Scuola e università

Corridonia, "Scuola sicura": nessun positivo su 740 tamponi eseguiti

Corridonia, "Scuola sicura": nessun positivo su 740 tamponi eseguiti

“Si è conclusa la prima parte del progetto "Scuola sicura" promosso dal Comune di Corridonia per lo screening rivolto alla popolazione scolastica. In tre giorni, venerdì, sabato e ieri, tra alunni, docenti e personale ata sono stati effettuati oltre 740 tamponi rapidi antigenici e sono tutti risultati negativi”. Lo comunica l’amministrazione comunale. Nessuna classe, quindi,  degli istituti comprensivi Manzoni e Lanzi e dell’infanzia paritaria Niccolai  sarà messa in quarantena. Successo dunque per il progetto di screening organizzato del Comune in collaborazione con gli istituti scolastici, utile per il monitoraggio della diffusione del virus,  il quale ha visto un’ampia partecipazione da parte di studenti, insegnanti e personale Ata.

Camerino, scuole chiuse per Covid: servizio mensa rimborsato dal Comune

Camerino, scuole chiuse per Covid: servizio mensa rimborsato dal Comune

Sono state rimborsate le quote parte della quota fissa pagata dalle famiglie per i bambini della scuole di Camerino che usufruiscono della mensa scolastica, dopo che, nei mesi scorsi gli istituti scolastici sono stati chiusi a causa del Covid. Con una delibera della Giunta comunale è stato previsto il rimborso alle famiglie di quanto versato in eccedenza per il servizio delle mensilità dell'anno scolastico 2019/2020, non usufruito a causa della sospensione dell’attività scolastica lo scorso marzo, disposta dalle autorità statali per l’emergenza sanitaria da Covid 19. In particolare le quote saranno rimborsate per i bambini delle scuole dell’infanzia Aquilone e Ortolani, nonché per coloro che usufruiscono del servizio mensa delle scuole primarie Ugo Betti e Salvo d’Acquisto: “Lo abbiamo ritenuto un piccolo gesto, ma doveroso nei confronti delle famiglie alla luce delle prolungate chiusure, con la seguente sospensione di un servizio – ha spiegato il sindaco di Camerino Sandro Sborgia – Per questo motivo, almeno per ciò che è di competenza comunale, abbiamo cercato di andare in contro alle famiglie. Con i bambini che sono rimasti a casa, abbiamo deciso di restituire il costo di una parte della quota fissa del servizio mensa, dal momento che non è stato utilizzato per un periodo”. I rimborsi avverranno in automatico entro il mese di gennaio. Per coloro che usufruiscono del servizio mensa nell’anno scolastico in corso (202072021), la quota sarà scalata dalle mensilità dei mesi di novembre e dicembre.  

"Acquaroli, ce senti? Riapri le scole": continua la protesta in Regione di studenti e insegnanti

"Acquaroli, ce senti? Riapri le scole": continua la protesta in Regione di studenti e insegnanti

"Acquaroli, ce senti? Riapri le scole". Studenti, insegnanti e genitori sono tornati sotto la sede della Regione, usando anche il dialetto, oggi pomeriggio, per la terza manifestazione indetta dal comitato 'Priorità alla scuola' che contesta l'ordinanza che nelle Marche ha prolungato la didattica a distanza nelle superiori fino al 31 gennaio. Mentre a Palazzo Leopardi era in corso il Consiglio regionale, i manifestanti si sono riuniti nel piazzale antistante l'ingresso, srotolando due striscioni, di cui uno scritto in dialetto, per ribadire al presidente della Regione di riaprire le scuole. Un centinaio i presenti, con polizia e carabinieri a presidiare la manifestazione. Forti delle ultime parole ribadite anche dal ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, che ha detto che la didattica a distanza oggi non può più funzionare, i manifestanti hanno preso la parola per farsi sentire sulle ragioni del ritorno a scuola in presenza. La protesta è iniziata alle 15 ed è proseguita fino a quando una delegazione è stata ricevuta dall'assessore regionale all'Istruzione Giorgia Latini. (Foto: ANSA).    

Unicam, 14 docenti e ricercatori tra gli scienzati più citati al mondo: c'è anche il rettore

Unicam, 14 docenti e ricercatori tra gli scienzati più citati al mondo: c'è anche il rettore

Ottima notizia per la ricerca scientifica dell’Università di Camerino. Sono, infatti, ben 14 i docenti e ricercatori Unicam presenti nell’elenco elaborato dall’Università di Stanford che riporta i centomila scienziati più citati al mondo, in base all'impatto scientifico delle loro ricerche nel 2019. Lo studio, condotto da John Ioannidis della Stanford University insieme a Kevin Boyack e Jeroen Baas, recentemente pubblicato sulla rivista internazionale Plos Biology, ha riportato infatti un elenco dei ricercatori più citati nel mondo. La ricerca si basa sui dati ricavati a maggio 2020 dal database per la ricerca scientifica mondiale 'Scopus', dati poi aggiornati con gli indicatori di citazioni standardizzate per l’anno 2019, relativi a ben 7 milioni di ricercatori di università e centri di ricerca di tutto il mondo, in 22 campi scientifici e 176 sottocampi. I 14 docenti Unicam sono: Fabio Marchesoni, Claudio Pettinari, Carlo Santulli, Filippo Maggi, Marino Petrini, Stefano Mancini, Roberto Ciccocioppo, Roberto Ballini, Carlo Santini, Andrea Di Cicco, Emanuele Tondi, Paolo Tombesi, Paolo Blasi e Giacomo Rossi. Analoga classifica basata sugli stessi indicatori è disponibile anche per l’intera carriera. Anche qui figurano 14 docenti e ricercatori tra i primi centomila scienziati mondiali più citati: Fabio Marchesoni, Claudio Pettinari, Roberto Ballini, Stefano Mancini, Francesco Amenta, Roberto Ciccocioppo, Marino Petrini, Michael Carroll, Andrea Di Cicco, Paolo Tombesi, Gloria Cristalli, Carlo Santulli, Andrea Dall’Asta e Filippo Maggi. “Si tratta di un importante riconoscimento – ha sottolineato con soddisfazione il Rettore Unicam Claudio Pettinari – per tutto il nostro Ateneo, un successo che conferma l’eccellenza della qualità della ricerca scientifica Unicam, riconosciuta dall’intera comunità scientifica internazionale”. Lo studio completo è disponibile nel sito della rivista Plos Biology al link: clicca qui  

Macerata, Open Day virtuale e visite in presenza all'Ite "Gentili": via al progetto “Global Marketing"

Macerata, Open Day virtuale e visite in presenza all'Ite "Gentili": via al progetto “Global Marketing"

Nelle giornate del 15 e 16 Gennaio l’Istituto tecnico economico “Gentili” di Macerata apre le porte al pubblico;  Venerdì prossimo la scuola sarà aperta straordinariamente dalle 17 alle 20, su prenotazione per piccoli gruppi e nel rispetto di tutte le norme relative al contenimento della pandemia; in questa giornata i visitatori potranno conoscere tutte le offerte dell’Istituto, in particolare le articolazioni: economico-amministrativa, informatica, linguistica ed i due progetti: lo Sportivo, già in essere da tre anni e ben consolidato ed il nuovo progetto “Global Marketing”, volto a promuovere competenze relative al web marketing attraverso le certificazioni linguistiche ed informatiche, inserite nel curricolo dello studente.  Sabato 16 Gennaio la scuola sarà a disposizione degli interessati sia per una visita guidata in presenza, su prenotazione e per piccoli gruppi, dalle ore 14,30 alle 16, che tramite due collegamenti online, dalle 16,00 alle 17,30 e dalle 17,30 alle 19. Genitori ed alunni avranno la possibilità di visitare la scuola, i suoi laboratori, le aule, le palestre e tutte i luoghi dove vengono formati i giovani studenti. Ad accogliere le famiglie interessate saranno i docenti dell’istituto; la professoressa Paola Palmucci, responsabile dell’Orientamento, ricorda che è possibile prenotarsi per le visite e che tutte le informazioni sono reperibili nel sito della Scuola, oltre che sulle pagine Facebook e Instagram

Unimc svela in presenza il Master in 'Global Management for China': 28 iscritti alla settima edizione

Unimc svela in presenza il Master in 'Global Management for China': 28 iscritti alla settima edizione

Con 28 studenti, quasi tutti in aula e solo pochi collegati online, l’Università di Macerata ha inaugurato la settima edizione del Master in Global Management for China organizzato in consorzio con la Ca’ Foscari di Venezia, L’Orientale di Napoli e l’Università Roma Tre. “Con il master – commenta il rettore Francesco Adornato -  l’Ateneo propone ulteriori spazi di approfondimento scientifico e culturale sulla Cina. Vorrei tuttavia sottolineare la profonda emozione nell’inaugurare in aula il master che, nel rispetto delle regole sanitarie, propone comunque l’essenza dell’esperienza formativa universitaria: la presenza. Quella di stamattina è stata una scelta incoraggiante e di fiducia per il futuro che ci attende e che vogliamo costruire ancora più luminoso di prima”. Come hanno spiegato la direttrice del master Francesca Spigarelli e il direttore dell’Istituto Confucio Giorgio Trentin, la Cina costituisce la seconda economia – che diventerà prima entro il 2028 secondo le ultime previsioni - del mondo per Pil, leader per esportazioni e capacità di attrazione degli investimenti diretti esteri. Le relazioni con il gigante asiatico sono di vitale importanza per molte imprese italiane, soprattutto quelle operative nei settori del made in Italy. Nello scenario post- Covid sono richieste nuove strategie sia di approccio al mercato cinese, sia di gestione delle relazioni di fornitura e di clientela. Oltre alle competenze linguistiche e culturali, le imprese richiedono giovani in grado di affrontare scenari in continuo mutamento attraverso strumenti economici e giuridici nonché una conoscenza adeguata del funzionamento e dei meccanismi sottostanti le catene globali del valore. Obiettivo del master in Global Management for China è proprio quello di formare professionisti in grado di supportare i processi di internazionalizzazione delle imprese italiane che operano in Cina e di quelle cinesi che investono in Italia. Il percorso formativo, che prevede lezioni, esercitazioni e testimonianze di professionisti ed esperti – oggi era presente il copywriter, creativo e docente di comunicazione Francesco Cardinali - si basa su due aspetti fondamentali: l’uso della lingua cinese e il taglio pratico/applicativo.

Neve, scuole chiuse in diversi comuni del Maceratese

Neve, scuole chiuse in diversi comuni del Maceratese

Nevica nell'entroterra: i sindaci di diversi comuni del Maceratese hanno disposto la chiusura delle scuole.  Considerata l’allerta meteo della Protezione civile regionale, che prevede cumulate di neve fresca tra i venti ed i sessanta centimetri a seconda dell’altitudine fino alla mezzanotte,  alcuni sindaci hanno preso la decisione  di tenere chiuse le scuole a scopo precauzionale. Lo hanno fatto con apposita ordinanza il primo cittadino di Fiuminata Vincenzo Felicioli, quello di Sefro Pietro Tapanelli e il sindaco di Pioraco Matteo Cicconi. Disposta anche dal sindaco Sandro Sborgia di Camerino la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Anche a Pieve Torina asilo, primaria e scuola media saranno serrate. Nel tardo pomeriggio anche i Comuni di Visso, Castelraimondo, Muccia, Gagliole e Valfornace hanno disposto la chiusura. Fiocchi di neve che sono caduti anche a Tolentino e San Severino Marche. Stanno valutando l’evolversi della situazione i sindaci di Cingoli, San Ginesio e Monte San Martino, che potrebbero decidere domani mattina. Al momento le scuole domani saranno aperte a Ripe San Ginesio, Sarnano e Matelica, località anch'esse interessate dalle precipitazioni nevose.

Potenza Picena, continuano i lavori nelle scuole: occhi puntati sulla nuova Primaria

Potenza Picena, continuano i lavori nelle scuole: occhi puntati sulla nuova Primaria

Proseguono i lavori per la realizzazione della nuova scuola primaria di Porto Potenza e quelli relativi all’efficientemento energetico, impermeabilizzazione e rifacimento delle pareti della palestra del plesso scolastico in via dello sport capoluogo. Sta lavorando, invece,  la commissione di gara per l’individuazione dello studio di progettazione che si occupera’ dell’adeguamento sismico della scuola media di porto potenza per un importo complessivo di circa  4  milioni di euro che permettera’ di avere una struttura scolastica nuova.  Lo rende noto l'Aministrazione Comunale di Potenza Picena che fa il punto sugli interventi in corso nei plessi scolastici della città.  "Come comunicato in più circostanze istituzionali - spiega il Comune -  c’è l’impegno rivolto all’ approfondimento sullo stato delle strutture dell'edificio scolastico che ospita la scuola dell'infanzia a porto potenza picena. va ricordato che a seguito del sisma del 2016 e’ stata effettuata una campagna di sopralluoghi che hanno evidenziato danni leggeri alle strutture verticali ed ai solai che facevano ritenere l’edificio “agibile” pur tuttavia “a scopo precauzionale”consigliavano “una puntellazione temporanea” oltre che la manutenzione straordinaria delle strutture portanti. La situazione e’ stata monitorata con nuovi sopralluoghi e nel mese scorso e’ stato affidato apposito incarico professionale allo studio dell’architetto andrea fratoni.  a breve avremo l’esito delle prove di laboratorio e la conseguente redazione della relazione sulla struttura al fine dell'individuazione delle possibili soluzioni di intervento".    

Open Day all'Ipsia "Renzo Frau", sei percorsi didattici proposti: come partecipare

Open Day all'Ipsia "Renzo Frau", sei percorsi didattici proposti: come partecipare

Ripartono le giornate di Orientamento e Open Day dell’IPSIA “Renzo Frau” di Sarnano, San Ginesio e Tolentino. Ogni fine settimana del mese (9,16,23 gennaio) a partire da domani, appuntamento dalle 16 alle 18 con i Frau Saturdays For Future sulla piattaforma Meet di Google e, su prenotazione e nel rispetto delle normative anti-Covid, anche in presenza. Da sempre attento all’inclusione e al dialogo, l’Istituto organizza una serie di attività per accompagnare gli studenti delle terze medie e le loro famiglie nella scelta del percorso formativo più adatto alle propensioni e alle passioni dei ragazzi. I docenti, in collegamento dalle tre diverse sedi dell’Istituto, presentano i sei percorsi didattici proposti dall’IPSIA Frau, adattando le attività di orientamento alle nuove forme della comunicazione dell’era COVID. Per Sarnano si mostreranno laboratori, attività e offerta sia dell’indirizzo Chimico-Biologico, correlato al percorso “Benessere”, che forma operatori estetici e acconciatori e allo stesso tempo sviluppa competenze nel settore dell’industria cosmetica, sia del nuovo indirizzo Meccanica ed Energia, che vuole rendersi specifico per le tecnologie specifiche legate alle energie rinnovabili. Per San Ginesio gli incontri si focalizzeranno sulla presentazione dei laboratori dell’indirizzo Arredo e forniture d’Interni, sviluppati intorno alla figura del nuovo artigiano tecnologico che unisce design e lavorazioni attraverso macchinari di ultima generazione, e quelli dell’indirizzo Meccanica, Elettronica e Automazione, che preparano alla programmazione CNC, alla realizzazione di impianti lettrici e elettronici e alla produzione meccanica. Per Tolentino si apriranno, infine, i laboratori del percorso Moda, delle produzioni tessili e sartoriali, che accompagna gli studenti dalla progettazione stilistica alla realizzazione delle confezioni, e quelli del percorso Meccanica specifico per la formazione di tecnici specializzati nella manutenzione dei mezzi di trasporto al passo con le nuove tecnologie. I docenti saranno disponibili a rispondere ai dubbi, alle curiosità, e alle preoccupazioni dei genitori. Le famiglie potranno accedere attraverso i seguenti link: Sede di Sarnano: meet.google.com/tad-vght-vzu; Sede di San Ginesio: meet.google.com/vyf-brqw-yyn; Sede di Tolentino: meet.google.com/fvm-asqh-ajn In concomitanza degli Open Day sarà sempre attivo il Call Center "Chiama Frau”. Info al sito https://www.ipsiarenzofrau.edu.it/orientamento-in-entrata  

Unicam, resilienza post-disastro: il caso di nonna Peppina in una pubblicazione internazionale

Unicam, resilienza post-disastro: il caso di nonna Peppina in una pubblicazione internazionale

E’ stato appena pubblicato nel UC Hastings Women's Law Journal, rivista dell’università californiana Husting College, uno studio dedicato a storie di resilienza al femminile. Tra gli autori figura la prof.ssa Lucia Ruggeri, direttore della Scuola di Specializzazione in Diritto civile dell’Università di Camerino, la quale ha illustrato la vicenda dell’anziana donna costretta ad abbandonare la sua casa (cosiddetto caso di “Nonna Peppina”) e la legislazione emergenziale da essa scaturita.  La pubblicazione è frutto di una collaborazione internazionale che vede impegnati l’Ateneo di Camerino, la State University della Louisiana con la prof.ssa Lecia Vicente e l’Università Toyo di Tokyo con la prof.ssa Kozue Kashiwazaki.  Oggetto della collaborazione è l’analisi della legislazione adottata dai tre Stati per verificare in quale misura sia garantito il diritto delle popolazioni colpite da disastri a poter restare nella loro terra.  Lo studio, a carattere multidisciplinare, prende in considerazione le politiche legislative riguardanti sostegni e aiuti per la rivitalizzazione economica, la rapidità della ricostruzione, il mantenimento di servizi necessari. Il tema del diritto a restare nelle proprie terre di origine è declinato avendo riguardo alle popolazioni colpite da disastri naturali (terremoti, inondazioni ecc.) che per la loro violenza e imprevedibilità possono costringere in via emergenziale intere popolazioni a spostarsi dai luoghi di origine.  La tematica, di rilevante significato per le aree interne marchigiane colpite dal sisma del 2016, è stata, peraltro, oggetto di un recentissimo finanziamento ottenuto dal team UNICAM grazie ai Fondi Strutturali e di Investimento Europei erogati dalla Regione Marche e verrà, pertanto, ulteriormente indagata in un quadro progettuale attento alle esigenze e alle peculiarità dell’entroterra marchigiano con l’interlocuzione preziosa degli enti locali impegnati nel difficile cammino della ricostruzione.    

Macerata, Open day e laboratori: un gennaio ricco di appuntamenti all'Itas "Matteo Ricci"

Macerata, Open day e laboratori: un gennaio ricco di appuntamenti all'Itas "Matteo Ricci"

Non solo due fine settimana di Open Day, ma anche numerosi laboratori attendono gli studenti delle terze medie, per consentire loro di conoscere meglio gli indirizzi e le materie che li caratterizzano. L’’IIS “Matteo Ricci di Macerata”, uno dei più grandi e prestigiosi Istituti della provincia di Macerata, ha organizzato ulteriori due fine settimana di Scuola aperta online: In occasione di questi Open Day verranno aperte 4 stanze virtuali in cui la Dirigente Scolastica Rita Emiliozzi e i docenti presenteranno l’Istituto e i suoi indirizzi, con attività laboratoriali curate dagli alunni che frequentano l’Istituto,  che renderanno tangibile ciò che la Scuola realizza con e per i ragazzi. Gli studenti e le loro famiglie potranno collegarsi alle varie stanze tramite i link presenti sul sito della scuola (https://www.iismatteoricci.edu.it/). Il “Matteo Ricci” offre  3 indirizzi per 5 opportunità:  Liceo delle Scienze Umane,  Liceo Economico Sociale, Chimica Materiali e Biotecnologie - articolazione sanitaria, Chimica Materiali e Biotecnologie - articolazione. ambientale Turismo.  Per aiutare gli studenti a farsi un’idea più chiara in merito alle discipline che caratterizzano i diversi indirizzi, al Ricci è stata anche organizzata una pregevole iniziativa: “Un giorno alle superiori -  online edition”  numerosi laboratori di didattica attiva sulle discipline di indirizzo che si svolgeranno nel mese di gennaio (nei giorni 13, 14, 19, 20 dalle ore 14.30 alle 17.15) ai quali gli studenti delle Scuole Secondarie di primo grado  potranno prenotarsi, tramite i loro referenti per l’Orientamento. Al fine di fornire il più ampio supporto agli studenti e alle famiglie, l’Istituto ha predisposto ulteriori e fondamentali servizi: Un numero di telefono dedicato, attivo tutti i giorni, a cui è possibile rivolgersi per qualsiasi dubbio e necessità legati alla scelta della scuola: 339-7223455. L’assistenza da parte della Segreteria circa la procedura di iscrizione, per telefono,  tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 12.30  e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle ore 14.00 alle ore 16.30,  e in presenza, previo appuntamento telefonico, nei fine settimana fino al 25 gennaio. Colloquio privato con la Dirigente,  previo appuntamento telefonico. Un portale dell’orientamento (https://www.iismatteoricci.edu.it/), ricco di opportunità, anche divertenti, come il Virtual Tour Videogame: una visita virtuale dell’Istituto in compagnia di avatar a cui hanno dato voce le stesse insegnanti della scuola;  una bacheca con le video testimonianze degli ex-alunni: un utile strumento per farsi un’idea e uno stimolo a guardare con entusiasmo in direzione del proprio futuro;  la descrizione dettagliata degli indirizzi di studio - con il relativo quadro orario e gli sbocchi professionali e universitari - e la presentazione della progettazione per l’ampliamento dell’offerta formativa - che prevede tra l’altro corsi di preparazione alle certificazioni informatiche e linguistiche. Il “Matteo Ricci” di Macerata dunque aspetta i suoi futuri studenti per ora online e presto, con fiducia e ottimismo, anche in presenza, come sempre accogliente e attento alle esigenze di tutti, fedele agli ideali  incarnati dall’illustre gesuita, di cui l’Istituto porta orgogliosamente il nome. 

Scomparsa Don Pigini: il commosso ricordo del rettore Adornato

Scomparsa Don Pigini: il commosso ricordo del rettore Adornato

Don Lamberto Pigini è stato il primo laureato honoris causa in scienze della formazione all’Università di Macerata.  L’anno era il 2004 e rettore Roberto Sani.  “Don Lamberto Pigini - sottolinea il rettore Francesco Adornato - è stato l’esempio di come sia possibile mettere l’impresa a servizio dello sviluppo sociale e umano, dei singoli e dell’intero territorio, combinando insieme etica e profitto, i diritti della persona con il dovere dello sviluppo imprenditoriale. Mi piace ricordarlo attraverso l’efficace ritratto tratteggiato dal professor Michele Corsi, allora preside della facoltà di Scienze della formazione, nella laudatio per il conferimento della laurea honoris causa: sacerdote e imprenditore, perché ha saputo coniugare la capacità di impresa e l’apertura all’innovazione, caratteristici dello spirito imprenditoriale marchigiano, con la passione per la formazione morale e civile delle nuove generazioni. È questo lo spirito che ha visto Don Pigini impegnato in ambito educativo, dapprima come promotore e animatore di iniziative di largo respiro nel settore della formazione professionale e della riqualificazione dei lavoratori, in seguito come editore specializzato noto a livello internazionale per la produzione di sussidi per la didattica delle lingue straniere e di strumenti multimediali per l’intrattenimento e l’educazione dell’infanzia e della gioventù, offrendo un notevole contributo alla crescita etico civile e allo sviluppo economico e sociale del paese”.  “Chi lavora nel sociale e, in particolare, nella formazione dei bambini, dei ragazzi e dei giovani lavora per l’obiettivo di far crescere l’uomo nei suoi veri grandi valori”. Questo fu il messaggio finale lanciato da Don Pigini al termine della sua Lectio Doctoralis. “Il mio grande desiderio è che quanti operano con me in questo difficilissimo e tanto importante settore della comunicazione e della formazione possono sempre conservare il loro entusiasmo e il massimo impegno per un lavoro altamente professionale e sempre rispettoso del mondo dei piccoli”.

Valfornace, Neri Marcoré "duetta" con gli alunni in un video dedicato al maestro Morricone

Valfornace, Neri Marcoré "duetta" con gli alunni in un video dedicato al maestro Morricone

Lo straordinario attore, comico e regista Neri Marcorè che “duetta” in video con gli alunni della scuola media “Ugo Betti”. Accade a Valfornace, dove l’emergenza Covid non ha certo fermato la creatività degli studenti dell’Istituto Comprensivo “Mons. Paoletti” di Pieve Torina e dei loro insegnanti. Impossibilitati ad organizzare la consueta rappresentazione per il Natale, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, ragazzi e prof hanno realizzato un video dedicato alla memoria del maestro Ennio Morricone. Nei fotogrammi anche Marcorè, in qualità di ospite davvero d’eccezione. A fare da tramite tra il grande artista e l’istituto scolastico il direttore artistico di RisorgiMarche, Giambattista Tofoni, che ha convinto Neri a voler “sperimentare” una formula inedita ma assolutamente creativa per i giovani allievi. Il video è stata una vera “lezione” per tutti. Artistica, certo, ma anche di vita. “Ringrazio di cuore della considerazione, confesso di aver avuto una stretta al cuore quando mi avete invitato con un videomessaggio a partecipare a questa iniziativa – sottolinea Marcorè nella sua apparizione che accompagna le immagini delle esibizioni dei ragazzi con i quali si complimenta per l’impegno – La musica è effettivamente un veicolo e un mezzo che aiuta a sentirsi meglio e a superare le difficoltà. Anche io ho scelto la musica, col supporto di tanti amici, proprio per sostenere un progetto che conoscete benissimo che è quello di RisorgiMarche che vuole segnare una ripartenza che ripartisse da un presupposto fondamentale che è quello di ricostruire lo spirito". "Vi saluto dandoci appuntamento a un 2021 che dovrà essere, per forza di cose – scherza il comico - un anno sicuramente migliore di quello che abbiamo appena passato. Ma vi invito, comunque, anche a prendere il meglio dalle cose che la vita ci regala”. Tra i tanti contributi anche quelli del Dirigente Scolastico, Maurizio Cavallaro, che si è esibito riprendendo le musiche del film “Nuovo Cinema Paradiso”, e di Riccardo Minnucci di Officine Mattòli, già curatore per la scuola secondaria di Valfornace del progetto “Cineforum”. Straordinario professionista della regia, Minnucci ha abilmente inserito nel video creato dagli studenti le immagini più belle e suggestive dei film più noti di Sergio Leone, le cui colonne sonore sono state eseguite ed animate con coreografie direttamente dai piccoli alunni. La piccola ma vivace scuola di Valfornace, nonostante le dure prove del sisma del 2016 prima e del Covid ora, in controtendenza rispetto a tutto l’entroterra ha visto aumentare i propri iscritti. Un segnale, questo, della volontà di rinascita ma anche un profondo motivo di speranza in un momento in cui di speranza sembra servirne ancora. Tra i ringraziamenti finali il più sentito è stato quello rivolto agli alunni e agli insegnanti, ma anche a Marcorè, dal sindaco di Valfornace, Massimo Citracca, a nome di tutta l’Amministrazione comunale. Il video è visibile a tutti sul sito della Scuola https://comprensivopievetorina.edu.it/le_scuole/ugo-betti-2/

Regione Marche, slitta a febbraio il rientro a scuola: pronta una nuova ordinanza di Acquaroli

Regione Marche, slitta a febbraio il rientro a scuola: pronta una nuova ordinanza di Acquaroli

La giunta regionale si è confrontata questo pomeriggio in merito all’andamento epidemiologico nelle Marche e, anche a seguito della concertazione avuta dall’assessore all’istruzione con il mondo della scuola, ha deciso di far proseguire la didattica a distanza per le scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, al 100% fino al 31 gennaio. Per questo il Presidente della giunta regionale, Francesco Acquaroli, emanerà domani, martedì 5, un’ordinanza che formalizza questa decisione, assunta allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus e garantire quanto più possibile la salute e la sicurezza dei cittadini e la tenuta delle strutture ospedaliere. Il provvedimento entrerà in vigore il 7 gennaio e disporrà che le istituzioni scolastiche di secondo grado continuino a svolgere le lezioni tramite il ricorso alla didattica a distanza al 100%. Restano garantite in presenza le attività laboratoriali e quelle per alunni con disabilità o bisogni educativi speciali. La giunta si riserva comunque la possibilità di revoca o modifiche del provvedimento sulla base dell’andamento della situazione epidemiologica regionale. L’assessore regionale all’Istruzione Giorgia Latini ha convocato per questo pomeriggio una riunione urgente con la Direzione scolastica regionale per discutere l’ evoluzione delle disposizioni per la didattica in presenza al 50% dal 7 gennaio per le scuole secondarie, in considerazione degli aggiornamenti dei dati pandemici. Era presente anche l’assessore ai Trasporti, Guido Castelli.  “Un’occasione utilissima di confronto e condivisione –ha rimarcato l’assessore Latini – anche alla luce delle decisioni che la giunta regionale dovrà prendere in tempi rapidissimi su questo argomento che coinvolge tante famiglie e lavoratori della Scuola. Certo i dati non sono propriamente confortanti anche a livello nazionale e per di più da ieri sera sono stati ristretti ulteriormente i parametri che stabiliscono l’ingresso nelle zone arancioni o rosse: si passa ad arancione con un Rt di 1,00 e in rossa da 1,25. Modifiche assurde fatte a 4 giorni dalla riapertura mentre avevamo lavorato insieme al mondo della Scuola per garantire la riapertura al 50% in presenza sulla base dei parametri precedenti. E avremo un elemento certo sulla collocazione della nostra regione in zona arancione o gialla non prima di venerdì prossimo. Il nostro obiettivo è raggiungere una riapertura delle scuole in continuità e in sicurezza, evitando continue ordinanze di chiusura e riapertura: un’altalena che produrrebbe ulteriore incertezza e non servirebbe a nessuno . Il mio orientamento è quello di seguire altre regioni che hanno richiesto un posticipo della riapertura al 31 gennaio. Data che ci permetterebbe di avere tempi utili per consolidare i dati più favorevoli in termini epidemiologici, mantenendo le attività laboratoriali in presenza così come quelle dedicate ai disabili e una didattica a distanza al 100%. Nulla toglie che se la situazione migliorerà prima, potremo aggiornare le disposizioni per la riapertura. “   Una decisione che riguarderebbe quindi solo le scuole secondarie , mentre per le primarie resta tutto come prima delle festività natalizie. Hanno partecipato alla riunione, oltre al Direttore scolastico Marco Ugo Filisetti, anche i rappresentanti dei dirigenti scolastici, dei sindacati degli insegnanti e rappresentanti della consulta degli studenti e dei genitori. In maggioranza hanno convenuto di aspettare, per la riapertura al 100% delle scuole, un dato certo sul collocamento della regione se in zona gialla o arancione. Anche il 50% non garantirebbe una sicurezza dal rischio sanitario, secondo alcuni dirigenti scolastici.

San Severino, tariffa mense: sospeso il pagamento nel mese di dicembre

San Severino, tariffa mense: sospeso il pagamento nel mese di dicembre

L’Amministrazione comunale di San Severino Marche ha deciso di esonerare le famiglie dal pagamento del servizio di refezione scolastica per il mese di dicembre 2020. Il provvedimento, annunciato dal sindaco Rosa Piermattei nel corso dell’ultima seduta dell’Assise settempedana, comporterà una spesa complessiva superiore ai 24mila euro. L’Amministrazione inoltre, per venire incontro a tutti i cittadini, ha deciso di impegnare la somma di 131.843,59 euro per l’esonero dal pagamento della terza rata del ruolo Tari per l’anno 2020 in favore delle utenze non domestiche corrispondenti ad attività economiche. Infine la somma di 30mila euro è già stata destinata dalla Giunta comunale quale contributo straordinario alla Casa di riposo “Lazzarelli”, sempre nell’ambito degli interventi economici stanziati per affrontare l’emergenza sanitaria da Covid-19. Va avanti, intanto la distribuzione dei buoni alimentari alle famiglie. Lo Stato ha assegnato al Comune di San Severino Marche la somma di euro 77.254,73. Di questi risultano già assegnati oltre 50mila euro.

Civitanova, come scegliere la scuola giusta: evento online per gli studenti di terza media

Civitanova, come scegliere la scuola giusta: evento online per gli studenti di terza media

Accompagnare studenti e famiglie in una fase delicata come quella della scelta degli studi superiori: con questo intento l’Amministrazione comunale di Civitanova Marche organizza, la mattina di lunedì 11 gennaio, un incontro sulla piattaforma web della rete civica, per fornire un primo supporto informativo e conoscitivo che aiuterà i ragazzi a compiere un'importate scelta per il loro futuro. L'Assessorato ai Servizi Educativi-Formativi del Comune di Civitanova sta predisponendo questo evento di orientamento, in collaborazione con l'azienda civitanovese “4D Engineering srl”, necessariamente in streaming a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria che impedisce di realizzare appuntamenti in presenza, dal titolo “Orientarsi al futuro”, cui hanno aderito gli istituti comprensivi di Via Regina Elena, Via Ugo Bassi e Sant'Agostino. L’obiettivo è quello di favorire una maggiore consapevolezza da parte dei giovani ai fini di una scelta ponderata del percorso scolastico e di un successivo inserimento nel mondo del lavoro. "Nonostante l'impossibilità di organizzare eventi in presenza, l'Assessorato ai Servizi educativi ricorda chiaramente l'esigenza dei nostri ragazzi e delle loro famiglie di essere supportati con quante più informazioni possibili per la scelta delle scuole superiori e crea una opportunità online per l'orientamento. Siamo loro vicini con azioni concrete: vogliamo infatti con questo evento aiutarli a progettare con serenità il loro futuro e a costruirlo al meglio. Abbiamo pensato un momento di condivisione che mostri un ventaglio di possibilità variegate, presentando testimonianze e percorsi per avviarsi a inserimenti lavorativi o scolastici di soddisfazione o ancora che diano chiare indicazioni per intraprendere la carriera nelle forze armate. Ringrazio la 4D , tutti i relatori, le aziende e l'arma dei carabinieri per la collaborazione che ha reso possibile questa opportunità che, siamo certi, sarà un valore aggiunto nella costruzione del futuro dei nostri studenti" dichiara l'assessore Barbara Capponi.  L'iniziativa infatti prevede una sessione di presentazione dell'offerta formativa degli istituti superiori di Civitanova Marche e di altri istituti presenti sul territorio regionale aderenti, l'intervento del Comandante dei Carabinieri di Civitanova Marche per la presentazione dei percorsi che danno accesso alla carriera militare, una sessione di descrizione del mercato del lavoro attuale e delle figure maggiormente richieste, con il coinvolgimento di diverse aziende del territorio e uno spazio finale per approfondimenti e domande. L’iniziativa si svolgerà lunedì 11 gennaio dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e potrà essere seguita in streaming collegandosi al link: https://www.civitanovamarchetv.com/  Per informazioni è possibile contattare i Servizi Educativi-Formativi tramite posta elettronica o contatto telefonico (0733 822 225/259)  

San Severino, il nuovo ITIS 'Divini' pronto in 150 giorni: "il prossimo anno si torna a lezione" (VIDEO e FOTO)

San Severino, il nuovo ITIS 'Divini' pronto in 150 giorni: "il prossimo anno si torna a lezione" (VIDEO e FOTO)

Sono ripartiti ufficialmente oggi i lavori di ricostruzione dell’Istituto tecnico tecnologico statale “Eustachio Divini” di San Severino Marche, demolito a seguito delle scosse di terremoto dell’ottobre 2016. Dopo un anno di fermo, e una serie infinita di stop e riavvii dovuti a vicissitudini burocratiche, il cantiere per la realizzazione della nuova scuola nella sede originaria di viale Mazzini è stato consegnato alle imprese Ca.Ri. Costruzioni Srl di Roma e Consorzio Integra Soc. Coop di Bologna, seconde nella gara di appalto che aveva visto assegnare la rinascita del glorioso Itis alla associazione temporanea di imprese costituita dalla Marinelli Costruzioni Srl di Terni e la Frimat Spa di Bolzano che nelle scorse settimane ha però deciso per una risoluzione contrattuale. Una giornata storica per la città e ma anche per tutta la comunità settempedana: “Sono 4 anni che aspettiamo questo giorno e per questo devo soprattutto ringraziare studenti e famiglie che hanno avuto pazienza ma anche fiducia in noi per la ricostruzione tant’è che le iscrizioni all'istituto non sono mai venute meno – ha esordito raggiante il Sindaco di San Severino Marche Rosa Piermattei - Un grazie va al Commissario per tutto quello che ha fatto in quella che stata ed è tutt'ora una grande avventura considerando tutti i disguidi che abbiamo incontrato – ed ha aggiunto – oggi ripartiamo e durante questa fase iniziale andremo veloce in quanto insieme all'I.T.I.S. Divini sono correlate altre opere e questo grazie alla struttura commissariale che ha lavorato anche durante i giorni festivi” “Per noi è un istituto importantissimo che conta 750 ragazzi iscritti e 100 docenti – il primo cittadino settempedano ha poi annunciato - vorrei rassicurare tutti sul fatto che il prossimo anno scolastico sicuramente si tornerà a lezione nel nuovo complesso che sarà moderno e funzionale” Sotto un cielo uggioso, alla presenza del Commissario straordinario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, dei rappresentanti delle imprese, del responsabile unico del procedimento, ingegnere Jole Felicetti, del direttore dei lavori, ingegner Marco Barcaioni e S.E. Mons. Edoardo Menichelli , il Sindaco Piermattei ha tolto i lucchetto ai cancelli del cantiere. “Oggi consegniamo il cantiere al nuovo raggruppamento di imprese aggiudicatario dopo una vicenda molto complessa sicuramente una delle più complicate che mi sono trovato a dover risolvere – ha spiegato il Commissario Legnini - c'è stato un intreccio di problemi di ogni sorta che hanno bloccato questo istituto. Atto per atto siamo riusciti a superare tutti i passaggi amministrativi, ne ho contati 60 circa, che si sono resi necessari per arrivare a questa consegna. Oggi finalmente ci siamo e questo ci rende il orgogliosi – ed ha concluso - da parte mia il pensiero va agli studenti e a tutta la scuola che è molto importante per questo territorio”.  I lavori inizieranno a breve e dovranno essere conclusi, in base ai termini contrattuali, entro 150 giorni: “Non ho detto nulla fino a oggi fino proprio perché visto quanto è accaduto negli anni passati avevo timore che questo giorno non arrivasse mai – ha dichiarato il Sindaco Rosa Piermattei dopo aver messo piede all’interno del quartiere -è un giorno in cui veramente vorrei gridare di gioia non per me ma per i ragazzi perché la scuola è fondamentale – ed ha chiosato – mi hanno sempre dato fiducia le prime parole dette, dopo il sisma, dal Commissario Legnini che furono ‘ricostruiamo subito la scuole’”.

Civitanova, tre interventi di edilizia scolastica: stanziati 295 mila euro

Civitanova, tre interventi di edilizia scolastica: stanziati 295 mila euro

 L’Amministrazione comunale ha programmato in questi giorni, tre interventi per il settore scolastico, da effettuare nel periodo estivo a chiusura delle lezioni. Nello specifico, si tratta dell’installazione di un ascensore alla scuola media di via Quasimodo, opere di adeguamento nella sede temporanea sant’Agostino a Civitanova Alta e della manutenzione straordinaria alla scuola  don Milani di via De Pinedo a Fontespina, dove si procederà alla sostituzione degli infissi, al ripristino di alcune opere murarie e alle tinteggiature, per un importo di 50 mila euro.  L’intervento alla scuola di via Quasimodo a San Marone, è finalizzato all’abbattimento delle barriere architettoniche, con una spesa prevista di 50 mila euro. Allo stato attuale, infatti, l’immobile è sprovvisto di un impianto ascensore, nonostante l’edificio sia dotato di due livelli e il sistema montascale esterno non risulti più rispondente alle norme tecniche e quindi oggettivamente non revisionabile, oltreché non fruibile in caso di intemperie e comunque non raggiungibile tramite idoneo percorso esterno protetto, da chi abbia difficoltà di deambulazione.  “Portiamo a compimento un altro intervento molto atteso – ha detto il sindaco Fabrizio Ciarapica - Il solo immobile raccoglie una popolazione scolastica di 380 alunni, a cui va ad aggiungersi il personale docente, amministrativo e direzionale, superando abbondantemente le 400 presenze giornaliere. Grazie al nuovo ascensore, si ripristina la fruibilità degli ambienti da parte delle persone con difficoltà di deambulazione, sia verso le aule scolastiche, ma anche ai laboratori e alle sale attrezzate poste in piani differenti”.  Il progetto è stato elaborato dall’ufficio tecnico comunale.  La Giunta ha inoltre approvato un altro progetto redatto dall’ufficio tecnico, riguardante la sistemazione del primo piano dell’ex tribunale a Civitanova Alta, occupato in maniera temporanea dalla scuola media Sant’Agostino.  Come noto, a seguito della crisi sismica iniziata nel 2016 si è verificato un aggravamento del quadro fessurativo già preesistente a carico del complesso edilizio Sant' Agostino, sede della scuola elementare e dell'Auditorium, tanto da indurre l'Amministrazione Comunale ad intervenire in somma urgenza per la messa in sicurezza delle strutture danneggiante e consentire in via provvisoria l’utilizzo del complesso di San Francesco (piazza XXV Luglio), attualmente utilizzato  solo al piano terra come sede degli uffici della Delegazione Comunale e quindi della scuola elementare. Per la scuola, come confermato dall’Ufficio Speciale per la Ricostruzione post-sisma della Regione Marche, si potrà utilizzare le economie sui fondi sisma del 1997. Il restauro coinvolgerà il recupero e miglioramento sismico dell’intero complesso costituito dalla porzione di edificio adibito a scuola elementare (ex convento) e della contigua ex chiesa e relativo campanile, adibita ad auditorium (è pervenuto nulla-osta al finanziamento complessivo di Euro 2.900.000,00 per l’intero complesso con i fondi della D.G.R. n. 614 del 27/05/2019). “Nei giorni scorsi – riferisce l’assessore Carassai – ho incontrato la direttrice didattica per venire incontro alle esigenze di alunni e docenti ed abbiamo concordato il rifacimento di alcune aule, nuovi bagni e della scala in modo da migliorare la vivibilità degli ambienti. In fase esecutiva il progetto dovrà avere ottenuto il nulla osta da parte della Sovrintendenza di Ancona e del Genio civile”. L’Ufficio tecnico della Delegazione ha provveduto a compilare il progetto preliminare per  l'esecuzione delle opere di adeguamento necessarie per consentire l'utilizzo dei locali al piano primo, per il tempo necessario per consentire l'esecuzione dei lavori di recupero e miglioramento sismico del complesso Sant'Agostino. Da una prima analisi dell’intervento, si può presumere un impegno economico complessivo pari ad Euro 195.000,00.  

Scuola, i trasporti viaggiano sul web: una piattaforma monitorerà gli spostamenti degli studenti

Scuola, i trasporti viaggiano sul web: una piattaforma monitorerà gli spostamenti degli studenti

Quello del trasporto pubblico per gli studenti resta uno dei principali nodi per la riapertura delle scuole il 7 gennaio prossimo. Ma l’Ufficio scolastico regionale per le Marche è pronto in ogni caso a supportare l’organizzazione del servizio grazie a una piattaforma che rileva in tempo reale i flussi degli spostamenti dei ragazzi. Il documento operativo stilato dalle prefetture marchigiane dovrà su questo tema esprimere la mediazione tra le difficoltà rappresentate dalle aziende del trasporto pubblico locale alla Regione, competente per la sua gestione, a fronte della domanda di trasporto degli studenti e delle loro famiglie per raggiungere le sedi scolastiche con la ripresa dell’attività in presenza. A supporto dell’attuazione concreta del servizio l’ufficio scolastico regionale ha elaborato fin da luglio un sistema informatico di rilevazione in tempo reale dei flussi degli spostamenti quotidiani degli studenti. Ciascuna scuola comunica infatti sulla piattaforma tutti gli orari di ingresso e uscita e i comuni e le località di provenienza di tutti i ragazzi di ogni singola classe di ogni singolo plesso per ogni giorno della settimana. Il sistema consente in questo modo di dare indicazioni puntuali al sistema dei trasporti, alla Regione e alle prefetture, fotografando in tempo reale la situazione "trasportistica" e supportando le aziende nella risoluzione dei problemi di organizzazione del servizio. Per fare un esempio, attraverso il sistema si è quindi in grado di sapere che la tale classe del tale istituto di Ancona entra alle 8.00, esce alle 13.00 ed è composta da 20 alunni provenienti 5 dal quartiere delle Grazie, altrettanti da Torrette, 2 da Collemarino e 8 da Falconara Marittima. L’insieme di tutti i dati di ciascuna classe relativi a quell’istituto consente all’azienda di trasporto di ottimizzare il servizio per quella scuola. In vista del prossimo rientro tutti i flussi di ingresso e di uscita potrebbero essere ridefiniti in modo da aggiornare la domanda delle scuole sulla base di quanto stabilito dal documento operativo sul piano dei trasporti elaborato dalle prefetture

“Santa Claus is coming…”, gli alunni dell'I.C. 'Don Bosco' di Tolentino colorano il Natale

“Santa Claus is coming…”, gli alunni dell'I.C. 'Don Bosco' di Tolentino colorano il Natale

Si è conclusa la Prima Edizione del Concorso “Santa Claus is coming…”, che ha registrato una massiccia partecipazione da parte degli studenti degli ordini e dei plessi coinvolti. Dopo una prima selezione, a cura della Giuria preliminare, composta dalle docenti Cristina Gobbi, Francesca Stivoli, Patrizia Cerioli, Carla Gasparrini, Floresita Biaggi, Fiorella Compagnucci, Michela Bordi, Francesca Marconi, Michela Compagnucci e Simonetta Bartoccioni, gli elaborati finalisti sono stati valutati dalla Giuria finale composta dall'Assessore alla Cultura del Comune di Tolentino, dott.ssa Silvia Tatò, dal Presidente del Consiglio d'Istituto, sig. Giuseppe Ristoro e dal Dirigente scolastico, dott. Giuseppe Calenzo. Nella mattinata di ieri, il Dirigente scolastico, dott. Giuseppe Calenzo, ha consegnato a tutte le alunne e a tutti gli alunni che hanno partecipato un attestato di partecipazione, mentre ai vincitori e alle menzioni speciali anche premi in libri. In un clima festoso, i bambini premiati, felici ed orgogliosi, hanno ricevuto i complimenti per i loro elaborati, oltre che dal Dirigente, anche dagli insegnanti e dai compagni. "Siamo particolarmente soddisfatti - ha dichiarato il Dirigente scolastico - di aver trasmesso ai nostri alunni e alunne un po' di atmosfera natalizia pur se in condizioni difficili, dettate dall'emergenza sanitaria. Il livello degli elaborati è stato molto alto e la scelta dei vincitori combattuta. Un ringraziamento speciale va al corpo docente, ai membri delle giurie e al personale amministrativo, che hanno lavorato intensamente per la realizzazione del concorso. A nome dell'Istituto Comprensivo Don Bosco, auguro a tutti i Tolentinati un sereno Natale". La Giuria ha così decretato i vincitori: Categoria 2 – FASCIA 1 - Alunni ultimo anno Scuola dell’Infanzia e classi I Scuola Primaria VINCITORE: Elenia Tedesco MENZIONE SPECIALE: Giorgia Santi MENZIONE SPECIALE: Emily Zarka Categoria 1 – FASCIA 2 - classi II Scuola Primaria VINCITORE: Lucia Baroni MENZIONE SPECIALE: Christian Marinsalda MENZIONE SPECIALE: Sofia Saracchini Categoria 1 – FASCIA 3 - classi III Scuola Primaria VINCITORE: Margherita Della Ceca MENZIONE SPECIALE: Giulia Damiani MENZIONE SPECIALE: Francesco Losavio Categoria 1 – FASCIA 4 - classi IV Scuola Primaria VINCITORE: Francesco Svampa MENZIONE SPECIALE: Emiliano Rita Speranza MENZIONE SPECIALE: Lorenzo Marcolini Categoria 1 – FASCIA 5 classi V Scuola Primaria VINCITORE: Ilaria Feliziani MENZIONE SPECIALE: Azzurra Gentili   MENZIONE SPECIALE: Alessandro Antonucci  

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.