Aggiornato alle: 12:45 Sabato, 27 Febbraio 2021 cielo sereno (MC)
Cronaca Altri comuni

"Blackout challenge", il pericolo viaggia su Tik Tok: la sfida mortale che coinvolge i minorenni

"Blackout challenge", il pericolo viaggia su Tik Tok: la sfida mortale che coinvolge i minorenni

Torna l'appuntamento con la rubrica settimanale "La Strada delle Vittime", nella quale si affronta l'analisi della casistica criminale con approccio vittimologico. 

"Blackout challenge”: la sfida prevede che lo sfidante si comprima la carotide fino alla perdita dei sensi.

Probabilmente molti adulti non conoscevano neppure l’esistenza di questa challenge, sino a che non è stata diffusa la notizia che una bambina di 10 anni a Palermo è morta poichè si sarebbe legata la cintura dell’accappatoio intorno al collo, e avrebbe attaccato l’altra estremità al porta asciugamani per eseguire il video da postare su Tik Tok.

Tik Tok, ha dichiarato di "non aver riscontrato alcuna evidenza di contenuti che possano avere incoraggiato" alla ‘blackout challenge’ ma che avrebbe continuato "a monitorare attentamente la piattaforma come parte del continuo impegno per mantenere la community al sicuro". Sarebbe una delle sorelline più piccole di Antonella ad aver rivelato ai genitori della blackout challenge su questo social.

La Procura ha aperto un fascicolo per “istigazione al suicidio contro ignoti”, mentre gli inquirenti stanno ancora indagando per capire da quale piattaforma questa sfida sia stata effettivamente lanciata e colta dalla piccola Antonella. 

Certo è che la bambina aveva intenzione di postare il suo video su Tik Tok. Il suo cellulare, a conferma di ciò, è stato ritrovato sulla mensola del bagno di casa.

Più del 30% degli utenti di Tik Tok sono minorenni, molto spesso di età inferiore ai 14 anni.

Che parliamo di Tik Tok, di Facebook o di altri social il problema non cambia. Il problema dovrebbe essere forse focalizzato piuttosto sul ruolo dei genitori nella vita “social” dei figli minori: presenza, condivisione ma anche controllo. 

Non serve elencare gli articoli del codice civile e penale per capire quali siano le tutele predisposte dal nostro ordinamento nei confronti di un  minore che, se addirittura di età inferiore ai 14 anni, è considerato totalmente incapace di intendere e di volere. Basta quel sano buon senso che non passa mai di moda, anche se i tempi cambiano, anche se sotto l’ albero di Natale i più piccoli attendono cellulari e tablet al posto della Barby o della macchina telecomandata.

E’ di poche ore fa un’altra morte per soffocamento di un bambino di Bari: 9 anni, trovato dai genitori impiccato nella sua cameretta, con una corda intorno al collo. I genitori hanno chiamato immediatamente i soccorsi, ma per il piccolo i soccorritori del 118 non hanno potuto fare nulla se non constatarne il decesso.

La PM di turno ha disposto il sequestro di tutti i dispositivi elettronici nella casa: nessuna pista è esclusa. Anche in questo caso la Procura di Bari, come atto dovuto, avrebbe aperto un fascicolo per istigazione al suicidio contro ignoti.

Crediamo il nostro pensiero sia riassumibile dalle ben più autorevoli parole della Polizia Postale a cui  lasciamo spazio perchè crediamo che tutti i genitori dovrebbero leggerle.

FONTE: POLIZIA POSTALE 

- Parlate ai ragazzi delle nuove sfide che girano in rete in modo che non ne subiscano il fascino se ne vengono al corrente da coetanei o sui social network;

- Assicuratevi che abbiano chiaro quali rischi si corrono a partecipare alle challenge online. I ragazzi spesso si credono immortali e invincibili perché “nel fiore degli anni”: in realtà, per una immaturità delle loro capacità di prevedere le conseguenze di ciò che fanno, potrebbero valutare come innocui comportamenti letali.

- Alcune challenge espongono a rischi medici (assunzione di saponi, medicinali, sostanze di uso comune come cannella, sale, bicarbonato etc), altre inducono a compiere azioni che possono produrre gravi ferimenti a sé o agli altri (selfie estremi, soffocamento autoindotto, sgambetti, salti su auto in corsa, distendersi sui binari stc)

- Monitorate la navigazione e l’uso delle app social, anche stabilendo un tempo massimo da trascorrere connessi. Mostratevi curiosi verso ciò che tiene i ragazzi incollati agli smartphone: potrete capire meglio cosa li attrae e come guidarli nell’uso in modo da essere sempre al sicuro.

- Se trovate in rete video riguardanti sfide pericolose, se sui social compaiono inviti a partecipare a challenge, se i vostri figli ricevono da coetanei video riguardanti le sfide segnalateli subito a www.commissariatodips.it

- Tenetevi sempre aggiornati sui nuovi rischi in rete con gli ALERT che vengono pubblicati sul portale www.commissariatodips.it e sulle pagine Facebook Una Vita da Social e Commissariato di PS Online

 

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni