risponde Pugnaloni.&nbsp;</strong></p> <p><strong>Dopo una notte di ricerche in condizioni estreme sono stati tutti estratti vivi nella tarda mattinata di oggi gli otto superstiti ritrovati dai soccorritori sotto le macerie dell'Hotel Rigopiano. Sono tutti in buone condizioni, ha riferito Marco Bini della Guardia di Finanza, tra loro ci sono due bimbi. Il recupero &egrave; avvenuto in due momenti con due interventi: nel primo sono state estratte 6 persone, tre uomini, una donna e due bambini. Nel secondo altre due persone, che devono ancora essere identificate. Alcuni di loro sono gi&agrave; all'ospedale di Pescara. I soccorritori confidano di trovare altre persone vive</strong></p> <p>I soccorritori hanno lavorato per tutta la notte, in condizioni estreme, alla ricerca della trentina di dispersi. Con le temperature ampiamente sotto lo zero, i soccorritori hanno lavorato grazie all'ausilio delle fotocellule ma a ritmi ridotti: non ci sono infatti le condizioni di sicurezza necessarie per operare in maniera massiccia e, dunque, si &egrave; preferito ridurre il numero degli uomini impegnati. Nel corso della notte le turbine e le ruspe hanno proseguito inoltre il lavoro per liberare la strada che sale all'hotel e consentire una migliore circolazione dei mezzi di soccorso. Da ieri sono stati estratti due corpi dalle macerie.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p>AGGIORNAMENTO - Dalle ultime notizie, i superstiti sarebbero otto, fra loro due bambine</p> <p>&nbsp;</p> <p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">Sono state trovate&nbsp;</span><strong style="margin: 0px; padding: 0px; border: 0px; font-stretch: inherit; line-height: 20px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; vertical-align: baseline;">vive 8 persone</strong><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">&nbsp;all'Hotel&nbsp;</span><strong style="margin: 0px; padding: 0px; border: 0px; font-stretch: inherit; line-height: 20px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; vertical-align: baseline;">"Rigopiano"</strong><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">&nbsp;a&nbsp;</span><strong style="margin: 0px; padding: 0px; border: 0px; font-stretch: inherit; line-height: 20px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; vertical-align: baseline;">Farindola</strong><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">&nbsp;sul Gran Sasso, spazzato via da una&nbsp;</span><strong style="margin: 0px; padding: 0px; border: 0px; font-stretch: inherit; line-height: 20px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; vertical-align: baseline;">slavina</strong><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">&nbsp;di immense proporzioni. Tra i sopravvissuti&nbsp;</span><strong style="margin: 0px; padding: 0px; border: 0px; font-stretch: inherit; line-height: 20px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; vertical-align: baseline;">ci sono due bambini</strong><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">. Dalle macerie sono state estratte una donna e la figlia. Entrambe sembrerebbero in condizioni discrete e sono state gi&agrave; avviate in ospedale con un elicottero. Al momento i superstiti sono ancora sotto le macerie - si trovano sotto ad un solaio - e i vigili del fuoco hanno pi&ugrave; volte parlato con loro. &nbsp;&nbsp;</span></p> <p>&nbsp;</p> <p>Ritrovate&nbsp;vive 6 persone&nbsp;all'Hotel&nbsp;"Rigopiano"&nbsp;a&nbsp;Farindola&nbsp;sul Gran Sasso, spazzato via da una&nbsp;slavina&nbsp;di immense proporzioni. I vigili del fuoco sono in contatto con i sei con i quali hanno pi&ugrave; volte parlato. Al momento i superstiti sono ancora sotto le macerie.</p> <p>I soccorritori hanno lavorato per tutta la notte, in condizioni estreme, alla ricerca della trentina di dispersi che ancora mancano all'appello. Con le temperature ampiamente sotto lo zero, i soccorritori hanno lavorato grazie all'ausilio delle fotocellule ma a ritmi ridotti: non ci sono infatti le condizioni di sicurezza necessarie per operare in maniera massiccia e, dunque, si &egrave; preferito ridurre il numero degli uomini impegnati. Nel corso della notte le turbine e le ruspe hanno proseguito inoltre il lavoro per liberare la strada che sale all'hotel e consentire una migliore circolazione dei mezzi di soccorso.&nbsp;Da ieri sono stati estratti due corpi dalle macerie.&nbsp;La Procura ha aperto un'indagine per&nbsp;omicidio colposo. (Ansa)</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p>"
|    |    image = String(47) "1484910129_b26070f0b6455763c92338cd958fcb06.jpg"
|    )
|    ['3'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10022
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484911156
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484911221
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 3
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(41) "Bolognola, allerta 4 per rischio valanghe"
|    |    slug = String(40) "bolognola-allerta-4-per-rischio-valanghe"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484911200
|    |    desc = String(1143) "<p>C'&egrave; un'allerta 4 per rischio valanghe a Bolognola, nell'entroterra maceratese, dove gi&agrave; nei giorni scorsi sono state evacuate diverse persone, anche quelle che vivevano in roulotte, che sono trasferite perlopi&ugrave; negli alberghi della costa o sistemate altrove. "Se non ci fossero le scosse di terremoto - dice la sindaca Cristina Gentili - sarei pi&ugrave; che tranquilla. Non &egrave; la prima volta che abbiamo tutta questa neve, ma con le scosse di terremoto &egrave; diverso. Oggi c'&egrave; il sole e ha smesso di nevicare, speriamo di poter revocare al pi&ugrave; presto l'ordinanza di sgombero per il rischio valanghe. Aspettiamo giorno per giorno". "L'area a rischio - spiega il sindaco - &egrave; proprio all'inizio del paese, ma non incombe sull'abitato. Ci sono i paravalanghe, che sono stati messi nel 2005 dopo una situazione analoga, ma un pezzo resta ancora scoperto. Noi siamo tranquilli - ripete Gentili - ma c'&egrave; l'incognita scosse, e in ogni caso l'area va monitorata". (Ansa)</p>"
|    |    image = String(47) "1484907618_6bea789d4b45ad01529e3ae78f95e63c.jpg"
|    )
|    ['4'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10016
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484867923
|    |    |    author = String(2) "18"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484911848
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 9
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(91) "Campotosto, il risveglio della faglia anche stavolta era stato annunciato dal geologo Tondi"
|    |    slug = String(51) "campotosto-altro-sisma-annunciato-del-geologo-tondi"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484909640
|    |    desc = String(8859) "<p>Il geologo Emanuele Tondi anche stavolta aveva descritto in anticipo quello che si sta verificando in Abruzzo.</p> <p>La&nbsp;considerazione che prevedere i terremoti non sia possibile comincia cos&igrave; a starci un po&rsquo; stretta, nel momento in cui si conoscono le faglie dormienti e i tempi di ritorno.</p> <p>A conferma di questo infatti depone l&rsquo;ennesima valutazione precisa e scientificamente fondata del responsabile della Sezione di Geologia dell&rsquo;Universit&agrave; di Camerino.</p> <p>Per le precedenti si riportano i link delle nostre interviste al professore:</p> <p><a href="https://picchionews.it/cronaca/il-geologo-tondi-intervista-choc-sapevamo-dal-2009-che-il-terremoto-avrebbe-colpito-in-quel-punto">https://picchionews.it/cronaca/il-geologo-tondi-intervista-choc-sapevamo-dal-2009-che-il-terremoto-avrebbe-colpito-in-quel-punto</a></p> <p><a href="https://picchionews.it/cronaca/il-geologo-tondi-ha-pochi-dubbi-la-zona-piu-a-rischio-quella-a-nord-di-amatrice">https://picchionews.it/cronaca/il-geologo-tondi-ha-pochi-dubbi-la-zona-piu-a-rischio-quella-a-nord-di-amatrice</a></p> <p>E in diverse altre interviste anche in tv, sia ad agosto scorso che dopo le scosse di ottobre 2016, Tondi affermava con certezza che fosse assolutamente plausibile la riattivazione di altre faglie.</p> <p>E spiegava che come peraltro si &egrave; gi&agrave; verificato in altri terremoti e, nel momento in cui una faglia si risveglia e dunque si attiva, tutta una zona diventa instabile ed altre faglie vicino potrebbero riattivarsi. Ne &egrave; esempio il terremoto dell&rsquo;Aquila in cui si sono attivate sia la faglia a sud che quella a nord, fino al lago di Campotosto.</p> <p>Il geologo dunque non escludeva il contagio per la faglia di Campotosto. In tal caso la sequenza sismica ricomincia e si conclude con il&nbsp;mainshock.</p> <p><img src="https://picchio.logico.cloud/data/img_post/1484906369_23c896bd3fc3ca5688a71b43ba91f499.jpg" alt="" width="960" height="529" /></p> <p>Il 29 novembre, il professor Tondi scriveva" "A sinistra trovate un&rsquo;immagine presente nel &ldquo;SECONDO RAPPORTO DI SINTESI SUL TERREMOTO DI AMATRICE ML 6.0 DEL 24 AGOSTO 2016 (ITALIA CENTRALE)&rdquo; pubblicato da INGV il 19 Settembre scorso. Sono rappresentate le faglie con i rispettivi nomi e l&rsquo;effetto che l&rsquo;attivazione della faglia che ha generato il terremoto del 24 Agosto (colorata in rosso e verde) ha indotto in quelle vicine, in particolare quelle a nord e a sud (con i valori del CFF positivi). Sono gli effetti di interazione di cui si parlava in un post precedente e che possono &ldquo;caricare&rdquo; le faglie vicine a quella che ha generato un terremoto. Queste simulazioni indicano esclusivamente quali faglie sono sottoposte a &ldquo;stress&rdquo; aggiuntivi rispetto ad altre e non il fatto che si attivino sicuramente, in quanto bisognerebbe sapere (e non lo si pu&ograve; sapere) a che punto stanno della "carica&ldquo;. Tuttavia, poi ci sono stati i terremoti del 26 e 30 Ottobre generati dalla Faglia del Monte Vettore-Monte Bove con epicentro tra Norcia-Preci e Visso.</p> <p><strong>A sud, come potete vedere, ci sono le faglie del Gorzano e di Capitignano. Se in futuro un altro terremoto di una certa magnitudo si verificher&agrave; lungo questa zona, &egrave; chiaro che le candidate pi&ugrave; probabili sono loro.</strong></p> <p>Che l&rsquo;evento di magnitudo 4,4 sia un foreshock che precede un evento importante generato dalla faglia del Gorzano o di Capitignano non &egrave; dato saperlo. Osservando la mappa dei terremoti avvenuti negli ultimi 90 giorni (immagine a destra), l&rsquo;evento di questa sera sembra, anche se nell&rsquo;estremit&agrave; sud, rientrare nella zona di instabilit&agrave; che sta generando aftershocks dal 24 Agosto. Voglio sperare che sia cos&igrave;, non &egrave; obbligatorio che si attivino in cos&igrave; poco tempo tutte le faglie presenti nell&rsquo;area. Comunque, come ripeto da mesi, in quella zona &egrave; necessario verificare la vulnerabilit&agrave; sismica degli edifici, chiamando per un sopralluogo un ingegnere affiancato da un geologo. Se l&rsquo;edificio &egrave; a norma, non c&rsquo;&egrave; nulla da temere, in caso contrario &egrave; necessario prendere provvedimenti. Si pu&ograve; convivere con la pericolosit&agrave; sismica ma non con il rischio!".</p> <p>Quanto sopra deve per&ograve; sollecitare un&rsquo;ulteriore riflessione: laddove esiste una carta di pericolosit&agrave; sismica contenente l&rsquo;indicazione delle zone a rischio, appare inescusabile la mancanza di predisposizione di misure di messa in sicurezza pre emergenza delle stesse.</p> <p>Ci&ograve; vuol dire che non si deve e non si pu&ograve; aspettare che il sisma si verifichi e produca dei danni per poi fare prevenzione attraverso la ricostruzione successiva.</p> <p>La carta di pericolosit&agrave; sismica &egrave; uno strumento fondamentale per poter intervenire in anticipo laddove si sa che in base ad un determinato tempo di ritorno si verificher&agrave; un sisma.</p> <p>I danni del terremoto dell&rsquo;Emilia Romagna ad esempio si sarebbero potuti evitare se si fosse tenuto conto del tempo di ritorno della faglia di Mirandola, in una zona certo a bassa pericolosit&agrave; sismica, ma comunque in cui era dormiente da 300 anni una faglia che si sarebbe riattivata.</p> <p>La stessa situazione nella Regione Marche, come ci dice Tondi, riguarda la zona del pesarese, dove si potrebbe gi&agrave; intervenire con dei progetti di messa in sicurezza pre sisma.</p> <p>La mappa di pericolosit&agrave; sismica &egrave; per&ograve; datata ed &egrave; necessario rivederla ed aggiornarla. E gli strumenti esistono. Ed &egrave; gi&agrave; pronto un progetto per realizzarla a cui necessita per&ograve; il finanziamento necessario, tra l&rsquo;altro non rilevante &ndash; 100 mila euro (!!!) che il Professore sta cercando di reperire.</p> <p>100 mila euro a fronte dei 15 milioni di euro di cui ha parlato in una trasmissione televisiva il sismologo Alessandro Amato, necessari per acquistare strumenti di perforazione del terreno che permettono di studiare con precisione le faglie e attualmente in uso solo in Giappone e in California. Comunque deprimente ascoltare le parole di uno studioso che dichiara che in Italia non ci sono soldi per la ricerca...&nbsp;</p> <p>A quanto pare per&ograve; la Regione Marche sembra non essere interessata a finanziare il progetto di aggiornamento delle mappe di pericolosit&agrave; sismica, dato che allo stato attuale al riguardo tutto tace.</p> <p>A ci&ograve; si aggiunga un'altra circostanza, gi&agrave; segnalata (<a href="https://picchionews.it/cronaca/nominato-il-comitato-tecnico-scientifico-per-la-ricostruzione-non-c-e-la-geologia">https://picchionews.it/cronaca/nominato-il-comitato-tecnico-scientifico-per-la-ricostruzione-non-c-e-la-geologia</a> ), a nostro avviso singolare se non addirittura grave: &nbsp;nella compagine di esperti facenti parte del Comitato Tecnico Scientifico nominati di recente dal commissario Errani c&rsquo;&egrave; un solo professore dell&rsquo;Universit&agrave; di Camerino, esperto di urbanistica e architettura.</p> <p>E c&rsquo;&egrave; un solo geologo.</p> <p>E soprattutto non c&rsquo;&egrave; il professor Tondi, la persona che maggiormente conosce il territorio della Regione Marche in termini di faglie attivabili.</p> <p>A tale riguardo un dubbio &egrave; dunque lecito: che si voglia davvero fare prevenzione nella ricostruzione?</p> <p>Si vogliono mettere le persone giuste al posto giusto?&nbsp;</p> <p class="MsoNormal" style="text-align: justify;">Da quanto sopra non sembra sia cos&igrave;.&nbsp;</p> <p class="MsoNormal" style="text-align: justify;">&nbsp;</p> <p class="MsoNormal" style="text-align: justify;">&nbsp;</p>"
|    |    image = String(47) "1484864485_4636dec00c789c8f27e3bea95374ed16.jpg"
|    )
|    ['5'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10010
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484854020
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484854039
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 2
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(83) "La terra trema ancora e la Russia offre il suo aiuto ai territori colpiti dal sisma"
|    |    slug = String(83) "la-terra-trema-ancora-e-la-russia-offre-il-suo-aiuto-ai-territori-colpiti-dal-sisma"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484854020
|    |    desc = String(1564) "<p>In Italia la terra torna a tremare. E la Russia offre nuova assistenza. Il Ministero russo delle Situazioni di Emergenza ha messo a disposizione il proprio aiuto per far fronte alle conseguenze delle ultime terribili scosse che hanno colpito il Centro Italia. Lo ha riferito il ministro, Vladimir Puchkov, cos&igrave; come riporta l&rsquo;agenzia&nbsp;Tass.</p> <p>&ldquo;Abbiamo comunicato la nostra proposta ai colleghi italiani &ndash; ha detto Puchkov -. Stanno portando avanti un&rsquo;operazione di salvataggio di alto livello e, nel caso lo richiedano, siamo disposti a inviare soccorritori e specialisti&rdquo;.</p> <p>Il ministro ha quindi ricordato che gi&agrave; durante il terremoto dell&rsquo;estate scorsa Mosca aveva inviato i propri uomini nelle zone colpite dalla catastrofe, collaborando alla ricerca di soluzioni per la ricostruzione delle scuole e di altri edifici pubblici, tra cui, ha spiegato Puchkov, un ponte &ldquo;che era stato costruito oltre 500 anni fa&rdquo;.</p> <p>Il 18 gennaio diverse scosse di terremoto hanno nuovamente fatto tremare il Centro Italia, causando una slavina a Farindola, in provincia di Pescara,&nbsp;alle pendici del Gran Sasso,&nbsp;che ha travolto un hotel. Al momento della valanga all'interno della struttura si trovavano trenta persone, fra cui dei bambini. Il maltempo sta complicando l&rsquo;intervento dei soccorritori, che al momento hanno recuperato tre morti.&nbsp;</p>"
|    |    image = String(47) "1484850415_f868ae44fd0aa16d7f1f0c652f14e9f3.jpg"
|    )
|    ['6'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10008
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484852041
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484852538
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 3
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(98) "I carabinieri salvano un'anziana rimasta senza ossigeno a Fiuminata e 30 cavalli a Frontignano"
|    |    slug = String(26) "emergenza-neve-carabinieri"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484852520
|    |    desc = String(4807) "<p align="JUSTIFY">Le forti nevicate che hanno interessato tutta la Regione ed in particolar modo le localit&agrave; ed i borghi dell'epicentro del sisma di fine ottobre hanno creato particolari disagi alle popolazioni gi&agrave; duramente provate dagli effetti del terremoto.&nbsp;Gli interventi pi&ugrave; frequenti dei carabinieri della Compagnia di Camerino hanno sicuramente riguardato la viabilit&agrave;; numerosi infatti sono stati quelli di assistenza agli automobilisti rimasti in panne con i propri mezzi, tra i quali anche diversi mezzi pesanti giunti nella zona per consegnare container o casette di legno da destinare agli sfollati. Non sono mancate le contestazioni per coloro che, incuranti dell&rsquo;obbligo imposto dal Codice della Strada (fuori dai centri abitati sulle principali vie di comunicazione) e dalle varie ordinanze comunali (nei centri abitati), si sono posti in viaggio senza i prescritti equipaggiamenti: a questi veicoli veniva inibita la circolazione per evitare sia eventuali blocchi alla viabilit&agrave; sia possibili incidenti, visto il manto stradale reso viscido dalla neve e dal ghiaccio, nonostante i continui passaggi di mezzi spazzaneve e spargisale.</p> <p align="JUSTIFY">Diversi i casi di persone, soprattutto le pi&ugrave; anziane, rimaste bloccate dalle copiose nevicate e soccorse dai Carabinieri che in molte circostanze hanno materialmente aiutato anche a montare le catene da neve. &Egrave; stato anche organizzato un monitoraggio per cercare di individuare possibili abitazioni isolate o persone in difficolt&agrave;, prestando soccorso ad alcuni malati che, rimasti bloccati nelle loro abitazioni, non potevano raggiungere il centro dove sistematicamente dovevano sottoporsi a necessarie cure, o perch&eacute; necessitavano di medicinali, in taluni casi anche salva-vita.</p> <p align="JUSTIFY">Questi solo alcuni dei numerosi interventi effettuati dai militari:</p> <ul> <li> <p align="JUSTIFY">nella serata di ieri, in Fiuminata, i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti in localit&agrave; Laverino dove hanno aiutato del personale paramedico, che non riusciva a raggiungere con il mezzo l&rsquo;abitazione di un&rsquo;anziana, a consegnare una bombola essenziale per la ossigenoterapia cui &egrave; sottoposta la donna malata.</p> </li> <li> <p align="JUSTIFY">Nel pomeriggio di ieri, sempre nel territorio di Fiuminata, i Carabinieri della locale Stazione e del BTG Puglia hanno soccorso una famiglia, tra cui una bambina di 5 anni, che a causa della neve era uscita di strada finendo con l&rsquo;auto nella vicina scarpata. Legato il veicolo al fuoristrada dell&rsquo;Arma riuscivano a riportarlo sulla carreggiata permettendo al nucleo famigliare di poter riprendere il viaggio.</p> </li> <li> <p align="JUSTIFY">Nella serata di ieri, i Carabinieri di Pieve Torina e di Ussita sono intervenuti in assistenza ad alcuni allevatori locali per aiutarli a raggiungere i propri animali al freddo e senza cibo da ormai due giorni.</p> </li> <li>Nel corso della notte i Carabinieri della Stazione di Serravalle di Chienti, del Nucleo Radiomobile e dei Battaglioni Piemonte, Veneto e Puglia, hanno lavorato incessantemente per soccorrere diversi mezzi pesanti che hanno bloccato la SS.77 nel tratto Camerino-Sfercia-Colfiorito collaborando con il personale ANAS e della Provincia di Macerata per mettere in sicurezza la situazione.</li> </ul> <ul> <li> <p align="JUSTIFY">Nella giornata di ieri, a Muccia, i Carabinieri di Serravalle di Chienti e della cucina da campo del BTG Puglia sono intervenuti a sostegno di alcune famiglie di sfollati, rimaste senza corrente elettrica per diverse ore, portando loro viveri e bevande calde.</p> </li> <li> <p align="JUSTIFY">Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Serravalle hanno fornito aiuto ausilio ai mezzi provinciali per raggiungere un&rsquo;abitazione isolata nella frazione Civitella e permettere il recupero di un&rsquo;anziana 98enne defunta per cause naturali.</p> </li> <li> <p align="JUSTIFY">Nella giornata odierna, la motoslitta dei Carabinieri della stazione di Ussita &egrave; intervenuta nella zona di Frontignano per il recupero di circa 30 capi equini dispersi tra la neve.</p> </li> </ul> <p>&nbsp;</p> <p align="JUSTIFY">&nbsp;</p>"
|    |    image = String(47) "1484848440_d8e95d2647b6857c3daa74c5a5f44a92.jpg"
|    )
|    ['7'] Object
|    (
|    |    id = Integer(5) 10000
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484844815
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484847937
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 4
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(88) "Pievebovigliana, crollano tensostrutture per la neve. Distrutta quella della Croce Rossa"
|    |    slug = String(74) "pievebovigliana-crollano-tensostrutture-distrutta-quella-della-croce-rossa"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484847840
|    |    desc = String(1480) "<p>Continuano i disagi legati al maltempo nei comuni dell'entroterra maceratese. Le forti nevicate hanno aggravato una situazione gi&agrave; resa critica dai recenti eventi legati al sisma.</p> <p>Crolli di tensostrutture si sono verificati a Pievebovigliana (Valfornace).</p> <p>"Durante la notte - racconta Sandro Luciani, ex sindaco di Pievebovigliana - , a causa del peso della neve, &egrave; crollata la tensostruttura della CRI adibita a cucina e mensa, posizionata proprio accanto al palazzetto, nella parte adibita a mensa. Ora i pasti verranno serviti all'interno del palazzetto. Un altro crollo riguarda la tensostruttura dell'azienda agricola Aureli Maccari, all'interno della quale stazionava un camper di propriet&agrave; della famiglia&nbsp; e utilizzato dalle figlie, che durante il crollo si trovavano fuori, per dormire, diversi attrezzi agricoli e circa 800 quintali di cereali per gli animali. Purtroppo la neve, cadendo, ha bagnato i cereali e il crollo ha danneggiato fortemente anche il camper. Al momento sono ancora in corso le manovre per il recupero degli attrezzi non danneggiati".</p> <p>"Inoltre - continua Luciani - abbiamo ancora due frazioni, San Giusto e Frontillo, che non sono state raggiunte dalla corrente elettrica. Probabilmente anche il ripetitore ha subito danni perch&eacute; siamo da alcuni giorni senza televisione".</p>"
|    |    image = String(47) "1484841214_c88462e085178ebcc762c9e96b4949c2.jpg"
|    )
|    ['8'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9994
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484837846
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484843927
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    |    id = Integer(1) 2
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(73) "San Severino, resta aperto il centro d'accoglienza per la popolazione"
|    |    slug = String(68) "san-severino-resta-aperto-il-centro-d-accoglienza-per-la-popolazione"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484843700
|    |    desc = String(685) "<p>Rester&agrave; aperto anche la prossima notte il Centro di accoglienza allestito dal Comune di San Severino Marche nella vecchia palestra dell&rsquo;Istituto comprensivo &ldquo;Padre Tacchi Venturi&rdquo; per ospitare la popolazione dopo il susseguirsi delle nuove scosse di terremoto.</p> <p>La struttura sar&agrave; aperta alle 20,30. Al suo interno Protezione Civile e Croce Rossa Italiana hanno gi&agrave; allestito brandine con lenzuola e coperte. I volontari garantiranno anche la necessaria assistenza alla popolazione.</p> <p>&nbsp;</p> <p align="JUSTIFY">&nbsp;</p>"
|    |    image = String(47) "1484834246_af9546cfd4a12dd2dd7377f0db208939.jpg"
|    )
|    ['9'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9998
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484843044
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484844394
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    |    id = Integer(1) 5
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(87) "Sisma, c'è anche un ragazzo di Pioraco tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano"
|    |    slug = String(73) "sisma-c-e-anche-un-ragazzo-di-pioraco-tra-i-dispersi-dell-hotel-rigopiano"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484843040
|    |    desc = String(721) "<p>C&rsquo;&egrave; anche un ragazzo&nbsp;di 32 anni, di Pioraco, Emanuele Bonifazi, tra i dispersi dell&rsquo;hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) che &egrave; stato travolto da una valanga.</p> <p>Il ragazzo &egrave; uno dei dipendenti dell'hotel, da circa quattro anni.</p> <p>I genitori, appena appresa la notizia, sono immediatamente partiti per l&rsquo;Abruzzo. Il ragazzo era molto conosciuto a Pioraco, cos&igrave; come il padre Egidio, coordinatore della protezione civile.</p> <p>Tra i dispersi anche Marco Tanda, 25 anni,&nbsp; residente a Macerata.</p> <p>(servizio in aggiornamento)</p>"
|    |    image = String(47) "1484839461_e314ba37afac4524c2301db82269a688.jpg"
|    )
|    ['10'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9990
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484836968
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484836971
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 2
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(58) "Nuova sequenza sismica, oltre 500 scosse in meno di 24 ore"
|    |    slug = String(57) "nuova-sequenza-sismica-oltre-500-scosse-in-meno-di-24-ore"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484836920
|    |    desc = String(4768) "<p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><strong>La sequenza sismica continua con un numero complessivo di scosse superiore alle 47.000 dal 24 agosto 2016</strong>. Alle ore&nbsp;<strong>11.00</strong>&nbsp;di oggi, 19 gennaio, sono circa&nbsp;<strong>960 i terremoti di magnitudo compresa tra 3 e 4, 57</strong>&nbsp;quelli di&nbsp;<strong>magnitudo compresa tra 4 e 5 e 9 quelli di magnitudo maggiore o uguale a 5</strong>, localizzati dalla&nbsp;<a style="color: #000000; text-decoration: none; outline: none;" href="https://ingvterremoti.wordpress.com/il-monitoraggio-sismico/" target="_blank">Rete Sismica Nazionale</a>&nbsp;dell&rsquo;Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).</p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">Nella mappa sotto l&rsquo;evoluzione della sequenza dal 24 agosto 2016 ad oggi. I terremoti delle ultime 72 ore sono evidenziati con un colore diverso dal blu.</p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><img src="https://picchio.logico.cloud/data/img_post/1484833233_07a4908ddf75f18fb755082a929217fe.jpg" alt="" width="608" height="431" /></p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">&nbsp;</p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><span style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">Da ieri, 18 gennaio, la sequenza &egrave; molto attiva tra le province dell&rsquo;Aquila (Montereale, Pizzoli, Capitignano, Campotosto, Cagnano Amiterno) e Rieti (Amatrice) e in quella zona l&rsquo;INGV ha localizzato complessivamente&nbsp;</span><strong style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">circa 500 eventi sismici</strong><span style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">: circa 55 i terremoti di&nbsp;</span><strong style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">magnitudo compresa tra 3 e 4, 7</strong><span style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">&nbsp;quelli di magnitudo compresa tra&nbsp;</span><strong style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;">4 e 5 e 4 quelli di magnitudo maggiore o uguale a 5.</strong></p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><strong style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><img src="https://picchio.logico.cloud/data/img_post/1484833159_92a75b376a1bad92fa29fbc99f55118b.jpg" alt="" width="596" height="441" /></strong></p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><strong style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><em style="font-size: 13.6px; font-weight: normal; line-height: 23.12px;">L&rsquo;area della sequenza in Italia centrale che si&nbsp; &egrave; attivata ieri con i quattro eventi di magnitudo maggiore di 5.0 (le stelle bianche) tra Montereale, Pizzoli, Capitignano, Campotosto, Cagnano Amiterno e Amatrice.</em></strong></p> <p style="margin: 10px 0px; padding: 0px; font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><strong style="font-size: 13.6px; line-height: 23.12px;"><em style="font-size: 13.6px; font-weight: normal; line-height: 23.12px;"><img src="https://picchio.logico.cloud/data/img_post/1484833211_5362633fbe7db7da783684c11527abd0.jpg" alt="" width="608" height="431" /></em></strong></p> <p><strong><span style="font-family: calibri, sans-serif; border: 1pt none windowtext; padding: 0cm;">&nbsp;</span></strong></p>"
|    |    image = String(47) "1484833368_d4f0c3efcacfa193962a12ee7cfcc704.jpg"
|    )
|    ['11'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9984
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484829454
|    |    |    author = String(2) "18"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484831421
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 9
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(83) "Due coraggiosi "angeli" salvano una coppia di anziani isolata a San Ginesio"
|    |    slug = String(76) "due-coraggiosi-angeli-raggiungono-la-coppia-di-anziani-isolata-a-san-ginesio"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484831340
|    |    desc = String(1670) "<p>Dopo ore ed ore di cammino tra due metri di neve, dopo due giorni di telefonate agli uffici del comune,&nbsp;al sindaco, ai funzionari, alla protezione civile,&nbsp;ai vigili del fuoco, all'Enel, il grande aiuto &egrave; partito proprio dalla redazione di Picchio News che ha&nbsp;subito attivato la macchina del volontariato.&nbsp;</p> <p>E ieri sera finalmente, due ragazzi soli con la loro Jeep, Diego Giulietti e Leonardo Matteucci, ce l'hanno fatta ed hanno raggiunto una coppia di anziani isolata a San Ginesio.</p> <p>Da soli hanno camminato&nbsp;per ore al buio, al freddo, con i sentieri ormai scomparsi ricoperti da neve ed alberi caduti, incontrando anche animali selvatici in cerca di cibo, e verso le 21.30 di ieri sera sono riusciti nell'impresa.&nbsp;</p> <p>I due anziani, che non vogliono lasciare la loro casa per non abbandonare al loro destino i loro animai, stanno bene: la casa non ha subito lesioni.&nbsp;</p> <p>Tanta paura per&ograve; per la coppia rimasta isolata.&nbsp;</p> <p>"Ci hanno abbandonati".."possibile che non viene nessuno ".."come facciamo non possiamo nemmeno uscire..ci sono due metri di neve.." questo il loro sfogo con i familiari al telefono prima dell'incredibile soccorso.&nbsp;</p> <p>Diego e Leonardo hanno portato delle torce,hanno consegnato tanta legna per scaldarli e del cibo per i loro animali.</p> <p>Eh s&igrave;. Gli angeli esistono. Per fortuna.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p>"
|    |    image = String(47) "1484827053_d34d86448ced589a25a70c4ec0545d59.jpg"
|    )
|    ['12'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9986
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484830310
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484830332
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 3
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(63) "Allarme valanghe sulle aree montane dell'Appennino centrale"
|    |    slug = String(59) "allarme-valanghe-sulle-aree-montane-dell-appennino-centrale"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484830260
|    |    desc = String(908) "<p>Le abbondanti nevicate delle ultime 24-48 ore, associate al vento forte, insieme a quelle previste nelle prossime 24 ore, stanno determinando in tutte le aree montane dell'Appennino centrale (Marche, Abruzzo, Lazio e Molise), un aumento sempre pi&ugrave; significativo del pericolo valanghe attualmente sul grado 'forte' 4 in aumento (il massimo &egrave; 'Molto forte' 5).</p> <p>Le scosse di terremoto in corso nelle aree determinano una ulteriore probabilit&agrave; di provocare il distacco di valanghe. Lo indica il Comando Unit&agrave; Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare Carabinieri. (Ansa)<br style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;" /><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">&nbsp; &nbsp;</span></p>"
|    |    image = String(47) "1484826710_0dff217daeab33d810e19890661f10c5.jpg"
|    )
|    ['13'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9983
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484829185
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484829185
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    |    id = Integer(1) 1
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(49) "Caldarola: senza corrente elettrica da due giorni"
|    |    slug = String(48) "caldarola-senza-corrente-elettrica-da-due-giorni"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484827380
|    |    desc = String(843) "<p>Tre frazioni del comune di Caldarola sono senza corrente elettrica dal 17 gennaio: ''l'allerta meteo &egrave; arrivata una settimana fa, non &egrave; il terremoto, che non puoi prevedere, eppure a Caldarola siamo rimasti senza luce e riscaldamento per 48 ore, e il black-out interessa ancora stamani parte del capoluogo e le tre frazioni''.</p> <p>Luca Maria Giuseppetti &egrave; il sindaco di Caldarola, uno dei comuni del terremoto sul versante maceratese. Anche a Caldarola ''c'&egrave; un metro e mezzo di neve - spiega il sindaco - ma ieri siamo riusciti a raggiungere tutte le frazioni. Ma non sono i sindaci a poter portare la luce, o ripristinare le linee telefoniche, non abbiamo la bacchetta magica''.</p> <p>(Fonte: Ansa)</p>"
|    |    image = String(47) "1484825585_34eb4478b34209c850c11feb5a7310b1.jpg"
|    )
|    ['14'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9978
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484825481
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484825485
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 2
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(59) "Visso, ancora enormi problemi per portare cibo agli animali"
|    |    slug = String(58) "visso-ancora-enormi-problemi-per-portare-cibo-agli-animali"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484825400
|    |    desc = String(1397) "<p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">''Siamo riusciti a raggiungere tutte le frazioni che ieri erano rimaste isolate, salvo Cupi e Macereto, ma abbiamo ancora moltissime difficolt&agrave; nel portare cibo agli animali nelle stalle, dove manca anche l'acqua''. Il sindaco di Visso (Macerata) Giuliano Pazzaglini sta guidando l'auto fra i mezzi della colonna mobile della Lombardia, inviata in soccorso del comune montano dalla Protezione civile nazionale. </span></p> <p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif; line-height: 20px;">''Il manto di neve ha raggiunto un metro e mezzo, ma nelle frazioni ci sono cumulate di tre, quattro metri, ed &egrave; indispensabile avere una turbina. Ho parlato poco fa con il presidente della Regione Luca Ceriscioli - dice Pazzaglini all'ANSA - e mi ha assicurato che una turbina arriver&agrave; qui a breve''. Visso &egrave; raggiungibile solo attraverso la Sp 209, dove si circola con estrema difficolt&agrave; a causa della neve e del ghiaccio. Il maltempo e le scosse di ieri hanno rappresentato un'ulteriore battuta d'arresto per le aziende e alle attivit&agrave; commerciali che stavano faticosamente tentando di ripartire.</span></p>"
|    |    image = String(47) "1484821881_0d432fef761ffb272893b2373db6ba0c.jpg"
|    )
|    ['15'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9973
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484772008
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484778427
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    |    id = Integer(1) 5
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(130) "Il sindaco Paoloni: "Sisma e neve ci stanno mettendo in ginocchio. Abbiamo bisogno di risorse per gestire l'emergenza""
|    |    slug = String(114) "il-sindaco-paoloni-sisma-e-neve-ci-stanno-mettendo-in-ginocchio-abbiamo-bisogno-di-risorse-per-gestire-l-emergenza"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484776800
|    |    desc = String(2174) "<p>"Anche una stalla crollata, ora qualcuno capir&agrave; che bisogna sbrigarsi! Una parte del nostro paese ancora senza corrente! Il tutto con la paura del terremoto ed ancora non abbiamo visto nessuno se non i nostri volontari e dipendenti comunali, quindi come sempre facciamo da soli mentre paesi pressoch&eacute; svuotati e di questo sono dispiaciuto ancora pieni di vigili del fuoco e volontari da fuori. Dare dimostrazione di saper fare autonomamente non paga".</p> <p>&Egrave; lo sfogo del sindaco di Belforte Roberto Paoloni che, dopo la tragica giornata di oggi che ha visto&nbsp;una combinazione di scosse di terremoto e maltempo abbattersi sui comuni gi&agrave; fortemente provati dal sisma degli ultimi mesi, si sfoga dei disagi e delle sofferenze vissute dai suoi concittadini.</p> <p>"La stalla crollata a causa del peso - racconta Paoloni - era del caseificio&nbsp;Di Pietrantonio e fortunatamente non ci sono stati animali coinvolti perch&eacute; sono riusciti a scappare, per&ograve; la situazione per noi &egrave; davvero difficile. Ancora una volta dobbiamo far fronte da soli alle emergenze e va considerato che nel nostro comune la popolazione, dopo il sisma, &egrave; perfino aumentata dato che abbiamo affittato delle case a sfollati. Oggi &egrave; crollata una tensostruttura adibita tra le altre cose ad attivit&agrave; sociali e resto convinto del fatto che, se fossero stati fatti controlli ad hoc, il crollo si sarebbe potuto evitare".</p> <p>"La mia non vuole essere una denuncia - continua il sindaco Paoloni - ma rispondere alle emergenze con le poche forze che abbiamo &egrave; sempre pi&ugrave; difficile e penso che le risorse andrebbero ridistribuite. Ad esempio, per quel che riguarda la tensostruttura, di certo, andr&agrave; smontata, portata via e avremo bisogno di un'altra struttura che sia adatta al clima che c'&egrave; qua perch&eacute;, essendo un comune dell'entroterra maceratese, si sa, d'inverno il rischio di nevicate cospicue c'&egrave;".</p>"
|    |    image = String(47) "1484768408_2252b2bdf967606ec5db21be362fd662.jpg"
|    )
|    ['16'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9961
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484757559
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484757561
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 2
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(54) "La Forestale salva duecento capre a Portola di Fiastra"
|    |    slug = String(54) "la-forestale-salva-duecento-capre-a-portola-di-fiastra"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484757360
|    |    desc = String(649) "<p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif;">I carabinieri forestali di Fiastra (Macerata) sono intervenuti per ripristinare i contatti con un allevamento di 200 capre rimasto isolato a causa della neve nella frazione di Portola. Salvato anche un capriolo in evidente difficolt&agrave;.</span></p> <p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif;"> La situazione per la fauna selvatica &egrave; critica in generale, perch&eacute; a causa della spessa coltre di neve gli animali non riescono ad alimentarsi. (Ansa)</span></p>"
|    |    image = String(47) "1484753958_e2ec59aa2d1ab7647346b314c6240670.jpg"
|    )
|    ['17'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9953
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484750205
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484763529
|    |    |    author = String(2) "23"
|    |    |    id = Integer(2) 11
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(84) "Terremoto e neve, intrappolati sotto una slavina: salvati due dipendenti Anas - FOTO"
|    |    slug = String(80) "terremoto-e-neve-intrappolati-sotto-una-slavina-salvati-due-dipendenti-anas-foto"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484757180
|    |    desc = String(920) "<p>L'emergenza maltempo non d&agrave; tregua e ora a preoccupare sono le slavine di neve.</p> <p>Paura, infatti, per due uomini, due dipendenti Anas, impiegati al servizio viabilit&agrave; della provincia che stanotte sono rimasti intrappolati da una slavina di neve, tra Sarnano e Sassotetto</p> <p>Dapprima si &egrave; tentato di metterli in salvo attraverso l'elicottero ma, fallito il tentativo, i vigili del fuoco e il soccorso alpino hanno provato per ore&nbsp;a liberarli.&nbsp;</p> <p>I due, che erano dentro ad un trattore e per questo hanno resistito al freddo, sono stati tratti in salvo, poco fa, grazie al lavoro congiunto e instancabile di vigili del fuoco e soccorso alpino.</p> <p>(Nell'ultima foto i due dipendenti coinvolti nell'incidente insieme al l'ingegnere della Provincia)</p>"
|    |    image = String(47) "1484755414_948c304ada5ecd35bd695a1b347a05cf.jpg"
|    )
|    ['18'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9960
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484757184
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484757201
|    |    |    author = String(1) "6"
|    |    |    id = Integer(1) 3
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(69) "Incredibile a Pieve Torina: crolla la tensostruttura adibita ad asilo"
|    |    slug = String(68) "incredibile-a-pieve-torina-crolla-la-tensostruttura-adibita-ad-asilo"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484757120
|    |    desc = String(627) "<p>''La neve, forse le scosse di oggi, hanno fatto crollare la tensostruttura provvisoria adibita ad asilo, e che per fortuna era deserta''.<br />&nbsp;&nbsp;&nbsp; Lo dice il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, che &egrave; furioso per la carenza di aiuti ricevuti in questi giorni con l'emergenza neve: ''servono pi&ugrave; Stato e meno burocrazia, altrimenti non so come andremo a finire qui. Ho 35 persone isolate nelle frazioni e non posso raggiungerle''. Secondo il sindaco anche altre tensostrutture si sono abbassate. (Ansa)</p>"
|    |    image = String(47) "1484753584_e31b1eba300258ad234e4b5143c1a5b2.jpg"
|    )
|    ['19'] Object
|    (
|    |    id = Integer(4) 9954
|    |    deleted = Boolean(0) FALSE
|    |    creation Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484753433
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    )
|    |    revision Object
|    |    (
|    |    |    date = Integer(10) 1484754372
|    |    |    author = String(2) "24"
|    |    |    id = Integer(1) 3
|    |    |    iscurrent = Boolean(1) TRUE
|    |    )
|    |    title = String(35) "Sisma, nessuna vittima nelle Marche"
|    |    slug = String(34) "sisma-nessuna-vittima-nelle-marche"
|    |    publish = Boolean(1) TRUE
|    |    date_publish = Integer(10) 1484753400
|    |    desc = String(826) "<p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif;">''Non sono segnalate vittime'' al momento nelle Marche dopo le tre scosse di terremoto di stamani, ma ''il resoconto dei crolli &egrave; reso difficoltoso dalla neve, che in alcune aree ha raggiunto cumuli di 3-4 metri''. </span></p> <p><span style="font-family: Arial, Helvetica, sans-serif;">Lo rende noto la Protezione civile regionale. Tutti i comuni del versante ascolano, maceratese e fermano sono innevati e le nuove scosse hanno innescato una serie di piccole slavine. Trentamila sono le utenze senza corrente elettrica, con le maggiori criticit&agrave; nell'Ascolano. 60 Comuni chiedono turbine e personale (ANSA).</span></p>"
|    |    image = String(47) "1484749903_78abf7dd8af2464214ef8c118fe52742.jpg"
|    )
)
La terra trema ancora e la Russia offre il suo aiuto ai territori colpiti dal sisma

La terra trema ancora e la Russia offre il suo aiuto ai territori colpiti dal sisma

In Italia la terra torna a tremare. E la Russia offre nuova assistenza. Il Ministero russo delle Situazioni di Emergenza ha messo a disposizione il proprio aiuto per far fronte alle conseguenze delle ultime terribili scosse che hanno colpito il Centro Italia. Lo ha riferito il ministro, Vladimir Puchkov, così come riporta l’agenzia Tass. “Abbiamo comunicato la nostra proposta ai colleghi italiani – ha detto Puchkov -. Stanno portando avanti un’operazione di salvataggio di alto livello e, nel caso lo richiedano, siamo disposti a inviare soccorritori e specialisti”. Il ministro ha quindi ricordato che già durante il terremoto dell’estate scorsa Mosca aveva inviato i propri uomini nelle zone colpite dalla catastrofe, collaborando alla ricerca di soluzioni per la ricostruzione delle scuole e di altri edifici pubblici, tra cui, ha spiegato Puchkov, un ponte “che era stato costruito oltre 500 anni fa”. Il 18 gennaio diverse scosse di terremoto hanno nuovamente fatto tremare il Centro Italia, causando una slavina a Farindola, in provincia di Pescara, alle pendici del Gran Sasso, che ha travolto un hotel. Al momento della valanga all'interno della struttura si trovavano trenta persone, fra cui dei bambini. Il maltempo sta complicando l’intervento dei soccorritori, che al momento hanno recuperato tre morti. 

19/01/2017
I carabinieri salvano un'anziana rimasta senza ossigeno a Fiuminata e 30 cavalli a Frontignano

I carabinieri salvano un'anziana rimasta senza ossigeno a Fiuminata e 30 cavalli a Frontignano

Le forti nevicate che hanno interessato tutta la Regione ed in particolar modo le località ed i borghi dell'epicentro del sisma di fine ottobre hanno creato particolari disagi alle popolazioni già duramente provate dagli effetti del terremoto. Gli interventi più frequenti dei carabinieri della Compagnia di Camerino hanno sicuramente riguardato la viabilità; numerosi infatti sono stati quelli di assistenza agli automobilisti rimasti in panne con i propri mezzi, tra i quali anche diversi mezzi pesanti giunti nella zona per consegnare container o casette di legno da destinare agli sfollati. Non sono mancate le contestazioni per coloro che, incuranti dell’obbligo imposto dal Codice della Strada (fuori dai centri abitati sulle principali vie di comunicazione) e dalle varie ordinanze comunali (nei centri abitati), si sono posti in viaggio senza i prescritti equipaggiamenti: a questi veicoli veniva inibita la circolazione per evitare sia eventuali blocchi alla viabilità sia possibili incidenti, visto il manto stradale reso viscido dalla neve e dal ghiaccio, nonostante i continui passaggi di mezzi spazzaneve e spargisale. Diversi i casi di persone, soprattutto le più anziane, rimaste bloccate dalle copiose nevicate e soccorse dai Carabinieri che in molte circostanze hanno materialmente aiutato anche a montare le catene da neve. È stato anche organizzato un monitoraggio per cercare di individuare possibili abitazioni isolate o persone in difficoltà, prestando soccorso ad alcuni malati che, rimasti bloccati nelle loro abitazioni, non potevano raggiungere il centro dove sistematicamente dovevano sottoporsi a necessarie cure, o perché necessitavano di medicinali, in taluni casi anche salva-vita. Questi solo alcuni dei numerosi interventi effettuati dai militari: nella serata di ieri, in Fiuminata, i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti in località Laverino dove hanno aiutato del personale paramedico, che non riusciva a raggiungere con il mezzo l’abitazione di un’anziana, a consegnare una bombola essenziale per la ossigenoterapia cui è sottoposta la donna malata. Nel pomeriggio di ieri, sempre nel territorio di Fiuminata, i Carabinieri della locale Stazione e del BTG Puglia hanno soccorso una famiglia, tra cui una bambina di 5 anni, che a causa della neve era uscita di strada finendo con l’auto nella vicina scarpata. Legato il veicolo al fuoristrada dell’Arma riuscivano a riportarlo sulla carreggiata permettendo al nucleo famigliare di poter riprendere il viaggio. Nella serata di ieri, i Carabinieri di Pieve Torina e di Ussita sono intervenuti in assistenza ad alcuni allevatori locali per aiutarli a raggiungere i propri animali al freddo e senza cibo da ormai due giorni. Nel corso della notte i Carabinieri della Stazione di Serravalle di Chienti, del Nucleo Radiomobile e dei Battaglioni Piemonte, Veneto e Puglia, hanno lavorato incessantemente per soccorrere diversi mezzi pesanti che hanno bloccato la SS.77 nel tratto Camerino-Sfercia-Colfiorito collaborando con il personale ANAS e della Provincia di Macerata per mettere in sicurezza la situazione. Nella giornata di ieri, a Muccia, i Carabinieri di Serravalle di Chienti e della cucina da campo del BTG Puglia sono intervenuti a sostegno di alcune famiglie di sfollati, rimaste senza corrente elettrica per diverse ore, portando loro viveri e bevande calde. Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Serravalle hanno fornito aiuto ausilio ai mezzi provinciali per raggiungere un’abitazione isolata nella frazione Civitella e permettere il recupero di un’anziana 98enne defunta per cause naturali. Nella giornata odierna, la motoslitta dei Carabinieri della stazione di Ussita è intervenuta nella zona di Frontignano per il recupero di circa 30 capi equini dispersi tra la neve.    

19/01/2017
Pievebovigliana, crollano tensostrutture per la neve. Distrutta quella della Croce Rossa

Pievebovigliana, crollano tensostrutture per la neve. Distrutta quella della Croce Rossa

Continuano i disagi legati al maltempo nei comuni dell'entroterra maceratese. Le forti nevicate hanno aggravato una situazione già resa critica dai recenti eventi legati al sisma. Crolli di tensostrutture si sono verificati a Pievebovigliana (Valfornace). "Durante la notte - racconta Sandro Luciani, ex sindaco di Pievebovigliana - , a causa del peso della neve, è crollata la tensostruttura della CRI adibita a cucina e mensa, posizionata proprio accanto al palazzetto, nella parte adibita a mensa. Ora i pasti verranno serviti all'interno del palazzetto. Un altro crollo riguarda la tensostruttura dell'azienda agricola Aureli Maccari, all'interno della quale stazionava un camper di proprietà della famiglia  e utilizzato dalle figlie, che durante il crollo si trovavano fuori, per dormire, diversi attrezzi agricoli e circa 800 quintali di cereali per gli animali. Purtroppo la neve, cadendo, ha bagnato i cereali e il crollo ha danneggiato fortemente anche il camper. Al momento sono ancora in corso le manovre per il recupero degli attrezzi non danneggiati". "Inoltre - continua Luciani - abbiamo ancora due frazioni, San Giusto e Frontillo, che non sono state raggiunte dalla corrente elettrica. Probabilmente anche il ripetitore ha subito danni perché siamo da alcuni giorni senza televisione".

19/01/2017
San Severino, resta aperto il centro d'accoglienza per la popolazione

San Severino, resta aperto il centro d'accoglienza per la popolazione

Resterà aperto anche la prossima notte il Centro di accoglienza allestito dal Comune di San Severino Marche nella vecchia palestra dell’Istituto comprensivo “Padre Tacchi Venturi” per ospitare la popolazione dopo il susseguirsi delle nuove scosse di terremoto. La struttura sarà aperta alle 20,30. Al suo interno Protezione Civile e Croce Rossa Italiana hanno già allestito brandine con lenzuola e coperte. I volontari garantiranno anche la necessaria assistenza alla popolazione.    

19/01/2017
Sisma, c'è anche un ragazzo di Pioraco tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano

Sisma, c'è anche un ragazzo di Pioraco tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano

C’è anche un ragazzo di 32 anni, di Pioraco, Emanuele Bonifazi, tra i dispersi dell’hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) che è stato travolto da una valanga. Il ragazzo è uno dei dipendenti dell'hotel, da circa quattro anni. I genitori, appena appresa la notizia, sono immediatamente partiti per l’Abruzzo. Il ragazzo era molto conosciuto a Pioraco, così come il padre Egidio, coordinatore della protezione civile. Tra i dispersi anche Marco Tanda, 25 anni,  residente a Macerata. (servizio in aggiornamento)

19/01/2017
Nuova sequenza sismica, oltre 500 scosse in meno di 24 ore

Nuova sequenza sismica, oltre 500 scosse in meno di 24 ore

La sequenza sismica continua con un numero complessivo di scosse superiore alle 47.000 dal 24 agosto 2016. Alle ore 11.00 di oggi, 19 gennaio, sono circa 960 i terremoti di magnitudo compresa tra 3 e 4, 57 quelli di magnitudo compresa tra 4 e 5 e 9 quelli di magnitudo maggiore o uguale a 5, localizzati dalla Rete Sismica Nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Nella mappa sotto l’evoluzione della sequenza dal 24 agosto 2016 ad oggi. I terremoti delle ultime 72 ore sono evidenziati con un colore diverso dal blu.   Da ieri, 18 gennaio, la sequenza è molto attiva tra le province dell’Aquila (Montereale, Pizzoli, Capitignano, Campotosto, Cagnano Amiterno) e Rieti (Amatrice) e in quella zona l’INGV ha localizzato complessivamente circa 500 eventi sismici: circa 55 i terremoti di magnitudo compresa tra 3 e 4, 7 quelli di magnitudo compresa tra 4 e 5 e 4 quelli di magnitudo maggiore o uguale a 5. L’area della sequenza in Italia centrale che si  è attivata ieri con i quattro eventi di magnitudo maggiore di 5.0 (le stelle bianche) tra Montereale, Pizzoli, Capitignano, Campotosto, Cagnano Amiterno e Amatrice.  

19/01/2017
Due coraggiosi "angeli" salvano una coppia di anziani isolata a San Ginesio

Due coraggiosi "angeli" salvano una coppia di anziani isolata a San Ginesio

Dopo ore ed ore di cammino tra due metri di neve, dopo due giorni di telefonate agli uffici del comune, al sindaco, ai funzionari, alla protezione civile, ai vigili del fuoco, all'Enel, il grande aiuto è partito proprio dalla redazione di Picchio News che ha subito attivato la macchina del volontariato.  E ieri sera finalmente, due ragazzi soli con la loro Jeep, Diego Giulietti e Leonardo Matteucci, ce l'hanno fatta ed hanno raggiunto una coppia di anziani isolata a San Ginesio. Da soli hanno camminato per ore al buio, al freddo, con i sentieri ormai scomparsi ricoperti da neve ed alberi caduti, incontrando anche animali selvatici in cerca di cibo, e verso le 21.30 di ieri sera sono riusciti nell'impresa.  I due anziani, che non vogliono lasciare la loro casa per non abbandonare al loro destino i loro animai, stanno bene: la casa non ha subito lesioni.  Tanta paura però per la coppia rimasta isolata.  "Ci hanno abbandonati".."possibile che non viene nessuno ".."come facciamo non possiamo nemmeno uscire..ci sono due metri di neve.." questo il loro sfogo con i familiari al telefono prima dell'incredibile soccorso.  Diego e Leonardo hanno portato delle torce,hanno consegnato tanta legna per scaldarli e del cibo per i loro animali. Eh sì. Gli angeli esistono. Per fortuna.   

19/01/2017
Allarme valanghe sulle aree montane dell'Appennino centrale

Allarme valanghe sulle aree montane dell'Appennino centrale

Le abbondanti nevicate delle ultime 24-48 ore, associate al vento forte, insieme a quelle previste nelle prossime 24 ore, stanno determinando in tutte le aree montane dell'Appennino centrale (Marche, Abruzzo, Lazio e Molise), un aumento sempre più significativo del pericolo valanghe attualmente sul grado 'forte' 4 in aumento (il massimo è 'Molto forte' 5). Le scosse di terremoto in corso nelle aree determinano una ulteriore probabilità di provocare il distacco di valanghe. Lo indica il Comando Unità Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare Carabinieri. (Ansa)   

19/01/2017
Caldarola: senza corrente elettrica da due giorni

Caldarola: senza corrente elettrica da due giorni

Tre frazioni del comune di Caldarola sono senza corrente elettrica dal 17 gennaio: ''l'allerta meteo è arrivata una settimana fa, non è il terremoto, che non puoi prevedere, eppure a Caldarola siamo rimasti senza luce e riscaldamento per 48 ore, e il black-out interessa ancora stamani parte del capoluogo e le tre frazioni''. Luca Maria Giuseppetti è il sindaco di Caldarola, uno dei comuni del terremoto sul versante maceratese. Anche a Caldarola ''c'è un metro e mezzo di neve - spiega il sindaco - ma ieri siamo riusciti a raggiungere tutte le frazioni. Ma non sono i sindaci a poter portare la luce, o ripristinare le linee telefoniche, non abbiamo la bacchetta magica''. (Fonte: Ansa)

19/01/2017
Visso, ancora enormi problemi per portare cibo agli animali

Visso, ancora enormi problemi per portare cibo agli animali

''Siamo riusciti a raggiungere tutte le frazioni che ieri erano rimaste isolate, salvo Cupi e Macereto, ma abbiamo ancora moltissime difficoltà nel portare cibo agli animali nelle stalle, dove manca anche l'acqua''. Il sindaco di Visso (Macerata) Giuliano Pazzaglini sta guidando l'auto fra i mezzi della colonna mobile della Lombardia, inviata in soccorso del comune montano dalla Protezione civile nazionale. ''Il manto di neve ha raggiunto un metro e mezzo, ma nelle frazioni ci sono cumulate di tre, quattro metri, ed è indispensabile avere una turbina. Ho parlato poco fa con il presidente della Regione Luca Ceriscioli - dice Pazzaglini all'ANSA - e mi ha assicurato che una turbina arriverà qui a breve''. Visso è raggiungibile solo attraverso la Sp 209, dove si circola con estrema difficoltà a causa della neve e del ghiaccio. Il maltempo e le scosse di ieri hanno rappresentato un'ulteriore battuta d'arresto per le aziende e alle attività commerciali che stavano faticosamente tentando di ripartire.

19/01/2017
Il sindaco Paoloni: "Sisma e neve ci stanno mettendo in ginocchio. Abbiamo bisogno di risorse per gestire l'emergenza"

Il sindaco Paoloni: "Sisma e neve ci stanno mettendo in ginocchio. Abbiamo bisogno di risorse per gestire l'emergenza"

"Anche una stalla crollata, ora qualcuno capirà che bisogna sbrigarsi! Una parte del nostro paese ancora senza corrente! Il tutto con la paura del terremoto ed ancora non abbiamo visto nessuno se non i nostri volontari e dipendenti comunali, quindi come sempre facciamo da soli mentre paesi pressoché svuotati e di questo sono dispiaciuto ancora pieni di vigili del fuoco e volontari da fuori. Dare dimostrazione di saper fare autonomamente non paga". È lo sfogo del sindaco di Belforte Roberto Paoloni che, dopo la tragica giornata di oggi che ha visto una combinazione di scosse di terremoto e maltempo abbattersi sui comuni già fortemente provati dal sisma degli ultimi mesi, si sfoga dei disagi e delle sofferenze vissute dai suoi concittadini. "La stalla crollata a causa del peso - racconta Paoloni - era del caseificio Di Pietrantonio e fortunatamente non ci sono stati animali coinvolti perché sono riusciti a scappare, però la situazione per noi è davvero difficile. Ancora una volta dobbiamo far fronte da soli alle emergenze e va considerato che nel nostro comune la popolazione, dopo il sisma, è perfino aumentata dato che abbiamo affittato delle case a sfollati. Oggi è crollata una tensostruttura adibita tra le altre cose ad attività sociali e resto convinto del fatto che, se fossero stati fatti controlli ad hoc, il crollo si sarebbe potuto evitare". "La mia non vuole essere una denuncia - continua il sindaco Paoloni - ma rispondere alle emergenze con le poche forze che abbiamo è sempre più difficile e penso che le risorse andrebbero ridistribuite. Ad esempio, per quel che riguarda la tensostruttura, di certo, andrà smontata, portata via e avremo bisogno di un'altra struttura che sia adatta al clima che c'è qua perché, essendo un comune dell'entroterra maceratese, si sa, d'inverno il rischio di nevicate cospicue c'è".

18/01/2017
La Forestale salva duecento capre a Portola di Fiastra

La Forestale salva duecento capre a Portola di Fiastra

I carabinieri forestali di Fiastra (Macerata) sono intervenuti per ripristinare i contatti con un allevamento di 200 capre rimasto isolato a causa della neve nella frazione di Portola. Salvato anche un capriolo in evidente difficoltà. La situazione per la fauna selvatica è critica in generale, perché a causa della spessa coltre di neve gli animali non riescono ad alimentarsi. (Ansa)

18/01/2017
Terremoto e neve, intrappolati sotto una slavina: salvati due dipendenti Anas - FOTO

Terremoto e neve, intrappolati sotto una slavina: salvati due dipendenti Anas - FOTO

L'emergenza maltempo non dà tregua e ora a preoccupare sono le slavine di neve. Paura, infatti, per due uomini, due dipendenti Anas, impiegati al servizio viabilità della provincia che stanotte sono rimasti intrappolati da una slavina di neve, tra Sarnano e Sassotetto Dapprima si è tentato di metterli in salvo attraverso l'elicottero ma, fallito il tentativo, i vigili del fuoco e il soccorso alpino hanno provato per ore a liberarli.  I due, che erano dentro ad un trattore e per questo hanno resistito al freddo, sono stati tratti in salvo, poco fa, grazie al lavoro congiunto e instancabile di vigili del fuoco e soccorso alpino. (Nell'ultima foto i due dipendenti coinvolti nell'incidente insieme al l'ingegnere della Provincia)

18/01/2017
Incredibile a Pieve Torina: crolla la tensostruttura adibita ad asilo

Incredibile a Pieve Torina: crolla la tensostruttura adibita ad asilo

''La neve, forse le scosse di oggi, hanno fatto crollare la tensostruttura provvisoria adibita ad asilo, e che per fortuna era deserta''.    Lo dice il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, che è furioso per la carenza di aiuti ricevuti in questi giorni con l'emergenza neve: ''servono più Stato e meno burocrazia, altrimenti non so come andremo a finire qui. Ho 35 persone isolate nelle frazioni e non posso raggiungerle''. Secondo il sindaco anche altre tensostrutture si sono abbassate. (Ansa)

18/01/2017
Sisma, nessuna vittima nelle Marche

Sisma, nessuna vittima nelle Marche

''Non sono segnalate vittime'' al momento nelle Marche dopo le tre scosse di terremoto di stamani, ma ''il resoconto dei crolli è reso difficoltoso dalla neve, che in alcune aree ha raggiunto cumuli di 3-4 metri''. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Tutti i comuni del versante ascolano, maceratese e fermano sono innevati e le nuove scosse hanno innescato una serie di piccole slavine. Trentamila sono le utenze senza corrente elettrica, con le maggiori criticità nell'Ascolano. 60 Comuni chiedono turbine e personale (ANSA).

18/01/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433