di Picchio News

Allo scadere dei '90 minuti la Sangiustese trova il pari contro il Porto Sant'Elpidio

Allo scadere dei '90 minuti la Sangiustese trova il pari contro il Porto Sant'Elpidio

Bel derby davanti ad una buona cornice di pubblico tra Sangiustese e Porto Sant’Elpidio entrambe reduci da una sconfitta nel turno precedente ed entrambe vogliose di ben figurare e trovare subito un pronto riscatto. Il risultato finale sarà la spartizione della posta. Diversi cambi rispetto al solito nelle formazioni messe in campo dai due tecnici. Mengo rinuncia per squalifica (due giornate) all’estremo Gagliardini, schierando Giachetta (scuola Pescara) tra i pali: in avanti a riposo Ruzzier e Mandolesi e la coppia Maio e Cuccù che prova a far male a corollario di una squadra quadrata e coperta. Anche Senigagliesi opta per diverse correzioni al suo undici di base, con Soprano e Patrizi in campo dal primo minuto e il sacrificio di Boschetti e Niane. Prima frazione con gli ospiti in grande condizione atletica e grande splovero: pallino del gioco molto spesso nelle loro mani e diverse occasioni create, anche scoccando il tiro da fuori area, da parte di Miccoli, Maio e capitan Cuccù. Insolitamente guardinghi i padroni di casa che nel corso dei primi 45’ non hanno mai impensierito Giachetta. Il copione sembra ripetersi identico nella ripresa con il Porto Sant’Elpidio subito pericoloso e i rossoblù che cambiano già al 2’st inserendo le forze fresche e la verve di Niane e Boschetti, in luogo di Soprano e Scognamiglio. È sempre la formazione ospite però ad andare vicina al vantaggio con la velocità e le triangolazioni di Cuccù e Maio, che a più riprese esaltano i riflessi di Chiodini. Anche Mengo prova a cambiare qualcosa, inserendo al 20’ st l’enfant du pays Ruzzier per Frinconi. È infine Maio dal dischetto a sbloccare l’equilibrio del match dopo che l’arbitro Mirabella assegna un rigore ai bianconeri per un sospetto mani in area rossoblù. La Sangiustese non riusce a reagire, mentre è Chiodini a tenere a galla i suoi, opponendosi da campione in più riprese a tutti i tentativi ospiti di arrotondare il punteggio. Il calcio toglie, il calcio dà: nei minuti finali, fatali la scorsa domenica, la Sangiustese trova il pari con l’inzuccata vincente di Patrizi su punizione di Pezzotti per l’1-1 finale.   SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini, Zannini (37’ st Romano), Orazzo, Perfetti, Mengoni, Patrizi, Pezzotti, Scognamiglio (2’ st Boschetti), Mingiano (45’ st Doci), Palladini Alessio, Soprano (2’ st Niane). A disposizione: Raccio, Basconi, Ercoli, Cerbone, Manari. Allenatore: Stefano Senigagliesi. P.S.ELPIDIO (4-3-1-2): Giachetta, Morazzini (49’ st Manoni), Tereziù, Nicolosi, Borgese, Monserrat, Fermani (37’ st Mazzieri), Miccoli, Maio (40’ st Marcantoni), Cuccù (28’ st Gelsi), Frinconi (20’ st Ruzzier). A disposizione: Faini, Raffaeli, Mancini, Mandolesi. Allenatore Eddy Mengo. ARBITRO: Sig. Domenico Mirabella della sezione di Napoli. ASSISTENTI: Sig. ri Danilo Giacomini della sezione di Viterbo e Niroy Emilio Gookooluk della sezione di Civitavecchia. RETI: 23’ st Maio (rig), 43’ st Patrizi. NOTE: corner 0-4; ammoniti Patrizi e Romano; recupero 0’ + 4’.

22/09/2019
Spray al peperoncino a Civitanova: sei persone in ospedale

Spray al peperoncino a Civitanova: sei persone in ospedale

L'accaduto è avvenuto intorno alle 6:00 di questa mattina a Civitanova, in un locale di via Duca degli Abruzzi.  Ancora da chiarire l'esatta dinamica di quanto avvenuto anche se sembra che un cittadino extracomunitario abbia cercato di importunare una ragazza di un gruppo di sei persone. A quel punto il gruppo si sarebbe scagliato contro l'uomo. Quest'ultimo, prima di fuggire, ha tirato fuori una bomboletta di spray al peperoncino e l'ha spruzzata contro i sei giovani per poi darsela a gambe. Tutti i ragazzi sono stati trasferiti al pronto soccorso della città rivierasca. Su quanto accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Civitanova.

22/09/2019
Oltre 6000 firme a sostegno di Matteo Salvini, Arrigoni: "Nelle Marche successo straordinario" (FOTO)

Oltre 6000 firme a sostegno di Matteo Salvini, Arrigoni: "Nelle Marche successo straordinario" (FOTO)

“Questo weekend i gazebo della Lega sono stati presi d’assalto in tutte le Marche, con oltre 6000 marchigiani che hanno firmato per sostenere Matteo Salvini contro il Governo delle poltrone e dei servi di Bruxelles! Due giorni per raccogliere idee, consigli e proposte dei cittadini che sono preoccupati e arrabbiati per lo scippo della democrazia ad opera di PD e M5S, e che chiedono alla Lega di far sentire la loro voce”. Così il Senatore Paolo Arrigoni, Questore a Palazzo Madama e Responsabile della Lega nelle Marche. "Nei quasi 80 gazebo, allestiti questo sabato e questa domenica in oltre 50 comuni marchigiani, le firme raccolte sono state più di 6000: un risultato straordinario e che in alcuni momenti della giornata ha visto le code ai gazebo. Merito dei nostri numerosi militanti, che ringrazio e che sono i veri protagonisti di questo successo! - continua Arrigoni -. Aggiungo che il tetto delle 6.000 firme, ben distribuite in tutte 5 le province, sarà ampiamente superato visto le code ai gazebo che resteranno aperti fino al tardo pomeriggio”. “La Lega è maggioranza nel Paese e, dopo lo straordinario successo di Pontida della settimana scorsa, questo weekend tra la gente nelle piazze lo ha dimostrato - conclude il Senatore. -. Sono stati infatti tantissimi i marchigiani che hanno anche deciso di tesserarsi e che aspettano le elezioni regionali per dare il loro contributo nel liberare le Marche dal PD, dalla sua politica clientelare e dai suoi nuovi alleati del M5S . La Lega è pronta!” (In foto il gazebo della Lega a Treia)

22/09/2019
In 100 per festeggiare i cinquantenni di Corridonia

In 100 per festeggiare i cinquantenni di Corridonia

Oltre 100 partecipanti alla festa organizzata per festeggiare i cinquantenni di Corridonia. Sono intervenuti anche coloro che da anni non vivono più in città e non sono voluti mancare a questo meraviglioso momento conviviale. Alle ore 18:00 di ieri è stata celebrata la messa dal parroco Don Fabio Moretti presso la chiesa di Sant'Agostino a Corridonia per poi proseguire con la cena presso l'agriturismo La Colombaia di Appignano. Una serata indimenticabile accompagnata dal Dj Giordano Calvigioni che ha animato in modo divertente coinvolgendo tutti i presenti.

22/09/2019
Porto Recanati, si schianta contro un'auto e scappa: caccia al pirata della strada

Porto Recanati, si schianta contro un'auto e scappa: caccia al pirata della strada

È successo all'alba di questa mattina, intorno alle 6:00, in corso Matteotti a Porto Recanati. Il conducente dell'auto pirata, una Peugeot, probabilmente a causa di una mancata precedenza, ha colpito una seconda auto e la vetrina di un negozio per poi fuggire. L'automobilista colpito ha subito lanciato l'allarme e sono subito arrivati sul posto gli agenti della Polizia Stradale che hanno avviato le indagini per ricostruire quanto accaduto e fare un volto e un nome alla persona alla guida dell'auto fuggita. Nessuna grave conseguenza per l'automobilista colpito.

22/09/2019
Moto2, ottava posizione per Lorenzo Baldassarri sul circuito di Aragon

Moto2, ottava posizione per Lorenzo Baldassarri sul circuito di Aragon

Ottava posizione per Lorenzo Baldassarri che sul circuito di Aragon, questo pomeriggio, è riuscito a scalare tre posizioni dal suo piazzamento di partenza.  Vittoria sul circuito spagnolo per Binder seguito da Navarro e Marquez. Quarto posto per Luca Marini. Per Baldassarri si allontana sempre di più il sogno della vittoria in Moto2, contrariamente a quanto aveva dimostrato all'inizio del campionato.

22/09/2019
Sampaolo (Prima Treia): "Per il Tar Lombardia la giunta Capponi non sarebbe mai dovuta nascere"

Sampaolo (Prima Treia): "Per il Tar Lombardia la giunta Capponi non sarebbe mai dovuta nascere"

“Arrivano conferme indirette che il ricorso di Prima Treia ha tutte le carte in regola per essere accolto il prossimo 2 ottobre quando il TAR entrerà nel merito sull’illegittimità della giunta Capponi e di tutti i suoi atti. In una situazione analoga a quella treiese il TAR Lombardia ha accolto le istanze della minoranza. Confidiamo che, dopo quello calabrese e quello lombardo, anche il TAR marchigiano faccia giustizia restituendo ai cittadini la fiducia nelle istituzioni democratiche e nelle figure che le rappresentano”. Vittorio Sampaolo e il gruppo di Prima Treia hanno accolto con soddisfazione la notizia che il TAR Lombardia ha sospeso la nomina della giunta (e degli atti successivi) effettuate dal sindaco di Tartano, sospeso come il treiese Capponi per una condanna in primo grado per peculato. Le motivazioni della sentenza lombarda richiamano quanto sostiene Prima Treia. Vi si legge infatti che “un sindaco sospeso di diritto difetta di un requisito soggettivo essenziale per continuare a ricoprire l’ufficio pubblico con la conseguente inibizione dall’esercizio delle pubbliche funzioni. Dunque Capponi, sospeso di diritto per la Legge Severino, non poteva fare il sindaco nemmeno per un minuto, figuriamoci nominare la giunta col pretesto che non era ancora stata formalizzata dalla prefettura la sua sospensione." “È chiaro quanto grave che con il suo blitz Capponi ha eluso le norme ed è altrettanto grave che lui ed i suoi scudieri si giustifichino con la continuità amministrativa visto che il Comune di Treia era commissariato da tempo – chiosa Sampaolo -. In Lombardia il TAR ha disposto il commissariamento e la sospensione di tutti gli atti; nelle Marche ha preferito rimandare ogni decisione alla discussione di merito che si terrà il 2 ottobre. Confidiamo che anche qui in regione quanti sono chiamati a esprimersi sulla vicenda garantiscano come sempre i cittadini e le regole democratiche. I treiesi, desiderosi di ritrovare quanto prima la fiducia nelle proprie istituzioni, non devono restare esposti al rischio anche di potenziali danni finanziari per eventuali ricorsi ai provvedimenti illegittimamente assunti”.

22/09/2019
Loro Piceno, la minoranza a Paoloni: "Con le polemiche e le bugie ha vinto le elezioni"

Loro Piceno, la minoranza a Paoloni: "Con le polemiche e le bugie ha vinto le elezioni"

"Con le polemiche e le bugie hai vinto le elezioni; ora governi". Non tarda ad arrivare la risposta della minoranza alla replica del sindaco di Loro Piceno Robertino Paoloni in merito alla nota stampa dell'opposizione sulla scuola Santini. "Il Sindaco continua ad arrampicarsi sugli specchi, dimenticando che, chi ha costruito il successo elettorale sulle strumentalizzazioni, è stato proprio lui. Ma ora governa! E sarebbe bene capisse che, d’ora in poi, verrà giudicato su ciò che fa e su ciò che non fa - il commento della minoranza -. Una scuola o si apre tutta o non si apre. Inoltre è veramente ora di smetterla con le bugie raccontate ai cittadini. Il Sindaco Paoloni non può dire di non aver potuto finire di montare i mobili e allestire gli spazi interni perché doveva finire degli spazi esterni. È arrivato il momento di raccontare la verità e assumersi le proprie responsabilità." "Cominciamo con il dire che mente il sindaco nel dire che non c’erano i soldi per fare le minimali opere esterne. Mente, peraltro, sapendo di mentire visto che lui stesso ha approvato in consiglio delle variazioni di bilancio in cui ha potuto utilizzare oltre 200.000 euro di avanzo libero lasciato dalla precedente amministrazione, per non parlare di 440.000 euro lasciati per la scuola dell’infanzia per gli spazi esterni tra cui la scala di collegamento che funge da uscita di emergenza - replicano i consiglieri Lambertucci e Catalini -. Ricordiamo anche gli oltre 146.000 stanziati dalla struttura commissariale da maggio 2018 per la via papa Giovanni compresi i lavori necessari per le uscite di sicurezza e le vie di fuga per la scuola Santini. Ovviamente la strada non poteva essere realizzata fin quando c’era il cantiere della primaria anche per un discorso di studio e riallineamento delle diverse quote (essendo la scuola diversi centimetri più in basso della strada). E tutti sanno che la ditta ha chiuso il cantiere solo dieci giorni prima delle elezioni. Cominciare a dire che i soldi ci sono sarebbe il primo atto di verità e onestà intellettuale. Oltre tutto lavori per 24.000 euro sono veramente poca cosa per un bilancio come quello di Loro Piceno. Dire la verità significa non insultare l’intelligenza dei cittadini - proseguono -. Il progetto per le opere esterne era stato già concordato con l'architetto Montalboddi con determina n. 299 del 14 dicembre 2018." "Parlando poi della richiesta di contributo e dei soldi che non c'erano per completare le opere esterne, forse il Sindaco deve chiarirsi un pò meglio con il responsabile dell'Ufficio Tecnico, in quanto la richiesta del contributo era stata suggerita ai primi di maggio dai tecnici della struttura commissariale, proprio negli incontri propedeutici per l'apertura della scuola, e il responsabile dell'UTC ne era a conoscenza (ci sono e- mail che lo provano!). Il Sindaco ha semplicemente preso il testimone e continuato un’attività pressoché completata da chi c’era prima" continuano i due consiglieri." "La polemica sterile fatta dall’attuale Sindaco sull'inaugurazione della mensa e il successivo sequestro ci dà l’occasione di ricordare che il Sindaco Catalini fu giudicata e prosciolta per non aver commesso il reato, mentre ammisero la colpa, pagandone la conseguente sanzione, il Responsabile dell'Ufficio Tecnico e il Responsabile della Sicurezza. Quindi la responsabilità NON era certo dell’allora Sindaco Catalini come accertato dalla Procura - osserva la minoranza -. Siamo felici che si stia programmando l'inaugurazione per i prossimi mesi, speriamo che per quel giorno venga predisposto tutto il materiale, si dia ai bambini la possibilità di adoperare i laboratori, ma soprattutto si renda fruibile l'ascensore che ad oggi, contravvenendo al più basilare dei principi sulle normative per l’abbattimento delle barriere architettoniche, è curiosamente inutilizzabile. Speriamo che sia lui a questo punto a stare tranquillo e che non valga il vecchio detto per cui spesso ad alzare la voce è proprio chi ha più da temere." "Vorremmo precisare - conclude Rocco Tirabasso Capogruppo di LavoriAmo per Loro Piceno - che i bambini non vengono strumentalizzati, i bambini sono l’unica vera ragione per la quale tutto questo è stato fatto. È che proprio in un ambito come questo che la perenne propaganda di Paoloni è oramai diventata insopportabile. Dimostri di fare più di quanto gli è stato lasciato ora che ha occupato l’ambita poltrona e lasci un Comune con un bilancio pieno di risorse come lo ha trovato."

22/09/2019
Potenza Picena, giardino di via Pesaro intitolato alla memoria del Capitano Pilota dei Carabinieri Fausto Paniconi (FOTO)

Potenza Picena, giardino di via Pesaro intitolato alla memoria del Capitano Pilota dei Carabinieri Fausto Paniconi (FOTO)

Potenza Picena non ha dimenticato. A distanza di 35 anni dalla tragica scomparsa del Capitano Pilota dei Carabinieri Fausto Paniconi, originario della frazione di Montecanepino, l’Amministrazione Comunale ha voluto intitolargli il Parco di via Pesaro, nella zona nord di Porto Potenza Picena. Una iniziativa sentita e partecipata per ricordare il giovane Ufficiale che nel 1984 perse la vita in un incidente aereo mentre era in servizio con il suo elicottero sulle montagne di Pinerolo, preceduta da un progetto di riqualificazione del giardino pubblico che ha visto la sinergia della Giunta Municipale, dell’Ufficio Tecnico Comunale e della compartecipazione della Regione Marche tramite la Consigliere Elena Leonardi. Determinante nell’organizzazione dell’evento la partecipazione dell’Arma dei Carabinieri ed in particolare dell’impegno profuso dal Comandante della Compagnia di Civitanova Marche, Tenente Colonnello Enzo Marinelli. Fausto Paniconi a soli 33 anni era già Capitano e Comandante del Nucleo elicotteri di Volpiano ed era stato collaboratore del Generale Dalla Chiesa negli anni di Piombo. Marito di Emanuela De Luca e padre di Erika, una bimba di soli otto mesi. Un cittadino di cui essere davvero orgogliosi. Fausto era un ragazzo semplice che fin da bambino nella sua frazione, Montecanepino, aveva dato prova di grande generosità verso gli altri con il suo attivismo nella piccola parrocchia. La notizia del disastro aereo dove, insieme a Paniconi, persero la vita altri quattro militari, scosse l’Arma, l’Italia e la comunità potentina tutta. Sabato gli hanno voluto rendere omaggio in tanti. La cerimonia di intitolazione del Parco di via Pesaro alla memoria di Fausto Paniconi, nella quale si sono anche celebrati i 60 anni dalla costituzione della locale Associazione Carabinieri, è stata presieduta dal Sindaco Noemi Tartabini, dal Comandante Provinciale dell’Arma Colonnello Michele Roberti e dal Generale Commissario ANC Tito Baldi Honorati. Erano, inoltre, presenti il Questore di Macerata Antonio Pignataro, il Tenente Colonnello del Corpo Forestale Carabinieri Simone Di Donato, il Comandante dell’Ufficio Locale Marittimo di Civitanova Tenente di Vascello Giuliano Gentilini, il Comandante della Guardia di Finanza di Civitanova Capitano Tiziano Padua, il Comandante della Polizia Locale Tenente Anna Mercuri, il Luogotenente della 114esima Squadra Radar dell’Aeronautica Militare Vincenzo Tammaro, i Comandanti delle Stazioni Carabinieri di Potenza Picena Luogotenente Massimiliano Del moro e di Porto Potenza Picena Maresciallo Alessio Alberigo nonché i rappresentanti della Protezione Civile, Croce Rossa ed Associazioni Combattentistiche e d’Arma. Hanno preso parte alla cerimonia anche gli studenti della Primaria dell’Istituto Comprensivo “Raffaello Sanzio”. Per onorare il Capitano Pilota Paniconi è giunto sul posto un elicottero dei Carabinieri del Nucleo di Pescara, atterrato nel vicino campo sportivo, visitato dagli studenti e dalla cittadinanza intervenuta.

22/09/2019
Seconda Categoria: l'Atletico Macerata batte la Pennese per 3-2

Seconda Categoria: l'Atletico Macerata batte la Pennese per 3-2

Esordio casalingo e prima storica vittoria in Seconda Categoria per l’Atletico Macerata che supera la Pennese per 3-2 al termine di una sfida rocambolesca che ha visto emergere un solo involontario protagonista: la direttrice di gara, Marinozzi di Fermo. Due espulsioni dal campo e altrettante dalla panchina, tre calci di rigore assegnati e un livello complessivo della conduzione di gara contestato da entrambe le formazioni. La cronaca Subito pericoloso l’Atletico Macerata con Firmani che raccoglie la palla nel cuore dell’area di rigore, ma viene contrastato in calcio d’angolo. Al 6’ cross di Feliziani per Firmani che cicca clamorosamente la sfera, la retroguardia pennese libera in fallo laterale. Dalla rimessa Lombi guadagna il fondo e mette in mezzo un gran rasoterra sul quale si avventa ancora Firmani, con movimento felino anticipa tutti e fa 1-0. Al 18’ Dembele approfitta di un disimpegno imprudente dell’Atletico e lascia partire un tiro di punta dal limite dell’area di rigore che costringe Gattari agli straordinari. Al 30’ raddoppio Atletico: Zerani lancia in profondità Lombi che scatta sul filo del fuorigioco e una volta di fronte a Natalucci lo batte con un gran destro a incrociare. Al 40’ cambia completamente la partita quando la sig.ra Marinozzi estrae un rosso diretto nei confronti di Ortenzi tra l’attonito sbigottimento dei 22 in campo. Padroni di casa in vantaggio 2-0 ma con l’uomo in meno e più di un tempo da giocare. A una manciata di secondi dalla fine della prima frazione di gioco Lombi sbilancia Iacoponi che frana addosso a Cirilli, tutti giù per terra e calcio di rigore per la Pennese. Lo stesso Iacoponi dal dischetto, Gattari spiazzato. Squadre al riposo sul 2-1. Nella ripresa l’Atletico soffre, ma non rinuncia ad attaccare e al 58’ ha una grande occasione con Firmani, brillantemente imbeccato da Trifiletti, ma il sinistro è debole e Natalucci blocca senza troppa difficoltà. Al 69’ Atletico Macerata in nove: Cirilli salta col braccio largo, secondo giallo e doccia anticipata. Pennese all’arma bianca e padroni di casa asserragliati nella propria metà campo a difesa del vantaggio. All’84’ ci prova Paoletti, il suo destro, deviato, finisce di pochissimo a lato. Dagli sviluppi del corner incorna Finucci e Gattari si salva nuovamente in angolo. All’86’ crollano le barricate degli uomini di Cencioni: ingenuità di Feliziani che si fa scippare il pallone al limite della propria area di rigore, tentativo di recupero in scivolata che non trova la sfera e c’è ancora una massima punizione per la Pennese. Iacoponi cambia angolo, ma il risultato è lo stesso del primo tempo. 2-2. Al 90’, con la Pennese sbilanciata in avanti alla ricerca dei 3 punti, Gattari rilancia profondo e pesca Mancini che si invola affannosamente verso l’area avversaria, Paoletti tenta un recupero disperato, offrendo l’occasione perfetta per una compensazione da manuale che viene puntualmente colta da Marinozzi. Terzo rigore di giornata, dal dischetto Catalano, destro sotto l’incrocio e Atletico di nuovo in vantaggio. 3-2. Nel primo dei sei minuti di recupero arriva l’ultimo sussulto della partita con Giacinti che sfiora il pari con un sinistro al volo che non inquadra lo specchio di un nonnulla. ATLETICO MACERATA: Gattari, Cirilli, Feliziani, Gigli, Ortenzi, Staffolani, Mancini, Lombi (84’ Miglietta), Firmani (66’ Fratini), Zerani (46’ Lucentini) (53’ Rocchi), Trifiletti (69’ Catalano). All.Cencioni PENNESE: Natalucci, Paoletti, Antognozzi, Biondi (76’ Ciccioli), Morbidelli, Finucci, Bottoni, Dembele, Santoni (76’ Giacinti), Iacoponi, Viozzi. Direttore di gara: Marinozzi di Fermo Ammoniti: Finucci (PSG); Staffolani, Fratini, Catalano (AM) Espulsi: Ortenzi e Cirilli (AM) Spettatori: 150 ca.

22/09/2019
Macerata, Luca e Rosanna sposi alla biblioteca Mozzi Borgetti (FOTO)

Macerata, Luca e Rosanna sposi alla biblioteca Mozzi Borgetti (FOTO)

Oggi Luca Specoli e Rosanna Ciarlantini si sono uniti in matrimonio alla presenza del consigliere comunale Deborah Pantana, che ha officiato il rito civile alla biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata. Insieme ad amici e parenti, la coppia festeggerà presso il Verde Caffè il grande giorno. La redazione di Picchio News si unisce agli auguri per Luca e Rosanna. 

22/09/2019
Paoloni Macerata, primo test match contro l'Integra Edotto Foligno

Paoloni Macerata, primo test match contro l'Integra Edotto Foligno

Una discreta Paoloni Macerata, quella scesa sul taraflex della Marpel Arena, nel primo allenamento congiunto con l’Integra Edotto Foligno, inserita anch’essa nel Girone E del Campionato Nazionale di Serie B. Coach Bernetti ha provato diverse soluzioni nell’arco della serata schierando tutta la rosa a sua disposizione: nonostante il carico di pesi in palestra, dovuto alla ripresa dell’attività dopo la pausa estiva, dal training con la formazione umbra sono usciti buoni spunti su cui puntare nel corso della stagione ed allo stesso tempo qualche lacuna su cui, invece, lavorare maggiormente da qui in avanti; c’è già una buona alchimia di squadra ed una cosa positiva da annotare è stata la voglia di non mollare mai che ha contraddistinto il team di casa in questo allenamento. “È stato un allenamento molto utile”, dichiara capitan Tobaldi “considerando il fatto che abbiamo iniziato da poco la preparazione, tale test è servito per capire su cosa dobbiamo migliorare come ad esempio la correlazione del muro-difesa e la gestione dell’attacco. Abbiamo fatto delle buone cose da cui possiamo partire che però son state intervallate da svariati errori che dovremmo imparare ad eliminare; tuttavia ciò ci può stare perché siamo davvero alle prime settimane di allenamento. Un’altra cosa importante che abbiamo colto da questo test è che bisognerà lottare palla su palla ad ogni partita per riuscire a centrare a fine stagione il nostro obiettivo di una tranquilla salvezza." La prossima settimana la Paoloni Macerata scenderà nuovamente in campo per un altro allenamento congiunto: venerdì 27 Settembre, con inizio riscaldamento fissato alle ore 20:15, la squadra maceratese ospiterà la U.S. Volley ’79 Civitanova Marche, militante nel Campionato Regionale di Serie C. Tre giorni dopo ultimo allenamento congiunto casalingo in questo precampionato per i ragazzi di Bernetti che accoglieranno, sempre dalle ore 20:15, la GoldenPlast Civitanova Marche, la quale disputerà il Campionato Nazionale di Serie A3. Prima dell’esordio di Lucera ancora due training in trasferta per i biancorossi che si recheranno prima al PalaBellini di Osimo venerdì 4 ottobre ospiti dalle ore 20:00 della La Nef Osimo di coach Masciarelli e poi al PalaVolley Santa Maria di Pineto, sabato 12 ottobre con inizio riscaldamento fissato alle ore 16:45, ospiti del BlueItaly Pineto dell’ex Giovanni Provvisiero.  

22/09/2019
Camerino, Festa della Laurea 2019: oltre 400 studenti in Agorà (FOTOGALLERY)

Camerino, Festa della Laurea 2019: oltre 400 studenti in Agorà (FOTOGALLERY)

Sabato 21 settembre l'Agorà del Campus universitario di Camerino è stato gioiosamente invaso dagli oltre 400 studenti laureati nell'anno accademico 2017/2018. La cerimonia di consegna delle pergamene di laurea ha interessato le cinque Scuole che caratterizzano l'offerta didattica d’Ateneo: Architettura e Design, Bioscienze e Medicina Veterinaria, Giurisprudenza, Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, Scienze e Tecnologie.  Le pergamente sono state consegnate direttamente dal Rettore Claudio Pettinari. Presenti all'evento anche il Pro Rettore vicario Graziano Leoni, i Pro Rettori Andrea Spaterna e Luciano Barboni, i Direttori delle Scuole d’Ateneo, e il Direttore Generale Vincenzo Tedesco. Ad animare la giornata anche i free style del rapper Moreno, grande ospite della giornata, che ha dedicato la sua performance a tutte le laureate e i laureati dell'Ateneo camerte.  L'apertura della cerimonia è stata affidata al Coro Universitario-cappella Musicale del Duomo di Camerino, diretto dal maestro Luciano Feliciani. Tra i brani eseguiti anche il “Gaudeamus Igitur”. Di seguito la fotogallery completa della "Festa della Laurea":     

Monte San Giusto, auto finisce in una scarpata: tra le sei persone a bordo anche una bambina (FOTO)

Monte San Giusto, auto finisce in una scarpata: tra le sei persone a bordo anche una bambina (FOTO)

L'incidente è avvenuto intorno alle 9:30 di oggi, in via Macerata, a Monte San Giusto lungo il tratto stradale che conduce al centro cittadino. Per ragioni ancora in corso di accertamento, un'auto modello station wagon è finita fuori dalla carreggiata terminando la propria corsa in una scarpata. A bordo vi erano sei persone di origine straniera, tra cui una bimba di 3 anni.  Sul posto sono prontamente intervenute diverse ambulanze ed è anche stato richiesto l'intervento dell'elisoccorso da Ancona. Fortunatamente le condizioni degli occupanti del veicolo non sono state tanto gravi da richiederne l'utilizzo, quindi l'elivelivolo è tornato verso la base senza nessun paziente caricato a bordo.   I feriti sono stati trasportati in ospedale tra Macerata e Civitanova Marche per accertamenti, ma nessuno di loro fortunatamente è grave. Presenti anche i Vigili del Fuoco e la Polizia stradale per i rilevamenti del caso.   

22/09/2019

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433