Monte San Giusto

Juniores, sconfitta amara per la Sangiustese: contro il Montegiorgio è 1-2

Juniores, sconfitta amara per la Sangiustese: contro il Montegiorgio è 1-2

Il cucchiaio dal dischetto di Mateucci illude la Juniores Nazionale rossoblù che, dopo aver chiuso in vantaggio la prima frazione, subisce nella ripresa un micidiale 1-2 che fa pendere l’ago della bilancia del derby dalla parte del Montegiorgio. Di Gentili (tiro respinto che si impennava sotto la traversa) e Meijas (a tu per tu con Piergiacomi lo trafiggeva con una ripartenza letale dopo un palo per i locali) le reti dei ragazzi di mister Di Stefano che nel pomeriggio hanno espugnato il Ferruccio Orselli di Potenza Picena. “Purtroppo – ha commentato mister Zazzetta – un copia e incolla delle gare precedenti sia in positivo che in negativo. Dopo essere passati in vantaggio nei primi 45’ grazie al gol su rigore di Matteucci (fallo di mano dopo una bella azione corale con Tanzi che stava andando al tiro), come al solito 15’ di blackout generale hanno compromesso il risultato. Attimi in cui sembra che nessuno riesca più a tenere in fase difensiva non solo la posizione, ma anche un atteggiamento. Sul fronte opposto invece abbiamo creato tanto, con un gol annullato a Pomili, un palo preso da Matteucci, oltre a due occasioni d’oro capitate sui piedi di Cheddira e purtroppo non sfruttate. In generale comunque abbiamo condotto una gara attenta e precisa, tecnicamente di buon livello. Al cospetto di una squadra con qualche anno in più sulle spalle e ben organizzata abbiamo fatto una bella figura, senza però ottenere nessun premio. Infine, oggi, oltre a Polidori, ha esordito titolare un altro 2004, il portiere Piergiacomi”. SANGIUSTESE – MONTEGIORGIO 1-2 SANGIUSTESE: Piergiacomi, Tombolini, Muzi (30’ st Giulianelli), Polidori (24’ st Pomili), Guzzini, Lisciani, Bertarelli (12’ st Avallone), Ercoli, Tanzi (24’ st Cheddira), Mateucci, M’binte (6’ st Rogani). A disposizione: Finori, Sulo, Carminucci, Militello. Allenatore Massimiliano Zazzetta. MONTEGIORGIO: Del Papa, Monti, Marziali (25’ st Torresi), Mennecozzi, Spinelli, Tassotti,Meijas (40’ st Cutonilli), Moreschini (15’ st Gentili), Tacchetti (11’ st Macchini), Amici (18’ st Tamburrini), Silenzi. A disposizione: Vallati, Marcattili, Manrique. Allenatore: Massimo Di Stefano. ARBITRO: Sig. Chiariotti della sezione di Macerata. ASSISTENTI: Sig. Ballardini della sezione di Macerata e Sig. Pellerino della sezione di Macerata. RETI: 46’ pt Mateucci (rig), 19’ st Gentili, 21’ st Meijas.

09/11/2019
Valdichienti Ponte, nasce la collaborazione con il Chievo per il calcio femminile

Valdichienti Ponte, nasce la collaborazione con il Chievo per il calcio femminile

Il Chievo Verona e il Valdichienti Ponte insieme per un nuovo progetto sul calcio femminile, nato da un'idea delle sangiustesi Chiara ed Elisa Cinti.  Chiara ed Elisa sono due di tre gemelle sangiustesi doc con una grande passione per il calcio. Sin da piccoline lo hanno praticato nelle squadre della zona, per poi trasferirsi alla Jesina dove vi era una delle poche società di calcio a undici femminile delle Marche. Dopo la trafila nelle giovanili e qualche apparizione in prima squadra, hanno proseguito il loro viaggio con il Rivera di Romagna e il Sant’Arcangelo. Chiara ha dovuto interrompere forzatamente la sua carriera per via di un serio infortunio al ginocchio. Stessa beffarda sorte qualche tempo dopo per Elisa che tuttavia non si è persa d’animo, e ha continuato a giocare con Mantova e Chievo Fortitudo Women. Da quest’anno entrambe hanno deciso di appendere le scarpette al chiodo. Decisione momentanea, dice chi le conosce bene. Resta il fatto che il loro interesse per il calcio resta inalterato. Tanto che, nel loro paese natale, Monte San Giusto, e con la collaborazione della società sportiva Valdichienti Ponte, nella quale hanno trovato ben presto una spalla ideale per proseguire il loro sogno, hanno pensato di realizzare un settore giovanile femminile che possa fungere da riferimento per tutte quelle ragazze che, come loro, condividono l’amore per il mondo del pallone. Gli step fondamentali del progetto si intrecciano anche alla dimensione scolastica, dove Chiara ed Elisa stanno effettuando un camp di promozione con sempre più riscontri da parte di tante bambine. Ma l’aspetto più interessante, indubbiamente, è l’affiliazione resa ufficiale negli scorsi giorni con il Chievo Fortitudo Women (squadra in rosa che opera in Veneto), società nell’orbita dello storico club professionistico Chievo Verona.  Con queste due realtà il Valdichienti Ponte intende collaborare fattivamente per porre delle solidi basi di calcio femminile nel territorio sangiustese e più in generale marchigiano. Nei prossimi giorni verranno organizzati degli open day di allenamento presso l’impianto di Villa San Filippo.

07/11/2019
Monte San Giusto, in scena il dialetto marchigiano sabato 9 novembre al Teatro Durastante

Monte San Giusto, in scena il dialetto marchigiano sabato 9 novembre al Teatro Durastante

Continua al Teatro Durastante di Monte San Giusto la rassegna “Dialetti Marchigiani a confronto” organizzata dalla Federazione Italiana Teatro Amatori con il patrocinio della Regione Marche e del Comune di Monte San Giusto. Sabato 9 novembre alle ore 21:00 sarà in scena lo spettacolo del Teatro Accademia di Pesaro "C’era na volta… i mirecol de Sant’Anna", di Paolo Cappelloni. Una storia che affonda le radici all'inizio del secolo scorso, quando nel 1913 l'allora sindaco della città di Pesaro decise di abbattere le mura roveresche della città per dar modo di ampliare l'antico borgo. Una decisione che si rivela da subito infausta, perchè attaccate alle mura vi erano anche delle abitazioni che avrebbero dovuto seguire la stessa sorte: la demolizione. Tra queste, la sartoria di Antonia Rupetti, che con le sue lavoranti rischierebbe lo sfratto. Un misero destino al quale va data una risposta. Cosa fare? Saranno le donne pesaresi a trovare una brillante soluzione. La rassegna teatrale in dialetto proseguirà venerdì 15 novembre con la compagnia Teatroclub Amedeo Gubinelli di San Severino Marche che presenterà “capita a 50…figurate a 20”, mentre sabato 23 novembre si terrà la premiazione finale e lo spettacolo della Compagnia di Avenale “La famiglia”. La giuria tecnica che eleggerà il miglior spettacolo sarà presieduta dal Prof. Fabio Serpilli, grande esperto di dialetti marchigiani. Sulla pagina facebook di Fita Marche le informazioni generali e le descrizioni dei singoli spettacoli in calendario. Il biglietto d'ingresso è di sette euro.

06/11/2019
La doppietta di Pomiro regala il pareggio alla Sangiustese contro il Chieti

La doppietta di Pomiro regala il pareggio alla Sangiustese contro il Chieti

Non si interrompe la mini-striscia positiva della Sangiustese che sotto di due reti nella prima frazione riesce nella ripresa a riequilibrare il risultato e grazie alla doppietta di Pomiro a chiudere sul 2-2, strappando un punto di platino.Un Chieti tutt’altro che arrendevole è infatti sceso al Polisportivo a far visita ad una rimaneggiata Sangiustese, cercando alla seconda trasferta consecutiva una vittoria che mancava in casa teatina dal 15 settembre. Assenti Perfetti, Pezzotti e Mengoni tra le fila dei locali, mister Senigagliesi conferma il 4-3-3 delle ultime uscite inserendo però Proesmans dal primo minuto, Scognamiglio a far coppia dietro con capitan Patrizi, Bambozzi in mediana e Boschetti sull’esterno. Gli ospiti, out Vittiglio per infortunio e Ricci per squalifica, ritrovava invece due pedine importanti: un provvidenziale Traini davanti e l’affidabile difensore Venneri dietro. Piccola curiosità: tutte da palla inattiva le reti odierne.Partenza a spron battuto del Chieti che guadagna dopo pochi minuti il primo angolo e al secondo tentativo dalla bandierina fa centro con l’ex Civitanovese Traini, lesto a spedire in fondo al sacco una palla già più volte provvidenzialmente respinta sulla linea di porta. La squadra di casa inizia pian piano a pendere il pallino del gioco provando a guadagnare metri e morale con la sua rete di passaggi. L’accelerazione di Proesmans dà il la per la prima sortita dalle parti di Camerlengo, il quale sugli sviluppi di un corner non trattiene la semi-rovesciata di Palladini, ma viene comunque aiutato dalla difesa a liberare. Un altro corner risulta invece fatale per la Sangiustese ed è ancora il gigante Traini che, ricevuta una sponda, indisturbato nel cuore dell’area trafigge Chiodini per il raddoppio nero-verde prima della mezz’ora, chiudendo di fatto la prima frazione.Nella ripresa mister Senigagliesi si gioca la carta del match winner di Montegiorgio Pomiro, dando inoltre respiro a Romano, Boschetti e Basconi grazie alle forze fresche di Niane, Manari ed Orazzo. Mister Grandoni richiama invece un acciaccato bomber Traini per inserire Di Marco. Sono state però poche le azioni pericolose create su entrambi i fronti.Nella prima mezz’ora del secondo tempo si registrano solo due calci d’angolo per il Chieti, mentre per il resto la manovra risulta sterile. Il match cambia volto e si rivitalizzava al 30’ st, quando, dopo un velleitario tentativo dalla distanza di Palladini, sale in cattedra il gaucho Pomiro che, dopo aver infuso vivacità e ritmo, prima accorcia le distanze dal dischetto e, dopo essere andato in più occasioni vicino al meritato pari su azione, con una magistrale punizione insacca il 2-2 finale. CHIETI (5-3-2): Camerlengo, Paneccasio (27’ st Marzola), Brattelli, Venneri, Fantauzzi, Brugaletta, Milizia, Mazzolli, Traini (12’ st Di Marco), Bruni (34’ st Bruschi), Bacigalupo. A disposizione: Andrei, Vedovato, Gautieri, Lupo, Catalli, Tacchi. Allenatore: Alessandro Grandoni.SANGIUSTESE (4-3-3): Chiodini, Zannini, Basconi (7’ st Orazzo), Bambozzi (5’ st Pomiro), Patrizi, Scognamiglio, Boschetti (12’ st Manari), Proesmans, Mingiano, Palladini Alessio, Romano (10’ st Niane). A disposizione: Raccio, Cerbone, Doci, Ercoli, Palladini Mattia. Allenatore: Stefano Senigagliesi.ARBITRO: Sig. Nicoló Dorillo della sezione di Torino.ASSISTENTI: Sig.ri Luigi Ingenito della sezione di Piombino e Andrea Pacifici della sezione di ArezzoRETI: 7’ pt e 27’ pt Traini, 33’ st e 42’ st Pomiro (rig).NOTE: corner 4-5; ammoniti Patrizi, Proesmans, Marzola e Venneri; recupero 0’+6’.

03/11/2019
Juniores Nazionale, trasferta amara per la Sangiustese: sconfitta 4-3 a Cattolica

Juniores Nazionale, trasferta amara per la Sangiustese: sconfitta 4-3 a Cattolica

S.M. CATTOLICA: Gargamelli, Iannucci, Matteucci (32’ st Giorgi), Berenesi, Reginelli (16’ pt Zaccagni), Farina, Terenzi (20’ st Riccio), Abbouziane, Rizzitelli, Cammarota (8’ st Marfella), Romano (22’ pt Diotallevi). A disposizione: Casati, Intilla, Bonetti. Allenatore: Alessandro Bastia (vice). SANGIUSTESE: Finori, Tombolini, Muzi, Polidori, Sulo, Lisciani, Stebner (1’ st Rogani), Bertarelli (35’ st Avallone), Tanzi (37’ st Cheddira), Mateucci (32’ st Carminucci), Chiussi (5’ st Pomili). A disposizione: Piergiacomi, Girotti, Giulianelli, M’binte. Allenatore Massimiliano Zazzetta. ARBITRO: Sig. Guitaldi della sezione di Rimini. ASSISTENTI: Sig. Sartini della sezione di Rimini e Sig. Allmeta della sezione di Rimini. RETI: 9’ pt e 27’ st Tanzi, 29’ pt Lisciani, 30’ pt Cammarota, 44’ pt Abbouziane (rig), 24’ st Rizzitelli, 45’ st Diotallevi.    Sconfitta rocambolesca per la Sangiustese che torna da Cattolica con zero punti, beffata nel finale per il definitivo 4-3. Eppure correva appena il 29’ della prima frazione e gli ospiti rossoblù erano già sul doppio vantaggio grazie al bolide di Tanzi che aveva sbloccato l’incontro ed alla volèe di Lisciani che sembrava averlo chiuso. Nulla di tutto questo si verificava ed infatti gli ospiti chiudevano i primi 45’ sul 2-2 grazie al tap in vincente del numero dieci locale sul secondo palo e al rigore trasformato in chiusura da Abbouziane. Nella ripresa il botta e risposta avveniva in tre minuti tra il 24’ e il 27’ con il sorpasso di Rizzitelli e l’immediata pari firmato da Tanzi. Il gol partita veniva realizzato da Diotallevi allo scadere. “Abbiamo fatto i primi 30’ – ha commentato mister Zazzetta al termine – in maniera eccellente, i ragazzi hanno mostrato a pieno tutte le loro qualità. Gli avversari hanno accorciato appena un minuto dopo il doppio vantaggio sul 2-1 con una mischia, mentre grazie ad un rigore su una palla innocua sono riusciti pareggiare proprio all’ultimo secondo dei primi 45’. Nel secondo tempo abbiamo avuto una bellissima condotta di gara per larghi tratti, ma abbiamo cominciato a soffrire sulle ripartenze. Un gol del classe 94 Rizzitelli ci ha portati sotto, ma ancora una volta Tanzi, dopo una grande azione personale, ha siglato il 3-3, prima della beffa finale. A mente fredda dico che secondo me il coraggio e l’intraprendenza ci fanno fare cose bellissime, ma allo stesso tempo, a volte, qualche personalismo e immaturità fisico-atletica ci tolgono ciò meritiamo. Ragazzi tutti molto bene (soprattutto Tanzi e Polidori, classe 2004), quando si attacca, per vari motivi un po’ meno quando si deve rincorrere”.  

02/11/2019
Valdichienti Ponte, al via un nuovo progetto di calcio femminile

Valdichienti Ponte, al via un nuovo progetto di calcio femminile

Aria di novità in casa Valdichienti Ponte, la società è pronta a cominciare un nuovo progetto di calcio femminile: "Non posso sbottonarmi molto ancora - svela il dirigente Dino Rossi - ma nelle prossime settimane arriveranno tutte le informazioni del caso". La società sangiustese, nel giro di poco tempo, si aprirà dunque al mondo del pallone in rosa, ma al momento le bocche sono cucite: "Per ora vi posso dire che siamo partiti forti, con affiliazioni a squadre professionistiche e con la fondamentale collaborazione di due ragazze del territorio con trascorsi importanti nei campi da calcio". E alla domanda su come pensano di iniziare, Rossi spiega: "L'idea è quella di essere pronti per la fine di novembre e realizzare un openday a Villa San Filippo con tutte le ragazze che avranno piacere di avvicinarsi al gioco del calcio". Dalle ragazze alla prima squadra, domenica sfida delicata contro il Sassoferrato: "Abbiamo assoluta necessità dei tre punti – conclude Dino Rossi -. L'Eccellenza è un campionato durissimo dove non ci sono partite facili. Noi dobbiamo pensare a partita dopo partita e tirarci fuori da questa situazione non piacevole".

31/10/2019
Sangiustese, il rigore di Pomiro decide il match contro il Montegiorgio

Sangiustese, il rigore di Pomiro decide il match contro il Montegiorgio

La Sangiustese espugna il Tamburrini con un gol realizzato dal dischetto dal subentrato Pomiro all’ultimo minuto del recupero. Si sblocca così una gara molto tattica che nel corso dei 94’ di gioco aveva offerto pochi spunti ai taccuini dei cronisti e poche emozioni al pubblico presente. Entrambe accorte e coperte, le squadre di mister Senigagliesi e mister Baldassarri erano state fino a quel momento soprattutto brave a non concedere spazi agli avversari.Dopo il mancato tap-in di Mingiano in avvio, nell’arco del match si erano fatti comunque preferire i padroni di casa, che avevamo preso il pallino del gioco nonostante i ritmi fossero rimasti sempre bassi.Nella seconda frazione gli ospiti avevano cercato di alzare un po’ il baricentro, ma, specie dopo i cambi, le occasioni migliori erano capitate sui piedi dei locali con Marchionni ed Adusa i cui diagonali si erano però persi a lato.Fatale ai fini del risultato all’ultimo giro di lancette l’atterramento dell’ex Proesmans ad opera di Ferrante, dopo un buon recupero a centrocampo.Il fischietto Galasso decretava il penalty e dagli undici metri un freddo Pomiro trafiggeva Marani regalando ai suoi un successo inaspettato e tre punti fondamentali per morale e classifica. MONTEGIORGIO (4-3-3): Marani, Lattanzi, Di Nicola, Omiccioli, Ferrante, Baraboglia, Titone, Zancocchia (26’ st Adusa), Nasic (26’ st Rozzi), Albanesi (30’ st Marchionni), Mariani (39’ st Trillini). A disposizione: Mercorelli, Gnaldu, Tempestilli, Aloisi, Pampano. Allenatore Gabriele Baldassarri.SANGIUSTESE (4-3-3): Chiodini, Zannini, Basconi, Perfetti, Mengoni, Patrizi, Pezzotti (33’ st Proesmans), Scognamiglio, Mingiano (12’ st Pomiro), Palladini Alessio, Romano (33’ st Palladini Mattia). A disposizione: Raccio, Orazzo, Bambozzi, Doci, Niane, Boschetti. Allenatore: Stefano Senigagliesi.ARBITRO: Riccardo Galasso della sezione di Ciampino.ASSISTENTI: Sig.ri Giovanni Ciannarella della sezione di Napoli e Alfredo Columbro della sezione di Ercolano.RETE: 49’st Pomiro (rig)NOTE: corner 1-0; ammoniti Rozzi, Trillini, Baraboglia, Scognamiglio e Zannini; recupero 1’ + 4’.

27/10/2019
Juniores Nazionale, finisce in pareggio tra Sangiustese e Recanatese

Juniores Nazionale, finisce in pareggio tra Sangiustese e Recanatese

Due volte in svantaggio, due volte bravi a recuperare, i ragazzi di mister Zazzetta impattano 2-2 nel derby con la Recanatese. I leopardiani avevano sbloccato l’incontro nella prima frazione con il tap in vincente di Notti. Nella ripresa erano partiti invece meglio i rossoblù, che dopo il palo di Mateucci, avevano trovato il gol del pari con un tiro da fuori del subentrato Bertarelli. Il nuovo sorpasso giallorosso in mischia portava la firma di Vallasciani mentre Pomili a pochi minuti dal termine realizzava il definitivo 2-2 concretizzando l’assalto finale.“Le uniche note negative di oggi - ha dichiarato mister Zazzetta al termine - sono arrivate dai due gol presi. La gara è stata condotta in maniera armoniosa, anche se a volte il palleggio è stato lento. Siamo stati spesso nella metà campo avversaria. Il primo gol (probabilmente in fuorigioco) non ha assolutamente intaccato lo spirito di iniziativa della squadra, tant'è vero che in diverse occasioni con Matteucci, Tanzi e Stebner siamo stati pericolosi. Il secondo tempo questa mole di gioco si è tradotta nel pareggio di Bertarelli, autore di un secondo tempo straordinario, ma subito dopo un'imprecisione difensiva su un cross apparentemente innocuo ha permesso alla Recanatese di portarsi nuovamente in avanti. Nonostante tutto, abbiamo avuto ancora la bravura di non scoraggiarci e continuare ad insistere, venendo premiati dal gol di Pomili a pochi minuti dal termine”. SANGIUSTESE: Finori, Girotti, Tombolini, Guzzini, Sulo (29’ st Avallone), Lisciani, Tanzi (23’ st Pomili), Ercoli (17’ st M’binte), Cheddira (1’ st Bertarelli), Mateucci, Stebner (9’ st Rogani). A disposizione: Piergiacomi, Carminucci, Giulianelli, Polidori. Allenatore Massimiliano Zazzetta.RECANATESE: Cingolani, Cionchetti, Polidori, Notti, Lucchetti, Pizzuto, Burattini (22’ st Natali), Capitani (8’ st Vallasciani), Bontempi, Guercio, Vignoli (41’ st Cingolani). A disposizione: Elisei, Fragola, Augello, Mangiaterra, Morresi, Rocchetti, Cingolani. Allenatore: Marco Mancinelli.Arbitro: Sig. Latuga della sezione di Pesaro.Assistenti: Sig. Rinaldi della sezione di Macerata e Sig. Bruno della sezione di Macerata.Reti: 15’ pt Notti, 6’ st Bertarelli, 8’ st Vallasciani, 42’ st Pomili

26/10/2019
Sabato 26 ottobre giornata nazionale del folklore a Roma: i gruppi marchigiani presenti

Sabato 26 ottobre giornata nazionale del folklore a Roma: i gruppi marchigiani presenti

Nella giornata di domani, sabato 26 ottobre, da tutta Italia si concentreranno a Roma le rappresentanze dei gruppi folk di varie regione. Si celebrerà la “Giornata nazionale del folklore e delle tradizioni popolari” istituita il 31 luglio scorso su istanza della Federazione italiana tradizioni popolari.  A Roma rappresenteranno le Marche il Gruppo Gams, il Gruppo Alfieri e musici storici di Servigliano, li Matti de Montecò, la Cucuma di Amandola, i Viaggiatori del tempo di Monte San Giusto e l’Associazione Staphilè di Mondolfo, tutti affiliati Fitp. Il raduno è fissato per le ore 14 in piazza Colonna con gruppi folklorici, bande musicali, cori e sbandieratori. Alle 15 partirà la “parata della Gioia” passando per piazza del Popolo, via del Corso, piazza Venezia e Campidoglio. Alle 17 ci sarà l’incontro con il presidente del consiglio Giuseppe Conte e con le altre autorità. La chiusura della manifestazione è prevista per le 18:30 con esibizioni estemporanee dei gruppi folkoristici. Una sorta di anteprima c’era stata nei giorni scorsi a Tolentino con la manifestazione “La sera del dì di festa”. Frattanto il presidente della Federazione italiana tradizioni popolari (Fitp) Benito Ripoli sta portando avanti alcune iniziative di grosso spessore. Innanzitutto, in considerazione del fatto che il Parlamento ha dato delega al Governo per l’adozione di un decreto legislativo per la creazione del “Codice dello spettacolo”, ha chiesto che vi sia sottolineato “il valore delle musiche, dei canti, delle danze della tradizione orale del nostro paese, messi in scena dai Gruppi folkloristici italiani”.  Altra iniziativa è quella di creare a Roma, o altra sede, un “Centro di documentazione e valorizzazione delle identità culturali regionali” con l’obiettivo di raccogliere i fondamentali elementi identitari sia di cultura materiale, sia di cultura immateriale, delle diverse regioni italiane. Ha infine uno spessore ancora più elevato il progetto di dare una maggiore rilevanza alla “Rassegna internazionale di documentari etnografici” intitolata al celebre documentarista Vittorio De Seta che la Fitp ha creato fin dal 2016.  Si tratta di ottenere il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri con possibilità di accedere ai contributi del Ministero per i beni e le attività culturali. E’ da sottolineare infatti che, prendendo spunto dai documentari di Vittorio De Seta, si può valorizzare l’importanza politico-culturale della “questione meridionale”, partendo dal verismo di Giovanni Verga nell’Ottocento per proseguire nel Novecento con il contributo di tanti intellettuali tra i quali Carlo Levi. E in proposito il presidente della Fitp, Benito Ripoli, ricorda e sottolinea come la “Questione Meridionale non è più una realtà socio-culturale soltanto del sud Italia perchè nel mondo esistono tanti sud, tanti meridioni, dove tanta gente vive nella povertà e nella condizione di “pagani”, mentre pochi altri, le élite sociali, vivono nell’abbondanza”.

25/10/2019
Passo indietro della Sangiustese: pareggio con rammarico contro Cattolica

Passo indietro della Sangiustese: pareggio con rammarico contro Cattolica

La Sangiustese divide la posta con il Cattolica fanalino di coda nella giornata in cui al Polisportivo di Civitanova Marche fanno il proprio ritorno anche gli ultras rossoblù a sostenere la squadra del Presidente Tosoni, reduce dall’exploit di Matelica. Gara giocata su ritmi non particolarmente elevati da entrambe le formazioni che, disposte specularmente, chiudevano la prima frazione in parità sull’1-1. Assenze importanti tra le fila degli ospiti (tra cui il figlio d’arte Rizzitelli), i padroni di casa potevano invece passare in vantaggio già dopo pochi minuti premiando una buona partenza. Som atterrava Romano, l’arbitro decretava il penalty ma dagli undici metri al 3’ Mengoni (costretto più tardi a uscire per un fastidioso mal di schiena) non riusciva a battere Benedettini. Passavano solo pochi minuti e la Sangiustese trovava il meritato 1-0 con lo stesso Romano che beneficiava del solito perfetto cross di Pezzotti depositandolo in fondo al sacco. La gara poteva assumere una piega diversa al quarto d’ora quando Mingiano veniva colpevolmente steso al limite dell’area dal portiere romagnolo in uscita. Il fischietto Marchioni di Rieti non ravvisava però nulla di irregolare e non sanzionava neppure disciplinarmente Benedettini. Il Cattolica iniziava a guadagnare campo, senza spaventare troppo i rossoblù. La doccia gelata arrivava quasi allo scadere della prima frazione quando era Fabbri a inserirsi con precisione per vie centrali realizzando l’1-1. Nella ripresa le formazioni continuavano sullo stesso copione: era il guizzo di Proesmans al 17’ st a riportare fiducia e morale tra gli uomini di casa. Dal corner seguente, come sempre magistralmente calciato da Pezzotti, arrivava l’inzuccata vincente di Patrizi che valeva il 2-1 per gli uomini di Senigagliesi. Il tap in di Som a 10’ dal termine ristabiliva il pari con il Cattolica che chiudeva il match in crescendo portando via un punto. SANGIUSTESE (4-3-3): Chiodini, Zannini (33’ st Niane), Basconi, Perfetti, Mengoni (36’ Proesmans), Patrizi, Pezzotti, Scognamiglio, Mingiano (42’ st Boschetti), Palladini Alessio, Romano (20’ st Orazzo). A disposizione: Raccio, Bambozzi, Doci, Palladini Mattia, Cerbone. Allenatore: Stefano Senigagliesi.CATTOLICA (4-3-3): Benedettini, Croci, Som, Stallone, Maggioli (33’ st Guarino), Gaiola, Bernardi (33’ st Tomassini), Cannoni (19’ st Gasperoni), Battistini, Merlonghi, Fabbri. A disposizione: Aglietti, Barellini, Berra, Notariale, Guglielmi. Allenatore: Emmanuel Cascione.ARBITRO: Marco Marchioni della sez. di RietiASSISTENTI: Luca Mantella della sez. di Livorno e Duccio Angelini della sez. di Empoli.RETI: 10’ pt Romano, 41’ pt Fabbri, 18’ st Patrizi, 36’ SomNOTE: corner 6-2; ammoniti Patrizi, Merlonghi, Zannini e Maggioli; recupero 2’ + 6’.  

20/10/2019
Atletico Macerata sconfitto in casa: con un goal per tempo il Telusiano si regala la vittoria

Atletico Macerata sconfitto in casa: con un goal per tempo il Telusiano si regala la vittoria

Il Telusiano viola lo Stadio della Vittoria con un gol per tempo, regolando un volitivo Atletico Macerata, a cui probabilmente manca ancora un po’ di malizia per portare a casa il risultato in incontri così equilibrati. Gli uomini di Cencioni, complici le numerose assenze, stentano in fase di finalizzazione; i sangiustesi, con bomber Iazzetta a riposo precauzionale, approfittano di un rigore ingenuamente concesso nella prima frazione di gioco e sigillano il risultato nel secondo tempo con una rete dai 40 metri, ottenendo il massimo risultato con il minimo sforzo. La cronaca: parte bene il Telusiano che al 7’ minuto ha la prima grande occasione della partita, Bellesi prolunga una rimessa laterale sul secondo palo dove c’è Marinozzi tutto solo ad aspettare, il sinistro a incrociare non è memorabile e la conclusione si spegne sul fondo. 13’ ci prova Cardelli con un gran destro, ma non inquadra lo specchio per questione di centimetri.  Un minuto dopo primo squillo dell’Atletico Macerata con Rocchi in proiezione offensiva che pennella un traversone per l’accorrente Zerani, il numero 10 biancorosso non riesce a coordinarsi nel migliore dei modi e ad inquadrare la porta. Al 18’ percussione di Tarquini che mette un bel rasoterra nel cuore dell’area di rigore, Rocchi e Gattari sbrogliano con qualche affanno. 22’ ancora Rocchi dalla corsia di destra mette in seria difficoltà la retroguardia ospite che si salva in angolo. Ripartenza micidiale del Telusiano al 26’ con Giaché che involato in campo aperto trova le mani di Gattari a sbarrargli la strada. L’episodio che sposta gli equilibri della partita arriva di lì a poco, situazione di calcio d’angolo, il signor Rapari richiama all’ordine più di una volta, parte il cross, si allunga una maglia e il direttore di gara non esita neanche per un momento ad indicare il dischetto. 28 minuti sul cronometro, dagli undici metri va Cardelli che spiazza Gattari e porta il Telusiano in vantaggio, 0-1. Non passano neanche una manciata di minuti che i padroni di casa vanno subito vicinissimi al pareggio, corner di Gigli, incornata di Ortenzi che trova la respinta di Gobbi, piattone sinistro di Staffolani per ribadire in rete, ma palla fuori dallo specchio per un soffio. Nella ripresa l’Atletico Macerata cerca ancora il gol del pari e ci prova al 58’ con Lombi, imbeccato da Gattari, controllo e tiro di sinistro che trova la pronta risposta di Gobbi. 70’ padroni di casa in 10, fraintendimento in uscita degli uomini di Cencioni che propiziano il contropiede ospite, si immola capitan Ortenzi che, già ammonito, si vede sventolare in faccia il secondo giallo e se ne va anzitempo sotto la doccia. L’inferiorità numerica non abbatte i biancorossi che al 71’ ci provano di nuovo con Lombi, questa volta cerca il pallonetto per scavalcare l’estremo difensore in uscita, ma la soluzione è fuori misura. Al 75’ gran punizione di Gigli che costringe Gobbi agli straordinari. All’82’ la chiude il Telusiano, punizione battuta in alleggerimento su Romitelli che fa un passo oltre il cerchio di centrocampo e lascia partire un destro a spiovere da distanza ragguardevole, Gattari, probabilmente ingannato dal sole contrario, parte in ritardo e raccoglie la palla in fondo al sacco. 0-2 Col raddoppio e la superiorità numerica la partita finisce virtualmente qui, salvo qualche ultimo disperato attacco dell’Atletico che non sortisce alcun effetto ed un gol annullato a Romoli nel finale per posizione di fuorigioco. ATLETICO MACERATA: Gattari, Rocchi, Feliziani, Gigli, Ortenzi, Staffolani (64’ Catalano), Miglietta (64’ Loschiavone), Lombi, Firmani (77’ Zucconi), Zerani (87’ Tognetti), Fratini (77’ Ngugi). All.Cencioni TELUSIANO: Gobbi, Giachè, Moreschini (74’ Spina), Romitelli, Pallotta, Marinozzi (79’ Farah), Tarquini (60’ Foresi), Bellesi, Cardelli, Malaigia, Iesari (87’ Romoli). All.Raffaeli Ammoniti: Staffolani, Miglietta (AM); Iesari (TE) Espulsi: Ortenzi (AM) Direttore di gara: Thomas Rapari di Macerata Note: spettatori 100 ca.

20/10/2019
Juniores Nazionale, pareggio per il derby tra Matelica e Sangiustese

Juniores Nazionale, pareggio per il derby tra Matelica e Sangiustese

Girandola di gol ed emozioni nel derby tra Matelica e Sangiustese che termina 3-3. Al gol di Mateucci in tap in, avevano infatti risposto agli albori della ripresa tre micidiali squilli in sequenza messi a segno dalla squadra di mister Bertarelli. Nel finale ad accorciare era stato Tanzi, prima che una magistrale punizione ancora di Mateucci valesse il pareggio finale. “Durante il primo tempo siamo partiti per la prima volta molto forte e ci siamo trovati in vantaggio. Il gol è arrivato - ha commentato mister Zazzetta - a coronamento di una partenza veramente ottima, dove abbiamo avuto per larghi tratti il predominio del campo. Poi, nella seconda parte della prima frazione, il Matelica ha provato a venire fuori, creando qualche pericolo e rendendo la partita più equilibrata. Non abbiamo comunque sofferto tantoi loro tiri, piuttosto sono stati i traversoni a metterci in difficoltà. Nella ripresa, nonostante le raccomandazioni di entrare forte per chiudere la partita, in 7’ abbiamo preso tre schiaffoni: tre gol incassati tutti su azioni simili, dove la componente emotiva della paura ha forse giocato più di quella tattica. In realtà sono tutti scaturiti da tre cross, a difesa piazzata, con una marcatura persa sia dai centrocampisti che dai difensori. Passata questa botta tremenda,è arrivata la pericolosa azione di Tanzi in area (sospetto rigore) fino al 3-2 di Pomili, quando ormai avevamo ripreso il campo. Loro si erano abbassati per poi ripartire in contropiede pericolosamente. Noi inevitabilmente ci dovevamo sbilanciare e durante il forcing finale la grande punizione di Mateucci ci ha regalato il meritato pari. In fin dei conti, se nel primo tempo possiamo rammaricarci per non avere chiuso la gara, nel secondo la reazione avuta dai ragazzi vale sicuramente di più dei minuti di sbandamento che stavamo pagando a caro prezzo”. MATELICA: Rauso, Paoletti, Fermani, Aberani, Tordini, Sampaolesi (1’ st Croia), Pettinelli, Albanese, Capodaglio (46’ st Petrini), Paolucci (41’ st Staffolani), Zepponi. A disposizione: Zampini, Fischi, Sampaolo, Cyrbia, Nasso, Pecci. Allenatore: Mauro Bertarelli.SANGIUSTESE: Finori, Girotti (16’ st Pomili), Muzi, Guzzini, Sulo, Lisciani, Rogani (31’ st M’binte), Bertarelli (35’ st Polidori), Tanzi (16’ st Giulianelli), Mateucci, Stebner (10’ st Cheddira). A disposizione: Piergiacomi, Carminucci, Tombolini, Avallone. Allenatore Massimiliano Zazzetta.Arbitro: Sig. Pazzarelli della sezione di Macerata.Assistenti: Sig. Baldoni della sezione di Ancona e Sig. Polverini della sezione di Macerata.Reti: 39’ pt e 51’ st Mateucci, 2’ st Tordini, 5’ st Pettinelli, 37’ st Pomili

20/10/2019
Serie D, la Sangiustese espugna Matelica: decide il derby una rete di Mingiano

Serie D, la Sangiustese espugna Matelica: decide il derby una rete di Mingiano

La Sangiustese espugna con merito Matelica, battendo quella che negli ultimi anni era sempre stata una bestia nera per la squadra di Senigagliesi. A decidere il derby che vedeva l’esordio di mister Colavitto sulla panchina biancorossa è Mingiano, lesto a scaraventare in fondo al sacco l’imbeccata di Pezzotti servito da Scognamiglio. Positivo l’approccio della squadra ospite, vogliosa di recuperare immediatamente il brutto stop interno di sette giorni fa. Il tecnico rossoblù promuoveva Romano sull’out di destra, con Scognamiglio che tornava a dar man forte all’ex di giornata Perfetti e Alessio Palladini in cabina di regia dietro la punta. Il trainer del Matelica  rispondeva con un coperto 4-4-2 con Tomassini e Leonetti sostenuti dal rombo di centrocampo. Prima frazione godibile seppure senza forzare troppo i ritmi e senza troppe emozioni, fatta esclusione per la traversa centrata da Valenti al 19’ che poteva sbloccare l’equilibrio del match. Il risultato cambiava invece appena 5’ più tardi con la zampata vincente del numero 9 della Sangiustese che faceva 1-0. Non mancava la reazione locale, ma le conclusioni degli avanti matelicesi risultavano sterili. Nella ripresa è ancora la Sangiustese ad andare vicina al raddoppio, ma Bigliardi dice no a Pezzotti. Il Matelica si affida alle ripartenze: al quarto d’ora Colavitto getta nella mischia Peroni e Moretti per Di Renzo e Valenti, ma è ancora il solito Leonetti l’uomo più pericoloso. Senigagliesi è invece costretto a sostituire Romano e Basconi, stremati seppure autori di buone prestazioni, con Niane e Orazzo. Al 23’ st è ancora la traversa ad opporsi agli uomini di casa, mentre sul fronte opposto Mingiano sfiora la doppietta a seguito di una azione rocambolesca e Palladini calcia alle stelle da buona posizione. Al 30’ st Chiodini risponde da campione ancora su Leonetti, poi non succede più nulla e arriva il meritato successo per i rossoblù. MATELICA (4-4-2): Bigliardi, Visconti, Di Renzo (15’ st Peroni), Massetti, De Santis, Busi, Valenti (16’ st Moretti), Bordo, Tomassini (29’ st Barbetta), Leonetti, Bugaro (11’ pt Severini, 35’ st Rinaldi). A disposizione: Amoroso, Demoleon, De Luca, Severini, Barbarossa. Allenatore Gianluca Colavitto.SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Zannini, Basconi (20’ st Orazzo), Perfetti, Mengoni, Patrizi, Pezzotti, Scognamiglio (29’ st Proesmans), Mingiano (29’ st Manari), Palladini Alessio, Romano (10’ st Niane). A disposizione: Raccio, Ercoli, Doci, Boschetti, Cerbone. Allenatore: Stefano Senigagliesi.ARBITRO: Sig. Giuseppe Lispoli della sezione di Locri.ASSISTENTI: Sig.ri Alessandro Rastelli della sezione di Ostia Lido e Mattia Roberto della sezione di Lamezia Terme.RETE: 24’ pt Mingiano.NOTE: corner 7-5; ammoniti Niane, Barbetta, Perfetti e Scognamiglio; recupero 2’ + 5’.

13/10/2019
La Juniores Sangiustese torna alla vittoria con un 3 a 0 contro il Bastia

La Juniores Sangiustese torna alla vittoria con un 3 a 0 contro il Bastia

Torna al successo la Juniores Nazionale rossoblù che a Potenza Picena piega per tre reti a zero il Bastia.“Risultato sicuramente positivo – ha commentato a fine gara mister Zazzetta – ma dentro la gara c’è stato un po’ di tutto. Tre gol di bellissima fattura su azioni manovrate, ma allo stesso modo nel primo tempo abbiamo sofferto troppo la spensieratezza e la dinamicità degli avversari, sembrando molto preoccupati dell’aggressività che hanno messo. Tutte le volte che abbiamo messo la palla a terra abbiamo creato i presupposti per fare bene, come nell’occasione del gol di Matteucci su assist filtrante di Bertarelli e con Tanzi e Rogani che in due circostanze hanno sfiorato il doppio vantaggio. Nel secondo tempo, dopo una strepitosa parata di Finori, siamo usciti fuori in maniera decisa e con un’azione corale, finalizzata da Chiussi in mischia, abbiamo trovato il meritato raddoppio. Da lì in poi è stata una partita senza più storia con Tanzi, Mateucci e Chiussi che a piu riprese mancavano il 3-0 ed infine con Cheddira, che in contropiede con un pregevole tiro al volo, finalmente lo realizzava. L’impressione è che il lavoro principale con i ragazzi dovrà essere fatto nelle prossime settimane sulla personalità e sulla decisione nei duelli corpo a corpo, dove sembriamo ancora fragili e poco maturi. Molto bene la prestazione di Guzzini a centrocampo e di Chiussi che è andato subito in gol. Entrambi i ragazzi, aggregati alla prima squadra, hanno interpretato bene la partita sia a livello personale che per l’apporto dato alla squadra”. SANGIUSTESE – BASTIA 3-0 SANGIUSTESE: Finori, Girotti, Muzi, Avallone (1’st Guzzini), Sulo, Lisciani, Rogani (11′ st Polidori), Bertarelli (27’ st Tombolini),Tanzi (33’ st Cheddira), Mateucci, Carminucci (1′ st Chiussi). A disposizione: Piergiacomi, Stebner, Pomili, Giulianelli. Allenatore Massimiliano Zazzetta.BASTIA: Pecci, Coulibaly, Cirillo, Grigoras, Cecchini, Skenderi, Antonini, Loreti, Doci, Baldoni (27’ st Buonapasqua), Licastro (16′ st Lucarelli). A disposizione: Cuomo, Pagliarini, Parente, Lamberti, Hajderlliu, Caggiano. Allenatore Michele Battistelli.ARBITRO: Sig. Boiani della sezione di PesaroASSISTENTI:Sigg. Kolyvanis della sezione di Macerata e Malatesta della sezione di Ancona.RETI: 21′ pt Mateucci, 32’ st Chiussi, 37’ st Cheddira.

12/10/2019
Monte San Giusto, 18enne urta le auto in sosta: è al pronto soccorso (FOTO)

Monte San Giusto, 18enne urta le auto in sosta: è al pronto soccorso (FOTO)

L'incidente è avvenuto intorno alle ore 14.00 del pomeriggio odierno a Monte San Giusto, in via Circonvallazione. Un giovane A.P., 18 anni di Monte San Giusto, alla guida di una Fiat Punto di colore scuro, per un probabile colpo di sonno, si è scontrato con una Opel Agila che era parcheggiata a lato della carreggiata. Nell'impatto è rimasta coinvolta anche una terza vettura posteggiata, una Opel Meriva.  Sul posto sono giunti immediatamente i sanitari del 118, che hanno allertato l'eliambulanza. Il giovane è cosciente ed è stato trasportato all'ospedale di Civitanova Marche in codice giallo: fortunamente non è stato necessario l'intervento dell'elisoccorso. Presenti per svolgere i rilievi del caso anche Polizia locale, carabinieri e vigili del fuoco.     

09/10/2019

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433