Ussita

"A Ussita ci saranno più lavoratori edili che residenti": Nando Mochi dice no ai container per gli operai

"A Ussita ci saranno più lavoratori edili che residenti": Nando Mochi dice no ai container per gli operai

"Ad Ussita nel Consiglio Comunale dello scorso 24 Giugno, è stata approvata la trasformazione dell'area Ex Eca Tempori dove sorgevano l'edificio Ex Eca e la chiesa di S.Ercolano del XIII secolo, entrambi oggetto di finanziamento per la relativa ricostruzione. Questo progetto dell'Amministrazione del Comune di Ussita, inizia la sua progettazione nel marzo del 2021 e viene annunciato durante il Consiglio Comunale del 24 giugno, prendendo alla sprovvista la gente del luogo (soprattutto quella di Tempori), del tutto ignara di questo piano di forte impatto sociale che avrebbe immesso nel borgo un numero di lavoratori edili superiore al numero dei residenti".  A dichiararlo è Nando Mochi, un cittadino che abita proprio nella frazione di Tempori e portavoce di "Torniamoaussita", pagina Facebook che dal febbraio 2017 denuncia tutto quello che ha ostacolato e ostacola la ricostruzione post-sisma.  "Quest'area dovrebbe venire dotata (secondo i piani dell'Amministrazione Comunale e Commissario Legnini) di tutte le opere di urbanizzazione necessarie per una grande base di container dove saranno alloggiati circa 200/300 operai edili per la ricostruzione di Ussita e dei comuni limitrofi - spiega Mochi -. Dopo aver lanciato una petizione online 'Tempori ex Eca No ai Container', per fermare la costruzione del campo per lavoratori edili a ridosso della frazione di Tempori, abbiamo atteso invano le risposte alle nostre lettere indirizzate sia alla Sindaca Silvia Bernardini che al Commissario Legnini. Le nostre ragioni sono state ignorate".  "Siamo preoccupati in quanto, incredibilmente con tempi strettissimi, entro il 15 Settembre 2021 l'Amministrazione Comunale potrebbe nominare l'impresa per iniziare i lavori e quindi diventerebbe difficile fermare e modificare il corso degli eventi che porterebbero a termine il progetto del campo container voluto dall'Amministrazione Comunale con l'accordo del Commissario Legnini" ammette Nando Mochi.  Il portavoce di "Torniamoaussita" rivolge, in questo senso, quattro domande all'amministrazione comunale:  1) Perchè il Comune di Ussita (crediamo l'unico del cratere) ha accettato di ospitare 200/250 operai edili per lavorare sui futuri cantieri non solo di Ussita ma anche dei comuni limitrofi?  2) Perchè utilizzare questa bellissima area a ridosso della frazione di Tempori, privandola anche dei parcheggi su questo lato della frazione, senza considerare altre zone di Ussita per esempio Frontignano dove, persino l'Associazione dei residenti di Frontignano, si è espressa a favore di tale misura e dove esistono ampie aree inutilizzate non vicine ai residenti, senza edifici finanziabili da ricostruire nè Chiese del XIII secolo anche esse da ricostruire?  3) Perchè anzichè scegliere Ussita per un campo base container, anche per la ricostruzione di altri Comuni limitrofi, non si sono voluti utilizzare gli oltre 100 posti della base di Pieve Torina dove esiste un campo pronto, seminuovo, inutilizzato e dotato di tutto da mensa, sala TV, lavanderia, docce e bagni e diverse stanze per vari usi? ("Per servire i Comuni limitrofi, la posizione di Pieve Torina sarebbe di sicuro più adatta logisticamente. Ussita si trova alla fine della vallata e certamente non è in una posizione centrale" puntualizza Mochi)  4) Perche' questa Amministrazione non ha preso in considerazione altre possibilità meno invasive così come fatto dal Comune di Castelsantangelo, per la sua ricostruzione e non certo per i paesi limitrofi, di avere un piccolo spazio per ogni frazione adibito ad eventuali posizionamenti container con le relative spese di posizionamento a carico delle imprese? "Al momento a Ussita lavorano circa 90 operai - evidenzia ancora Mochi -, che non hanno avuto bisogno di nessun aiuto dalle istituzioni perchè in edilizia provvedere a spostamenti e trovare soluzioni per gestire i cantieri è cosa di tutti i giorni che le imprese sanno far bene".  Nando Mochi commenta anche l'ordinanza speciale 16 riguardante la ricostruzione di Ussita: "Per certi aspetti è stata ed è molto audace perchè, con tutte le deroghe concesse, ha messo in grado l'amministrazione comunale di far praticamente tutto senza la partecipazione della popolazione, nemmeno nei casi in sui sarebbe stato opportuno richiederla come in questo". "Cosa chiediamo? Un incontro con l'amministrazione comunale per ottenere risposte a queste domande e lo si potrebbe fare con un incontro con i rappresentanti dei vari comitati e rappresentanti/portavoce della popolazione. Un'Amministrazione e la sua Sindaca debbono alla gente di Ussita e soprattutto quella di Tempori una spiegazione che possa difendere il suo operato in un progetto che, come modulato, non sarà facile da giustificare" conclude Nando Mochi. 

13/09/2021 17:00
Ussita, era scomparso quasi due mesi fa: rinvenuto il corpo senza vita di Alfio Farabbi

Ussita, era scomparso quasi due mesi fa: rinvenuto il corpo senza vita di Alfio Farabbi

Rinvenuto un cadavere in montagna: si tratta di Alfio Farabbi, l'uomo scomparso quasi due mesi fa da Villa Pitignano, in provincia di Perugia. Era il 13 luglio scorso quando di lui si persero le tracce, mentre la sua auto venne ritrovata a Pintura di Bolognola (Leggi qui).  LA MATTINATA - Le squadre dei vigili del fuoco di Pescara e Macerata sono intervenute in una zona impervia che si trova a metà strada tra il rifugio del Fargno e Pizzo tre Vescovi sul versante nord della montagna, nel territorio comunale di Ussita. A lanciare l'allarme era stato un escursionista, intorno alle 8:30 di questa mattina.  L'identità della salma è stata confermata nel primo pomeriggio, a seguito del riconoscimento del cadavere da parte del fratello. Il corpo, in avanzato stato di decomposizione, si trovava avvolto in un sacco a pelo ed è stato recuperato intorno alle 14 dalle squadre dei Vigili del Fuoco e del Soccorso Alpino. In seguito è stato trasportato all'obitorio di Camerino. Vista la zona poco accessibile, per le operazioni di recupero sono state necessarie diverse ore. Le cause del decesso sono in fase di accertamento anche se pare certo che si tratti di un atto volontario. La salma è stata ricomposta dagli operatori del Soccorso Alpino della stazione di Macerata e successivamente vericellata a bordo dell'elicottero dei Vigili del Fuoco per essere messa a disposizione dell'autorità giudiziaria per l'esame autoptico.     

05/09/2021 09:50
Ussita, giovane ciclista di 17 anni cade al Bike Park: trasferito in ospedale

Ussita, giovane ciclista di 17 anni cade al Bike Park: trasferito in ospedale

Scivola con la mountain bike presso il Bike Park di Frontignano, nel territorio comunale di Ussita:  recuperato giovane ciclista, che - a seguito della caduta - ha rimediato un infortunio. Le operazioni hanno coinvolto gli uomini della squadra di terra del Soccorso Alpino della stazione di Macerata, il personale medico del 118 di Visso con medicalizzata di Camerino e i carabinieri.  Il ciclista, L.R. di 17 anni e residente a Macerata, una volta raggiunto è stato trasportato all'ospedale di Camerino: ha riportato fratture alle costole.     

01/08/2021 14:32
Lavori di asfaltatura lungo la provinciale “Ussita–Casali”: si va verso il completamento

Lavori di asfaltatura lungo la provinciale “Ussita–Casali”: si va verso il completamento

Si sta lavorando in questi giorni sulla provinciale 66/2 “Ussita–Casali”. “Come abbiamo annunciato durante la riapertura della strada di sabato 10 luglio - dichiara il Presidente della Provincia Antonio Pettinari -  da lunedì 19 luglio è iniziato l’intervento di sistemazione dell’asfalto con la nuova pavimentazione. I lavori vengono eseguiti, come preannunciato, con il senso unico alternato per evitare ulteriori chiusure. Terminato l’intervento di asfaltatura saranno installate le barriere di sicurezza. Ho espresso già nei giorni scorsi la mia amarezza - prosegue Pettinari - per il troppo tempo che è passato prima di ripristinare la viabilità, interrotta a seguito del sisma del 2016. L’iter dell’appalto dei lavori è stato lunghissimo, frutto anche delle normative non adeguate alla situazione emergenziale creata dal terremoto; ma pure l’esecuzione dei lavori ha subito rallentamenti. Finalmente gli appassionati della montagna e i turisti potranno godere della ritrovata accessibilità di questi luoghi meravigliosi”.

21/07/2021 18:49
Ricostruzione post-sisma: ordinanze speciali per Castelsantangelo, Pieve Torina e Ussita

Ricostruzione post-sisma: ordinanze speciali per Castelsantangelo, Pieve Torina e Ussita

Sono state firmate oggi, e diventano immediatamente esecutive, undici nuove Ordinanze Speciali in deroga del Commissario Straordinario sisma 2016, Giovanni Legnini, per la ricostruzione dei centri storici e dei borghi più danneggiati dal terremoto di cinque anni fa in Appennino. Le Ordinanze, che consentono la realizzazione delle opere pubbliche urgenti e indispensabili per la ricostruzione privata utilizzando deroghe alla normativa per abbreviare i tempi di costruzione, riguardano la ricostruzione di Arquata del Tronto (Ap), Accumoli (Ri), Campotosto (Aq), Cascia, Preci, Norcia e la sua frazione di Castelluccio (Pg), Castelsantangelo sul Nera, Ussita e Pieve Torina (Mc) e le scuole di Montegiorgio (Fm). Con questi provvedimenti si prevedono nell’insieme circa 100 interventi, per ciascuno dei quali si indicano e si motivano le deroghe alle norme di carattere generale che si utilizzeranno per l’esecuzione. Le nuove opere comportano un impegno di spesa di 237 milioni di euro, di cui quasi 150 aggiuntivi, a valere sui fondi del Commissario per la ricostruzione pubblica. Grazie alla corsia veloce delle deroghe, per gran parte di questi interventi che risultano propedeutici alla ricostruzione privata, si prevedono tempi di consegna molto più brevi. Le nuove Ordinanze introducono alcune innovazioni importanti. Ad Arquata e Castelluccio, ad esempio, si procederà direttamente a una ricostruzione pubblica dei centri storici, quindi delle abitazioni private, ed è la prima volta che viene applicato questo metodo. Le modalità saranno disciplinate con una nuova Ordinanza, dopo il pronunciamento dei Consigli Comunali e l’adesione dei proprietari privati. In altri casi, come per Pieve Torina e la stessa Arquata, sono stati identificati gli interventi da eseguire in una fase successiva, finanziandone intanto la progettazione. Vengono definiti, infine, nuovi meccanismi che consentono la demolizione pubblica degli edifici privati inagibili che interferiscono con la ricostruzione o in caso di inerzia dei proprietari. Quelle firmate ieri si aggiungono alle alte nove Ordinanze Speciali firmate nelle scorse settimane dal Commissario Legnini, quelle per Amatrice (Ri), Camerino (Mc), la sua Università, per la Basilica di Norcia (Pg), le scuole di Ascoli, Teramo e San Ginesio (Mc), per gli edifici ATER della provincia di Teramo e per il comune di Valfornace (Mc). Nel complesso le venti Ordinanze Speciali dispongono oltre 220 interventi, per una spesa complessiva di 514 milioni di euro, 259 dei quali aggiuntivi. “Con le venti Ordinanze prende corpo la strategia della ricostruzione dei centri storici più colpiti dal sisma, fin qui sostanzialmente paralizzata a causa delle grandi difficoltà progettuali e organizzative, determinate dall’elevatissimo grado di distruzione, ma anche dalla debolezza degli apparati pubblici. In questo modello sarà centrale il ruolo dei sub commissari Fulvio Soccodato e Gianluca Loffredo, e degli Uffici Speciali delle quattro regioni, che assumono la nuova funzione di soggetti attuatori degli interventi pubblici, d’intesa con i Comuni. Nelle prossime settimane – ha concluso Legnini – sarà approvato un nuovo pacchetto di Ordinanze in deroga per un altro gruppo dei Comuni che hanno avuto i maggiori danni”. Le Ordinanze Castelsantangelo sul Nera – Prevede la realizzazione delle opere di urbanizzazione del capoluogo e di alcune frazioni del Comune, che sta avviando la ricostruzione sulla base dei Piani Attuativi, alcune norme per favorire le demolizioni e la rimozione delle macerie, la demolizione e la ricostruzione del palazzo comunale e la delocalizzazione di una casa di riposo, oltre al ripristino delle antiche mura urbiche. Gli interventi inquadrati nell’Ordinanza impegnano una spesa di 29,4 milioni di euro Pieve Torina – Anche qui, per la ricostruzione delle abitazioni private del centro storico, viene previsto un coordinamento pubblico, oltre alla realizzazione dei sottoservizi del capoluogo, alla ricostruzione della ex scuola media, di un centro sportivo, del Teatro comunale, nonché la messa in sicurezza dei dissesti sulle sponde fluviali. Per una parte di quest’ultimo intervento, come di altri, da effettuare in una seconda fase, viene intanto finanziata la progettazione. Le opere finanziate ammontano a 17,9 milioni di euro, 16,9 dei quali aggiuntivi. Ussita - Gli interventi previsti ammontano a 20 milioni di euro, 15 dei quali aggiuntivi, e riguardano il recupero e restauro del Cimitero monumentale di Castelmurato, il ripristino delle condutture dell’acqua alle centrali idroelettriche, lo spostamento di alcune cabine di trasformazione, la ricostruzione della caserma e del palazzo comunale, l’allestimento di un’area destinata a ospitare le maestranze addette alla ricostruzione. Tra le opere finanziate anche il recupero di due rifugi in alta quota, la realizzazione dei sottoservizi e muri di sostegno in alcune frazioni.    

16/07/2021 12:31
"Fiorita di Castelluccio" in bus: ecco i servizi per il weekend

"Fiorita di Castelluccio" in bus: ecco i servizi per il weekend

“Nel weekend del 10-11 luglio 2021 per favorire l’accesso dei visitatori al Parco Nazionale dei Monti Sibillini e godere della 'Fiorita di Castelluccio', mantenendo una condizione di sicurezza nel rispetto anche delle recenti indicazioni e chiusure stradali, è stato attivato un servizio di bus turistico per raggiungere la piana grande di Castelluccio di Norcia dal versante marchigiano" (in tali giorni il traffico agli autoveicoli è interdetto con Ordinanza della Provincia di Perugia n. 150 dal 30/06/2021). Lo comunica la Contram in una nota. “I bus turistici per la 'Fiorita di Castelluccio' sono stati programmati anche su indicazione dei Comuni di Visso e Ussita con il supporto organizzativo di Esitur Viaggi Tour Operator e tecnico di Contram s.p.a. . Il servizio prevede più partenze durante il giorno sia da Ussita che da Visso. Per fruire dei bus è necessario prenotare il proprio viaggio, sia di andata che di ritorno sul sito marcheroma.contram.it. Sempre sul sito marcheroma.contram.it è possibile scegliere la fermata e l’orario disponibili. A Visso è possibile acquistare il viaggio presso la rivendita 'Mondo Sasha'. Non è possibile acquistare il viaggio a bordo. Il costo del viaggio è di 2 euro a corsa”.

08/07/2021 09:13
Riapre  la strada provinciale Ussita-Casali."Bella notizia, ma c'è voluto troppo tempo"

Riapre la strada provinciale Ussita-Casali."Bella notizia, ma c'è voluto troppo tempo"

Completati i lavori principali di ripristino post-sisma lungo la provinciale 66/2, che collega Ussita alla frazione di Casali. La strada, rimasta chiusa dal terremoto 2016, riaprirà al traffico veicolare il prossimo sabato 10 luglio. Gli interventi sono stati eseguiti e progettati dall’Anas, per conto della Protezione civile nazionale, soggetto attuatore. “Si tratta di una notizia molto positiva per il territorio”– spiega il presidente della Provincia Antonio Pettinari che questa mattina ha svolto l’ultimo sopralluogo - . “Nello stesso tempo sono amareggiato perché quasi cinque anni per la completa riapertura di un’arteria così importante per la zona sono davvero molti, già l’iter per l’appalto dei lavori era stato molto macchinoso”. In precedenza la provinciale era stata aperta, in maniera temporanea, soltanto nei weekend estivi del 2019 e 2020. “Ora – continua Pettinari – restano da eseguire alcuni interventi specifici di completamento che riguardano l’asfaltatura. Gli stessi saranno realizzati nel giro di una decina di giorni dall’apertura e, nel frattempo, lungo la strada sarà posto un limite di 30Km/h per il transito. I lavori saranno eseguiti con il senso unico alternato perciò non vi saranno ulteriori chiusure”.  Finalmente una nota positiva, dunque, per il territorio ussitano così martoriato dal sisma. La zona di Casali potrà essere nuovamente meta di appassionati di montagna e non solo, che vorranno godere di una delle viste più suggestive del Monte Bove o del sentiero che conduce alla Val di Panico.  

06/07/2021 17:07
Ricostruzione, Ussita ha la sua ordinanza speciale: 18 milioni per opere importanti ed economia

Ricostruzione, Ussita ha la sua ordinanza speciale: 18 milioni per opere importanti ed economia

Ordinanza speciale per Ussita: arrivano 18 milioni per opere importanti ed economia. "Oggi è un grande giorno. Dopo mesi di duro lavoro è stata raggiunta l'intesa sull'ordinanza per il nostro Comune: lo ha scritto ieri, sulla sua pagina Facebook,  il sindaco di Ussita, Silvia Bernardini, esprimendo soddisfazione per l'ordinanza speciale firmata del commissario straordinario alla ricostruzione post sisma, Giovanni Legnini. "Quasi 18 milioni per opere importanti per l'economia della nostra bella vallata, in primis il posto del cuore, il nostro cimitero, che sarà ricostruito dove è sempre stato", scrive ancora il sindaco. "Appena ci sarà trasmesso il testo licenziato dalla Cabina di coordinamento sisma, sarà organizzato un incontro pubblico per parlare dei contenuti di questo importante provvedimento. Passo dopo passo", si legge. Bernardini conclude ringraziando i vari livelli istituzionali e gli uffici tecnici che hanno permesso di arrivare all'ordinanza. "Ed ora al lavoro", conclude il sindaco.  

02/07/2021 09:06
Ussita, nel giorno del suo 86esimo compleanno si appella al Governo: "Ricostruite presto"

Ussita, nel giorno del suo 86esimo compleanno si appella al Governo: "Ricostruite presto"

“Sono nata a Vallestretta di Ussita il 22 giugno del 1935 e ci ho passato una vita intera, la mia gioventù, ho trovato il compagno della mia vita  mio marito Santino, abbiamo lavorato tanto, abbiamo due figli e una nipote splendidi, ma le soddisfazioni che mi ha dato questa terra sono impagabili. Il 10 e 11 giugno scorso ero qui da mia sorella, Franca e da suo marito Peppe, e ogni volta che ci riuniamo l'emozione è forte come anche la tristezza e il dispiacere vedere questi luoghi distrutti dal terremoto. La montagna, però, qui è bellissima ed è anche futuro nella speranza di rivedere questi paesi tornare belli come erano prima del 2016". Sono le parole di Maria Capuzi, originaria di Vallestretta di Ussita nel giorno del suo compleanno con un appello al governo e al Commissario Legnini : "Oggi è il mio compleanno compio 86 anni e voglio dedicare questa mia bella giornata romana  ai miei parenti e agli abitanti di Ussita e Visso con un appello a questo governo e al Commissario Legnini: non lasciate che queste terre si spopolano, ricostruite il più' presto possibile per un futuro di speranza, progresso e di vita normale".

22/06/2021 09:21
L'esperienza della fruizione forestale del parco al festival IT.A.CA

L'esperienza della fruizione forestale del parco al festival IT.A.CA

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini è tra gli enti patrocinanti di IT.A.CÀ, un festival che si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica in ottica di sostenibilità ed accessibilità. Il tema scelto per questa edizione è il “diritto di respirare”, e prevede una serie di incontri in presenza, ma con posti limitati, tra Ussita, Fiastra ed Arquata. “Una iniziativa importante ed utile” sottolinea il presidente Andrea Spaterna, “perché pone al centro degli incontri la questione di come implementare lo sviluppo del territorio in una logica rispettosa dell’ambiente. Il diritto di respirare alberga nei luoghi del Parco, per sua stessa natura, perché le foreste sono serbatoio di energie rigeneranti. Non a caso, tra gli argomenti che animeranno i vari dibattiti vi saranno anche quelli che ci vedranno direttamente coinvolti, come “La gestione forestale in Appennino” e “Turismo, bisogno di respirare e aree protette”. A questo proposito ricordo che, come Parco, abbiamo avviato l’individuazione di percorsi di immersione forestale, i cosiddetti bagni di foresta, che rappresentano una nuova frontiera nella fruizione del territorio, in un’ottica di benessere accessibile a tutti”. E proprio di questo si parlerà venerdì a Fiastra, nella suggestiva area dei ruderi del castello Magalotti, con inizio alle ore 15.30. Oltre al presidente del Parco, interverranno Paolo Zavarella, Medico chirurgo e Presidente dell’Associazione Italiana di Medicina Forestale e Carlo Alberto Graziani, Presidente del Gruppo di San Rossore. Per informazioni e prenotazioni (obbligatorie): chiamare il 0737 52185 oppure scrivere al alcina@libero.it. Il programma completo del festival è disponibile a questo link: https://www.facebook.com/108976764093242/posts/316934466630803/?d=n

08/06/2021 15:15
Ussita, perdono l'orientamento lungo il sentiero della Valle del Fargno: soccorsi due giovani

Ussita, perdono l'orientamento lungo il sentiero della Valle del Fargno: soccorsi due giovani

Escursionisti bloccati in un pendio: Interviene il soccorso alpino La stazione di Macerata è stata attivata, intorno alle 18 del pomeriggio odierno,  per un ragazzo ed un una ragazza veneti, di 29 e 34 anni, i quali durante un'escursione nella Valle del Fargno - territorio di Ussita -  smarrendo il sentiero  si sono trovati su dei balzi di roccia.  La ragazza, colta da panico, si è bloccata senza riuscire a proseguire. Sono partite due squadre di terra per il recupero dei due giovani. Una volta raggiunti, dopo aver accertato non necessitassero di cure mediche, sono stati riaccompagnati dal personale del soccorso alpino all'auto. Era presente ad attenderli la Croce Rossa di Camerino

05/06/2021 19:51
Cade in bici mentre scende dal rifugio del Fargno verso Ussita: ragazza soccorsa in eliambulanza

Cade in bici mentre scende dal rifugio del Fargno verso Ussita: ragazza soccorsa in eliambulanza

Brutta caduta con la mountain bike: una ragazza soccorsa in eliambulanza. È quanto avvenuto nella tarda mattinata odierna, attorno alle ore 13:30, lungo il sentiero a carrareccia che scende dal rifugio del Fargno (Monti Sibillini) verso Ussita. In compagnia della giovane, al momento dell'escursione, c'era anche un altro ciclista che ha immediatamente provveduto ad allertare i soccorsi dopo averle prestato le prime cure del caso. Ad intervenire è stata una squadra del Soccorso Alpino e Speleologico di Macerata assieme ai sanitari del 118. Per raggiungere il punto in cui la ragazza è caduta, a circa 1700 metri d'altezza, è stato anche necessario l'ausilio dell'eliambulanza Una volta soccorsa, la paziente - a seguito delle lesioni riportate - è stata immobilizzata per poi essere trasferita tramite Icaro all'ospedale di Macerata.   

02/06/2021 15:00
Ussita, il Rifugio Casali verso la riapertura nell'estate 2021: al via raccolta fondi per aiutare i giovani gestori

Ussita, il Rifugio Casali verso la riapertura nell'estate 2021: al via raccolta fondi per aiutare i giovani gestori

Il Rifugio Casali è gestito dal 2016 da due ragazzi di Macerata che hanno in comune una grande passione: i Monti Sibillini. Questa passione li ha spinti a prendere la gestione del rifugio escursionistico di proprietà del Comune di Ussita, sito nella frazione Casali, proprio davanti alla parete nord del Monte Bove. Purtroppo, l'entusiasmo iniziale si è spento in poco tempo, a causa degli eventi sismici del 2016 che hanno reso inaccessibile il rifugio e il borgo di Casali, con l’unica strada percorribile gravemente franata. Grazie al Comune di Ussita e alla Protezione Civile, il Rifugio dovrebbe ritornare accessibile per l'estate 2021: il ristorante del rifugio infatti è stato delocalizzato in stanze prefabbricate, mentre i lavori proseguono per allestire anche la zona notte. Luca e Claudio, i giovani gestori del rifugio hanno bisogno di ripartire, non solo perché il rifugio rappresenta il loro lavoro, ma anche per dare un forte segnale di ripresa sia ai turisti, offrendo l'opportunità di pernottare o fermarsi per periodi prolungati, sia alla comunità locale che non ha più un punto d'appoggio. Per questo motivo è stata lanciata una raccolta fondi su Produzioni dal Basso - prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation - per sostenere il Rifugio Casali ma anche un territorio intero a ritrovare speranza e vitalità. Sono già partiti da qualche mese i lavori di movimentazione terra e sono state eseguite le opere di urbanizzazione, e in queste settimane verranno posati i moduli e allestiti con tutto il necessario. Per tutti coloro che decideranno di sostenere l'iniziativa sono previste delle ricompense in base alla cifra donata. Inoltre, per fare in modo che il sostegno dei donatori diventi anche una testimonianza duratura di ripartenza e resilienza, i gestori hanno deciso di decorare una parete del nuovo rifugio con i selfie di tutti i sostenitori. Per maggiori informazioni: https://www.produzionidalbasso.com/project/iorestoacasali-sostieni-la-delocalizzazione-del-rifugio-casali/

01/06/2021 11:50
Ussita, l'incendio di una catasta di legna minaccia il bosco: i vigili del fuoco evitano il peggio

Ussita, l'incendio di una catasta di legna minaccia il bosco: i vigili del fuoco evitano il peggio

I Vigili del fuoco sono intervenuti nel primo pomeriggio di oggi in località Monte Bove, nel comune di Ussita, per l'incendio di una catasta di legna originato da un fuoco che era stato acceso per bruciare le potature e del quale era stato perso il controllo. Le squadre di Visso e Camerino sono intervenute con due autobotti, e hanno provveduto a spegnere le fiamme evitando così il propagarsi dell’incendio, nel bosco adiacente.  I pompieri hanno provveduto, inoltre, alla messa in sicurezza dell’area dell’intervento.

24/05/2021 20:00
Il passaggio del Giro d'Italia illumina i luoghi feriti dal sisma dell'entroterra maceratese (FOTO)

Il passaggio del Giro d'Italia illumina i luoghi feriti dal sisma dell'entroterra maceratese (FOTO)

Le luci dei riflettori mediatici tornano ad accendersi sui territori feriti dal sisma, grazie al passaggio del Giro D'Italia. La carovana rosa questa mattina ha attraversato otto comuni maceratesi inseriti nel cratere (Castelraimondo, Camerino, Muccia, Pieve Torina, Valfornace, Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera nds), colorando la plumbea giornata odierna (non sono mancati gli scrosci di pioggia) con il transito delle variopinte maglie dei ciclisti.  Al momento della salita verso Camerino, dal gruppo della maglia rosa indossata dall'italiano Alessandro De Marchi (della Israel Start-Up Nation), si erano sganciati in sei: Gino Mäder e Matej Mohoric della Bahrain-Victorious, Simon Guglielmi della Groupama-FDJ, Dario Cataldo della Movistar, Jimmy Janssens della Alpecin-Fenix e Simone Ravanelli della Androni-Sidermec.  L'arrivo di tappa è previsto ad Ascoli Piceno, in particolare a Colle San Giacomo, dopo 160 chilometri. Alla partenza di stamattina, a Genga, era presente anche il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.  "Oggi è una giornata importante all’insegna dello sport, del divertimento e della spensieratezza. Festeggiamo il 50° anniversario di una scoperta straordinaria per la nostra regione che ha fatto di Genga uno dei luoghi di riferimento delle bellezze italiane e lo facciamo in concomitanza con la tappa del Giro d’Italia - ha affermato il governatore -. Seguendo la carovana dei “girini” i riflettori saranno puntati sul nostro entroterra e sulle sue numerose attrattive: dai paesaggi alla cultura, dall’enogastronomia alle manifatture degli artigiani. Le Marche sono l’unica regione che si declina al plurale ma sono anche sinonimo unico di bellezza e grande capacità di accoglienza”. Ecco come gli agenti della Polizia Stradale hanno monitarato il passaggio dei corridori lungo le strade del Giro: clicca qui per leggere il nostro reportage  (Foto di Guido Picchio e Lucia Montecchiari) 

13/05/2021 16:15
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.