di Picchio News

Danneggia i veicoli in sosta e ferisce un poliziotto: arrestato un 19enne

Danneggia i veicoli in sosta e ferisce un poliziotto: arrestato un 19enne

Era stato arrestato il giorno prima a Grottammare, in provincia di Ascoli Piceno. Dopo essere stato preso era stato scarcerato e se l'era cavata con una denuncia a piede libero. Una denuncia che però non gli ha impedito di seminare caos e scompiglio, il giorno dopo, tra Porto San Giorgio e Lido di Fermo. Protagonista un 19enne del Mali richiedente asilo. Il giovane, nella giornata di ieri, in viale Cavallotti a Porto San Giorgio, armato di un bastone, ha iniziato a colpire le auto in sosta e gli arredi urbani, distruggendoli. Immediato l'arrivo sul posto della Polizia che ha iniziato a inseguire il 19enne, che ha tentato di darsi alla fuga. Il ragazzo è stato individuato dagli agenti sui binari della ferrovia e non ne voleva sapere di arrestare la sua corsa. I poliziotti l'hanno invitato più volte a fermarsi ma il giovane ha iniziato a minacciare gli uomini in divisa brandendo il bastone che aveva con sé. Gli agenti hanno quindi inseguito a piedi il ragazzo fino a Lido di Fermo. Il giovane è stato raggiunto dal capo pattuglia della Polizia e da qui è iniziata una collutazione tra i due: durante lo scontro il poliziotto è rimasto ferito. Il 19enne è stato tratto in arresto e, dopo la convalida, è stato accompagnato presso la Casa di reclusione di Fermo.

16/07/2019
Grande colpo in casa Sangiustese: Alessio Palladini approda in rossoblù

Grande colpo in casa Sangiustese: Alessio Palladini approda in rossoblù

Centrocampista classe 1999 originario di San Benedetto, cresciuto nel Settore Giovanile del Teramo, prima di vestire le maglie di Grottammare, Giulianova e Porto Sant’Elpidio (33 le presenze complessive nell’ultima stagione), Palladini, oltre ad essere figlio d’arte (suo padre è lo stimatissimo mister Ottavio), è un profilo di assoluto rilievo nel panorama calcistico interregionale. Nonostante i vent’anni da compiere, il ragazzo ha già doti, carisma ed esperienza da vendere. “In Palladini crediamo molto – ha dichiarato il DG Cossu dopo la firma – è stato fortemente voluto dalla Società e dal mister, lo abbiamo visto in parecchie partite tra cui lo spareggio a Poggibonsi e crediamo assolutamente di non sbagliare ad investire su di lui. In Alessio facciamo molto affidamento: è un ragazzo serio, che ha voglia di credere e viene da una famiglia dove si è respira calcio. E’ un arrivo importante, di grande prospettiva. Dire che sia un fuoriquota è assolutamente riduttivo. Sicuramente sarà all’altezza delle nostre aspettative e ci darà e si prenderà delle grandi soddisfazioni con la Sangiustese”. Entusiasta Palladini. “È da un po’ che sapevo di essere seguito dalla Sangiustese – ha dichiarato il ragazzo - e questa cosa mi ha sempre lusingato. Appena mi hanno detto della possibilità di entrare a far parte di un progetto importante come quello rossoblù non ho esitato e ho quasi subito dato la mia disponibilità. Già dallo scorso anno mi avevano colpito il gioco e l’organizzazione del team di mister Senigagliesi. Sono contento di aver fatto questa scelta e di iniziare a lavorare con un tecnico così preparato che mi ha sempre dato un’impressione più che positiva. Arrivo con tutta l’umiltà di imparare e mi metterò a disposizione qualsiasi cosa mi verrà chiesta di fare per la squadra. Ringrazio i Presidenti e il direttore Cossu che mi hanno fatto sentire subito importante e dentro al progetto. Non vedo l’ora di iniziare la preparazione con tutta la squadra”.

16/07/2019
Regione Marche, ANCI e ARPAM presentano #spiaggesenzafiltro

Regione Marche, ANCI e ARPAM presentano #spiaggesenzafiltro

“12 anni per degradarsi, 1 minuto per degradare la spiaggia.” Recita così il messaggio della campagna di comunicazione #spiaggesenzafiltro presentata oggi in Regione e promossa dall’assessorato regionale all’Ambiente, ANCI e ARPAM, con la collaborazione di Marche Tourism-Fondazione Marche Cultura, per sensibilizzare la cittadinanza a non abbandonare sulle spiagge i filtri di sigaretta. Ci vogliono infatti dai 5 ai 12 anni perché un mozzicone (acetato di cellulosa) si distrugga, costituendo una fonte di inquinamento per il suolo, oltre che per l’acqua e per i pesci, a causa della fuoriuscita di nicotina e catrame rimasti all’interno del filtro. In Italia, ogni anno sono 20 mila le tonnellate di mozziconi lasciati dai 13 milioni di fumatori italiani , poche rispetto ai quasi 35 milioni di tonnellate dei rifiuti solidi urbani, ma moltissime se si pensa al potenziale inquinante di tali mozziconi, dispersi dovunque. “ Serviva un’iniziativa forte e convincente,  proprio in questo periodo in cui abbiamo assistito sulla nostra pelle a cosa può comportare il cambiamento climatico  – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente, Angelo Sciapichetti in conferenza stampa – e a tutti chiediamo di conservare e tutelare la bellezza delle nostre spiagge e dei nostri territori. È una delle tante iniziative che stiamo conducendo nell’ottica di un’educazione ambientale rivolta a costruire una coscienza ambientale, a cominciare dai più giovani, ma chiediamo a tutti che si impegnino nella salvaguardia della bellezza. L’impegno da parte delle istituzioni regionali, ma anche dei Comuni, c’è ed è forte e proprio il prossimo 30 luglio sarà esaminata in Consiglio regionale una proposta di legge che contiamo di approvare sulla cosiddetta “plastic free” , contro l’utilizzo delle confezioni di plastica monouso. Saremo la prima Regione italiana che adotta con legge una normativa europea.”   Dal punto di vista numerico, i mozziconi di sigaretta sono il rifiuto singolo più abbondante sulla Terra: su scala globale, ogni giorno, ne vengono dispersi nell’ambiente più di 10 miliardi. “#spiaggesenzafiltro è una campagna che ARPAM - afferma il Direttore Generale di ARPAM Marche, Giancarlo Marchetti - sostiene con convinzione nella consapevolezza di come essa rappresenti un ulteriore passo in direzione della tutela della risorsa mare. E sempre a proposito di “mare” il Direttore Generale di ARPAM Marche ha illustrato la nuova app realizzata dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche che fornirà ai turisti e ai cittadini i dati della balneabilità in tempo reale e il meteo e potrà essere implementata con altre informazioni come i dati sulla qualità dell’aria.  “ Ci sono già molte amministrazioni comunali che hanno adottato piani per la tutela del mare e delle spiagge prevedendo il divieto di fumo e con tale campagna si intende far conoscere le conseguenze ambientali dell’abbandono dei mozziconi sulle spiagge delle coste marchigiane. “Fin da subito l’ANCI Marche ha creduto in questa iniziativa – ha sottolineato il presidente Maurizio Mangialardi – perché sosteniamo con convinzione e da sempre i progetti di ecosostenibilità. Sembra paradossale che vi sia ancora la necessità di educare a tutelare l’ambiente, quando dovrebbe essere naturale adottare un comportamento che in fondo è di autodifesa, eppure ce n’è ancora bisogno. Per questo siamo tra i promotori di questa campagna che crediamo utilissima e da diffondere con ogni strumento.” A questo ci penserà anche Marche Tourism che fa capo alla Fondazione Marche Cultura, presente oggi il direttore Stefania Benatti che, con i suoi 30 profili gestiti in diverse lingue sui maggiori social network e 300 mila followers solo sulla pagina italiana di Facebook, diffonderà il messaggio. “Il contenitore digitale #spiaggesenza filtro – ha spiegato Sandro Giorgetti, social media manager del team regionale – sarà il contenitore digitale di una serie di iniziative che proporremo ai nostri utenti, in primis di testimoniare la loro attività in favore di questa campagna e potremo monitorarli appunto attraverso l’# , dedicando album fotografici e copertine di attività e immagini dedicate da veicolare sui profili social. Ma già esiste una bella sensibilità dei nostri utenti su questi temi, avendo iniziato da giugno a divulgare e condividere attività che hanno come tema il turismo sostenibile."

16/07/2019
La Fondazione Michele Scarponi presenta "Gambe": il docufilm sul campione di ciclismo

La Fondazione Michele Scarponi presenta "Gambe": il docufilm sul campione di ciclismo

Si intitola Gambe ed è nato da un’idea di Marco Scarponi, fratello di Michele. Scritto, diretto e prodotto da Subwaylab, in collaborazione con la Fondazione Michele Scarponi, il film sarà veicolato nelle scuole italiane e diventerà la testimonianza cinematografica di tante storie di violenza stradale. "Il film vuole essere un contributo della Fondazione alla causa della sicurezza stradale - commenta Marco Scarponi – un documentario, che racconta il dramma, le vite spezzate, il dolore dei familiari, attraverso proposte concrete di riscatto e condivisione, per un futuro migliore. Dal sacrificio e dalla perdita di persone care, nasce dunque una proposta di mobilità a misura di persona in chiave positiva. La strada oggi è dominata dalle auto, e in strada si muore più di 3000 volte l’anno – prosegue Scarponi - Gambe racconta come può diventare anche dei disabili, dei bambini, dei pedoni e dei ciclisti. Perché la strada è di tutti". Il film racconta gli eventi avvenuti ad un anno dalla morte di Michele fino ad arrivare alla nascita della Fondazione a lui dedicata. Le emozioni di chi gli è vissuto accanto, del territorio che lo ha visto crescere, di chi ha condiviso con lui le strade di tutta Italia. Ma va oltre il ricordo di una vittima della violenza stradale. Le testimonianze di chi ha subito la stessa violenza, familiari delle vittime stradali, e la voce di chi propone le alternative per diminuire i massacri delle nostre strade, che nel 2018 hanno visto morire più di 3000 persone. Il film mette insieme la memoria commossa di un territorio (e con lui l’Italia intera) che ha perso una delle sue bandiere - un vero e proprio eroe moderno - e la proposta di una mobilità a misura degli utenti fragili della strada: i disabili, i bambini, i pedoni e i ciclisti. Una visione della strada come “spazio di tutti”, un mondo che metta al centro la persona, la vita. Nel corso del racconto ci sono le testimonianze di Peter Sagan (tre volte campione del mondo e grande amico anche lui del nostro Michele), Roberto Mancini (CT della nazionale di Calcio) Dario Cataldo, Enrico Gasparotto, Giacomo Nizzolo, Luca Paolini, Luis Maté, Simone Stortoni (ciclisti professionisti), il ct della nazionale di ciclismo Davide Cassani, il giornalista Marino Bartoletti, Alessandra De Stefano (giornalista Rai), esponenti della Polizia di Stato e familiari di vittime della violenza stradale come Stefano e Stefania Guarnieri (associazione Lorenzo Guarnieri Onlus), Marco Cavorso (rappresentante ACCPI), Vittorio Saccinto (Associazione “Rose Bianche sull’asfalto), Giulietta Pagliaccio (Fiab), Matteo Dondé (architetto Bikenomist) Paolo Pinzuti(Bikenomist), Marco Mazzei (ciclista urbano di Milano), i bambini e i genitori della scuola Trecastelli di Milano che partecipano al progetto “Massa Marmocchi” a scuola in bicicletta, e tanti altri: Astana Pro Team, Giuseppe Martinelli DS Astana Pro Team,Filippo J Cauz di Bidon, Manuel Massimo giornalista Bike Italia, Enzo Vicennati Giornalista Bici Sport, Bike to School Roma, Marina Romoli ex ciclista, Luca Panichi ex ciclista, Gianni Bugno ex ciclista professionaista, Daniel Oss ciclista professionista, Andrea Colombo ex Assessore alla Mobilità di Bologna, Cristian Salvato Presidente ACCPI, Enrico Pagliari Area Tecnica ACI. Musiche originali di Marco Santini e Marco Scarponi. La proiezione, in anteprima, si terrà giovedì 18 luglio alle ore 21:00 presso il Lazzaretto Cinema, alla Mole Vanvitelliana ad Ancona.

16/07/2019
Escursioni con arte e musica: ParadisoMontagna propone "Guerrino e Pierino"

Escursioni con arte e musica: ParadisoMontagna propone "Guerrino e Pierino"

Un'estate ricca di escursioni e trekking ma non solo. L'associazione "ParadisoMontagna" continua il suo progetto culturale con l'intento di arricchire le attività proposte in montagna integrandole con arte e musica, proponendo degli eventi molto interessanti. Il primo, dal titolo "Cantastorie in cerca della Sibilla" è legato al mondo del teatro e avrà luogo domenica 21 luglio con partenza dal Rifugio Sibilla. Vedrà protagonisti gli attori del "Circolo di Piazza Alta" di Sarnano che hanno immaginato di far incontrare durante l'escursione Guerrino cavaliere incorruttibile, eroico protagonista di avventure straordinarie e Antoine, intellettuale e autore satirico e forse, segretamente, alchimista. Cosa avrebbero detto l'uno all'altro se si fossero incontrati lassù sulla cima del monte? Quanto diverse sarebbero state le loro versioni della storia? Il secondo evento, dal titolo "Pierino e il Lupo... dei Sibillini" è legato al mondo della musica e avrà luogo domenica 4 agosto a Bolognola. Vedrà protagonisti il Quintetto di Fiati "Melange D'Ages" (flauto, oboe, clarinetto, corno e fagotto) e la voce narrante di Stefano Stella. L'escursione abbinata sarà veramente molto particolare in quanto adatta a tutti ma fuori dagli schemi di un percorso tradizionale, con curiosi intrecci di luoghi, storie e mitologie, dal locale al globale, proposte da Stefano Bertinat, Guida del Parco dei Sibillini, Accompagnatore di Media Montagna e maestro di sci, segretamente appassionato di storia. Gli eventi hanno avuto i patrocini del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, del Comune di Bolognola e il sostegno degli amici di "MusicaViva Fermo", di Roberto Rocchetti e Antonio Ciccotelli, e della "Giaco.Fer." di Luca Giacobbi. Entrambe le escursioni saranno guidate degli Accompagnatori di Media Montagna, iscritti al Collegio delle Guide Alpine delle Marche, Simone Pantanetti e Stefano Bertinat.

16/07/2019
Il Macbeth della compagnia teatrale di UniMc conquista il pubblico

Il Macbeth della compagnia teatrale di UniMc conquista il pubblico

In occasione dell’apertura del Macerata Opera Festival Off, un incubo è calato ieri sulla sede storica dell’Università di Macerata. L’incubo di Macbeth. Gli studenti, che un attimo prima animavano aule, corridoi e biblioteche, si sono trasformati in streghe e assassini difronte a un pubblico attonito risucchiato in uno scenario da tregenda. Grande successo per il debutto della neonata compagnia teatrale dell’Università di Macerata, che ha portato in scena uno spettacolo ispirato alla celebre opera shakespeariana, frutto del percorso laboratoriale voluto dall’Ateneo maceratese in collaborazione con il Macerata Opera Festival. Quasi duecento sono stati gli spettatori, tanto che, per accontentare tutti, è stata rotta la regola iniziale che prevedeva solo trenta ingressi alla volta per ognuna delle tre repliche. Guidati nelle stanze di Giurisprudenza, hanno assistito alle performance dei giovani attori immersi nel loro stesso scenario. Il progetto, coordinato dalla professoressa Maria Paola Scialdone, responsabile scientifica, è stato affidato ai registi Antonio Mingarelli e David Quintili, direttori artistici del festival di teatro indipendente “Utovie”, sotto la cui guida studenti di ogni Dipartimento, per la maggior parte alla loro prima esperienza teatrale, dopo un seminario sul Macbeth e le sue riscritture, si sono cimentati in un adattamento e messa in scena del testo, costruendo un’esibizione inserita nel calendario del Macerata Opera Festival Off 2019. “L’entusiasmo dei ragazzi e la loro bravura ha avvalorato la nostra scelta di costruire un percorso teatrale stabile all’interno dell’Università– è il commento del rettore Francesco Adornato -. Il teatro coniuga diverse esigenze dell’Ateneo: la formazione umanistica, la costruzione di percorsi formativi condivisi anche al di fuori delle aule, la costante attenzione alla sinergia con il territorio e con le sue iniziative culturali”. Anche la direttrice artistica del Macerata Opera Festival Barbara Minghetti ha apprezzato moltissimo questa iniziativa che rafforza la collaborazione già in essere con l’Ateneo. “In cinque intensi mesi di analisi del testo e stage teatrale – sottolinea la professoressa Scialdone -, studenti e operatori di UniMc hanno dato vita a un percorso artistico di fecondo scambio di idee e suggestioni. E’ nato così lo spettacolo Macbeth Rooms: Viaggio nel cuore di tenebra, uno scavo inquieto e inquietante nei meandri più reconditi della psiche; un incubo che seziona le aspirazioni più inconfessabili dell’animo umano e spinge lo spettatore nella via senza uscita dell’enigma insolubile, delle potenze oscure e ctonie che governano il destino dell’umanità, incarnate dalla dark Lady Macbeth e dall’archetipo fatale del suo eterno femminino”. Da applausi gli attori UniMC: Paola Arcadipane, Giuditta Bartolini, Lucrezia Bonfili, Emma Caldarola, Giacomo Cetraro, Elena Cherubini, Caterina Cimarelli, Monia Ciminari, Giorgia Creati, Leonardo De Bastiani, Margherita Di Fabio, Chiara Di Marco, Lucrezia Di Marco, Martina Di Marco, Chiara Faraghini, Miriam Giacchetta, Tommaso Lorenzini, Davide Lupacchini, Sara Mattiozzi, Teresa Pavone, Caterina Piergiacomi, Aurora Pigliapoco, Alice Ragnini, Leonardo Sacchini, Elena Trasacco, Michela Trotta, Emilia Vitale, Marco Zamponi.

Unicam, il professor Guido Favia eletto vice Direttore dell'Italian Malaria Network

Unicam, il professor Guido Favia eletto vice Direttore dell'Italian Malaria Network

Il professor Guido Favia, direttore della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria dell’Università di Camerino, è stato eletto Vice Direttore per il triennio 2018-2021 del CIRM-IMN, il Centro Interuniversitario di Ricerche sulla Malaria- Italian Malaria Network, centro di ricerca finalizzato al potenziamento e al coordinamento degli studi che riguardano i principali aspetti della malattia, che vede la collaborazione tra ricercatori di diversi Atenei italiani e dell’Istituto Superiore di Sanità. L’Italian Malaria Network rappresenta in Italia il punto di riferimento per la ricerca sulla malaria. Il prof. Guido Favia è un parassitologo e da molti anni è impegnato in attività di ricerca scientifica relative al controllo delle più pericolose malattie infettive che affliggono in particolare i paesi del terzo mondo, tra cui la malaria, zika e dengue. “Sono estremamente soddisfatto – ha dichiarato Favia – per questa nomina, che rappresenta non soltanto una bella gratificazione personale, ma anche un importante riconoscimento della qualità e dell’eccellenza della ricerca e dei ricercatori di Unicam. Ringrazio l’Ateneo ancora una volta per le opportunità che offre ai propri ricercatori”.

Sicurezza stradale: la riflessione dell'Associazione "Cittadini in Cammino" di Corridonia

Sicurezza stradale: la riflessione dell'Associazione "Cittadini in Cammino" di Corridonia

Questo fine settimana il numero di morti per tragici incidenti stradali ha occupato la cronaca nazionale. Un argomento molto sensibile, raramente approfondito nelle sue criticità e inquadrato nei soli episodi in cui la tematica è quella delle stragi del sabato sera e dei pirati della strada. L'Associazione Cittadini in Cammino di Corridonia, con a capo il Professor Flavio Corradini, ha voluto proporre una riflessione sulla sicurezza stradale proprio in virtù di quanto accaduto in questo week-end. "In Italia gli incidenti avvengono più il venerdì e per quanto le morti sono leggermente più alte il sabato e la domenica, non giustifica che l’unico tema di dibattito possa essere circoscritto a questi pur gravi episodi - spiega l'Associazione -. Per migliorare la sicurezza stradale è necessario dare risalto a tutti i fattori di rischio sui quali è possibile intervenire, iniziando dal riequilibrare i temi su cui verte il dibattito pubblico. L’incidentalità dal 2001 si è molto ridotta grazie alla maggior sicurezza dall’abitacolo del veicolo, alle norme sul Codice della strada (soprattutto l’introduzione della patente a punti) e alll’efficacia dei controlli. Dopo il 2010, anche se la mortalità è continuata a scendere del 18%, le politiche pubbliche, malgrado il continuo inasprimento normativo, negli ultimi quattro anni sembrano aver esaurito i loro effetti. Questa dovrebbe essere una buona ragione per cambiare approccio, piuttosto che l’aspetto sanzionatorio o il concentrare l’agenda di dibattito sui media ai soli incidenti del sabato sera." "È necessario passare da un approccio indifferenziato ad uno focalizzato dove si concentrano i rischi e da un approccio sanzionatorio a misure di prevenzione che informino in modo efficace sulla pericolosità di determinate strade - prosegue l'Associazione -. Il primo limite che si incontra per attuare queste politiche è la mancanza di dati, proprio in tempi in cui viene dato per scontato il possesso e si magnificano i Big data. In Italia non esiste ancora un archivio informativo che ha la funzione di catasto stradale sistematico e armonizzato, in cui poter trattare ed elaborare i grafi stradali raccolti e archiviati per singolo comune, provincia e regione. Questa carenza limita ogni ulteriore attività che si voglia precisa sia sulla prevenzione che di definizione delle priorità negli interventi infrastrutturali. Ed è sintomatico di quanto la Pubblica Amministrazione sia ancora in ritardo nella produzione di servizi utili al cittadino oltre che refrattaria ad adottare l’innovazione digitale. Dai dati attualmente disponibili infatti, ha poco senso sostenere che i due singoli casi di gravi incidenti dello scorso fine settimana siano ricaduti proprio in aree provinciali in cui il rischio è almeno superiore a tre volte la media in riferimento al tipo di strada. autostrada per quello di Genova e strade provinciali, regionali e statali fuori dall’abitato per quello di jesolo." "L’Istat sta cercando di rimediare a questo ritardo e ha iniziato a mettere in relazione i dati sugli incidenti alle mappe stradali di Open Street Map, creando così degli indicatori di incidentalità localizzati lungo i kilometri della specifica strada. Ancora troppo poco per stimare i rischi di incidentalità che caratterizzano le nostre strade. Un obiettivo che sarà possibile solo quando l’istituto disporrà dei dati sui reali flussi di traffico (veicoli/Km) della intera rete viaria nazionale - spiega il Professor Corradini -. Produrre questi dati più raffinati sarebbe il primo passo per avviare politiche di prevenzione su più livelli: dalla concentrazione di risorse su specifiche infrastrutture pericolose fino a misure di allertamento diretto ai guidatori che trascorrono quel percorso stradale rischioso, rendendole fruibili con applicazione digitali da ricevere dallo smartphone attraverso segnalazioni sonore di allerta, simili a quelle che scattano in mancanza della cintura di sicurezza. Ricordo le campagne di comunicazione shock del Regno Unito sui rischi di incidentalità quando ancora le potenzialità di utilizzo dei dati erano fuori portata. In quel periodo potevano usare solo la creatività, non c’erano le potenzialità delle Information & communication technology: dove morivano le persone si inserivano cartelli di pubblicità sociale con foto sconvolgenti per impatto deterrente. Attualmente ha raggiunto il traguardo di essere il secondo paese d’Europa per sicurezza stradali, con un tasso di mortalità di 27,1 morti per milione di abitanti, di poco staccato dalla Svezia con un tasso di 25,3. L’Italia è ancora al doppio del tasso, il 55,8." "Proprio i giovani, più esposti al rischio, con un tasso di 77,2 morti per milione di abitanti risponderebbero meglio e sarebbero raggiunti di sicuro in modo migliore da una App segnaletica sulla sicurezza che rispetto i telegiornali della domenica mattina. E lo smartphone non sarà solo un elemento di distrazione quale è ora ma anche un supporto decisionale, forse anche molto più efficace di qualsiasi tipo di segnaletica stradale, soprattutto nello ore notturne, durante le quali si è assonnati e si concentrano la maggior parte degli incidenti mortali" conclude l'Associazione Cittadini in Cammino.    

16/07/2019
Recanati, formazione Kaizen per i Giovani Imprenditori di Confindustria Macerata

Recanati, formazione Kaizen per i Giovani Imprenditori di Confindustria Macerata

I Giovani Imprenditori di Confindustria Macerata, guidati dal Presidente Paolo Carlocchia, hanno partecipato alla terza e ultima giornata formativa del corso svolto in collaborazione con il Kaizen Institute che si è tenuto in quest’occasione presso l’Azienda Grafiche Bieffe di Recanati. In particolare il corso si è svolto all’interno della Digitech, la nuova realtà aziendale del gruppo Bieffe dedicata esclusivamente alla stampa digitale, grazie alla disponibilità della giovane imprenditrice Silvia Biagiola, amministratrice di Digitech. Oltre a lei hanno partecipato Paolo Carlocchia (Map) Comunicazione e marketing, Riccardo Bertini (Plados), Lavelli da cucina, Luca Petteruti e Maura Gennaro (Impresa Calzolari) Edilizia, Matteo Piervincenzi (Calzaturificio Lepi) Calzature, Edoardo Giunchi (Baby Ketty) Calzature, Carlo Rotini (Simeg) Materiali da costruzione, Michele Sasso (Ubisive) Informatica. La formazione nell’azienda recanatese costituisce l’ultimo dei tre incontri svolti dal Kaizen Institute e rivolti ai Giovani Imprenditori. Si fonda sui principi giapponesi del miglioramento continuo che investe sia l’organizzazione quotidiana che tutti i processi aziendali nel lungo periodo. Il corso, tenuto dall’ing. Bruno Fabiano, applica una formazione non convenzionale, svolta direttamente in azienda, dove i ragazzi hanno avuto l’opportunità di utilizzare gli strumenti Kaizen per l’area ufficio e sevizi, impostando un piano di azione volto a migliorare l’organizzazione del team e gli standard aziendali.

16/07/2019
Semina il panico in un bar di Corridonia e aggredisce due Carabinieri: nei guai un 27enne

Semina il panico in un bar di Corridonia e aggredisce due Carabinieri: nei guai un 27enne

A finire in manette un 27enne di Corridonia. L'episodio si è verificato nella serata di ieri in un bar della Città, precisamente in zona San Claudio. Il giovane, entrato all'interno dell'esercizio commerciale in evidente stato di alterazione, probabilmente a causa dell'alcool, in un primo momento ha iniziato a infastidire il dipendente del bar e la fidanzata per poi aggredirli. A quel punto è subito scattata la chiamata ai Carabinieri che, giunti sul posto, hanno tentato di calmare il 27enne. Quest'ultimo però non ne voleva proprio sapere di spegnere i suoi "bollenti spiriti" e ha iniziato a inveire contro i militari fino e ha sferrato un pugno a uno dei due Carabinieri. Non contento, il giovane ha poi colpito anche il secondo militare.  Gli uomini in divisa l'hanno quindi bloccato e arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Al 27enne, comparso questa mattina davanti al Tribunale per la convalida dell'arresto, il Giudice ha applicato l'obbligo di firma.

16/07/2019
Insediate le Commissioni Consiliari di Potenza Picena

Insediate le Commissioni Consiliari di Potenza Picena

Presiedute dal Presidente del Consiglio Comunale Mirco Braconi, si sono insediate le tre Commissioni Consiliari di Potenza Picena che saranno operative per il quinquennio amministrativo 2019 – 2024. Alla Presidenza della prima Commissione, che si occuperà di bilancio, affari generali, patrimonio, personale, tributi, finanze, partecipate e trasparenza, è stato eletto Luca Strovegli (in foto) che verrà coadiuvato dai Consiglieri Mara Barbaresi, Sara Mazzoni, Edoardo Marabini e Stefano Mezzasoma. La Consigliere Catia Mei presiederà la seconda Commissione dedicata a Urbanistica, Lavori Pubblici, Ambiente e Politiche Comunitarie di cui fanno parte i Consiglieri Massimo Caprani, Giulia Marcantoni, Enrico Garofolo e Stefano Mezzasoma. Michele Galluzzo è il Presidente della terza Commissione che si farà carico di Servizi Sociali, Turismo, Cultura e Sport della quale sono componenti i Consiglieri Margherita Fermani, Simone Pantanetti, Valentina Campugiani e Stefano Mezzasoma. “Ho formulato i migliori auguri di buon lavoro alle nuove Commissioni Consiliari - ha detto il presidente del Consiglio Comunale, Mirco Braconi - e illustrato il funzionamento delle stesse introducendo già alcune tematiche che saranno oggetto di lavoro per le nuove commissioni, come ad esempio l’ammodernamento del regolamento per il funzionamento del consiglio comunale, che deve essere aggiornato per rispondere alle esigenze dettate dai tempi e dalle nuove tecnologie, e la costituzione di un tavolo di confronto con Terna S.p.A., già concordato nella scorsa legislatura, e confermato nei giorni scorsi, per affrontare la tematica del nuovo elettrodotto che interesserà il nostro territorio.”

16/07/2019
Macerata, corso di educazione stradale della Polizia Locale al centro “Estate Giochi Sport”

Macerata, corso di educazione stradale della Polizia Locale al centro “Estate Giochi Sport”

Formare una generazione di cittadini responsabili ed educati al rispetto alla sicurezza stradale. È con questo obiettivo che anche quest’estate la Polizia Locale di Macerata, con i  sovrintendenti Andrea Bertarelli e Luca Toso,  ha organizzato un progetto di educazione stradale nell’ambito delle attività del centro estivo “Estate Giochi Sport”. Il progetto, che contempla l’apprendimento delle regole basilari della circolazione e dell’educazione al rispetto degli altri, ha previsto due incontri, il primo si è svolto nel plesso scolastico della IV Novembre mentre il secondo si è tenuto nella scuola Sandro Pertini di Piediripa. L’iniziativa, oltre che a incentivare il senso di responsabilità individuale in ogni bambino e stimolare motivazioni interiori, vuole anche essere una modalità per rafforzare il legame tra la Polizia Locale e il tessuto sociale della città. È nelle intenzioni dell’Amministrazione comunale e della Polizia locale estendere il progetto formativo a tutte le scuole di ogni ordine e grado nel corso del regolare anno scolastico.

16/07/2019
Camerino, nuovo progetto della Fondazione Andrea Bocelli: come donare per la ricostruzione del Palazzo della Musica

Camerino, nuovo progetto della Fondazione Andrea Bocelli: come donare per la ricostruzione del Palazzo della Musica

  Camerino, centro culturale e artistico di particolare rilievo, forte di una antica tradizione universitaria, ha di fatto perduto, a causa del tragico terremoto del 2016, il suo Palazzo della Musica. Prima del sisma questo luogo svolgeva un ruolo centrale rispetto alle attività dedicate a questa arte organizzata a beneficio della comunità, delle zone limitrofe e anche di interesse nazionale. Il nuovo progetto della Andrea Bocelli Foundation mira a restituire a Camerino il suo Palazzo della musica a beneficio di oltre 160 studenti. Grazie alla convenzione con il Conservatorio di Fermo, la nuova struttura potrà ospitare sia le lezioni agli scritti che fungere da sede distaccata del Conservatorio assumendo cosi un ruolo ancora più significativo per il territorio. Ripartire da questa realtà, donando alla comunità un nuovo punto di riferimento, significherà restituire a Camerino non solo la speranza ma anche una identità che, nei due anni post sisma, con grande volontà, ha cercato di preservare e che ad oggi ha necessità di simboli concreti. Dopo la scuola secondaria a indirizzo musicale di Sarnano e dopo la scuola primaria e dell’infanzia di Muccia, la Fondazione Andrea Bocelli concentra le proprie forze su Camerino. Come per la “Leopardi” di Sarnano e la “De Amicis” di Muccia, ABF non sarà solo da realizzatore della costruzione ma, insieme alle Istituzioni, avvierà un percorso per potenziare e rendere auto-sostenibile la struttura dedicata alla musica, mettendola in rete con le altre esperienze locali e nazionali di cui si occupa. La nuova struttura sarà realizzata con tecniche di costruzione moderne e antisismiche. Accoglierà aule didattiche tematiche, spazi comuni e un auditorium. Il budget preliminare ammonta a 720 mila euro. Il terreno che il Comune ha messo a disposizione del nuovo edificio è proprio di fronte al nuovo campus universitario. Per Camerino d’altronde, città d’arte e città di cultura, l’università e la musica sono da sempre il suo cuore pulsante, il fulcro attorno al quale la comunità si è animata e organizzata. Gli eventi sismici hanno messo a dura prova entrambi questo binomio d’eccellenze del luogo, perché anche gli edifici che ospitavano il Rettorato, la Scuola di Giurisprudenza e il Corso di Laurea in Informatica, nonché alcuni laboratori scientifici e aule didattiche sono stati gravemente danneggiati. ECCO COME DONARE Incentrata su questo nuovo entusiasmante progetto, la Campagna SMS solidale che sarà attiva dal 24 luglio e fino al 3 agosto. Componendo il numero 45580, si potranno donare 2 euro (sms da cellulare Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali) oppure 5 e 10 euro (da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile, TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali).    

16/07/2019
Premiati in Regione gli atleti paralimpici dell'Anthropos, campioni d'Italia di Nuoto e di Atletica

Premiati in Regione gli atleti paralimpici dell'Anthropos, campioni d'Italia di Nuoto e di Atletica

“Grazie perché ci insegnate che lo Sport sa superare le barriere, grazie per il vostro impegno e i tanti sacrifici, grazie dei vostri importanti risultati che tengono alto l’onore e l’orgoglio delle Marche". Sono le parole che il presidente della Regione, Luca Ceriscioli ha rivolto agli atleti paralimpici e ai tecnici dell’Associazione  ANTHROPOS – ASD Polisportiva e Culturale di Civitanova Marche ricevuti oggi in Regione per un sentito riconoscimento dei loro valori sportivi.  Hanno confermato, infatti, due titoli molto importanti: vincitori della Coppa Italia nel Nuoto, in occasione dei Campionati Italiani di Nuoto Promozione della FISDR (Federazione Italiana Sport Paralimpici), svoltisi ad Agropoli nei giorni 17-19 maggio,  riconfermando il titolo dell’anno precedente e Coppa Italia nell’Atletica, svoltasi a Padova nei giorni 7-9 giugno riconfermando anche qui i precedenti titoli del 2017 e del 2018. “Mai come quest’anno – ha proseguito Ceriscioli – siamo stati ripagati di tante vittorie e siamo felici di festeggiare ancora una volta insieme l’ennesimo traguardo. Siete la dimostrazione che lo Sport ha una grande forza educativa e inclusiva e parla un linguaggio universale. La Regione investe molto e crede nella promozione e nella pratica sportiva: lo facciamo con grandi manifestazioni internazionali, nelle scuole con i bambini , nella riqualificazione degli impianti sportivi e nel riconoscere le eccellenze come voi o i tanti volontari e tecnici sportivi che operano nella comunità a favore delle disabilità. “ Il presidente regionale del Comitato Italiano paralimpico ( CIP ) Luca Savoiardi ha ringraziato la Regione Marche per una “ iniziativa di premiazione non banale né formale, ma vera e sentita che ne conferma la sensibilità e gratifica l’impegno quotidiano di questi atleti,  dei volontari e delle famiglie che sono il motore trainante che poi conduce ai risultati di livello nazionale e internazionale”.  Savoiardi ha anche ringraziato per aver mantenuto contributi finanziari a una legge regionale, prima in Italia, che nel 2012 ha riconosciuto  la pratica sportiva paralimpica.   Nelio Piermattei, presidente dell’Associazione ANTHROPOS – ASD ha sottolineato l’impegno che da 30 anni distingue questa associazione che ormai opera a livello regionale principalmente in tre province ( Ancona, Macerata, Fermo) , conta oltre 200 tesserati e un ricchissimo palmares oltre a campioni del calibro di Assunta Legnante e Giorgio Farroni Il presidente Ceriscioli ha poi donato al presidente dell’Associazione, Piermattei una ceramica artistica con il logo della Regione: “ la ceramica, come simbolo di inalterabilità nel tempo”  e ha ricevuto dal presidente Savoiardi una targa di ringraziamento. Ai tanti atleti un volume fotografico sulle Marche.  

16/07/2019
S.S. Maceratese, il direttore sportivo Proculo fa il punto sul mercato

S.S. Maceratese, il direttore sportivo Proculo fa il punto sul mercato

Il DS biancorosso Jonathan Proculo fa il punto della situazione sul mercato della S.S. Maceratese. Direttore è soddisfatto di questi primi arrivi? “Iniziamo da chi è stato confermato: Campana e Brugiapaglia che ci daranno un grande apporto. Sono felice di coloro che sono arrivati perché li avevamo nel mirino e siamo riusciti nell’intento. Jachetta per la categoria è un elemento pregiato, lo stesso vale per Papa che ha tecnica e forza fisica. Poi c’è Chornopyschuk che il pubblico di Macerata in parte conosce per aver giocato nello stesso girone”. Sono tre elementi che potranno essere schierati anche contemporaneamente? “Queste sono valutazioni che dovrà fare il mister, a mio avviso c’è anche questa possibilità”. È arrivato l’estremo difensore Passaseo di cui si dice un gran bene. “È un ragazzo di assoluta personalità oltre ad avere elevate doti tecniche e acrobatiche ha una gran voglia di mettersi in gioco: è una caratteristica che tengo in forte considerazione ogni volta che si fanno valutazioni”. Quale difesa ha in mente per la nuova Maceratese?“Il pacchetto arretrato dovrà essere sinonimo di affidabilità, stiamo vagliando delle figure con queste caratteristiche. Sulla coppia centrale non sono ammessi errori”. Situazione under? “Dobbiamo fare certamente qualcosa ma già in casa abbiamo diversi ragazzi penso a Massini e altri che già nella scorsa stagione si sono messi in mostra”. In uscita? “Mi è molto dispiaciuto salutare molti dei nostri 1999 che andranno in prestito, Andreucci, Piccioni e gli altri sono ragazzi straordinari”‘. Cosa si auspica per questo campionato? “Tanto pubblico come Macerata sa dare e la presenza alla stadio delle famiglie”.

16/07/2019
Recanati, al via la disinfestazione: ecco dove e quando

Recanati, al via la disinfestazione: ecco dove e quando

Al via le operazioni di disinfestazione nel territorio comunale di Recanati. Nella notte tra martedì 16 e mercoledì 17, dalle ore 24:00 alle ore 6:00, saranno interessate le frazioni del Comune. Nella notte tra mercoledì 17 e giovedì 18, sempre alla stessa ora, le operazioni si svolgeranno nel centro storico e nei quartieri del capoluogo cittadino e nella notte tra giovedì 18 e venerdì 19, sempre dalle 24:00 alle 6:00, la disinfestazione arriverà nel Parchi del Colle dell'Infinito e in via Colloredo. In tutte e tre le nottate, le operazioni si svolgeranno salvo maltempo. "Nel corso della disinfestazione, che sarà eseguita dalla ditta MTB Professione Igiene e Ambiente, si raccomanda di chiudere le finestre" spiegano dall'Amministrazione Comunale.

16/07/2019
Le telecamere Rai di UnoMattina nell'azienda de "La Pasta di Camerino"

Le telecamere Rai di UnoMattina nell'azienda de "La Pasta di Camerino"

Le telecamere di UnoMattina Estate, la fortunata e storica trasmissione di RaiUno sono entrate nell’azienda della famiglia Maccari per raccontare il procedimento artigianale di selezione di ingredienti 100% italiani e produzione di pasta all'uovo con filiera garantita e commercializzate con il marchio La Pasta di Camerino. Ad attendere la troupe televisiva in azienda per visitare il pastificio e conoscere anche il nuovo prodotto Hammurabi, grano antico di eccellenza monococco, macinato a pietra c’erano il Direttore Federico Maccari che ha risposto anche alle domande della giornalista Desy D’Addario, il fratello minore Lorenzo direttore di produzione e i fondatori dell'azienda Gaetano Maccari e Mara Mogliani, la famiglia della pasta delle Marche. L’intervista andrà in onda mercoledì 17 luglio intorno alle 9.05 nel corso della programmazione della trasmissione che inizia alle 6.45 e termina alle 10.00 in uno spazio particolarmente dedicato alla pasta quale prodotto di eccellenza della cucina italiana riconoscendo a La Pasta di Camerino il merito di proporre in commercio un prodotto di eccellenza ad un prezzo molto competitivo ma anche un portabandiera di un territorio incontaminato che rappresenta bene l’essenza delle Marche. “Non c’è un’altra pasta come la nostra perché nessuno garantisce ingredienti 100% italiani come noi” – ha ricordato nella sua intervista Maccari. Oltre alla tradizionale pasta all’uovo e alla pasta di semola, la grande novità è Hammurabi, pasta di grano antico monococco integrale 100% italiano macinato a pietra realizzata e commercializzata sempre con il marchio La Pasta di Camerino. “È un prodotto con caratteristiche organolettiche straordinarie e uniche nel mondo della pasta – ha spiegato Maccari - per l’altissimo contenuto di proteine 20%, alto contenuto di fibre e di molti minerali tra i quali fosforo, ferro e magnesio ed un bassissimo indice di glutine”. Per le sue proprietà nutrizionali è destinata a coloro che sono attenti al proprio benessere ed al mangiare sano e a tutti coloro che praticano sport.      

16/07/2019
Volley Macerata e Paoloni Appignano uniscono le forze per la Serie B

Volley Macerata e Paoloni Appignano uniscono le forze per la Serie B

Sono passati appena pochi giorni dal termine dell’ultima stagione agonistica che è già ora di programmare quella in avvenire e si inizia direttamente con una sorpresa: la società Appignano Volley ha proposto al Volley Macerata, dopo aver vinto i playoff nell’ultimo Campionato Regionale di Serie C, di partecipare insieme al Torneo Nazionale di Serie B.  I due club, già in collaborazione per quanto riguarda il settore giovanile con diversi atleti appignanesi che hanno potuto giocare per il sodalizio biancorosso, hanno deciso di unire così le forze per affrontare questa nuova avventura.Naturalmente il Presidente del Volley Macerata Picchio ha accettato con entusiasmo la proposta della società biancoblu, cogliendo l’occasione di cimentarsi da questo momento anche con giocatori più “adulti” dopo essersi occupato finora soltanto di settore giovanile. Il passaggio dei diritti è stato effettuato con successo e così anche l’iscrizione alla manifestazione; resta soltanto da aspettare l’uscita dei gironi e dei calendari ufficiali che dovrebbero essere svelati intorno alla fine del mese.

16/07/2019
Macerata, nuova veste luminosa per lo Sferisterio: ieri la cerimonia d'inaugurazione  (VIDEO e FOTO)

Macerata, nuova veste luminosa per lo Sferisterio: ieri la cerimonia d'inaugurazione (VIDEO e FOTO)

Nuova luce per l’arena Sferisterio e Porta Mercato di Macerata . Ieri sera, infatti, sotto una pioggia battente che non ha fatto desistere i maceratesi dall’uscire di casa così come le autorità civili, militari e religiose presenti, è stato inaugurato il nuovo intervento di light design, approvato dalla Soprintendenza delle Marche, nell’ambito del Piano Light Design ideato dall’Accademia di Belle Arti di Macerata e voluto dall’Amministrazione comunale.  “Il racconto di questa nuova storia che condividiamo con la città – ha detto il sindaco Romano Carancini durante la cerimonia di inaugurazione -  lasci spazio alle sensibilità personali e agli occhi di ciascuno di noi, in modo che tutta la comunità, seppur nella legittimità delle diverse opinioni, possa sentirsi orgogliosa della luce sul più prestigioso monumento della città, vanto di tutti.  C’è un pensiero lungo e profondo dietro la scelta di illuminare, che può non essere condiviso, può incontrare opinioni e punti di vista diversi, può non piacere per come si esprime, ma che, in ogni caso, trasmette con forza la volontà di un’idea meditata e ostinatamente cercata. Insomma è l’esatto opposto dell’estemporaneità”.  Il sindaco ha infine annunciato  che per Natale i nuovi interventi di light design riguarderanno piazza della Libertà, a seguire vicolo Consalvi, le mura e altre zone della città.  Il nuovo impianto, che interessa la facciata principale dell’arena su piazza Nazario Sauro e la parte tonda dell’emiciclo lungo via Diomede Pantaleoni,  è stato realizzato interamente con apparecchi illuminanti con tecnologia Led di produzione IGuzzini.  Lo schema dell’impianto prevede una illuminazione radente dal basso verso l’alto realizzata con corpi illuminanti a sviluppo longitudinale posti a terra e sui quattro ordini di cornici dell’edificio per un totale di 330 apparecchi.  La caratteristica del sistema è di poter emettere luce bianca o colorata che viene prodotta miscelando i tre colori base, rosso, blu e giallo, ed è realizzato con la tecnica DMX che consente di comandare in maniera diversa ogni singolo corpo illuminante e con il sistema DALI che permette una variazione di intensità della luce.  A quello del sindaco sono seguiti gli interventi della direttrice dell’Accademia di Belle Arti Rossella Ghezzi, della docente di Light design Francesca Cecarini e  di Adolfo Guzzini de IGuzzini. Subito dopo l’accensione di Porta Mercato è toccato allo Sferisterio tra l’apprezzamento del pubblico e delle autorità presenti che hanno potuto ammirare l’arena anche con luci colorate e con il tricolore e ascoltare la soprano France Dariz che, affacciata dalle finestre del monumento illuminato di nuovo, ha cantato “Vissi d’arte”, aria tratta dall’opera Tosca.  "I led utilizzati sono di ultima generazione – spiega Adolfo Guzzini – . Per avere omogeneità e variazione deve esserci una grande qualità da livello internazionale. Sono felice perché una città come Macerata non poteva restare al buio, la luce è sinonimo di felicità, bellezza e voglia di godere delle architetture anche di notte".  E la nuova veste per lo Sferisterio di Macerata è anche il taglio del nastro simbolico per il Macerata Opera Festival .  

16/07/2019
Civitanova, ICA sbarca negli Usa per un evento prestigioso

Civitanova, ICA sbarca negli Usa per un evento prestigioso

L’innovazione conquista gli States. L’impresa civitanovese ICA, leader per le vernici innovative e per le soluzioni avanzate dei suoi laboratori R&S nel campo della sostenibilità ambientale, sarà tra i protagonisti della fiera internazionale dell’industria del legno, l’AWFS Fair, un evento di prestigio mondiale che premia ed esalta la ricerca sui materiali e sulle prestazioni di ogni componente, l’atecnologia e la sperimentazione. L’approdo nel Nuovo Continente dell’azienda italiana raggiunge così una nuova tappa, dopo l’avvio recente della controllata ICA North America che si trova in Canada e ha rafforzato notevolmente la già lusinghiera posizione internazionale del marchio creato dalla famiglia Paniccia.  Così, dal 17 al 20 luglio, la multinazionale marchigiana sarà presente, per la prima volta in modo diretto, al Las Vegas Convention Center, in Nevada, per presentare le ultime novità in tema di vernici per legno: l’ultraresistente X-MATT, la super ecologica BIO coatings e i nuovi coloranti INK.  X-MATT si è aggiudicata due mesi fa l’ambito premio biennale “Interzum award: intelligent material & design 2019”, per le sue sorprendenti caratteristiche: è infatti antigraffio, antimpronta e autoriparante. Ed ora a Las Vegas è già arrivata in finale al “Visionary Awards”, il premio della fiera AWFS.  Fiori all’occhiello e avanguardia di una vera e propria rivoluzione green che consente addirittura di tagliare drasticamente le emissioni di CO2 in atmosfera sono i prodotti realizzati con materie prime rinnovabili e sostenibili in tutto il loro ciclo di produzione: Iridea e Arborea BIO.  Ma le novità non finiscono qui. Infatti, nel più vasto teatro d’oltreoceano della wood industry, sarà di scena anche un altro gioiello firmato ICA. Si tratta di INK coloranti concentrati che, seguendo semplici indicazioni, permettono di ottenere numerose tinte di grande impatto cromatico. In particolare, partendo da 10 primari, si possono avere più di 150 colorazioni pronte all’uso e molte altre tonalità intermedie. L’arrivo e il consolidamento nel mercato statunitense s’iscrivono nella politica vincente di progressiva e costante crescita del dinamico gruppo italiano che vanta un rilevante aumento dell’export, oggi al 57% e supera i 28 milioni di chilogrammi di vernice prodotta per più di 15 mila clienti su scala mondiale.    

16/07/2019

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433