Monte San Giusto

Semifinale Playoff Serie D, Matelica-Sangiustese anticipata a sabato: ecco quando si gioca

Semifinale Playoff Serie D, Matelica-Sangiustese anticipata a sabato: ecco quando si gioca

La Sangiustese, considerato il doppio impegno dei padroni di casa, ancora in corsa anche per la Coppa Italia, ha accettato la richiesta del Matelica ed ha acconsentito all’anticipo della semifinale playoff per sabato 11 maggio alle ore 15:00. INTERVISTA VINCENZO SCOGNAMIGLIO (DIFENSORE SANGIUSTESE)  Difensore dai piedi buoni classe 1992, sicuramente tra i migliori della categoria, al secondo anno in rossoblù Vincenzo Scognamiglio ha centrato insieme ai suoi compagni il prestigioso traguardo dei play-off ed ora l’obiettivo di tutti non può che essere portare più in alto possibile il nome della Sangiustese. Dopo due anni a Monte San Giusto è arrivato questo traguardo spettacolare. Il giusto coronamento al percorso fatto? Due anni pieni di soddisfazioni, soprattutto questo in cui abbiamo raggiunto un obiettivo tanto sperato perché lo meritavamo per tutto quello che abbiamo fatto. La ciliegina sulla torta di queste due stagioni e soprattutto di questi ultimi mesi in cui si è creato un gruppo fortissimo anche con i nuovi arrivati. Abbiamo affrontato 38 partite sempre a viso aperto, giocando il calcio che piace al Mister e siamo soddisfatti di aver raggiunto questo traguardo. La Jesina non ha regalato niente e batterla domenica non è stato facile. In più, al triplice fischio, c’è stato da aspettare il risultato del Francavilla. Solo dopo è esplosa la gioia. Come l’hai vissuta? Sono stati momenti di emozione e attesa interminabili. Abbiamo sperato tanto che le cose andassero bene per noi ed in contemporanea la corsa del Francavilla si arrestasse. Il primo tempo eravamo andati sotto di un gol, sapevamo di doverne fare due per continuare a sognare e con grande impegno ce l’abbiamo fatta. Andare a Matelica è un premio insperato, ma i ragazzi di Tiozzo in questi due anni si sono dimostrati anche la vostra bestia nera. Il Matelica non è uno spauracchio perché ce la giochiamo con tutti gli avversari a viso aperto. Sappiamo che è un’ottima squadra da diversi anni. Cercheremo di affrontarla senza timore, consapevoli che solo la vittoria ci qualificherebbe. Secondo mister Senigagliesi il Matelica avrebbe meritato di vincere il campionato Anche secondo me, dopo un piccolo calo fisiologico, ha inanellato una serie di risultati positivi consecutivi impressionante ed è ancora in corsa anche per un altro obiettivo importante come la Coppa Italia. Purtroppo ha dovuto fare i conti con una piazza importante come Cesena che allo stesso modo ha fatto di tutto per portare a casa questo campionato. Qual è la partita che non potrai dimenticare di quest’anno? Ce ne sono tante e le abbiamo giocate quasi tutte veramente bene. Impossibile dimenticare il pareggio a Cesena davanti ad oltre 10.000 spettatori: chiunque vorrebbe vivere emozioni così. Bella anche la rimonta in casa nostra con il Francavilla, che ci ha permesso di tornare in corsa per i play-off, bella dal mio punto di vista anche la gara di Forlì, in cui abbiamo perso, ma abbiamo espresso un bel gioco e un bellissimo atteggiamento. Alcuni episodi negativi in quel match avrebbero potuto condizionare il nostro cammino, ma per fortuna non è stato così e siamo arrivati ad avere la possibilità di continuare a cullare ancora questo sogno.      

08/05/2019
Sangiustese, playoff raggiunti. Il presidente Tosoni: "Grandissima soddisfazione"

Sangiustese, playoff raggiunti. Il presidente Tosoni: "Grandissima soddisfazione"

“Ero stato buon profeta nell’intervista di  venerdì scorso. A noi non interessava andare ai play-off. Quello che interessava e soprattutto stimolava una piccola realtà come la nostra - ha dichiarato il Presidente della Sangiustese Andrea Tosoni dopo la qualificazione in post-season - era essere arrivati alla trentottesima giornata e coltivare ancora delle speranze di esserci. Poi, un po’ la fortuna, un po’ la caparbietà di crederci fino alla fine, anche quando il calendario ed i pronostici sembravano sfavorevoli, ci hanno premiato. Una sola cosa avevo raccomandato ai miei ragazzi. Se il Francavilla avesse pareggiato e contemporaneamente avessimo pareggiato anche noi avrebbe voluto dire rovinarsi tutta l’estate. Per come si era messa la partita, ad un certo punto si stava verificando proprio quello che più temevo". "Per noi arrivare a questo traguardo non era importante, ma è innegabile - prosegue Tosoni - che sia una soddisfazione grandissima. Eravamo consapevoli di rischiare di rimanere fuori anche con una vittoria, ma nella mia testa mi ero fissato l’obiettivo di superare i 60 punti ed alla fine la testardaggine di noi tutti, ragazzi, staff, collaboratori e dirigenti, è stata premiata e siamo arrivati a 61. Mi ha fatto piacere, prima della partita, vedere che alla serenità di avere comunque fatto bene, si mischiasse la voglia di provarci fino in fondo, consapevoli che il pallone è rotondo e tutto può succedere”.   “Mi aggancio alle parole del Presidente. Non ci ha regalato niente nessuno - ha dichiarato il DG Cossu - dalla prima all’ultima giornata. Il tabellino della gara con la Jesina ha registrato ben cinque ammoniti: è stata partita vera. Quello che abbiamo ottenuto è un risultato meritatissimo, siamo stati per trenta giornate dentro alle prime cinque del girone ed alla fine ci siamo presi quello che ci spettava. Il giusto premio per il lavoro che tutti insieme, come ha detto il Presidente, giocatori, staff, collaboratori, dirigenti, ci siamo guadagnati. Abbiamo creato qualcosa di bello e importante: l’apice di un bel percorso e l’inizio di una nuova storia. Soddisfazione doppia anche per il bel risultato della Juniores Nazionale, che sabato battendo il Pineto ha vinto i playoff del girone ed è approdata alle fasi nazionali. Di più non potevamo chiedere a questa fantastica annata”. 

06/05/2019
Sangiustese-Jesina finisce 2-1: i rossoblù ai play-off

Sangiustese-Jesina finisce 2-1: i rossoblù ai play-off

Sangiustese meritatamente ai playoff dopo la vittoria per 2-1 nell’ultimo derby stagionale con la Jesina. Padroni di casa costretti a vincere per cullare ancora ambizioni, sperando nel contempo in un risultato non positivo del Francavilla avanti in classifica, ospiti già salvi e soddisfatti per la seconda parte di campionato disputata dopo un avvio tribolato, decisi a non regalare niente. Moduli speculari per i due tecnici con i rossoblù che iniziavano meglio, ma chiudevano la prima frazione in svantaggio. Come all’andata, al 25’ pt era una conclusione di Cruz Pereira a siglare l’1-0 per i leoncelli e a sbloccare l’equilibrio dell’incontro. La Sangiustese era comunque viva e cercava in ogni modo di raggiungere il pari con Cheddira, Pezzotti e Cerone che provavano ripetutamente a insidiare Anconetani. Il tentativo di Argento, occasione migliore per i locali nei primi 45’,  si stampava però sul palo. Nella ripresa era subito Cheddira ad avere la palla buona, ma l’1-1 portava la firma di Cerone, che di testa metteva in rete un bel cross di Shiba della destra. C’era tempo di centrare un altro legno con Carta e di protestare per un atterramento di Cheddira in area e um incredibile offside fischiato a Pezzotti, prima che il neo entrato Tizi ribaltasse il risultato e mettesse il sigillo sul definitivo 2-1. La gara arrivava al triplice fischio, ma la festa era rimandata fino a che non arrivava l’happy end anche a Francavilla. Al Comunale poteva così esplodere il trionfo rossoblù. SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Shiba, Santagata, Perfetti, Patrizi, Scognamiglio (28’ st Buaka), Pezzotti (41’ st De Reggi), Carta (35’ st Tizi), Cheddira, Cerone (47’ st Pluchino), Argento. A disposizione: Carnevali, Massaroni, Niane, Papavero, Matteo. Allenatore: Stefano Senigagliesi. JESINA (4-2-3-1): Anconetani, Riccio (18’ st Martedì), Pasqualini, Marini, Nonni, Magnanelli (18’ st Villanova), Trudo (26’ st Cameruccio), Yabrè (8’ st Matinata), Cruz Pereira (34’ st Pierandrei), Ceccuzzi, Barbetta. A disposizione: Perez Gomez, Fracassini, Zannini, Barchiesi. Allenatore: Davide Ciampelli. ARBITRO: Signor Alessio Angiolari della sezione di Ostia Lido. ASSISTENTI: Sig. ri Emanuele Fumarulo della sezione di Barletta e Vincenzo Andreano della sezione di Foggia. RETI: 25’ pt Cruz Pereira, 9’ st Cerone, 36’ st Tizi. NOTE: spettatori 300 circa con discreta rappresentanza ospite; corner 4-4; ammoniti Pasqualini, Barbetta, Nonni e Perfetti; recupero 1’ + 5’.

05/05/2019
La Juniores Nazionale Sangiustese vince i play-off del girone e vola alle fasi nazionali

La Juniores Nazionale Sangiustese vince i play-off del girone e vola alle fasi nazionali

Storico approdo alle fasi nazionali per la Juniores Nazionale della Sangiustese che nella finale play-off del girone I questo pomeriggio ha superato con il punteggio di 2-1 il Pineto dopo i tempi supplementari. Una doppietta di Niane (un gol ad inizio ripresa e un gol all’inizio del primo extra time per il numero 7 locale) ha permesso ai ragazzi di mister Rossi, una delle squadre più giovani del campionato, di trionfare sugli abruzzesi. Belle trame e ritmi alti al Comunale di Villa San Filippo dove si sfidavano per staccare il pass nazionale due squadre che avevano disputato entrambe un ottimo percorso in campionato. Spalti gremiti, rappresentanza ospite e tutta la dirigenza rossoblù e qualche giocatore della prima squadra a sostenere i padroni di casa, forti del miglior piazzamento in classifica. Sempre temibili i ragazzi di mister Cicchitti tenevano viva la contesa oltre il 90^, avendo raggiunto il pareggio nei tempi regolamentari. Prima frazione viva e frizzante con una grande occasione per parte: sui piedi di Messi e Di Girolamo le palle migliori per sbloccare il match. Dopo lo 0-0 nei primi 45’ minuti, il risultato cambiava al 6’ st quando Niane incrociava il destro dalla parte opposta battendo Shiba per il vantaggio locale. Crampi e stanchezza nella ripresa con il forcing del Pineto che veniva premiato al 19’ st con il subentrato Assogna che, dopo una precedente occasione fallita, griffava l’1–1 con un bolide sotto la traversa. Si giungeva dunque all’extra time, dove era la punizione vincente di Niane a chiudere definitivamente i giochi e consegnare meritatamente il passaggio del turno a capitan Basconi e compagni. “È stato il degno epilogo di una stagione fantastica. Vincere i playoff con questi ragazzi - ha dichiarato mister Rossi - è stata una soddisfazione enorme. Ci tengo a ricordare che siamo una delle poche Juniores Nazionali in Italia che gioca con mezza squadra di 2002, quindi Allievi. Un gruppo fantastico che ha meritato questo traguardo. Arrivare tra le prime 22 squadre d’Italia è una sensazione bellissima. Oggi è stata una partita dura, contro un avversario forte e ben messo in campo, ma soffrendo e tenendo duro siamo riusciti ad imporci. Grandi complimenti a tutti i ragazzi: per i tifosi, per lo staff e per la società è un orgoglio essere arrivati fino a qui. Un sentito grazie anche a tutti coloro che sono stati vicini e hanno voluto bene a questi ragazzi. Con il loro calore e il loro sostegno ci hanno sempre supportato”. Soddisfattissimo nel post gara anche il Presidente Andrea Tosoni: “Un percorso straordinario che ci inorgoglisce ancora di più per il fatto di essere una delle squadre realmente più giovani del torneo, senza alcun 2000 in campo o prestiti dalla prima squadra. Un immenso onore per noi aver schierato anche oggi in distinta ben 9 classe 2002 sui 20 presenti. Bravi ragazzi!”. CAMPIONATO NAZIONALE JUNIORES, GIRONE “I, FINALE PLAYOFF SANGIUSTESE - PINETO 2-1 (d.t.s.) SANGIUSTESE: Raccio, Di Rosa (12’ st Girotti), Nepa, Guzzini, Doci, Basconi, Niane, Ercoli (39’ st Pianaroli), Messi (44’ st M’binte), Kamara (26’ st Arcangeletti), Scoponi (28’ st Frontini). A disposizione: Apolloni, Lazzarini, Giulianelli, Matteo. All. Adolfo Rossi. PINETO: Shiba, Ferrante (3’p.t.s. De Simone ), Mancini (37’ st D’Addazio),  Di Nisio (15’ st Assogna), Dei Rocini, Martella, Di Girolamo (35’ st Mazzocchetti), Lampione, Iezzi Pietro (28’ st Cinicola), Gagliardi, Festa. A disposizione: Montesi, Fazzini, Iezzi Alessandro, Ferretti. Allenatore: Marco Cicchitti. ARBITRO: Sig. Torreggiani della sezione di Civitavecchia. ASSISTENTI: Sig. Gaddoni della sezione di Faenza e Grande  della sezione di Bologna. RETI: 6’ st e 2’ p.t.s. Niane, 19’ st Assogna.

04/05/2019
Sangiustese, 90 minuti per inseguire i play-off. Senigagliesi: "La squadra li merita"

Sangiustese, 90 minuti per inseguire i play-off. Senigagliesi: "La squadra li merita"

Mattinata di lavoro per mister Senigagliesi e i suoi ragazzi che anche oggi si sono allenati per preparare al meglio gli ultimi 90’ di regular season. Quali sono i pregi maggiori avuti dalla squadra nell’approcciare la gara con la Savignanese? I pregi dei ragazzi sono quelli che in due anni ci hanno portato a cinque giorni dalla fine del campionato ancora a sperare di raggiungere i playoff. Professionalità, senso di appartenenza, valori umani e sociali: un baricentro socioaffettivo altissimo, dovuto a mio parere al fatto che tutto il gruppo Società è riuscito a creare una famiglia vera. Tante volte si usa questo termine impropriamente, ma noi davvero ci siamo sempre divertiti, abbiamo sempre pensato al gioco e non ad altre cose, abbiamo lavorato sodo per cercare di portare una buona immagine di questa realtà in giro per l’Italia. Ci siamo riusciti e tutto questo si ripercuote nella qualità umana e sociale dei giocatori, che secondo me hanno raggiunto dei livelli tecnico-tattici superiori a quelli che avrebbero avuto da altre parti. Siete a 58 punti con la possibilità di vivere un rush finale ancora più bello. Mancherebbe solo la lode. Credo che la Sangiustese, per i due anni passati in questa categoria, per il modo con cui ha sempre approcciato le cose, per i comportamenti e l’atteggiamento avuto durante le settimane, per quello che abbiamo trasmesso e fatto, meriti di fare i playoff. Purtroppo temo che non riusciremo a vivere questo sogno, ma non per nostri demeriti. Abbiamo sbagliato delle partite come tutti, ma per quello non c’è rammarico. Alla fine i punti in classifica sono giusti per ciò che è stato fatto sul campo. Non mi va giù e non cambierò mai idea su quello che è successo a Forlì. La sfida con la Jesina, squadra tranquilla con alle spalle un bel percorso. Come va affrontata per essere gestita al meglio? Ancora non ho controllato bene il percorso del girone di ritorno della Jesina, dopo che all’ultima giornata di andata batterono proprio la Sangiustese. Credo siano da primi tre o quattro posti. Una squadra che si è rinnovata e ha cambiato totalmente pelle, ha preso giocatori di sostanza e qualità, si è rinforzata molto e ha fatto un percorso di crescita eccellente. La Società è stata bravissima a gestire la situazione. Partita sicuramente pericolosa. Nell’arco di questi ultimi 90 minuti proverete a spegnere il cervello sui risultati dagli altri campi? Sarebbe impossibile. Si giocherà con un orecchio buttato a Francavilla, consapevoli che dovrebbe succedere qualcosa che nel calcio raramente succede. L’epilogo della scorsa stagione però tra Pesaro e Matelica insegna. Noi dovremo cercare di dire la nostra fino alla fine. Se poi il Francavilla dovesse vincere faremo i complimenti a loro e.. pazienza! Non dobbiamo chiudere la stagione con il rammarico di non aver fatto tutto ciò che era possibile. Juniores Nazionale in finale playoff dopo un percorso fantastico, con tanti ragazzi che hanno esordito in Serie D e sono costantemente convocati in prima squadra. Un commento sul rapporto avuto in questi mesi con i ragazzi e mister Rossi. Mister Rossi è un ragazzo in gamba, simpaticissimo, appassionato, che fa le cose con molta serietà e che ha raggiunto comunque in questi due anni bellissimi risultati. E’ vero che i risultati nel settore giovanile non sono importanti, ma quando si parla di Juniores, ovvero ragazzi di 18/20 anni, non è più Settore Giovanile. Per quanto riguarda i ragazzi e il percorso fatto, io ne alleno tantissimi durante la settimana. Sono bravissimi, hanno grandi prospettive, il tempo mi darà ragione. Anche in questo caso credo che i risultati raggiunti siano merito della Società, che ha messo insieme ragazzi davvero qualitativi, seri, educati, che si sono comportati anche loro sempre molto bene e che ogni giorno lavorano con dedizione e serietà con me in allenamento. Per questo faccio loro i miei complimenti e il più grande in bocca al lupo: meritano di togliersi delle soddisfazioni.  

01/05/2019
Amministrative Monte San Giusto 2019: il gruppo "Civico Impegno Franco Bordoni" resta neutrale

Amministrative Monte San Giusto 2019: il gruppo "Civico Impegno Franco Bordoni" resta neutrale

Il gruppo "Civico Impegno Franco Bordoni" che nella tornata elettorale del 2014 aveva appoggiato l'elezione del sindaco Andrea Gentili, per le prossime elezioni amministrative di Monte San Giusto rimarrà neutrale e non appoggerà politicamente nessuno dei candidati a sindaco. Non sosterrà l'attuale primo cittadino Andrea Gentili "in primo luogo perché non sono stati rispettati gli accordi anche se ampiamente condivisi da tutti in campagna elettorale; in secondo luogo perché sono state prese decisioni unilaterali non condivise ed in disaccordo con il gruppo politico di sostegno". Il gruppo ricorda ai cittadini sangiustesi due fatti su tutti: 1) l'estromissione dalla giunta dell'assessore Federica Trifoglio con motivazioni prive di ogni logica politica. Tutti ben ricordano che Federica Trifoglio nel 2014 aveva partecipato insieme a Gentili alle primarie del centro sinistra per la scelta del candidato sindaco e, nonostante avesse perso, aveva contribuito, insieme a tutto il gruppo "Civico Impegno", in maniera attiva e sostanziale alla elezione del sindaco Gentili. 2) La volontà ostinata dell'attuale amministrazione di voler realizzare, nonostante l'opposizione della maggioranza dei sangiustesi e del nostro gruppo, l’impianto di recupero di inerti alle porte del nostro paese. Il raggruppamento, inoltre, non sosterrà gli altri candidati sindaci per Monte San Giusto "perché non si riconosce nei principi e negli ideali e quindi nei programmi politici ed amministrativi dei partiti e dei gruppi che li sostengono".

29/04/2019
Sangiustese, in casa della Savignanese finisce 2-3. Domenica ultimo appuntamento della stagione contro la Jesina

Sangiustese, in casa della Savignanese finisce 2-3. Domenica ultimo appuntamento della stagione contro la Jesina

Ritorno al “Capanni” bagnato per il match tra Savignanese e Sangiustese che si sfidavano sotto la pioggia per la penultima giornata del campionato di Serie D.Primi 45’ che si chiudevano sul punteggio di 1-1, con entrambe le reti messe a segno dal dischetto dai rispettivi numeri dieci, Cerone e Peluso. Comunque godibile la contesa tra due formazioni che si affrontavano a viso aperto con i rossoblù ospiti spesso pericolosi dalle parti di Moscatelli con Pezzotti, Cheddira e Cerone in grande spolvero che però non riuscivano a prevenire al raddoppio, subendo invece il pari locale prima dell’intervallo.Nella ripresa erano la volée sotto la traversa di Argento e la precisa conclusione di Cheddira a sancire il risultato finale (a tempo scaduto accorciava le distanze Manuzzi) che consegnava tre punti importantissimi ai locali, mentre si infrangeva sul palo la conclusione del subentrato Tizi.Ultimo appuntamento della stagione per i rossoblù il derby in casa di domenica prossima con la Jesina. SAVIGNANESE (4-2-3-1): Moscatelli, Battistini (9’ st Vandi), Guidi, Gregorio (22’ st Ballardini), Tamagnini (38’ st Albini), Brighi, Peluso (21’ Noschese), Scarponi (37’Brigliadori) , Giacobbe, Manuzzi, Turci. A disposizione: Dall’Ara, Succi, Giunchetti. Allenatore: Oscar Farneti.SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Shiba, Santagata, Perfetti, Patrizi, Scognamiglio, Pezzotti (46’ st De Reggi), Carta, Cheddira (47’ st Pluchino), Cerone (22’ st Tizi), Argento (47’ Guzzini). A disposizione: Carnevali, Buaka, Massaroni, Ercoli, Papavero. Allenatore: Stefano Senigagliesi.ARBITRO:Signor Gianluca Delnotaro della sezione di Vco.ASSISTENTI: Sig. ri Andrea Maria Masciale della sezione di Molfetta e Michele Colavito della sezione di Bari.RETI: 27’ pt Cerone (rig), 40’ pt Manuzzi (rig), 3’ st Argento, 45’ st Cheddira, 48’ st Manuzzi.NOTE: spettatori 300 circa con rappresentanza ospite; corner 4-5; ammoniti Peluso e Patrizi; recupero 2’ + 4’.

28/04/2019
La Juniores Sangiustese stacca il pass per la finale playoff battendo il Francavilla

La Juniores Sangiustese stacca il pass per la finale playoff battendo il Francavilla

La Juniores Nazionale della Sangiustese, davanti ai propri tifosi accorsi al Comunale a sostenere i ragazzi di mister Rossi, stacca il pass per la finale playoff battendo in casa il forte Francavilla. Decisiva la rete a 10’ dal termine di Niane dopo una pregevole azione personale. In precedenza, da segnalarsi le occasioni capitate a Kamara, specie nella prima frazione e gli interventi decisivi di Raccio sempre attentissimo a salvaguardare la propria porta.   “Partita giocata e preparata bene, i ragazzi hanno risposto al massimo alle mie richieste, mantenendo sempre il possesso palla e giocando per vincere. Hanno creato tantissimo - ha dichiarato al termine il mister - forse dovevamo concretizzare di più. Abbiamo trovato il gol per chiuderla senza supplementari come volevamo, Tutti, anche quelli che sono subentrati, hanno lottato fino alla fine, dando una spinta decisiva alla squadra. Complimenti a questi ragazzi speciali che stanno facendo un’annata strepitosa: loro e la Società meritano queste soddisfazioni”.   SANGIUSTESE: Raccio, Di Rosa, Nepa (40’ st Girotti), Guzzini, Doci, Basconi, Niane (42’ st Lazzarini), Ercoli, Messi (38’ st Matteo), Kamara (29’ st Scoponi), Frontini (33’ st Arcangeletti). A disposizione: Apolloni, Pianaroli, M’binte. All. Adolfo Rossi. FRANCAVILLA: Chiacchiari, Talucci, Di Crescenzo (37’ st Fava), Mattucci (23’ st Passeri), Scannella, Malandra, Di Peco (12’ st Predescu), Di Nicola (30’ st Fasoli), Di Giovacchino, D’Amario, Paravati (37’ st Mazzone). A disposizione: Angelucci, Cirillo, Mammarella, Lavecchia. Allenatore: Fabio Ferraresi. ARBITRO: Sig. Menozzi della sezione di Treviso. Assistenti: Sig. Bertozzi della sezione di Cesena e Amoroso della sezione di Macerata. RETE: 36’ st Niane.  

27/04/2019
Sangiustese, le parole del dg Cossu in vista dell'importante match contro la Savignanese

Sangiustese, le parole del dg Cossu in vista dell'importante match contro la Savignanese

Ultimi 180 minuti di regular season. Il primo impegno che attende la Sangiustese è quello di dopodomani a Savignano sul Rubicone, con i romagnoli che, dopo un’intera stagione disputata lontano da casa, torneranno a giocare allo stadio Giuseppe Capanni. A descrivere umori e sensazioni in casa rossoblù è come ogni venerdì il Direttore Generale Alessandro Cossu. Direttore, settimana un po’atipica questa, a cavallo tra la Pasqua e il 25 Aprile. La squadra comunque si è comunque sempre allenata regolarmente. Come stanno i ragazzi? Stanno bene. Andremo ad affrontare quattro finali. Dico quattro perché sono convinto che alla fine in un modo o nell’altro raggiungeremo l’obiettivo che abbiamo messo nel mirino da metà campionato, ovvero da quando il campo ci ha detto che avevamo già matematicamente raggiunto la salvezza. Ci vorrà un po’ di fortuna, altrimenti ne giocheremo due, ma sempre finali saranno. Ormai il campionato è chiuso: con le unghie e con i denti dovremo fare il risultato in tutte le partite rimaste. Gara con la Savignanese: cosa teme di più? Le motivazioni, in queste gare riuscirà a strappare un risultato positivo chi ne avrà di più. Speravo che i romagnoli non tornassero proprio in questa gara sul loro campo per festeggiare con i propri tifosi, ma se non dovessimo riuscire a vincere domenica dovremmo leccarci qualche ferita. Dovremo interpretare la gara come una finale di Champions League. Sfide toste anche per le altre due contendenti al 5° posto, Francavilla e Notaresco. La prima viaggerà verso Isernia e la seconda riceverà il Giulianova. Il Pineto, quasi praticamente certo del piazzamento, incontrerà invece la Sammaurese. Avete buttato un occhio ai possibili scenari? Sinceramente no, noi dobbiamo pensare sempre a noi stessi. Il Francavilla è la nostra diretta concorrente: se dovesse vincere le ultime due partite ci lascerebbe fuori. Se invece dovesse perdere qualche punto potremmo riagganciarla. Noi prima di tutto dovremo fare il nostro dovere: se non riuscissimo a imporci nelle nostre partite sarebbe inutile guardare quello che fanno gli altri. La Sangiustese chiuderà la stagione regolare in casa con un altro derby importante. Dopo la Recanatese, arriverà la Jesina. Gara che senz’altro per lei avrà un sapore particolare. Come vorrebbe arrivare a quel momento? A giocarmi l’entrata nei play-off. La Jesina sono contento che si sia salvata in anticipo e sono sicuro che non ci regalerà niente. Alla fine tireremo le somme. Se saremo stati bravi e avremmo voluto più di altri questo risultato sarà bellissimo affrontare i play-off. Altrimenti, abbraccerò comunque i ragazzi ad uno ad uno per la splendida annata che ci hanno fatto vivere e ringrazierò la Società per avermi permesso di stare in mezzo a questo fantastico gruppo.

26/04/2019
Sangiustese, le parole di mister Senigagliesi in vista del match contro la Savignanese

Sangiustese, le parole di mister Senigagliesi in vista del match contro la Savignanese

È tornata ad allenarsi ieri la Sangiustese dopo la meritata sosta pasquale. Nessuno meglio di mister Senigagliesi può descrivere le condizioni fisiche e psicologiche dei suoi ragazzi che domenica sfideranno la Savignanese. Come ha ritrovato la squadra dopo qualche giorno di pausa? L’ho trovata bene, i ragazzi avevano bisogno di riposare, specie mentalmente. Adesso dal punto di vista fisico dobbiamo rimettere a posto qualche dinamica organica, ma quello che più conta in questo momento è certamente e soprattutto l’aspetto nervoso. Questi giorni penso siano stati utili perché l’annata è stata pesante e non abbiamo mai avuto tempo di riposare. La gara con la Recanatese ha lasciato qualche rimpianto oppure la soddisfazione di una buona prestazione contro un avversario molto tosto, forse il più in forma al momento, comunque prevale? Per me è una grande soddisfazione perché obiettivamente la Recanatese è la squadra più forte vista in stagione dalla cintola in su. Secondo me come completezza non c’è paragone con nessuna delle altre contendenti, visto che annovera sia giocatori dalle grandissime qualità finalizzative, come Pera e Sivilla, sia altri con grandissime qualità tecniche, quali Borrelli, Raparo e Lunardini che li pongono sopra a tutte. Quello che mi preme sottolineare è che tra noi, la Recanatese ed il Pineto la differenza la fanno quattro partite: i punti che loro hanno preso con il Cesena e il Matelica e quelli presi da noi, altrimenti il cammino sarebbe uguale. Questa cosa mi riempie di orgoglio. Non dipende solo da voi ora la qualificazione ai playoff: quante sono le probabilità di farcela a questo punto? Ha dato un'occhiata al calendario delle altre? Oramai sono rimaste poche partite ed è ovvio guardarci. Il mio rammarico è uno e si chiama Forlì. Noi saremmo stati comunque dentro ai playoff e se avessimo dovuto uscire mi sarebbe piaciuto fosse stato per meriti e qualità degli avversari e non altro. Quella partita invece rimarrà sempre il nostro rammarico più grande. Una citazione per Basconi, difensore del 2002 che ha fatto già esordire in prima squadra e che da capitano ha guidato gli Allievi della Rappresentativa Marche fino alla finalissima del Torneo delle Regioni. L’ennesima soddisfazione di una società moderna, come è la Sangiustese. Non è mica un caso che proprio da qui partono, arrivano e fanno cose positive tanti ragazzi. C’è un progetto intelligente, creato da una persona di altissima qualità come il nostro Presidente Tosoni, coadiuvato dal vice Presidente Grandinetti e da tutti gli altri dirigenti, che sono persone squisite con un grande senso dello sport e del gioco. Basconi è un ragazzo interessantissimo, che penso passerà tanti anni sui campi di calcio perché è serio, disponibile, intelligente e ha passione, qualità che ritengo tra le più importanti nel calcio di oggi.  

24/04/2019
Sangiustese, parla capitan Perfetti: "Per i playoff andiamo sino a Loreto a piedi"

Sangiustese, parla capitan Perfetti: "Per i playoff andiamo sino a Loreto a piedi"

Non ha nessuna voglia di mollare la presa il capitano della Sangiustese Lorenzo Perfetti, che alla ripresa degli allenamenti ha fatto il punto della situazione in casa rossoblù, messo in archivio il pari con la Recanatese e messa nel mirino l’ultima trasferta della regular season a Savignano sul Rubicone. Capitano, cosa vi ha lasciato dentro un derby a ritmi elevatissimi come quello con la Recanatese? Ci ha lasciato innanzi tutto un punto. E’ stata una partita difficilissima perché incontravamo una squadra veramente forte e siamo stati bravi a tenerle testa. Per noi è stato un grande onore. Faccio i complimenti alla Recanatese, un organico eccellente. Questo punto conta davvero tanto. E' ormai una corsa a due con il Francavilla: quante sono le possibilità reali? Sono al 50%. Mancano ancora due partite e il discorso è aperto. Siamo in piena corsa. Io penso che la Sangiustese deve guardare in casa propria. Dobbiamo fare 6 punti e sperare che il Francavilla stecchi almeno una delle due partite rimaste. Domenica in un campo inedito come Savignano sul Rubicone: più insidiosa la loro tranquillità o la voglia che hanno di festeggiare finalmente sul proprio campo? Noi, ripeto, dobbiamo pensare a noi stessi. Dobbiamo andare ad affrontarli con la voglia di vincere. Per noi sarà una finale di Champions League. Ci giocheremo tutto e poi alla fine dei 90 minuti tireremo le somme, ma sono convinto che questa Sangiustese lotterà fino alla fine. Impossibile metterti un contachilometri sulle spalle: quanta birra hai ancora in corpo da mettere sul terreno di gioco in queste ultime due gare? Ci metto il cuore come sempre. Le energie iniziano un po’ a mancare perché siamo alla fine del campionato e di partite ne sono state fatte tante. Un po’ di stress si fa sentire, ma a questo punto è il cuore a fare la differenza. Vedremo cosa succederà alla fine. Ce lo puoi dire: cosa sareste disposti a fare in caso di raggiungimento dei playoff? Andiamo a Loreto a piedi!

23/04/2019
Serie D, in casa Sangiustese il dg Cossu fa il punto della situazione

Serie D, in casa Sangiustese il dg Cossu fa il punto della situazione

Ultimo allenamento ieri per la Sangiustese prima delle meritate vacanze pasquali e come sempre a fare il punto della situazione in casa rossoblù è l’esperto direttore Alessandro Cossu. Messo in archivio il bel pari dell’ultimo turno con la Recanatese, nelle ultime due giornate si aspettano la gara con la Savignanese del 28 aprile e l’impegno casalingo con la Jesina del 05 Maggio. Come giudica la prestazione contro un'ottima Recanatese? La Recanatese è una squadra stratosferica e lo ha dimostrato anche contro di noi. Una delle migliori come gioco e qualità degli interpreti. Ci ha messo molto in difficoltà, ma noi siamo stati bravi a giocare una partita attenta, seppure stanchi per le due partite di seguito ed il primo caldo che si è fatto sentire. Siamo stati fortunati anche per i risultati delle nostre contendenti. Questo pareggio può dunque essere considerato come una vittoria considerata la bravura della Recanatese. Ci tengo a fare i complimenti a mister Alessandrini, a tutta la Società e a tutti i giocatori leopardiani. Li prevedo grandi protagonisti dei prossimi play-off. Cosa ha pensato sul palo di Pezzotti? Nulla (sorride), sono un uomo di sport e so che i pali fanno parte del gioco. Il calcio non è una fabbrica dove si possono fare 1000 bulloni ed essere certi di quella quantità, dicevo sempre ad un mio ex Presidente. Il risultato a volte è figlio anche di alcuni episodi e la storia può cambiare per un palo preso o una palla uscita di un soffio. Il fatto che abbiamo preso quel palo vuol dire che abbiamo creato occasioni e questo è senz’altro positivo. Finale di stagione che vede la Sangiustese ancora in corsa per un sogno. Un sogno possibile? Dipende anche dagli altri, ma prima di tutto noi dobbiamo fare il nostro. Come già detto in precedenza, la nostra intenzione era di lottare e provarci fino all’ultima giornata, giocandoci la possibilità di vivere questo sogno fino alla fine. I nostri ragazzi lo stanno facendo, allenandosi sempre a mille. Li ringrazio. Siamo tutti orgogliosi di loro. Ormai è lotta a due con il Francavilla? Credo proprio di sì, mancano solo due partite. Noi dobbiamo pensare a far bene. Dopo queste due partite tireremo le somme, ma, ribadisco, diremo comunque bravi a tutti quanti i nostri ragazzi.   Inoltre nella 58° edizione del Torneo delle Regioni svoltosi nei giorni scorsi a Fiuggi gli Allievi capitanati dal rossoblù Basconi hanno chiuso la loro avventura al 2° posto. Nella gara finale di ieri mattina i ragazzi di mister Galizi si sono dovuti arrendere alle reti dei laziali Buglia e Ciriachi, entrambe giunte nella ripresa, dopo uno splendido percorso in tutta la manifestazione. Oltre alla medaglia d’argento – si legge nel sito ufficiale della FIGC -  le Marche si portano a casa i complimenti per il bel gioco espresso e sublimato nella cinquina rifilata al Trento in semifinale. Ricordiamo che nella spedizione Allievi che si è aggiudicata ieri la medaglia d’argento la Sangiustese era ben rappresentata anche dal medico sociale Luigi Manzetti e dal massaggiatore Luigi Barlocci. Queste le parole rilasciate dal capitano della Rappresentativa Regionale Allievi e della Juniores Nazionale Sangiustese, il difensore classe 2002 Mattia Basconi, non appena rientrato nelle Marche. “È stata un’esperienza fantastica, anche se c’è un po’ di rammarico per il finale. Abbiamo comunque raggiunto un ottimo traguardo, siamo arrivati ad un passo dall’alzare quella Coppa che secondo me meritavamo. Questo grazie ad un gruppo speciale che ha legato fin da subito e ad uno staff incredibile insieme al quale ci siamo veramente divertiti tanto. Complimenti a tutta la spedizione e a tutti i compagni!”. Soddisfattissimo, Basconi, anche per la vittoria della Juniores Nazionale rossoblù che, battendo ieri pomeriggio l’Isernia, si era aggiudicata il 2° posto assoluto in campionato in attesa dei play-off di sabato prossimo con il Francavilla. “Bravissimi anche tutto il gruppo di Mister Rossi. Ci siamo tolti tante soddisfazioni, ma ora ..vietato mollare! Anche in questo caso si tratta di un traguardo meritato e ora subito concentrati per fare bene anche ai play-off!”.

20/04/2019
Juniores Sangiustese, battuta Isernia per 2-1. Variazione di campo per la gara contro la Savignanese

Juniores Sangiustese, battuta Isernia per 2-1. Variazione di campo per la gara contro la Savignanese

Si conclude con una vittoria la regular season della Juniores Nazionale della Sangiustese. A Isernia, i ragazzi di mister Rossi, battono per 2-1 i padroni di casa e chiudono il campionato al secondo posto assoluto. Dopo il gol annullato a Kamara per fuorigioco in avvio, era Mastrillo al 32’ pt a sbloccare l’equilibrio del match ricevendo palla in profondità e superando Caldararo. Il bis all’alba della ripresa portava la firma di Pianaroli che svettava imperioso su azione di calcio d’angolo battendo l’estremo locale sul palo sinistro. Il gol della bandiera dei molisani arrivava solo allo scadere con un tiro da fuori. “Una partita giocata su buoni livelli – ha dichiarato mister Rossi – che volevamo assolutamente vincere per consolidare il secondo posto assoluto e mettere il sigillo su un’annata straordinaria, conclusa con ben 18 vittorie, a soli tre punti dai campioni d’Italia della Recanatese che hanno ripetuto un ottimo cammino anche in questa stagione. Anche oggi abbiamo fatto una bella prestazione, imponendoci con merito e creando tante occasioni. Sono contento anche per come si sono espressi alcuni ragazzi che quest’anno sono stati utilizzati un po’ meno, che in campo hanno fatto benissimo ripagando la fiducia. Complimenti a tutti i miei ragazzi! Appuntamento per la semi-finale play-off sabato a Villa San Filippo dove sfideremo il Francavilla. Siamo carichi e orgogliosi di rappresentare con merito il nome della Sangiustese”. ISERNIA: Caldararo, Pedio, Petrella, Calabrese, Cutone, Barretta (28’ st Fornaro), Costa, Vitale, D’Oliva, Candela (1’ st Marrone), Mandolfo. A disposizione: Ionata, Volpe. All.: Vincenzo Giannini. SANGIUSTESE: Apolloni, Di Rosa, Nepa, Ercoli (42’ st Frontini), Doci, Pianaroli, Kamara (6’st M’binte) Scoponi (31’ st Lazzarini) Arcangeletti (14’ st Messi), Mastrillo (19’ st Matteo), Buaka. A disposizione: Raccio, Girotti, Niane, Tarsilla. All. Adolfo Rossi. ARBITRO: Sig. D'Incecco della sezione di Perugia. ASSISTENTI: Sig. Spallone e Niro della sezione di Campobasso. RETI: 32’ pt Mastrillo, 5’ st Pianaroli, 48’ st Vitale.   Cambio di campo per la gara tra Savignanese e Sangiustese. A seguito della richiesta della Società di casa, infatti, la gara in programma domenica 28 aprile alle ore 15.00 sarà disputata presso il campo “Capanni” in via della Resistenza 120 di Savignano sul Rubicone.

19/04/2019
Serie D, Pezzotti risponde a Borrelli: finisce 1-1 il derby tra Sangiustese e Recanatese

Serie D, Pezzotti risponde a Borrelli: finisce 1-1 il derby tra Sangiustese e Recanatese

SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Shiba, Santagata, Perfetti, Patrizi, Scognamiglio, Pezzotti (41’ Tizi), Camillucci (31’ Buaka), Cheddira, Cerone (12’ st Carta), Argento (35’ st De Reggi). A disposizione: Carnevali, Massaroni, Papavero, Guzzini, Pluchino. Allenatore Stefano Senigagliesi.RECANATESE (4-3-1-2): Sprecacè, Dodi (31’ Senigagliesi Luca), Monti (41’ st Rinaldi), Lunardini, Nodari, Esposito, Pera, Olivieri (19’ st Marchetti), Sivilla (36’ st Palmieri), Borrelli, Raparo (36’ st Sopranzetti). A disposizione: Piangerelli, Giaccaglia, Candidi, Gigli. Allenatore: Marco Alessandrini. ARBITRO: Signor Simone Piazzini della sezione di Prato.ASSISTENTI: Sig. ri Andrea Mastrosimone della sezione di Rimini e Nadir Bertozzi della sezione di Cesena.RETI: 12’ pt Borrelli, 23’ pt Pezzotti.NOTE: spettatori 300 circa con rappresentanza ospite; corner 7-5; ammoniti Senigagliesi; Raparo, Nodari e Olivieri; allontanato al 30’ pt dalla panchina mister Alessandrini per proteste; recupero 1’+ 4’. Grandi emozioni al Comunale di Villa San Filippo dove si sfidavano sesta e terza forza del girone F.Formazioni che non deludevano le attese per un match frizzante fin dalle prime battute che si concludeva in parità. Mister Alessandrini, espulso per proteste alla mezz’ora, varava un 4-3-1-2 arrembante con pressing altissimo e Olivieri a svariare alle spalle del duo Pera – Sivilla.Era però una pennellata mancina del talento Borrelli poco prima del quarto d’ora a incendiare l’atmosfera premiando il bellissimo avvio di marca leopardiana. I ragazzi di Senigagliesi, dopo aver faticato un po’ a prendere le misure, trovavano subito il pari con Pezzotti, abile a piegare sul proprio palo i guantoni di Sprecacè e fare subito 1-1.La Sangiustese iniziava ad imbrigliare lo strapotere offensivo giallorosso con Cheddira sempre pericoloso nelle sue accelerate. Sul fronte opposto era bomber Pera invece a tenere in costante apprensione la retroguardia rossoblu con la prima frazione che si chiudeva in perfetto equilibrio tra le due contendenti.Ripresa che si riapriva sulla stessa falsariga dei primi 45’ con tante occasioni da una parte e dall’altra. A gridare vendetta per i locali erano soprattutto il palo pieno centrato da Pezzotti al 15’ st, una ripartenza bruciante di Cheddira che poteva essere finalizzata meglio ed una conclusione di Argento strozzata da Sprecacè sul suo palo.Per il resto diverse le sostituzioni operate dai due tecnici attingendo alle due panchine, quando anche stanchezza e caldo esigevano il proprio tributo dopo una bella battaglia. La gara terminava dunque sull’1-1, con i locali che dovevano attendere le ultime due partite per sapere del loro destino e sperare in un posto utile nel post season, mentre gli ospiti con il risultato odierno si qualificavano matematicamente ai playoff.

18/04/2019
Sangiustese-Recanatese: il commento di Mister Senigagliesi e l'elenco dei convocati alla vigilia del match

Sangiustese-Recanatese: il commento di Mister Senigagliesi e l'elenco dei convocati alla vigilia del match

Dopo la rifinitura mattutina al Comunale di Villa San Filippo è mister Stefano Senigagliesi a presentare il derby di domani. Nel turno pre-pasquale i rossoblù riceveranno a domicilio i leopardiani della forte Recanatese di mister Alessandrini che, dopo l’immeritata battuta di arresto con il Forlì, dovranno necessariamente battere per continuare a sperare nella corsa playoff. “La Recanatese è una squadra indiscutibilmente forte sotto tutti i punti di vista e in tutti i reparti – ha dichiarato il tecnico osimano – se pensiamo ad esempio ai valori che riesce a esprimere dalla cintola in su siamo di fronte a qualcosa di assolutamente mostruoso, sicuramente tra le migliori dell’intera categoria. Pera e Sivilla sono tra i migliori cannonieri del girone, Borrelli è a mio avviso il giocatore più bravo e completo del campionato: se a questi tre fenomeni si aggiunge l’esperienza di un Lunardini penso che siamo davanti a qualcosa di eccezionale. Credo che Lunardini, Camillucci, Biondini, Cascione e De Feudis siano stati il fiore all’occhiello di una stagione che ha visto sfidarsi in campo dei veri mostri sacri. Noi, dal canto nostro, dopo la ferita lacero-contundente che ci è stata inferta a Forlì, abbiamo appurato, passatemi il termine, che non sono stati toccati organi vitali, ma certo a livello psicologico una cosa del genere brucia, eccome. In questo momento siamo fuori dai play-off, ma a nostra parziale consolazione possiamo dire non certo per nostri demeriti. Ciò che è sicuro è che vorremmo tornarci al più presto perché per quanto espresso in questi mesi, se esistessero gli Dei del calcio, noi dovremmo farne parte”. Ed ecco di seguito l’elenco dei giocatori convocati per la gara di domani: Carnevali, Chiodini, Cerone, De Reggi, Guzzini, Santagata, Argento, Perfetti, Papavero, Pezzotti, Carta, Cheddira, Kamara, Pluchino, Buaka, Massaroni, Scognamiglio, Doci, Camillucci, Tizi, Magistrelli, Patrizi, Matteo e Shiba.

17/04/2019
Sangiustese, intervista al Dg Cossu in vista del derby di domenica contro la Recanatese

Sangiustese, intervista al Dg Cossu in vista del derby di domenica contro la Recanatese

Torna subito ad allenarsi la Sangiustese che domenica, dopo l’immeritato stop di Forlì, riceverà a domicilio i leopardiani della Recanatese in un derby che si preannuncia dalle grandi emozioni. Direttore, ripartiamo da Forlì: c’è un po’ di rabbia per l’esito finale di una gara che vi punisce oltre modo per vari motivi? Non c’è rabbia, altrimenti ci dovrebbe essere stata anche contro il Cesena o la Savignanese o in tante altre partite in cui siamo usciti un po’ penalizzati. Ci tengo però a dire una cosa. Tanti anni fa gli arbitri erano veramente scarsi, oggi anche quelli della serie D sono bravissimi, quindi sbagliano se vogliono sbagliare. Sono sempre vicini all’azione così come gli assistenti. Spesso già prima della gara si avvicinano ai giocatori o a noi dirigenti e grazie ai social conoscono già tutto delle persone con cui si relazioneranno, compreso cosa hanno detto nelle interviste. Questo è penalizzante per loro. Spesso poi in mezzo al campo si trovano in seria difficoltà. Noi dobbiamo ripartire dalla grandissima prestazione fatta a Forlì, andarci a giocare i play-off giovedì e poi tirare le somme. Comunque vada, i ragazzi di quest’anno sono stati uomini e giocatori straordinari. Il derby di Recanati sarà uno spartiacque decisivo? Se avessimo fatto risultato a Forlì poteva non esserlo, ma ora diventa decisivo. Mi auguro di riuscire a venirne fuori con una vittoria per riaprire i giochi e per permettere a questi ragazzi di giocarsi fino alla fine la possibilità di fare i play-off. Si sbaglia nel dire che l’ultimo posto disponibile per i playoff è quello che si contendono Francavilla, Sangiustese e Notaresco? Recanatese e Pineto sono già dentro secondo lei? Dipende molto dalla nostra partita e da altri incroci. Il derby con la Recanatese sarà uno spartiacque, poi bisognerà vedere anche cosa succederà al Francavilla, con la Jesina che sicuramente li affronterà non avendo le loro stesse motivazioni. Il Notaresco sarà un po’ penalizzato visto che si dovrà battere con il Cesena in casa. Entrambe le formazioni abruzzesi ci sono avanti di qualche punto, ma se noi dovessimo vincere ed arrivasse, come già capitato in questo girone, qualche altro risultato favorevole, si potrebbe riaprire tutto. Questo finale di stagione spezzatino, con tante festività in mezzo, quanto può incidere sulle gambe dei ragazzi? Più che sulle gambe sulla testa. A livello fisico quello che è fatto è fatto. Come diciamo sempre anche con il mister, quello che abbiamo fatto fino ad adesso è un vero miracolo anche se non andremo ai playoff. Comunque noi vogliamo andarci o almeno provarci fino alla fine    

16/04/2019
Sangiustese, aggiornamento tecnico con coach Senigagliesi per i ragazzi dell'Olimpia Ostra Vetere

Sangiustese, aggiornamento tecnico con coach Senigagliesi per i ragazzi dell'Olimpia Ostra Vetere

Interessante incontro di aggiornamento tecnico quello tenuto dal mister della Sangiustese Stefano Senigagliesi nel pomeriggio di lunedì 15 aprile presso il campo sportivo Puerini dell’Olimpia Ostra Vetere.  Tema dell’incontro “La costruzione del gioco per principi”. In campo ad ascoltare le indicazioni del mister tanti tecnici del settore giovanile locale e di diverse altre Società del territorio, nonché stimati allenatori di altre prime squadre marchigiane. Protagonisti della prima parte sono stati i ragazzi che si sono messi alla prova volentieri seguendo le idee del mister e svolgendo diversi tipi di esercitazioni, volte soprattutto a riconoscere ed attaccare gli spazi, concetto fondamentale. Il pomeriggio è poi proseguito con una lezione teorica. “L’allenatore migliore di tutti è il gioco - ha concluso Senigagliesi - in esso c’è tutto. Me ne rendo conto sempre di più ogni giorno. La crescita dei ragazzi in Italia invece in questi anni è stata rallentata anche dagli allenatori, dal fatto che vogliano incidere tanto e invece si sono solo incastrati in concetti e idee tanto astratti quanto inutili. Il gioco insegna molto meglio di quanto potremmo fare noi”.

16/04/2019
Juniores Sangiustese, il punto di mister Adolfo Rossi in vista della trasferta molisana

Juniores Sangiustese, il punto di mister Adolfo Rossi in vista della trasferta molisana

Ultimo match della regular season per la sorprendente Juniores Nazionale di mister Rossi, decisa più che mai a blindare la piazza d’onore. “La vittoria di sabato è stata molto importante sia dal punto di vista del risultato (ci serviranno due vittorie negli ultimi due turni per ottenere il secondo posto assoluto), sia per ritrovare quel gioco e quella mentalità che ci avevano sempre caratterizzato - ha commentato mister Rossi -. Battere il Giulianova non è stato però affatto facile, perché seppure gli abruzzesi non avevano più nulla da chiedere al campionato, fino al nostro raddoppio ci hanno messo in difficoltà. Anche a Isernia sarà tosta, i molisani sono una formazione che ha dato filo da torcere a tutte le squadre di vertice e ultimamente stanno macinando tanti punti. Noi dovremo approcciare l’incontro con lo stesso atteggiamento e la stessa concentrazione di sabato scorso per portare a casa una vittoria che ci darebbe un risultato impensabile all’inizio e ci consentirebbe di proiettarci con ancora più ottimismo e fiducia ai play-off”.

15/04/2019
Serie D, Sangiustese battuta dal Forlì per 1-0: playoff più lontani

Serie D, Sangiustese battuta dal Forlì per 1-0: playoff più lontani

Al “Morgagni” la Sangiustese in lotta per un posto playoff era chiamata al difficile impegno contro i biancorossi padroni di casa specularmente impegnati per tirarsi invece fuori dalle sabbie mobili della bassa classifica. A imporsi era proprio il Forlì capitalizzando al massimo la prima delle pochissime occasioni create.Formazione rimaneggiata per mister Senigagliesi che sceglieva di tenere a riposo Patrizi. Era dunque Camillucci insieme a Scognamiglio a comporre la coppia centrale in difesa, mentre il tandem di centrocampo vedeva di nuovo Carta affiancato a Perfetti. Novità anche sull’out destro affidato al duo Shiba – Buaka vista la febbre improvvisa di Tizi ed i concomitanti guai muscolari di Argento. Avvio shock per i rossoblù, colpiti a freddo e subito costretti ad inseguire. Cortesi siglava il vantaggio locale sospingendo in rete un pallone respinto dal palo dopo un precedente tiro di Di Benedetto forse battezzato male che ballava sulla linea. Provava subito a riordinarsi la Sangiustese, che, nonostante i ritmi non certo elevati, si impossessava del pallino del gioco. Le conclusioni di Pezzotti, Cerone e Cheddira nella prima mezz’ora non avevano però fortuna, così come a 5’ dal termine della prima frazione il colpo di testa di Shiba sugli sviluppi di un corner.Stesso copione nella ripresa: bianchi ospiti a fare la gara e neri locali a cercare di contenerli e ripartire. Pochissime le emozioni: da segnalare al quarto d’ora una rete annullata per offside a Cheddira servito da Pezzotti. Nell’ultima mezz’ora spazio alle sostituzioni: Campedelli ruotava diversi effettivi, mentre il tecnico marchigiano gettava nella mischia Patrizi, Massaroni e Pluchino. Le palle più pericolose erano però la volée di Cascione respinta da Chiodini con la complicità della traversa e il diagonale di Pluchino respinto proprio sulla linea. Allo scadere la Sangiustese trovava il gol, ma ancora una volta la bandierina alzata vanificava tutto.Anche se immeritato, giungeva dunque uno stop per i rossoblù: testa subito al derby infrasettimanale di giovedì con la Recanatese. Tabellino Forlì-Sangiustese FORLI’(3-5-2): Mordenti, Baldinini (42’ st Mazzotti), Brunetti, Di Benedetto (15’ st Graziani), Cascione, Ambrosini, Croci (28’ st Nigretti), Marzocchi (36’ st Gimelli), Vesi, Cortesi (24’ st Urso), Possenti. A disposizione: Semprini, Del Sante, Bungaja, Cenci. Allenatore: Nicola Campedelli.SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Shiba, Santagata, Perfetti (34’ st Pluchino), Camillucci, Scognamiglio, Pezzotti, Carta (17’ st Patrizi), Cheddira, Cerone, Buaka (32’ st Massaroni). A disposizione: Carnevali, De Reggi, Ercoli, Papavero, Guzzini, Doci. Allenatore Stefano Senigagliesi.ARBITRO: Signor Edoardo Gianquinto della sezione di Trapani.ASSISTENTI: Sig. ri Alessandro Cremona della sezione di Genova e Daniele Santini della sezione di Savona.RETI: 4’ pt Cortesi.NOTE: spettatori 350 circa con piccola rappresentanza ospite; corner 2-8; ammoniti Graziani, Marzocchi e Possenti; recupero 1’ + 5’. Cronaca Forlì-Sangiustese PRIMA FRAZIONE 4’ pt: GOL!! Cortesi realizza da due passi. 13’ pt: Mordenti si oppone bene al diagonale di Cheddira.21’ pt: con i pugni Chiodini respinge la conclusione di Ambrosini.24’ pt: il tiro al volo di Pezzotti dalla sinistra di poco sopra la traversa. 36’ pt: Shiba si accentra e scocca la conclusione dalla destra. L’estremo locale si fa trovare pronto. 40’ pt: spinge la Sangiustese che guadagna però solo un doppio corner. Sugli sviluppi di uno di questi il colpo di testa di Shiba termina alto.45’ pt: Cortesi si invola verso la porta ospite ma calcia fuori. SECONDA FRAZIONE 2’ st: subito un doppio angolo per la Stese. 11’ st: Pezzotti mette al centro per Cheddira che insacca. Il guardalinee ravvisa un offside: la rete viene annullata.24’ st: Cerone alto dal limite.36’ st: Mordenti fa buona guardia sull’ incornata da corner.38’ st: con la complicità della traversa Chiodini respinge la volée di Cascione.41’ st: Il diagonale di Pluchino viene respinto sulla linea.47’ st: altra rete annullata alla Sangiustese per fuorigioco.

14/04/2019
Juniores Sangiustese, vittoria per 3-0 contro il Real Giulianova

Juniores Sangiustese, vittoria per 3-0 contro il Real Giulianova

La Juniores della Sangiustese batte per 3-0 nel match delle 16:00 a Torre San Patrizio il Real Giulianova e si proietta con grande ottimismo per il proprio secondo posto verso l’ultima gara della regalar season, in programma venerdì prossimo. Il pregevole tocco di Messi smarcava nella prima frazione Kamara che a tu per tu con il portiere abruzzese non gli lasciava scampo portando in vantaggio i padroni di casa.    Ripresa sempre in controllo per i rossoblù con mister Ettorre a far ruotare gli effettivi ed un Raccio sempre attento a blindare la propria porta. Il bis arrivava in mischia con Messi, il 3-9 portava la firma di Ercoli servito da  M’binte.   Soddisfattissimo il tecnico locale Adolfo Rossi.  “In questa partita cercavamo risultato e prestazione. Li abbiamo ottenuti - ha dichiarato - pur soffrendo nei primi minuti. Siamo passati in vantaggio con un bellissimo goal frutto di una palla filtrante capitalizzata da Kamara. Nonostante tante azioni create e non concretizzate la partita poi è stata chiusa nella ripresa quando siamo entrati in campo concentrati e dopo una mischia abbiamo finalmente raggiunto il raddoppio per poi alla fine trovare anche il tris. Al di là del punteggio che poteva essere ancora più largo, i ragazzi si sono comportati bene come atteggiamento, gioco e aggressività e questo è di buon auspicio per la partita di Isernia nella quale saremmo costretti nuovamente a vincere per mantenere il secondo posto”.     SANGIUSTESE - REAL GIULIANOVA 3-0   SANGIUSTESE: Raccio, Di Rosa, Nepa, Guzzini, Doci, Girotti, Niane (19’ st M’binte), Ercoli (35’ st Rogani), Messi (22’ st Matteo), Kamara (30’ st Mastrillo), Frontini (32’ st Pianaroli). A disposizione: Apolloni, Lazzarini, Scoponi, Tarsilla. All. Adolfo Rossi. REAL GIULIANOVA: D’Ilario (30’ st Quaranta), Mauloni (45’ pt Ricchioni), Splendiani, Malavolta, Di Giuseppe, Cipriani, Menei, Fondrieschi (22’ st Marroni) Pierabella (39’ st D’Andrea), Forcini, Staffelli (1’ st Francioni). All.: Giulio Ettorre. ARBITRO: Sig. Renzi della sezione di Pesaro. ASSISTENTI: Sigg. Bellagamba e Ramadori della sezione di Macerata. RETI: 29’ pt Kamara, 19’ st Messi, 34’ st Ercoli.

13/04/2019

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433