Ussita

Ricostruzione, Ussita ha la sua ordinanza speciale: 18 milioni per opere importanti ed economia

Ricostruzione, Ussita ha la sua ordinanza speciale: 18 milioni per opere importanti ed economia

Ordinanza speciale per Ussita: arrivano 18 milioni per opere importanti ed economia. "Oggi è un grande giorno. Dopo mesi di duro lavoro è stata raggiunta l'intesa sull'ordinanza per il nostro Comune: lo ha scritto ieri, sulla sua pagina Facebook,  il sindaco di Ussita, Silvia Bernardini, esprimendo soddisfazione per l'ordinanza speciale firmata del commissario straordinario alla ricostruzione post sisma, Giovanni Legnini. "Quasi 18 milioni per opere importanti per l'economia della nostra bella vallata, in primis il posto del cuore, il nostro cimitero, che sarà ricostruito dove è sempre stato", scrive ancora il sindaco. "Appena ci sarà trasmesso il testo licenziato dalla Cabina di coordinamento sisma, sarà organizzato un incontro pubblico per parlare dei contenuti di questo importante provvedimento. Passo dopo passo", si legge. Bernardini conclude ringraziando i vari livelli istituzionali e gli uffici tecnici che hanno permesso di arrivare all'ordinanza. "Ed ora al lavoro", conclude il sindaco.  

02/07/2021
Ussita, nel giorno del suo 86esimo compleanno si appella al Governo: "Ricostruite presto"

Ussita, nel giorno del suo 86esimo compleanno si appella al Governo: "Ricostruite presto"

“Sono nata a Vallestretta di Ussita il 22 giugno del 1935 e ci ho passato una vita intera, la mia gioventù, ho trovato il compagno della mia vita  mio marito Santino, abbiamo lavorato tanto, abbiamo due figli e una nipote splendidi, ma le soddisfazioni che mi ha dato questa terra sono impagabili. Il 10 e 11 giugno scorso ero qui da mia sorella, Franca e da suo marito Peppe, e ogni volta che ci riuniamo l'emozione è forte come anche la tristezza e il dispiacere vedere questi luoghi distrutti dal terremoto. La montagna, però, qui è bellissima ed è anche futuro nella speranza di rivedere questi paesi tornare belli come erano prima del 2016". Sono le parole di Maria Capuzi, originaria di Vallestretta di Ussita nel giorno del suo compleanno con un appello al governo e al Commissario Legnini : "Oggi è il mio compleanno compio 86 anni e voglio dedicare questa mia bella giornata romana  ai miei parenti e agli abitanti di Ussita e Visso con un appello a questo governo e al Commissario Legnini: non lasciate che queste terre si spopolano, ricostruite il più' presto possibile per un futuro di speranza, progresso e di vita normale".

22/06/2021
L'esperienza della fruizione forestale del parco al festival IT.A.CA

L'esperienza della fruizione forestale del parco al festival IT.A.CA

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini è tra gli enti patrocinanti di IT.A.CÀ, un festival che si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica in ottica di sostenibilità ed accessibilità. Il tema scelto per questa edizione è il “diritto di respirare”, e prevede una serie di incontri in presenza, ma con posti limitati, tra Ussita, Fiastra ed Arquata. “Una iniziativa importante ed utile” sottolinea il presidente Andrea Spaterna, “perché pone al centro degli incontri la questione di come implementare lo sviluppo del territorio in una logica rispettosa dell’ambiente. Il diritto di respirare alberga nei luoghi del Parco, per sua stessa natura, perché le foreste sono serbatoio di energie rigeneranti. Non a caso, tra gli argomenti che animeranno i vari dibattiti vi saranno anche quelli che ci vedranno direttamente coinvolti, come “La gestione forestale in Appennino” e “Turismo, bisogno di respirare e aree protette”. A questo proposito ricordo che, come Parco, abbiamo avviato l’individuazione di percorsi di immersione forestale, i cosiddetti bagni di foresta, che rappresentano una nuova frontiera nella fruizione del territorio, in un’ottica di benessere accessibile a tutti”. E proprio di questo si parlerà venerdì a Fiastra, nella suggestiva area dei ruderi del castello Magalotti, con inizio alle ore 15.30. Oltre al presidente del Parco, interverranno Paolo Zavarella, Medico chirurgo e Presidente dell’Associazione Italiana di Medicina Forestale e Carlo Alberto Graziani, Presidente del Gruppo di San Rossore. Per informazioni e prenotazioni (obbligatorie): chiamare il 0737 52185 oppure scrivere al alcina@libero.it. Il programma completo del festival è disponibile a questo link: https://www.facebook.com/108976764093242/posts/316934466630803/?d=n

08/06/2021
Ussita, perdono l'orientamento lungo il sentiero della Valle del Fargno: soccorsi due giovani

Ussita, perdono l'orientamento lungo il sentiero della Valle del Fargno: soccorsi due giovani

Escursionisti bloccati in un pendio: Interviene il soccorso alpino La stazione di Macerata è stata attivata, intorno alle 18 del pomeriggio odierno,  per un ragazzo ed un una ragazza veneti, di 29 e 34 anni, i quali durante un'escursione nella Valle del Fargno - territorio di Ussita -  smarrendo il sentiero  si sono trovati su dei balzi di roccia.  La ragazza, colta da panico, si è bloccata senza riuscire a proseguire. Sono partite due squadre di terra per il recupero dei due giovani. Una volta raggiunti, dopo aver accertato non necessitassero di cure mediche, sono stati riaccompagnati dal personale del soccorso alpino all'auto. Era presente ad attenderli la Croce Rossa di Camerino

05/06/2021
Cade in bici mentre scende dal rifugio del Fargno verso Ussita: ragazza soccorsa in eliambulanza

Cade in bici mentre scende dal rifugio del Fargno verso Ussita: ragazza soccorsa in eliambulanza

Brutta caduta con la mountain bike: una ragazza soccorsa in eliambulanza. È quanto avvenuto nella tarda mattinata odierna, attorno alle ore 13:30, lungo il sentiero a carrareccia che scende dal rifugio del Fargno (Monti Sibillini) verso Ussita. In compagnia della giovane, al momento dell'escursione, c'era anche un altro ciclista che ha immediatamente provveduto ad allertare i soccorsi dopo averle prestato le prime cure del caso. Ad intervenire è stata una squadra del Soccorso Alpino e Speleologico di Macerata assieme ai sanitari del 118. Per raggiungere il punto in cui la ragazza è caduta, a circa 1700 metri d'altezza, è stato anche necessario l'ausilio dell'eliambulanza Una volta soccorsa, la paziente - a seguito delle lesioni riportate - è stata immobilizzata per poi essere trasferita tramite Icaro all'ospedale di Macerata.   

02/06/2021
Ussita, il Rifugio Casali verso la riapertura nell'estate 2021: al via raccolta fondi per aiutare i giovani gestori

Ussita, il Rifugio Casali verso la riapertura nell'estate 2021: al via raccolta fondi per aiutare i giovani gestori

Il Rifugio Casali è gestito dal 2016 da due ragazzi di Macerata che hanno in comune una grande passione: i Monti Sibillini. Questa passione li ha spinti a prendere la gestione del rifugio escursionistico di proprietà del Comune di Ussita, sito nella frazione Casali, proprio davanti alla parete nord del Monte Bove. Purtroppo, l'entusiasmo iniziale si è spento in poco tempo, a causa degli eventi sismici del 2016 che hanno reso inaccessibile il rifugio e il borgo di Casali, con l’unica strada percorribile gravemente franata. Grazie al Comune di Ussita e alla Protezione Civile, il Rifugio dovrebbe ritornare accessibile per l'estate 2021: il ristorante del rifugio infatti è stato delocalizzato in stanze prefabbricate, mentre i lavori proseguono per allestire anche la zona notte. Luca e Claudio, i giovani gestori del rifugio hanno bisogno di ripartire, non solo perché il rifugio rappresenta il loro lavoro, ma anche per dare un forte segnale di ripresa sia ai turisti, offrendo l'opportunità di pernottare o fermarsi per periodi prolungati, sia alla comunità locale che non ha più un punto d'appoggio. Per questo motivo è stata lanciata una raccolta fondi su Produzioni dal Basso - prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation - per sostenere il Rifugio Casali ma anche un territorio intero a ritrovare speranza e vitalità. Sono già partiti da qualche mese i lavori di movimentazione terra e sono state eseguite le opere di urbanizzazione, e in queste settimane verranno posati i moduli e allestiti con tutto il necessario. Per tutti coloro che decideranno di sostenere l'iniziativa sono previste delle ricompense in base alla cifra donata. Inoltre, per fare in modo che il sostegno dei donatori diventi anche una testimonianza duratura di ripartenza e resilienza, i gestori hanno deciso di decorare una parete del nuovo rifugio con i selfie di tutti i sostenitori. Per maggiori informazioni: https://www.produzionidalbasso.com/project/iorestoacasali-sostieni-la-delocalizzazione-del-rifugio-casali/

01/06/2021
Ussita, l'incendio di una catasta di legna minaccia il bosco: i vigili del fuoco evitano il peggio

Ussita, l'incendio di una catasta di legna minaccia il bosco: i vigili del fuoco evitano il peggio

I Vigili del fuoco sono intervenuti nel primo pomeriggio di oggi in località Monte Bove, nel comune di Ussita, per l'incendio di una catasta di legna originato da un fuoco che era stato acceso per bruciare le potature e del quale era stato perso il controllo. Le squadre di Visso e Camerino sono intervenute con due autobotti, e hanno provveduto a spegnere le fiamme evitando così il propagarsi dell’incendio, nel bosco adiacente.  I pompieri hanno provveduto, inoltre, alla messa in sicurezza dell’area dell’intervento.

24/05/2021
Il passaggio del Giro d'Italia illumina i luoghi feriti dal sisma dell'entroterra maceratese (FOTO)

Il passaggio del Giro d'Italia illumina i luoghi feriti dal sisma dell'entroterra maceratese (FOTO)

Le luci dei riflettori mediatici tornano ad accendersi sui territori feriti dal sisma, grazie al passaggio del Giro D'Italia. La carovana rosa questa mattina ha attraversato otto comuni maceratesi inseriti nel cratere (Castelraimondo, Camerino, Muccia, Pieve Torina, Valfornace, Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera nds), colorando la plumbea giornata odierna (non sono mancati gli scrosci di pioggia) con il transito delle variopinte maglie dei ciclisti.  Al momento della salita verso Camerino, dal gruppo della maglia rosa indossata dall'italiano Alessandro De Marchi (della Israel Start-Up Nation), si erano sganciati in sei: Gino Mäder e Matej Mohoric della Bahrain-Victorious, Simon Guglielmi della Groupama-FDJ, Dario Cataldo della Movistar, Jimmy Janssens della Alpecin-Fenix e Simone Ravanelli della Androni-Sidermec.  L'arrivo di tappa è previsto ad Ascoli Piceno, in particolare a Colle San Giacomo, dopo 160 chilometri. Alla partenza di stamattina, a Genga, era presente anche il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.  "Oggi è una giornata importante all’insegna dello sport, del divertimento e della spensieratezza. Festeggiamo il 50° anniversario di una scoperta straordinaria per la nostra regione che ha fatto di Genga uno dei luoghi di riferimento delle bellezze italiane e lo facciamo in concomitanza con la tappa del Giro d’Italia - ha affermato il governatore -. Seguendo la carovana dei “girini” i riflettori saranno puntati sul nostro entroterra e sulle sue numerose attrattive: dai paesaggi alla cultura, dall’enogastronomia alle manifatture degli artigiani. Le Marche sono l’unica regione che si declina al plurale ma sono anche sinonimo unico di bellezza e grande capacità di accoglienza”. Ecco come gli agenti della Polizia Stradale hanno monitarato il passaggio dei corridori lungo le strade del Giro: clicca qui per leggere il nostro reportage  (Foto di Guido Picchio e Lucia Montecchiari) 

13/05/2021
Ussita, al ristorante ad ogni 'costo': quattro ragazzi sfidano il freddo e cenano all'aperto

Ussita, al ristorante ad ogni 'costo': quattro ragazzi sfidano il freddo e cenano all'aperto

"La prima sera che abbiamo riaperto ho avuto quattro ragazzi che hanno voluto provare l'emozione di mangiare al freddo, dopo di loro ovviamente non si è visto più nessuno": lo racconta all'ANSA, Rossella Orazi, la titolare del ristorante "La Mezza Luna Club" di Ussita dopo aver riaperto il suo locale a seguito delle nuove disposizioni anti Covid emanate dal governo: "Non comprendo quale sia stata la logica che ha mosso questa decisione di far mangiare solo all'esterno - dice la ristoratrice -.Per altro nel mio locale si viene a creare un autentico paradosso". "Avendo stipulato un contratto di mensa con gli operai impegnati nella ricostruzione post sisma del paese - spiega - loro, i lavoratori, possono consumare i pasti, pranzi e cene, tranquillamente all'interno del ristorante, tutti gli altri fuori. E' semplicemente incredibile". "Lunedì sera - racconta ancora Orazi - quando sono arrivati i 4 giovani, tutti con giacche a vento pesanti e cappelli per resistere alle basse temperature di questi giorni, mi sono ritrovata con 10 operai all'interno e al caldo e questi 4 giovani sul tavolo all'aperto, nel giardinetto del ristorante". "Per fortuna - sottolinea - i 4 ragazzi erano venuti per mangiare all'esterno per vivere una serata da ricordare - conclude Orazi - così non può certo andare avanti e la cosa che mi fa più rabbia è che nella precedente zona gialla si potevano consumare i pasti all'interno, adesso che, invece, è pure in corso la vaccinazione, ci costringono a tenere i nostri clienti al freddo e qui ad Ussita fa ancora davvero tanto freddo". (Fonte: Ansa)

28/04/2021
Nasce "Sibillana": da Ussita a Montefortino la filiera tutta al femminile della razza sopravissana

Nasce "Sibillana": da Ussita a Montefortino la filiera tutta al femminile della razza sopravissana

"In agricoltura le donne sono il perno delle aziende a conduzione familiare, che rappresentano il 76% di tutte le aziende agricole europee e hanno il merito di contribuire a mantenere una popolazione attiva e dinamica evitandone lo spopolamento. Sono davvero tantissime in tutta Europa le donne che producono e trasformano gli alimenti della terra e promuovono attività supplementari che, andando oltre la produzione agricola, apportano un importante valore aggiunto alla vita economica e sociale delle aree rurali. Nella regione Marche, in particolare, esiste una filiera produttiva di un tipo di lana, apprezzata in tutto il mondo, la sopravissana''.    Silvia Bonomi che insieme al compagno ha scommesso sulla pecora sopravissana dei Sibillini, antica razza ovina autoctona con un tipo di lana molto pregiata, presenta il progetto 'dalla pecora al gomitolo' che da Ussita arriva, passando per i Sibillini, fino a Montefortino. ''Invertendo coraggiosamente la rotta, nel cuore della doppia zona rossa dell'Italia Centrale (terremoto e pandemia), tanti piccoli allevatori di pecore - spiega Silvia Bonomi - si uniscono tra loro costruendo da zero un'intera filiera 'dalla pecora al gomitolo'. E la nostra filiera, ne siamo orgogliose, e' tutta al femminile''.  Complice l'altissima qualità del lanaggio delle pecore Sopravissane, le sole allevate dalla filiera ("razza Italiana tipicamente Marchigiana a derivazione merinos", tiene a precisare Silvia Bonomi).  ''Queste piccole imprenditrici hanno eletto capofila del progetto l'Azienda Agricola La Rocca, che senza alcun aiuto pubblico - ricorda la Bonomi -  riesce tenacemente e con le sue sole forze ad avviare un intero laboratorio di lavorazione della lana a Montefortino, nelle Marche''. Nasce così la pregiata lana a marchio Sibillana: ''Simbolo di un'intera filiera che nasce, resiste, si reinventa con uno sguardo rivolto  coraggiosamente al passato, alla lana e ad i suoi antichi utilizzi, mentre il mondo è ormai un divenire di continue emergenze. L'Italia Agricola che resiste, che ha voglia di mettersi in gioco pur con le sole proprie forze, esiste ancora, fortunatamente, e la nostra la sopravissana, orgoglio marchigiano in tutto il mondo per la sua pregiata lana, ne e' l'esempio''.

23/04/2021
Anche a Ussita arriva la raccolta differenziata "Porta a Porta": servizio attivo dal primo marzo

Anche a Ussita arriva la raccolta differenziata "Porta a Porta": servizio attivo dal primo marzo

Il Comune di Ussita si conferma una realtà attenta alla tutela ed alla preservazione dell’ambiente. L’Amministrazione comunale, infatti, ribadisce il proprio impegno verso l'ambiente con particolare attenzione alla raccolta differenziata dei rifiuti che diventano risorsa attraverso il recupero, il riciclo ed il riutilizzo con l’attivazione del servizio “Porta a Porta”. La raccolta differenziata a Ussita, negli ultimi mesi, si è attestata su percentuali intorno al 61% e per un salto di qualità nella gestione dei rifiuti è necessario l’impegno e la partecipazione di tutte le famiglie e di tutte le utenze non domestiche, attraverso semplici ed agevoli gesti quotidiani. Gli obiettivi primari sono: aumentare la raccolta differenziata, migliorare ulteriormente l’immagine e la vivibilità di tutto il territorio comunale. A partire da lunedì 1 marzo 2021, sarà attivato il sistema di raccolta differenziata Porta a Porta tutto il territorio comunale di Ussita, già collaudato da anni in altre realtà. Il nuovo servizio prevede che, in questa prima fase, ognuno collochi all’interno degli appositi contenitori stradali, nei giorni e negli orari fissati, il sacchetto dei rifiuti, corrispondente, per qualità, a quello indicato nel programma stabilito – il lunedì il sacchetto giallo con i rifiuti indifferenziati non riciclabili, il martedì e sabato il sacchetto blu con il multimateriale leggero e il giovedì il sacchetto con la carta e cartone. Tutti i sacchetti vanno conferiti nei cassonetti stradali entro le ore 9:00. "Anche per le utenze non domestiche - ristoranti, bar, esercizi commerciali, aziende produttive, artigiani, studi professionali - il servizio sarà calibrato sulla base delle concrete esigenze da ciascuno espresse, attraverso concordate ed adeguate modalità di conferimento (della carta, della plastica, del cartone e degli imballaggi in genere) presso il proprio esercizio commerciale o la propria azienda, sempre secondo un calendario prestabilito" precisa Cosmari. Si invitano tutte le famiglie e le utenze residenti a Ussita a rivolgersi all’EcoSportello nella mattinata di sabato 20 febbraio, dalle ore 9 alle ore 13 alla sala consiliare e nel pomeriggio di venerdì 26 febbraio, dalle ore 15 alle ore 18 per ritirare gratuitamente il kit necessario per la raccolta differenziata e il materiale informativo (mastellino per l’organico, 1 rotolo sacchetti Gialli RSU, 2 rotoli sacchetti Blu Multimateriale, 10 sacchetti Carta e Cartone, 2 rotoli Sacchetti Biodegradabili e Compostabili per Organico). "Con il prezioso aiuto di tutti - sottolinea il Sindaco Silvia Bernardini -  attraverso semplici gesti, attenti e rispettosi delle regole, il nostro Comune ed il Cosmari, realizzeranno un nuovo sistema di raccolta nel segno di un modello di sviluppo sostenibile che si prefigge di recuperare le risorse anziché continuare a disperderle. Il nostro obiettivo è di preservare l’ambiente per le generazioni future. Insieme possiamo raggiungere obiettivi ambiziosi che renderanno sicuramente migliore la qualità della nostra vita ed il decoro della nostra bella Ussita". Per ogni informazione si può contattare, gratuitamente, il numero verde del Cosmari, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 14 e il sabato dalle ore 8 alle ore 12.   

18/02/2021
Ussita, cade mentre scia fuoripista: giovane recuperato dopo 7 ore di intervento

Ussita, cade mentre scia fuoripista: giovane recuperato dopo 7 ore di intervento

Scia fuoripista e cade: dopo quasi sette ore di intervento, viene recuperato e trasferito in ospedale. L'incidente è avvenuto attorno alle 12:30 della mattinata odierna, quando un trentenne di Montottone, comune in provincia di Fermo, ha allertato la stazione del Soccorso Alpino di Macerata per essersi procurato una probabile frattura della tibia mentre praticava "freeride" (sciava fuoripista ndr) lungo il canale del Bicco, nel territorio comunale di Ussita.  Sul posto erano già presenti alcuni tecnici in guardia attiva, che hanno raggiunto rapidamente l'infortunato. In collegamento costante con la centrale 118 di Macerata si è provato anche a far intervenire l'elisoccorso, impossibilitato ad effettuare la missione a causa dei forti venti. Nel frattempo una squadra di terra è intervenuta a supporto per stabilizzare ed imbarellare l'infortunato. Procedendo con una serie di calate assicurate lungo il pendio, il ferito è stato condotto fino alla più vicina pista, dove ad attenderli c’era un gatto delle nevi messo a disposizione dal "comprensorio sciistico", che ha portato a valle e consegnato l'uomo all'ambulanza. L'intervento di recupero del giovane si è rivelato molto complesso, prolungandosi per quasi sette ore, fino alle 19:30. Si sono rese necessarie ben undici manovre di calata della barella, per raggiungere il canalone dove il ragazzo era caduto con gli sci.   Sul posto anche i Carabinieri Forestali della stazione di Ussita che hanno collaborato attivamente, portando con le loro motoslitte in quota il materiale necessario ed i soccorritori della stazione di Macerata del Soccorso Alpino.     

30/01/2021
Ussita, il consigliere Rossi al Sindaco: "stalle e ricoveri per animali vanno ripristinati"

Ussita, il consigliere Rossi al Sindaco: "stalle e ricoveri per animali vanno ripristinati"

Con una mozione presentata nei giorni scorsi, il consigliere di minoranza al comune di Ussita, Guido Rossi, chiede al sindaco e alla giunta di ripristinare con ordinanze specifiche le stalle e i ricoveri di animali chiusi dopo le disposizioni sia dell'ex sindaco Marco Rinaldi che del Commissario Prefettizio, Mauro Passerotti nominato dal governo dopo le dimissioni di Rinaldi. "Due allevatori di Ussita - si legge nella mozione di Guido Rossi - hanno scritto alla S.V. e a tutti i consiglieri comunali, facendo presente l' attuale situazione delle proprie aziende agricole e la volontà assoluta di espansione delle stesse chiedendo la possibilità di avere assegnati spazi all'interno delle stalle o presso altre strutture dove ricoverare i propri animali, così come concesso ad altri allevatori locali, avere in conclusione quelle opportunità di sviluppo aziendale alle quali aspirano".  Rossi ricorda alla sindaca Bernardini come nelle linee programmatiche del Suo Programma, c'è anche scritto: "Accelerazione della ricostruzione e riattivazione delle strutture pubbliche, cercando laddove possibile la pronta riapertura". "Si auspica - fa presente Rossi - che i giovani possano avere un futuro qui dove sono nati e cresciuti ma, per poter offrire loro un'occupazione è assolutamente fondamentale rilanciare lo sviluppo economico e turistico, per creare nuove opportunità di impiego perchè la naturale proiezione del territorio Ussitano è proiettata verso l'agricoltura, allevamento e turismo". Tenuto conto che  L'Ordinanza del Commissario del Governo per la ricostruzione n.5 del 28.11.20 recita tra l'altro: ”Gli impianti e le attrezzature temporanee delocalizzate a norma della presente ordinanza sono finalizzati esclusivamente ad assicurare il ricovero degli animali e la continuità produttiva per il tempo strettamente necessario alla realizzazione dei lavori di ripristino con miglioramento sismico o ricostruzione", Rossi, nella mozione impegna il sindaco e la Giunta "ad attuare quanto necessario affinché vengano fatte le ulteriori verifiche   tecniche qualora comunque sussistano condizioni di sicurezza; mettere in atto tutte le opere, risorse o iniziative istituzionali necessarie per rendere agibili gli  immobili tuttora dichiarati uno “Non Utilizzabile” e l'altro “Inagibile e inagibile per rischio esterno”, da eseguirsi in ottemperanza ai disposti di legge affinché una simile struttura così importante per l'economia del paese possa essere messa a disposizione degli  allevatori che ne fanno o faranno richiesta nelle condizioni previste dalla legge".  

30/01/2021
Taglio del nastro per il bar 'Cotto e Mangiato': "Frontignano torna a vivere"

Taglio del nastro per il bar 'Cotto e Mangiato': "Frontignano torna a vivere"

Inaugurata la struttura delocalizzata del bar pizzeria dell’Hotel Felycita di Ussita. “Alle attività di verifica della ricostruzione si è anche reso necessario monitorare la branca attinente a quella della rivitalizzazione economica delle aree terremotate perché questi due obiettivi devono andare di pari passo, al fine di evitare che il territorio si spopoli. Per favorire questo obiettivo ci siamo prodigati sotto la spinta del Commissario Legnini affinché ci fosse nella legge di bilancio 2021 uno stanziamento pari a 160 Milioni di euro per il Contratto istituzionale di sviluppo. Una misura che unitamente alla porzione di Recovery plan dedicata alle aree del sisma mira al recupero di competitività economica delle montagne e dei borghi colpiti dal terremoto, come il comune di Ussita che ha sempre avuto una economia turistica di grande tradizione e potenzialità. Questi Comuni devono essere aiutati perché la crisi economica prima e la crisi prodotta dal sisma dopo, si trovano in una condizione di non poter autonomamente curare i propri comprensori. Il fatto che si sia curata la delocalizzazione di strutture ricettive turistiche come quella che abbiamo inaugurato è sicuramente un segnale di incoraggiamento che va nel verso giusto”. Così l’assessore regionale alla Ricostruzione Guido Castelli accompagnato dal direttore dell’Usr Stefano Babini e accolto dalla sindaca di Ussita, Silvia Bernardini, ha inaugurato la struttura delocalizzata del bar pizzeria dell’Hotel Felycita.“Oggi dopo tanto tempo – ha sottolineato Bernardini - Frontignano torna a vivere e vedere tanta grinta e gioia dei gestori di questa struttura delocalizzata ci fa ben sperare che Ussita torni ridente e bella come prima”. È di circa 105 mq l’area dove è stata posizionata la struttura temporanea situata a ridosso degli impianti sciistici. La Regione Marche ha provveduto a stanziare un apposito fondo per l’acquisto di moduli prefabbricati composti da elementi in acciaio e da pannelli in lamiera zincata preverniciata e per la realizzazione delle relative opere di urbanizzazione. Con la buona notizia dello studio condotto dall’Università di Camerino che non ci sono faglie attive e capaci sul territorio sarà possibile riprendere la ricostruzione. 

17/01/2021
Screening di massa al Lanciano Forum, 19 Comuni coinvolti: già oltre 700 le chiamate ricevute

Screening di massa al Lanciano Forum, 19 Comuni coinvolti: già oltre 700 le chiamate ricevute

Dopo aver raddoppiato le linee telefoniche a disposizione dei cittadini  per effettuare le prenotazioni, e aver ricevuto oltre 700 chiamate in un solo giorno, gli Ambiti Territoriali Sociali 17 e 18 sono pronti a dare il via all’operazione “Marche Sicure” per sottoporre a test la popolazione contro il Covid al Lanciano Forum di Castelraimondo. Lo screening di massa interesserà ben 19 Comuni del Maceratese: Bolognola, Camerino, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Esanatoglia, Fiastra, Fiuminata, Gagliole, Matelica, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, Pioraco, San Severino Marche, Sefro, Serravalle di Chienti, Ussita, Valfornace e Visso. Complessivamente la macchina organizzativa sarà capace di effettuare oltre 7mila tamponi, circa 200 ogni ora, dalle ore 8 alle ore 20 dei giorni 24-25-26 gennaio. Quattro gli operatori dedicati a ricevere le prenotazioni su altrettante linee telefoniche, due di linea fissa e due mobile, che rispondono ai seguenti numeri: 0733/637245 interno 1; 0733/639427 interno 2; 3516888191 e 3701538124.  Inoltre, per tutti, c’è anche la possibilità di prenotare direttamente dal sito www.ats17.it tramite una email da inviare allo staff dell’Ats17 che poi ricontatterà gli interessati. Per effettuare il tampone bisognerà poi presentarsi, nell’orario prenotato, muniti di Tessera Sanitaria originale e modulo di Richiesta test antigenico rapido compilato, disponibile al sito www.ats17.it Saranno escluse: persone che hanno sintomi che indichino un'infezione da Covid-19: in questo caso, si deve contattare il Medico di Assistenza primaria (MMG/PLS); persone attualmente in malattia per qualsiasi altro motivo; persone in stato di isolamento per test positivo negli ultimi tre mesi; persone attualmente in quarantena o in isolamento fiduciario; persone che hanno già prenotato l'esecuzione di un tampone molecolare; persone che eseguono regolarmente il test per motivi professionali; minori sotto i 6 anni; persone ricoverate nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, comprese le case di riposo pubbliche e private. Il tempo complessivo richiesto è di circa 30 minuti. Dopo l'effettuazione del tampone, si dovrà restare in auto nei successivi 20 minuti. Se non si riceveranno comunicazioni telefoniche il test avrà dato esito negativo e si potrà successivamente controllare in piattaforma con le credenziali inviate in Sms.   Solo in caso di esito positivo si verrà richiamati telefonicamente nei 20 minuti successivi al test e invitati a rientrare per effettuare seduta stante anche il tampone molecolare.  

13/01/2021
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.