di Picchio News

Maceratese in trasferta a Santarcangelo: pagano gli "Amici della Rata"

Maceratese in trasferta a Santarcangelo: pagano gli "Amici della Rata"

Le spese per la trasferta della Maceratese a Santarcangelo di Romagna, l’ultima della stagione regolare, saranno pagate dall’associazione “Amici della Rata”. La squadra dunque continua ad andare avanti grazie ai contributi dei propri tifosi. Nonostante in settimana sia stato ufficializzato il passaggio di proprietà da Filippo Spalletta a Claudio Liotti. Cambiano gli attori insomma, ma la sostanza è sempre la stessa.    “Un presidente che acquista una squadra e non si presenta la dice tutta – fa Federico Giunti – Di cosa vogliamo parlare? Quello che dovevamo dire l’abbiamo scritto nel comunicato, c’è poco da aggiungere. Non mi va di commentare questa pantomima che va avanti da mesi. Non è una situazione credibile. Oramai siamo arrivati, la partita del 7 maggio con il Venezia è vicina, poi seguiremo le sorti della Maceratese come persone interessate dei fatti, ma distaccate. Speriamo che ci siano persone con la coscienza pulita, a posto, e che riescano a sistemare le cose”.    Ieri sera a Macerata c’è stata una cena alla quale hanno partecipato gli avvocati Gabriele Cofanelli e Fabrizio Giustozzi, l’imprenditore perugino Giorgio La Cava e Stefano Caira. E’ cosa nota che Filippo Spalletta non ha pagato il dovuto alla vecchia proprietà quando ha acquisito il 95% delle quote della Maceratese e la Tardella può esercitare il diritto di ricompera. Resta questa l’unica via di uscita per dare un futuro al sodalizio biancorosso e sulla quale si sta lavorando.    “Noi non è che ci fermiamo perché abbiamo raggiunto l’obiettivo salvezza – ha spiegato Giunti, parlando della squadra - Abbiamo il dovere morale, soprattutto nei confronti di noi stessi, di continuare. La Maceratese ha una piccola chance di arrivare ai play off. Dobbiamo provare a vincere domani, non sarà assolutamente facile, anche perché la corsa non è solo sul Santarcangelo, dipende anche da quello che faranno Albinoleffe e Bassano Virtus. Il pareggio non serve a nessuno. Purtroppo abbiamo quattro punti di penalità, pesano su questo tipo di discorso, ma ce li meritiamo tutti come società”.    Cosa hanno tolto alla squadra questi quattro punti di penalità?  “Per i giocatori penso sia stato uno stimolo. Nessuno avrebbe scommesso un centesimo all’inizio dell’anno, tanto più con due giornate di anticipo e quattro punti di penalizzazione. Anche il sottoscritto sarebbe stato scettico. Questo non fa altro che accrescere il merito dei giocatori”.   A Santarcangelo di Romagna darà spazio a qualcuno che ha giocato meno?  “Da qui alla fine giocherà chi è stato impiegato di meno, ma la squadra sarà ugualmente competitiva. Gli undici saranno super motivati per fare bene. Possiamo giocare al massimo anche cambiando qualcosa”.   Che Santarcangelo si aspetta? “Il Santarcangelo ha avuto la stessa tipologia di gioco per tutta la stagione, hanno due riferimenti fisici in attacco, uno in particolare Cori che viene cercato con le palle alte. Sa giocare bene spalle alla porta”.    Oltre a Perna, non saranno disponibili né lo squalificato Gattari, né Petrilli. “Per Petrilli penso che la stagione sia finita. Pensavamo in un recupero più veloce, la risonanza magnetica che ha effettuato ha evidenziato un problema al ginocchio. Non mi va di forzarlo”.    Questi i convocati e la probabile formazione:  MACERATESE (4-3-1-2): 22 Forte; 14 Ventola 5 Marchetti 4 Bondioli 31 Sabato; 20 Mestre 8 Quadri 7 De Grazia; 10 Turchetta; 15 Allegretti 16 Palmieri. A disp. 1 Moscatelli, 2 Gremizzi, 3 Broli, 9 Colombi, 13 Massei, 18 Marcantoni, 19 Malaccari, 21 Bangoura, 23 Franchini, 26 Moroni, 30 Ingretolli. All. Giunti

29/04/2017
Luciano Ruffini è il nuovo presidente del Sermit di Tolentino

Luciano Ruffini è il nuovo presidente del Sermit di Tolentino

Luciano Ruffini, già sindaco di Tolentino per due mandati, è il nuovo presidente dell'associazione Sermit Onlus (Servizio Missionario Tolentino). Nei giorni scorsi si è tenuta l’assemblea dei soci dell’associazione, attiva nello sviluppo di adozioni a distanza e di microprogetti di solidarietà internazionale (India, Uganda, Brasile) e, localmente, attraverso un “Centro di Ascolto”, con azioni di prossimità e contrasto alle situazioni di disagio sociale e di povertà in genere. Ogni due anni la onlus rinnova il proprio direttivo al fine di consentire la rotazione e il rinnovo dei ruoli nell’ambito dell’associazione. L’assemblea ha espresso il proprio apprezzamento per l’azione svolta al direttivo uscente con particolare gratitudine al Presidente Silvano Vellante che ha guidato il Sermit per 4 anni. Si è successivamente proceduto al rinnovo che ha registrato indicazioni per 12 soci risultando nominati  i seguenti componenti: Anna Antonelli, Tarcisio Giuliani, Sante Pascucci, Vincenzo Piccinini, Luciano Ruffini, Silvano Vellante e Giorgio Ventura. Alla prima convocazione del direttivo, si sono registrate le dimissioni, per motivi personali, di Tarcisio Giuliani e il subentro di Paolo Ruggeri. Il direttivo ha quindi indicato nelle persone di Luciano Ruffini e Sante Pascucci il presidente ed il vicepresidente per il mandato biennale che inizia in questi giorni. L’assemblea ha sottolineato l’esigenza di improntare  il mandato all’insegna della concretezza e della vicinanza alle situazioni di povertà e disagio, fortemente aggravate dal perdurare dello sciame sismico e della crisi economica da tempo in atto. "Particolare cura" si legge in una nota "necessita dedicare al sostegno materiale  e all’affiancamento delle situazioni di emarginazione che affliggono le fasce deboli della popolazione, siano esse costituite da nativi locali o derivanti dal massiccio processo migratorio avvenuto negli ultimi decenni e tuttora in atto.   Il benessere socio-economico della popolazione è condizione imprescindibile per il rilancio della città e del suo ruolo territoriale. Sermit Onlus, nel ribadire la propria vocazione a  sostegno delle tradizionali iniziative missionarie internazionali  di ispirazione cattolica, intende confermare la propria  presenza nel tessuto locale offrendo la propria collaborazione alle associazioni ed alle istituzioni territoriali perseguendo percorsi improntati a concretezza e trasparenza che abbiano come obiettivo il contrasto alla emarginazione ed il benessere sociale". Oltre al rinnovo del direttivo, all'ordine del giorno c'erano anche l'approvazione del bilancio consuntivo 2016 e il bilancio preventivo 2017. "Il consuntivo 2016 presenta costi di esercizio per 13.128 €, in calo rispetto al 2015 (17.156 €), i ricavi d’esercizio sono stati pari a 204 €; il disavanzo di gestione ammonta a 12.924 €. In sostanza si è registrata una riduzione sia dei costi (4.027€) sia dei ricavi (236€). Le adozioni a distanza assommano a un totale di 775 (505 in India, 53 in Brasile, 217 in Uganda), con sostanziale mantenimento, nonostante le rinnovate difficoltà economiche e “sismiche”. Le erogazioni complessive nel 2016 ammontano a 165.241€ di cui il 7,6% a sostegno di situazioni locali e 92,4% a sostegno degli interventi internazionali. Il Centro di Ascolto ha incontrato 250 persone in 450 sessioni. Ha curato la distribuzione di circa 1700 pacchi di aiuti alimentari nei confronti di 300 beneficiari (30% italiani, 70% immigrati); prodotti alimentari per l’infanzia sono stati erogati a 20 famiglie. Sono state evase, parzialmente o totalmente, 230 richieste di vestiario. Sono stati compiuti 70 interventi di sostegno economico (affitti, buoni pasto, utente, spese mediche). Preventivo 2017 Continuano ad affluire offerte finalizzate a specifici progetti, nel ringraziare i benefattori ci si augura che le persistenti difficoltà delle nostre comunità consentano comunque il sostanziale mantenimento degli impegni preventivati per un ammontare complessivo di 137.000€. Per la copertura delle spese vive dell’associazione è previsto un fondo di accantonamento per un ammontare di 13.000€. L’Assemblea pone l’accento sulla delicatezza della fase socioeconomica che il comprensorio tolentinate e dell’alto maceratese, in genere, stanno affrontando. Sono all’evidenza generale l’aggravamento delle situazioni di disagio ed una modifica delle composizione delle richieste di sostegno, attualmente fronteggiate attraverso l’emergenza messa in atto dalla Protezione civile e dalle istituzioni nazionali e locali, successivamente alla crisi sismica dell’agosto 2016. Sermit Onlus partecipa, unitamente alle istituzioni locali (comune, ambito sociale) ed alle principali associazioni di volontariato,  al “Tavolo della Povertà” con l’obiettivo di attuare interventi di presa in carico delle situazioni di marginalità sociale al fine di favorirne il definitivo superamento. E’ evidente come la situazione oggettiva attuale non agevoli  questo auspicato processo di lotta alla povertà ed alla emarginazione sociale".

29/04/2017
Tolentino, Marina Benadduci è il quinto candidato sindaco. Sarà sostenuta da "Tolentino in comune"

Tolentino, Marina Benadduci è il quinto candidato sindaco. Sarà sostenuta da "Tolentino in comune"

“Tolentino in comune” si presenta alle Elezioni Amministrative di Tolentino con il proprio candidato sindaco la prof.ssa Marina Benadduci. "La lista guarda ai movimenti di partecipazione che stanno crescendo in Europa e in Italia" si legge in una nota "caratterizzati dall’unità e dalla collaborazione di individui, associazioni e partiti che si riconoscono a sinistra e sono capaci di mettere in secondo piano le differenze e praticare invece una politica di condivisione per la democrazia e per il benessere dei più deboli contro lo strapotere della finanza, della ricchezza e delle politiche neoliberiste. La lista “Tolentino in comune” presenta la candidatura di Marina Benadduci come risultato dell’impegno di quanti sentono la necessità di proporre un’alternativa reale alle forze politiche in campo in cui molti non si riconoscono più. Marina Benadduci ha accettato la candidatura a sindaco nella convinzione che in questo momento non è possibile tirarsi indietro e che ognuno dovrebbe dare il meglio di sé impegnandosi nei propri campi e con i propri talenti. Quale politica alternativa propone la lista? Quella della democrazia diretta per cui chi governa deve proporre soluzioni dopo aver informato, ascoltato le diverse realtà e i bisogni di una comunità in cui le decisioni non cadano dall'alto, ma siano frutto di condivisione. Quella della trasparenza e del rispetto della persona. Quella che trova soluzioni a favore dell'intera comunità del territorio e non degli interessi di gruppi economici e di potere. Quella che accoglie e non allontana o ghettizza. In questa ottica non intende aderire ad alcun accordo con gli altri candidati alla carica di sindaco nella fase della campagna elettorale, compresa quella del ballottaggio.  “Tolentino in comune” si rifà ai principi fondamentali della Costituzione e dell’antifascismo e per questo si dichiara di “sinistra” senza paura di apparire di parte se essere di parte vuole dire essere dalla parte di chi non ha rappresentanza, di chi soffre per le condizioni economiche attuali che penalizzano i più deboli, dei giovani che non trovano lavoro e sono costretti ad emigrare all’estero, dei migranti che scappano da guerre e privazioni terribili, dei bambini e dei loro diritti alla scuola, alla salute, al gioco perché una società civile deve mettere al primo posto i diritti dei bambini. Si tratta di un progetto politico a lungo termine che si impegna a costruire un presidio democratico e di partecipazione solido e permanente, oltre la scadenza delle Elezioni Amministrative, per opporsi alle lobby e agli interessi privati responsabili del degrado del Centro Storico, dell’erosione del territorio, dell’inquinamento dell’ambiente, della svendita dei beni comuni, della ricchezza creata per incrementare la rendita fondiaria.   In questo momento storico per la città colpita dal terremoto, Tolentino non ha bisogno di grandi opere, ha bisogno di ricostruire un tessuto sociale compromesso, di ritrovare il senso di solidarietà fondamentale per la prossima e lunghissima ricostruzione. Tolentino in collaborazione con gli altri comuni colpiti dal sisma non deve avere una visione miope del proprio presente, ma guardare al ruolo che dovrà avere nel futuro. Per questo “Tolentino in comune” si pone anche come punto di riferimento per i cittadini, le associazioni, i gruppi, i partiti che vorranno condividere questa visione di città e essere disposti a ricostruire faticosamente la partecipazione dei cittadini. La democrazia va ricostruita, sperimentata e realizzata. La lista “Tolentino in comune” ha cercato di unire tutte quelle persone o forze politiche attive a Tolentino che si riconoscono in un diverso modo di fare politica, come servizio e non come carriera. Se questa unità non si è realizzata del tutto è stato perché una cultura del confronto e della capacità di ascolto non è ancora possibile e richiede da parte di tutti un cambio di prospettiva che metta al primo posto il bene della città".

29/04/2017
La protesta degli sfollati sulla costa: "Vengono sparpagliate intere comunità e anche singole famiglie"

La protesta degli sfollati sulla costa: "Vengono sparpagliate intere comunità e anche singole famiglie"

Un gruppetto di terremotati ospiti del camping Holiday a Porto Sant'Elpidio (Fermo) ha dato vita a una protesta davanti all'hotel contro i criteri con cui sono stati individuati i circa 160 sfollati che dovranno spostarsi dal camping in strutture di Lido di Fermo e Marina Palmense per lasciar posto ai turisti che hanno già prenotato. Le casette nelle Marche non ci sono ancora, e circa 400 terremotati alloggiati in 4 camping del Fermano e del Maceratese (sulle 300 strutture che hanno garantito finora la piena ospitalità) dovranno affrontare un ulteriore 'strappo' per chi ha già dovuto abbandonare casa, abitudini, certezze.    Secondo Ludvina Cinti, una dei manifestanti, e i Comitati 'la ri-scossa' e 'la nostra terra trema, noi no', componenti della stessa famiglia verrebbero ''mandati in due alberghi diversi, spostano gente con handicap, sparpagliano le comunità penalizzando ulteriormente chi ha ancora un lavoro''. Ai giornalisti vengono mostrate le lettere che la Regione Marche ha inviato ai titolari dei camping chiedendo collaborazione, anche ai nome dei sindaci, e dell'Anci, per ''evitare spostamenti da un luogo all'altro'' e nuovi ''disagi materiali e psicologici'' per persone che hanno già tanto sofferto. L'assessore regionale Moreno Pieroni ieri ha assicurato che ''nessuno sarà forzosamente spostato dal luogo dove attualmente è ospitato'' e che la Regione ''si attiverà per sensibilizzare ulteriormente i titolari delle strutture''. Ma il vicepresidente dell'Unioncamping Toni Montevidoni, che stamani ha incontrato i manifestanti, non ci sta. Sottolinea che tutti i titolari dei camping ''hanno fatto il massimo per garantire in questi mesi accoglienza e supporto agli sfollati, una disponibilità prorogata fino a quando è stato possibile, fuori da ogni obbligo contrattuale e convenzione''.

29/04/2017
Parte il servizio navetta per accompagnare a Visso i lavoratori della Svila

Parte il servizio navetta per accompagnare a Visso i lavoratori della Svila

A sei mesi dal grave sisma che ha colpito il centro Italia, in particolare Umbria – Marche – Lazio e Abruzzo, e che ha sconvolto non solo materialmente il territorio ma ha causato anche danni morali e psicologici, la distanza dalla Valnerina a Visso diventa un’odissea: per i lavoratori Svila andare ogni giorno al lavoro significa affrontare quotidianamente 4 ore di viaggio per 8 ore di lavoro, in km si passa da 30 km di prima ai 160 km di oggi. In attesa che si possa riaprire la strada Valnerina per Visso, unica via possibile per raggiungere le Marche dall’Umbria, è stato da tempo richiesto un servizio "Navetta" che possa servire non solo a questi lavoratori ma anche ad altri cittadini che ne abbiano necessità. Grazie all’impegno delle istituzioni regionali dell’Umbria e delle Marche, e alla disponibilità dell’Azienda Svila ad alleviare i disagi dei lavoratori riunendoli in un solo turno, si è finalmente conclusa la vicenda che darà il via a partire dal 2 maggio al servizio “Navetta”. Questa è la dimostrazione che quando ci sono le volontà si possono risolvere i problemi, anche quelli apparentemente insormontabili. La CGIL dell’ Umbria e delle Marche esprimono piena soddisfazione per il risultato ottenuto, anche grazie al nostro costante impegno, evitando una possibile fuoriuscita volontaria di questi lavoratori da una Azienda importante e indispensabile sia per il territorio marchigiano che umbro. Auspichiamo che le condizioni per il superamento dei disagi dei lavoratori e di tutta la popolazione colpiti sisma, possano verificarsi nei tempi più solleciti, mirando efficacemente nel luogo, al rilancio economico produttivo che merita ed alla ricostruzione del tessuto delle relazioni sociali, trasformando i territori del cratere in punti di eccellenza delle quattro regioni nelle quali sono situati. 

29/04/2017
Allarme buche a Macerata: strade pericolose per le due ruote e per le auto

Allarme buche a Macerata: strade pericolose per le due ruote e per le auto

La segnalazione ci arriva da due motociclisti che denunciano una situazione davvero pericolosa non solo per le due ruote. A Villa Potenza, in via Ghino Valenti, la strada conosciuta come la "lunga" di Macerata, l'asfalto è completamente rovinato e presenta spaccature diffuse di circa 10 centimentri. Le strade sconnesse, che presentano buche in più punti, mettono spesso a rischio l’incolumità di pedoni, automobilisti e soprattutto conducenti di moto, scooter e motorini. Una situazione di pericolo sia per le auto e le moto che rischiano seriamente di riportare danni ma anche per la reale possibilità che c'è di incidenti che metterebbero a  rischio vite umane. Una situazione che resta immutata da lungo tempo. E il Comune che fa? Ce lo stiamo chiedendo anche noi.

29/04/2017
La Fim Cisl e Next a Muccia il primo maggio premiano le aziende sostenibili

La Fim Cisl e Next a Muccia il primo maggio premiano le aziende sostenibili

La Fim e NeXt hanno scelto un modo diverso per festeggiare il primo maggio premiando le aziende sostenibili del territorio e portando solidarietà ad un territorio colpito dal terremoto. Sauro Rossi segretario della Cisl Marche: “L'attenzione della Fim e NeXt a scegliere simbolicamente Muccia per lanciare un messaggio di solidarietà da a questa iniziativa un forte valore simbolico ‬nazionale. Un modo diverso e nuovo per festeggiare e rinnovare lo spirito della 1 Maggio". Marco Bentivogli segretario generale della Fim Cisl : “La Fim è un'organizzazione del "si può fare" che va caccia di buone notizie, perché con il piagnisteo non ha mai cambiato nulla. Siamo a Muccia per premiare la sostenibilità sociale e ambientale delle imprese e portare la solidarietà al territorio.  Le aziende che abbiamo premiato oggi nonostante la situazione le difficoltà del sisma hanno mantenuto alti i livelli di sostenibilità, sono aziende che parlano una lingua diversa quella della consapevolezza del rispetto dei lavoratori e dell'ambiente. Questo Paese ha un gran bisogno di raccontare le buone pratiche e renderle generative. Lo possiamo fare con i superpoteri delle scelte che facciamo come consumatori - riconquistando un rapporto con il mercato che premi la sostenibilità e la partecipazione . C'è un voto non alternativo a quello politico quelli "col portafoglio" che può cambiare il mercato e le scelte etiche delle imprese. Le buone relazioni da sole sono un fattore di successo dell'impresa. Con le forme tradizionali di partecipazione e conflitto non andiamo da nessuna parte: la partecipazione continua dal basso cambia il modo di fare sindacato.  Bisogna premiare le aziende che non si sono omologate alla pratica della sola ricerca del profitto, in cui i lavoratori hanno diritti e che aprono alla partecipazione dei lavoratori.” Sono state queste le parole del segretario generale della Fim Cisl Bentivogli.

Maurizio Cianfrini è il nuovo segretario Psi Marche

Maurizio Cianfrini è il nuovo segretario Psi Marche

Maurizio Cionfrini è il nuovo segretario regionale del Psi. Lo ha eletto il quinto congresso regionale, che si è svolto ad Ancona alla presenza del segretario nazionale socialista Riccardo Nencini. Durante i lavori è stata affrontata la situazione politica regionale. Cionfrini, riferisce una nota, ''ha evidenziato che, a distanza di due anni dalla costituzione della giunta Ceriscioli, ci sia la necessità di un approfondito tagliando della macchina regionale, per verificare le cose fatte e quelle da fare, soprattutto alla luce del terremoto, che ha drammaticamente cambiato le priorità programmatiche''. Secondo Nencini la sinistra riformista dovrà farsi carico in termini unitari delle nuove necessità della società e del mondo del lavoro. Serve, ha concluso, ''una sinistra riformista inclusiva che adotti una riforma elettorale che premi la coalizione e non il partito di maggioranza'' (ANSA).

29/04/2017
Firmato il protocollo d'intesa per la ricostruzione della scuola primaria di Sarnano

Firmato il protocollo d'intesa per la ricostruzione della scuola primaria di Sarnano

A seguito del sisma verificatosi il 30 ottobre 2016 l'edificio ospitante la scuola primaria di Sarnano è risultato gravemente danneggiato e dichiarato totalmente inagibile con classificazione "E", tanto che l'ordinanza del Commissario del Governo per la ricostruzione n. 14 del 16 gennaio 2017, nell'approvare il Programma Straordinario per la riapertura delle scuole per l’anno scolastico 2017-2018, ne ha previsto la sua ricostruzione. Tale ordinanza stabiliva che, al fine di assicurare il pronto avvio delle attività di costruzione degli edifici scolastici, la localizzazione degli stessi avvenisse in aree di proprietà pubblica: il Comune di Sarnano, non disponendo di tali aree, ha così chiesto alla Provincia di Macerata la disponibilità dell'area adiacente il Liceo Scientifico per l'edificazione della nuova scuola elementare. Nel protocollo firmato dal Presidente Pettinari e dal Sindaco Ceregioli si individua il sito ove ricostruire la nuova scuola primaria di Sarnano nella suddetta area di proprietà della Provincia di Macerata, mediante la costituzione di un diritto di superficie in favore del Comune di Sarnano. Il protocollo stabilisce altresì che, per una corretta ed economica gestione degli spazi, la palestra che verrà realizzata nel corpo dell'edificio della scuola primaria venga messo a disposizione dell'adiacente liceo scientifico (che attualmente ne è privo), quando non utilizzata dalla scuola primaria e sulla base delle effettive e reciproche necessità didattiche. Il Sindaco Franco Ceregioli: “Desidero ringraziare il Presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, per la grandissima disponibilità dimostrata nei nostri confronti in un tema così importante come quella della ricostruzione scolastica. Non avendo aree pubbliche ove poter ricostruire la nuova scuola elementare, immediatamente dopo il sisma ho preso contatti con il Presidente Pettinari per prospettargli la possibilità di edificare il nuovo plesso scolastico delle elementari nell'area adiacente il Liceo Scientifico e subito il Presidente ci ha dato la sua massima disponibilità, consentendoci di poter avviare tutte le necessarie procedure per la ricostruzione. Questo protocollo, che troverà seguito nelle deliberazioni dei rispettivi consigli, rappresenta l'esempio di come gli enti locali sappiano dialogare proficuamente tra loro ed essere in grado di dare le giuste risposte alle problematiche del territorio, soprattutto in momenti di grande difficoltà come quello post sisma che stiamo vivendo.”

29/04/2017
Tolentino ricorda fra Mario: il 2 maggio nella basilica di San Nicola

Tolentino ricorda fra Mario: il 2 maggio nella basilica di San Nicola

A undici anni dalla morte di fra Mario Gentili, martedì 2 maggio si terrà a Tolentino, presso il complesso monumentale della basilica di San Nicola, un evento per ricordarlo. Alle ore 17 è previsto il Rosario, alle ore 17.30 il Vespro. Alle ore 18.00 sarà celebrata la messa mons. Giancarlo Vecerrica, vescovo della diocesi di Fabriano-Matelica, con la presenza di padre Luciano De Michieli, padre provinciale degli Agostiniani d’Italia. Alle ore 19.00 verrà presentato il libro dedicato a Fra Mario. Il volume intitolato “Fra Mario, la via della semplicità e della gioia” è stato scritto da padre Marziano Rondina, edito dalla Biblioteca Egidiana, con la prefazione di mons. Giancarlo Vecerrica e la postfazione di mons. Giovanni Scanavino, vescovo di Orvieto-Todi. Fra Mario Gentili era un religioso agostiniano, nato a Colmurano. Ha vissuto e operato nel convento-santuario della basilica di San Nicola a Tolentino esercitando un prezioso servizio di accoglienza di pellegrini e turisti.  

Mauro Guzzini: "Per il futuro delle nostre imprese il collegamento con le scuole è fondamentale"

Mauro Guzzini: "Per il futuro delle nostre imprese il collegamento con le scuole è fondamentale"

Mauro Guzzini presidente della Gitronica è stato recentemente nominato presidente dell'ITS, prestigioso istituto che si occupa di alta formazione post diploma e che ha sede ad Ancona, Pesaro Recanati. Ci spiega le motivazioni che porta un imprenditore ad assumetere un impegno apparentemente così distante dall'industria. "Credo fortemente - dice Guzzioni - che se dalla scuola vogliamo ottenere delle risorse che abbiano quel tipo di formazione che possa servire a sviluppare le nostre imprese, noi imprenditori per primi dobbiamo metterci a servizio della stessa scuola. Un connubiuo che funziona molto bene perché le scuole che abbiamo trovato ci hanno permesso di entrare e indirizzare in maniera fattiva i corsi e renderli di utilità sia per gli studenti che per le imprese". "Se è vero - continua Guzzini - che per una ripresa rapida non c'è una ricetta è altrettanto vero che mettere mano ad una riforma come quella dell'industria 4.0 che adesso diventerà il fulcro dei nuovi corsi che stiamo lanciando, sicuramente aiuterebbe. I corsi che stiamo lanciando infatti, quelli 2017/2018, si basano proprio su questa politica, molto interessante perché permette agli imprenditori di guardare al futuro con investimenti su macchinari e risorse. Fondamentale, comunque, resta il collegamento tra scuola e impresa". 

29/04/2017
Sisma, sono oltre 10 mila le tonnellate di macerie trattate finora

Sisma, sono oltre 10 mila le tonnellate di macerie trattate finora

Sono oltre 10 mila le tonnellate di macerie del terremoto trattate finora presso il Consorzio Cosmari di Tolentino, individuato come Sito di Temporaneo delle macerie provenienti dalle demolizioni di edifici a Tolentino, Pioraco, Castelsantangelo sul Nera, Visso, San Ginesio, San Severino Marche, Pieve Torina. I dati sono stati resi noti durante una visita nell'impianto della relatrice del terzo decreto sul sisma e responsabile nazionale Ambiente del Pd Chiara Braga, che era accompagnata dai parlamentari Piergiorgio Carrescia e Mario Morgoni e dall'assessore regionale all'Ambiente e Protezione Civile Angelo Sciapichetti. La selezione delle macerie consente di recuperare materiali che vengono avviati al riciclo, compresi gli inerti. Un'attività affidata al Cosmari in virtù dell'impiantistica e dell'esperienza maturata nel settore. Sciapichetti ha annunciato che è stato raggiunto un accordo per un'area di stoccaggio delle macerie anche nel comune di San Ginesio (ANSA).

29/04/2017
Appignano, torna la classica Fiera d'Aprile

Appignano, torna la classica Fiera d'Aprile

Il 30 Aprile 2017 torna ad Appignano la classica Fiera d'Aprile: un appuntamento da non perdere, con il mercato che occupa l'intero centro del Paese e ricco di tanti altri eventi pensati per i visitatori e gli appignanesi. In piazza l'Asilo Nido “Gli amici di Pollicino” organizzano una giornata dedicata ai bambini, dalle 10 del mattino alle 18.00, con trucca-bimbi, palloncini e il teatro dei burattini. Sempre in Piazza Umberto I ci sarà per tutto il giorno l'esposizione delle ceramiche . Si potranno poi degustare i legumi che hanno reso celebre il paese. E proprio legato ai Legumi, ci sarà l'evento più importante della giornata: la presentazione della DE.C.O (denominazione comunale di origine) concessa di recente dall’Amministrazione Comunale   al mondo dell’Agricoltura Appignanese,  attraverso l’approvazione del disciplinare di  produzione    “I Legumi di Appignano”. Il progetto cercherà di valorizzare i prodotti locali, di renderli riconoscibili nei confronti del  consumatore finale, garantendone la tracciabilità, la tipicità e qualità attraverso appunto   l’utilizzo del marchio De.Co, Si cercherà di garantire il mantenimento e la migliore diffusione delle tecniche tradizionali integrate alle moderne tecniche conservative e infine di rendere possibile la costituzione di un circuito di qualità locale a cui partecipano oltre i produttori, anche i trasformatori, i ristoratori ed i distributori a vario titolo. E tutto questo grazie anche alla nascita del nuovo progetto Appignano.shop, portale promosso dal Comune di Appignano per mettere in rete le attività commerciali locali.   Tanti eventi interessanti e da non perdere quindi, tutti racchiusi nella cornice della splendida  e interessante Fiera d'Aprile.

29/04/2017
Al via il Master Volley Camp 2017 a Porto Potenza Picena

Al via il Master Volley Camp 2017 a Porto Potenza Picena

È in arrivo l’ottava stagione del Master Volley Camp, il corso estivo di pallavolo destinato ai giovani atleti tra i 10 e i 18 anni di età. Ad organizzarlo, a Porto Potenza Picena, la Volley Potentino, la Volley Lube e la Volley Torresi con il patrocinio della Lega Pallavolo Serie A. Il summer camp tornerà ad animare l’estate marchigiana dal 25 giugno al 22 luglio. A disposizione dei talenti in erba, tecnici e campioni di Serie A di Volley. A valutare i partecipanti, il direttore tecnico del Camp e allenatore del Volley Potentino, Adriano Di Pinto, reduce dalla vittoria dei Play Out di Serie A2 con la GoldenPlast Potenza Picena, il tecnico maceratese ex Lube e Montalbano Massimo Pistoia, campione d’Islanda alla guida dell’HK in Serie A maschile e dominatore anche come secondo allenatore del team femminile nella massima serie, il libero ex Lube Hubert Henno, fresco vincitore della Coppa Cev con il sestetto francese del Tours Volleyball e Giancarlo D’Amico, assistant coach della Cucine Lube Civitanova, già vincitore della Coppa Italia 2016/17 e in lizza anche per agguantare Scudetto e Champions League. Tra gli ospiti, inoltre, il tecnico della LPR Piacenza, Alberto Giuliani, finalista dei Play Off Challenge in SuperLega UnipolSai. Una chance di proseguire l’attività sportiva anche d’estate in un clima di socializzazione e vacanza. Le attività si svolgeranno al PalaPrincipi di Porto Potenza Picena e nel campo polivalente del Natural Village, ma non mancheranno allenamenti di beach volley. Due le offerte: formula Full Camp con pernottamento al Natural Village e quella Day Camp senza pernottamento, ma con la possibilità di allenarsi insieme ai ragazzi della formula “Full” e di usufruire di tutti i servizi offerti dal Natural Village nell’arco delle giornate.  “Lavorare con i giovanissimi d’estate è un modo per riassaporare la vera essenza della pallavolo. Nei camp vedo la gioia e il piacere di giocare unite alla voglia di imparare e perfezionarsi" ha detto il tecnico della GoldenPlast Potenza Picena e direttore tecnico del Master Camp, Adriano Di Pinto. "Lo scorso anno - ha proseguito - ho vissuto un passaggio del testimone al fianco di Gianluca Graziosi e quest’anno sarò al corso come direttore tecnico per seguire gli iscritti insieme a tanti personaggi di spicco della pallavolo di vertice in un momento storico in cui la regione Marche è tornata a essere un polo importante della pallavolo italiana”. Le modalità di iscrizione, da perfezionare entro il 30 maggio 2017, il calendario e i costi si possono trovare su www.sport-service.biz, ma è anche possibile contattare l’indirizzo di posta elettronica info@sport--service.biz e i numeri 347/1342014, 0733/813587 e 393/5980312. 

29/04/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433