Visso

Visso, riprende le attività il Torneo delle Guaite. "Ripartiamo da zero, ma forti delle nostre radici"

Visso, riprende le attività il Torneo delle Guaite. "Ripartiamo da zero, ma forti delle nostre radici"

"L’associazione Torneo delle Guaite dopo anni di silenzio e inattività è riuscita a riprendere vigore e forza grazie ad un nuovo direttivo. Sette amici, si sono ritrovati in un pomeriggio d’inverno con la piena consapevolezza di non voler far morire un’associazione decennale. Non potevamo permettere che una rievocazione storica così importante per i nostri territori finisse e concludesse, nell’indifferenza totale, la sua attività sia rievocativa che sociale senza tentare almeno di riprenderla in mano. Ma ciò che più ci ha spronati nel voler far ripartire questa decennale manifestazione è la sua elevata portata storica. Ci sono decine di così dette 'Rievocazioni Storiche' in tutta Italia e anche molto vicine a noi che non hanno minimamente una base storica o una realtà del passato provata e documentata. Sono semplicemente feste paesane, puro folklore , una sorta di sagra vestita con abiti più o meno 'storici'. Si è proceduti quindi contattando il vecchio direttivo dimissionario e indicendo una nuova campagna di tesseramento e quindi una riunione dei nuovi soci per eleggere un nuovo direttivo. Smettere di rievocare il torneo delle guaite significherebbe perdere la rara possibilità di riportare in vita uno spaccato di vita medievale realmente accaduto. Questo fatto è di un valore eccezionale su cui si può lavorare e costruire una manifestazione stupenda. Abbiamo infatti l’editto del 1483 di Ser Benedetto di Benedetto in cui si descrivere in modo dettagliato questo torneo di Tiro con L’arco, una sorta di copione storico in cui ci viene indicato il luogo - Santa Maria di Macereto -, la data, le modalità di esecuzione del torneo e addirittura il premio in palio. Il Torneo delle Guaite dalla sua prima edizione si è svolto nel centro del nostro paese lungo la via principale e nella sua stupenda piazza e certamente aveva motivo di esistere in quel cuore prezioso. Non avere più i nostri centri storici, per poter ricreare una vera rievocazione storica è un problema insormontabile. Ma in un momento come questo, in cui tutto ci sembra così irrimediabilmente rotto e perduto, perché non svolgere momentaneamente la nostra rievocazione nel luogo proprio indicato dall’editto? La cosa che più ci addolora è considerare il Nostro comune solo per quello che ha perso , per ciò che si è rotto. Non vogliamo più sentire parlare di distruzione , di perdita, di mancanza. Vogliamo ricordare anche a chi vuole venire nei monti Sibillini che Visso ha ancora tantissimo da far vedere. Abbiamo enormi tesori nelle frazioni più piccoli come la Chiesa di Santa Maria di Mevale, abbiamo le Torri - simbolo intramontabile del borgo antico - e abbiamo un luogo di rara bellezza, perla e scrigno di racconti infiniti: il Santuario di Macereto. La nostra volontà è di tentare di ripartire da zero, forti delle nostre radici. Abbiamo l’immaginazione, l’amore per Visso e per fortuna anche tante associazioni storiche che ci vogliono bene e che per Visso farebbero di tutto. Pur essendo in difficoltà e in ristrettezze economiche e pratiche - considerato anche il Covid -, vorremmo dare nuova vita al torneo. Partendo a piccoli passi. Un torneo di tiro con l’arco e le sue Guaite, strumenti e abiti filologici, cibo locale e 'storico', musica dell’epoca, i nostri amati Tamburini, le dolci sbandieratrici e magari qualche buon narratore che ci possa raccontare la storia e le leggende dei nostri luoghi. Ma la parte più importante sarà la volontà e la partecipazione di tutta la popolazione come fu dalla prima edizione . Iniziammo con abiti di lana per i popolani, pochissimi nobili e i panini col ciauscolo nel chiostro di Sant’Agostino. La sensazione dal 2016 è stata quella di aver perso nelle mura delle nostre case anche l’anima del paese. Ma chi è qui e chi ogni giorno vive, lavora e ama questo Paese porta con sé un tassello di questa anima. Ogni rintocco delle campane della collegiata sono nel nostro battito. Dobbiamo continuare a far parlare le mura rotte delle nostre case riportando in vita la storia del nostro comune. Con la certa collaborazione di tutti i comuni e delle proloco siamo sicuri che riusciremo a realizzare il nostro progetto, un piccolo grande progetto che ha oltretutto l’onere e l’onore di dover rappresentare il cinque centenario della Battaglia del Pian Perduto. La storia e le tradizioni a Visso non sono mai mancate e la voglia di farle rivivere sta nel nostro “incosciente entusiasmo”. comunicato dell'Ass. Torneo delle Guaite (Caterina Molinaro Presidente, Enrico Franconi Vice Presidente, Ilaria Gatti Segretario, Letizia Cappa Tesoriere e i consiglieri Andrea Massimiliano Cesari, Federico Morandi e Andrea Ercoli)

25/02/2022 19:00
Macerata, mappe storiche delle città in una mostra: “Conoscere le nostre radici per aprirci al futuro” (FOTO e INTERVISTA)

Macerata, mappe storiche delle città in una mostra: “Conoscere le nostre radici per aprirci al futuro” (FOTO e INTERVISTA)

È stata presentata oggi alla stampa presso la sala dell’IRCR di Piazza Mazzini la nuova mostra culturale dal titolo “Macerata e il suo Territorio. Antiche mappe e vedute dal XVI secolo all’Unità d’Italia”, e che sarà aperta al pubblico gratuitamente da venerdì 11 fino a lunedì 21 febbraio presso gli Antichi Forni – in osservanza delle norme anti Covid. Una raccolta unica, inedita di 50 antiche mappe originali d’epoca, incise e stampate su carta, che raccontano l’evoluzione urbanistica di Macerata e di altre città della provincia: Camerino, Cingoli, Civitanova, Recanati-Loreto, San Severino, Tolentino, Treia e Visso. La mostra è stata realizzata dall’architetto e collezionista Enzo Fusari - sostenuto dall’associazione LUTES, con il patrocinio del Comune, dell’IRCR e dell’Ordine degli Architetti – che da oltre 30 anni conduce le proprie ricerche sulla storia e la geografia della Regione Marche, arrivando nel tempo a raccogliere ben 200 carte di grande pregio e valore, alcune rare e mai pubblicate, di ottima conservazione e non presenti nelle biblioteche locali e regionali. “Avrei voluto realizzare questa esposizione già due anni fa – ha dichiarato Fusari – ma la pandemia e il cambio di amministrazione comunale non l’hanno permesso. Sono felice oggi di mettere a disposizione di tutti questa mia passione: penso sia di fondamentale importanza conoscere il nostro passato per sapere dove siamo diretti. Queste mappe fanno emergere una storia che non è scritta, ma disegnata, e raccontano quella che è la nostra grandezza culturale e politica. Un punto di partenza molto importante per conoscere le radici della propria identità”. Al tavolo della conferenza si sono succedute anche le parole di apprezzamento e soddisfazione rispetto all’iniziativa da parte del presidente LUTES Massimo Crucianelli, dell’assessore all’Urbanistica Silvano Iommi, del presidente dell'Ordine Arch. Vittorio Lanciani e del presidente IRCR Giuliano Centioni. “Il nostro obbiettivo è sostenere tutte le attività culturali che hanno a che fare con la nostra storia e il tessuto urbano – ha commentato Lanciani – in modo che si alimenti in maniera sempre più naturale la consapevolezza di chi lavora e di chi vive nel territorio marchigiano”. “Quando mi fu proposta questa iniziativa – ha aggiunto l’assessore Iommi – ho aderito subito, perché ero certo della sua qualità. Una mappa è come il palcoscenico per un attore: se si conosce il contesto in cui una storia viene raccontata se ne percepisce meglio anche il senso e il messaggio”. INTERVISTA Dottor Fusari, qual è il messaggio nascosto nel suo lavoro? La mia è una ricerca di verità. La geografia non può fare a meno della storia e viceversa: l’errore da sempre è quello di trattare le due materie separatamente, quando invece dovrebbero rappresentare un unicum. Per dimostrare determinati fatti non basta conoscere la storia, e allo stesso tempo saper solamente leggere una cartina non è sufficiente. C’è un problema di identità storica oggi secondo lei? Sì, soprattutto tra i giovani. Molti di loro pensano che Macerata sia una città noiosa, dove non si fa niente. E invece c’è tanto da scoprire se si ha la curiosità di farlo. In quest’incontro si è detto che “bisogna conoscere il proprio passato per sapere dove siamo diretti”. Enzo Fusari dove è diretto? Io abito qui a Macerata da più di 60 anni e ne sono innamoratissimo. Desidero che questa città torni ad essere viva culturalmente, e per farlo abbiamo bisogno soprattutto di chi la abita. Sono le persone che fanno la storia. Ciò detto, mi piacerebbe aprire presto un Museo dove esporre tutte le mie mappe: non nascondo  che mi siano arrivate delle proposte da parte di altri Comuni, ma il mio sogno rimane Macerata.  

08/02/2022 15:40
Pieve Torina, accordo con Visso per la pista ciclabile

Pieve Torina, accordo con Visso per la pista ciclabile

“Al via, con l’amministrazione comunale di Visso, un percorso di collaborazione in ottica di sviluppo turistico. L’incontro avuto con il sindaco Gian Luigi Spiganti Maurizi sancisce questo spirito collaborativo”. A parlare è il sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci, e l’oggetto dell’incontro è l’accordo per la realizzazione della nuova pista ciclabile che da Appennino conduce sin dentro il Parco Nazionale dei Monti Sibillini passando appunto, per un breve tratto, all’interno del territorio comunale vissano: 8 km di percorso i cui lavori inizieranno entro l’anno, e che si aggiungono agli altri 3 per i quali invece i lavori sono già iniziati. “Stiamo implementando le infrastrutture per una mobilità sostenibile e per una fruizione turistica ottimale del nostro territorio lavorando in sinergia con il Parco e, in questo caso, il comune di Visso. Il numero delle persone che richiedono opportunità di questo tipo, soprattutto in contesti naturali, è crescente, ed è importante che le amministrazioni, ai diversi livelli, si attivino per trovare risorse e sviluppare progettualità. Ringrazio il sindaco Spiganti Maurizi per la disponibilità e per la conferma di un approccio partecipativo e di reciproco scambio, com’è giusto che sia tra amministrazioni che condividono medesime problematiche e potenzialità, soprattutto per progetti legati al turismo e alla promozione del territorio”.

01/02/2022 09:06
Visso, il sindaco Mauirzi vuole mantenere attivo il servizio dei Vigili del Fuoco

Visso, il sindaco Mauirzi vuole mantenere attivo il servizio dei Vigili del Fuoco

Con una nota inviata in data odierna al Capo Dipartimento di Protezione Civile, Ing. Fabrizio Curcio, il sindaco Gian Luigi Spiganti Maurizi ha reso evidente la necessità di di assicurare anche per tutto l'anno 2022 il mantenimento dello stesso livello di servizio offerto dai Vigili del fuoco nel distaccamento di Visso dal 2016 - anno del sisma - da parte  al pari degli altri presidi territoriali. Si tratta di una richiesta che si unisce a quella già avanzata dall Regione Marche e che vuole fissarsi anche per gli anni a venire, in virtù del recente finanziamento dell’intervento di ampliamento e potenziamento dello stesso nell’ambito del programma triennale dei lavori pubblici e degli investimenti immobiliari relativo alle opere dei Vigili del Fuoco, Programma nel quale si inserisce anche il distaccamento di Visso, per un importo complessivo è di 3.800.000 euro nel triennio 2022-2024. "Una soluzione onerosa per il nostro Ente - ha dichiarato nella nota Spiganti Maurizi - ma che abbiamo comunque deciso di sostenere per il bene delle nostre comunità. Il mantenimento dei servizi dei corpi ed Enti dello Stato sul nostro territorio è un elemento fondamentale per tutti coloro che hanno deciso di rimanere nelle nostre città. E in virtù di ciò continueremo ad intervenire come già abbiamo fatto in questi anni: attualmente stiamo lavorando, con non poche difficoltà insieme alla Croce Rossa Italiana, alla realizzazione di una nuova sede per il Comitato Locale della Croce Rossa di Visso".

28/01/2022 17:43
Visso, auto si schianta contro le barriere in ferro: giovane a Torrette in eliambulanza

Visso, auto si schianta contro le barriere in ferro: giovane a Torrette in eliambulanza

Auto si schianta contro le barriere in ferro a bordo strada: un ferito trasportato all’ospedale Torrette di Ancona. L'incidente si è verificato, poco dopo le 14, nel comune di Visso lungo la Sp 209 Valnerina. Per cause da accertare, un’auto condotta da un giovane, complice la strada ghiacciata, è andata a urtare violentemente contro le barriere di protezione che costeggiano la carreggiata. Lanciato l'allarme sono accorsi sul posto i mezzi di soccorso del 118 e dei Vigili del Fuoco. La squadra dei pompieri ha estratto il giovane conducente all’interno della vettura in collaborazione con i sanitari, che hanno subito allertato l’eliambulanza. L’elicottero del soccorso ha poi trasportato il giovane all’ospedale dorico di Torrette con un codice rosso traumatico.

16/01/2022 17:59
Manovra di bilancio 2022, prorogato il "Sisma-bonus" e novità sul caro bollette

Manovra di bilancio 2022, prorogato il "Sisma-bonus" e novità sul caro bollette

Approvata in via definitiva la nuova Legge di Bilancio 2022 con 355 voti a favore. Tante le modifiche introdotte dal testo, dalla riforma fiscale all'intervento sul caro bollette. E non sono mancate le polemiche. La nuova legge prevede per il 2022 l’impiego di 37 miliardi di Euro, con risorse pari a 13,7 mld e un aggravamento del deficit nazionale di 23,3 mld. Saranno principalmente la riforma fiscale (con il taglio di Irpef e Irap), il caro-bollette (con un intervento di 1,8 mld), il reddito di cittadinanza (confermato) e il Superbonus (fino al 110%) le misure di intervento maggiormente interessate dalla manovra “espansiva”. Nello specifico, 8 mld saranno destinati al taglio delle tasse a alla cancellazione dell’Irap per autonomi e professionisti, operazione che dovrebbe in un secondo momento avviare la riforma fiscale: passaggio delle aliquote da 5 a 4 e detrazioni del 23% per i redditi fino a 15 mila euro, 25% per i redditi fino a 28 mila euro, 35% tra 28 mila e 50 mila euro, 43% oltre i 50 mila euro. Per i redditi fino a 15 mila euro rimane il bonus Irpef da 100 euro, rimodulato fino ai 28 mila. Per contrastare il rincaro dei prezzi dell’energia, la manovra taglierà le bollette di luce e gas nel primo trimestre del 2022 (fino al raggiungimento dell’importo di 912 milioni di euro) per i redditi bassi con Isee sotto sotto gli 8.265 euro oppure con 20 mila euro lordi annui e almeno quattro figli. Per le famiglie con redditi maggiori ci sarà invece l’opportunità di rateizzare (senza interessi aggiunti) il pagamento dei primi 4 mesi di bollette fino a 10 mesi. Nel primo trimestre, inoltre, verranno annullati gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16 kwh, oltre a una riduzione dell’Iva al 5% sul metano da riscaldamento. Non ultimo, la possibilità di pagare nell’arco di 180 giorni (anziché 60) le cartelle esattoriali notificate dal primo gennaio al 31 marzo 2022, senza pagare interessi di mora o sanzioni ulteriori. Sarà rifinanziato il reddito di cittadinanza, anche se dal 2022 osserverà regole più rigide e controlli più severi prima della concessione del sostegno, facendo decadere la richiesta dopo il secondo rifiuto. Per quanto riguarda gli incentivi edilizi, la novità più rilevante è rappresentata dalla conferma del Superbonus in aggiunta all’eliminazione del tetto ISEE per i lavori di ristrutturazione degli edifici monofamiliari (purché il 30% dei lavori sia ultimato entro il 30 giugno 2022). Il Sisma-bonus sarà invece prorogato al 2025 e salirà dal 50 all’85%, con interessamento di tutti i centri colpiti da un evento sismico, a partire dal terremoto dell’Aquila del 2009. La legge di bilancio 2022 prevede, in questo senso, lo stanziamento di 6 miliardi di Euro aggiuntivi per la ricostruzione privata nelle aree colpite dal sisma, con 200 milioni di Euro per l’assistenza alla popolazione. Il Sisma-bonus, va ricordato, consente ai contribuenti di eseguire interventi per l’adozione di misure antisismiche beneficiando di detrazioni, il cui valore si lega alla riduzione del rischio sismico e alla realizzazione dei lavori sulle parti comuni di edifici condominiali.

31/12/2021 10:00
Visso, visita del presidente Casellati: "Fa male al cuore vedere realtà dopo anni dalle scosse"

Visso, visita del presidente Casellati: "Fa male al cuore vedere realtà dopo anni dalle scosse"

“I denari che potranno arrivare attraverso lo strumento del Pnrr agevolano anche la ricostruzione di questi centri che a causa del terribile terremoto sono disabitati. C’è una grande volontà da parte di tutti e dei sindaci di riportare questi paesi alla vita, alle attività che facevano. Vedere questa realtà, dopo tanti anni dalle scosse, fa male al cuore. È una situazione complessa, ma abbiamo il Commissario Straordinario che sta lavorando bene, dando impulso a tutte le attività. Speriamo che si riescano presto a rimarginare queste ferite gravi e di poter ritornare e vedere un centro ripopolato da quelle famiglie che lo animavano normalmente”. Così il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati durante la visita istituzionale a Visso è stata accolta dal presidente della Regione Francesco Acquaroli, dal Commissario Giovanni Legnini e da altre autorità civili e militari.  “La visita del presidente del Senato – ha sottolineato Acquaroli - testimonia l’interesse dello Stato e l'importanza della filiera istituzionale. Stiamo cercando di coordinare tutte quelle attività e risorse che vanno dal Cis al Pnrr. A queste si aggiunge l’insieme delle attività dell’Ufficio speciale per la ricostruzione e il lavoro del Commissario Giovanni Legnini che quotidianamente effettuano per evadere tutta una serie di procedure e pratiche indispensabili per risolvere i problemi dei cantieri e dare risposte ai sindaci e ai territori che da tanto tempo attendono”. La seconda carica dello Stato è arrivata nella cittadina marchigiana nel primo pomeriggio ed ha effettuato prima un sopralluogo nella zona rossa e nella Collegiata di Santa Maria per poi incontrare i sindaci dell’Unione montana di Camerino.  L'incontro si è svolto nella sede del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. "È un onore, per l'ente Parco, aver potuto accogliere la seconda carica dello Stato" ha sottolineato il presidente, Andrea Spaterna, "ed è importante che sia stata proprio la nostra nuova sede, lo spazio fisico che ha dato voce alle diverse realtà dell'area, in primis i sindaci, favorendo un dialogo istituzionale di tale livello. Il ruolo del Parco è anche questo, fungere da elemento di raccordo tra attori che, pur con competenze differenti, hanno un medesimo obiettivo: lavorare ad una ricostruzione necessaria, consapevole, sostenibile".

11/12/2021 12:40
Castelraimondo, è positiva al Covid ma esce a fare shopping: denunciata

Castelraimondo, è positiva al Covid ma esce a fare shopping: denunciata

Esce a fare compere, nonostante sia in quarantena per aver contratto il Covid-19. I carabinieri della Compagnia di Camerino, lo scorso sabato, hanno deferito alla procura della Repubblica, una donna di Castelraimondo che è stata sorpresa a fare shopping mentre avrebbe dovuto essere in isolamento a casa, in quanto positiva al Covid-19. Lo scorso martedì 7 dicembre, invece, nel corso di un controllo a un cantiere edile della ricostruzione post-sisma, gli stessi militari di Camerino, unitamente a quelli di Matelica, hanno individuato 3 operai sprovvisti della necessaria certificazione verde, elevando nei loro confronti la prevista sanzione amministrativa. Nel medesimo controllo è stato anche sanzionato il datore di lavoro per il mancato rispetto delle misure di contenimento della pandemia. La stazione carabinieri di Visso, inoltre, ha denunciato all’autorità giudiziaria un operaio poiché colto alla guida della propria autovettura in evidente stato di ebbrezza alcolica.

09/12/2021 15:14
Prima nevicata sull'Appennino marchigiano

Prima nevicata sull'Appennino marchigiano

Primi fiocchi di neve nella zona del cratere maceratese. Da Camerino a Castelsantangelo sul Nera, passando per Visso e Ussita e Bolognola, dalla notte appena trascorsa è iniziata a cadere la neve che ha, in principio, imbiancato i borghi. Il fenomeno si è poi attenuato con il trascorrere delle ore. In alta quota, ma già a partire dagli 800-1000 metri, la nevicata è stata invece copiosa e le cime delle montagne sono completamente imbiancate. Al momento nessun problema si registra alla viabilità stradale. Prima nevicata anche ad Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. Imbiancato il paese, mentre la coltre bianca  non ha 'attecchito' lungo la strada Salaria. Non risultano, quindi, problemi alla circolazione stradale. Le nevicate più consistenti nella zona di Foce di Montemonaco. (Foto Ansa)

29/11/2021 13:13
Visso, scomparsa Giuseppe Rosati: familiari presentano denuncia contro ignoti

Visso, scomparsa Giuseppe Rosati: familiari presentano denuncia contro ignoti

Scomparsa di Giuseppe Rosati, presentata denuncia contro ignoti.  I familiari dell’82enne di cui si sono perse le tracce dallo scorso 8 novembre, vuole andare fino in fondo a questa vicenda, “Abbiamo deciso di presentare denuncia ai carabinieri di Visso per non lasciare nulla di intentato e verificare anche la possibilità che qualcuno stia aiutando mio padre", spiega all'ANSA la figlia Claudia”. Dopo la scomparsa dell'anziano, avvenuta la mattina da Cupi di Visso, le ricerche per una decina di giorni hanno impegnato carabinieri forestali e del gruppo provinciale di Macerata, guardia di finanza, vigili del fuoco, volontari di Protezione civile, supportate anche dall'impiego di cani molecolari, di droni e di un elicottero. "Non sappiamo più cosa pensare - aggiunge la figlia dell'82enne - Sono quasi due settimane che lo stiamo cercando ininterrottamente ovunque, sembra scomparso nel nulla. A questo punto crediamo che sia opportuno indirizzare le indagini anche su altre ipotesi". Quando si è allontanato, Giuseppe indossava i pantaloni blu di una tuta, un maglione grigio e un cappellino mimetico con la visiera. E aveva con sé il bastone bianco, essendo ipovedente. Alla figlia aveva detto di andare a fare una passeggiata lungo la strada principale del borgo, ma poi non è più tornato. L'allerta della scomparsa era stata data intorno all'ora di pranzo. Le ricerche non hanno dato alcun esito concreto, nonostante alcuni presunti avvistamenti in località diverse.

20/11/2021 16:33
Visso, scomparsa di Giuseppe Rosati: l'appello a "Chi l'ha visto?" della nipote Alessandra

Visso, scomparsa di Giuseppe Rosati: l'appello a "Chi l'ha visto?" della nipote Alessandra

Un appello andato in onda durante la trasmissione "Chi l'ha visto?" per fare in modo che Giuseppe Rosati, l'anziano scomparso lo scorso 8 novembre dalla frazione di Cupi (a Visso), venga ritrovato il prima possibile. A farlo è stata la nipote Alessandra, attraverso un videomessaggio inviato alla redazione del programma di Rai Tre: "Per noi sono importanti tutti gli avvistamenti - ha detto -. Sono molto significativi quelli di Sarnano: in totale tre, due in centro e uno lungo la strada che da Penna San Giovanni porta a Sarnano".  Giuseppe è uscito di casa poco prima dell'orario di pranzo lo scorso lunedì 8 novembre, senza fare più ritorno. Nemmeno dieci giorni di assidue ricerche, nei pressi della sua abitazione, hanno permesso di avere sue tracce. Alla figlia aveva detto di andare a fare una passeggiata, probabilmente verso "il cugnolo", una radura appena fuori paese.  Al momento della scomparsa Giuseppe indossava i pantaloni di una tuta blu, un maglione grigio, cappello mimetico con visiera, occhiali scuri e portava con sé un bastone bianco. Non ha con sé né cellulare né documenti.  "Le segnalazioni corrispondono alla sua descrizione, una parla anche di bastone bianco - ha aggiunto la nipote -. Chiediamo di prestare attenzione e segnalare eventuali somiglianze che possano portarci sulle sue tracce".  Chiunque ritiene di avere informazioni utili alle ricerche può contattare i seguenti numeri telefonici: 3332541616 - 3407165017. Di seguito riproponiamo tre foto che ritraggono Giuseppe Rosati:  .

18/11/2021 10:02
Giuseppe Rosati scomparso da dieci giorni: ricerche sospese a Visso, segnalazioni da Sarnano

Giuseppe Rosati scomparso da dieci giorni: ricerche sospese a Visso, segnalazioni da Sarnano

Sono state definitivamente sospese ieri le ricerche di Giuseppe Rosati, l’anziano 82enne scomparso, da oltre una settimana, dalla zona di Cupi frazione di Visso. Era l'8 novembre scorso quando, poco prima dell'ora di pranzo, si allontanò da casa senza più fare ritorno. Lo stop è stato disposto in via ufficiale dalla Prefettura di Macerata.  Nessuna traccia di Giuseppe è stata trovata nel corso dei dieci giorni di ricerche, nei quali sono state battute palmo a palmo le zone circostanti l'abitazione dell'uomo. Ad essere attivamente impegnati sono stati i carabinieri forestali e del gruppo provinciale di Macerata, guardia di finanza, vigili del fuoco, volontari di Protezione civile. Impiegati anche cani molecolari, droni e un elicottero.   Ai familiari di Giuseppe sono giunte delle segnalazioni, alcune particolarmente attendibili dalla zona di Sarnano, che dista circa 75 chilometri da Cupi. Presunti avvistamenti che risalgono tutti alla giornata del 12 novembre. L'ansia è forte, anche perché Giuseppe è ipovedente. Ricordiamo che, momento della scomparsa, l'uomo indossava i pantaloni di una tuta blu, un maglione grigio, cappello mimetico con visiera, occhiali scuri e portava con sé un bastone bianco. A questo punto la figlia del pensionato e tutti i suoi parenti ritengono plausibile che l'uomo possa aver raggiunto qualunque località, magari utilizzando mezzi pubblici o di fortuna. Da qui l'intenzione di allargare le ricerche all'intero territorio nazionale. Stasera anche la trasmissione di Rai Tre, "Chi l'ha visto?", si occuperà del caso. Chiunque ritiene di avere informazioni utili alle ricerche può contattare i seguenti numeri telefonici: 3332541616 - 3407165017

17/11/2021 16:44
Visso, Giuseppe Rosati scomparso da 6 giorni: ricerche con elicottero e unità cinofile (VIDEO)

Visso, Giuseppe Rosati scomparso da 6 giorni: ricerche con elicottero e unità cinofile (VIDEO)

Proseguono senza sosta le ricerche di Giuseppe Rosati, l’anziano 82enne scomparso, ormai 6 giorni fa, dalla zona di Cupi frazione di Visso. Dal distaccamento di Fabriano dei Vigili del Fuoco questa mattina è partita un’unità cinofila con un cane per la ricerca di persone scomparse, unitamente all’elicottero Drago dal comando di Pescara che ha sorvolato la zona. Lo scorso 8 novembre Giuseppe non aveva fatto rientro a casa e i familiari avevano lanciato l’allarme. Attivato il protocollo della prefettura di Macerata per le ricerche che sono state estese ad ampio raggio sulla provincia maceratese: due giorni dopo la scomparsa, infatti, era arrivata una segnalazione da Monte San Giusto, a quasi 80 chilometri di distanza, da parte dei titolari di un’attività commerciale che hanno riferito del passaggio nel locale di un uomo anziano in stato confusionale.  I vigili del Fuoco sono coadiuvati dal personale del Soccorso Alpino, diversi volontari e oggi anche dalla Guardia Finanza. Purtroppo le ricerche, al momento, non hanno dato nessun esito.   Chiunque abbia notizie utili può contattare le forze dell’ordine.  

13/11/2021 17:54
Visso, Giuseppe Rosati scomparso da due giorni: arriva una segnalazione da Monte San Giusto

Visso, Giuseppe Rosati scomparso da due giorni: arriva una segnalazione da Monte San Giusto

Continuano senza sosta, nonostante un ulteriore peggioramento delle condizioni meteo (nebbia fitta e pioggia), le ricerche di Giuseppe Rosati, l'anziano 82enne scomparso dalla frazione di Cupi, nel comune di Visso, dalla mattinata di lunedì (leggi qui).  Nelle ultime ore, è pervenuta ai carabinieri una segnalazione da parte dei titolari di un'attività commerciale di Monte San Giusto che, nella giornata di ieri, hanno raccontato come una persona anziana, in evidente stato confusionale, avesse fatto ingresso nel loro locale. Segnalazione che è al vaglio dell'organo di polizia.  Proprio per acquisire ulteriori riscontri sono state divulgate, nel pomeriggio, dalla Prefettura - in accordo con i familiari - tre fotografie che ritraggono l'uomo. Le proponiamo di seguito:  Al momento dell'allontanamento Giuseppe era vestito con tuta, maglione, cappello, occhiali scuri e bastone. Per la giornata di domani si prevede di utilizzare un elicottero per sorvolare dall'alto la zona di Cupi in cui sono in corso le ricerche. Una modalità che verrà esplorata anche tramite l'utilizzo di droni. Da due giorni sul posto sono attive anche le unità cinofile dei vigili del fuoco. Gli abitanti di Visso hanno contribuito ispezionando tutte le case disabitate del territorio comunale.  A seguito della segnalazione proveniente da Monte San Giusto, inoltre, le attività di controllo del territorio sono state intensificate anche in prossimità di quest'ultimo Comune. 

10/11/2021 18:09
Visso, esce di casa e scompare: da oltre 24 ore nessuna traccia di Giuseppe Rosati

Visso, esce di casa e scompare: da oltre 24 ore nessuna traccia di Giuseppe Rosati

Di lui si sono perse le tracce da ieri mattina, attorno alle 11 e 30: sono in corso le ricerche di un anziano di 82 anni, Giuseppe Rosati, residente nella frazione di Cupi, a Visso.  A lanciare l'allarme è stata la figlia dell'uomo, ipovedente, preoccupata per il suo mancato rientro a casa dopo aver invano tentato di rintracciarlo sino all'ora di pranzo. Per ritrovarlo sono stati attivati - dalle ore 14 di oggi - i carabinieri della locale stazione, i vigili del fuoco (presenti con quattro squadre), i volontari della protezione civile e la stazione di Macerata del Soccorso Alpino. Al momento della scomparsa l'uomo aveva con sè il proprio bastone bianco.  ++ Aggiornamento ore 19:44 ++ Continuano senza sosta le ricerche che, finora, non hanno dato alcun esito. Si andrà avanti per tutta la notte.  ++ Aggiornamento 9 novembre ore 09:49 ++ Le ricerche, proseguite sotto la pioggia battente per tutta la notte, non hanno ancora permesso di rintracciare l'anziano scomparso. Da ieri pomeriggio sono state anche attivate le unità cinofile dei vigili del fuoco.  ++ Aggiornamento 9 novembre ore 13:33 ++  La zona in cui si ritiene possa essersi allontanato l'anziano è stata anche sorvolata con un drone, prima che il calare della nebbia ne impedisse il prosieguo nell'utilizzo. Ad essere impegnati nelle ricerche anche i carabinieri di Camerino e i militari della Tenenza della Guardia di Finanza camerte. A margine della riunione di coordinamento tenutasi ieri, il Prefetto Flavio Ferdani ha rassicurato la figlia dell'anziano scomparso sull'attenzione che tutte le componenti operative stanno avendo per il caso.  ++ Aggiornamento 9 novembre ore 20:07 ++  Continuano senza sosta le ricerche, nonostante il maltempo e la nebbia. Le azioni congiunte delle varie forze operative insistono sulla zona dove si ritiene sia scomparso l'anziano, ma ancora senza nessun esito. (Servizio in aggiornamento) 

08/11/2021 15:28
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.