Colmurano

Colmurano, al via oggi la manifestazione Artistrada

Colmurano, al via oggi la manifestazione Artistrada

Giunge alla 23^ edizione una delle manifestazioni più attese dell’estate marchigiana: ARTISTRADA, “Il festival Internazionale dell’Arte di strada”che si svolgerà a Colmurano dal 20 al 23 Luglio 2017. La piccola città murata si trasformerà in un palco a cielo aperto dove si susseguiranno le migliori espressioni d’arte, con ospiti nazionali e internazionali, dalla musica alla poesia, dalla giocoleria alle mostre fotografiche creando così una magica atmosfera che solo Colmurano ed il suo centro storico riescono ad offrire.  Incantare è l’imperativo categorico che vi accompagnerà fin dalla prima sera con il Fekat Circus, il circo acrobatico proveniente dall’Etiopia, e si proseguirà con il ritorno di Attilio il Fakiro Mangiafuoco, gli spettacoli di fuoco dei Pyrovaghi fino alla giocoleria-clowneria del Diabolero e gli equilibrismi comici di Marco Neri.  Passeggiando per le vie e le piccole piazze di Colmurano si potrà godere del blues di Michael Hill, imbattersi nel ritmo balcanico di Peppe Millanta & Balkan Bistrò o scatenarsi con le pizziche degli Skaddia e tanti altri. Non mancheranno le cantine a celebrare l’Arte del Gusto, le storiche pizze di Pizzagra e i prodotti tipici del territorio, e per stupirsi ancora... curiosando a Stravaganzia, il mercatino delle Insolite Cose, si potrà ammirare ed acquistare il lavoro dei bravi artigiani provenienti da tutta Italia.    Da quest’anno, per vivere intensamente il Festival e farsi rapire dalla sua magia, sarà possibile usufruire di un’area campeggio completamente gratuita. 

Colmurano, premio Poesia di Strada: designati i dieci finalisti

Colmurano, premio Poesia di Strada: designati i dieci finalisti

La giuria della XX edizione del premio Poesia di Strada, composta da Cristina Babino, Maria Grazia Calandrone, Enrico De Lea, Marco Di Pasquale, Renata Morresi, Eleonora Pinzuti, Luciana Salvucci e Alessandro Seri, ha scelto i dieci finalisti tra le centinaia di partecipanti al concorso.   La proclamazione dei primi tre classificati con la consegna dei relativi premi avverrà il 23 luglio alle ore 19 a Colmurano (MC )nello scenario del palco naturale di via Messina, in occasione dell’ultima giornata del Festival Artistrada.   I dieci finalisti in ordine alfabetico sono: Francesco Accattoli (Sirolo – AN), Alessio Alessandrini (San Benedetto del Tronto – AP), Maddalena Bertolini (Pergine Valsugana – TN), Davide Rocco Colacrai (Terranova Bracciolini – AR), Azzurra D’Agostino (Pavana – PT), Francesco Guazzo (Bassano del Grappa – VI), Marco Inguscio (Galatone – LE), Loredana Magazzeni (Bologna), Jacopo Ninni (Vicchio – FI) e Silvia Secco (Bologna).   Le poesie dei dieci autori finalisti saranno riprodotte su tele 50x70 da dieci artisti e poi esposte durante i giorni di Artistrada.   I dieci artisti che quest’anno dipingeranno per Poesia di Strada sono: Ugo Caggiano, Giulia Gabrielli, Elzide Giovagnetti, Giovanna Navetta, Ninì, Ilenia Pigini, Giusy Trippetta, Max Volpa, Gabriella Zagaglia e Antonella Zamponi.

2 giugno, 71° anniversario della Festa della Repubblica italiana: gli appuntamenti in provincia di Macerata

2 giugno, 71° anniversario della Festa della Repubblica italiana: gli appuntamenti in provincia di Macerata

Il 2 giugno 2017 la Repubblica italiana compie 71 anni. Ma com'è nata questa ricorrenza? La Festa della Repubblica Italiana è una giornata celebrativa nazionale, istituita per ricordare la nascita della Repubblica. Si festeggia ogni anno il 2 giugno,data del referendum istituzionale del 1946, con la celebrazione principale che avviene a Roma. Il cerimoniale della manifestazione organizzata nella capitale d'Italia comprende la desposizione di una corona d'alloro all'Altare della Patria e una parata militare lungo via dei Fori Imperiali. La Festa della Repubblica Italiana è uno dei simboli fondamento del nostro Paese. Alcuni comuni del maceratese hanno organizzato varie manifestazioni in programma il prossimo 2 giugno: CINGOLI   A Cingoli il 2 giugno la Festa della Repubblica si celebra, per volontà del Sindaco Saltamartini, in forma “itinerante”: eleggendo una località del territorio comunale. Dopo Avenale, S.Vittore, Troviggiano e Villa Strada quest’anno l’evento sarà celebrato nel capoluogo di Cingoli. Alle ore 10.30 dalla piazza del Municipio muoverà il corteo, che passando lungo il Corso, raggiungerà il monumento ai caduti in S.Carlo dove sarà posta una corona d’alloro. La cerimonia si concluderà con l’intervento del Sindaco Filippo Saltamartini. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.   COLMURANO Il giorno della Festa della Repubblica,alle ore 18.30 presso la sala consiliare del Palazzo Municipale, l’Amministrazione Comunale donerà la Costituzione Italiana a tutti i giovani di Colmurano che compiranno il diciottesimo anno di età nel corso del 2017. Un gesto semplice, ma dall’alto valore simbolico, per riflettere insieme brevemente sui valori insiti nella nostra Costituzione. É un modo per cercare di avvicinare da parte degli amministratori, i giovani alla vita sociale, politica e civile del nostro paese, quasi la necessità di tramandare di generazione in generazione, quello che di bello sono riusciti a fare i nostri padri costituenti. In questa occasione è bello ricordare le parole di Piero Calamandrei nel 1955 agli studenti dell’Università di Milano: “La Costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta, la lascio cadere e non si muove più; perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile; bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità. Per questo una delle offese che si fanno alla Costituzione è l’indifferenza alla politica”. CORRIDONIA Sempre in questa ricorrenza,la Società Bocciofila di Corridonia organizzza Giovedì 2 giugno 2017 a partire dalle ore 9 presso il Bocciodromo della città la 11^ edizione del Trofeo “Festa della Repubblica”. POLLENZA Nel comune di Pollenza alle ore 10, presso il Monumento ai caduti a Casette Verdini, ci sarà la consegna della Costituzione ai diciottenni alla presenza delle autorità e in collaborazione con ANPI-Sezione Pollenza. Parteciperanno il Corpo Bandistico “Giuseppe Verdi” e le classi 4°A e 4°B della Scuola Primaria “Carlo Urbani” di Casette Verdini. I Consiglieri comunali, le Associazioni cittadine e politiche, i Comitati di Quartiere e tutta la cittadinanza sono invitati ad intervenire. LORO PICENO Presso il parco San Nikolai di Loro Piceno alle ore 16 ci sarà una dimostrazione pratica del recupero del patrimonio culturale dopo il sisma 24 agosto-30 ottobre. A seguire, ore 17, un incontro con il sindaco e le autorità civili e militari presenti e la consegna della targa di ringraziamento al comando provinciale dei vigili del fuoco di Macerata e Tolentino. Infine, ma non meno importante, la consegna della costituzione ai diottenni. RECANATI Raccontare la storia dell’Italia repubblicana attraverso le biografie dei personaggi della storia nazionale e locale che hanno dato corpo e vita alla nostra Costituzione: è il progetto promosso dal Comune di Recanati e dall'Istituto Storico di Macerata per celebrare la Festa della Repubblica. Con le scuole cittadine prende vita infatti un percorso di riflessione e di ricostruzione storica dal titolo "Biografia di una Repubblica". Il progetto, che è stato inviato in questi giorni alle scuole secondarie di secondo grado, verrà attuato a partire dal prossimo anno scolastico, con il supporto scientifico e didattico dell’istituto. I risultati dei lavori svolti dalle singole scuole verranno valorizzati e divulgati nel corso di un incontro pubblico che si svolgerà in occasione del 2 giugno 2018. Senza ombra di dubbio è il modo migliore per celebrare la prossima Festa della Repubblica: aiutare le nuove generazioni a diventare cittadini attivi, consapevoli della propria storia e capaci di trasformare la memoria in impegno e responsabilità. Il progetto si iscrive in una nuova strategia che il Comune di Recanati sta adottando,  per coinvolgere sempre più i giovani  nella celebrazione delle ricorrenze storiche  e nella costruzione di un proprio calendario civile, mediante una  pluralità di linguaggi espressivi.  

Sindaci del cratere in prima fila alla Festa della Repubblica a Roma

Sindaci del cratere in prima fila alla Festa della Repubblica a Roma

Tra le oltre 400 fasce tricolore di sindaci italiani che apriranno la parata del prossimo 2 giugno, Festa della Repubblica, ai Fori Imperiali di Roma, ci sarà anche un'ampia rappresentanza marchigiana, guidata dal presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi. Gli amministratori dei comuni terremotati saranno in prima fila. Le fasce tricolori marchigiane che hanno garantito la presenza partiranno dai comuni di: San Benedetto del Tronto, Apiro, Appignano del Tronto, Arquata del Tronto, Ascoli Piceno, Belforte del Chienti, Castelraimondo, Castignano, Colmurano, Comunanza, Cupra Marittima, Esanatoglia, Fiastra, Force, Macerata, Mogliano, Monsampietro Morico, Monte Rinaldo, Montedinove, Montegallo, Monteleone di Fermo, Monteprandone, Offida, Ortezzano, Penna San Giovanni, Petriolo, Pieve Torina, Poggio San Vicino, Pollenza, San Severino Marche, Senigallia, Urbisaglia, Sefro, Bolognola, Acquasanta Terme. "Apprezziamo l'iniziativa e l'attenzione dimostrata", ha detto Mangialardi, "...considerando che 87 dei 131 comuni del cratere sono purtroppo proprio delle Marche ed è un giusto riconoscimento all'impegno di prima forza civile del Paese in un momento storico tanto complesso per il centro Italia e per le Marche in particolare".

01/06/2017
Sisma, la Regione Marche fa il punto della situazione su macerie e casette

Sisma, la Regione Marche fa il punto della situazione su macerie e casette

Le macerie rimosse dopo il sisma sono oltre 47mila tonnellate. La Regione Marche infatti lo scorso 9 maggio ha inviato una lettera ai comuni in cui si precisa che “l’organizzazione della rimozione delle macerie è ben avviata e che per poter proseguire in modo più efficace e per programmare più puntualmente le operazioni di rimozione è necessario che i comuni censiscano, a livello preliminare, le macerie da rimuovere dal loro comune”. Ad oggi i piani trasmessi dai comuni sono: Montegallo, Visso, Muccia, Camerino, Montalto Marche, Colmurano, Bolognola, Pieve Torina, Roccafluvione, Gualdo, Castorano, Belforte del Chienti, Fiuminata, Offida, Colli del Tronto, Appignano del Tronto, Rapagnano, Amandola. I piani dovranno essere presentati entro il 23 maggio. In merito alle casette, nella giornata di oggi aggiudicata provvisoriamente la gara per l’area di Villa San’Antonio, Visso, per 70 Sae. Entro mercoledì saranno approvate le aree di Pian di Pieca di San Ginesio, per 19 Sae, e Vallazza di Ussita, per 21 casette. Domani via libera all’area di Piazza Piccinini di Castelsantangelo sul Nera in sostituzione dell’area PN1 Capoluogo per 37 Sae. Per Sarnano approvati i layout lo scorso 18 maggio per 21 Sae.

22/05/2017
Il Pd Marche tra i cittadini: esponenti democrat nei comuni colpiti dal sisma

Il Pd Marche tra i cittadini: esponenti democrat nei comuni colpiti dal sisma

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Partito Democratico delle Marche: "Il Partito Democratico delle Marche tra i cittadini, per i cittadini. È un fine settimana lungo dedicato al confronto e alla proposta quello che il Pd marchigiano ha messo in agenda. Oggi, domenica 21 maggio, infatti, gli esponenti democrat sono nelle aree colpite dal sisma, mentre ieri hanno preso il via gli stati generali del partito, con il primo appuntamento dedicato all’Europa e, ancora, venerdì sera ad Amandola il Pd, a tutti i livelli, ha incontrato i cittadini per parlare di ricostruzione post terremoto. 'La nostra presenza sul territorio è fatta di dialogo e di confronto con i cittadini e con le istituzioni locali', spiega il segretario regionale del Pd Marche, Francesco Comi. 'Sappiamo quanto sia fondamentale garantire un filo diretto tra politica e comunità, tra amministratori e amministrati. Lontani dalle polemiche, il nostro intento è propositivo e costruttivo, come dimostra la grande partecipazione di ieri all’apertura dei nostri stati generali e la presenza dei nostri rappresentanti nei centri colpiti dal sisma, non solo oggi, ma più anonimamente ogni giorno, senza tregua e senza bandiere'. Oltre al segretario regionale, oggi gli esponenti del Pd, parlamentari, consiglieri regionali, segretari provinciali, amministratori locali, come spesso accade da diversi mesi, si sono recati nei comuni colpiti dal terremoto, incontrando istituzioni, commercianti e semplici cittadini. A San Ginesio, ad esempio, si è fatto visita ad una macelleria che è riuscita a riaprire subito dopo il sisma e ad un’attività commerciale che, delocalizzando fuori dalle mura cittadine, ha ripreso a lavorare. A Colmurano, incontro con i titolari di un’officina meccanica, danneggiata dal terremoto, ma che ha ripreso la propria attività delocalizzando in una nuova struttura. Incontri e visite anche a Fiastra e ad Acquacanina, sempre nel maceratese e a Massa Fermana e a Falerone, in provincia di Fermo, così come a Force, nel piceno. Visite anche nelle strutture ricettive di San Benedetto del Tronto e di Potenza Picena che hanno ospitato gli sfollati delle zone terremotate. Ieri, invece, al via gli Stati Generali del Pd. 'Le Marche regione d’Europa' è il titolo del primo dei sei incontri dedicati ai temi più urgenti e attuali (Europa, ricostruzione e aree interne, lavoro e impresa, sanità e sociale, cultura e turismo, enti locali) e che vedono la partecipazione attiva, attraverso tavoli di lavoro tematici, dei big del Pd, nazionali e regionali, nonché di tutte le rappresentanze sociali e della comunità. 'Con gli Stati Generali – evidenzia ancora Comi – si apre un percorso, che durerà circa due mesi, in cui il Partito democratico discuterà insieme sui problemi e le questioni più importanti per la nostra regione. Dibattiti e confronti che coinvolgono tutta la società – amministratori locali, esponenti del governo nazionale e regionale, parlamentari europei, nazionali, consiglieri regionali, parti sociali, università, tecnici, operatori e associazioni – e aperti a tutti i cittadini'. Si è partiti, quindi, da Porto San Giorgio, con il tema Europa declinato in tre tavoli tematici. Uno dedicato a 'Formazione, giovani e università' e presieduto dal vice presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, che riflette: 'A onor del vero, bisogna evidenziare l’incapacità di utilizzare tutti i fondi europei disponibili ed è per questo che è necessario puntare anche sulla formazione di adeguate competenze'. Un altro tavolo su 'Fondi europei per imprese ed enti locali', da cui è emersa l’esigenza di spingere gli enti locali, soprattutto i comuni, a fare rete, al fine di ottimizzare le potenzialità di ricezione dei fondi europei. Infine, un tavolo, 'Quale dimensione globale', presieduto dall’europarlamentare Nicola Danti, che sottolinea come 'anche attraverso giornate come quella di ieri abbiamo dimostrato che il PD può essere quella grande forza in grado di riportare la politica al centro dell'Europa, per riconnetterla coi territori e i cittadini' e, in tema di economia collaborativa, evidenzia come 'solo attraverso un quadro comune di regole semplici e chiare a livello UE le PMI e le start up del settore potranno competere in una dimensione più grande di quella locale'. Il prossimo incontro, dedicato al tema 'Ricostruzione ed Aree interne', è in programma per lunedì 5 giugno all’Abbazia di Fiastra, dalle ore 17. Un’altra occasione di dibattito e proposta finalizzata, anche questa, come ogni iniziativa del Pd, al buon governo della Regione".

21/05/2017
BCC di Recanati e Colmurano: Sandrino Bertini è il nuovo presidente

BCC di Recanati e Colmurano: Sandrino Bertini è il nuovo presidente

Durante l'assemblea dei soci, sabato 20 maggio, con 1056 voti su 1709 complessivi, Sandrino Bertini è stato eletto nuovo presidente della Banca di Credito Cooperativo di Recanati e Colmurano. "Non me lo aspettavo" ha dichiarato a caldo il neoeletto presidente. Classe 1953, recanatese, laureato in ingegneria meccanica, imprenditore nel settore manifatturiero Bertini era già vice presidente. "Mi ha davvero meravigliato il numero delle persone accorse a votare. Un numero record, non succedeva da anni" ha proseguito. Il Consiglio di amministrazione è stato totalmente rinnovato, e i sindaci eletti sono stati: Pasquale Morbidoni e Franco Frapiccini. Quella di oggi è stata una giornata importante, durante la quale Bertini ha voluto riaffermare l'adesione della BCC al gruppo bancario ICCREA holding. "Da lunedì si inizia con entusiasmo e forza. La BCC deve continuare a essere un punto di riferimento importante per il territorio" ha concluso il neopresidente Bertini.

20/05/2017
BCC Recanati Colmurano: Sandrino Bertini si candida alla presidenza

BCC Recanati Colmurano: Sandrino Bertini si candida alla presidenza

Un programma che Sandrino Bertini presenterà con la lista che lo sostiene durante l'assemblea dei soci prevista per sabato 20 maggio. Bertini, 64 anni, recanatese, laureato in ingegneria meccanica, imprenditore nel settore manifatturiero, si candida alla presidenza della BCC di Recanati e Colmurano. È consigliere dell’Istituto dal 2011 ed è vice-presidente da 2012. "Dopo una lunga ed attenta riflessione - dice - ho deciso di candidarmi alla presidenza della BCC di Recanati e Colmurano perché dopo 30 anni di attività come titolare ed amministratore di aziende che esportano i propri prodotti in ben 40 diversi paesi nel mondo, vorrei poter mettere a disposizione del nostro Istituto le esperienze e le competenze acquisite nel settore industriale". Quattro i punti sui quali spiega di voler lavorare: "È assolutamente necessaria la continuazione del processo di risanamento del nostro Istituto avviato agli inizi del 2014 dal Consiglio di Amministrazione, processo a cui i dipendenti, con grande consapevolezza e senso di responsabilità, hanno contribuito fattivamente con un riduzione temporanea dei loro salari, e di ciò non posso che ringraziarli pubblicamente, perché il loro sacrificio è stato determinante per l'ottenimento del prestito subordinato di cui la banca aveva assoluta necessità per il  ripristino del  livello  minimo di capitale richiesto per la continuità aziendale da parte di  Banca d'Italia. Questo percorso di risanamento, una volta ratificata dall'assemblea dei soci l'adesione al Gruppo Bancario ICCREA, dovrà essere affiancato ad un processo di aggregazione, non più rimandabile, con qualche altra BCC del territorio disponibile, in modo da costituire una entità bancaria di maggiori dimensioni, più solida e più performante". "I vertici aziendali - continua - avranno il compito di valorizzare le risorse umane interne e destinare  importanti  investimenti  alla formazione,  che dovrà essere non occasionale, ma costante, continua e connessa alla relativa crescita professionale di tutti i dipendenti.  Una banca vende denaro e cioè un prodotto totalmente indifferenziato. Le competenza, la bravura e la professionalità del personale in un mercato sempre più competitivo faranno la differenza e impatteranno in maniera determinante nelle sfide che il mondo bancario sarà chiamato ad affrontare nei prossimi anni". "Una maggiore cura nella gestione delle relazioni con i soci, con i clienti e con le Istituzioni sarà necessaria. Questo aspetto negli ultimi anni è stato molto trascurato, ma è assolutamente indispensabile riannodare quel “cordone ombelicale” che ha sempre legato le Banche di Credito Cooperativo al loro territorio di riferimento. E' risaputo che in ogni tipologia di business le relazioni contano quanto e forse più del prodotto.  Nel mondo bancario, che come già detto vende denaro, e cioè un prodotto totalmente indifferenziato, il marketing relazionale diventa un fattore decisivo per il successo aziendale". "La Banca dovrà essere più vicinanza alle necessità delle famiglie e delle attività economiche. Lo sviluppo economico del territorio e la crescita occupazionale sono legate a doppio filo con l'andamento del sistema bancario.  Di fatto c'è un rapporto di mutualità tra banche e territorio perché si alimentano vicendevolmente.  Non possono prosperare attività economiche senza banche, così come non possono sopravvivere banche senza attività economiche. Un maggiore sostegno alle attività economiche contribuirebbe a creare più posti di lavoro, e sappiamo quanto l'Italia ed anche il nostro territorio abbia bisogno di più lavoro, lavoro soprattutto per le nuove generazioni che stanno vivendo un periodo di forte frustrazione e scoramento per le enormi difficoltà che incontrano per accedere a ciò che dovrebbe essere un diritto.  La banca acquisirebbe una maggiore valenza sociale e ne avrebbe un forte ritorno non solo di immagine ma di reputazione effettiva" conclude.                 

12/05/2017
BCC Recanati Colmurano: presentata lista soci consiglieri

BCC Recanati Colmurano: presentata lista soci consiglieri

All’incontro con i soci della Banca di Credito Cooperativo di Recanati e Colmurano, tenutosi a Colmurano il 4 maggio, è stata presentata anche la lista dei soci candidati alla carica di consigliere della banca che parteciperà al rinnovo delle cariche sociali che avverrà all’assemblea del 20 maggio. La lista è composta da Paolo Maggini, Mirella Ascani, Emanuela Serenelli, Giacomo Camilletti, Roberto Toninel, Alfredo Giampaoli, Raimondo Capacchietti e Gerardo Pizzirusso. In attesa di illustrare il proprio programma nei prossimi incontri con i soci, la lista ribadisce l’impegno di assicurare la continuità del percorso di risanamento avviato dalla banca, nell’ambito del prescelto gruppo ICCREA qualora la prossima dovesse confermare l’adesione già deliberata dall’attuale CdA, ma con l’obiettivo di rafforzare il radicamento territoriale che risulta imprescindibile per una BCC. Tra gli obiettivi della lista anche quello di valorizzare maggiormente le risorse umane della banca, in un contesto di ulteriore qualificazione del già ottimo livello formativo del personale, nonché verificare ogni ipotesi di aggregazione sul territorio con altre BCC, nel solco delle raccomandazioni fornite dall’Organo di Vigilanza, nell’interesse della banca, dei soci e di tutti i dipendenti, oltrechè per dare un futuro ed una prospettiva di crescita all’istituto.

06/05/2017
Il credito cooperativo marchigiano: "L'inchiesta de L'Espresso contiene elementi fuorvianti"

Il credito cooperativo marchigiano: "L'inchiesta de L'Espresso contiene elementi fuorvianti"

La Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo interviene a seguito della pubblicazione di un'inchiesta da parte de "L'Espresso" sulla situazione delle piccole banche italiane. E invita ad evitare inutili allarmismi. Qui si può leggere integralmente l'articolo (qui) pubblicato da L'Espresso. Di seguito, invece, la nota della Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo.  "Un importante settimanale (L'Espresso, ndr) riporta nel numero in edicola e sul suo sito un’inchiesta sulle piccole banche e un invito al lettore a verificare la sicurezza del proprio istituto di credito. L’esercizio proposto è improprio e contiene, nel merito, una serie di elementi fuorvianti. 1. Già il titolo del servizio, "Piccolo non è bello", appare un giudizio senza possibilità di contraddittorio. In realtà, neanche "grande è bello”, e "nemmeno medio” se guardiamo alle cronache degli ultimi anni che hanno riguardato banche italiane e non. Ancora una volta non è la dimensione ma la qualità del governo della singola banca a fare la differenza. 2. Nessun intervento pubblico è stato effettuato a favore di Banche di Credito Cooperativo. Né i risparmiatori delle BCC hanno mai perso un euro. Dal 1978 il Credito Cooperativo si è dotato di strumenti di intervento autogestiti per evitare le crisi delle BCC e proprio per risolverle senza ricorrere a fondi pubblici. 3. Il settimanale prende in considerazione dati del 2015, quindi non attuali, e indicatori parziali. E comunque basati su dati vecchi di oltre 15 mesi. Molte BCC nel frattempo hanno avviato processi aggregativi, altre hanno venduto parte del proprio portafoglio di crediti in sofferenza, altre sono state oggetto di interventi di patrimonializzazione, altre ancora hanno visto appesantire i propri indicatori proprio perché si sono fatte carico di integrare BCC in difficoltà. Tutte quelle che presentano elementi di debolezza sono comunque costantemente monitorate dal sistema BCC che ha una propria safety net che va oltre quella obbligatoria. 4. Lo statuto delle BCC dal 2011 impedisce la presenza di amministratori che abbiano incarichi elettivi a livello locale, nazionale ed europeo. La politica non entra nei Consigli di amministrazione. 5. Il Credito Cooperativo Marchigiano – costituito da 19 BCC, 205 sportelli, 1556 dipendenti e 58 mila soci – negli ultimi anni ha effettuato rettifiche straordinarie sui crediti deteriorati, che hanno permesso l'allineamento delle coperture alle richieste della Vigilanza. Al 31.12.2016, gli indici di copertura del credito anomalo sono il 52% per le sofferenze, il 29% per le inadempienze probabili e il 43% per il totale npl. Inoltre l’ammontare di questi prestiti è assistito da garanzie reali per il 75% a fronte di un dato medio del sistema bancario del 51%. 6. Il Credito Cooperativo Marchigiano ha chiuso il 2016 con un utile netto di oltre 20 milioni di euro e un CeT1 ratio al 16,4%, (oltre il doppio del minimo richiesto e superiore di 400 punti baserispetto alla media dell’industria bancaria italiana). 7. Il Credito Cooperativo Marchigiano aderisce oltre che al Fondo di Garanzia dei Depositanti (protegge il depositante fino a 100 mila euro) anche al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti che protegge il singolo portatore di obbligazioni fino a 103 mila euro. 8. Il risparmio è un bene costituzionalmente tutelato. Non fa bene al sistema Paese, a decine di migliaia di dipendenti del settore credito, alla necessità di offrire una informazione sempre corretta e rispettosa delle regole deontologiche pubblicare notizie basate su dati superati e inadeguati a formulare giudizi attendibili sul reale stato di salute della singola banca. 9. I risparmiatori sanno in genere discernere le informazioni superficiali e inutilmente allarmistiche da quelle serie. E sanno apprezzare il valore di una banca di comunità ben gestita, indispensabile sempre, soprattutto per la propria funzione anticiclica nei periodi di crisi".

24/04/2017
Domenica scorsa si è svolto a Colmurano “Pranzo insieme” organizzato dalla Società Operaia

Domenica scorsa si è svolto a Colmurano “Pranzo insieme” organizzato dalla Società Operaia

Domenica scorsa (9 aprile) si è svolto, nel ristorante da Rosa, presso l’Abbadia di Fiastra, il tradizionale incontro denominato “Pranzo insieme” organizzato dalla Società Operaia di Colmurano. Il logo tradizionalmente affollato nella stagione primaverile  e la splendida giornata hanno contribuito a rendere piacevole il momento di incontro conviviale, che si svolge oramai da circa venti anni.  Dopo Sirolo (2014), Belforte del Chienti, (2015) e Madonna del Lambro (2016), abbiamo deciso di ritrovarci, con i soci  della S.O. e cittadini di Colmurano, in un luogo più a portata di mano e di scegliere una data consona per Auguraci una Serena Pasqua, scelta dettata anche dal prossimo impegno, la “Merenda sociale” del I° maggio,  dove durante la quale, oltre alla messa, per i defunti dell’associazione e il pranzo gratuito per tutti i 340 soci.  è stata convocata l’assemblea dei soci per votare il rinnovo del nuovo consiglio direttivo. Il Presidente Mario Lambertucci e il sindaco Ornella Formica  dopo aver rinnovato gli auguri di Buona Pasqua, hanno ringraziato  i componenti del direttivo e quanti insieme a loro si sono resi disponibili per dare aiuto nel corso  delle manifestazioni che si svolgono a Colmurano e soprattutto nei difficili momenti post sisma.  

Inceneritori, M5S: "Ci opponiamo all'installazione di nuovi impianti nel territorio"

Inceneritori, M5S: "Ci opponiamo all'installazione di nuovi impianti nel territorio"

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dal MoVimento 5 Stelle: Tolentino – Matelica - San Severino, Simpatizzanti MoVimento 5 Stelle: Pollenza – Mogliano – Camerino – Morrovalle – Colmurano.  "Inceneritori, discariche, bio-gas, impianti per il trattamento di rifiuti speciali e pericolosi: non manca nulla nelle cartografie che la Regione Marche ha predisposto, realizzate da ingegneri dell’ATA 3, che consente  la localizzazione degli impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti nella Provincia di Macerata Il periodo che sta attraversando il nostro territorio è drammatico, di fatto una continua emergenza, iniziata il 24 agosto scorso con il terremoto e ulteriormente aggravata dalle scosse sismiche successive. L'attenzione di tutti è rivolta alle infinite problematiche che ne sono scaturite negli ultimi mesi: i media sono impegnati nel racconto della situazione post sisma, i cittadini sono presi dalle preoccupazioni , vittime della confusione generata da una gestione degli eventi a dir poco lacunosa, e i nostri amministratori, prendono decisioni sull’ambiente indisturbati e sotto il silenzio più assoluto. Infatti i Sindaci, facenti parte dell' ente preposto ATA 3 (Assemblea Territoriale d’Ambito), in data 10 gennaio 2017, si siano riuniti presso la sede della Provincia di Macerata per decidere il futuro della nostra provincia dal punto di vista ambientale. Tra le tante preoccupazioni che riguardano la questione ambientale, c’è anche quella, con la quale ci si chiede  se nella cartografia predisposta dalla Regione, sia  stata presa in considerazione la classificazione sismica dei Comuni, fattore fondamentale per l’installazione di questo tipo di siti. Il MoVimento 5 Stelle denuncia a gran voce che la stessa Giunta Regionale, in passato, aveva dichiarato di non voler più impianti di incenerimento dopo la chiusura dell’inceneritore del Cosmari. Questo, quindi, vuole essere  un vero e proprio appello che il MoVimento rivolge ai primi cittadini dei Comuni in cui, per anni, sono stati ospitati impianti altamente inquinanti: prendere posizione netta e decisa e rispettare gli accordi presi nelle assemblee del Cosmari, opponendosi all'installazione di nuovi impianti nel territorio. Il M5S è contrario ad impianti di incenerimento e attivo nel proporre alternative già note a livello nazionale Chiede inoltre agli amministratori responsabili, come non si sia tenuto conto, nell'individuazione dei siti, di fattori fondamentali per la salute pubblica come quello delle rilevazioni fornite dal Registro dei Tumori, del quale non si hanno più notizie ormai da troppo tempo".  

27/02/2017
Il Merellipedibus di Colmurano arriva ad Acquasanta Terme

Il Merellipedibus di Colmurano arriva ad Acquasanta Terme

Ieri mattina, 14 febbraio 2017 alla presenza della Dirigente Scolastica Patrizia Palanca, alle famiglie e ai bambini della Scuola d'infanzia e primaria dell' Istituto Comprensivo Del Tronto e Valfluvione , presso il piazzale antistante la scuola costruita a tempo di record con donazioni locali e nazionali, in località Centrale, si è tenuta la consegna del primo Merellipedibus donato ai bambini e alle loro famiglie dall'azienda Risparmio Virtuoso, GarbiniConsulting di Andrea Garbini,di Castelplanio, azienda da sempre attenta e promotrice di solidarietà, ecologia, sostenibilità alternativa per la salvaguardia del nostro pianeta Terra e risparmio virtuoso. Oltre all'inventore del Merellipedibus Patrizio Merelli di Colmurano, il collaboratore,rappresentante per l'Italia Michele Erbucci,sono intervenuti le autorità locali nella persona dell'assessore all'ambiente Ionni Elisa,i rappresentanti della Garbini Consulting nelle persone di Marco Gennaro e Giacomo Massaccesi,e abbiamo avuto l'onore di avere la presenza del presidente del Pedibus Italia , dott. Ippolito Lamedica. Durante la cerimonia di consegna Merellipedibus ai bambini e alle loro famiglie presenti, le maestre e i maestri dell'Istiituto Comprensivo e i nostri piccoli amici,hanno cantato la Canzone Merellipedibus: "Ciao mamma e Ciao Papa' vado a scuola in Merellipedibus". Inoltre è stata declamata dai bambini stessa la Poesia del Merellipedibus: Un sogno (a piedi con lo scuolabus). A momenti di gioia e divertimento dei bambini e delle loro famiglie,si sono alternati i commenti degli intervenuti all'evento,sull'importanza della solidarietà, della sostenibilità alternativa. Le autorità presenti hanno voluto porre l'attenzione sull'importanza di un percorso didattico nonchè studio di una ventennale esperienza, donato in questo caso dal presidente nazionale del Pedibus Italia dott. Ippolito Lamedica alla preside della scuola Patrizia Palanca ,sull'importanza dell'anti-bullismo, il risparmio per famiglie, l'obesità infantile,tema molto caro alle ASL Nazionali, le polveri sottili piu' grossolane, la sinergia tra bambini stessi e accompagnatori, la sicurezza dei bambini e il divertimento e la gioia che offre il Merellipedibus . Nel ringraziare tutti gli intervenuti, i bambini e le loro famiglie, il Merellipedibus vi dà appuntamento in altri luoghi dove il divertimento, la solidarietà e la salvaguardia dei nostri piccoli scolari, sono di importanza primaria per tutti !

15/02/2017
Un carico di solidarietà da Bologna a Colmurano

Un carico di solidarietà da Bologna a Colmurano

Con grande piacere oggi l’ “Azienda Agricola Vagni Adolfo & Pasquale” ha accolto un tir della Protezione Civile Regionale Marche carico di fieno proveniente da una ditta bolognese. L’Azienda Vagni, nota ditta locale dedita all’ allevamento di oltre 500 ovini e diverse decine di equini, a seguito degli eventi sismici del 2016, ha riportato numerosi danni sia all’abitazione che alle stalle ed è per questo motivo che una generosa ditta bolognese ha voluto tendere una mano donando quel che per un allevatore è di fondamentale importanza: il fieno per gli animali. Dopo la campagna di solidarietà della scorsa settimana del Comitato “Trenino di Babbo Natale” di San Clemente in Romagna, rappresentata da Massimo Pazzaglini e compagni, anche Bologna ha mostrato tutta la sua vicinanza donando, oltre al fieno, gioia e nuova forza alle aziende agricole locali.

13/02/2017
La campagna di solidarietà di Pazzaglini:  dalla Romagna fieno e mangime per le aziende agricole terremotate

La campagna di solidarietà di Pazzaglini: dalla Romagna fieno e mangime per le aziende agricole terremotate

L’azione di solidarietà nazionale di attivismo per aiutare il prossimo di Massimo Pazzaglini e i suoi amici è arrivata anche nel maceratese. Dopo aver fatto un sopraluogo della situazione in alcune zone terremotate e le loro aziende agricole, Max ha identificato quattro beneficiari a cui ieri ha consegnato fieno e mangime per gli animali nei comuni di Colmurano, San Ginesio e Pievebovigliana. "I fondi raccolti per comprare i beni donati sono stati raccolti in Romagna" dice Primo Corona di Colmurano, fra i beneficiari della donazione "e consegnati direttamente alle aziende agricole di questi tre comuni. Piccoli gesti che creano grandi emozioni e la speranza di non essere dimenticati soprattutto per questi piccoli agricoltori che, nonostante il sisma, non sono mai finiti sotto i riflettori ma che hanno tantissime difficoltà per portare avanti la loro attività".

09/02/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433