Sarnano

Sarnano, vandali devastano il portone della Taverna della Luna

Sarnano, vandali devastano il portone della Taverna della Luna

Vandali in azione a Sarnano. Ignoti hanno letteralmente distrutto probabilmente a calci il portone del bar della Taverna della Luna, pronto per la Notte dei Folli in programma per sabato 17 giugno. I vandali si sono accaniti contro la struttura, tanto da staccare completamente il telaio del portone.  Non soddisfatti del danno al portone, hanno tagliato e portato via alcuni metri di filo della corrente con portalampade e lampade, hanno spaccato i coperchi degli allarmi antincendio, hanno staccato un discendente in rame, lo hanno piegato e fatto cadere nella scarpata sottostante. Il Comune ha già predisposto una querela contro ignoti. "C'è in giro ancora qualche deficiente che trova soddisfazione nel danneggiare le cose altrui per il solo gusto di farlo. Dal punto di vista giuridico, la querela è scontata. Dal punto di vista morale ... il solo sentimento è la pena" commenta il sindaco Franco Ceregioli.   

16/06/2017
Festa dello Studente al Gentili di San Ginesio: un modo per educare alla felicità

Festa dello Studente al Gentili di San Ginesio: un modo per educare alla felicità

“Educare alla felicità” questo è il nome che i ragazzi dell’istituto Gentili di San Ginesio-Sarnano hanno scelto per seconda edizione del Festival dello Studente. "Talento è la parola chiave di questo festival, la nostra abilità naturale che ci contraddistingue e ci rende unici" dicono gli studenti "Il talento è dote di cui si è naturalmente provvisti e che non si può imparare, è una inclinazione molto profonda. Ma il talento in sé non ha valore, è l’investimento, l’impiego nello svolgimento della vita che ne sprigiona il valore che trasforma il sé il potere e libertà. Così abbiamo deciso di investire e far fruttare le nostre capacità nelle varie esibizioni di canto, di ballo, di recitazione, di musica durante il nostro festival. Ogni classe ha realizzato un murales sul tema “La felicità per me è…” poi ci sono state le esibizioni musicali come quella di Luciano Monceri che ha cantato De Andrè. Grazie all’ aiuto della professoressa Lucia Suriano, che è intervenuta illustrando tematiche legate al suo libro “Educare alla felicità”, i ragazzi hanno potuto affrontare le loro potenzialità. Educare alla felicità deve essere anche un insegnamento che parte dalla scuola, capace di praticare e far praticare la risata trasmettendo un’energia positiva che cambia il mondo. “La scuola - dice Suriano - deve essere un grande parcogiochi: quella dove le menti, i cuori, le anime possono sviluppare i propri talenti, le proprie emozioni e le proprie abilità”. Il festival si è concluso con tornei di calcio e allenamenti con gli istruttori della palestra Meeting.  

Prosegue il piano regionale per lo smaltimento macerie: 88 i Comuni che hanno inviato il progetto

Prosegue il piano regionale per lo smaltimento macerie: 88 i Comuni che hanno inviato il progetto

La Regione Marche sta terminando il piano per le macerie pubbliche. I comuni che hanno inviato il progetto sono 88. Sono ancora in fase di evoluzione quelli per i Comuni di Castelsantangelo sul Nera, Visso, Sarnano.    La stima è di circa 840 mila tonnellate: 287 mila per i comuni della provincia di Macerata, 511 mila per la provincia di Ascoli Piceno e 42 mila per la provincia di Fermo. I Comuni con più macerie sono Ussita (stimate 99 mila) e Arquata del Tronto, (350 mila). Il materiale rimosso finora è di circa 63 mila tonnellate. Il costo per raccolta, carico, trasporto, cernita, separazione e recupero è di 50 euro a tonnellata. Aggiornamento anche dei fondi erogati agli enti locali. Fino ad ora a Comuni e Province sono stati liquidati oltre 16 milioni come anticipazione del 70% dei lavori di somma urgenza fatti da ditte private per la messa in sicurezza. Questo consentirà agli enti di anticipare i soldi alle ditte in attesa del completamento dell'iter burocratico. (Ansa)

14/06/2017
Il 6 giugno a Sarnano l'incontro "Gli anziani nelle terre del sisma"

Il 6 giugno a Sarnano l'incontro "Gli anziani nelle terre del sisma"

Domani, martedì 6 giugno, alle ore 15.30 a Sarnano presso la Sala Congressi di via Benedetto Costa si svolgerà l'incontro pubblico "Gli anziani nelle terre del sisma. Il ruolo di istituzioni, associazioni ed enti locali". L'Unione Montana dei Monti Azzurri, d'intesa con l'Associazione Amici del Geriatrico INRCA e la Cna Pensionati Marche, ha voluto promuovere un incontro con i sindaci, i medici di famiglia e i cittadini dei Comuni maceratesi colpiti dal terremoto. Un'occasione per individuare strumenti e percorsi per assistere la popolazione anziana con servizi sociali, sanitari e con interventi finalizzati a migliorare la loro vita di relazione, sconvolta dal sisma. L'obiettivo è quello di presentare una organica proposta per l'assistenza a favore degli anziani e interventi a sostegno delle attività locali. Tutti sono invitati a partecipare e a portare un contributo di idee e di proposte al convegno.Hanno perso i punti di riferimento di una vita e non trovano più nei servizi sociali e sanitari le risposte ai loro bisogni. Il sisma che alcuni mesi fa ha colpito il sud delle Marche non ha provocato solo macerie e danni materiali. Ha travolto anche certezze consolidate dei residenti, mettendo a rischio un intero sistema sociale e territoriale. Gli anziani sono le prime vittime, la fascia più debole della popolazione. Gli ultrasessantacinquenni nei Comuni del cratere sono 81.566 di cui 28.387 hanno superato gli 80 anni. Una ricerca degli Amici del Geriatrico INRCA fotografa la difficile situazione della terza età nei terrtori colpiti dal sisma. Un territorio dove servono servizi sanitari, ma anche una rete di servizi sociali e di relazioni per gli anziani senza più radici, certezze e abitudini travolte dal terremoto. Interverranno dirigenti sanitari nazionali e delle Marche insieme a ricercatori geriatrici. Ci saranno: Aldo Tesei, presidente Associazione Amici del Geriatrico INRCA, Isabella Mastrobuono dell'Università LUISS Roma, Fabrizia Lattanzio direttrice scientifica INRCA, Enzo Martorelli presidente Cna Pensionati Macerata, Gianni Genga direttore generale INRCA, Alessandro Marini direttore Asur Marche, Lucia Di Furia caposervizio sanità Regione Marche, Giuseppe Rivetti Università di Macerata.

La protesta del sindaco di Sarnano: "Riparto del personale ridicolo: la Regione si assuma le sue responsabilità"

La protesta del sindaco di Sarnano: "Riparto del personale ridicolo: la Regione si assuma le sue responsabilità"

Una ripartizione del personale aggiuntivo per il sisma ai Comuni ridicola e mai concertata: ci scusiamo con i cittadini per i ritardi eventuali, ma non sono dipendenti dalla nostra volontà. E' questo in poche parole il senso del cartello che da ieri si trova affisso sul portone del Comune di Sarnano.  Una protesta, quella del sindaco Franco Ceregioli, verso un sistema che non solo non si confronta con chi deve dare le risposte sul territorio, ma capace di mettere a rischio la funzionalità dell'Ufficio Sisma di uno Comuni dell'entroterra maggiormente colpiti dal terremoto.  "Il contenuto del cartello lo avevo pubblicamente preannunciato alla riunione dei sindaci del cratere della Provincia dello scorso 31 maggio e l'ho fatto per tre motivi: - il primo, perché è necessario che chi fa delle scelte sbagliate e penalizzanti (in questo caso la Regione Marche), se ne assuma la piena paternità e responsabilità; - il secondo, perché è giusto che tutti sappiano e siano messi in condizione di valutare e giudicare; - il terzo, perché francamente mi sono stancato di fare il parafulmine di scelte fatte da altri, senza alcuna concertazione e che alla fine ricadono pesantemente sulle nostre teste. Spiego. Per la gestione di tutti gli innumerevoli adempimenti legati al sisma" dice Ceregioli "è stato stabilito che i Comuni possano effettuare assunzioni a tempo determinato: ogni Regione stabilisce i criteri con i quali questo personale viene assegnato ai vari Comuni. Ebbene la Regione Marche ha "ideato" (senza alcuna previa concertazione con i Sindaci) un criterio di riparto del personale non basato sul numero di immobili inagibili di ogni Comune (l'unico criterio logico ed oggettivo, trattandosi di attività connesse alla ricostruzione/riparazione degli edifici danneggiati dal sisma), bensì su un cervellotico rapporto tra abitanti, CAS e persone ospitate nelle strutture ricettive. Questo metodo "ideato" dalla Regione Marche è illogico, ingiusto ed aberrante per i suoi effetti finali, che in alcuni casi sfiorano il ridicolo: al Comune di Sarnano, con circa mille unità abitative inagibili (senza considerare gli accessori) sono state assegnate tre unità di personale con il primo riparto e due con il secondo, mentre ci sono Comuni che hanno non più di 200 / 300 edifici danneggiati a cui vengono assegnate 8, 9 o addirittura 10 unità di personale (alcuni Comuni non hanno nemmeno fisicamente il posto ove collocarli). Questa ingiusta ed illogica ripartizione di personale rischia di penalizzare fortemente i soggetti che hanno immobili danneggiati nel Comune di Sarnano (e negli altri Comuni che si trovano nella medesima condizione) perché, come detto, gli incombenti legati al sisma sono tantissimi, le pratiche da gestire moltissime ed il personale che la Regione Marche ha assegnato al nostro ufficio sisma è assolutamente insufficiente a far fronte a tutta l'attività demandata al Comune (peraltro sempre crescente). Da gennaio, in ogni riunione in cui si è discusso di personale con la Regione, ho sempre cercato di spiegare l'illogicità di questo riparto e l'ho fatto (in maniera più accalorata) anche nell'ultima riunione del 31 maggio scorso, dicendo espressamente che considero questo riparto INACCETTABILE perché pregiudica la funzionalità del nostro ufficio sisma e la capacità di dare corso tempestivamente ad ogni procedura post sisma. Forse, e dico forse, quanto emerso nella riunione del 31 ha aperto lo spiraglio a qualche modifica nel riparto di personale (tardiva, ma ovviamente ben accetta se realmente verrà apportata): ... vedremo!! Nel frattempo, lunedì partirà una missiva formale indirizzata al Commissario Errani ed al Prefetto di Macerata con la quale esporrò la situazione creatasi in conseguenza del penalizzante riparto di personale effettuato dalla Regione Marche, rappresentando le evidenti responsabilità che ne conseguono, ai limiti della interruzione di pubblico servizio. Io, mettendoci personalmente la faccia, mi assumo quotidianamente tutte le responsabilità, ma SOLO LE MIE: gli altri si assumano, d'ora in avanti, le loro. Così, tanto per iniziare a fare un po' di chiarezza: penso che sia ora ... o forse è già passata!!!".

02/06/2017
A Sarnano presentazione libro "Adriano Olivetti un secolo troppo presto"

A Sarnano presentazione libro "Adriano Olivetti un secolo troppo presto"

L'associazione culturale San Ginesio e il Centro di Lettura Arturo Piatti, con il patrocinio del comune di Sarnano, in occasione della Campagna Nazionale di promozione della lettura “Il Maggio dei Libri 2017”, sabato 27 maggio 2017, alle ore 21.30, presso la Sala Consiliare del comune di Sarnano in via Giacomo Leopardi 1, presenteranno il libro: “Adriano Olivetti un secolo troppo presto” di Marco Peroni e Riccardo Cecchetti, edito dalla Becco Giallo (Padova), con disegni originali dell'artista. Interverranno: Alba Piatti, presidente dell'associazione culturale “San Ginesio”, Riccardo Cecchetti, Autore del libro, Rita Bompadre, Intervistatrice, Matteo Marangoni, Operatore Culturale.  

Trofeo Scarfiotti: grande risultato nel segno dell’eccellenza sportiva e della continuità

Trofeo Scarfiotti: grande risultato nel segno dell’eccellenza sportiva e della continuità

Nella cittadina maceratese non è andato in scena solo il doppio evento valido per il CIVM ed il CIVSA autostoriche, ma qualcosa di più, una partecipazione corale dei piloti, del circus della montagna e degli sportivi che hanno voluto con la loro presenza portare un positivo slancio di partecipazione alla comunità ferita dal terremoto. Grande lo sforzo organizzativo che ha superato le molteplici difficoltà della vigilia, grazie anche alla caparbietà dell’Automobile Club maceratese, guidato dal presidente Enrico Ruffini, al quale nella Commissione Salita Auto Moderne è stato recentemente assegnato un incarico per la semplificazione dei regolamenti per i campionati italiani. La Scuderia Speed Motor di Gubbio, protagonista in gara, ha voluto consegnare tramite il suo presidente Tiziano Brunetti, il ricavato di una raccolta di fondi al sindaco di Sarnano Franco Ceregioli, un semplice ma significativo contributo che ha arricchito la manifestazione organizzata dall’Automobile Club Macerata, dall’Associazione Sportiva AC Macerata e dal concreto supporto del Comune di Sarnano, della Provincia di Macerata, dell’Associazione Sarnano In Pista e della Sarnano Corse. Gli appassionati hanno potuto rivedere i campioni e gli scorci suggestivi del percorso nella mostra fotografica “Traguardi” che il Fotoclub Diaframmazero con i suoi soci ha allestito a tempo record in zona paddock; che dire poi del record di Simone Faggioli, che ha dimostrato con grande volontà e applicazione che i traguardi che si possono raggiungere sono sempre più in alto e importanti, come vorrebbero gli abitanti del cratere sismico nella loro volontà di ritornare alla normalità. Un’altra pagina l’ha scritta il pilota gentlemen calabrese Salvatore Leone Patamia, tornato a Sarnano con una Porsche dopo aver gareggiato nel Trofeo Scarfiotti del 1969 (il primo!) e del 1980. Per lui un’occasione indimenticabile di ricordare e rivivere bei momenti di sport ed amicizia, perfino riuscendo a mangiare nello stesso ristorante che aveva offerto la coppa conquistata 48 anni fa. Anche l’atteso debutto della nuova AR-MG Furore-Zytek di Marco Gramenzi ha arricchito la fase sportiva, malgrado le incertezze della mancanza di collaudi, così come il debutto stagionale della Wolf di Francesco Leogrande. Per la partecipazione record, 237 iscritti e 217 partenti, va un ringraziamento alle scuderie più numerose, come Pave Motorsport, Bologna Corse, Valdelsa Classic, Sarnano Corse, Gretaracing, P&G Racing, Vimotorsport, Jonia Corse. Particolarmente apprezzata, come sempre la numerosa partecipazione femminile, con Anna Brenciaglia, Deborah Broccolini, Gina Colotto agguerritissima tra le storiche, Maria Giulia De Ciantis premiata come partecipante più giovane, Caterina Gabrielli che tornava a correre dopo un infortunio, Barbara Giongo che è incappata in uno sfortunato incidente, Paola Pascucci e Rachele Somaschini, che ha vinto nella Coppa Dame. Presenti alla gara anche Serafino La Delfa presidente della Commissione Salita e Marco Rogano, direttore generale Acisport, che ha presenziato nel pomeriggio di sabato anche alle premiazioni regionali Marche per i piloti distintisi nel 2016. Rogano ci ha rilasciato questa considerazione: “Sarnano merita questa risposta dell’automobilismo sportivo. Erano molti anni che non avevo il piacere di venire ed ho fatto un passaggio lungo il percorso di gara, trovandolo fantastico. Sotto l’aspetto sportivo Sarnano ha tutto quello che deve avere per avere il massimo del risultato. Ho trovato anche un’ottima organizzazione, un ottimo allestimento del percorso, l’unica cosa che manca è il sole per avere un evento perfetto. Il territorio con le ultime difficoltà ha meritato la grande risposta dei piloti che hanno dimostrato sensibilità.”

24/05/2017
Campionato italiano velocità montagna: a Sarnano quattro podi per Rachele Somaschini

Campionato italiano velocità montagna: a Sarnano quattro podi per Rachele Somaschini

Non poteva esserci esordio migliore nel Campionato Italiano Velocità Montagna per Rachele Somaschini. La giovanissima driver milanese, supportata da RS Team, con la Mini Cooper S JCW, ha sbaragliato la concorrenza portando a casa ben 4 podi nella salita marchigiana. Il più importante quello di gruppo Racing Start Plus dove ha dovuto arrendersi solamente ad Andrea Palazzo, così come nella classifica di classe riservata alle vetture RS turbo 1.6 Plus, dove la pilota milanese è campionessa in carica. Prima affermazione stagionale all’esordio nella “Coppa Dame” dove la pilota RS Team ha dominato sugli 8877 m. di prova con fondo estremamente insidioso dopo le abbondanti piogge cadute tra sabato e domenica. Podio anche tra gli Under 25 per Rachele Somaschini che chiude terza alle spalle di Rampini e Palazzo. Un weekend da ricordare per la portacolori della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica che, già dalle prove ufficiali di sabato, ha dimostrato di poter puntare in alto. Sempre prima tra le “quote rosa” al via e a proprio agio sia su fondo asciutto che sul bagnato. Rachele Somaschini ha, via via limato secondi alla propria prestazione, chiudendo con un confortante 5’06’’30 la gara del 27° Trofeo Lodovico Scarfiotti, che è valso il secondo gradino del podio sia di gruppo che di classe. Giusto il tempo per percorrere lo “Stivale “ per la 23enne milanese che, la prossima settimana, sarà al via della Verzegnis – Sella Chianzutan, terzo round del Campionato Italiano Velocità Montagna, prima di tornare in pista il 3 e 4 giugno al Misano World Circuit Marco Simoncelli per il secondo appuntamento del MINI Challenge.     Rachele Somaschini: “Non potevo certamente augurarmi un inizio migliore di questo. Nonostante le condizioni meteo avverse, RS Team ha fatto un lavoro fantastico sull’assetto della vettura e io ho potuto sfruttare al meglio tutta la potenza della mia MINI. Iniziare in questo modo mi da certamente fiducia per la prossima gara che arriverà tra meno di 7 giorni. Sapevo di dover dimostrare molto dopo le vittorie dello scorso anno e, sicuramente, iniziare la mia stagione a Sarnano mi ha dato molta fiducia. È una delle gare che preferisco e, anche quest’anno, posso tornare a casa soddisfatta per quanto fatto sia in prova che in gara. Inoltre il mio più grande grazie va a Renzo Serrani che ha voluto proiettare il cortometraggio “Correre Per Un Respiro” prima della comunicazione dei risultati ufficiali e ai volontari della Delegazione di Macerata della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Onlus che, nonostante il meteo, sono stati presenti per tutto il weekend di gara e hanno sensibilizzato il pubblico di Sarnano. Tornando alle prestazioni ora la testa è già focalizzata su Verzegnis per cercare di ripetere le prestazioni ottenute in questo fine settimana, poi tornerò in pista per il secondo round del MINI Challenge dove sono convinta di poter ancora crescere”. Prosegue nel 2017 #CorrerePerUnRespiro, una iniziativa solidale nata da un’idea di Rachele Somaschini per sensibilizzare e diffondere la conoscenza sulla fibrosi cistica, la malattia genetica grave più diffusa in Italia di cui lei stessa è affetta. In prima linea come testimonial di Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Onlus (FFC), Rachele si è posta l’obbiettivo, in questa seconda annata sportiva, di raccogliere fondi da destinare al progetto d’eccellenza Task Force for Cystic Fibrosis (TFCF). L’obiettivo è scoprire la molecola più adatta a diventare il farmaco in grado di correggere e potenziare la proteina difettosa prodotta dalla mutazione genetica più frequente, la ΔF508, che interessa nel mondo il 70% dei malati di fibrosi cistica. Il malfunzionamento di questa proteina altera le secrezioni di molti organi con danni progressivi a pancreas e polmoni e sono proprio questi ultimi che portano all’insufficienza respiratoria e, nei casi più gravi, al trapianto. Di fibrosi cistica ancora oggi si muore ma la ricerca ha dimostrato che una cura è possibile. Il progetto Task Force for Cystic Fibrosis (TFCF) si pone questo importante obbiettivo con la collaborazione di due partner scientifici di esperienza avanzata ed internazionale: il Dipartimento di Drug Discovery and Development dell'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova ed il Laboratorio di Genetica Molecolare dell'Istituto G. Gaslini di Genova (IGG). Rachele, come tanti suoi coetanei malati, ha chiara davanti a sé la strada, nello sport come nella vita: impegnare ogni sua energia a contrastare la malattia per avvicinare giorno dopo giorno quel traguardo che per tutti loro significa respiro, serenità, futuro. Noi tutti abbiamo la responsabilità di dare il nostro contributo.

22/05/2017
Simone Faggioli vince il Trofeo Scarfiotti in un'edizione da record

Simone Faggioli vince il Trofeo Scarfiotti in un'edizione da record

Il fine settimana della Sarnano-Sassotetto si è concluso con l’exploit di Simone Faggioli che ha ritoccato il nuovo record del percorso di poco più di un secondo, portandolo a 3’42”97 approfittando del sole finalmente uscito a metà pomeriggio. L’edizione numero 27 del Trofeo Scarfiotti, condizionata dalla pioggia nelle prove, si è corsa sull’asciutto e verrà ricordata come quella della speranza per una comunità provata dal sisma e dalle forti nevicate. La cittadina termale ai piedi dei Sibillini ha vissuto una edizione record, con circa 220 piloti al via da tutta la penisola, oltre settecento ospiti, centinaia di addetti ai lavori ed un numerosissimo pubblico. Gli sforzi organizzativi tra le difficoltà del momento sono stati ripagati dal successo sportivo e dalla ribalta nazionale del doppio evento tricolore. Lo staff dell’AC Macerata, dell’Associazione Sportiva AC Macerata, del Comune di Sarnano, della Provincia di Macerata, dell’Associazione Sarnano In Pista e della Scuderia Sarnano Corse hanno davvero lavorato bene e raccolto consensi. L’atteso confronto tra Simone Faggioli e Christian Merli, in vetta dopo le prove, è stato vinto dal pilota ufficiale Norma, che ha messo le mani per il quarto anno consecutivo sul Trofeo Scarfiotti. Sul terzo gradino del podio assoluto è salito Domenico Scola, che continua ad accorciare le distanze dai due principali protagonisti italiani della montagna. Tra i prototipi CN ha vinto il reggino Luca Ligato (Osella), tra le silhouette dell’E2SH il bolognese Manuel Dondi (Fiat X1/9). Importante vittoria in E1 Italia del marchigiano di Pergola Marco Sbrollini (Lancia Delta Evo) e nel gruppo GT del foggiano Lucio Peruggini su Ferrari 458GT3. Negli altri gruppi si sono imposti il trevigiano Lino Vardanega (Mitsubishi Lancer Evo) in gruppo N, il reatino Antonio Scappa (Mini Cooper JCW) in Racing Start, il brindisino Andrea Palazzo (Mini Cooper JCW) in Racing Start Plus, del fermano Alfredo Scarafoni (Citroen Saxo), dall’ascolano Gianlindo Filiaggi ed Enrico Francia di San Ginesio sulle due categorie Produzione. La Coppa Dame ha visto prevalere la milanese Rachele Somaschini e la under 25 è stata vinta dall’umbro Giovanni Rampini. Il 7° Memorial Giovanni Battistelli, per il miglior marchigiano in classifica assoluta, è andato a Ferdinando Cimarelli di Pergola. Tra le iniziative collaterali ha ricevuto consensi la donazione della Scuderia Speed Motor di Gubbio che nella giornata di sabato ha donato al sindaco di Sarnano Franco Ceregioli una somma di 1000 euro per contribuire al momento di difficoltà. Ammirata anche la mostra fotografica del Circolo Diaframmazero di Tolentino dedicata alla cronoscalata. Classifica assoluta: 1° Faggioli (Norma M20FC-Zytek) in 3’42”97; 2° Merli (Osella Fa30-Fortech) 3’49”39; 3° Scola (Osella Fa30-Zytek) 3’50”84; 4° Magliona (Norma M20FC-Zytek) 3’57”20; 5° Cubeda (Osella Pa2000) 3’58”06; 6° Ligato (Osella Pa21 Evo) 4’05”56; 7° Lombardi (Osella Pa21S Evo) 4’08”22; 8° Fattorini (Osella Fa30-Zytek) 4’08”80; 9° Pezzolla I. (Osella Pa21Jrb-Bmw) 4’18”55; 10° Degasperi (Lola-Honda) 4’19”19.

22/05/2017
Trofeo Scarfiotti, a Sarnano per la seconda prova dell’Italiano Montagna 2017

Trofeo Scarfiotti, a Sarnano per la seconda prova dell’Italiano Montagna 2017

Con il rituale affollamento delle aree paddock e le verifiche effettuate presso il Centro Congressi e sul parcheggio Bozzoni, è scattata la seconda prova del Campionato Italiano Velocità Montagna. L’Automobile Club Macerata e l’Associazione Sportiva AC Macerata hanno ricevuto la positiva risposta del mondo delle salite, con un numero record di presenze, circa 170, un’edizione che si prospetta tra le più esaltanti a livello sportivo. Ad iniziare dal primo confronto in Italia degli assi Simone Faggioli (Norma M20FC-Zytek) e Christian Merli (Osella Fa30-Fortech), fino al debutto di Marco Gramenzi con la nuova AR-MG Furore-Zytek. Il confronto al vertice sarà da ultimo respiro: tra le vetture sport e formula ci sarà battaglia con Omar Magliona, Michele Fattorini, Domenico Cubeda, Domenico Scola leader assoluto di campionato dopo il successo calabrese del Reventino, Francesco Leogrande con la Wolf, Luca Ligato, Achille Lombardi, Diego Degasperi con la monoposto Lola-Honda, “O’Play” passato alla categoria CN, e anche i piloti marchigiani Andrea Vellei, ascolano con una Gloria a motore motociclistico Suzuki e Francesco Michea Carini, osimano con un prototipo Osella Pa21 Evo. Non mancano le supercar, dalle Ferrari di Lucio Peruggini, Luca Gaetani e Roberto Ragazzi, alla bellissima Lamborghini Huracan di Bruno Jarach e la Nmw Z4 di Marco Jacoangeli. Marco Sbrollini di Pergola su Lancia Delta Evo, l’ascolano Amedeo Pancotti su Bmw M5 e Abramo Antonicelli di Porto Recanati su Bmw M3 in gruppo E1 Italia ed E2SH daranno sicuramente il massimo sui tornanti casalinghi. Nelle categorie inferiori tra gli altri Antonio Scappa, Salvatore D’Amico (Renault New Clio), Giuseppe Aragona (Peugeot 106), Francesco Savoia (Mini Cooper), Rachele Somaschini (Mini Cooper), sapranno dire la loro. Dieci i piloti della Sarnano Corse: Marco Gentili, Alberto Scagnetti, Carmine Ciccotelli, Sandro Tidei, Luca Attorresi, Andrea Canzonetta, Samuele Meloni, Massimo Silenzi, Piergiuseppe Monaldi ed Emanuele Miliucci. Marco Gramenzi è in fibrillazione per il debutto con il suo nuovo bolide a base Alfa Romeo: “Ho chiamato la mia macchina Furore, che è un paese sopra Amalfi, dove le curve di una vecchia cronoscalata sono dedicate ai piloti che vi hanno corso, come 'don Mimì' Scola, Maurizio Jacoangeli. Il posto è meraviglioso e la passione motoristica altrettanto. Hanno istituito un premio intitolato al tedesco Georg Plasa per un pilota delle salite in base ai risultati e alla sportività e nella prima edizione del 2015 l’hanno consegnato a me”. Ingresso gratuito e bus navetta per raggiungere il percorso di gara dal paese.

20/05/2017
I protagonisti dell’Italiano Montagna Autostoriche alla seconda prova di campionato, 10° Trofeo Storico Lodovico Scarfiotti

I protagonisti dell’Italiano Montagna Autostoriche alla seconda prova di campionato, 10° Trofeo Storico Lodovico Scarfiotti

La cittadina ai piedi dei Monti Sibillini si è accesa anche con i protagonisti del Campionato Italiano Salita Autostoriche. Una settantina i concorrenti che hanno risposto al richiamo della Sarnano-Sassotetto, dedicata al campione automobilistico marchigiano, vittorioso in tante gare in montagna, di durata e del GP d’Italia di F.1 del 1966. L’Automobile Club Macerata e l’Associazione Sportiva AC Macerata hanno lavorato alacremente per fornire un evento all’altezza della tradizione, superando le non poche difficoltà sopraggiunte dagli eventi sismici e dalle forti nevicate. L’Amministrazione Comunale e la Provincia di Macerata hanno creduto nella volontà di continuità e se vogliamo, di rinascita, per un evento estremamente significativo per il territorio. Il percorso di 8.877 metri teatro di gara vedrà così ritornare le affascinanti vetture storiche per un nuovo confronto dopo le gare di Montefiascone, Cortona e Scarperia. Si preannuncia una bella battaglia, con in lizza Piero Lottini e Stefano Peroni con le sport Osella, Sandro Zucchi, Angelo Bologna con le sport Lucchini, il pilota di casa Pierluigi Carnevaletti di Senigallia con una Bogani, ma anche le monoposto del campione italiano monoposto, l’osimano Antonio Angiolani (March-Toyota) e Giuliano Peroni con una Martini MK32, sono candidati a un piazzamento di vertice. Da considerare anche Tiberio Nocentini (Chevron B19), Ildebrando Motti (Porsche Carrera RS), Matteo Adragna (Porsche 911RS), Massimo Vezzosi (Bmw 2002-Schnitzer), Antonio Di Fazio (NSU Brixner) e la Alta Sport di Georg Prugger che rievoca i tempi eroici anteguerra. Rivedere le vetture che hanno scritto la storia della cronoscalata che ha preso avvio nel 1969 dopo la scomparsa di Scarfiotti è entusiasmante. Nei cinque raggruppamenti si potranno rivivere tanti appassionanti momenti che hanno richiamato sui tornanti maceratesi tanti campioni della montagna. I protagonisti più quotati si possono ammirare nell’area paddock di Piazza della Libertà, con due salite di prove ufficiali, che inizieranno oggi, saabto 20 maggio, alle 14:30, dopo la conclusione delle verifiche sportive e tecniche. Antonio Angiolani, tricolore in carica per il 5° raggruppamento: “Malgrado alcuni problemi fisici dopo un recente intervento non sono voluto mancare a questa gara, alla Sarnano-Sassotetto vale la pena esserci. Per me è legata a tanti ricordi di gioventù, vedremo cosa riuscirò a fare".   La gara di domenica 21 maggio sarà su manche unica con partenza alle ore 9:30.  

20/05/2017
CST Sport a Sarnano con un tris di campioni

CST Sport a Sarnano con un tris di campioni

La scuderia siciliana si presenta al Trofeo Scarfiotti con i già tricolori Omar Magliona su Norma-Zytek, Luca Ligato su Osella-Honda e Manuel Dondi all'esordio stagionale con la Fiat X1/9. Sabato le prove ufficiali e domenica la gara della prova marchigiana del CIVM   Gioiosa Marea (ME), 19 maggio 2017. La scuderia CST Sport ritorna agli impegni nel Campionato Italiano Velocità Montagna nel fine settimana a Sarnano. La compagine siciliana schiera un tris di campioni italiani formato da Omar Magliona, Luca Ligato e Manuel Dondi, pronti per il 27° Trofeo Lodovico Scarfiotti, che si disputa salendo dalla caratteristica cittadina della provincia di Macerata fino in cima al Sassotetto. Anche nel secondo round tricolore Omar Magliona sarà al volante della Norma M20 Fc Zytek. Il già sei volte campione italiano scalpita per il ritorno in uno dei tracciati preferiti. Sulla biposto francese gommata Pirelli il portacolori sardo della CST Sport ha colto un ottimo secondo posto assoluto tre domeniche fa alla Cronoscalata del Reventino, esordio stagionale che l'ha visto anche prendere la testa della classifica nel gruppo dei prototipi E2SC e trovare un promettente feeling con la sportscar preparata dal Team Faggioli. L'obiettivo sarà dunque quello di confermare i positivi riscontri tecnici raccolti in Calabria e di continuare a migliorare la messa a punto approfittando di uno dei tracciati più tecnici e, con i suoi 8877 metri, lunghi dell'intero Tricolore.   Simili obiettivi per Luca Ligato ma nel gruppo dei prototipi CN. Il giovane driver reggino si schiera a Sarnano sulla fida Osella Pa21 Evo Honda anch'essa gommata Pirelli e del Team Faggioli per riprenderà le sfide con la diretta concorrenza della categoria dopo essersi imposto in gara-2 al Reventino. Un risultato che ha proiettato anche lui in testa alla classifica del suo gruppo, oltre a consentirgli di presentarsi a Sarnano con un inedito secondo posto nella classifica assoluta del CIVM.   Al debutto stagionale assoluto, invece, è il rientrante Manuel Dondi. Il campione in carica del gruppo delle estreme auto in versione silhouette del gruppo E2SH si ripresenta alla Sarnano-Sassotetto con la Fiat X1/9 motorizzata Alfa Romeo. Il bolognese è chiamato a una complessa difesa del titolo, vista la nuova e sempre più agguerrita concorrenza diretta, ma dopo gli aggiornamenti invernali ritrova l'evoluta vettura che lo scorso anno ha magistralmente portato al titolo italiano alla prima stagione in pianta stabile nel campionato. Dopo le verifiche sportive e tecniche di venerdì pomeriggio, due salite di prova animeranno dalle ore 9.00 il sabato dell'evento in provincia di Macerata. Domenica 21 maggio, invece, lo start della Sarnano-Sassotetto per le auto moderne è in programma alle ore 12.00.   Calendario CIVM 2017: 28-30 aprile 19^ Cronoscalata del Reventino (CZ); 8-10 maggio 27° Trofeo Lodovico Scarfiotti (MC); 26-28 maggio 48^ Verzegnis - Sella Chianzutan (UD); 9-11 giugno 7^ Salita Morano - Campotenese (CS); 23-25 giugno 56^ Coppa Paolino Teodori (AP); 30 giu-2 lug 57^ Trento - Bondone; 14-16 luglio 60^ Coppa Selva di Fasano (BR); 28-30 luglio 47° Trofeo Valcamonica (BS); 18-20 agosto 52° Trofeo Luigi Fagioli (PG); 15-17 settembre 59^ Monte Erice (TP); 22-24 settembre 63^ Coppa Nissena (CL); 6-8 ottobre 35^ Pedavena - Croce D’Aune (BL).  

19/05/2017
Si scaldino i motori: torna la "Cronoscalata Sarnano-Sassotetto"

Si scaldino i motori: torna la "Cronoscalata Sarnano-Sassotetto"

Più di un evento sportivo. Un appuntamento che è un po’ una sfida. Per dimostrare che vincere le difficoltà incontrate da quel 24 agosto si può. È il Trofeo Lodovico Scarfiotti – Cronoscalata Sarnano-Sassotetto, la gara automobilistica che si svolgerà il prossimo fine settimana (19, 20 e 21 maggio) nel cuore dei Sibillini. La manifestazione sportiva più importante organizzata nel cratere. Due competizioni di campionato italiano – Campionato Italiano Velocità Montagna Automoderne e Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche – senza eguali, in un territorio messo a dura prova, ma con tanta voglia di ricominciare.    “Uno dei danni più grandi che il terremoto ci ha portato – ha affermato il sindaco di Sarnano Franco Ceregioli questa mattina, mercoledì 17 maggio, nella Sala Consiglio della Provincia di Macerata, dove si è svolta la presentazione della gara – è la perdita della quotidianità. Da subito abbiamo cercato di portare avanti tutte le manifestazioni e le attività per far capire che il nostro territorio è vivo e ha ancora tante attrattive. Che vuole andare avanti. Un momento sportivo importante come questo, un unicum non solo a livello nazionale ma europeo, che siamo riusciti a organizzare nonostante tutto e a organizzarlo con questi numeri, ci dà la spinta per continuare su questa strada, per ritornare alla normalità”. “Il terremoto – ha raccontato Enrico Ruffini, presidente Automobile Club Macerata – ci ha colpiti mentre discutevamo di questa edizione. Ci siamo chiesti se proseguire o annullarla, ma abbiamo voluto farla a tutti i costi. È l'evento sportivo più importante del cratere con un significato per tutto il territorio. Prima ancora che la gara inizi possiamo dire di averla vinta: perché hanno vinto la solidarietà e la disponibilità di tutti coloro i quali hanno deciso di partecipare. Una risposta commovente: 237 piloti, record di iscrizioni per la nostra gara”. “Torno con piacere a Sarnano perché bisogna dare una risposta alla popolazione e al territorio per superare questo difficile momento”. Sono le parole di Omar Magliona, pilota sardo tra i protagonisti del campionato. A riprenderle questa mattina è stato Euno Carini, vicepresidente ASD AC. “Dei 237 piloti che correranno su un percorso di 9 chilometri a pendenza elevata, tracciato considerato tra i più vari e tecnici d’Europa, 168 – ha spiegato Carini – sono auto moderne e 69 vetture storiche. Tra le 8 donne iscritte, anche una ragazza di 22 anni, Rachele Somaschini, che rappresenterà l’Associazione Fibrosi Cistica”. “Ringrazio tutti coloro i quali – il commento del presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari – hanno permesso la riuscita di un evento molto atteso anche quest’anno, soprattutto quest’anno. Avvenimenti come questo ci incoraggiano ad andare avanti e a fare di tutto per riprenderci la nostra quotidianità di terre di eccellenze. Un messaggio forte per tutte le persone che vogliono tornare e godere dei nostri luoghi meravigliosi”.

17/05/2017
Automobilismo, Sarnano attende i protagonisti del CIVM e del CIVSA

Automobilismo, Sarnano attende i protagonisti del CIVM e del CIVSA

Con l’arrivo della bella stagione, la cittadina di Sarnano si accenderà di nuovi colori ed anche le aree paddock del Trofeo Lodovico Scarfiotti in centro storico ravviveranno il fine settimana del 20-21 maggio, con i protagonisti del CIVM e del CIVSA, ovvero il meglio dell’automobilismo in salita nazionale, delle auto moderne e delle auto storiche, unica occasione in Italia. Un riconoscimento per l’Automobile Club Macerata e l’Associazione Sportiva AC Macerata per la qualità organizzativa. L’Amministrazione Provinciale di Macerata sta provvedendo ad adeguare il manto stradale con le migliorie necessarie per alcune criticità derivate dalla stagione invernale e dagli eventi sismici. Le iscrizioni dei piloti saranno aperte fino alle ore 24 di lunedi 15 maggio, mentre il programma della manifestazione vera e propria si aprirà venerdi 19 maggio con le verifiche sportive CIVM dalle ore 15 alle 19,30 e CIVSA dalle 17 alle 19,30 presso la sede del Palazzo Comunale e le verifiche tecniche CIVM dalle ore 15,30 alle ore 20 e quelle CIVSA dalle 17,30 alle 20 presso il Parcheggio Bozzoni. Sabato 20 maggio si proseguirà in mattinata con le verifiche CIVSA, quelle sportive dalle ore 7 alle 10,30 e le tecniche dalle 7,45 alle 11. Intanto dalle ore 9 sarà dato il via alle due salite di prove ufficiali CIVM e dalle ore 14,30 si proseguirà con le due salite di prove ufficiali CIVSA. Domenica 21 maggio il via della gara CIVSA sarà dato alle 9,30 mentre la gara CIVM è prevista per le ore 12. Le premiazioni sono previste in Piazza Perfetti, quelle CIVSA alle ore 12, mentre per il CIVM si svolgeranno alle ore 15,30. In caso di maltempo avranno luogo presso la Sala Congressi di Via Costa. Sarà il secondo appuntamento per le auto moderne, con il campionato che ha presso avvio in Calabria al Reventino ed ha conosciuto la vittoria di Domenico Scola. Al vertice e negli altri gruppi si prevede una battaglia serrata ed incerta, all’insegna del genuino spettacolo sportivo. Tra i migliori protagonisti per l’assoluto ci sarà il sardo Omar Magliona, che impegnato nei lavori di sistemazione dell’autodromo di Mores ci ha detto: “L’organizzazione del Trofeo Scarfiotti è un gruppo unito ed affiatato, che fa sentire i piloti come a casa propria, come dovrebbe essere sempre. Bellissimo il percorso, la definisco una gara vecchio stile. Torno con piacere a Sarnano perché in questo momento bisogna dare una risposta alla popolazione ed al territorio per superare il difficile momento.” C’è attesa naturalmente anche per la gara delle autostoriche, valida come quarta prova del CIVSA. A Montefiascone ha vinto Uberto Bonucci su Osella Pa9/90, mentre Stefano Peroni si è aggiudicato le successive gare di Cortona e di Scarperia. Come da tradizione si parla molto toscano al vertice delle storiche ed ecco l’opinione del pisano Piero Lottini, habitué del Trofeo Scarfiotti: “Il percorso di Sarnano è tra i più belli in assoluto, strada larga, notevole pendenza, senza una gran salita non è autentica gara di montagna. Trovo perfetta l’organizzazione, ottimale la situazione del paddock e tra l’altro ritengo utile anche il tratto da percorrere per l’allineamento, che permette di prendere feeling con il mezzo e preparare bene la vettura, soprattutto per le nostre vetture sport.”

Sisma, posata la prima pietra sulla nuova scuola materna di Sarnano. Alla cerimonia presente anche Errani

Sisma, posata la prima pietra sulla nuova scuola materna di Sarnano. Alla cerimonia presente anche Errani

Posata oggi la prima pietra della nuova scuola dell'infanzia "Benedetto Costa" di Sarnano, donata dalla regione Friuli Venezia Giulia, che sostituirà quella vecchia, resa inagibile dal terremoto e demolita pochi giorni fa. Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco Enrico Ceregioli, il commissario alla ricostruzione Vasco Errani, l'assessore alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin e il giornalista delle Marche Angelo Sciapichetti. Si tratta della prima scuola delle 21 indicate nell'ordinanza n. 14 del commissario alla ricostruzione e l'ufficio commissariale ne ha curato la progettazione definitiva, mentre la Regione Friuli è responsabile della realizzazione 'chiavi in mano' che deve essere completata in meno di 120 giorni.. La nuova struttura per una novantina di bambini (mille mq di superficie) costerà oltre due milioni di euro e sarà in classe quarta di resistenza sismica: in quanto tale sarà edificio strategico di protezione civile e ospiterà il Coc. (fonte e foto ANSA) 

08/05/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433