di Picchio News

Dl Terremoto, Coltorti (M5S): "E' un bel gol, ma è solo il primo"

Dl Terremoto, Coltorti (M5S): "E' un bel gol, ma è solo il primo"

"L'ok della Camera al Dl Terremoto è un "gol" importantissimo di questo inizio di legislatura: in esso ci sono 300 milioni in più stanziati e tante proroghe e misure indispensabili per chi vive nel cratere sismico. Sia chiaro però, è solo l'inizio: come ha specificato nel dettaglio il viceministro Castelli, stiamo lavorando e continueremo a farlo a testa bassa per far sì che si imprima un netto cambio di passo per quanto riguarda la ricostruzione". Così Mauro Coltorti (M5S), presidente dell'VIII commissione (Infrastrutture e Trasporti) del Senato. "Purtroppo le risorse limitate a disposizione non ci hanno permesso di apportare migliorie ulteriori al decreto: le opposizioni lo sapevano fin troppo bene, ma nonostante ciò in queste settimane hanno dato il là ad un evitabile festival delle strumentalizzazioni - aggiunge - Alla Camera come al Senato, tante richieste che non erano indispensabili in commissione speciale, per PD, FI e FDI lo sono diventate quando il decreto è arrivato nelle aule parlamentari. Al di là delle esigenze di strategia politica, non è così che si aiutano le popolazioni delle zone interessate dal terremoto. In generale però è stato fatto un buon lavoro che va rivendicato, e come M5S abbiamo completato l'opera a Montecitorio spingendo perché si approvasse lo stanziamento di 80 milioni di euro ulteriori ricavati dal taglio agli sprechi della Camera dello scorso anno, altro obbiettivo raggiunto. Non possiamo in alcun modo permetterci lo spopolamento e il definitivo sfaldamento del tessuto economico delle aree appenniniche, per questo continueremo a lavorare con grande determinazione per agevolare il ritorno alla normalità di chi vive nel cratere".    

19/07/2018
Il folklore delle Marche "raccontato" da Li Matti de Monteco'

Il folklore delle Marche "raccontato" da Li Matti de Monteco'

E' scoppiata l'estate anche per l'associazione culturale Li Matti de Montecò, attesa da importanti impegni in manifestazioni che si terranno nei prossimi due sabati.In primis questo del 21 luglio, perché gli adulti ed i bambini che compongono il gruppo folk montecosarese saranno protagonisti sia a Recanati che a Trodica. Nella città leopardiana prenderanno parte per la prima volta all'AmAnticA Festival che si svolgerà nel piccolo rione di Castelnuovo.Dalle 18 Li Matti de Montecò daranno vita ad un laboratorio di saltarello marchigiano e a seguire l'associazione animerà il centro con folk itinerante, tra balli e stornelli, fino alle 20. Il gruppo dunque porterà i suoi colori, la sua passione per le danze e le tradizioni musicali anche in uno dei festival più seguiti, una due giorni che quest'anno raggiunge l'edizione numero 10. Alle 21 invece il gruppo dei bambini si esibirà per le vie di Trodica per la festa stile notte bianca "A Trodica non se fa mai notte". Insomma Li Matti de Montecò questo sabato spazierà con bravura e versatilità da centri storici a frazioni moderne, da kermesse legate alla tradizione a iniziative più commerciali pensate per far divertire soprattutto i giovani.Sabato 28 luglio l'associazione interverrà poi al popolare Festival del Folklore di Ronzano organizzato dal comune di Cortona ed arrivato alla 17° edizione. Un appuntamento dedicato alle tradizioni locali, alla buona cucina contadina e al divertimento per tutti. Alle 20.30 si entrerà nel vivo con una gustosa cena contadina sull'aia a base di prodotti della campagna. Nel frattempo gli stornellatori montecosaresi animeranno la serata diffondendo anche in Toscana le Marche del passato. Un'altra, l'ennesima occasione, utilizzata dall'attivissimo e richiestissimo gruppo folk per far scoprire e valorizzare le tradizioni della comunità. Qualcosa che appartiene al nostro dna e non va perduto, semmai riscoperto e goduto mediante i più piccoli che rappresentano il nostro futuro.

19/07/2018
Macerata, il saluto del prefetto Preziotti: tre anni intensi

Macerata, il saluto del prefetto Preziotti: tre anni intensi

Dal prefetto Roberta Preziotti riceviamo è pubblichiamo.  Lascio questo territorio, dopo tre anni, alla naturale scadenza del mandato, per assumere un nuovo incarico al Ministero dell'Interno.Lascio questa Provincia già con nostalgia, convinta del segno indelebile che ha impresso dentro di me e del! arricchimento ricevuto per un’ esperienza a volte molto dolorosa, ma fondamentale nel mio percorso professionale e umano.Non ho avuto ancora tempo per elaborare tutto quello che è successo, gli eventi si sono svolti con un ritmo talmente intenso, sempre improvviso ed inaspettato, e le tante emozioni hanno dovuto continuamente cedere il passo ad esigenze operative, urgenti ed immediate.Sono profondamente grata per la collaborazione che tutte le Istituzioni hanno generosamente ojferto con slancio e senza condizione al mio operato.Prima fra tutte la Regione, sempre presente e sempre all'erta. Al suo Presidente, agli assessori ed ai dirigenti, con i quali ho tanto lavorato in spirito di corretta collaborazione e sintonia, rivolgo un saluto particolare.Vivendo questo territorio nel quotidiano ho consolidato la convinzione che il depauperamento delle competenze della Provincia sia una grave perdita. Nei giorni del terremoto e della neve e del pericolo valanghe ho capito che la Provincia conosce queste terre palmo a palmo, è pronta a difenderle con determinazione ed è infaticabile ancora, pur nella scarsità delle sue risorse.Non posso lasciare il mio incarico senza rivolgere un pensiero ai sindaci dei 55 comuni di questo territorio. Li conosco uno ad uno ed uno ad uno li vorrei salutare. Abbiamo condiviso tanto, con molti di loro abbiamo raggiunto obiettivi importanti.Sono grata al sindaco di Macerata, presenza sollecita e componente del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, le cui riunioni si sono tenute con ritmo incessante per garantire la tutela del territorio, l'osservanza delle plurime direttive ministeriali e per corrispondere ad esigenze specifiche della popolazione.Penso con orgoglio istituzionale a tutto il personale delle Forze dell ’Ordine ed a quello dei Vigili del Fuoco. Sono stati un supporto leale, concreto, di indiscusso valore ed assiduamente partecipi, sia nell'attività ordinaria sia nelle varie emergenze che hanno coinvolto la provincia.Aflîdo a queste righe la mia più profonda stima nei confronti della Procura della Repubblica. Ai magistrati tutti rivolgo un pensiero grato come cittadina e di incessante solidarietà come Istituzione.Mi congedo con profondo rispetto dalle Autorità religiose, profonde conoscitrici delle loro comunità, sempre consapevolmente presenti e vigili rispetto alle dinamiche sociali, che tanta influenza hanno nella vita della cittadinanza.Un saluto particolarmente cordiale rivolgo alle Università di Macerata e Camerino, che portano alto il vessillo della cultura e con le quali ho condiviso tanti momenti di approfondimento, necessari per lo sviluppo di queste terre. Saluto tutti gli Istituti scolastici, i Corpi docenti, gli studenti delle facoltà e delle classi di ogni ordine e grado.Un apprezzamento speciale va alle numerose Associazioni che ho tantevolte incontrato, anche quelle combattentistiche e d’arma, quelle di catego-ria, quelle dedicate alla cura e al sostegno delle donne vittime di violenza, quelle culturali, alla Croce Rossa, al volontariato tutto.Saluto e ringrazio le organizzazioni sindacali e quelle datoriali, e a tutte riconosco correttezza ed efficacia nell ‘agire. Abbiamo condiviso preoccupazioni, ricercato soluzioni e strade istituzionali in un clima sempre sereno e di rispetto reciproco. Gli incontri e i confronti hanno assunto il carattere di insostituibile analisi e sintesi e hanno consentito di dare realmente vita ad idee, progetti , iniziative.Il mio ricordo va ai tanti cittadini, agli imprenditori, ai professionisti,ai commercianti, ai lavoratori, che ho incontrato sia nell ’ esercizio delle rispettive attività che percorrendo il territorio. Sono stata accolta con calore e simpatia in contesti di armonia, che è poi la cifra da tutti riconosciuta quale espressione vitale di questi luoghi.Ai tanti cittadini coinvolti dagli eventi sismici va il mio pensiero più caro. Ero qui in quei giorni terribili e ho conosciuto l’ incredulità nel ripetersi degli eventi. Ma, allo stesso tempo, ho conosciuto, proprio qui, il corag-gio vero e la capacità di adattarsi a situazioni imprevedibili, la forza di posizionare e riposizionare i propri obiettivi.Alle Autorità politiche e ai parlamentari, agli amministratori regionali e locali, a tutti i dirigenti e agli operatori degli uflîci pubblici auguro anni sereni di buon lavoro nel pieno rispetto dei valori costituzionali, fondamento e collante del nostro operato.Alle Marche, a questa provincia di Macerata e a tutti i comuni vorrei che giungesse il mio augurio ajîettuoso. Già da tempo, le migliori intelligenze e le professionalità più attive sono al lavoro, non solo per restituire a queste terre ciò che è andato perduto, ma per renderle migliori, competitive ed attraenti.Con questa certezza mi congedo dal territorio maceratese, ajfidando le mie parole alla stampa, grata per l ' attenzione che ha sempre rivolto alle attività della Prefettura.

19/07/2018
Baldelli (FI): "Grazie a noi, 85 milioni per i terremotati"

Baldelli (FI): "Grazie a noi, 85 milioni per i terremotati"

"Grazie all'iniziativa politica di Forza Italia, anche quest'anno, per il terzo anno consecutivo, la Camera dei deputati, votando unanimemente un ordine del giorno al decreto terremoto presentato dal sottoscritto e firmato da tutti i gruppi – dichiara Simone Baldelli, vice capogruppo di Forza Italia alla Camera - ha impegnato il Governo a destinare i suoi 85 milioni di tagli e di risparmi di gestione relativi all'ultimo anno alle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto. Con questo voto possiamo dire che negli ultimi tre anni, sempre su nostra iniziativa e con il sostegno di tutti i gruppi politici, siamo arrivati a far destinare ben 212 milioni di euro (47 milioni nel 2016, 80 nel 2017, 85 nel 2018) - aggiunge - Un ringraziamento particolare per questa bellissima pagina di attivita' parlamentare a tutti i gruppi che hanno lodevolmente sostenuto questa iniziativa, all'ufficio di presidenza attuale, e all'ufficio di presidenza della scorsa legislatura, a cui in gran parte si deve questo straordinario risultato raggiunto. Una volta stanziati questi 85 milioni, con la legge di Bilancio, vigileremo chiederemo conto al governo di come verranno spesi questi soldi".    

19/07/2018
Macerata Opera Festival, su il sipario

Macerata Opera Festival, su il sipario

Al via oggi la 54° edizione del Macerata Opera Festival – preparato dal sovrintendente Luciano Messi, dalla direttrice artistica Barbara Minghetti e dal direttore musicale Francesco Lanzillotta – che quest’anno comprende più di 80 eventi in collaborazione con realtà territoriali in relazione al motto #verdesperanza. Al centro della programmazione tre capolavori operistici: Il flauto magico di Mozart (20 e 29 luglio, 4 e 12 agosto 2018) col libretto basato sulla versione italiana tradotta da Fedele d’Amico, L’Elisir d’amore di Donizetti (21 e 27 luglio, 5 e 10 agosto) e La traviata di Verdi (22 e 28 luglio, 3 e 11 agosto) firmati rispettivamente dai registi Graham Vick, Damiano Michieletto e Henning Brockhaus e con i direttori Daniel Cohen, Francesco Lanzillotta e Keri-Lynn Wilson alla guida dell’Orchestra Regionale delle Marche e del Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini” diretto quest’anno da Martino Faggiani, e con cast di rilievo in cui brillano fra gli altri i nomi di interpreti come Guido Loconsolo, Giovanni Sala, Valentina Mastrangelo, Mariangela Sicilia, John Osborn, Alex Esposito, Salome Jicia, Ivan Ayon Rivas, Luca Salsi. Il Flauto magico – presentato in una nuova produzione dello Sferisterio con il Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia e in collaborazione con la Birmingham Opera Company – ha la regia di Graham Vick, le scene e i costumi di Stuart Nunn, i movimenti mimici di Ron Howell e le luci di Giuseppe Di Iorio. Un lavoro di grande complessità, frutto di oltre sei settimane di prove, basato su due elementi fondamentai: la scelta di utilizzare il testo in italiano e il coinvolgimento di quasi cento “cittadini del mondo”, una sorta di personaggio collettivo che commenta e partecipa all’azione. «I sopratitoli – afferma Graham Vick – hanno ucciso tutto, la lingua originale è diventata un riflesso automatico, nessuno si pone più il problema, nessuno sceglie, nessuno ragiona sulle circostanze nelle quali uno spettacolo nasce e prende forma. Oltre al coro e ai solisti, sulla scena agiscono quasi cento persone, per l’esattezza credo siano novantacinque, tra locali (circa il 60%) e immigrati. Mozart ha voluto scrivere un’opera per il popolo. Siamo in una città italiana dove accanto a una delle porte di accesso è stato eretto un edificio che serve da teatro: la popolazione andava coinvolta; prendere parte al Flauto – conclude il regista inglese – significa per tutti costoro, italiani e stranieri, confrontarsi ed esaminare punti di vista diversi sull’esistenza e sulla convivenza, chiedersi chi siamo, come reagiamo in circostanze contraddittorie». Graham Vick sarà ospite venerdì 20 luglio del primo aperitivo culturale organizzato dall’Associazione Sferisterio Cultura a cura di Cinzia Maroni (Antichi Forni, ore 12) insieme a Barbara Minghetti ed Enrico Girardi. Per ulteriori dettagli e informazioni di biglietteria www.sferisterio.it 

19/07/2018
Da Civitanova rotta verso Sebenico, al via la 18esima edizione della regata internazionale

Da Civitanova rotta verso Sebenico, al via la 18esima edizione della regata internazionale

In perfetto orario la partenza con il colpo di cannone alle 13.05 per la classi ORC e 10 minuti dopo per la classe Libera. Iniziata la 18esima edizione della regata internazionale Civitanova-Sebenico, organizzata dal Club Vela Portocivitanova.Alla boa di disimpegno, posta a 0,5 miglia per 100°, è primo "MP 30 + 10”, seguito da "Freccia del Chienti", quindi due imbarcazioni sambenedettesi: "Adrenalina” di Paolo Bucciarelli e “Reve de Vie” di Ermanno Galeati; quinto passaggio per “ Super Atax” di Marco Bertozzi (Il Portodimare - Trieste), quindi "Vittoria" di Giorgio Paolucci.Alla successiva boa del Musone il primo passaggio è per “ Freccia del Chienti” che sopravanza “MP 30 + 10”. Il vento, in partenza sui 6/7 nodi da Est, si è leggermente intensificato e i regatanti volgono la prua verso Sebenico.La classe Libera è partita facendo direttamente rotta su Sebenico e senza alcuna boa di disimpegno.In allegato foto del briefing di questa mattina, di Ivica Kostelic, campione di sci croato, partecipante con l'imbarcazione "Croatia Spirit of Life Olà" nella categoria ORC X 2, degli equipaggi MP 30+ 10 e Freccia del Chienti.

19/07/2018
Civita Beer festival, tre giorni nel segno delle eccellenze marchigiane

Civita Beer festival, tre giorni nel segno delle eccellenze marchigiane

Birra artigianale e cibo di qualità. Appuntamento venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio con il Civita Beer Festival in programma al Varco sul mare di Civitanova Marche. L’apertura in tutti e tre i giorni è dalle 18 fino a notte. La manifestazione è organizzata dagli Assessorati al Turismo e al Commercio del Comune di Civitanova in collaborazione con la Blu Service di Raffaella Biccirè. Negli ampi spazi accanto al lungomare sud, dieci birrifici artigianali provenienti da tutte le Marche e altrettanti ristoranti di pesce e vegetariani offriranno i loro prodotti di qualità con il coordinamento della Condotta Slow Food di Civitanova Marche guidata da Silvia Tarulli e Diego Valentini.Un’occasione unica per poter assaggiare le migliori birre artigianali del territorio abbinate alle offerte più allettanti dei ristoranti della zona, con un’accurata promozione dei prodotti del nostro mare e della nostra terra. Fra le curiosità, l’utilizzo di appositi gettoni che sostituiranno gli euro. I visitatori potranno cambiare la moneta corrente in due biglietterie poste sul piazzale e poi scegliere a proprio piacimento le birre e le proposte culinarie che vorranno degustare. Grazie a un apposito vassoio si potrà comporre il proprio menù scegliendo fra le offerte a disposizione. L’associazione albergatori e B&B hanno preparato dei pacchetti con sconti per i pernottamenti.Ma non solo cibo e birra. Durante il Festival sono in programma numerose manifestazioni. Con il coordinamento del dj Simone Barbaresi venerdì 20 aprirà la tre giorni al Varco sul mare il dj Giusi Fornari con musica lounge, surf, boogaloo e bossa e a continuare il concerto dei Montefiori Cocktail; sabato 21 Pino Cardinali soul, funk, electronic jazz con il concerto di Papik, primi in classifica su Itunes jazz; domenica 22 di nuovo Giusi Fornari e i Montefiori Cocktail che saranno preceduti da uno spettacolo di street tango curato da Mil Pasos, un aperitango per dare il via nel migliore dei modi all’ultima giornata del Festival.“Presentiamo una nuova manifestazione che va a rafforzare il format voluto da questa Amministrazione – ha spiegato Borroni – che punta sulla stretta collaborazione tra pubblico e privato. Gli operatori che seriamente hanno voglia di investire su turismo e ricettività possono contare sul nostro supporto e questa formula sta dando risultati ottimi e lo dicono le tante presenze agli eventi”.“Il Civita Beer Festival – sottolinea Raffaella Biccirè – è una vetrina per i prodotti del nostro territorio dove la birra di qualità sposa il mare e la collina, vanti della nostra regione”. A disposizione dei visitatori i prodotti dei birrifici Il Mastio di Urbisaglia (Mc), Jack Rabbit di Jesi (An), Maltenano di Servigliano (Fm), Oltremondo di Terre Roveresche (Pu), Del Gomito di Agugliano (An), Mukkeller di Porto Sant’Elpidio (Fm), Mc77 di Caccamo di Serrapetrona (Mc), I Beer di Fabriano (An), 61 Cento di Pesaro e Dei Castelli di Arcevia (An). I ristoranti sono invece Zi Nene, Circolino della Vela, Mangia, Pizzeria Dal Mitico, Smokey’s Take Away, Maylea Sushi Bar, Il Panzer8, Verde Caffè, Loverie e Calipso.Presenti alla conferenza stampa Raffaella Biccirè (organizzatrice), Pierpaolo Borroni (Assessore), Monia Rossi (presidente Commissione commercio), Simone Barbaresi (dj), Paolo Sabatini (comemrciante), Diego Valentini (Slow Food Civitanova), Romina Iagatti (Mil pasos)

19/07/2018
Recanati, modifiche alla viabilità in occasione di "6 alle 6"

Recanati, modifiche alla viabilità in occasione di "6 alle 6"

Modifiche alla viabilità in occasione della manifestazione "6 alle 6" in calendario domenica 22 luglio a Recanati. Lo prevede un'ordinanza della Polizia Locale. Dalle 5 alle 8 è prevista la sospensione della circolazione durante il passaggio della manifestazione con percorso: Piazza G. Leopardi, C.so Persiani, Via I° Luglio, V.le C. Battisti, Porta San Filippo, Via Castelfidardo, Via Gioco del Pallone, V.le Monte Conero, Villa Colloredo, Via Campo dei Fiori, Via Falleroni, V.lo dell’Achilla, P.le XVIII Settembre, Via Vitali, Via Mazzini, V.le Battisti, Via I° Luglio, C.so Persiani, Piazza G. Leopardi, P.ta S. Domenico, V.le C. Battisti, V.le Carducci, P.ta Pesa, Via Cappuccini, Via della Fonderia, V.lo S. Pietro, V.lo Spezioli, P.le M. Leopardi, Via G. Leopardi, Piazza Sabato del Villaggio, Via dei Cappuccini, convento dei cappuccini, Via A. da Bevagna, Via Montemorello, Piazza Sabato del Villaggio, Via Monte Tabor, ingresso colle dell’Infinito, uscita colle dell’Infinito (scalinata Nerina), Via Colle dell’Infinito, Porta Nuova, Via E. Leopardi, Via Antici, Via Roma, Via Calcagni, P.le Giordani, ingresso e uscita Chiostro Sant’Agostino, Via Moroncini, Via Calcagni, V.lo S.Michele, V.lo del Teatro, Via Cavour e Piazza G. Leopardi. Sarà inoltre sospesa la circolazione in Viale Cesare Battisti, Via Castelfidardo, Via Gioco del Pallone, Via Mazzini, Viale Monte Conero, Viale Carducci e verrà sospesa la circolazione nell’ultimo tratto di Viale Dalmazia con deviazione, del flusso veicolare confluente, in Viale Adriatico e Via Simboli. Sarà momentaneamente sospesa la circolazione veicolare in tutte le altre strade confluenti al percorso e saranno presegnalate le interruzioni in Via Loreto intersezione Via Paolina Leopardi e Viale Dalmazia intersezione Via Biagetti e P.le Europa. L'ordinanza prevede anche la sosta vietata nelle vie: Antici, P.le Giordani, Montevolpino, Via I° Luglio, Moroncini, Fonderia, Vicolo San Pietro, Vicolo Spezioli e P.le Cappuccini ed in quant’altra via che possa ostacolare la libera circolazione per il corretto svolgimento della manifestazione. Infine è prevista la chiusura di Corso Persiani e Piazza G. Leopardi con Pilot e con ostacoli mobili (auto e transenne).    

19/07/2018
Gemelli d'Italia Porto Recanati, si alza il sipario sulla 17esimo raduno nazionale

Gemelli d'Italia Porto Recanati, si alza il sipario sulla 17esimo raduno nazionale

Si apre domani – venerdì 20 luglio – il diciassettesimo raduno nazionale dei gemelli, organizzato a Porto Recanati presso lo stabilimento balneare “Il ritorno di Guerrina & Domenico”, sul lungomare sud. Le prime coppie di gemelli giungeranno nel pomeriggio, poi in serata ne arriveranno altre per partecipare alla cena di benvenuto prevista alle 20 nello stesso chalet. Nascerà così la “Città dei gemelli”, pronta a colorarsi di giallo – è questo il colore dominante dell’edizione 2018 – in questo penultimo week end di luglio. Le venete Elisa ed Elena Bertocco sono già arrivate, con un giorno d’anticipo, per godersi la riviera del Conero. La scorsa estate vennero in bici da Mira, ma stavolta hanno preferito il treno sia per impegni di lavoro di entrambe, sia per un recente infortunio di Elisa. “Quasi sicuramente il prossimo anno, com’è nel nostro stile, arriveremo in bicicletta”, ci dicono mentre stanno per raggiungere la spiaggia di Porto Recanati. Altra presenza certa al raduno sarà quella delle sorelle Antonietta e Giuseppina Provenzano, psicologhe originarie della provincia di Lecce, ma provenienti da Roma. Sabato (ore 15) presenteranno sul litorale adriatico il loro libro “La scelta del sé”. “Si tratta di un saggio sulla gemellarità, l’identità e l’amore – spiega Antonietta – per approfondire innanzi tutto il legame gemellare come legame simbiotico per eccellenza, che rende più difficile trovare ed essere se stessi. Poi il discorso si allarga anche all’identità dei figli unic, dalla vita prenatale all’età adultà, fino a toccare il legame genitori-figli e quello tra partner, con riflessioni psicologiche, pedagogiche ed esistenziali”.  In occasione del raduno, poi, sarà presente a Porto Recanati una delegazione del laboratorio Grafologia Scripta, di Udine, con l’obiettivo di raccogliere un buon numero di scritture di gemelli (in particolare monozigoti) per ampliare lo studio sulla somiglianza dei profili psicologici. Sarà allestito un tavolo dove i gemelli che vorranno potranno lasciare la propria grafia (info al sito www.scripta-grafologia-online.com). Ecco il programma completo del 17° Raduno.Venerdì 20 luglioNel pomeriggio arrivano le coppie a Porto Recanati; alle 20 segue la cena di benvenuto con tutti i gemelli e i loro accompagnatori; chiude la tradizionale passeggiata sul lungomare.Sabato 21 luglioAlle 9 viene inaugurata la “Città dei gemelli” con le iscrizioni gratuite dei partecipanti. Giornalisti e tv daranno spazio a interviste e riprese, mentre alle 10.30 cominceranno i primi giochi in spiaggia; alle 11.30 balli di gruppo e alle 12 il Gioco-aperitivo con gli ospiti. Nel pomeriggio (ore 14.30) prenderà il via l’animazione per i bambini e alle 15 verrà presentato il libro “La scelta del Sé” scritto dalle gemelle Antonietta e Giuseppina Provenzano, presenti al raduno. Seguono alle 15.30 il karaoke e i giochi in spiaggia, mentre alle 17 verrà formato il Serpentone composto da gemelli più lungo del mondo. Sfilerà lungo le vie principali di Porto Recanati sulle note dell’Inno ufficiale dei gemelli. Infine, alle 20, la cena presso “Il Ritorno di Guerrina & Domenico”, dove alle 21.30 ci sarà lo spettacolo dei gemelli con sfilate ed esibizioni; interverrà il cabarettista Marco Cingolani. Al termine della serata le consuete premiazioni con l’elezione di Miss e Mister Raduno 2018. Seguiranno balli di gruppo e disco dance anni ’60, ’70 e ’80.Domenica 22 luglioAlle 9 il ritrovo alla “Città dei Gemelli”, poi tante attività e giochi in spiaggia fino alla cena di saluto prevista per le ore 20.

19/07/2018
San Severino Blues protagonista alla Notte del Verdicchio di Cupramontana

San Severino Blues protagonista alla Notte del Verdicchio di Cupramontana

San Severino Blues torna a firmare l’evento centrale della Notte del Verdicchio di Cupramontana con un concerto rock che è anche cabaret teatrale circense. Protagonisti della festa in tarda serata sono Slick Steve & The Gangsters, un quartetto nato da un’idea di Slick Steve, alias Stephen Hogan, cantante e showman madrelingua inglese e Alle B.Goode, giovane e talentuoso chitarrista rock’n’roll. La loro musica è un circo Swing’n’Roll, consapevole contaminazione artistica tra sonorità vintage, swing, rock’n’roll e perfomances circensi, fatte durante il concerto, che spaziano dalla magia alla giocoleria. Uno spettacolo che rapisce e diverte il pubblico di ogni età. La band licenzia l’omonimo primo disco nel 2013, un album non solo di rock’n’roll, ma segnato anche da momenti introspettivi e sperimentali. Da quel debutto partono tanti concerti, più di 200 in due anni tra Italia e Germania e il loro set live esplosivo decreta il successo della band. Alessandro “Asso” Stefana, chitarrista e produttore di Capossela, oltre che musicista di Mike Patton e PJ Harvey, ha prodotto il loro secondo disco, “On Parade”, dove è condensato un immaginario che va da Tom Waits a Jack White, passando per gli Stray Cats, con radici roots blues, swing e jazzy. Slick Steve voce/giocoleria/magia Alle B. Goode chitarra/cori Hector Ace contrabbasso/cori Beppe Facchetti batteria/cori  

19/07/2018
Agli Educamp del Coni Marche la carica dei 500

Agli Educamp del Coni Marche la carica dei 500

La carica dei 500. Sono i bambini ed i ragazzi che quest’anno hanno aderito ad uno degli Educamp organizzati da CONI regionale e dalle delegazioni provinciali. ùI campi estivi sportivi multidisciplinari per bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni si sono conclusi in alcune realtà, mentre in altre sono ancora in corso. Anche per quest’anno, come avvenuto per il 2017, oltre agli Educamp ordinari, sono stati organizzati i due Educamp straordinari, completamente gratuiti, di Amandola ed Acquasanta Terme rivolti ai bambini delle popolazioni terremotate. Lunedì mattina (16 luglio) il via all’attività dell’Educamp di Acquasanta Terme, allestito al campo sportivo comunale Manlio Carnicelli. Sono 45 i bambini partecipanti a questa prima settimana di attività. Un secondo gruppo di 57 ragazzi animerà il camp estivo da lunedì prossimo (23 luglio). Arco, gioco della bandiera, rugby, ciclismo, nuoto, orienteering, atletica leggera con le specialità di 30 metri piani, salto in lungo e tiro del vortex (uno strumento propedeutico al lancio del giavellotto), calcetto e pallavolo, le discipline nelle quali potranno cimentarsi i piccoli.Si è concluso la scorsa settimana, invece, il campo straordinario di Amandola, che ha visto la presenza di 106 ragazzi di Amandola e dei paesi limitrofi, tra il primo ed il secondo turno, che hanno testato le loro abilità nelle discipline del baseball e della ginnastica artistica negli impianti sportivi della cittadina.  Conclusa l’attività anche negli Educamp ordinari che sono stati organizzati nelle varie province. Nella provincia di Macerata, come ormai di consueto, si è tenuto il campo residenziale, ovvero una mini-vacanza per bambini e ragazzi che hanno avuto la possibilità di trascorrere un’intera settimana immersi nell’atmosfera dell’Educamp, tra attività motorie e sportive, momenti didattico-educativi, momenti ludici, all’insegna del divertimento e dello stare insieme. Location del camp, l’Acquaparco Verde Azzurro di San Faustino di Cingoli. Tre i turni che hanno visto la presenza di 73 bambini, per ciascuna delle due settimane di giugno, e 64 per la prima settimana di luglio.Dieci le discipline sportive nelle quali si sono divertiti i ragazzi, due al giorno: basket, calcio, tennis, pallavolo, hockey prato, orienteering, atletica, rugby, tiro con l'arco, nuoto. Non solo sport, il programma ha previsto anche una serie di attività di gioco e ricreative, giochi tradizionali, recitazione, disegno, all’insegna del divertimento e per favorire la socializzazione e l’integrazione tra i bambini ed i ragazzi. Inoltre, si sono tenute anche attività legate alla promozione di un corretto stile di vita e di sane abitudini alimentari. Gli Educamp rappresentano, infatti, per loro natura e per lo spirito stesso con cui sono nati, dei luoghi di aggregazione e confronto, nei quali, grazie al gioco e all’insegnamento di attività didattiche e sportive, ci si può relazionare con gli altri. Stessi spirito ed atmosfere quelli che hanno caratterizzato l’Educamp di Ascoli Piceno, che ha visto la presenza di 116 partecipanti tra il primo ed il secondo turno. Il campo estivo sportivo multidisciplinare si è svolto al Green Park, il centro sportivo promosso dalla Cassa di risparmio di Ascoli Piceno, nel quartiere Monticelli. Sei campi di minibasket, calcetto e tennis hanno ospitato le molteplici discipline che si sono svolte: karate, rugby, gioco della bandiera, orienteering, atletica leggera, calcetto e pallavolo. Ogni mercoledì poi la giornata dedicata al nuoto, all’arrampicata ed al tiro con l’arco alla Cittadella dello Sport. Molte anche le attività ricreative, come le lezioni d’inglese. "Poter replicare anche quest’anno gli Educamp straordinari di Acquasanta Terme ed Amandola è stata un’opportunità molto importante per il nostro territorio ed i nostri ragazzi – ha commentato il presidente del Coni Marche, Fabio Luna –. La ricostruzione post sisma, infatti, non riguarda solo mura ed edifici, ma soprattutto legami e rapporti di comunità, un obiettivo che lo sport ed i giovani possono far raggiungere più facilmente. Gli Educamp rappresentano da sempre – prosegue Luna – uno dei progetti principali del CONI ed un momento formativo fondamentale per i giovanissimi. Si tratta di un'azione sociale concreta per la quale dobbiamo ringraziare, oltre che il CONI nazionale anche le delegazioni provinciali e le amministrazioni comunali che danno sempre il massimo affinché anche quest’anno sia stato possibile realizzare tutto questo".

19/07/2018
Bisonni: "Pubblicare sul sito Arpam le analisi relative all'incendio Orim"

Bisonni: "Pubblicare sul sito Arpam le analisi relative all'incendio Orim"

Appello del consigliere regionale Sandro Bisonni (Gruppo Misto) affinché siano pubblicati sul sito dell’Arpam i dati relativi ai prelievi ambientali effettuati dopo l’incendio dello scorso 6 luglio alla “Orim” di Piediripa.La richiesta, rivolta all’Assessore Angelo Sciapichetti, fa riferimento al rapporto completo, non ravvisando lo stesso Bisonni motivi che ne precludano la diffusione.“Anzi, proprio per rendere concreta la massima trasparenza dell’azione pubblica e non trattandosi di dati sensibili - sottolinea - è bene che i cittadini siano resi partecipi di qual è l’effettiva situazione, trattandosi di un problema particolarmente sentito dalle popolazioni del luogo. Va tenuto presente, infatti, che l’incendio ha interessato un’azienda che interviene nel recupero dei materiali speciali provenienti dal riciclo dei rifiuti industriali”.Subito dopo l’evento Bisonni ha presentato un'interrogazione rivolta al presidente della Giunta ed all’assessore competente per conoscere, tra l’altro, i possibili danni per l’ambiente e per le salute delle persone, le cause accertate per quanto riguarda l’innesco dell’incendio, nonché l’eventuale attivazione di misure finalizzate ad evitare rischi di infiltrazioni criminali ai danni dalle delle società che legittimamente operano nella gestione dei rifiuti.“La Regione Marche – specifica Bisonni – ha compiuto una scelta storica con l’approvazione della proposta di legge che indirizza le politiche verso il riciclo dei materiali, ripudiando qualsiasi forma di combustione. Ora dobbiamo costruire le strategie d’intervento con l’obiettivo primario di garantire il benessere dei cittadini, rendendoli direttamente partecipi. La pubblicazione dei dati Arpam credo appartenga ad una buona politica di condivisione dalla quale non ci si può sottrarre”.

19/07/2018
La piscina de La Filarmonica aperta fino a mezzanotte nel fine settimana

La piscina de La Filarmonica aperta fino a mezzanotte nel fine settimana

Apertura straordinaria serale per la piscina de La Filarmonica a Macerata. Stefania Cittadini e i suoi collaboratori, infatti, hanno deciso di aprire anche la sera dalle 20 alle 24 la piscina nelle giornate di venerdì, sabato e domenica con ingresso unico di 5 euro.  E vista la calura di questi giorni, sicuramente si tratta di una opportunità da non perdere... 

19/07/2018
Recanati, le Commissioni riunite al lavoro sul Documento unico di programmazione

Recanati, le Commissioni riunite al lavoro sul Documento unico di programmazione

Sabato 21 luglio è in programma la seduta congiunta delle Commissioni consiliari del Comune di Recanati. A convocarla è il presidente del Consiglio Massimiliano Grufi. La riunione è alle 9,30 presso la Sala Consiliare del Palazzo Comunale recentemente riaperto dopo gli interventi di messa in sicurezza statica e di restauro a seguito degli eventi sismici del 2016. All’ordine del giorno il punto relativo al Documento unico di programmazione periodo 2019/2021, e quello inerente all’assestamento generale di bilancio - Salvaguardia degli equilibri e stato di attuazione dei programmi. Lunedì 23 luglio si riunisce invece la Commissione Urbanistica, lavori pubblici e ambiente. A convocarla, alle 12, presso gli uffici comunali in via E.Mattei, è il presidente Gianfilippo Simoni. All'ordine del giorno il punto inerente l'acquisizione a titolo gratuito di particelle di terreno di proprietà privata costituenti sedime e pertinenza di strade ad uso pubblico e di aree di proprietà privata destinate a verde pubblico.    

19/07/2018
UBI Banca, i dipendenti regalano 5000 giornate di ferie

UBI Banca, i dipendenti regalano 5000 giornate di ferie

L’iniziativa, avviata con una fase pilota nel 2014, in un quinquennio ha interessato oltre 100  Organizzazioni Non Profit in tutta Italia. Nei cinque anni oltre 2.700 dipendenti del Gruppo hanno animato circa 5.000 giornate di impegno volontario e la banca ha destinato circa 500.000 € in erogazioni liberali alle ONP.  Milano, 19 luglio 2018 - UBI Banca si conferma partner di riferimento del Terzo Settore non solo con le proposte commerciali dedicate, ma anche con una partecipazione diretta del personale alla vita delle Organizzazioni Non Profit: 1.171 dipendenti hanno infatti aderito all’edizione 2018 di “Un giorno in dono”, un progetto di solidarietà attraverso il quale è stato offerto a tutto il personale la possibilità di impegnarsi in un’attività di volontariato sui territori di riferimento del Gruppo. UBI Banca  è stata supportata dagli specialisti di Istituto Italiano della Donazione e di Fondazione Sodalitas nella fase di preparazione dei progetti con le 90 organizzazioni non profit.  Cinquemila giornate di volontariato donate in cinque anni dai dipendenti del gruppo UBI  L’iniziativa, dopo un test del 2014 limitato all’area milanese, è stata estesa all’intero territorio nazionale dal 2015 totalizzando circa 5.000 giornate di volontariato erogate nel quinquennio, corrispondenti a circa 40.000 ore di lavoro svolto presso le ONP partecipanti, oltre 100 nell’arco dei 5 anni.  Partecipando, ogni dipendente aderente ha donato un proprio giorno di ferie, trascorrendolo presso una associazione e impegnandosi in una tra le 170  attività di volontariato proposte. In funzione del numero di partecipanti la somma che il Gruppo UBI Banca riconoscerà per il 2018 alle diverse ONP è di complessivi € 117.100 (pari a 100 € per ogni giornata di volontariato erogata).  L’iniziativa Un giorno in dono si è svolta in tutta Italia coinvolgendo tutte le società del Gruppo e si è conclusa lo scorso 29 giugno. 90 organizzazioni non profit hanno accolto i dipendenti di UBI nelle loro sedi in 42 diverse città e province italiane: Alessandria, Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Bari, Bergamo, Bologna, Breno, Brescia, Como, Cosenza, Crotone, Cuneo, Fermo, Firenze, Genova, Grosseto, Lecce, Livorno, Macerata, Matera, Milano, Monza, Napoli, Pavia, Perugia, Pesaro, Pescara, Piacenza, Pordenone, Potenza, Reggio Calabria, Rimini, Roma, Salerno, Siena, Sondrio, Torino, Treviso, Varese, Verona e Viterbo. L’organizzazione che ha accolto il maggior numero di dipendenti UBI è stata quest’anno Touring Club Italiano, con 91 partecipanti.   “La cultura della solidarietà che è così diffusa tra i nostri dipendenti ed è una caratteristica distintiva della società civile dei nostri territori” - afferma Mario Napoli, Responsabile Risorse Umane di UBI Banca -  “è alla base del successo dell'iniziativa ‘Un giorno in Dono’, che prosegue ormai da qualche anno e che unisce questo tratto delle persone di UBI all’azione costante delle organizzazioni non profit, molto spesso anche nostre partner in progetti a valenza sociale, e all’azione stessa del nostro istituto. UBI Banca infatti - conclude Napoli - ha tra le sue  caratteristiche la capacità di interagire in maniera creativa e innovativa anche con gli enti non profit, realtà di ormai riconosciuta rilevanza sia sociale che economica nel nostro Paese”.  Le testimonianze dei dipendenti    Gianpietro Cesana lavora presso la gestione del personale UBI a Bergamo, e ha svolto la sua giornata di volontariato a Milano, presso la pediatria dell’ospedale Buzzi, dove, vestito da clown, ha animato momenti di gioco con i giovanissimi pazienti. “Ci sono occasioni nella vita dove un evento o una parola scatenano in noi qualcosa di imprevedibile” – afferma Cesana – “Il primo spot UBI su ‘Un giorno in dono’, nel 2014, mi diede il via; scorsi velocemente le onlus presenti fino a trovare ‘Associazione Veronica Sacchi Milano’. Fare il clown in ospedale era un mio ‘sogno nel cassetto’. Edizione dopo edizione ho sempre scelta questa attività. Anche quest’anno, dopo una mattinata di training, siamo partiti per l’ospedale Buzzi, reparto pediatria. I volontari  aiutano noi ‘ubini’ a superare l’impasse iniziale e la paura di non essere all’altezza. Poi tutto fila e ‘si vola’. Non siamo supereroi, proviamo a donare momenti di normalità quotidiana anche solo per una decina di minuti a genitori che da settimane vivono in ospedale accanto ai figli con le patologie più diverse, parlando ai ragazzi o tenendoli occupati con i nostri buffi abbigliamenti e i nostri sorrisi. Dalla prima volta sono passati anni e non ho mai perso un appuntamento con A.V.S.. Ho nuovi amici e ho scoperto tra i colleghi persone vere, delle quali la banca può essere fiera. Sicuramente ogni esperienza di volontariato è  un mondo a sé, ognuno può farlo senza alibi o scuse dove crede e per le ragioni più disparate, ma quello che lascia in noi non ha prezzo e resta per sempre. Non vedo l’ora di poter rimettere il naso rosso che custodisco gelosamente in tasca. ‘Provateci’,  dico sempre a tutti. E senza pensarci state già sorridendo”.  ”Sarà perché credo sia fondamentale confrontarsi con situazioni di vita e contesti assolutamente differenti dai miei, o perché in una società così frenetica non si trova mai abbastanza tempo per fare del volontariato’ – racconta Karin Ronzoni, che lavora a Bergamo presso la struttura multichannel di UBI Sistemi e Servizi, società del Gruppo UBI – ‘Fatto sta che, sin da subito, ho colto l’occasione che la nostra azienda ha proposto a noi dipendenti: prendere parte proattivamente ad iniziative sociali. Questa volta ho scelto di partecipare ad un progetto per il quale sarebbe stato necessario anche un impegno fisico: ‘Agricoltura Sociale’ presso la Cooperativa Biplano, una Onlus che, nel territorio bergamasco, promuove l’integrazione dei cittadini più fragili e l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. E’ stata una giornata ovviamente diversa dallo standard, che ha catapultato me e i colleghi Alberto e Alice in un mondo fino a quel momento a noi sconosciuto: armati di tanta buona volontà, abbiamo lavorato la terra, raccolto pomodori, peperoncini e fagiolini; abbiamo piantato melanzane e zucchine; pulito cipolle, aglio e scalogno e preparato le casse di frutta e verdura da portare ai mercati il giorno successivo. E in tutto questo, abbiamo avuto il piacere di conoscere e collaborare con alcuni ragazzi che lavorano nelle serre tutti i giorni per riuscire a trovare il loro spazio nel mondo e riacquistare un po’ di fiducia in loro stessi. A fine giornata, dopo il doveroso giro di saluti, ce ne siamo andati stanchi, sporchi, affaticati ma molto felici. Un’esperienza che riempie il cuore e che sicuramente arricchisce l’anima”. Nicoletta Arrigo, che lavora nella filiale di Beinette, in provincia di Cuneo, ha svolto la sua giornata di volontariato aziendale a Torino, presso la sede UNICEF, e ricorda così la sua esperienza: ”Ho scelto di partecipare a ‘Un giorno in dono’ insieme a Serena, la mia collega di filiale, trascorrendo una giornata a Torino, nella sede regionale dell’Unicef. Per entrambe è stata la prima occasione di prendere parte al progetto.  Abbiamo incontrato persone disponibili, che ci hanno insegnato a realizzare le famose ‘Pigotte’: bambole di pezza create esclusivamente da volontarie di ogni età, che ne curano l’allestimento sin nei minimi particolari. Queste bambole vengono poi vendute, destinando il ricavato alle vaccinazioni dei bambini meno fortunati.  A fine giornata ero felice, stavo bene perché avevo dedicato un po’ del mio tempo ad altri. Sicuramente consiglio a tutti l’esperienza, che spero di poter ripetere l’anno prossimo”. Michele Rossi, che lavora a Brescia presso UBI Sistemi e Servizi, ha donato la sua giornata da volontario a Ospitaletto, nel bresciano. Questa la sua testimonianza: ”Partecipo all’iniziativa ‘Un Giorno in Dono’ dal 2015 e in questi quattro anni ho scelto di donare la giornata presso la Cooperativa Fraternità Impronta, Cascina Cattafame; ho deciso di aderire all’iniziativa in quanto mi piaceva l’idea di poter fare qualcosa di utile nell’ambito del volontariato, consapevole inoltre che la mia scelta avrebbe anche comportato un contributo da parte dell’Azienda a favore della Cooperativa, che gestisce servizi educativi rivolti a minori in situazione di disagio. La giornata si è svolta in due momenti: il mattino dedicato ad aiutare i ragazzi ospitati dalla Cooperativa nell’organizzazione delle attività per i bambini delle scuole dell’infanzia ed elementari con i laboratori manuali (dove possono preparare sapone, pizzette, dolcetti) e la visita alla fattoria didattica, e il pomeriggio, dedicato ad aiutare gli educatori e gli ospiti della Comunità nei lavori giornalieri della cascina: riassetto dei laboratori, taglio dell’erba, foraggiamento degli animali. Grazie all’iniziativa ho conosciuto una bella realtà ed ora partecipo anche con la mia famiglia agli eventi che vengono periodicamente proposti, come sagre, feste per bambini, o altre. Non posso che consigliare l’esperienza a tutti i colleghi del Gruppo; anche il prossimo anno io parteciperò!”.  

19/07/2018
Successo per l’appuntamento con “Unicam open day”

Successo per l’appuntamento con “Unicam open day”

Studente universitario per un giorno: è quello che hanno vissuto i circa 200 studenti accompagnati dalle loro famiglie provenienti da tutta la Regione Marche e non solo, che oggi sono giunti a Camerino per scoprire e conoscere l’Università di Camerino. E’ questo l’appuntamento con l’”Open day”, iniziativa di orientamento volta a favorire la conoscenza, da parte dei futuri studenti universitari e delle loro famiglie, dei corsi di laurea attivati da Unicam, delle strutture dell’Ateneo, dei servizi e delle agevolazioni. L’iniziativa si è tenuta con successo nella giornata di mercoledì 18 luglio presso la sede di Ascoli Piceno ed è in programma per domani nella sede di San Benedetto del Tronto.Ad Ascoli Piceno è stato possibile avere tutte le informazioni rispettivamente sui corsi di laurea della Scuola di Architettura e Design e sul Corso di laurea in Tecnologie e diagnostica per la conservazione e il restauro. Domani venerdì 20 luglio al Polo didattico di San Benedetto del Tronto l’appuntamento è con i docenti e gli studenti del Corso di laurea in Biologia della Nutrizione.Nell’appuntamento di Camerino di oggi 19 luglio i partecipanti hanno potuto avere informazioni sui corsi di laurea attivati dalle Scuole di Bioscienze e Medicina Veterinaria, Giurisprudenza, Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, Scienze e Tecnologie. “Intento dell’iniziativa – ha sottolineato la professoressa Valeria Polzonetti, delegata del rettore per l’Orientamento – è quello di dare agli studenti la possibilità di venire a conoscerci, di prendere informazioni sui corsi di studio, di avere informazioni sulle modalità di immatricolazione e sui servizi e sulle agevolazioni che mettiamo loro a disposizione. Dare quindi ai ragazzi e alle loro famiglie l’opportunità di scoprire e di conoscere quello che l’Ateneo offre per il loro futuro, aiutarli a capire qual è il corso di laurea più adatto ai loro interessi e alle loro aspirazioni”.E’ stato dunque possibile acquisire informazioni utili sui corsi di studi attivati da Unicam, sulle molteplici agevolazioni e borse di studio messe a disposizione dall’Ateneo in particolare per favore gli studenti meritevoli, sui servizi per gli studenti, sulle possibilità di studio all’estero, sulle possibilità di alloggio, sulle attività culturali extracurriculari, sulle competenze trasversali. Nel pomeriggio hanno potuto visitare le strutture, le aule ed i laboratori.Dal 16 al 27 luglio e dal 20 al 31 agosto, presso le sedi Unicam di Camerino, Matelica, Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto, è inoltre in programma l’iniziativa “Porte aperte in Unicam – estate 2018”. Consultando il calendario disponibile nel sito orientamento.unicam.it, è possibile prenotare la visita in Unicam: gli studenti interessati potranno così parlare direttamente con i docenti e visitare le strutture dove si svolgono le attività didattiche e di ricerca, le aule, le biblioteche e laboratori, nonché avere maggiori informazioni sui corsi di laurea.Tutte le informazioni dettagliate sono disponibili all’indirizzo orientamento.unicam.it

Treni, nuovo sciopero in vista: 24 ore di stop nel fine settimana

Treni, nuovo sciopero in vista: 24 ore di stop nel fine settimana

Nei giorni di sabato 21 e domenica 22 luglio, oltre lo sciopero degli aerei che riguarderà molti scali italiani, è previsto l'ennesimo sciopero del trasporto ferroviario. Il personale del gruppo Ferrovie dello Stato, Italo (Ntv) e Trenord si fermerà per 24 ore, precisamente dalle 21 di sabato alle 21 di domenica. Le fasce orarie di garanzia non saranno assicurate. A causa di ciò sono previste anche una serie di limitazioni dei servizi TILO. I servizi TILO in territorio svizzero, invece, non saranno coinvolti. In particolare verranno limitate in Italia le linee TILO RE10, S10, S30, S40 dalle 21 di sabato 21 luglio alle 20.59 di domenica 22 luglio 2018. I servizi TILO da/per Malpensa Aeroporto verranno sostituiti con bus tra Stabio e Malpensa Aeroporto T1 e T2. L’agitazione è stata indetta dalla sigla sindacale Cat, Coordinamento autorganizzato trasporti. “Dal canto nostro, come CAT, confermiamo che siamo unicamente interessati a spingere nella giusta direzione, cioè ad invertire queste tendenze di brutalizzazione delle condizioni di lavoro. Ci impegniamo per quello: riuscirci non dipende solo da noi, ma dall’intera categoria”, si legge nell’annuncio dello sciopero. Nelle giornate di sciopero Trenitalia assicura comunque servizi minimi di trasporto predisposti d’accordi con le organizzazioni sindacali. Sono garantiti, inoltre, treni a lunga percorrenza, nei giorni feriali e nei festivi. I treni che si trovano in viaggio a sciopero iniziato arrivano comunque alla destinazione finale se è raggiungibile entro un’ora dall’inizio dell’agitazione sindacale; trascorso tale periodo, i treni possono fermarsi in stazioni precedenti la destinazione finale. Oltre alle prestazioni indispensabili, Trenitalia può garantire ulteriori servizi integrativi che vengono opportunamente resi noti attraverso avvisi nelle stazioni ferroviarie, gli organi d’informazione e su questo sito. Sabato 21 luglio, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno proclamato lo sciopero i controllori di volo dell’Enav della maggior parte degli aeroporti italiani. Nello stesso giorno anche il personale di volo e di terra delle compagnie aeree Vueling e Blue Panorama incrociano le braccia.

19/07/2018
Raccolta differenziata, al via la campagna di Cosmari per i turisti

Raccolta differenziata, al via la campagna di Cosmari per i turisti

“La raccolta differenziata non va in vacanza”. Con questo slogan parte la campagna informativa sul sistema di raccolta differenziata adottato dal Cosmari, rivolta a turisti e villeggianti dei tre comuni costieri della provincia di Macerata. Nel corso di una conferenza stampa nella sala della Giunta del Comune di Civitanova, il Cosmari srl ha presentato la consueta campagna estiva di comunicazione, presenti il vicesindaco di Civitanova Marche e assessore alla Rigenerazione Urbana Fausto Troiani, l’assessore all’Ambiente del Comune di Potenza Picena Tommaso Ruffini, Marco Ciarulli di Legambiente Marche e il direttore del Cosmari Giuseppe Giampaoli.Come tutti gli anni, nei mesi estivi verrà distribuito materiale informativo rivolto a tutti coloro che scelgono di trascorre le loro vacanze a Civitanova Marche, Porto Potenza Picena e Porto Recanati. Locandine e depliant con una grafica rinnovata, curata da Katia Fidani per Kbrush, riportano le modalità di conferimento dei rifiuti adottate in ogni singolo comune oltre alle informazioni utili per reperire i sacchetti, gli orari di apertura dei Centri di raccolta, l’ubicazione delle cosiddette “isole estive”, i numeri utili per avere informazioni o per prenotare a domicilio il ritiro degli ingombranti. L’intento, come sempre, delle Amministrazioni comunali e del Cosmari è quello di sensibilizzare i turisti e i villeggianti sul corretto smaltimento dei rifiuti, evitando abbandoni e cercando di preservare sia l’ambiente che l’immagine complessiva delle località balneari. A tutto questo si affianca il “Progetto Mare” che ormai da diversi anni vede Cosmari e gestori degli stabilimenti balneari collaborare insieme per favorire la raccolta differenziata anche in spiaggia. Infatti, tutti gli anni, tra gli ombrelloni, vengono istallati punti di conferimento riservati ai bagnanti per il giusto conferimento differenziato dei rifiuti. Questo progetto, insieme alle alte percentuali della raccolta differenziata sinora raggiunte, contribuisce, insieme ad altri importanti parametri, all’attribuzione della Bandiera Blu.“Per quanto riguarda Civitanova, molto il lavoro è stato fatto. In un anno abbiamo riorganizzato totalmente la parte organizzativa, gestionale e operativa del Servizio comunale – ha spiegato Troiani – e abbiamo trovato molti vantaggi. Dopo le difficoltà iniziali notiamo un netto miglioramento, e siamo molto soddisfatti. La prevenzione è importantissima, ma purtroppo siamo costretti anche ad intervenire con le sanzioni per arginare comportamenti incomprensibili di abbandono dei rifiuti da parte di alcuni cittadini”.“Le Amministrazioni lavorano per promuovere il miglioramento della qualità della raccolta differenziata - ha detto Ruffini - ma anche a favorire la riduzione della produzione dei rifiuti esaltando la pratica del riuso. Diffondere anche le buone notizie è utile per dare messaggi e esempi positivi da poter emulare”.Nei prossimi giorni, Legambiente Marche presenterà anche la nuova campagna promossa dal Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) di carattere itinerante, giunta alla quinta edizione e che viene proposta nei singoli comuni tramite attività ed eventi organizzati da Legambiente. Questa iniziativa si fa carico della volontà di Legambiente, delle aziende e delle amministrazioni direndere i cittadini sempre più attivi, consapevoli dell'importanza di conservare il proprio patrimonioculturale e ambientale per poi trasmetterlo alle generazioni future.“Ricordiamo – ha detto Ciarulli - che Macerata è una delle province più Riciclone d'Italia con una media di raccolta differenziata del 75% e che i Comuni di Civitanova Marche, Potenza Picena e Porto Recanati sono all’avanguardia sia per percentuale di raccolta differenziata che per qualità del servizio con la raccolta porta a porta domiciliare effettuata, a Civitanova e Porto Recanati”.Il direttore Giampaoli ha sottolineato il grande lavoro del Cosmari, un’azienda in continua crescita che dà lavoro a oltre 500 persone. “Il dato della differenziata a Civitanova relativo al mese di giugno si attesta intorno al 72,9%, questo va precisato per mettere a tacere le polemiche inutili. D’esate la costa ha un picco in discesa dovuto al calcolo dello spiaggiato, ma la provincia di Macerata resta la più virtuosa della Regione e questo è un vanto per l’azienda e per gli amministratori”.

19/07/2018
Volley Potentino, esordio in campionato il 14 ottobre in casa con Brescia

Volley Potentino, esordio in campionato il 14 ottobre in casa con Brescia

Nella mattinata di oggi il parco agroalimentare bolognese FICO Eataly World ha ospitato il vernissage del 74° Campionato di Serie A Credem Banca. Nel corso del tradizionale evento contenitore intitolato “La Prima Battuta”, il Volley Potentino ha conosciuto il proprio percorso nel Girone Bianco della Regular Season di Serie A2 Credem Banca. Tra le novità, l’introduzione dei cartellini verdi per “premiare” i giocatori più corretti del torneo. Il provvedimento positivo sarà preso dagli arbitri nei confronti degli atleti che ammetteranno istantaneamente eventuali tocchi a muro in caso di chiamata Video Check. In palio a fine stagione un premio “Fair Play” in denaro da girare in beneficenza. Esordio in Campionato il 14 ottobre 2018 all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche contro la Centrale del Latte Sferc Brescia. A seguire, il 21 ottobre, la trasferta a Santa Croce sull’Arno contro i “Lupi” della Kemas Lamipel. Poi, il 28 ottobre, la sfida tra le mura amiche contro la matricola Conad Lamezia, mentre giovedì 1 novembre capitan Monopoli e compagni andranno al PalaBigi per misurarsi con la Conad Reggio Emilia. I tifosi di Passione Biancazzurra dovranno attendere la settima giornata di andata (18 novembre) per assistere al derby marchigiano casalingo contro Montalbano Arena Macerata, mentre il 17 febbraio 2019 i giovani talenti potentini restituiranno la visita. Il doppio confronto con la corazzata Monini Spoleto è previsto al termine del girone di andata in Umbria (26 dicembre 2018) e all’ultima di ritorno in casa (31 marzo 2019) La reazione di coach Gianni Rosichini: “Non avremo un esordio agevole. Nelle prime giornate ci misureremo subito con squadre ben attrezzate per la categoria. Me lo aspettavo perché abbiamo ereditato un ranking piuttosto basso legato al piazzamento della scorsa stagione. Sarà comunque bello debuttare tra le mura amiche con il sostegno dei tifosi. La prima giornata è sempre particolare. Noi penseremo partita per partita cercando di mettere in difficoltà tutti gli avversari”.    

19/07/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433