Caldarola

Caldarola, riforniva di droga i giovani del territorio: 29enne condannato a un anno e 9 mesi di reclusione

Caldarola, riforniva di droga i giovani del territorio: 29enne condannato a un anno e 9 mesi di reclusione

Condanna per spaccio ad un anno e nove mesi di reclusione per il 29 enne cittadino albanese che nella giornata di mercoledì 4 ottobre era stato tratto in arresto dagli uomini della squadra mobile di Caldarola. In seguito all'applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, il cittadino albanese Veliu Endri è stato sentito durante l'interrogatorio di garanzia presso il Tribunale di Macerata e, a seguito della scelta del “patteggiamento”, è stato condannato alla pena della reclusione di un anno e nove mesi, oltre alla multa di euro mille. Nei confronti dell’imputato, insieme alla condanna, il Giudice per le Indagini Preliminari - Dott. Domenico Potetti, ha disposto l'ulteriore confisca della somma di 13.670,00 €.  

08/10/2021 19:49
Caldarola, riforniva di droga i giovani del territorio: arrestato 29enne. Aveva tentato la fuga all'estero

Caldarola, riforniva di droga i giovani del territorio: arrestato 29enne. Aveva tentato la fuga all'estero

I Carabinieri della Stazione di Caldarola, nel quadro di specifici servizi attuati sul territorio per il contrasto al traffico di stupefacenti, hanno tratto, in arresto un cittadino di origine albanese che vive da molti anni nel paese. Si tratta di E.V., 29 enne, operaio e coniugato in loco. L’indagine trae origine proprio dagli assidui controlli eseguiti sul territorio che, agli inizi del mese di marzo scorso, ha permesso di individuare il soggetto quale punto di riferimento per potersi accaparrare sostanze stupefacenti da parte di svariati giovani del luogo, prevalentemente tra Caldarola e Tolentino. Il giovane, da specifico controllo, è stato trovato in possesso di sostanze per il “taglio” di stupefacenti, bilancini, materiale per il confezionamento e denaro. Le successive investigazioni, con servizi di osservazione e riscontri condotti, ha concesso così di raccogliere sufficienti elementi attraverso i quali i carabinieri sono riusciti a dimostrare che, nei soli sei mesi antecedenti, il giovane aveva posto in essere un numero elevatissimo di cessioni di stupefacente, nella fattispecie cocaina, nei confronti di ameno una quindicina di ragazzi del luogo. L’ampio quadro probatorio raccolto ha permesso così di rapportare dettagliatamente i fatti alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Macerata tanto da emettere una specifica ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’indagato, applicando nei suoi confronti la misura degli arresti domiciliari. Provvedimento che i militari hanno eseguire soltanto nel tardo pomeriggio del 3 novembre, atteso che l’interessato, nel frattempo, si era recato all’estero. 仨 sempre grazie all’azione di controllo del territorio, però, che il suo rientro a Caldarola non è passato inosservato ai militari che si sono messi subito sulle sue tracce sino a quando, appunto, nel pomeriggio di ieri veniva rintracciato e gli veniva applicata la misura restrittiva degli arresti domiciliari. In effetti, le ricerche per il suo rintraccio, non sono state facili visti i frequenti spostamenti in territorio estero, tanto da non poter escludere, a tal riguardo, che il suo trasferimento all’estero sia stato dettato proprio dal tentativo di eludere la sua individuazione. Con tale ed ulteriore operazione, gli inquirenti ritengono di aver messo fine ad un ennesimo canale di smercio di sostanze stupefacenti che si stava consolidando sul territorio.

04/10/2021 11:43
Pacchetto sisma, finanziata la bretella di Caldarola: il progetto era fermo dal 1991

Pacchetto sisma, finanziata la bretella di Caldarola: il progetto era fermo dal 1991

Lo scorso giovedì 30 settembre è stato approvato il pacchetto sisma centro Italia collegato al PNRR, in forza del quale sono stati stanziati un miliardo e 780 milioni di euro per ricostruire e rivitalizzare le aree colpite dai terremoti del 2009 e del 2016-17. Alle Marche sono stati destinati oltre 100 milioni di euro, per realizzare collegamenti trasversali alla SS77 della Val di Chienti (superstrada ndr).  Di queste risorse, 6 milioni saranno impiegati per la progettazione e 30 milioni per la realizzazione del primo stralcio esecutivo del collegamento Caldarola-Sarnano, che costituirà il tratto iniziale della Pedemontana delle Marche, destinata a creare una agevole via di transito da Caldarola fino ad Ascoli e Teramo. "L’Amministrazione comunale ha sempre creduto nel rilancio di questo progetto, fermo dal lontano 1991, ed ha fortemente voluto quest’opera, di vitale importanza per tutti il territori colpiti dal sisma" sottolinea il sindaco di Caldarola Luca Maria Giuseppetti "Il percorso che ha portato al raggiungimento di questo straordinario risultato ha visto il supporto dei Comuni limitrofi: Cessapalombo, San Ginesio, Sarnano, Amandola, Comunanza, Camporotondo di Fiastrone, Serrapetrona e Belforte del Chienti, a riprova della forte unità d’intenti e della sinergia in atto tra tutti gli attori del palcoscenico del territorio montano, accomunati dalla ferma intenzione di rilanciare la rete dei centri medio- piccoli, fino a renderli protagonisti di un prossimo sviluppo socio- economico che possa favore anche il ripopolamento di queste splendide zone e renderle ancora più attrattive". "La Regione Marche e l’Assessore Castelli, allo stesso modo, nel corso degli incontri tenutisi presso il Comune di Caldarola, avevano subito mostrato di comprendere la bontà dell’iniziativa e la sua enorme valenza per tutta l’area dei Sibillini" aggiunge il primo cittadino.  "Trova così finalmente approdo il disegno per la realizzazione della bretella viaria di collegamento a Caldarola, che - conclude Giuseppetti - favorirà non soltanto la ricostruzione del paese ma, in prospettiva, un rilancio della circolazione commerciale e di persone, restituendo  alla cittadina il ruolo baricentrico che merita, per la sua storia e per il suo unico patrimonio culturale e artistico".         

02/10/2021 13:48
Il colorato taxi di Zia Caterina fa tappa a Caldarola: l'incontro con i bimbi della "De Magistris"

Il colorato taxi di Zia Caterina fa tappa a Caldarola: l'incontro con i bimbi della "De Magistris"

Ha fatto tappa a Caldarola il coloratissimo e bizzarro Taxi, Milano 25, di Zia Caterina, al secolo Caterina Ballandi. Una simpatica signora bionda, esagerata, estrosa, stravagante e rumorosa ma con alle spalle una grande storia d’amore, una storia nata da una sofferenza trasformata nel tempo in spirito di donazione e altruismo. Nella tappa caldarolese Zia Caterina ha presentato il suo libro, scritto da Alessandra Cotoloni, dove racconta dall’inizio come è nata l’avventura del suo colorato taxi, lasciato in eredità dal compagno Stefano, il grande amore della sua vita scomparso prematuramente, ma che aveva espresso il desiderio di non lasciar morire con sé la grande passione per il suo Taxi “Milano25”. La serata di lunedì 27 settembre è stata dedicata agli adulti, mentre martedì mattina Zia Caterina ha incontrato i bambini della scuola De Magistris. Con le sue parole, ma soprattutto con i gesti, zia Caterina vuole trasmettere a tutte le persone la forza che l’amore incondizionato verso il prossimo dona anche a noi stessi. Con il suo taxi, quando non è in servizio per le vie di Firenze, accompagna i bambini negli ospedali, spesso aiutandoli ad affrontare con un sorriso e con tutta l’energia dell’Universo terapie difficili da sopportare o interventi lunghi e dolorosi. Il fine ultimo è quello di lasciare, in un momento di grande sofferenza, un ricordo allegro e colorato. Purtroppo molti sono stati anche i bambini che non ce l’hanno fatta, per ognuno di loro ha creato un personaggio a fumetti e li conserva tutti su libricini che dona ai bambini e su colorati stickers con cui ha addobbato il suo taxi. Anche i bambini della scuola primaria le hanno voluto regalare un momento emozionante, in poco tempo sono riusciti ad imparare due canzoni, per zia Caterina molto importanti perché dedicate a bambini che non ci sono più, cantate al suo arrivo all’interno dell’aula magna. “Leggere il libro fa riflettere sulle vere sfide che la vita ti mette di fronte” ha dichiarato il Sindaco Luca Maria Giuseppetti “zia Caterina spiega come è riuscita a convertire il dolore per un lutto in azioni a disposizione del prossimo. Sono rimasto colpito dal capitolo in cui lei spiega ai suoi Supereroi, i bambini che accompagna in ospedale, la differenza che una vocale e una consonante possono fare sul significato di una frase. Quando qualcuno muore non si deve dire andato in cielo, ma nato in cielo, perché si nasce una seconda volta su una stella. Sarebbe un libro da rileggere almeno una volta l'anno per capire che ci lamentiamo per cose futili in confronto alle vere difficoltà che la vita mette di fronte ad alcuni di noi” A fare da anello di congiunzione tra Zia Caterina e l’Amministrazione Comunale di Caldarola è stata l’imprenditrice emiliana Giorgia Rossi, titolare insieme alla famiglia della ditta FOl.Vez più volte sostenitrice di iniziative benefiche in favore dei caldarolesi dopo il terremoto. “Seguo il Taxi Milano 25 ormai da diversi anni ed ho voluto che zia Caterina, conosciuta in tutta Italia e all’estero, arrivasse anche nei centri più piccoli, periferici, per far conoscere la sua missione fatta di amore verso il prossimo” “La mia è una rivoluzione gentile” ha affermato Zia Caterina “l’obiettivo simbolico del taxi è trovare una via per raggiungere la strada migliore, e a volte essere diversi è la chiave per fare la differenza, ma in fin dei conti ognuno ha il diritto di essere come vuole anzi, più si è diversi e più si è unici. Con le famiglie di questi bambini, che hanno conosciuto direttamente cosa è la sofferenza, piantiamo ogni giorno i semi di nuova speranza, sicuri che germoglieranno in mezzo a noi e doneranno amore a tutti, perché la morte non è la fine ma la trasformazione di quello che eravamo in amore ovunque, invisibile solo a chi non lo vuole vedere.”  

28/09/2021 18:27
Tragedia a Caldarola, cade con la bici a causa di un malore e muore: perde la vita gommista 63enne

Tragedia a Caldarola, cade con la bici a causa di un malore e muore: perde la vita gommista 63enne

Accusa un malore mentre è in sella alla bici e cade, perdendo la vita. La città di Tolentino si trova a fronteggiare un nuovo pesante lutto, a seguito della tragico scomparsa di Andrea Rascioni, conosciutissimo gommista di 63 anni. Da oltre quaranta, Rascioni era titolare di un'officina meccanica, in via Brodolini.  Il drammatico incidente è avvenuto nella mattinata odierna lungo la Statale 77, in località Valcimarra nel territorio comunale di Caldarola. Dalle prime informazioni, sembrerebbe che il 63enne, in sella alla bici, sia caduto a causa di un malore risultatogli fatale. Sul posto sono intervenuti i mezzi di soccorso del 118. I disperati tentativi dei sanitari di rianimare il ciclista si sono, purtroppo, rivelati vani. Il cuore dell'uomo ha smesso di battere.  Inizialmente era stata anche allertata l'eliambulanza, poi fatta tornare indietro. Presenti sul luogo dell'accaduto anche i carabinieri.  Andrea Rascioni lascia la moglie e due figlie, Caterina e Valentina. I suoi funerali si terranno mercoledì 29 settembre, alle ore 10, presso la Basilica di San Nicola, a Tolentino.   

26/09/2021 12:45
Tappa a Caldarola per la solidarietà: arriva il Taxi Milano 25

Tappa a Caldarola per la solidarietà: arriva il Taxi Milano 25

Gira per Firenze, si chiama Taxi Milano 25 e alla guida c’è zia Caterina, al secolo Caterina Bellandi, divenuta famosa in tutta Italia per la sua opera di assistenza ai bambini malati di tumore che lei accompagna con allegria e leggerezza nel proprio taxi colorato e pieno di peluche. Zia Caterina infatti è alla guida di una comunità di volontari e amici per aiutare i bambini negli ospedali e non solo. Inoltre Zia Caterina è anche la protagonista di un libro, scritto da Alessandra Cotoloni, dove racconta la sua storia partendo dall’inizio dell’avventura, quando Stefano, il grande amore scomparso, le lasciò in eredità il proprio strumento di lavoro: il Taxi Milano25. E tra le tante fermate di questo bizzarro e colorato mezzo c’è anche Caldarola. Lunedì 27 settembre zia Caterina incontrerà la cittadinanza presso la Sala Tonelli, il giorno successivo invece, in accordo con la dirigente scolastica e gli insegnanti, incontrerà i bambini e le ragazze dell’Istituto De Magistris. L’Amministrazione Comunale quindi rivolge un invito a tutti gli appassionati, l’appuntamento è per lunedì prossimo 27 settembre, sala polivalente “Annalena Tonelli”, dalle ore 20.45 con posti limitati nel rispetto delle normative anti Covid vigenti.

22/09/2021 15:18
Caldarola pronta ad accogliere una famiglia afghana: messo a disposizione un appartamento

Caldarola pronta ad accogliere una famiglia afghana: messo a disposizione un appartamento

Il piccolo comune di Caldarola pronto ad ospitare una famiglia afghana. Lo ha stabilito una delibera appena approvata dall’Amministrazione Comunale che mette a disposizione un appartamento in località Valcimarra idoneo ad un nucleo di sei persone. "I cittadini di Caldarola sanno bene cos’è la solidarietà, in passato sono stati sempre pronti ad intervenire in aiuto delle popolazioni, italiane ed estere, colpite da tragedie come nubifragi, terremoti o guerre. E recentemente hanno ricevuto altrettanta solidarietà dopo l’immane devastazione che il sisma del 2016 ha portato in gran parte del paese caldarolese. L’Amministrazione comunale quindi intende, per quanto possibile, offrire sostegno e solidarietà alla popolazione afghana vittima della grave crisi che si è verificata nella loro terra di provenienza" afferma il sindaco Luca Maria Giuseppetti. L’immobile, composto da 4 appartamenti, è di proprietà dell’Enel. Recentemente ha subito una completa ristrutturazione per ospitare i nuclei familiari caldarolesi che avevano avuto la propria abitazione resa inagibile dal terremoto, ma di fatto è rimasto parzialmente vuoto.  Per questo motivo, recepita la proposta della Prefettura di Macerata di comunicare eventuali disponibilità di soluzioni alloggiative finalizzate all’accoglienza di cittadini afghani, e sentita l’Enel in merito al possibile cambio di destinazione, l’Amministrazione di Caldarola ha comunicato la propria disponibilità a far sì che gli appartamenti non utilizzati possano essere destinati all’accoglienza di cittadini afghani che hanno collaborato con le Forze Armate della missione internazionale.  Ancora un gesto di solidarietà quindi proveniente da una popolazione che sa bene cosa significa perdere la propria casa.   

18/09/2021 15:12
Come prevenire la demenza e promuovere l'invecchiamento attivo: convegno a Caldarola

Come prevenire la demenza e promuovere l'invecchiamento attivo: convegno a Caldarola

Ieri 3 settembre 2021 alle 17.00 presso il Centro Polivalente Annalena Tonelli di Caldarola si è svolto il primo convegno divulgativo dal titolo “A Domani!”. Il convegno ha presentato il nuovo progetto promosso dall'AFAM Alzheimer Uniti Marche Odv in partenariato con l’associazione Help S.O.S. Salute e Famiglia e l’impresa sociale Cambiamenti Srl, ed è stato finanziato dal bando del progetto Marche_active@net - Al tempo del sisma, per azioni locali innovative a sostegno dell'invecchiamento attivo e della solidarietà generazionale, con particolare attenzione ai territori colpiti dal sisma 2016 realizzato con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia. Si tratta di un'azione pilota rivolta agli ultrasessantacinquenni dei Comuni dell'Ambito Sociale 16 e si pone come obiettivo la prevenzione, promuovendo la conoscenza dei corretti stili di vita e delle buone abitudini per mantenere condizioni di benessere lungo tutto l'arco della vita, e in particolare nella terza età, e stimolare la socializzazione attraverso l'incontro con le nuove generazioni e nella relazione tra pari.  Ha dato il via al convegno l'Assessore dei Servizi Sociali di Caldarola Teresa Minnucci, seguita dal Presidente dell'Unione Montana Monti Azzurri e ATS 16 Giampiero Feliciotti e dal Presidente della Delegazione provinciale CSV di Macerata: Daniele Antonozzi. Tutti hanno rafforzato il concetto dell'importanza di lavorare insieme e in sinergia e di fare rete per potenziare i servizi del territorio per la popolazione anziana. A seguire la Presidente dell'Afam Alzheimer Uniti Marche Odv, Manuela Berardinelli ha introdotto il progetto ribadendo l'importanza della prevenzione e l'importanza di ricostruire la comunità fortemente colpita prima dal sisma e poi dal Covid. A seguire la tavola rotonda con gli esperti del settore socio-sanitario. Il Dottor Eugenio Pucci, neurologo ha spiegato quali sono i fattori di rischio e i fattori protettivi per lo svilupparsi di una qualche forma di demenza e ha ribadito il concetto che la prevenzione nella malattia di Alzheimer ed altre forme di demenza è possibile. A seguire la dietista Elisa Pelati ha spiegato l'importanza della dieta mediterranea e ha illustrato quali sono i cambiamenti che dobbiamo apportare alla dieta con l'avanzare dell'età. La Dottoressa Ludovica Capponi, psicologa ha spiegato la differenza tra invecchiamento sano ed invecchiamento patologico spiegando che la demenza non è un destino ineluttabile. Infine la Dottoressa Susanna Cipollari, neuropsicologa ha spiegato come la solitudine è un fattore di rischio per molti problemi di salute fisica, dal sonno frammentato, alla demenza, alla diminuzione della gittata cardiaca per cui il mantenimento di relazioni sociali rappresenta un elemento importante per il benessere delle persone anziane. Al convegno hanno partecipato numerosi cittadini che hanno seguito con molto interesse ed hanno fatto numerose domande ai relatori, inoltre i partecipanti si sono iscritti alla prossima azione del progetto ovvero i laboratori di Prevenzione.  Nei mesi di settembre e ottobre, si svolgeranno 12 laboratori itineranti che verteranno sulle quattro aree tematiche: corretto stile alimentare, stimolazione cognitiva, attività motoria e socializzazione. Nei laboratori è previsto anche il coinvolgimento dei ragazzi, proprio perché “A domani!” nasce dall'idea di costruire non solo un'azione di prevenzione, ma anche un ponte tra generazioni. Il primo appuntamento dei laboratori è per mercoledì 8 settembre 2021 al teatro provvisorio comunale di Gualdo dalle 16.30 alle 18.30 con la fisioterapista Alessia Micci che approfondirà i benefici dell'attività motoria. Altri incontri: il 13 settembre a Penna San Giovanni, il 15 a Sarnano, il 18 a Ripe San Ginesio, il 22 a Colmurano, il 25 a Monte San Martino e il 29 a Camporotondo di Fiastrone. Ad ottobre si inizia il 3 a Belforte del Chienti poi il 6 a Serrapetrona, il 9 a Tolentino, il 13 a Sant’Angelo in Pontano e il cerchio si chiude nuovamente a Cladarola il 16 ottobre.  

04/09/2021 14:50
Lavori in superstrada: chiusi per 16 giorni gli svincoli di Serrapetrona e Caldarola in direzione mare

Lavori in superstrada: chiusi per 16 giorni gli svincoli di Serrapetrona e Caldarola in direzione mare

"Per consentire l’avanzamento dei lavori di pavimentazione, sono previste limitazioni temporanee lungo la strada statale 77 della Valle di Chienti”. A comunicarlo, in una nota, è l'Anas.  Da domenica 5 e fino a martedì 21 settembre, per chi viaggia in direzione Civitanova Marche, sarà istituita la chiusura al traffico degli svincoli di Serrapetrona (km 62,100) e di Caldarola (km 62,950) sia in entrata che in uscita. Sempre a partire di domenica 5 ma fino a sabato 11 settembre, sarà inoltre istituita la chiusura, in ingresso ed in uscita, per chi viaggia in direzione Civitanova Marche dello svincolo di Caccamo (km 60,300).  Durante i lavori il transito dei veicoli in direzione Civitanova Marche, nel tratto compreso tra il km 60,000 ed il km 65,000 della SS 77, sarà consentito mediante l’istituzione del doppio senso di circolazione tra le medesime progressive in carreggiata opposta. 

02/09/2021 16:27
Caldarola, una giornata per la prevenzione dell'Alzheimer

Caldarola, una giornata per la prevenzione dell'Alzheimer

Prosegue l’iniziativa di screening per prevenire la demenza senile organizzata da Afam -Alzheimer Uniti Marche, in partenariato con l’associazione "Help Sos salute e famiglia" e l’impresa sociale "Cambiamenti srl". Dopo il primo step del progetto "A domani" che vede tutt’ora la possibilità per tutte le persone con più di 65 anni, residenti nei Comuni dell’Ambito sociale 16, di richiedere uno screening per valutare le abilità cognitive, le capacità motorie, lo stile alimentare, l’umore e la socialità, per domani, venerdì 3 settembre, è previsto un convegno divulgativo a Caldarola. Dalle ore 17 presso il Centro Polivalente “Annalena Tonelli” i responsabili delle Associazioni insieme a medici, fisioterapisti, psicologi ed esperti illustreranno il progetto e le sue finalità. "Sempre più spesso ci si chiede se sia possibile prevenire la demenza di Alzheimer e le altre forme di demenza – spiega la presidente Afam, Manuela Berardinelli – e dalle recenti ricerche in campo internazionale sembra che la risposta possa essere affermativa. Se si interviene precocemente su alcuni fattori di rischio modificabili, un terzo dei casi di malattia potrebbe essere ridotto o comunque ritardato nell’esordio". Da qui l’idea del progetto "A domani" che parte dalla prevenzione. Le persone interessate possono prenotarsi negli Uffici dell’Ats, negli sportelli comunali dei Servizi sociali, ma anche nelle farmacie o dai medici di base. Ma nulla vieta di aderire anche autonomamente mandando la richiesta all’indirizzo mail: afam.marche@gmail.com o contattandoci al numero 377.9841431. “Un orgoglio per Caldarola ospitare il primo convegno divulgativo” affermano all’unisono il Sindaco Luca Maria Giuseppetti e l’Assessore ai Servizi Sociali Teresa Minnucci. “come sempre abbiamo a cuore la salute dei nostri concittadini, di tutte le età, e la nostra disponibilità verso iniziative importanti come questa è assolutamente ai massimi livelli.”

02/09/2021 12:45
L'assessore Castelli a Caldarola: in ballo la realizzazione del primo tratto della Pedemontana

L'assessore Castelli a Caldarola: in ballo la realizzazione del primo tratto della Pedemontana

L’assessore Regionale Dott. Guido Castelli, recentemente nominato rappresentante della Conferenza unificata nella Cabina di regia per il rilancio turistico culturale ed economico delle zone del sisma, è tornato oggi a Caldarola per un incontro fortemente voluto dall'Amministrazione Comunale, che fa seguito alle precedenti visite dell'Assessore.   Nel corso della riunione si è nuovamente affrontato il tema prioritario della realizzazione della bretella viaria cittadina, che costituirà il primo tratto della Pedemontana delle Marche, per la quale il Comune ha presentato un progetto specifico nell'ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo. In merito, l'Assessore ha ribadito il pieno appoggio e sostegno della Regione Marche, che crede molto nell'iniziativa e nello sviluppo che questa nuova infrastruttura potrà portare a tutta l'area dell'alto maceratese e dell'intera stessa Regione, illustrando lo stato di avanzamento del complesso iter che dovrebbe portare all'approvazione della proposta ed al suo conseguente finanziamento. Si è poi rappresentata all'Assessore la situazione del teatro comunale, i cui lavori di ricostruzione post sisma sono ormai conclusi e dell'esigenza di disporre dei fondi ulteriori necessari al completamento di tutte le complementari opere di restyling ed adeguamento degli interni, per poterlo finalmente restituire alla cittadinanza nel suo rinnovato splendore. Il Dr. Castelli anche in questo caso ha mostrato di comprendere l'esigenza di completare quest'opera di rilevanza culturale e sociale assoluta per il Paese ed ha assicurato la disponibilità dell'Ente a stanziare i fondi necessari al completo ripristino del teatro, con tempistiche che saranno definite nei prossimi giorni. Il Sindaco Giuseppetti e tutta l'Amministrazione Comunale hanno particolarmente apprezzato la disponibilità e la concreta attenzione rivolta dall'Assessore a Caldarola, ripromettendosi di aggiornarsi nuovamente con lui e la Giunta Regionale nei prossimi giorni, in modo tale da seguire passo per passo questa fase cruciale, nella quale l'assegnazione delle ingenti risorse europee e nazionali stanziate per la ripartenza post terremoto assume carattere decisivo per il futuro delle realtà locali, in particolare per quelle come la nostra, particolarmente colpite dal sisma del 2016.

25/08/2021 18:39
Provincia, disposta la chiusura del ponte sulla strada provinciale Camerino -Tolentino

Provincia, disposta la chiusura del ponte sulla strada provinciale Camerino -Tolentino

La Provincia di Macerata ha disposto in data odierna la chiusura del ponte della strada provinciale 180 “Camerino - Tolentino”. Su questo impalcato l’Amministrazione provinciale ha avviato il cantiere ad inizio mese per i primi lavori di ripristino e consolidamento sulla parte superiore; dopo la pausa di Ferragosto i lavori sono ripresi e da oggi è necessario chiudere il tratto per effettuare gli interventi principali. “Si tratta di un lavoro di poche settimane - afferma il Presidente Antonio Pettinari - e l’obiettivo è riaprire la circolazione a senso unico alternato entro 30-40 giorni. Ci dispiace per i disagi che vengono creati alla viabilità ma abbiamo segnalato accuratamente i vari percorsi alternativi”. Il ponte, situato nel Comune di Camerino, nei pressi dell’uscita della superstrada “Sfercia”, permette l’attraversamento del Rio San Luca, un affluente del fiume Chienti: per la sua collocazione e vicinanza con la Statale 77, è un’opera importante e soggetta a un discreto flusso di traffico, soprattutto in direzione Camerino. Composto in muratura mista di pietre e mattoni, presenta due arcate: è lungo circa 17 metri e largo 7,3 metri.  I lavori di consolidamento ammontano a 250 mila euro e rientrano nel programma di quelli individuati e pianificati dopo gli eventi sismici del 2016, per mettere in sicurezza e ripristinare la viabilità nei territori del cratere. Nel dettaglio saranno effettuate delle iniezioni della muratura con malte cementizie; saranno rinforzati la muratura, anche con reti di fibra di carbonio, e l’intonaco strutturale; verrà impermeabilizzato l’impalcato e saranno installate nuove barriere di sicurezza.     

24/08/2021 14:55
MArCHESTORIE anima la provincia di Macerata con eventi per promuovere le storie dei borghi

MArCHESTORIE anima la provincia di Macerata con eventi per promuovere le storie dei borghi

Dal 2 al 19 settembre le Marche si animeranno grazie agli eventi di MArCHESTORIE. Il festival promosso dall’assessorato alla cultura della Regione Marche porterà in 56 comuni della regione, di cui 21 nella provincia di Macerata, spettacoli ed attività legate alla tradizione, il folklore e la storia locali. Parteciperanno più di 850 artisti locali, che dalle ore 18 dal giovedì alla domenica coloreranno i borghi della regione. Tra i comuni che saranno animati dal festival  nella provincia di Macerata ci sono il comune di Visso, Civitanova Alta, Cingoli, Sarnano e San Ginesio. Per anticipare il festival mercoledì 25 agosto in Piazza della Libertà a Macerata e mercoledì 1 settembre all’Arena Varco sul Mare di Civitanova alle ore 21 saranno presentati spettacoli e videoracconti legati alla tradizione locale. Per partecipare è necessario prenotare ed esibire il Green Pass oppure un tampone con esito negativo effettuato entro le 48 ore prima dell’evento.  

24/08/2021 14:00
Caldarola, "Magnalonga dei 5 castelli": torna la passeggiata enogastronomica, come iscriversi

Caldarola, "Magnalonga dei 5 castelli": torna la passeggiata enogastronomica, come iscriversi

Terza edizione dell’apprezzatissima “Magnalonga dei 5 castelli”, una passeggiata panoramica enogastronomica per visitare Caldarola e le sue frazioni. Cinque borghi da scoprire e fotografare assaporando prodotti delle aziende locali: vino, birra artigianale, dolci, ceci, miele, salumi, formaggi e l’immancabile e unico olio Coroncina, attraversando un panorama mozzafiato. La manifestazione, organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune di Caldarola, prenderà il via alle ore 9 di domenica 29 agosto partendo dal centro commerciale “la Piazzetta” di Caldarola per poi giungere a Vestignano, Croce, Pievefavera e Valcimarra degustando in ogni tappa prodotti enogastronomici tipici del territorio, il tutto accompagnato da buona musica.  La passeggiata, di circa 10 chilometri non particolarmente impegnativi, può essere percorsa sia a piedi che in bicicletta. Anche accompagnati dal proprio amico a quattro zampe, l’importante che sia nel pieno rispetto dell’ambiente e delle normative anti Covid-19.  Da Valcimarra ci saranno delle navette che ritorneranno a Caldarola. La missione degli organizzatori è di unire storia, natura e tradizioni dei nostri luoghi in un evento unico: una passeggiata attraverso borghi e castelli, ulivi e vigneti, panorami a picco sul lago e sentieri francescani. Passeggiare a contatto con la natura lungo percorsi carichi di storia e spiritualità, come il sentiero De Magistris e i Cammini Francescani della Marca. L’iscrizione, obbligatoria entro il 24 agosto, è gratuita per i bambini sotto i 5 anni, di 12 euro per i ragazzi dai 6 ai 14 anni e 18 euro per gli adulti. Prevede cinque tappe ristoro, animazione, servizio navetta e un piccolo kit consegnato al momento della partenza. Info e contatti al link: magnalonga5castelli.eventbrite.it o presso l’associazione Turistica Pro Loco di Caldarola.   

18/08/2021 10:45
Cantagiro Marche 2021, a Caldarola il vincitore della finale è Francesco Simoncini

Cantagiro Marche 2021, a Caldarola il vincitore della finale è Francesco Simoncini

Anche quest’anno, rispettando tutti i protocolli e linee guida anti covid il percorso dello storico Concorso Nazionale Canoro del “Cantagiro” ha avuto la sua finalissima regionale confermando il grande successo delle passate edizioni. In una calda serata di agosto piazza Vittorio Emanuele, cuore di Caldarola, ha ospitato la suggestiva kermesse ricca di tanta bella musica e sano intrattenimento.  Sotto la direzione artistica e l’eccellente conduzione di Marco Zingaretti, agente regionale del medesimo concorso, 18 cantanti sono scesi in gara davanti ad un importante pubblico rimasto fino a tarda notte a godersi lo spettacolo arricchito dalle tante emozioni. Alto il livello dei concorrenti che ha reso non facile l’assegnazione dei punti da parte dei giurati. Ad ottenere il massimo del punteggio e vincere la Regionale di questa edizione 2021 il 15 enne Francesco Simoncini di Serra San Quirico con il brano Adagio. Al secondo posto per un solo punto di differenza Federico Fabbretti. Terza Classificata Chiara Malibrani. A seguire Grazia Miscia, in ex equo Martina Boezio e Irida Nasic, Emanuele Saltari, Massimo Bussoli e Greta Palmieri. Francesco, il vincitore Regionale, ottiene cosi di diritto l’accesso alla Prefinale Nazionale dove con il suo inedito gareggerà per la Finalissima Nazionale unendosi ai cantanti Fabbretti, Saltari, Boezio e Bussoli che nell’edizione 2020 hanno visto la pubblicazione del loro inedito nella Compilation del “Cantagiro” e da regolamento sono già in pre finale. Federica Cingolani di Castelfidardo è la vincitrice regionale della categoria New Voice con il brano "If I ain’t got you" seguita da Francesca Rolle, Sabrina Giuliodoro, Matteo Nisi, Rebecca Gusella, Giorgia Carloni, Maya Caimmi, Francesca Corridoni e Massimiliano Fanesi. Assenti per impegni personali Marco Leone, Martina Comito e Cristina Paglione che raggiungeranno i colleghi alle fasi nazionali. Madina di giuria la ballerina, attrice e cantante Alice Bellagamba. Risate, divertimento e tanti applausi per la cabarettista Lucia Fraboni che ha interpretato alcuni dei suoi personaggi, per l’occasione Ida Cioccolanti di Chiaravalle e Alfia Stroppa da Cingoli. Infiniti applausi per le due cantanti reduci dallo Zecchino D’oro Anita Bartolomei, vincitrice della 63esima edizione, e Nicole Marzaroli seconda classificata alla 60esima edizione. La serata si è aperta con l’esibizione di Sofia Lou Straccini vincitrice Regionale Marche “Cantagiro 2020”. Molto soddisfatto dell’intero spettacolo e della tanta presenza di pubblico il sindaco di Caldarola Luca Maria Giuseppetti per l’occasione componente di giuria.  L’evento organizzato da Progetto Zero con il patrocinio del Comune di Caldarola in collaborazione con la Pro Loco ha visto da consuetudine la partecipazione delle auto d’epoca che dal tardo pomeriggio, con i cantanti a bordo, hanno effettuato un bel percorso dal cuore del paese verso le colline circostanti fino al Lago di Caccamo, hanno sostato all'Area 51 per rientrare in Piazza e la sera accompagnare i cantanti e gli ospiti sotto il palco proprio come avveniva negli anni '60/'70/'80.    

17/08/2021 11:17
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.