Altri comuni

Truffe, maltrattamenti e violenze sessuali: Il fenomeno delle sette in aumento in Italia

Truffe, maltrattamenti e violenze sessuali: Il fenomeno delle sette in aumento in Italia

Il Cesap, Centro Studi Abusi Psicologici, insieme all’Associazione Giovanni XXIII coordinata da Don Aldo Bonaiuto che, dal 2006, collabora con la Polizia di Stato nel gruppo d'indagine denominato S.A.S (Squadra Anti Sette), è una delle poche strutture che da anni opera in favore delle vittime delle sette, offrendo supporto psicologico e legale. La fondatrice del Cesap, la psicologa Lorita Tinelli, spiega che quello delle sette è “un fenomeno sotterraneo che può contare su circa 500 organizzazioni settarie, con migliaia di adepti e una stima di un milione di vittime in Italia”.  Le chiamate per chiedere aiuto al numero verde nazionale antisette (800.228.866) negli ultimi due anni sono nettamente aumentate. La dottoressa Tinelli, in un’intervista rilasciata al Gazzettino, ha spiegato che la distanza dalla scuola durante la pandemia ha acuito il fenomeno tra i giovanissimi. “Tanti ragazzi sui 18/19 anni, impauriti dal futuro, entrano in contatto con individui che promettono cose impossibili", ha affermato. Molte le telefonate dei genitori disperati perchè i propri figli hanno lasciato casa, “sedotti” da sedicenti guru, anche essi spesso molto giovani che, attraverso la manipolazione psicologica, li plagiano, spesso rendendoli vittime di truffe, maltrattamenti e nei casi più gravi di violenze sessuali.   E proprio di ciò è stato accusato Matteo Valdambrini, studente di Economia 25enne di Prato, condannato a 6 anni di reclusione con il rito abbreviato lo scorso dicembre. Il ragazzo a capo di una setta, che trascorreva molto tempo online per adescare le sue vittime, è stato accusato di aver ridotto in schiavitù i suoi adepti, e di averli costretti a subire atti sessuali, dopo averli convinti di essere il 'Diavolo' e di averli scelti per salvare il mondo. Avrebbe convinto le sue vittime a subire queste pratiche in quanto necessarie per superare un presunto 'blocco sessuale', eliminato il quale avrebbero potuto sviluppare poteri soprannaturali. Le indagini che, nel giugno del 2020, hanno portato all’arresto del Valdambrini dai poliziotti della squadra mobile di Firenze e dello Sco (Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato) sono partite grazie alla denuncia di una mamma che aveva notato nei suoi due figli di 17 e 18 anni dei comportamenti anomali. Sette e psicosette promettono risposte immediate a chi ha le difese psichiche più basse ed è alla ricerca di un miglioramento economico o spirituale della propria vita, a chi ha un disagio da risolvere o non riesce a trovare risposte ai propri dubbi esistenziali. Vittime soprattutto i giovani, più deboli alle promesse seduttive di queste sette, ma non solo. Ci sono anche adulti, non necessariamente anziani e sprovveduti; in comune hanno tutti una situazione di fragilità e un sentimento di isolamento e solitudine. Persone in difficoltà che hanno bisogno di essere ascoltate. Le sette, spesso, si propongono in sostituzione della famiglia e con abili manipolazioni promettono di realizzare ogni bisogno irrealizzato, perpetrando invece spesso gravi reati che solo l’occhio vigile di un genitore, di un familiare o di un amico delle vittime può riuscire a riconoscere e denunciare alle competenti autorità.

01/05/2022 19:45
Gli esperti di marketing continuano a lottare con la sicurezza delle password

Gli esperti di marketing continuano a lottare con la sicurezza delle password

Riuscire a realizzare più vendite online grazie a Internet è possibile farlo attraverso la comunicazione e il marketing. Le attuali strategie aziendali non possono assolutamente prescindere dal digitale, comunicare e vendere attraverso la rete consente di ampliare le prospettive di business e al contempo ad allinearsi tempestivamente ai cambiamenti del mercato digitale. Per un’azienda infatti, marketing, comunicazione e vendite online rappresentano gli elementi indispensabili per essere competitivi sul mercato. Ormai tutti lavorano con internet sfruttando tutte le opportunità che il world wide web offre, per esempio la pubblicità sui social più diffusi quali Facebook, Instagram, TikTok. La maggiore esposizione ad attacchi hacker è uno degli aspetti negativi legati all’ utilizzo del web e delle tecnologie digitali, specialmente per quanto riguarda il campo del digital marketing, Chi opera nel settore della pubblicità e del marketing pianifica e sviluppa vere e proprie campagne di Web Marketing strategico per le grandi e medie imprese, promuovendo brand e prodotti attraverso web e social media ovvero costruendo una comunicazione digitale pubblicitaria performante ed incisiva. Non c’è dubbio che l’ambiente in cui opera un esperto di web marketing è la rete internet e in particolare la gestione di tutto ciò che possa riguardare l’advertising, ma i marketer non possono più fare a meno di occuparsi anche di individuare un piano comunicativo alternativo o di recupero ogni qualvolta viene individuato un attacco informatico da un hacker. Come il digitale è in continua crescita, anche gli attacchi informatici lo sono, i cybercriminali perfezionano le loro tattiche. Gli esperti di marketing continuano a lottare con la sicurezza delle password attraverso l’uso di uno dei migliori software che esistono sul mercato e cioè un gestore delle password. Nel settore del digitale è fondamentale adottare questa misura di sicurezza per proteggere le password utilizzate dai dipendenti, per le credenziali e la gestione del conto online, per i pagamenti degli stipendi. Utilizzare un gestore di password è diventato ormai una delle misure preventive più efficaci per difendere il marketing online da attacchi fraudolenti di hacker. Con il passare del tempo e dell’evolversi degli attacchi informatici è diventata di fondamentale importanza la collaborazione in un’azienda di piccole e medie dimensioni tra i vari reparti: tale collaborazione serve appunto a limitare al massimo il rischio informatico e a diffondere all’interno dell’impresa una vera e propria cultura della sicurezza informatica. Informare, educare i dipendenti o alcuni di essi, magari quelli addetti ai lavori attraverso la frequenza anche da remoto di percorsi formativi mirati che offrano gli strumenti giusti per identificare immediatamente un tentato attacco informatico, consente sempre più di rafforzare la difesa sul web da attacchi malware, e-mail phishing o ransomware. Sul web in ogni caso fin d’ora non esiste una soluzione completa e definitiva per ovviare e difendersi dal problema e dalle minacce informatiche; in ogni caso un gestore delle password consente di reimpostarle se venissero smarrite o dimenticate anche se si riferiscono a password di marketing cloud. Un gestore delle password in realtà rientra nelle attività di cyber security ed ha infatti l’obiettivo di proteggere il cyberspazio dai cyberattacchi: tutti coloro che posseggono diversi account online dovrebbero utilizzare dei gestori di password così da poter individuare minacce, vulnerabilità e rischi informatici ed essere in grado di proteggere i dati da possibili attacchi e scongiurare eventuali violazioni alla rete o ai sistemi informatici. Questa applicazione consente agli operatori del marketing di impostare backup automatici o importare dati anche da altri gestori di password: ogni volta che si vorranno utilizzare la funzionalità di compilazione automatica sarà possibile risparmiare tempo, per recuperare tutte le promozioni e campagne pubblicitarie effettuate online. Lottare per la sicurezza delle password online Spesso pensiamo che per garantire la sicurezza delle password che utilizziamo in rete basta cambiarle periodicamente per poi imbattersi in quella fastidiosa circostanza di crearne nuove più difficili utilizzando magari tutti i tipi di caratteri (numeri, lettere minuscole e maiuscole, simboli). Con il passare del tempo però, si è verificato che pur cambiando spesso le password e creandone nuove e difficili da apparire sicure, gli attacchi informatici non si sono fermati, anzi oltre ad aumentare hanno visto crescere la loro forza grazie anche all’uso di software capaci di craccare password. Pertanto, cambiare periodicamente le password non è più considerato utile farlo perché altrimenti può portare l’utente a scocciarsi e quindi utilizzare password banali e semplici così da riuscire a ricordarle subito, ogni qual volta ci viene richiesto l’utilizzo. Utilizzando un gestore delle password invece, questo problema non sussiste ovvero trova immediata soluzione grazie al fatto che questo software è in grado di conservare le password al sicuro e di utilizzarle senza sforzi mnemonici al momento giusto: l’importante è avere a mente solo ed esclusivamente una sola password, quella master, ovvero la parola chiave che sblocca il vault cifrato.

27/04/2022 16:19
Cos'è il cashback e come sfruttarlo quando fai acquisti online

Cos'è il cashback e come sfruttarlo quando fai acquisti online

Il cashback è uno dei tanti strumenti che permettono ai consumatori di risparmiare quando acquistano dei prodotti, in particolare quando effettuano l’acquisto direttamente online. In genere, infatti, sono gli e-commerce che mettono a disposizione degli utenti un programma di cashback, mentre è più difficile trovare dei negozi fisici che lo applicano. Ma prima di parlare dei possibili aspetti positivi connessi al cashback occorre prima chiedersi cosa sia. Il termine, come è semplice intuire, significa letteralmente “soldi indietro”, e ciò vuol dire che una percentuale della somma spesa viene restituita sotto forma di buoni per altri acquisti oppure erogata direttamente sul conto corrente. Un esempio potrebbe rendere più semplice il concetto. Se Tizio decide di acquistare un determinato bene e paga 100 euro, il cashback gli permette di riavere indietro una percentuale della somma spesa (ad esempio il 5%). Si tratta, quindi, di una tecnica per fidelizzare la clientela, offrendo un vantaggio appetibile. Infatti, secondo le stime, almeno l’80% dei consumatori acquista nuovamente in una determinata azienda se invogliato da una strategia di fidelizzazione. Inoltre, in genere, i clienti definiti “abituali” acquistano di più rispetto ai nuovi clienti. A confermarlo è il team di Bestshopping.com, che grazie al suo servizio di cashback ha fatto risparmiare milioni di euro ai suoi iscritti. Non male, non credi? A cosa serve il cashback? Come visto in precedenza, il cashback è uno strumento particolarmente vantaggioso per i consumatori, specialmente per coloro che preferiscono gli acquisti sul web. Ma cosa ci guadagnano le aziende? Il cashback serve per incentivare gli utenti a comprare di più utilizzando lo stesso canale, senza rivolgersi altrove. Il cashback permette a coloro che ne usufruiscono di risparmiare, ma in maniera intelligente. Infatti, gli sconti su alcuni prodotti, non sono sempre appetibili, mentre il cashback offre libertà di scelta su tutti gli articoli in vendita oppure una sorta di rimborso. Gli intermediari, invece, offrono questo servizio perché guadagnano una commissione dai negozi affiliati, in base all’aumento del volume di affari di tali esercizi commerciali, ma non solo: gli utenti di tali programmi, mediante i loro acquisti, forniscono informazioni personali. Le piattaforme di intermediazione, pertanto, possono utilizzare i dati acquisiti per campagna di marketing. Come funziona il cashback? Il meccanismo di funzionamento del cashback, come sopra anticipato, è piuttosto semplice. Tuttavia, per avere maggiore consapevolezza di questo particolare strumento, è necessario scendere nel dettaglio. Ecco le caratteristiche del cashback: -  VALIDITÀ: Il cashback, diversamente da come si potrebbe pensare, non funziona sempre allo stesso modo, questo perché  ha un funzionamento diverso a seconda dei canali che lo propongono. Infatti, possono essere gli stessi esercenti a prevedere tale strumento, ed in questo caso è valido solo nel punto vendita stesso o in una catena di negozi sparsi sul territorio. Se, invece, gli esercenti operano anche online, la maggior parte delle volte il servizio è garantito sia sull’e-commerce che presso il negozio fisico. In alcuni casi, sono le società di intermediazione che permettono di usufruire del cashback, grazie agli accordi commerciali con più imprese. In questo caso, quanto accumulato può essere speso in tutti i negozi del network. - EROGAZIONE: Quasi sempre quando si sente parlare di cashback si pensa alla restituzione di una determinata quantità di denaro spesa. Tuttavia, non è necessariamente così. Infatti il cashback può essere erogato in diverse forme, come il rimborso di una quota di quanto speso, sia su tutti gli acquisti che al superamento di una determinata cifra. Oppure, il requisito potrebbe essere di accumulare un minimo prima di poter prelevare (o spendere sui futuri acquisti) la somma. In questi casi, però, bisogna prestare attenzione perché spesso quanto accumulato è soggetto a scadenza. Questo significa, in parole povere, che se non si utilizza tutto ciò che è stato accumulato, si rischia di perderlo in modo definitivo.  La forma di cashback più diffusa è, però, lo sconto sugli acquisti futuri effettuati presso gli stessi marchi oppure nel network di negozi affiliati allo stesso programma.   - REFERRALS: Quando si parla di cashback, è importante comprendere anche cosa sono i referrals. Si tratta di ottenere un vantaggio non solo dai propri acquisti personali, ma anche da quelli effettuati dalle persone che sono state invitate ad iscriversi allo stesso programma di cashback mediante il proprio link affiliato, seppur in misura minore. In poche parole, grazie ai referrals è possibile ottenere un vantaggio economico (come ad esempio uno sconto su un determinato prodotto o servizio) dagli acquisti posti in essere da soggetti terzi, ad esempio un proprio familiare. Si tratta di una sorta di effetto cashback “indiretto” ovvero non frutto di un proprio acquisto, bensì di un acquisto altrui. Quanti tipi di cashback esistono? Parlare in modo generico di cashback non è mai corretto, questo perché nel sistema economico attuale ne esistono di svariati generi. Tra le modalità più importanti, è possibile annoverare: le carte di credito, le piattaforme online e i circuiti offline. Tra i sistemi di cashback più diffusi non è possibile non citare le cosiddette carte cashback. Tali carte sono nate circa 10 anni fa in America, dove rapidamente hanno ottenuto un notevole successo. Si tratta di normalissime carte di debito o di credito, che accreditano in modo automatico una determinata percentuale fissa di ciò che viene speso al titolare della carta. In poche parole, ovunque si utilizzi la carta (a prescindere dal tipo di negozio) è possibile ottenere un risparmio il quale verrà accreditato direttamente sulla carta. Un altro sistema di cashback piuttosto diffuso è quello online. Anzi, in molti ritengono che sia, almeno attualmente, il miglior sistema di risparmio per chi è solito effettuare acquisti mediante il web. In questo caso, tutto quello che occorre fare è registrarsi al portale di intermediazione dove effettuare gli acquisti, trovare all’interno dello stesso il negozio affiliato che vende i prodotti ed i servizi interessati, concludere l’acquisto ed ottenere il cashback in modo automatico. Infine, come accennato, esiste anche il cashback offline, ovvero ottenuto nei negozi fisici, tuttavia, diversamente dai precedenti sistemi, ad oggi sembra essere quello meno utilizzato, almeno in Italia. Il governo, però, dopo aver sperimentato con successo un sistema di cashback negli esercizi commerciali del Paese, ha in programma di ripetere la manovra, anche se con alcune differenze, mantenendo lo stesso principio di funzionamento.

27/04/2022 09:00
L'abito perfetto in ogni occasione (matrimonio compreso), per non dire mai più "Ma cosa mi metto?"

L'abito perfetto in ogni occasione (matrimonio compreso), per non dire mai più "Ma cosa mi metto?"

L'arrivo della Primavera segna l'inizio della stagione delle cerimonie. Comunioni, matrimoni, battesimi, questo periodo è l'ideale per festeggiare, per riunirsi con parenti e amici e celebrare l'amore, in tutte le sue forme. Ma ricevere l'invito ad una festa, porta sempre con sé un'unica domanda, "Cosa mi metto?". E' un quesito che non riguarda solo le donne, anche gli uomini si pongono un simile problema, perchè queste occasioni speciali, richiedono un dress code particolare, più ricercato, che deve essere elegante ma anche comodo. Le cerimonie, infatti, solitamente durano un'intera giornata, tra il rito e il ricevimento, ed è necessario indossare qualcosa che non crei disagio o fastidio, un abito sicuramente pratico, certo, ma comunque di classe. Ovviamente, i signori uomini non devono indossare le scarpe con il tacco, e non sono costretti a decidere tra vestito lungo o abitino fantasia, ma scegliere l'abito sbagliato, anche per loro, può rappresentare una vera tortura. Indossare un vestito per tante ore può essere faticoso, se poi lo stesso risulta anche scomodo, troppo stretto, o di un tessuto poco adatto alla stagione, c'è il rischio di non riuscire neanche a godersi la festa. Per rispondere a tutte le esigenze di comfort e ricercatezza, Boggi propone un tipo di abito uomo versatile, elegante e confortevole, che non è un semplice vestito, ma è in grado di valorizzare e rappresentare in pieno la persona che lo indossa. Sentirsi a proprio agio con l'abito che si ha addosso è fondamentale, e i completi da uomo della storica maison milanese sono pensati proprio per chi ha fatto dell'eleganza il proprio tratto distintivo, ma non intende rinunciare alla comodità, anche nelle occasioni più formali. L'abito in lana stretch proposto da Boggi, rappresenta il giusto compromesso tra stile e comfort, il motivo gessato e il colore blu, poi, sono il perfetto completamento di un look fine, rigoroso e molto elegante, che può essere sfoggiato in ogni occasione. Ma il blu non è l'unico colore adatto alle occasioni speciali, anche il grigio rappresenta una valida alternativa al classico navy, o al grisaglia. Dall'intenso antracite al più tenue occhio di pernice, il grigio è un colore estremamente piacevole e risulta particolarmente adatto sia ad un'occasione più formale, come un impegno di lavoro, sia ad un evento mondano. Per dare all'abito un ulteriore tocco di eleganza, Boggi propone tutta una serie di accessori per completare l'outfit. Il gilet, ad esempio, è un elemento davvero di classe, e indossarlo in una tonalità a contrasto, abbinato magari alla cravatta e alla pochette, renderà il look unico e particolare. La casa di moda maschile suggerisce un completo antracite con gilet, cravatta e fazzoletto grigio perla, un abbinamento di sicuro effetto, rigoroso e di tendenza nello stesso tempo. Un look per non passare inosservati, mai.  

26/04/2022 19:00
Previdenza integrativa, uno strumento per un futuro più sicuro

Previdenza integrativa, uno strumento per un futuro più sicuro

Il quadro generale di profonda incertezza porta a guardare la previdenza integrativa come uno strumento pensato per un futuro più sicuro.  I futuri scenari previdenziali, infatti, sono quanto mai incerti ed è importante trovare delle soluzioni valide che vadano a integrare quella che sarà la pensione da lavoro che ognuno riceverà. Questo significa che, prima di effettuare la scelta, è necessario capire qual è la migliore pensione integrativa così da riuscire a individuare la migliore per le proprie esigenze.  Non tutti sono uguali e soprattutto non lo sono le esigenze di ciascuno. Esistono, quindi, diversi prodotti e prima di scegliere quale sia migliore è utile effettuare una comparazione tra strumenti di previdenza integrativa. Online ci sono delle risorse utili come la guida di Affari Miei sulla pensione integrativa che permette di effettuare la comparazione per procedere a una scelta consapevole.  Avere a propria disposizione tutti i migliori fondi pensione che ci siano sul mercato permette di scoprire quello che hanno da offrire e anche quelli che potrebbero essere i punti deboli di ciascuno di essi, così da avere una panoramica. La pensione complementare è importante per il proprio futuro. Scegliere la soluzione migliore permette di guardare ai giorni che verranno con una sicurezza in più. Si tratta, del resto, dell'unico modo per poter pensare con una certa sicurezza a un futuro con un tenore di vita in linea con quello del presente. Quando si termina l'attività lavorativa il rischio è quello di trovarsi con una pensione da lavoro molto più bassa rispetto alle aspettative.  Per questo motivo si consiglia di prendere in considerazione l'adesione a un fondo pensione. Aderire alla previdenza integrativa permette di avere anche diversi vantaggi.  Prima di scegliere lo strumento più valido è necessario ricordare anche che è possibile beneficiare di una tassazione agevolata e, per i lavoratori dipendenti, questo si applica anche in caso di TFR versato a un fondo pensione. Nello specifico, un dipendente può andare a dedurre dal reddito dichiarato ai fini IRPEF fino a un massimo di 5.164,57 euro di contributi alla pensione integrativa, e in questa somma si possono inserire e non solo i contributi personali ma anche quelli versati dal datore di lavoro. Un vantaggio non da poco, che va ad aggiungersi anche alla possibilità di ottenere tutti gli altri benefici connessi alla pensione integrativa.  Oggi come oggi questa è la scelta migliore che si possa fare, per vivere il proprio presente e il proprio futuro con una certezza in più.

26/04/2022 15:00
Donazione in memoria: cos’è e come effettuarla

Donazione in memoria: cos’è e come effettuarla

Come far rivivere il ricordo di una persona cara per sempre? Questa è la domanda che la maggior parte di noi si pone subito dopo aver vissuto la perdita di una persona cara. Esistono diverse scelte da poter compiere prima, durante o dopo la morte di un familiare, di un partner o un amico. Quella più comune è senza dubbio la donazione in memoria, un modo per far rivivere ad altre persone il ricordo positivo di un defunto. La donazione in memoria è una pratica diffusa sia in Italia che nel resto del mondo, resa possibile dalle numerose organizzazioni no profit, che permette di salvare la vita di tanti bambini, donne e uomini che hanno bisogno di cure. Fai una donazione in memoria e scopri nei prossimi paragrafi in cosa consiste questa pratica e come farla online. Donazione in memoria: ecco come puoi farla Le donazioni rappresentano l’atto più nobile che una persona può fare, un gesto simbolico che permette di condividere con le persone più bisognose una maggiore serenità, un aiuto concreto, delle cure e una speranza di vita migliore. Come affermava Sant’Agostino: “Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime”, non c’è modo migliore della donazione in memoria per far vivere il ricordo di una persona cara, per permettere a chi non c’è più di continuare a fare del bene. Grazie alle nuove tecnologie oggi è ancora più semplice fare una donazione, perché la maggior parte delle organizzazioni no profit permettono di fare donazioni online direttamente dal loro sito web. In questo modo è possibile fare una donazione in memoria in modo semplice e veloce. In genere, basta compilare un modulo presente sul sito ed effettuare il pagamento tramite uno dei metodi di pagamento accettati dall’organizzazione. Tra i dati richiesti dal modulo c’è sempre il nome e il cognome della persona che si vuole ricordare, così che l’organizzazione di riferimento possa scrivere una lettera personalizzata alla famiglia della persona che si vuole ricordare attraverso la donazione, per informarla e condividerla del gesto di solidarietà. Perché fare una donazione in memoria? Trasformare in solidarietà il dolore che si prova dopo una perdita di una persona cara è senza dubbio il modo migliore per elaborare un lutto e dare un maggiore sostegno a chi ne ha veramente bisogno. Un piccolo contributo può contribuire all’acquisto e alla fornitura di farmaci o ausili sanitari, può contribuire al sostegno economico di tutti i volontari che in prima persona assistono persone bisognose di cure, cibo e farmaci. Le organizzazioni no profit utilizzano i fondi raccolti attraverso le donazioni in memoria in tanti modi differenti e in genere la percentuale più alta dei fondi viene destinata a diversi progetti attivi dislocati nelle località del mondo dove c’è più bisogno di aiuto. Fare una donazione in memoria con Medici Senza Frontiere Medici Senza Frontiere è un’organizzazione no profit attiva dal 1971, nata a seguito di una drammatica guerra scoppiata in Biafra. L’organizzazione è presente in ogni località colpita da conflitti, catastrofi naturali ed epidemie, sempre in prima linea per salvare vite e offrire tutte le cure necessarie a donne, uomini e bambini. L’81% dei fondi raccolti attraverso le donazioni è destinato ai progetti di cura attivi in tutto il mondo e solo una piccola parte viene utilizzata da Medici Senza Frontiere per le spese di gestione dell’organizzazione. Fai donazione in memoria e nell’area donatori di MFS puoi trovare tutti i documenti utili per dedurre o detrarre l’importo donato.    

26/04/2022 09:00
Incidente sulla Ascoli mare, morta una donna di 70 anni

Incidente sulla Ascoli mare, morta una donna di 70 anni

Non ce l'ha fatta la donna rimasta vittima di un incidente stradale avvenuto questa mattina, intorno a mezzogiorno, sulla superstrada Ascoli mare, il raccordo autostradale della A14, all'altezza dello svincolo di Maltignano. Le autovetture coinvolte nel sinistro sono state due, quattro le persone a bordo di cui due estratte dalle lamiere dai Vigili del Fuoco ascolani prontamente intervenuti sul posto. All'inizio le condizioni della donna, una settantenne, non sembravano gravi, ma la situazione è peggiorata nel pomeriggio, sino al decesso avvenuto intorno alle 17. La dinamica dell’incidente stradale è al vaglio della polizia autostradale intervenuta. 

24/04/2022 17:51
"Se ci stai, ti faccio il contratto". Il ricatto di un imprenditore in cambio del posto fisso

"Se ci stai, ti faccio il contratto". Il ricatto di un imprenditore in cambio del posto fisso

La Cassazione ha confermato la condanna a sei anni e mezzo di reclusione nei confronti di un imprenditore della provincia di Bergamo, titolare di un agriturismo, che aveva violentato una sua dipendente. La donna, dopo la violenza subita durante l’orario di lavoro, era stata ricoverata in ospedale con due mesi di prognosi. L’uomo, 47 anni, condannato già in primo grado, per il tramite dei suoi legali ha impugnato la sentenza sino a giungere all’ultimo grado di giudizio, presentando Ricorso in Cassazone. La linea difensiva è stata quella della richiesta delle attenuanti generiche che avrebbero portato ad uno sconto di pena, perchè l’uomo si è definito: "un onesto lavoratore e un padre di famiglia sempre rispettoso delle regole", dichiarando essersi trattato di “un gesto occasionale” La Suprema Corte ha rigettato il Ricorso dell’imprenditore per il disvalore della vicenda: l’imputato aveva commesso il reato approfittando della propria posizione sovraordinata rispetto alla dipendente.  Non sono rari casi di questo genere, in cui un datore di lavoro, approfittando del proprio status, molesta le proprie dipendenti, confidando magari nel loro silenzio, pena la perdita del posto di lavoro.  Non solo le donne, ma anche gli uomini possono cadere vittime di quello che la Cassazione ha, con recente sentenza, definito "stalking aggravato”, intendendo come tale “la condotta del datore di lavoro che ponga in essere una mirata reiterazione di plurimi atteggiamenti ostili verso il lavoratore dipendente, volti alla sua mortificazione ed isolamento nell’ambiente di lavoro – che possono essere rappresentati dall’abuso del potere disciplinare culminante in licenziamenti ritorsivi – tali da limitare la libera autodeterminazione dello stesso (Cassazione, Sentenza 05 aprile 2022, n. 12827).  Nella fattispecie sottoposta al vaglio della Suprema Corte, il datore di lavoro si era reso colpevole del reato “tramite reiterate minacce, anche di licenziamento, e denigratorie, nonché attraverso il ripetuto recapito di ingiustificate e pretestuose contestazioni di addebito disciplinare, ingenerando nei dipendenti un duraturo stato di ansia e di paura così da costringerle ad alterare le loro abitudini di vita” In questi casi denunciare è l’unica strada affinchè la vittima non incorra in gravi danni fisici e psichici che con il trascorrere del tempo si cronicizzerebbero in vere e proprie patologie. 

24/04/2022 14:30
Lifestyle, donna: dal profumo al foulard, gli accessori indispensabili

Lifestyle, donna: dal profumo al foulard, gli accessori indispensabili

L'armadio di una donna è solitamente un luogo pieno di indumenti che vengono abbinati e accoppiati fra di loro in base a diversi contesti, periodi dell'anno e occasioni speciali. Oltre ai vestiti, a rendere fascinosa e di classe una donna non possono però mancare gli accessori, i quali, se abbinati fra loro, sono in grado di far risaltare diverse caratteristiche del corpo allo scopo di farne risaltare la bellezza ovvero aumentare lo charme della persona, caratteristica fondamentale per sentirsi belle e far parlare di sè sfoggiando outfit impeccabili e ricercati tali da non passare inosservati Gli accessori fondamentali per il lifestyle donna Un accessorio molto versatile è la sciarpa, foulard nel periodo estivo, perché permettere di variare i colori del proprio abbigliamento, accendendo o spegnendo i toni del vestiario inteso nella sua globalità. Fondamentali per un look casual, risultano anche molto utili nel caso in cui ci sia freddo o caldo, rendendosi di fatto appropriate per ogni periodo dell'anno. Indispensabili anche gli orecchini, che devono essere scelti tenendo conto di varie caratteristiche e del taglio del volto, scegliendo il migliore fra una vasta scelta di pendenti che possono essere più o meno corti e colorati. La pochette, che sostituisce la classica borsa, è piccolina e va scelta solitamente senza tracolla, da portare a mano, in modo da risultare stilosa, magari abbinandola ad un cappello che deve essere di lana nei periodi estivi, in modo da tenere lontano il freddo oltre che aumentare la vostra bellezza, e di lana o di paglia durante l'estate, magari agghindato con un fiocco o con qualche altro elemento decorativo fondamentale. A chiudere tutto deve essere il profumo, scelto su un mercato dove c'è molta varietà: profumi Armani, stranieri, fruttati, secchi etc. etc., la varietà non manca ma bisogna stare attente alla sua scelta. L'importanza del profumo nel lifestyle di una donna NIl profumo gioca un ruolo predominante all'interno del lifestyle di una donna, donandole quel tocco di classe e signorilità in grado di adattarsi a diversi contesti. Profumi come My Way Armani o altri grandi marchi diventano quindi una scelta obbligata e imprescindibile, soprattutto per occasioni importanti sia lavorative che sociali. La fragranza del profumo deve essere ponderata rispetto a tanti fattori, prima fra tutti la stagione di riferimento, prediligendo odori fruttati e freschi durante l'estate, e più secchi o pungenti in inverno, facendo attenzione ai propri gusti. Un outfit vincente, anche casual, non può fare a meno del profumo perché è il primo biglietto da visita che si da all'altro quando si conosce per la prima volta una persona. Socialmente, infatti, ricopre un ruolo fondamentale che nessun altro capo di abbigliamento sarà in grado di sopperire.

24/04/2022 09:00
“Lo Scenario delle Professioni: oggi e domani”, l’evento di TeamSystem per i professionisti economici e i giuristi d’impresa

“Lo Scenario delle Professioni: oggi e domani”, l’evento di TeamSystem per i professionisti economici e i giuristi d’impresa

Un momento storico cruciale: l’Italia affronterà scenari economici straordinari, tra PNRR e nuove sfide mondiali. Per riflettere sui nuovi trend e sugli impatti diretti e concreti sulle libere professioni, TeamSystem – leader italiano nel mercato delle soluzioni digitali per la gestione del business di imprese e professionisti –, in collaborazione con The European House – Ambrosetti, propone l’evento “Lo Scenario delle Professioni: oggi e domani”. L’appuntamento, dedicato ai professionisti economici e ai giuristi d’impresa, si terrà martedì 10 maggio 2022, dalle ore 9.30 alle 18, in tre diverse sedi accessibili esclusivamente su invito: a Cernobbio (Como) presso Villa Erba, a Roma presso la Galleria del Cardinale, e a Bari presso Villa Romanazzi Carducci. Iscrivendosi alla pagina dedicata all’evento, sarà possibile assistere al Forum anche da remoto. Il Forum toccherà dunque diverse tematiche legate alle libere professioni, dai megatrend del futuro agli effetti della digitalizzazione delle imprese, con focus sulle nuove sfide in atto, sempre con un taglio rivolto ai liberi professionisti e al loro possibile contributo in questo nuovo contesto. Giuseppe Busacca, General Manager BU Professional Solutions di TeamSystem, è infatti certo che le libere professioni avranno un ruolo fondamentale: “Con la trasformazione digitale del tessuto imprenditoriale del Paese, per l’Italia si prospetta un nuovo modello di crescita, più sostenibile e duraturo al quale i professionisti contribuiranno con un ruolo da protagonisti”, le sue parole in occasione della presentazione dell’evento. Durante l’evento prenderanno parola diversi esperti, dagli accademici ai rappresentanti istituzionali e business leader: - Ferruccio De Bortoli, moderatore (Presidente Longanesi, Editorialista Corriere della Sera) - Anna Ascani (Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico) - Carlo Cottarelli (Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani) - Federico Leproux (Ceo Gruppo TeamSystem) - Ernesto Maria Ruffini (Direttore Generale Agenzia delle Entrate) - Marco Grazioli (Presidente The European House Ambrosetti) - Chiara Goretti (Coordinatrice della Segreteria tecnica del PNRR, Presidenza del Consiglio dei Ministri) - Tiziano Treu (Presidente Cnel, ex Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale) - Luigi Marattin (Presidente della Commissione Finanze, Camera dei Deputati) - Franco Massi (Segretario Generale, Corte dei Conti) - Giuseppe Busacca (General Manager BU Professional Solutions, TeamSystem) - Patrick Trancu (CEO & Senior Advisor, TT&A Advisors) - Tommaso Di Tanno (Studio Di Tanno e Associati) - Alberto Mattiello (Head, Future Thinking Project, Wunderman Thompson) - Marcella Caradonna (Presidente Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano) - Philippe Arraou (Presidente Federazione Europea dei Consulenti Fiscali) - Gaetano Stella (Presidente Confprofessioni) Verrà inoltre presentato lo studio condotto da The European House – Ambrosetti in collaborazione con TeamSystem, sul tema “L’evoluzione del ruolo di commercialisti e consulenti del lavoro nel processo di digitalizzazione del Paese”. A chiudere la giornata la premiazione dei “100 Best in Class”, i 100 profili eccellenti, tra commercialisti e consulenti del lavoro, scelti da una giuria di alto livello nell’ambito dell’iniziativa promossa da TeamSystem ed Euroconference, con il supporto di Forbes Italia.  

22/04/2022 17:00
Ragazza russa di 26 anni trovata in mare in grave stato di ipotermia

Ragazza russa di 26 anni trovata in mare in grave stato di ipotermia

Una ragazza di 26 anni di origine russa, è stata ritrovata sulla spiaggia di Porto d'Ascoli (FM) questa mattina, intorno alle 8.30, grazie ad una donna che passeggiava con il cane sul lungomare e che alla vista della giovane ha subito allertato il 118. Intervenuti sul posto i sanitari del 118, la Polizia e la Capitaneria di Porto per prestare i primi soccorsi, hanno trovato la giovane in acqua, in stato di semi incoscenza e grave ipotermia. Una volta stabilizzata a bordo dell'ambulanza del 118, la donna ha ripreso conoscenza ed è stata trasportata in ospedale al Madonna del Soccorso di San Benedetto del Tronto. Dalle prime informazioni rilasciate dalla giovane, che lavora in un locale della costa, sarebbe entrata in acqua di propria volontà. Non ancora chiare le motivazioni alla base di quello che sembra essere un disperato gesto.

22/04/2022 12:50
Nuovo rinvio a giudizio per Loris Pasquini, già condannato a 22 anni per l'omicidio del figlio

Nuovo rinvio a giudizio per Loris Pasquini, già condannato a 22 anni per l'omicidio del figlio

E' stato rinviato a giudizio per porto abusivo di proiettili e polvere da sparo, Loris Pasquini, 73enne di Roncitelli, Senigallia, ex ferroviere, già condannato a 22 anni in primo grado per l'omicidio volontario, aggravato dalla parentela, del figlio Alfredo. Il delitto avvenne il 29 marzo 2021 nell'abitazione che l'uomo condivideva con il figlio. Pasquini padre esplose un colpo di arma da fuoco risultato fatale al 26enne. Confessò poco dopo i fatti l'omicidio, sostenendo di aver agito per legittima difesa durante un violento alterco con il figlio che lo aveva preso a bastonate. Nonostante il tentativo della difesa di far valere la discriminante, o in alternativa di derubricare il reato in omicidio preterintenzionale, la Corte d'Assise aveva riconosciuto la volontarietà dell' omicidio aggravato dal vincolo di parentela.  Ora l'uomo dovrà affrontare un altro processo: nell'abitazione dove si era consumato il delitto i carabinieri trovarono più di 600 proiettili, dieci scatole di polvere da sparo e il caricatore di una pistola, non dichiarati e pertanto illegittimamente detenuti. Nella sentenza con cui Pasquini era stato condannato per l'omicidio del figlio gli era stato già addebitato un anno di pena per detenzione abusiva di arma da fuono, una Beretta calibro 9 che teneva illegalmente in casa, con la quale sparò ad Alfredo.      

22/04/2022 12:10
Regione, fondi per investire nei borghi dell'entroterra: ecco come e dove

Regione, fondi per investire nei borghi dell'entroterra: ecco come e dove

Regione Marche e Camera di Commercio delle Marche hanno finanziato un bando con l'obiettivo di incentivare lo sviluppo di nuove imprenditorialità nei Comuni con meno di 5000 abitanti e distanti almeno 15 Km dalla costa. L'intervento si inserisce nel piano di azioni volte a valorizzare il territorio regionale, a sostegno dei borghi dell'entroterra marchigiano, per incentivarne l'attività economica e sviluppare l'imprenditorialità. Il Bando prevede contributi per l’avvio di nuova impresa commerciale o nuova unità locale di impresa appartenente al settore commercio con sede in uno dei borghi di cui all’allegato A del documento; per il trasferimento di impresa commerciale o di unità locale di impresa appartenente al settore commercio. La scadenza dei termini di partecipazione è prevista per il prossimo 31 maggio. 

22/04/2022 11:30
Cibo per cani: meglio umido o secco?

Cibo per cani: meglio umido o secco?

Può sembrare una domanda banale, ma quale sarà il cibo più adatto al nostro Pet? L’alimentazione corretta è fondamentale per gli amici animali, e con l’ampia offerta nel mercato si può cadere in confusione. Innanzitutto però possiamo sfatare un mito: per alimentare i nostri amici a quattro zampe non serve spendere un patrimonio. Grazie alle offerte che si trovano soprattutto online, come i coupon Zooplus o alle promozioni di molte aziende, si può far felice anche il portafogli. Inoltre, secondo alcune indagini svolte da Altroconsumo, in linea generale gli alimenti per animali sono tutti di qualità. Rimane il dubbio su quale tipo sia migliore: umido o secco? Ecco cosa rispondono gli esperti. La regolamentazione Europea sulla composizione dei mangimi per cani Possiamo iniziare con il rassicurare sul fatto che praticamente tutti i prodotti destinati agli animali sono sicuri. Devono rispettare scrupolosamente la normativa vigente, e in questo le regole sono chiare. Imparando a leggere bene le etichette, sia del cibo umido che secco, possiamo scegliere ciò che fa bene al nostro Pet.   Gli ingredienti sono messi nella lista in ordine decrescente. Vale a dire che se è presente la dicitura, ad esempio, “carne, verdura,farine di grano” significa che il prodotto contiene più carne che altro. Attenzione però, perché anche il tipo di carne (e la sua lavorazione) viene specificato in etichetta. Esistono tre principali categorie:   - carne/pesce fresco; - carne/pesce disidratato; - farine di carne/pesce. Tra le tre categorie, la carne disidratata rappresenta la migliore scelta, perché non avendo subito lavorazioni o cottura, la quantità di carne nel mangime rimane sempre la stessa. Quella fresca, che invece viene cotta, se all’inizio rappresenta il 50% del prodotto, alla fine coprirà solamente il 20%. Per quanto riguarda invece le farine animali, sicuramente sono molto proteiche ma è preferibile valutare con il veterinario se questo tipo di alimentazione sia adatta all’animale. Carne o pesce, ingredienti e composizione Non bisogna dimenticare, inoltre, di comprendere la distinzione tra la dicitura “mangime completo” e “mangime complementare”. Questo perché se non si fornisce all’animale tutte le sostanze di cui ha bisogno - in base ovviamente a età, perso, razza eccetera - possono insorgere vari problemi di salute, vitalità ed energia. Il mangime completo è composto da nutrienti in grado di soddisfare l’animale con la razione quotidiana somministrata. Quello complementare è da scegliere se si accompagna ad altri alimenti, anche domestici, ma non ai croccantini o cibo umido. Andando poi a sviscerare le caratteristiche dei singoli tipi di cibo per cani, dobbiamo considerare che sia il secco che l’umido presentano “pregi e difetti”. I pro e i contro del cibo secco I croccantini per cani rappresentano spesso la scelta più frequente. I croccantini non vanno incontro a deterioramento, fanno bene anche alla masticazione del cane e sono più gestibili in linea generale. Bisogna però stare attenti a fornire acqua a sufficienza al nostro Pet, se è abituato a consumare esclusivamente croccantini. Un altro vantaggio, però, risiede nel fatto che usare il cibo secco costa di meno. I pro e i contro del cibo umido Alimentare il nostro amico a quattro zampe con cibo umido, infatti, può costare anche fino a 6 volte di più. Naturalmente, al contrario del cibo secco, quello umido tende a deperire facilmente e quindi bisogna imparare bene ad acquistare le confezioni del giusto calibro. In base alla taglia e appetito del cane. Che sicuramente apprezza, perché in linea generale il cibo umido viene preferito. Di contro, i trattamenti di cottura che subiscono le carni contenute nei cibi umidi fanno diminuire la composizione di aminoacidi e aumentare l’apporto di grassi. In sintesi, se il cane “approva” l’ideale sarebbe quello di trovare un compromesso e utilizzare entrambe le forme di nutrimento.    

22/04/2022 09:00
Come funzionano i giochi UFC: strategie e suggerimenti

Come funzionano i giochi UFC: strategie e suggerimenti

Con la crescita della popolarità e dei combattimenti per l'UFC, sempre più persone hanno iniziato a interessarsi e informarsi sulle scommesse sui giochi UFC e a capire quali vantaggi e opportunità di guadagno sono disponibili per coloro a cui piace scommettere su questo gioco. Kampel. In questo articolo presenteremo i migliori consigli sulle scommesse MMA e ti mostreremo anche come piazzare grandi scommesse sull'UFC su un sito che offre scommesse su questo tipo di gioco, 22Bet accedi. Ci sono fattori che devi tenere a mente quando decidi di scommettere nell'UFC. Per prima cosa, devi capire come funziona questo sport. Cioè, conoscere le regole di base del confronto e come finiscono i combattimenti. Se non sai come funziona un combattimento, riassumiamo brevemente. UFC è l'abbreviazione di Ultimate Fighting Championship. È un campionato che fa parte delle Mixed Martial Arts (MMA). I combattimenti UFC si svolgono in un ottagono. Di solito ci sono combattimenti una volta al mese. Infine, è importante sapere che la lotta può finire con un ko, compresa una decisione dei giudici. I migliori mercati per scommettere sui giochi UFC Quando decidi di scommettere su un gioco UFC, noterai che ci sono alcuni mercati che spiccano. Tra i mercati più comuni ci sono le seguenti opzioni: Combati vincitore In questo tipo di scommessa, proverai a indovinare quale combattente vincerà al termine del confronto tra i due atleti. Il grande vantaggio di scommettere sull'UFC è che non importa con quale metodo finisce il combattimento. L'importante è chi diventa il vincitore, che sia per KO, per verdetto o per qualche altro tipo di vittoria. Risultato della lotta Come accennato in precedenza, una lotta può finire in molti modi. In questo tipo di mercato delle scommesse UFC online, cercherai di scoprire se il combattimento finirà con: - Anello di eliminazione diretta (KO) - knockout tecnico (TKO) - Decisione (ESCR) - Sottomissione - decisione tecnica o cravatta Gioco d'arresto Le scommesse sul round UFC riguardano principalmente la scelta di chi vincerà ogni round. Questo mercato è difficile da raggiungere e quindi di solito offre buone probabilità. In alcune scommesse UFC, tuttavia, puoi utilizzare i dati dei combattimenti precedenti per scoprire quale combattente ha maggiori probabilità di vincere. Analizza la storia dei combattimenti tra atleti I giochi UFC online possono essere inseriti in diversi combattimenti tra diversi atleti. E sapere chi di voi ha una buona esperienza nel combattere altri combattenti è la chiave per comprendere le tue possibilità di vincere il combattimento. Pertanto, è molto importante analizzare le statistiche disponibili.  Non è necessario essere un esperto per analizzare questi dati. Una scommessa sul combattimento UFC richiede solo la conoscenza dei combattenti che entrano nell'ottagono. Quindi accedi semplicemente a siti che offrono statistiche aggiornate su chi combatterà, così come l'ultima storia di combattimento di questi combattenti.

21/04/2022 09:15
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.