di Picchio News

Mondiali di paraciclismo, doppio bronzo per Farroni dell'Anthropos Civitanova

Mondiali di paraciclismo, doppio bronzo per Farroni dell'Anthropos Civitanova

Si sono chiusi ieri a Emmen (Olanda) i Campionati del Mondo di Ciclismo Paralimpico su Strada 2019. Circa 400 ciclisti, in rappresentanza di 50 nazioni, si sono contesi le varie medaglie e i pass in vista di Tokyo 2020. Il Ct azzurro Mario Valentini ha portato 19 corridori (9 ciclismi e 10 handbiker) tra i quali i ciclisti dell'Anthropos Civitanova Giorgio Farroni e Giancarlo Masini. Per Giancarlo due discreti piazzamenti nella categoria MC1 con un 6° posto nella crono di giovedì pomeriggio e un 8° posto nella prova in linea di sabato pomeriggio. Per Giorgio due importanti e ottimi terzi posti nella categoria MT1che gli valgono le due medaglie di bronzo alle spalle dei due rivali (un cinese e un tedesco), avversari da battere in ottica Tokyo.  Presidente Nelio Piermattei: "Due importanti medaglie iridate che ci inorgogliscono e che arricchiscono il nostro palmares. Giancarlo ha fatto la sua parte con due ottime prestazioni che lo mantengono ampiamente in corsa per Tokyo. Giorgio ha dimostrato che con l'esperienza si può, almeno in parte, sopperire a un circuito estremamente difficoltoso per le sue problematiche fisiche. Si conferma così un top su cui puntare a Tokyo“.

16/09/2019
Fondazione Andrea Bocelli, grande successo su Rai Uno per la serata di beneficenza per la nuova Accademia della Musica a Camerino

Fondazione Andrea Bocelli, grande successo su Rai Uno per la serata di beneficenza per la nuova Accademia della Musica a Camerino

Grande successo sabato 14 settembre, in prima serata su Rai Uno, per "Ali della libertà", la serata di beneficenza organizzata dalla Fondazione Andrea Bocelli, per il terzo anno consecutivo, per raccogliere fondi da donare alle comunità colpite dal sisma, programma più seguito nel palinsesto tv. Dopo aver realizzato la nuova scuola secondaria a indirizzo musicale di Sarnano e dopo aver inaugurato, lo scorso maggio, la scuola primaria e dell'infanzia a Muccia, Andrea Bocelli ha annunciato infatti la realizzazione della nuova Accademia della Musica a Camerino. Alla serata, registrata sulle colline di Lajatico, il comune toscano patria di Bocelli, hanno partecipato anche i giovani musicisti dell'istituto camerte "Nelio Biondi" che hanno suonato insieme al Maestro e al figlio Matteo. A condurre la serata sono stati la cantante e attrice Serena Rossi e Stefano Accorsi. Hanno preso parte alla serata artisti nazionali e internazionali come Carla Fracci e Mika. "Dopo le scommesse vinte con la ricostruzione delle scuole a Sarnano e Muccia abbiamo iniziato a credere in noi stessi e sono stato a visitare Camerino, città di cultura distrutta dal terremoto - ha spiegato Bocelli -. Ho quindi pensato che fosse una cosa straordinaria ricostruire l'Accademia della Musica e questo cercheremo di fare con il vostro aiuto." "Dopo le scosse di tre anni fa, 500 bambini sono rimasti senza scuola ed è proprio per questo che la Fondazione Andrea Bocelli ha deciso di costruire una nuova Accademia della Musica perché la musica e l'università sono il fulcro della vita di Camerino - le parole della presentatrice Rossi accompagnate dalle immagini della visita del Maestro e della moglie Veronica nei luoghi colpiti dal sisma -. Questa scuola permetterà a 160 studenti di continuare a suonare e magari permetterà loro di diventare dei grandi musicisti che un giorno vedremo sul palcoscenico insieme ad Andrea." Per contribuire all'importante progetto della Fondazione Andrea Bocelli è possibile donare, fino al 22 settembre, 2, 5 o 10 euro al numero 45580. (Immagini RAI)

16/09/2019
Nuovo CDU, sabato 21 l'incontro "Macerata Libera Macerata, idee ed esperienze per il futuro della città"

Nuovo CDU, sabato 21 l'incontro "Macerata Libera Macerata, idee ed esperienze per il futuro della città"

Sabato 21 settembre, alle ore 15:00 presso l’Hotel Claudiani di Macerata, ci sarà l’incontro- dibattito “Macerata Libera Macerata, idee ed esperienze per il futuro della città". La giornata aprirà con i saluti del Segretario Regionale Marche Nuovo CDU Augusto Ciampechini e del Presidente dell’Associazione Frazioni e Centro ricostruiamo Macerata, Anna Capitani. L'incontro proseguirà con due sessioni. Durante la prima, dal titolo "Macerata, Ieri, Oggi e Domani", interverranno alcuni opinionisti come Gianni Menghi, Silvano Iommi, Erminio Copparo e Carlo Cambi. "Si parlerà di riscoperta identitaria, pluralismo culturale e bisogno di comunità ma anche di superamento dell'immobilismo dinamico, di rilancio della cultura del Progetto per la qualità dello sviluppo urbano, ambientale e territoriale del capoluogo di Provincia - spiega Orioli -. E ancora di strumenti di mobilità e finanziari e della condizione attuale della nostra Città." Nella seconda sessione, "Macerata da Liberare", le forze politiche e civiche di opposizione si confronteranno sui temi del governo della città. "Sicurezza e qualità della vita, urbanistica e lavori pubblici; bilancio e partecipate, sviluppo e lavoro; famiglia e società; solidarietà e sanità; cultura e spettacolo; sport e tempo libero. La cittadinanza è invitata a partecipare" conclude Mattia Orioli, coordinatore provinciale di Macerata del partito "Nuovo Cristiani Democratici Uniti" e moderatore dell'incontro.  

16/09/2019
Porto Recanati, due risse in 24 ore a Scossicci: indagano i Carabinieri

Porto Recanati, due risse in 24 ore a Scossicci: indagano i Carabinieri

Due episodi di violenza a Porto Recanati, più esattamente a Scossicci, nel giro di 24 ore. Il primo è avvenuto nella notte tra sabato e domenica di fronte a un night. Un uomo ha riportato gravi lesioni ed è stato trasferito presso l'ospedale regionale di Torrette, ad Ancona, dopo che essere stato aggredito da un gruppo di cinque persone. 30 giorni di prognosi per la vittima del pestaggio, un uomo di nazionalità pakistana. Il secondo episodio è stato registrato all'alba di ieri sempre a Scossicci. Protagonisti tre giovani pakistani; da chiarire se fossero gli stessi della notte precedente. I tre, dopo un litigio, sono  arrivati alle mani, utilizzando anche dei bastoni. Quando i Carabinieri sono giunti sul posto i pakistani sono subito fuggiti. Ancora da chiarire se possa trattarsi di un regolamento di conti e se i due episodi siano legati al traffico di sostanze stupefacenti. Spetterà agli uomini dell'Arma fare luce su quanto accaduto.

16/09/2019
Porto Recanati, overdose in strada: giovane salvato da un passante

Porto Recanati, overdose in strada: giovane salvato da un passante

È successo ieri pomeriggio nei bagni pubblici del castello Svevo a Porto Recanati. Il giovane, 26enne, dopo aver assunto una dose è finito in overdose. Un passante, che ha compreso la gravità della situazione, ha subito allertato il 118. I militi della pubblica assistenza, subito intervenuti sul posto, hanno prestato le prime cure del caso al ragazzo per poi trasportarlo al pronto soccorso dell'ospedale di Civitanova Marche. Le sue condizioni non sono gravi. Sul posto anche i Carabinieri.

16/09/2019
Il Civitanova Dream Futsal avanza in Coppa: battuta la Dorica Torrette ai rigori

Il Civitanova Dream Futsal avanza in Coppa: battuta la Dorica Torrette ai rigori

Il Civitanova Dream Futsal parte con il piede giusto. Le rossoblu, al termine di un match palpitante ed infinito, conquistano il pass per il turno successivo di Coppa Divisione in programma domenica 29 Settembre battendo la Dorica Torrente dopo i calci di rigore: avversario di turno sarà il Futsal Femminile Cagliari che si è imposto per 1-6 sullo Jasnagora. Tornando al match odierno la sfida si è conclusa 2-2 dopo i tempi regolamentari, con le ragazze di mister Giuliano Tiberi che hanno rincorso le avversarie. I gol di Giosuè e Ciccioli hanno permesso di portare la sfida ai supplementari prima, ed ai rigori poi, dove il Civitanova Dream Futsal si è imposto per 2-1 ed ha conquistato così il meritato passaggio del turno, in una sfida particolarmente sentita visto che si trattava di un derby. Un buon viatico in vista della prossima sfida di Coppa Divisione e soprattutto del campionato, ormai alle porte. "Faccio i complimenti a tutte per la bella vittoria di oggi - commenta il neo dg rossoblu Roberto Luciani - Nonostante delle ragazze nuove ed un nuovo sistema di lavoro, tutte hanno dimostrato carattere e compattezza di squadra recuperando due volte lo svantaggio, e non è cosa da poco. Soprattutto dopo 3 anni di Civitanova Dream Futsal, finalmente usciamo da un derby senza una sconfitta. Dobbiamo ancora crescere e  non abbiamo ancora fatto nulla, e lo sappiamo, ma iniziare così da sicuramente stimolo per migliorarci". CIVITANOVA DREAM FUTSAL - DORICA TORRETTE 2-2 (4-3 dcr) CIVITANOVA DREAM FUTSAL: Fermani (gk), Caciorgna, Castelli, Ciccioli (c), Cremonesi, Diaz, Giosuè, Marani, Persichini, Romano (gk) All. Tiberi DORICA TORRETTE: Eusepi (gk), Blenkus, Severini, Capalbo, Ruffino, Pezzola, Pieroni, Bussaglia, Giuva, Nogales Pena, Rubal Casas, Marcelli (gk) All. Zengarini La società Civitanova Dream Futsal comunica inoltre che Roberto Luciani è stato nominato nuovo direttore generale rossoblù. Roberto, dirigente storico del sodalizio civitanovese, subentra a Paolo Biancucci che per motivi di lavoro, non potendo seguire con assiduità le vicende della squadra, ha deciso di lasciare l'incarico, peraltro in ottime mani. La nomina è stata ufficializzata nell'ultima riunione del direttivo in cui Luciani è stato votato all'unanimità come nuovo Direttore Generale. La società augura a Roberto buon lavoro in vista di questa nuova stagione.  

16/09/2019
Civitanova, weekend dal sapore estivo con assalto alle spiagge (FOTO)

Civitanova, weekend dal sapore estivo con assalto alle spiagge (FOTO)

L'estate si riprende la scena e concede un fine settimana di gran caldo, invogliando a fare un salto in spiaggia anche a coloro che avevano già riposto negli armadi gli indumenti balneari. Sabato la giornata migliore con un clima dal sapore agostano che ha visto una massiccia presenza di bagnanti fin dal mattino sulle spiagge di Civitanova Marche e che ha spinto molti in mare per l'ultimo bagno stagionale o semplicemente per una partita a racchettoni o qualche scambio di beach volley. Domenica con qualche velatura, ma comunque godibilissima, che ha visto gli stabilimenti balneari affollati per quella che potrebbe essere l'ultima domenica, anche in vista del peggioramento climatico atteso per metà settimana. Citando comunque un aforisma del baseball americano, possiamo dire che "Non è finita finché non è finita".  

16/09/2019
Litiga e poi sparisce: rintracciato nei pressi del cimitero di Macerata

Litiga e poi sparisce: rintracciato nei pressi del cimitero di Macerata

L'uomo, di 70 anni e residente a Corridonia, non dava sue notizie da questa notte alle quattro. Probabilmente a seguito di un litigio, il 70enne aveva abbandonato la propria abitazione nel cuore della notte. Sono state ore di intense ricerche per i Carabinieri della Compagnia di Macerata, della locale stazione di Corridonia e per i Vigili del Fuoco del capoluogo. L'uomo è stato rintracciato qualche minuto prima delle 11:00 nei pressi del cimitero di Macerata, dai militari di Corridonia. Era da solo e sta bene. I carabinieri stanno ora effettuando tutte le operazioni di rito per cercare di comprendere i motivi dell'allontanamento volontario.  

16/09/2019
Maceratese-Chiesanuova 3-1: highlights e interviste (VIDEO)

Maceratese-Chiesanuova 3-1: highlights e interviste (VIDEO)

Bonifazi al 22', Chornopyshchuk al 30' e Papa al 41' del secondo tempo regalano i tre punti alla Maceratese contro il Chiesanuova nella prima giornata del campionato di Promozione. Agli ospiti non basta la rete siglata da Iacoponi al 41' del primo tempo. Uomo partita il portiere della Rata Giustozzi che ha parato il calcio di rigore del 2-2 del Chiesanuova e ha regalato al tantissimi tifosi molti momenti emozionanti. Di seguito gli highlights e le interviste della partita: 

15/09/2019
Passo di Treia, giovane perde il controllo dell'auto e finisce fuori strada

Passo di Treia, giovane perde il controllo dell'auto e finisce fuori strada

Ancora da chiarire la dinamica del sinistro. Il ragazzo ha perso il controllo dell'auto, una Wolkswagen T-roc, ed è finito fuori strada, terminando la sua corsa contro un muretto. È successo nel pomeriggio di oggi, intorno alle 18:30, a Passo di Treia. Immediato l'arrivo sul posto dell'ambulanza e dell'automedica che stanno prestando le prime cure del caso al giovane che non è stato trasferito al Pronto Soccorso.  Sul posto anche i Vigili del Fuoco di Macerata, che hanno estratto il giovane dall'abitacolo, e la Polizia Stradale, che ha effettuato tutti i rilievi del caso.

15/09/2019
Macerata, tre ragazze accusano un malore: trasferite al pronto soccorso

Macerata, tre ragazze accusano un malore: trasferite al pronto soccorso

Si trovavano davanti alla chiesa di San Filippo, in corso della Repubblica a Macerata, quando hanno accusato un malore. Tre ragazze, ospiti di una comunità della provincia, nel pomeriggio di oggi, qualche minuto dopo le 18:00, erano nella centralissima via della Città quando si sono sentite male. Immediato è scattato l'allarme e i sanitari del 118 hanno prestato le prime cure del caso alle giovani per poi trasferirle al pronto soccorso dell'ospedale di Macerata. Ancora da chiarire le case del malore. Sul posto anche la Polizia.

15/09/2019
Finale amaro per la Sangiustese: contro Pineto termina 2-1

Finale amaro per la Sangiustese: contro Pineto termina 2-1

Succede tutto negli ultimi 5’ minuti al Pavone Mariani, dove i padroni di casa ribaltano al fotofinish una gara condotta dalla Sangiustese sin dal 4’ minuto. Subito in vantaggio con la solita accoppiata Pezzotti- Mingiano (cross del primo per l’incursione vincente del secondo), i rossoblù vedono sfumare la vittoria tra il 90’ (pari di Massa) e il 95’ (gol vittoria di Amadio). In mezzo una gara fatta di grande attenzione e cuore da parte dei ragazzi di Senigagliesi che, in un pomeriggio torrido, stavano riuscendo a portare a casa fino a pochissimi istanti dalla fine un risultato più che positivo in casa di una delle formazioni più forti del campionato. Arriva così la prima vittoria del club di Mister Epifani, che ha avuto il merito di crederci fino alla fine e che per tutto l’arco del match non ha mai smesso di attaccare e di sognare la rimonta. Masticano amaro Perfetti e compagni, invece, perché seppur con qualche sofferenza, erano riusciti a resistere fino all’ultimo assalto, difendendosi tutto sommato con ordine e provando anche a far male in ripartenza, dopo aver sbloccato in avvio. La Sangiustese aveva infatti confermato l’undici vittorioso sull’Avezzano, mister Epifani aveva invece ritrovato Shiba e Pepe rientranti dalla squalifica, varando un 4-3-3, con Shiba tra i pali e lasciando in panchina il super acquisto della settimana Speranza (ancora assenti Alessandro e Della Quercia). Al di là dell’epilogo finale, tante comunque le occasioni create e non concretizzate dai padroni di casa, rei secondo alcuni di approcci e gestioni poco incisive. Non in questo caso, visti i due legni centrati nella prima frazione dagli abruzzesi, che avevano provato subito a reagire riversandosi a più riprese dalle parti di Chiodini. Il fortino rossoblù aveva tutto sommato resistito bene ai vari tentativi di Sarritzu, Acquadro e Bianciardi, autori di un forcing sterile fino a quel momento, capitolando solo nel finale e anzi avendo con Basconi al 92’ la palla per il nuovo vantaggio dopo il pari del subentrato Massa in mischia. In quel caso la sfera sorvolava la traversa, mentre la parabola beffarda dell’altro subentrato Amadio si infilava in rete sugli sviluppi dell’ultimo calcio d’angolo consegnando sorpasso e tre punti al Pineto. Il risultato più giusto sarebbe forse stato il pareggio: di certo i rossoblù, smaltita la prevedibile delusione per come è avvenuta, terranno cara la lezione di questa battuta d’arresto facendone tesoro già per il prossimo impegno di domenica in casa contro la matricola Porto Sant’Elpidio.   PINETO – SANGIUSTESE 2-1 PINETO (4–4-2): Shiba, Pepe, Sarritzu, Bianciardi, Pippi, Ciarcelluti (12’ st Amadio), Marini, Acquadro (33’ st Festa), Orlando, D’Angelo (12’ st Massa), Perini (19’ st Cissè). A disposizione: Amadio, Bianco, Speranza, Camplone, Pierpaoli. Allenatore Massimo Epifani. SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Zannini (26’ st Basconi), Orazzo, Perfetti (39’ st Patrizi), Mengoni, Scognamiglio, Pezzotti, Palladini Alessio, Mingiano, Niane (1’ st Soprano), Boschetti (15’ st Manari). A disposizione: Raccio, Palladini Mattia, Doci, Ercoli, Cerbone. Allenatore: Stefano Senigagliesi. ARBITRO: Sig. Raimondo Borriello della sezione di Arezzo. ASSISTENTI: Sig. ri Mauro Antonio De Palma della sezione di Molfetta e Cosimo Schirinzi della sezione di Casarano. RETI: 4’ pt Mingiano, 45’ st Massa, 50’ st Stefano Amadio. NOTE: corner 6-1; ammoniti Cissè, mister Epifani, Remo e Stefano Amadio, Scognamiglio e Mengoni; spettatori 300 circa con rappresentanza ospite; recupero 1’+5’.

15/09/2019
Il Trodica ingrana la prima, tris d’esordio all’Elpidiense

Il Trodica ingrana la prima, tris d’esordio all’Elpidiense

Il Trodica inizia alla grande la stagione e, con il tris d’esordio sul campo dell’Elpidiense Cascinare, bissa la vittoria di coppa Marche sempre sul campo dei rossoblu di mister Mauro Cellini. I biancocelesti, infatti, pur privi di Marcaccio infortunato, controllano senza sussulti l’intero match, al cospetto di una compagine, quella fermana, ridotta al lumicino in difesa viste le assenze contemporanee di Cannoni e Marcantoni. Gli ospiti di Luca Fermanelli partono subito forte e dopo appena 50 secondi vanno vicini al gol con Cardinali che, da fuori, non trova di poco la porta. Un minuto dopo conclusione da lontano di Reucci, blocca Schiavoni. Al quarto minuto, però, il Trodica corre un rischio che potrebbe rivelarsi fatale: retropassaggio corto di Romagnoli che prende in contro tempo la difesa, si incunea tra le linee Catini che entra a contatto con Panico; l’arbitro assegna punizione al Trodica tra le proteste locali. In caso di decisione opposta, oltre al calcio da fermo dal limite, sarebbe scattato il rosso per il difensore ospite. Un minuto dopo Gasparrini, infiltrato in area, calcia in diagonale ma non trova di poco la porta. Quindi, al quinto, lo stesso numero dieci serve in profondità Balloni che dribbla il portiere ma si allarga troppo sulla destra e si trascina il pallone fuori. Alla fine, però, il gol arriva: all’ottavo minuto, infatti, Piergiacomi rilancia direttamente dalla propria porta e lancia Balloni sulla sinistra che supera in velocità Lazzarini ed entra in area, calcia ma trova la respinta di Schiavoni. La palla, però, resta lì e Balloni, prontamente, serve tutto solo al centro Bracciotti che ha vita facile nell’insaccare a porta vuota. Lo stesso Bracciotti, al 13esimo, calcia alto da fuori area, mentre Recucci ci prova al 15esimo ma trova le braccia di Schiavoni. Lo stesso portiere fermano si ripete al 20esimo su Bracciotti che, su azione d’angolo, si fa respingere di testa il tiro da un difensore e, sulla ribattuta, calcia al volo ma l’estremo difensore locale vola da campione. L’Elpidiense ci prova con Catini su punizione, palla alta, mentre Cardinali impegna Schiavoni poco dopo dal limite. Poi, al 28esimo, la gara cambia di nuovo: fallo sulla trequarti, qualche parola di troppo vola dalla bocca di Petrucci che viene espulso: Elpidiense in dieci. Il Trodica ne approfitta subito e al 31esimo trova il raddoppio: Gasparrini allarga sulla destra per l’accorrente Cicconofri che, dal limite, trova l’angolo lontano e il primo gol in campionato. Due a zero. I locali ci provano con Galdo al 43esimo ma non trovano la porta, si va così al riposo sul punteggio all’inglese per il Trodica. Nella ripresa è un monologo ospite. Al 47esimo Bracciotti serve Balloni in area che calcia di prima intenzione, Schiavoni vola e devia il pallone che sbatte sulla traversa e ricade in campo al di qua della linea, raccoglie in tap-in Bracciotti che conclude ma trova ancora Schiavoni sulla traiettoria. Al 54esimo Balloni attraversa tutto il limite dell’area, entra nei sedici metri dopo un doppio dribbling e calcia in diagonale, respinge il portiere di casa. Al 62esimo ci prova Bracciotti, ancora respinta del portiere locale. Ci prova anche Recucci su punizione al 76esimo, il pallone fa la barba al palo ed esce. Quindi, due minuti più tardi, arriva il tris Trodica: Gasparrini ruba palla al limite e viene atterrato, rigore. Sul dischetto Cardinali non sbaglia e trova il tre a zero. C’è tempo ancora per l’espulsione del mister di casa Cellini prima del triplice fischio finale. Per l’Elpidiense è urgente recuperare giocatori e fiducia, mentre il Trodica parte forte e lancia già un bel segnale. Tabellino Elpidiense Cascinare – Trodica 0-3 Elpidiense Cascinare: Schiavoni, Lazzarini (Pencea 46’), Franca (Paponi 46’), Petrucci, Fini, Paolucci, Morgese (Massi 31’), Broccolo (Seghetti 46’), Galdo (Cognigni 75’), Scoponi, Catini; All Mauro Cellini. A disp: Ciarapica, Pistolesi, Ripari Trodica: Piergiacomi, Panico (Berrettoni 64’), Lambertucci D, Tidei (Silla 60’), Reucci , Romagnoli, Cicconofri (Marchionni 85’), Cardinali, Bracciotti (Recanati 75’), Gasparrini, Balloni (Canuti 66’); All Luca Fermanelli. A disp: Marcaccio, Lambertucci F, Di Ruscio Marcatori: Bracciotti 9’, Cicconofri 31’, Cardinali rig 78’ Direttore di gara: Fabio Federici (Ascoli Piceno) Ammoniti: Broccolo (25’), Catini (33’), Mister Cellini (40’), Fini (42’), Paolucci (56’) Espulsi: Petrucci (28’ proteste); Mister Cellini (82’ proteste) Note: Angoli (2-8); Recueri (1’ p.t.; 3’ s.t.) Man of the match: Emanuele Gasparrini (Trodica)

15/09/2019
Punteggio pieno per la Recanatese dopo le prime due giornate: contro Montegiorgio termina 2-1

Punteggio pieno per la Recanatese dopo le prime due giornate: contro Montegiorgio termina 2-1

Per la terza giornata di campionato del girone F di serie D al Tubaldi si affrontano Recanatese e Montegiorgio che, insieme all’Atletico Porto Sant’Elpidio, sono le uniche squadre del girone a punteggio pieno dopo le prime due giornate. Parte bene la Recanatese, ci prova subito Morales con una conclusione dalla distanza. Al 4’ azione di Senigagliesi sulla sinistra che si accentra ed esplode il tiro che termina di poco sul fondo. Al minuto 8 altro spunto di Senigagliesi sulla sinistra, il cross basso viene respinto da un difensore, al limite dell’aria è ben appostato Morales che prova la conclusione, bella la risposta di Mercorelli. Al 12’ lancio in profondità di un ispirato Senigagliesi, la conclusione dal limite dell’aria di Borrelli si spegne sul fondo. Spinge ancora la squadra giallorossa, al 17’ occasione per Goretta che però viene colto in posizione di fuorigioco. Al 27’ altro filtrante di Borrelli per Pera, la conclusione dell’attaccante giallorosso viene deviata in angolo. Dal calcio d’angolo seguente, pennellata di Borrelli per il colpo di testa di Ficola che esce di pochissimo a lato. Al minuto 29 la Recanatese si porta in vantaggio, Esposito recupera palla a Titone a metà campo e apre sulla destra per Borrelli che con un preciso cross trova Pera dentro l’area che a sua volta appoggia di testa per Esposito che mette il pallone in rete. Al 35’ si fa vedere anche il Montegiorgio, conclusione di Marchionni dai trenta metri che si spegne sul fondo. Al 42’ altra grande palla di Senigagliesi che serve Pera, la sua conclusione è alta sul fondo. Ad inizio secondo tempo trova subito il pari il Montegiorgio, al 48’ calcio d’angolo battuto da Omiccioli e colpo di testa vincente di Marchionni. Passano quattro minuti e la Recanatese torna in vantaggio, Lattanzi serve Borrelli sulla destra, il cross del numero 10 giallorosso trova Pera dentro l’area che di testa batte il portiere rossoblu. Al 55’ il Montegiorgio protesta per un rigore non assegnato nel contrasto aereo tra Ficola e Titone. Partita più vivace nel secondo tempo, al 57’ Nodari perde un contrasto con Marchionni a centrocampo, il numero 10 del Montegiorgio serve Rozzi dentro l’area, la conclusione di quest’ultimo si spegne alta sopra la traversa. Al 63’ la conclusione di Mariani si stampa sul palo. Al 65’ risponde la Recanatese che pareggia il conto dei legni, traversa colpita da Borrelli. Al 76’ la Recanatese sfiora il 3-1, punizione di Borrelli dentro l’area, il colpo di testa di Nodari esce di pochissimo. Al 78’ conclusione di Mariani facile preda di Sprecacè. Al minuto 86’ grande occasione per Pera su assist di Padovani. Dopo quattro minuti di recupero si conclude una bellissima partita con la vittoria dei giallorossi che si portano così a 9 punti dopo tre giornate. RECANATESE: Sprecacè, Ficola, Lattanzi P. (76’ Sopranzetti), Morales (80’ Raparo), Nodari, Esposito, Pera, Lombardi, Goretta (72’ Padovani), Borrelli, Senigagliesi (83’ Ruci). A disposizione: Bruno, Pizzuto, Dodi, Monachesi, Pedroni. Allenatore: Federico Giampaolo MONTEGIORGIO: Mercorelli, Aloisi, Di Nicola, Omiccioli, Ferrante, Baraboglia, Nasic (70’ Nepi), Mariani (80’ Adusa), Titone, Marchionni (66’ Trillini), Rozzi (70’ Alighieri). A disposizione: Marani, Gnaldi, Lattanzi E., Tempestilli, Zancocchia. Allenatore: Gabriele Baldassarri Arbitro: Sig. Alfredo Iannello (Messina), Sig. Paolo Tomasi (Schio), Sig. Luca Gibin (Chioggia). Reti: 29’ Esposito (R), 48’ Marchionni (M), 52’ Pera (R) Ammoniti: Di Nicola (M), Sopranzetti (R) Calci d’angolo: 4-1 Note: 400 spettatori circa  

15/09/2019
Tolentino, è polemica sui fuochi d'artificio: "Perché sono stati fatti se il sindaco ha parlato di rispetto per i terremotati?"

Tolentino, è polemica sui fuochi d'artificio: "Perché sono stati fatti se il sindaco ha parlato di rispetto per i terremotati?"

Il Comitato 30 ottobre, con la sua portavoce Flavia Giombetti, interviene in merito alle dichiarazioni del primo cittadino di Tolentino Giuseppe Pezzanesi durante l'incontro con il premier Giuseppe Conte a Castelsantangelo sul Nera e a quanto avvenuto venerdì sera durante la sfilata in piazza della Libertà. "Coloro che dovrebbero preoccuparsi dei problemi dei cittadini, quindi coloro che spontaneamente hanno costituito i comitati, m'impallinano ogni giorno sulla stampa, perché secondo loro era meglio fare le Sae. Allora io ora le pongo una riflessione: fare appartamenti che costano meno di queste capanne di legno in truciolato, farli anche per i problemi sociali dei prossimi 20/30 anni, è una colpa o un merito?".  "Questa è una parte dell'intervento - spiega il Comitato 30 ottobre - del sindaco Pezzanesi davanti al Presidente del Consiglio Conte, in occasione dell'incontro di venerdì 13 a Castelsantangelo sul Nera e dove anche noi eravamo presenti su invito dello stesso Presidente. Sarebbe superfluo da parte nostra commentare queste sue dichiarazioni e non lo faremo per il rispetto di tutte quelle famiglie che grazie alle scelte dei loro Sindaci e alle "capanne di legno in truciolato" sono ritornate a far rivivere i loro paesi. Non lo faremo perché la nostra decenza va ben oltre le sue scelte, di stipare persone in scatole di latta e di aver consegnato dopo tre anni soltanto 4 appartamenti a fronte delle esigenze di migliaia di persone ancora sfollate." "Apprendiamo invece dalla stampa, da lei (Pezzanesi, ndr.) tanto temuta, l'ennesima presa in giro nei confronti dei suoi terremotati. Ammettiamo che il suo coraggio è pari al suo super ego nel continuare a giocare sulla pelle dei cittadini affermando che i fuochi d'artificio per la festa di San Nicola non si faranno finché i terremotati sono fuori casa e che questa spesa pari a 6/8 mila euro avrebbe poco senso. Ora o lei è affetto dalla sindrome del pesce rosso, che rassicuriamo non essere una malattia, ma è il non avere capacità mnemoniche o ci dovrà spiegare cos'erano quelli spuntati dal palco della sfilata venerdì sera - la richiesta della Giombetti -. La domanda sorge spontanea: forse lo scorso venerdì, senza accorgersene i terremotati sono rientrati nelle loro case e ne sono riusciti il sabato? O è un'altro dei miracoli da lei attribuiti a San Nicola? Ci illumini Signor sindaco." Il primo cittadino Giuseppe Pezzanesi sulla stampa ha infatti spiegato che, in occasione di San Nicola, non ci sarebbero stati fuochi artificiali. La richiesta del Comitato 30 ottobre è comprendere perché non fare i fuochi domenica 15 e farli invece venerdì 13, al termine della sfilata, organizzata dalla Pro Loco cittadina, se il motivo è il rispetto verso i terremotati. Nel caso in cui non fossero stati organizzati o comunque autorizzati dall'Amministrazione comunale, la Giombetti e il Comitato di cui lei fa parte, chiedono al primo cittadino quali saranno i provvedimenti che verrano adottati verso chi non ha rispettato una decisione presa per rispettare le persone sfollate. Al Comitato 30 ottobre sono arrivate moltissime segnalazioni in merito, soprattutto da parte dei diretti interessati che attualmente hanno le abitazioni inagibili.

15/09/2019
Macerata, taglio del nastro per la nuova sede della Banca Mediolanum (FOTO)

Macerata, taglio del nastro per la nuova sede della Banca Mediolanum (FOTO)

È stata inaugurata ieri mattina la nuova sede di Banca Mediolanum in corso Cavour a Macerata, alla presenza del vice Presidente della Banca Giovanni Pirovano. A guidare i 12 Family Banker che formano la nuova sede sarà il Direttore Giovanni Salvucci. Un attaccamento al territorio, quello di Banca Mediolanum, dimostrato costantemente con il passare del tempo, anche quando, tre anni fa la provincia fu colpita dal sisma. L'istituto di credito erogò in favore dei propri clienti colpiti circa 6 milioni di euro di liberalità. Banca Mediolanum è stata anche vicina e ha contributo alla realizzazione delle scuole di Muccia e di Sarnano insieme alla Fondazione Andrea Bocelli.  

15/09/2019
Festival del giornalismo culturale: grande successo per la giornata all'Abbadia di Fiastra (FOTO)

Festival del giornalismo culturale: grande successo per la giornata all'Abbadia di Fiastra (FOTO)

Il Festival del giornalismo culturale ha iniziato il suo viaggio tra la splendida Riserva naturale di Abbadia di Fiastra, in provincia di Macerata, e la città di Ascoli Piceno. All'Abbadia di Fiastra, sabato 14 settembre, i direttori Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini hanno inaugurato l’inizio del Festival che quest’anno, per la prima volta in sette edizioni, è itinerante e viaggia dal sud al nord delle Marche. Nell’Aula Verde di Abbadia di Fiastra si è tenuta l’apertura de “Il viaggio. Attraversare il mondo con la cultura”, titolo di questa edizione che ha come priorità trattare la cultura come strumento fondamentale per comprendere il mondo. Il pubblico, accorso numeroso e partecipe, con tante domande agli ospiti, è stato incantato dal luogo dove si è svolta la prima giornata. La location è stata scelta per ampliare il bacino e la rete del Festival, arrivando anche nei luoghi colpiti dal sisma del 2016. Le provincie di Macerata e di Ascoli Piceno hanno vissuto il terremoto che ha colpito il centro d’Italia e tutt’ora cercano di ripartire, “territori meravigliosi su cui bisogna lavorare e comunicare per far diventare le Marche un’unica marca” spiega il direttore del Festival Lella Mazzoli. Proprio per questo SVIM-Sviluppo Marche ha deciso di aderire alla settima edizione coniugando alla cultura anche l’economia, “per la promozione e il rilancio delle aree interne e i luoghi nel cratere”, spiega l’amministratore delegato Gianluca Carrabs dall’Aula Verde. Ricostruire i tessuti sociali, le comunità per dare nuova vita ai territori che sono sempre più dimenticati dall’opinione pubblica. Il primo incontro di sabato 14, svoltosi nell’Aula Verde, ha visto dialogare Sabina Minardi, giornalista culturale de L’Espresso, con Matteo Nucci, scrittore e grande esperto di classici greci. Si è parlato di Odisseo, viaggiatore esperto che è costretto a conoscere il mondo, di Socrate, amante della bellezza e del viaggio non nella natura ma all’interno degli umani. Ma anche Erodoto che fugge per necessità e poi viaggia in Asia minore, accumulando conoscenze. “Non si può raccontare ciò che una persona ti ha detto con le sue parole. Se lo riporti così com’è diventi illeggibile, per ricreare il momento non devi usare le sue parole - spiega Nucci -. Il viaggio scardina le certezze, ci apre a mondi diversi e ci cambia. Capire i classici per capire la realtà. Ma anche i viaggi dietro casa, in quei luoghi dove tutti passano ogni giorno ma mai si fermano a conoscere e approfondire." Sempre nella Sala Verde Marco Ferrazzoli, addetto stampa del Cnr e moderatore del panel, mette gli ospiti di fronte al problema della crescita del turismo mordi e fuggi nella nostra penisola. Il reporter Angelo Ferracuti illustra i rischi del turismo distruttivo che caratterizza la foresta pluviale, luogo di scontro tra due modi opposti di intendere l’ecologia e il futuro del nostro pianeta. La soluzione proposta da Silvestro Serra, direttore della rivista Touring Club, è cambiare il paradigma dell’accoglienza, attraverso una formazione degli operatori che punti alla valorizzazione del territorio. Angelo Pittro di Lonely Planet pone invece l’accento sull’importanza dei narratori per lo sviluppo turistico: orientare le scelte dei viaggiatori è un atto politico. In contemporanea nella Sala della Foresteria si è svolto un workshop dal titolo “Social media, strumento per la comunicazione e la promozione dell’offerta turistica” con Barbara Sgarzi, Fabio Giglietto e Sandro Giorgetti. Di fronte a tanti diretti interessati, arrivati ad Abbadia di Fiastra appositamente per questo incontro, i tre social media manager hanno spiegato nelle peculiarità la gestione di un profilo Instagram, le strategie di marketing per rapportarsi e creare empatia con l’utente e l’influenza che i social media hanno anche nelle elezioni politiche, oltre che nella vita quotidiana. Nel pomeriggio poi la distilleria Varnelli ha ospitato tante persone curiose di conoscere l’importanza di questo brand sia nel panorama territoriale che in quello nazionale. Una marca che vive di tradizione, tramandato di generazione in generazione all’interno della stessa famiglia. La qualità del lavoro che dura da più di 150 anni e che da visibilità a tutta la zona di Muccia, vicino Tolentino. Colpiti dal terremoto del 2016 non hanno mollato: “Le rughe delle persone sono un po’ come le crepe che abbiamo qua: sanno d’esperienza”, racconta Ornella Varnelli, bis nipote del fondatore Girolamo.

15/09/2019
"A.A.A. Cercasi personale": offerte di lavoro nel mondo della ristorazione a Civitanova

"A.A.A. Cercasi personale": offerte di lavoro nel mondo della ristorazione a Civitanova

In un periodo in cui trovare lavoro sembra un miraggio per molti, due attività di Civitanova hanno esposto dei cartelli di ricerca personale che possono far gola a molti. Si tratta di una nuova apertura, il Birricomio di Viale Giacomo Matteotti che si definisce un "pub zero noia", che cerca genericamente del "personale" e a cui si può scrivere per offrire la propria candidatura o per chiedere informazioni, tramite posta elettronica all'indirizzo info@birricomio.it La seconda attività in cerca di collaboratori è invece un locale già avviato e di successo. Si tratta dello Chalet Ristorante "Secondo Pensiero dopo la cozza pelosa" del lungomare Piermanni, attualmente in ristrutturazione, che alla riapertura avrà bisogno di "personale per tutti i settori della ristorazione", come riportato nel cartello affisso su una delle vetrine e "personale di cucina che sappia lavorare il pesce", in un secondo cartello. Il numero in questo caso è il 328 7954240.

15/09/2019
Civitanova, lavori al depuratore comunale. Ciarapica: "Importante abbattimento degli odori"

Civitanova, lavori al depuratore comunale. Ciarapica: "Importante abbattimento degli odori"

“Come promesso a tutta la cittadinanza la scorsa estate, a seguito di numerose segnalazioni sui cattivi odori, si conferma che il lavori di ampliamento e di ammodernamento del depuratore comunale stanno rispettando il cronoprogramma, come da progettazione effettuata con le risorse interne ad ATAC, gestore del Servizio Idrico Integrato”. Così il Sindaco Fabrizio Ciarapica in merito ai lavori in corso. “Gli interventi hanno lo scopo di migliorare il comparto di stabilizzazione dei fanghi e consistono nella realizzazione di altre tre nuove vasche per aumentare l’efficienza della linea fanghi che, soprattutto nei periodi di caldo, hanno creato molti problemi. Tra le opere previste dal progetto figura un innovativo sistema di ispessimento meccanico. Un intervento – ha continuato Ciarapica - sicuramente impegnativo sia in termini economici che di tempo, che però andrà sicuramente a migliorare e a efficientare l’intero impianto per il bene della città e dei tanti residenti che vivono nella zona circostante”.  Attualmente è in corso la prima fase dei lavori, che prevede il completamento della demolizione della fondazione dell’ex digestore anaerobico e le operazioni di scavo per la realizzazione della prima nuova vasca di ispessimento/stabilizzazione aerobica dei fanghi. Le operazioni di scavo vengono eseguite previa infissione di palancole in acciaio. Sono già state realizzate le operazioni di spostamento dei sottoservizi esistenti, propedeutiche alla prima fase dei lavori. “Una volta completato l’adeguamento della linea fanghi – ha concluso il Sindaco - ci sarà un’importante riduzione della componente volatile dei fanghi, con un conseguente beneficio in termini di riduzione delle emissioni di cattivi odori provenienti dalla sezione di essicazione fanghi. Siamo fiduciosi che l’intervento apporterà un notevole risultato”. I lavori appaltati avranno una durata prevista di 330 giorni, e sono iniziati nei primi giorni di luglio di quest’anno, quindi, il termine per l’ultimazione è stato fissato per inizio giugno del prossimo anno, per un importo complessivo di progetto € 1.171 843,45 + IVA.       

15/09/2019
Scuola, senza vaccino ancora 4.500 bambini nella Regione: 1.148 nel Maceratese

Scuola, senza vaccino ancora 4.500 bambini nella Regione: 1.148 nel Maceratese

Sono circa 4.500 su 70mila i bambini marchigiani (tra 0 e 6 anni) che devono completare le vaccinazioni obbligatorie. A rilevare il dato sono le analisi effettuate dell'Asur. In molti stanno cercando di recuperare in vista della riapertura degli asili nido e delle scuole materne. Gli ambulatori delle cinque aree vaste della Regione Marche sono a disposizione per le vaccinazioni anche senza la prenotazione. Nel dettaglio, la provincia Maceratese conta 1.148 casi di bambini che devono ancora sottoporsi alla vaccinazione obbligatoria. 1.592 casi riguardano l'Area Vasta 1, per la provincia di Pesaro e Urbino; 850 sono i casi registrati ad Ancona, nell'Area Vasta 2; 527 nell'Area Vasta 4 quella relativa al Fermano e 383 nell'Ascolano (Area Vasta 5). Le cause principali di questi ritardi stanno nel percorso di recupero che necessita di tempo per l'applicazione e nella presenza di controindicazioni. Spesso però c'è anche la volontà dei genitori di non vaccinare i figli: una decisione che rischia di non fa ammettere il bambino a scuola.

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433