Monte San Giusto

Monte San Giusto, sessantacinquenne ricoverato a Civitanova per sospetto Covid: muore nella notte

Monte San Giusto, sessantacinquenne ricoverato a Civitanova per sospetto Covid: muore nella notte

Nel pomeriggio di ieri un uomo sessantacinquenne di origini pakistane, ma da diversi anni in Italia, residente nel quartiere Villa San Filippo di Monte San Giusto,è stato trasportato dagli operatori del 118 all'Ospedale di Civitanova Marche per un sospetto caso di Coronavirus, essendo da poco la struttura sanitaria predisposta a trattare i pazienti Covid. Durante la notte in ospedale le condizioni dell'uomo si sono aggravate irreparabilemente fino a che non c'è stato più nulla da fare, tant‘è che è deceduto alle prime luci dell'alba. L'uomo lascia così una famiglia molto numerosa, i cui componenti negli ultimi giorni sono stati a contatto con diverse altre persone della zona e quindi ora si cercherà di ricostruire tutti i contatti avuti. La sepoltura della salma è stata disposta per il pomeriggio di oggi in cosiderazione dell'attuale decreto legge che vieta la esequie e non consente la celebrazione di funzioni per evitare possibili assembramenti che possano potenzialmente permettere il contagio del Coronavirus.

19/03/2020
Coronavirus, primo caso a Monte San Giusto: lo annuncia il sindaco Gentili (VIDEO)

Coronavirus, primo caso a Monte San Giusto: lo annuncia il sindaco Gentili (VIDEO)

 "Primo due caso di positività al Covid-19 a Monte San Giusto".  A comunicarlo, in un video publicato su facebook, è il primo cittadino Andrea Gentili "Il protocollo prevede l'apertura del Coc e inoltre le autorità sanitare contatteranno le persone che il paziente ha incontrato negli ultimi giorni per predisporre la quarantena domiciliare. Dobbiamo in questo momento dobbiamo fargli sentire la vincinanza di tutta la comunità e approfitto per rivolgere un appello a tutti i sangiustesi di prestare ancora più attenzione perchè l'unico modo per fermare il Coronavirus è quello di evitare di uscire di casa"  

16/03/2020
La Sangiustese cade nel derby rossoblù: Montegiorgio vince di rigore

La Sangiustese cade nel derby rossoblù: Montegiorgio vince di rigore

Un rigore di Mariani al 29’ del primo tempo decide il match tra Sangiustese e Montegiorgio con i padroni di casa che si devono arrendere nel derby rossoblù ai ragazzi di Baldassarri. Gara difficile per l’ex di giornata Roscioli che ritrova l’esperienza di Chiodini tra i pali, mentre in attacco, assente Buonaventura, arriva la conferma per De Cerchio, questa volta alle spalle della coppia Mingiano - Romano. Prima frazione su buoni ritmi, con i padroni di casa desiderosi di vendere cara la pelle che arrivano a calciare ben otto tiri dalla bandierina, senza però mai impensierire seriamente Mercorelli. Musica diversa sul fronte opposto, con la costante pericolosita di Njambe e soprattutto un paio di match ball falliti, sia con Mariani (Patrizi respingeva sulla linea il suo tiro a botta sicura) che con Trillini (calciato alle stelle una specie di rigore in movimento) prima del penalty vincente con cui il Montegiorgio passava in vantaggio. Locali comunque che cercavano di reagire subito, senza trovare il colpo del pari prima dell’intervallo. Stesso copione anche in avvio di ripresa, con Patrizi e compagni in avanti, ma mai concretamente pericolosi e gli ospiti invece a sfiorare il raddoppio con il numero nove, perenne spina nel fianco. Mister Roscioli gettava nella mischia al quarto d’ora l’argentino Pomiro, match winner dell’andata, che si presentava subito con intenzioni belligeranti dalle parti di Mercorelli, prima su azione e poi con una punizione sulla cui ribattuta si avventava senza esito Basconi. A dare man forte alla voglia di riscatto dei padroni di casa anche l’esperienza di Proesmans e l’estro di Palumbo (subito un buon pallone per lui) che intorno alla mezz’ora entravano per provare a raddrizzare l’incontro, controllato senza troppi patemi dal Montegiorgio.La Sangiustese arrotondava a 14 i corner, ma la porta ospite continuava a rimanere stregata e inviolata. Il risultato non cambiava neanche sulla bella volée di Zannini che costringeva alla parata spettacolare in tuffo Mercorelli e di fatto chiudeva l’incontro SANGIUSTESE - MONTEGIORGIO 0-1 SANGIUSTESE (4-3-1-2): Chiodini, Zannini, Dell’Aquila (38’ st Palladini Alessio), Esposito (24’ st Proesmans), Patrizi, Scognamiglio (14’ st Pomiro), Pandolfi, Guadagno, Mingiano (29’ st Palumbo), De Cerchio, Romano (14’ st Basconi). A disposizione: Raccio, Siciliano, Bambozzi, Ercoli. Allenatore: Fabio Roscioli.MONTEGIORGIO (4-3-3): Mercorelli, Gnaldi, Di Nicola, Omiccioli, Ferrante, Baraboglia, Pampano (42’ st Zancocchia), Trillini, Njambe, Alighieri, Mariani (12’ st Rozzi, 38’ st Nasic). A disposizione: Marani, Aloisi, Meijas, Santoro, Tempestilli, Lattanzi. Allenatore: Gabriele Baldassarri. ARBITRO: Sig. Domenico Mallardi della sezione di Bari.ASSISTENTI: Sig.na Mara Mainella e Sig. Giuseppe Bosco della sezione di Lanciano.RETE: 29’ pt Mariani (rig).NOTE: corner 14- 0; ammoniti Pandolfi, De Cerchio, Ferrante, Patrizi, Chiodini e Dell’Aquila; recupero 1’ + 5’.  

01/03/2020
Calcio serie D, dietrofront della LND: domenica le maceratesi giocheranno regolarmente

Calcio serie D, dietrofront della LND: domenica le maceratesi giocheranno regolarmente

In seguito al provvedimento del TAR, che ha annullato proprio ieri l'ordinanza con cui il governatore delle Marche Luca Ceriscioli disponeva la sospensione di qualsiasi tipo di attività fino al prossimo 5 marzo, la Lega Nazionale Dilettanti ha agito di conseguenza emanando questa mattina il comunicato ufficiale n.104 con cui ha sancito il ripristino delle tre partite che in origine erano state rinviate Si svolgereanno quindi regolarmente questa domenica i tre derby marchigiani dove saranno impegnate anche delle compagini maceratesi: Jesina-Porto Sant'Elpidio, Sangiustese-Montegiorgio e Tolentino-Recanatese. Confermato invece lo stop per quanto riguarda i campionati dilettantistici.

28/02/2020
Sangiustese, Egidio Papi nominato nuovo direttore sportivo

Sangiustese, Egidio Papi nominato nuovo direttore sportivo

Tramite un nota ufficiale la Sangiustese ha comunicato che in data odierna il Direttore Sportivo professionista Egidio Papi, ha accettato l’incarico offertogli dal Presidente Tosoni sposando così sposato con entusiasmo la causa rossoblù. Papi è molto conosciuto nell’ambiente per le sue esperienze nelle Marche e fuori dai confini regionali, oltre che per aver scoperto e lanciato tanti talenti del territorio nel professionismo. Dopo qualche anno, Papi torna alla Sangiustese con la ferma volontà di dare una mano ai ragazzi di Roscioli, spronandoli a mantenere la prestigiosa Serie D, conquistata con tanti sforzi da parte della Società.  

27/02/2020
Crisi nera Sangiustese: una rete di Morga fa esultare il Cattolica

Crisi nera Sangiustese: una rete di Morga fa esultare il Cattolica

Una buona e manovriera Sangiustese è costretta ad arrendersi in terra romagnola ai padroni di casa di mister Cascione, passati in vantaggio con la conclusione a fil di palo di Morga al 21’ pt (azione favorita da una grande ingenuità di Scognamiglio), poi cinici nel capitalizzare per i restanti minuti la rete realizzata. Punti importantissimi in chiave salvezza quelli in palio al “Calvi” e conquistati dai giallorossi, nonostante la Sangiustese abbia provato fino alla fine a riportarsi in carreggiata con una prestazione fatta di cuore e orgoglio. Mister Roscioli, orfano di Chiodini tra i pali e con diverse assenze in mezzo al campo, tra le quali pesa indubbiamente da due turni quella della punta Mingiano, gettava nella mischia dal primo minuto De Cerchio (autore di una buona gara e di diverse occasioni pericolose tra cui, la migliore, una punizione sventata in corner), recuperando Proesmans in mediana e affiancando Romano a Buonaventura un avanti. Dall’altro lato il Cattolica, uscito rafforzato dell’ultima sessione di mercato e da diversi turni in striscia positiva, si aggiudicava l’intera posta lasciando a soffrire sulle spine i rossoblù. Ad una prima frazione equilibrata, ma con il possesso palla saldamente nelle mani di Proesmans e compagni, faceva seguito una ripresa arrembante con la Sangiustese che si gettava in avanti e riusciva a schiacciare i romagnoli nella propria metà campo. Tanti i cambi effettuati da mister Roscioli per incrementare il potenziale offensivo dei rossoblù (dentro Esposito, Palumbo, Bardeggia, Palladini e Pomiro). Atteggiamento spregiudicato che inevitabilmente apriva il fianco a qualche contropiede locale, per fortuna sterile, con Cannoni sugli scudi a fallire, in un paio di occasioni, il colpo del potenziale ko. Nel finale era ancora una punizione, questa volta di Pomiro, a sfiorare il meritato pari per gli ospiti, che però non arrivava vista la provvidenziale deviazione di Guido Piai sopra la traversa. La ripartenza della Sangiustese dovrà inevitabilmente passare per il derby con il Montegiorgio, da affrontare domenica prossima in casa con le unghie e con i denti, con un solo risultato nella testa. M. CATTOLICA (4-3-3): Guido Piai, Croci, Ferrario (28’ pt Pasquini), Gaiola, Ferraro, Bajic, Okoli (20’ st Stallone), Cannoni, Morga (9’ st Gasperoni), Merlonghi (30’ st Battistini), Notariale. A disposizione: Aglietti, Drudi, Abouzziane, Nsingi, Terenzi. Allenatore: Emmanuel Cascione. SANGIUSTESE (4-3-1-2): Raccio, Zannini, Fabbri, Proesmans (32’ st Palumbo), Patrizi, Scognamiglio, Romano (27’ st Bardeggia), Guadagno (40’ st Palladini Alessio), De Cerchio (15’ st Esposito), Buonaventura, Pandolfi (24’ st Pomiro). A disposizione: Chiodini, Siciliano, Bambozzi, Ercoli. Allenatore: Fabio Roscioli. ARBITRO: Sig. Filippo Colaninno della sezione di Nola. ASSISTENTI: Sigg. Federico Fratello della sezione di Latina e Massimiliano Starnini della sezione di Viterbo. RETE: 21’ pt Morga. NOTE: corner 1-6; espulso Fabbri al 46’ st; ammoniti Pandolfi, Guido Piai e Pasquini; recupero 2’+4’

23/02/2020
Sangiustese, piccoli rossoblù: intervista al mister Rossano Brillarelli

Sangiustese, piccoli rossoblù: intervista al mister Rossano Brillarelli

È mister Rossano Brillarelli, sangiustese doc, a prendersi cura delle leve più piccole del Settore Giovanile rossoblù. “Ho iniziato la mia ‘carriera’ con ragazzi più grandi - ha esordito il tecnico, molto stimato nel territorio viste le precedenti esperienze alla guida di diverse società della provincia - ma da due anni a questa parte ho coronato il sogno di avere a che fare con i più piccoli in assoluto. I bambini compresi nella fascia d’età che va dai cinque ai sei anni danno soddisfazioni inimmaginabili”.  Continua il mister: "Mentre molti allenatori partono occupandosi di settore giovanile, ma con il sogno di approdare in prima squadra - ha proseguito Brillarelli - io ho sempre tenuto a fare il percorso inverso. Questo perché credo che, per occuparsi degnamente dei più piccoli, bisogna avere un grande bagaglio culturale, sportivo e di esperienza perché paradossalmente è molto più difficile. È un lavoro che richiede moltissime energie ed attenzioni, ma che in cambio ti dà grandi emozioni. Quando vedi che da niente un ragazzino comincia a migliorare sul piano tecnico, tattico e soprattutto comportamentale, ti si riempie davvero il cuore, è una sensazione stupenda”. “È stato bello - ha concluso il mister - far ripartire il Settore Giovanile di una società blasonata come la Sangiustese. L’anno scorso a gennaio abbiamo iniziato questa avventura con poco più di venti ragazzi, di cui qualcuno che non aveva mai praticato calcio, mentre in questa stagione siamo riusciti ad avere tutte le categorie. Senz’altro un bel segnale. Abbiamo finito qualche domenica fa la nostra attività indoor e da metà marzo inizierà la seconda fase, anch’essa fatta di concentramenti e giochi, così strutturata per simulare le dinamiche degli oratori in cui tanti di noi sono cresciuti, approcciandosi allo sport, in uno spirito di amicizia, integrazione e rispetto, valori che anche oggi dovrebbero essere sempre presenti”.  

21/02/2020
La Sangiustese si inchina: 0-2 per il Matelica

La Sangiustese si inchina: 0-2 per il Matelica

La Sangiustese è costretta ad inchinarsi ad un volitivo Matelica, che con il successo odierno si porta a tre punti dalla capolista Notaresco.Una prodezza del classe 2000 Peroni al 10’ del primo tempo, dopo un buon avvio da parte dei padroni di casa, imprimeva la svolta all’incontro, rompendo l’equilibrio. Il raddoppio, dopo una manciata di minuti della ripresa, portava ancora la firma del numero 7 ospite, servito in questa occasione da Leonetti.Un derby per il resto equilibrato con i rossoblù alla ricerca di preziosi punti salvezza costretti a vedersela con una delle formazioni più in forma del campionato, in scia positiva da 12 turni. Tanti gli indisponibili e gli acciaccati per l’esordio in pectore sulla panchina della Sangiustese di mister Roscioli (Proesmans ancora non al meglio e tenuto precauzionalmente a riposo, Mingiano, Basconi, Mengoni, Dell’Aquila, Orazzo e Boschetti ai box), che però poteva contare su due nuovi innesti di spessore, di certo utili per il prosieguo della stagione, come Esposito e Palumbo, arrivati nello scorso fine settimana. Coppia avanzata Buonaventura – Bardeggia con Guadagno alle spalle, centrocampo a tre con Pandolfi ed Ercoli ai lati dell’ex di giornata Bambozzi, tandem difensivo con il rientrante Scognamiglio insieme a capitan Patrizi, sostenuti da Zannini e Fabbri, a protezione di Chiodini. Questi gli undici scelti per il fischio d’inizio di una gara che si annunciava proibitiva e che la realtà ha confermato.Pur senza strafare, i biancorossi di Colavitto (pur senza gli squalificati Croce e De Santis) hanno fatto valere la propria legge, approfittando nei primi 45’ anche del favore di vento, fattore che al Polisportivo non si può mai sottovalutare. Dopo la serpentina vincente di Peroni in avvio, infatti, in più occasione il Matelica aveva sfiorato il raddoppio, senza però riuscirci. Pioveva sul bagnato invece nella ripresa, con mister Roscioli che provava a raddrizzare l’incontro anche grazie ai cambi, ma veniva freddato prima dal raddoppio ancora di un ispirato Peroni e poi dalla tegola Chiodini, costretto a uscire al 10’ per infortunio e sostituito tra i pali da Raccio. Poche per il resto le emozioni nella ripresa, nonostante le tante sostituzioni, utili anche a mettere minuti nelle gambe dei nuovi arrivati, e gli spazi più larghi. Il cinico team matelicese incamerava la posta piena, ai locali restava ancora una volta l’amaro in bocca.La Sangiustese, per cercare di salvare la categoria, dovrà giocarsi il tutto per tutto negli ultimi dieci incontri della stagione, da interpretare come dieci finali, a partire da quella di domenica prossima in casa della diretta contendente Cattolica.

16/02/2020
Monte San Giusto, una borraccia termica per ogni alunno dell'Istituto Comprensivo L.Lotto

Monte San Giusto, una borraccia termica per ogni alunno dell'Istituto Comprensivo L.Lotto

L’iniziativa è stata pensata dal  Comune di Monte San Giusto e realizzata con il contributo di Tennacola Spa.  Il progetto è volto a sensibilizzare i ragazzi e le famiglie al maggiore utilizzo dell’acqua del rubinetto promuovendo la sicurezza dell’acqua dell'acquedotto comunale.   Vi è anche un secondo motivo, altrettanto importante, per cui vale la pena utilizzare la borraccia ed è quello di ridurre il consumo delle bottiglie in plastica. Ogni anno, infatti, a Monte San Giusto vengono smaltiti 150 mila “sacchetti blu”, cioè più di 400 sacchetti pieni di plastica e alluminio ogni giorno. Il Sindaco Andrea Gentili in una lettera consegnata unitamente alla borraccia afferma: “Mi raccomando, portate con voi la borraccia a scuola, come fate con il quaderno o l’astuccio. Più acqua del rubinetto vuol dire meno plastica e quindi rispetto per l’ambiente e per il futuro di questo pianeta di cui tutti, anche mutando le nostre piccole abitudini quotidiane, siamo chiamati a farci carico”. La consegna al Dirigente Scolastico Edoardo Iacucci è stata effettuata dal Sindaco, da Renato Vallesi, membro del Consiglio di Amministrazione di Tennacola Spa e dagli Assessori comunali Mauro Spinelli e Claudia Re.  

Sangiustese,si dimette il d.g. Stambazzi

Sangiustese,si dimette il d.g. Stambazzi

Nella mattinata di oggi il direttore Gianluca Stambazzi ha rassegnato le proprie dimissioni per motivi personali al Presidente Tosoni, che, ringraziandolo per l’impegno di queste settimane, ha accettato la sua decisione.

14/02/2020
Sangiustese, salta la panchina di Campedelli: le parole del presidente Tosoni

Sangiustese, salta la panchina di Campedelli: le parole del presidente Tosoni

La Sangiustese comunica, in una nota ufficiale,  di aver sollevato dall’incarico in data odierna il tecnico Nicola Campedelli, al quale la società porge il suo ringraziamento "per l’impegno e l’indiscutibile professionalità dimostrati in questo mese alla guida dei rossoblù".A dire la sua è il Presidente Andrea Tosoni: “La Sangiustese è la mia creatura, alla quale in questi anni ho dedicato tempo, forze ed energie. È mio dovere provare a fare tutto quanto in mio potere per salvarla, anche per rispetto di tutte le persone che in questi anni mi hanno aiutato ed hanno contribuito al raggiungimento della Serie D. Insieme ci siamo tolti tante soddisfazioni, arrivando a calcare campi importanti, a farci conoscere in tutta Italia per fair play e correttezza e a valorizzare tanti giovani che sono approdati nel professionismo dopo aver vestito con onore questa maglia. Questo è il primo vero momento di difficoltà e dobbiamo quanto prima serrare le fila e stringerci ancora di più per cercare di raggiungere il nostro obiettivo. Abbiamo lottato e sofferto tanto per conquistare questa categoria prestigiosa ed ora con le unghie e con i denti dobbiamo difenderla nelle ultime undici gare rimaste”.Al momento la Società ha optato per la soluzione interna affidando la squadra al mister in seconda Roscioli ed al suo staff.

12/02/2020
La Sangiustese naufraga ad Agnone: sempre più vicino lo spettro retrocessione

La Sangiustese naufraga ad Agnone: sempre più vicino lo spettro retrocessione

Sangiustese sconfitta ad Agnone, dove i rossoblù di mister Campedelli, in cerca di punti salvezza e di riscatto dopo le ultime battute d’arresto, sfidavano i padroni di casa di mister Pizii sorprendentemente al quinto posto in classifica in piena zona play-off. Assenti per squalifica Scognamiglio e Buonaventura, mister Campedelli dava fiducia a Siciliano e Bardeggia dal primo minuto con Fabbri e Pandolfi a spingere sulle corsie esterne. I padroni di casa rispondono con la sempre temibile coppia avanzata Minicucci e Acosta. Tante occasioni nei primi 45’ con l’Agnonese che riusce a passare in vantaggio nel finale, grazie al penalty realizzato da Allegra al 39’ per un fallo di Siciliano in area, dopo che in precedenza entrambe le formazioni si erano equivalse cercando la via del gol. I granata chiudono la prima frazione anche con un uomo in meno vista l’espulsione dell’attaccante Minicucci al 43’ per un fallo a palla lontana su Patrizi. Nella ripresa i padroni di casa nei primi dieci minuti riescono ad arrotondare il punteggio sul 3-0, grazie alla doppietta di Acosta, autore prima di una parabola imprendibile dalla destra a finalizzare un contropiede, poi lesto ad approfittare di un errato disimpegno per insaccare il tris che di fatto chiudeva l’incontro. Mister Campedelli prova a inserire energie fresche con Romano, Pomiro e Alessio Palladini, ma la Sangiustese non riesce a cambiare volto, subendo un duro stop ed anzi rischiando più volte di subire anche il quarto sigillo. La testa ora deve subito correre al difficilissimo derby di domenica prossima in casa con il Matelica. OLYMPIA AGNONESE (3-5-2): Mejri, Vogliacco (35’ st Allegretto), Nicolao, Viscovich, Frabotta (31’ st Ciampi), Allegra, Diakite, Pejic (17’ st Konè), Arfaoui (11’ st Diarra), Minicucci, Acosta (16’ st Amaya). A disposizione: Kuzmanovic, Ballerini, D’Ercole, Minacori. Allenatore: Matteo Pizii.SANGIUSTESE (3-5-2): Chiodini, Basconi, Fabbri, Bambozzi, Patrizi (41’ st Guzzini), Siciliano (11’ st Romano), Pandolfi (31’ st Boschetti), Guadagno, Mingiano, Bardeggia (20’ st Pomiro), Alessio Palladini (20’ st Mattia Palladini). A disposizione: Raccio, Zannini, Ercoli, Mateucci. Allenatore: Nicola Campedelli.ARBITRO: Sig.na Deborah Bianchi della sezione di Prato.ASSISTENTI: Sigg. Francesco Raccanello della sezione di Viterbo e Andrea Romagnoli della sezione di Albano Laziale.RETI: 39’ pt Allegra (rig), 7’ st e 9’ st Acosta.NOTE: corner 6-3; espulso al 43’ pt Minicucci; ammoniti Patrizi, Viscovich e Frabotta; recupero 1’+5’.

09/02/2020
Curioso avvistamento: un lupo compare nelle campagne di Monte San Giusto (FOTO e VIDEO)

Curioso avvistamento: un lupo compare nelle campagne di Monte San Giusto (FOTO e VIDEO)

Avvistato quello che sembra essere un bellissimo esemplare di lupo a Monte San Giusto . Il curioso avvistamento  è stato fatto da un passante, questa mattina intorno alle 7:20,  esattamente in zona Piani Ete al  confine tra Monte San Giusto e Monte San Pietrangeli località San Rustico . L’uomo è poi riuscito ad immortalare l’incontro con una foto e una breve ripresa video, visto che l’animale si è dato alla fuga tra i campi.  I lupi si spostano principalmente per motivi legati al cibo e difficilmente si fanno avvicinare. Spesso possono essere confusi con i cani randagi o con una particolare razza canina quale il cane lupo Cecoslovacco. Nel caso si tratti di un esemplare di lupo, è un avvistamento più unico che raro nella zona.     

08/02/2020
Sangiustese, ufficiale l'acquisto di Alessio De Cerchio: arriva dal Tuttocuoio

Sangiustese, ufficiale l'acquisto di Alessio De Cerchio: arriva dal Tuttocuoio

La Sangiustese ha aggiunto al gruppo a disposizione di mister Campedelli il centrocampista abruzzese Alessio De Cerchio. Classe 1997, De Cerchio, dopo il Settore Giovanile effettuato con il Pescara, ha sempre ben figurato in Serie D con le casacche di Giulianova, San Nicoló, Matelica, Monterosi e Santarcangelo. Negli scorsi mesi aveva iniziato con il campionato con il Tuttocuoio, prima di essere acquistato dalla Sangiustese.  

07/02/2020
Interviene per un incendio e subito dopo viene colto da infarto: muore Umberto Cardinali

Interviene per un incendio e subito dopo viene colto da infarto: muore Umberto Cardinali

E’ deceduto questa mattina un volontario della Protezione Civile, appartenente all’Associazione nazionale Vigili del Fuoco Volontari. Originario di Monte San Giusto, Umberto Cardinali, 49 anni, aveva da poco terminato il servizio di vigilanza su un incendio boschivo a Massignano di Fermo ed è stato colpito da un infarto. Il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, appresa la notizia, ha espresso il suo sentito cordoglio: “Conosciamo bene l’abnegazione dei nostri volontari, sono tanti, più di 10 mila e fanno onore al nostro sistema di Protezione civile. Ognuno di loro è un tassello indispensabile di un meccanismo virtuoso, ognuno di loro è motivo di orgoglio per la nostra regione. Le circostanze in cui si è svolto il triste fatto di oggi, poi, ci fa capire quanto i volontari siano attaccati a quella che sentono una missione oltre che essere una scelta di vita. Alla sua famiglia va tutta la nostra solidarietà e vicinanza per la prematura scomparsa del loro caro.”    Il Sistema di Protezione Ciivile regionale, con cui Umberto Cardinali ha collaborato molte volte per la sua specializzazione proprio nello spegnimento e controllo degli incendi boschivi, è stato profondamente scosso dalla drammatica notizia e si è stretto alla famiglia in un abbraccio fraterno.        

06/02/2020

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.