di Picchio News

Servizio civile: all'UICI di Macerata, ultimi giorni per candidarsi

Servizio civile: all'UICI di Macerata, ultimi giorni per candidarsi

E' quasi scaduto il tempo per le candidature al Servizio Civile Nazionale, c'è tempo fino a lunedì per presentare le domande. L'Unione Ciechi e Ipovedenti di Macerata ospiterà quattro volontari di età compresa tra i 18 e i 28 anni per un anno. Le attività vanno dall'accompagnamento all'aiuto in segreteria, all'assistenza alle attività di formazione e molto altro.  Le domande vanno presentate a mano, via PEC o con raccomandata A/R entro le 14:00 di lunedì 26 giugno.  La sergreteria UICI Macerata resterà eccezionalmente aperta venerdì pomeriggio per permettere ai candidati di presentare le proprie domande.  Vai sul sito www.uicmc.it per consultare il progetto e scaricare la documentazione! Requisiti e regolamento su www.serviziocivile.gov.it  

23/06/2017
Accoglienza e integrazione: a Recanati si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato

Accoglienza e integrazione: a Recanati si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato

Anche a Recanati si è celebrata la giornata mondiale del rifugiato indetta  dalle Nazioni Unite per commemorare l’approvazione nel 1951 della convenzione relativa allo statuto dei rifugiati da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che ha come obiettivo la sensibilizzazione sulle condizioni di milioni di rifugiati che lasciano la propria terra natale a causa di persecuzioni razziali, conflitti ed estrema povertà. "Questa giornata ci spinge a riflettere e ad evidenziare la coerenza con i valori della nostra Costituzione, lontani da un approccio indifferente ed ostile ma bensì aperti all’accoglienza e all’integrazione" ha sottolineato l'Assessore alle politiche sociali Tania Paoltroni nel corso dell'evento che si è svolto presso i locali di Villa Colloredo Mels che ospita il museo della storia dell'emigrazione marchigiana nel mondo. Un pubblico attento e partecipe ha fatto da cornice allo spettacolo Itaca organizzato dal GUS all’interno del progetto  Pomerium Recanati. La rappresentazione ha ripercorso  un pezzo di storia vissuta dai nostri connazionali durante l’immigrazione verso l’America. La serata è stata inaugurata da una visita con annessa guida al museo dell'emigrazione. Ospiti  sia i ragazzi dello sprar (seconda accoglienza) che quelli del cas di Recanati (prima accoglienza) tutti coinvolti nel momento conviviale offerto dall'associazione altra eco che ha chiuso le celebrazioni. "Il tema dell’esigenza di accoglienza dei profughi è oramai un dato stabile e non può più essere gestito in modo solo emergenziale, a scapito dei territori; per questo la risposta politica deve saper coniugare ordine e controllo del territorio con i doveri di accoglienza" ha detto Tania Paoltroni. "L’Amministrazione comunale di Recanati, così come ANCI, è fermamente convinta della necessità di organizzare in Italia un sistema di accoglienza ed integrazione sostenibile, programmato, equilibrato e diffuso, dei richiedenti asilo e rifugiati, a livello regionale, provinciale e comunale. Il coinvolgimento di tutti i Comuni italiani sarebbe un esempio per gli altri paesi europei e consentirebbe di gestire un fenomeno così complesso garantendo al contempo ordine e controllo del territorio e percorsi reali di integrazione". Il Comune di Recanati nel 2016 ha aderito alla rete dello SPRAR con il progetto biennale “Pomerium”, tutt’ora attivo, destinato all’accoglienza di 20 beneficiari della categoria “ordinari” (uomini, maggiorenni, titolari o richiedenti protezione internazionale, titolari permesso umanitario) e gestito dall’Associazione G.U.S. di Macerata. L'obiettivo è quello di entrare in un sistema pubblico di accoglienza che prevede il diretto coinvolgimento degli attori locali, del terzo settore e della comunità locale nonché la possibilità di disporre di fondi, reti, assistenza e interventi che vanno a vantaggio di tutto il territorio, con regole certe e trasparenti di monitoraggio. A ciascuna delle persone accolte è garantito per un periodo di 6 mesi il complesso dei servizi relativi all'accoglienza e materiale; mediazione linguistica-culturale;  orientamento e accesso ai servizi del territorio;  formazione e riqualificazione professionale; orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo; orientamento e accompagnamento all’inserimento abitativo; orientamento e accompagnamento all’inserimento sociale; orientamento e accompagnamento legale; tutela psico-socio-sanitaria.  (oltre ad attività di aggregazione e integrazione con la comunità locale). "L’accoglienza a Recanati è stata strutturata in maniera “diffusa”, cioè in appartamenti affittati a privati (non in un’unica struttura) distribuiti nel territorio sebbene sempre in luoghi serviti e di facile accesso al centro, così da promuovere l’integrazione ed evitare situazioni ghettizzanti. I beneficiari hanno inoltre potuto partecipare a tirocini lavorativi, corsi di formazione, corsi di lingua, attività di aggregazione e integrazione promosse insieme alle realtà associative locali" conclude l'Assessore alle politiche sociali di Recanati. "L’esperienza si è rivelata positiva, non si sono evidenziate situazioni di problematicità per la comunità locale che invece ha potuto beneficiare di occasioni di costruttiva convivenza e interscambio culturale oltre che di un beneficio economico collegato al fatto che  molte delle spese del progetto (affitto degli alloggi, acquisto di vitto, materiali  etc…) vanno direttamente a vantaggio dell’economia locale. E’ importante inoltre evidenziare che, grazie alla “clausola di salvaguardia” stipulata con il Ministero dell’Interno, gli enti locali che attivano progetti di accoglienza SPRAR con i numeri previsti dal Piano Nazionale di ripartizione saranno resi esenti dall’attivazione di ulteriori forme di accoglienza (CAS Centri di Accoglienza Straordinaria) sul proprio territorio, mettendosi quindi al riparo da invii massivi e non concordati".  

Spiazzati!: la cittadinanza attiva porta il verde in città

Spiazzati!: la cittadinanza attiva porta il verde in città

Dopo tante iniziative di buona cittadinanza (Il vicolo che non c’è, Il pranzo condiviso, Evento Avvento,..), SPIAZZATI!, piattaforma collaborativa di cittadinanza attiva propone, a partire da questa settimana, il verde in città. Il verde e la natura sono temi che ci trovano tutti d’accordo; in casa e fuori le piante ci sostengono nella qualità dell’aria che respiriamo e nell’umore. Partendo da Piaggia della Torre Spiazzati! propone, grazie alla collaborazione gratuita di alcuni vivaisti, l'allestimento di angoli verdi in città e invita tutti i cittadini a sposare la causa per rendere più bello e vitale il centro storico, la scommessa è quella di stimolare il decoro e la bellezza, a cominciare dagli angoli più suggestivi del nostro centro storico. Piantala!" è un invito a coltivare negli spazi privati e pubblici piante, fiori e piccoli orti urbani (balconi, davanzali, ingressi, giardini interni) e contemporaneamente di prendersi cura degli allestimenti condivisi. Con la coordinazione di Francesca Tesei (garden designer), verranno allestite alcune aiuole di verde e fiori con la collaborazione di Stefania Serini dei Vivai Serini Mario di Piediripa, Marco Santinelli della Floricoltura Santinelli di Macerata, Giovanni Orlandi de L'Agrotecnica di Piediripa, Giovanni Marziali di Garden 78 Ripe San Ginesio, la Meridiana di Macerata, Paolo Raschioni con le sue Fioriere dei Monti Azzurri. L'iniziativa è in evoluzione ed è aperta a tutti, in uno spirito di sana competizione per rendere più bella la nostra città. Piaggia della Torre, percorso preferenziale tra le due piazze principali, verrà allestito con aiuole di verde e fiori che allieteranno la salita dei cittadini e dei turisti a cominciare da Musicultura e per tutta la stagione estiva visiteranno la città. Queste piccole isole di bellezza prendono forma durante la settimana di Musicultura, con il proposito di mettere radici durante l’estate e propagarsi in tutto il nostro centro storico. Se il verde ci vedrà uniti, la missione di cittadinanza vuole proseguire cercando di aprire almeno per occasioni speciali alcuni dei tanti giardini privati in particolare dentro le mura, oasi di pace e biodiversità che potrebbero favorire altre narrazioni e, pensando in grande, far rivivere nelle prossime primavere le feste dei fiori che orami sono solo ricordi da cartolina Piantala! di sbuffare, criticare e lamentarti; Piantala! perchè quel fiore che metti fuori dal balcone è un segno di gentilezza e amore per la tua città. Per maggiori informazioni visitare la pagina fb Spiazzati

23/06/2017
Centro Nuoto Macerata: grande successo nelle gare di salvamento

Centro Nuoto Macerata: grande successo nelle gare di salvamento

Centro Nuoto Macerata: come te nessuno nelle Marche nelle gare di Salvamento. E’ stato un giugno di straordinari risultati per l’associazione che gestisce la piscina di viale Don Bosco perché, tra Riccione e Civitanova, ha issato i suoi vessilli più in alto di tutti.  Inizialmente la squadra di nuoto per Salvamento l’ha fatto in modo indiretto cogliendo un bel 7° posto assoluto, ma migliore tra le società delle Marche, ai Campionati Italiani Ocean di Riccione. In Romagna gli atleti biancorossi erano in tutto 15 e sono stati grandi protagonisti al punto da centrare ben 14 finali tricolori nelle rispettive categorie. Da ricordare in particolare i due 5° posti di Riccardo Zaffrani Vitali nella specialità bandierine sulla spiaggia e di Edoardo Carletti nello Sprint 90 metri sulla spiaggia. Sempre nello sprint Federika Ciccioli ha chiuso all’8° posto. Tra i top 15 d’Italia anche Maria Chiara Cera, Maria Sofia Sardellini, Marco Marinozzi, Simone Bruzzesi, Riccardo Trivelli e Maria Sara Mirabile.  I ragazzi del CN Macerata hanno poi voluto mettere il punto esclamativo circa la loro superiorità e l’occasione è stata sfruttata nei campionati regionali di Civitanova. In questa circostanza il Centro Nuoto Macerata ha conquistato addirittura 90 medaglie, una vera razzia.  Nello specifico 13 podi sono arrivati dai più piccolini della categoria Esordienti allenati da Giacomo Marinozzi e Nicola Tobaldi. Da segnalare le medaglie d’oro di Simone Greco, Asia Leonori, Angelica Oresti e Chiara Salvucci. Tanti gli allori anche per i più grandi allenati da Franco Pallocchini: nella categoria Ragazzi primo posto per Riccardo Brancadori, Lorenzo Nardelli, Patrizia Palazzini e Silvia Smorlesi, quest’ultima con la soddisfazione del pass per i prossimi campionati Italiani di Roma. Tra gli Juniores oro per Alice Pagnanini, Sonia Sotiri, Nicola e Sara Tobaldi; 5 infine i trionfi nei Cadetti grazie a Simone Bruzzesi, Maria Chiara Cera, Maria Sara Mirabile, Niccolò Fidani e Riccardo Zaffrani Vitali.  A rimarcare la grande spedizione maceratese i risultati ottenuti dalle staffette: tutte a podio, sia le maschili che le femminili, anzi sempre prime quest’ultime con Sonia Sotiri, Beatrice Scocco, Maria Sofia Sardellini, Maria Chiara Cera, Sara Tobaldi e Maria Sara Mirabile. Il presidente della società Mauro Antonini si coccola questa squadra da record e, comprensibilmente molto soddisfatto, guarda speranzoso ai prossimi Campionati Italiani Estivi di Roma, principale appuntamento nazionale del Salvamento.

23/06/2017
Piergiorgio Odifreddi e l'infinito della matematica, per "I giorni de Il giovane favoloso" incontro con il matematico e saggista

Piergiorgio Odifreddi e l'infinito della matematica, per "I giorni de Il giovane favoloso" incontro con il matematico e saggista

Dal 29 giugno al 2 luglio la città di Recanati è In festa con Giacomo, tra musica, spettacoli, balli, incontri con gli autori e tanto altro, dal pomeriggio a notte fonda per “i giorni del Giovane Favoloso” nel nome del poeta Giacomo Leopardi illustre e amatissimo concittadino, su iniziativa del Comune di Recanati e dell’AMAT in collaborazione con Camera di Commercio di Macerata e Centro Studi Leopardiani e Fratelli Guzzini. Dopo l'inaugurazione con le Celebrazioni Leopardiane del 29 giugno alle ore 18 all’Auditorium Centro Mondiale della Poesia e della Cultura “G. Leopardi” con la prolusione del prof. Franco D’Intino al quale verrà consegnato il Premio G. Leopardi” 2017 e lo spettacolo al Colle dell'Infinito alle ore 21,30 con un attore di grande maestria come Giuseppe Pambieri in L’infinito Giacomo diretto dalla regia di Giuseppe Argirò, venerdì 30 giugno il palcoscenico sarà tutto per il matematico e saggista Piergiorgio Odifreddi. L'evento è in calendario nella suggestiva cornice del Cortile di Palazzo Venieri alle 21,30 ed ha come titolo "Infiniti spazi della matematica". L'ingresso è libero. Piergiorgio Odifreddi, nato nel 1950, matematico e saggista, ha studiato matematica in Italia, Stati Uniti e Unione Sovietica, e ha insegnato logica matematica per quarant'anni presso l'Università di Torino, e per venti presso la Cornell University (Usa). È un noto divulgatore che spazia dalla matematica alla filosofia, e dall’arte alla letteratura. Nel 2011 ha vinto il Premio Galileo per la divulgazione scientifica, e i suoi libri divulgativi più noti sono Le menzogne di Ulisse (2004) sulla logica, C'è spazio per tutti (2010) sulla geometria e Il museo dei numeri (2013) sull'aritmetica. Dal 2000 è una delle firme del quotidiano “la Repubblica” e del mensile “Le Scienze”. Partecipa regolarmente come opinionista e polemista a numerose e popolari trasmissioni televisive, quali Porta a Porta con Vespa, Matrix con Mentana, Vinci e Porro, La Gabbia con Paragone e Le storie con Augias. In teatro ha portato nel 2006 lo spettacolo Matematico e impertinente con Selena Khoo, nel 2007 Epta con Nicola Piovani, nel 2008 Intervista impossibile a Galileo con Silvio Orlando, nel 2012 Il mio Lucrezio con Valeria Solarino, e nel 2014 Alice nel paese della matematica con Davide Riondino. È autore di noti best-seller che hanno diviso i lettori tra gli ammiratori e i detrattori, quali Il Vangelo secondo la Scienza (1999), Il matematico impertinente (2005), Perché non possiamo essere cristiani (2007) e Il dizionario della stupidità (2016). Dopo aver scritto un libro in forma di lettera aperta a Benedetto XVI nel 2011, ne ha ricevuto una lunga risposta pubblica, nel 2013, e ha pubblicato con il papa emerito Caro papa teologo, caro matematico ateo (2013), che costituisce l'unico dialogo pubblico della storia tra un papa e un ateo. 

Controra: il vaticanista Aldo Maria Valli presenta "266. Jorge Mario Bergoglio Franciscus P.P."

Controra: il vaticanista Aldo Maria Valli presenta "266. Jorge Mario Bergoglio Franciscus P.P."

Proseguono gli appuntamenti della Controra firmati accordiletterari. Dopo l’ars combinatoria delle parole con Marco Buratti e il confronto sul diritto penale con Carlo Nordio, Liberilibri scombina ancora le carte e propone alla platea maceratese un controverso libro su papa Francesco. Si tratta di "266. Jorge Mario Bergoglio Franciscus P.P." del vaticanista del Tg1 Aldo Maria Valli, un libro che per i suoi accenti critici e polemici nei confronti di papa Bergoglio ha suscitato sin dalla sua uscita qualche mese fa un notevole scalpore sulla stampa nazionale e nelle stanze del Vaticano. Venerdì 23 giugno, alle ore 18.30 nel cortile di Palazzo Conventati, Aldo Maria Valli presenta in anteprima assoluta "266. Jorge Mario Bergoglio Franciscus P.P." insieme ad Ennio Cavalli, con la partecipazione del coro polifonico Crypta Canonicorum. Il giornalista Aldo Maria Valli è vaticanista del Tg1 dal 2007 dopo oltre un decennio al Tg3, dove ha seguito Giovanni Paolo II in circa quaranta viaggi internazionali e ha realizzato diverse edizioni speciali. Laureato in Scienze politiche all’Università Cattolica di Milano, ha lavorato nelle redazioni di alcune testate cartacee e nella Railombarda prima di approdare nella sede nazionale a Roma, ed è autore di numerosi libri sulla Chiesa cattolica e la Santa Sede.

Nuove aule presso fondazione Santo Stefano per i bimbi delle elementari di Porto Potenza Picena

Nuove aule presso fondazione Santo Stefano per i bimbi delle elementari di Porto Potenza Picena

Sono partiti i lavori per la realizzazione delle ulteriori tre aule, con relativi servizi igienici, che il prossimo settembre accoglieranno le classi precedentemente allocate nei locali dell’Oratorio Don Bosco di Porto Potenza Picena. “Come da programma – ha precisato l’Assessore ai Lavori Pubblici Luisa Isidori – sono stati avviati i lavori per concentrare la maggior parte delle classi della Primaria Douhet presso la palazzina della Fondazione Divina Provvidenza – Santo Stefano in via Rossini, dove, peraltro erano già state trasferite la maggior parte delle classi fin dallo scorso mese di gennaio a causa dei noti problemi di vulnerabilità sismica del vecchio plesso”. Delle 18 classi necessarie a soddisfare le necessità didattiche delle elementari di Porto Potenza Picena, ben 12 troveranno posto nei due piani della Fondazione, gentilmente concessi in uso prima dal Presidente Antonello Rosali e quindi ribaditi dall’attuale Presidente Mario Ferraresi, mentre le 6 classi già allocate nella struttura della Scuola Media Sanzio resteranno nel Plesso di Viale Piemonte.

Civitanova, la confessione di Ghio a Corvatta: "Vi avremmo votato lo stesso" -VIDEO

Civitanova, la confessione di Ghio a Corvatta: "Vi avremmo votato lo stesso" -VIDEO

Come se non bastassero le reazioni, anche pesanti, dei sostenitori della controparte dopo l'accordo di Ghio con il sindaco uscente, sulla campagna elettorale civitanovese piombano come macigni le parole che l'ex candidato civico ha pronunciato al termine della riunione fiume con Corvatta ed i suoi fedelissimi dell'altro giorno: "una scelta peraltro che vi confesso era già stata fatta [...] era una scelta fatta e ci confessiamo, vi avremmo votato lo stesso".  

23/06/2017
Sognando Shakespeare: in scena a Treia il progetto di Valentina Escobar

Sognando Shakespeare: in scena a Treia il progetto di Valentina Escobar

Apertura prevendita a prezzi eccezionalmente agevolati per tutti dello spettacolo “Sognando Shakespeare ” in scena il 1 luglio alle ore 21 al Teatro Comunale di Treia con la regia e drammaturgia di Valentina Escobar, vincitrice del Primo Premio per il Teatro Internazionale Arlex 2016 e giovani interpreti marchigiani patrocinato dalla Città di Treia. Il Progetto Shakespeare dell'apprezzata regista e coreografa Valentina Escobar, già nota al pubblico operistico marchigiano per le sue coreografie della celebre “Traviata degli specchi” con la regia del M° Henning Brockhaus prodotta dallo Sferisterio di Macerata (che continua a conquistare pubblico e critica di tutto il mondo) e vincitrice del Primo Premio per il Teatro al festival internazionale Arlex dedicato a “giovani talenti europei”, dopo gli evidenti successi a Piacenza e Milano dove è stato realizzato con la collaborazione di Teatro Gioco Vita- Stabile di Innovazione di Piacenza e il Teatro Litta- Teatro Stabile di Innovazione di Milano, festeggia la sua sesta edizione con un nuovo spettacolo eccezionalmente anche al Teatro Comunale di Treia dal titolo “Sognando Shakespeare” da lei diretto dedicato ad alcuni interessanti aspetti della vita dell'attore, autore e poeta inglese e ad alcuni suoi capolavori che vedrà protagonisti giovani interpreti marchigiani della Provincia di Fermo e Macerata. Lo spettacolo “Sognando Shakespeare” realizzato con il patrocinio della Città di Treia andrà in scena sabato 1 luglio alle ore 21 al Teatro Comunale di Treia a un prezzo scontato per tutti a 8 euro per permettere anche alle famiglie con difficoltà economiche di assistervi come concordato con la regista e l'Amministrazione Comunale credendo nell'importanza della funzione sociale e culturale del Teatro. La regia e la drammaturgia saranno di Valentina Escobar, I costumi della stessa e della Sartoria Arianna di Corridonia e la parte tecnica sarà curata da Teatro Service. Nello spettacolo scritto e diretto da Valentina Escobar Susannah ( Sofia Trapanelli) , la figlia maggiore di William Shakespeare, conduce lo spettatore all'interno di un sogno poetico e teatrale ridando la vita al Grande Bardo grazie al suo amore di figlia, facendo emergere alcuni aspetti biografici famigliari e teatrali dell'attore, drammaturgo e capocomico, padre, marito ed eterno ragazzo che amava le donne più grandi di lui , attraente e completamente dedito al teatro, con il bisogno dell'essere umano di tutti I tempi di amare e l'amore del pubblico stesso nei confronti del poeta inglese immortale come lo sono i suoi capolavori. Susannah svolge un ruolo fondamentale nella struttura drammaturgica di Valentina Escobar : è infatti una guida teatrale e sognante per il viaggio immaginario e armonico all'interno di alcuni capolavori shakespeariani. Protagonisti insieme al teatro, alla poesia e alle grandi passioni shakespeariane saranno Ambra Borgiani, Lorenzo Carradori, Anna Cerquetella, Bianca Cerquetella, Cristina Nocioni, Irena Rapanelli e Sofia Trapanelli. PER INFO E PRENOTAZIONI teatroservice@virgilio.it 0733 205571 3483417306 PREVENDITA ONLINE : liveticket.it/teatroservice

Mario Tessitore da giocatore a team manager della Rossella Civitanova

Mario Tessitore da giocatore a team manager della Rossella Civitanova

Quando lo avevano visto uscire nell’ultima partita contro Cagliari, visibilmente commesso, i tifosi si erano preoccupati... ma la Rossella Virtus è lieta di annunciare che Mario Tessitore non lascerà Civitanova. Nel suo undicesimo anno nella società del presidente Mandorlini, ci sarà però un parziale cambio di ruolo: Mario sarà team manager della Rossella e continuerà ad allenarsi con i compagni e coach Rossi, tuttavia farà parte del roster come riserva e andrà quindi in panchina solo in casi di particolare necessità. Mario, quando hai deciso di diminuire l’impegno nel basket giocato e passare anche a un ruolo dirigenziale? Dopo la vittoria del campionato hai avuto la tentazione di ripensarci? “All'inizio della passata stagione mi ero posto come obiettivo, dopo 10 anni in maglia Virtus, di lasciare vincendo qualcosa. Ma poi, d'accordo con la società e il coach, ci siamo detti che potevo ancora essere utile in campo anche se in un ruolo più marginale. Allo stesso tempo darò una mano a livello dirigenziale, cosa che mi ha sempre un po' affascinato.” Arrivati a questo punto, dobbiamo chiederti un bilancio della tua carriera… “La mia carriera è stata fondamentalmente incentrata qui a Civitanova, dieci stagioni nelle quali abbiamo raggiunto anche l’apice a livello di risultati. Ci sono stati momenti negativi, nei quali abbiamo subito un grosso ridimensionamento, ma siamo sempre ripartiti con più voglia di prima e la promozione di quest'anno è la ciliegina sulla torta. Non ho nessun rimpianto e nessun rimorso, ho cercato sempre di fare il meglio dando tutto me stesso. Ringrazio tutte quelle persone che in quest' anni hanno condiviso con me la passione e la bellezza di questo sport. Sempre FORZA VIRTUS” L’ultima domanda al Team Manager: quali saranno gli obiettivi della Rossella 2017/2018? “Quest'anno deve servire a consolidare tutto l'ambiente Virtus in una categoria che rispetto alla serie C, necessita di impegno e organizzazione maggiore. Abbiamo già una base importante dello scorso anno da cui ripartire, cosa che ci rende fiduciosi per provare a raggiungere la post season. Poi la si sa, la palla è rotonda...”

23/06/2017
Salvadei Brass in concerto in Germania alla St. Pankratius Stadtkirche

Salvadei Brass in concerto in Germania alla St. Pankratius Stadtkirche

“L’ensemble musicale maceratese Salvadei Brass è in partenza per la Germania, dove, a partire dai prossimi giorni, terrà una serie di concerti. Gli eventi prenderanno il via dalla città di Warstein, nella Renania Settentrionale, dove il gruppo suonerà presso la “St. Pankratius Stadtkirche” L’invito in Germania rappresenta un ulteriore riconoscimento per l’attività pluridecennale del Salvadei Brass, formazione composta in gran parte da musicisti maceratesi, costituitasi con lo scopo di proporre belle pagine musicali in arrangiamenti e trascrizioni per ottoni e percussioni. Ha rappresentato la città di Macerata, sia in Italia che in altre nazioni del mondo, in occasione di scambi culturali e manifestazioni ufficiali. Presenza stabile da un ventennio alle stagioni liriche estive dello Sferisterio, ha partecipato come complesso di palcoscenico alle produzioni operistiche più importanti. Numerose le tournèe e le esibizioni in prestigiosi teatri e sale da concerto in Italia, Germania, Ucraina, Repubblica Ceca, Brasile, Oman, Francia, Malta, Città del Vaticano. Tutti i concerti in terra tedesca, nel corso dei quali Salvadei Brass presenterà il programma “Opera&Song”, saranno introdotti dal Direttore Artistico del gruppo, maestro Eugenio Gasparrini, il quale  illustrerà alcuni aspetti stilistici delle musiche proposte, che riservano particolare attenzione al melodramma italiano ed alle opere presenti nel  cartellone del MacerataOpera Festival 2017”.  

Sangiustese: si alza la protesta degli Ultras

Sangiustese: si alza la protesta degli Ultras

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa degli Ultras della Sangiustese Con poche righe e senza molti giri di parole, noi Ultras vogliamo dire la nostra su ciò che sta avvenendo, ormai da tempo, intorno alla nostra squadra del cuore: la Sangiustese 1957, unica realtà sportiva del paese in grado di dare risalto alla nostra città in ambito sportivo e non solo…  Evitando di dilungarci con il passato sulla faccenda stadio e sulla scellerata scelta del campo federale e su come fu assurdo iniziare quel progetto senza le dovute certezze che esso andasse a buon fine e soprattutto a migliorare la situazione sportiva, in particolar modo per la sangiustese, cosa a cui teniamo in primis, perche’ ne abbiamo fin troppo parlato….ci domandiamo oggi su cio’ che sta facendo l’attuale amministrazione e su come sia possibile che con una squadra in serie D, incomba il rischio di dover emigrare altrove,rischiando addirittura di perdere il titolo sportivo, poichè si è dato spazio ad ogni tipo di iniziative intraprese dai gestori dell’impianto sportivo che:  1) Nulla hanno a che fare con la Sangiustese, anzi, chiedono tariffe proibitive, parliamo di circa 20.000 euro…ventimila…Per poter fare sport a Monte San Giusto…  2)  gestori che spadroneggiano al nostro stadio comunale e ostacolano i dirigenti (vedi ad esempio al ritorno da una trasferta i quali si trovarono le sbarre dell’ingresso allo stadio abbassate ed un custode che di fatto proibiva l’ingresso nel nostro  impianto ai dirigenti rossoblu, che dovettero accollarsi borsoni e materiali da trasferta pesantissimi e portarseli a mano nell’interno dei rispettivi magazzini….già solo per questo andrebbero rimossi…  2) portano squadre da ogni posto e paese limitrofo,si fondono con altre società, si cambiano ruoli e nomi, non hanno colori sociali, non sono seguiti da nessuno del paese, non fanno categorie e riempiono gli spazi della struttura sportiva all’inverosimile limitando di fatto le attività agonistiche di una squadra come la Sangiustese che al contrario ha storia, investe, ha un ottimo seguito,da visibiltà al paese e fa una categoria invidiata da mezza provincia, considerando poi il fatto che già a Monte San Giusto vi sono altre squadre minori che comunque meritano i giusti spazi. 3) non capiamo e ci indignamo al fatto che nelle partite interne della nostra squadra, tutto ciò che i tifosi consumano al bar, l’incasso, ovvero i nostri soldi,vadano a colmare le casse di altre società sportive gestite da chi secondo noi non dovrebbe nemmeno gestire il campetto di boccie sotto casa, ma che al contrario ha le chiavi dell’intero stadio comunale, seppur con molte ombre sotto, viste le denuncie che vi sono tutt’ora in atto e con la speranza che la giustizia faccia a breve il suo corso.  4) ci domandiamo come mai questa amministrazione non si sia impegnata a dare una mano al presidente e al suo staff tecnico per costruire un settore giovanile mettendo a disposizione l’occorrente per la realizzazione, facendo solo che del bene per l’intera comunità e soprattutto per i ragazzini, nonchè ovviamente per i loro genitori, che tra l’altro ci risulta siano piuttosto indignati …. d'altronde vi sono impianti chiusi coi lucchetti a marcire senza essere utilizzati da nessuno e che invece potrebbero ed andrebbero sfruttati. Queste e molte altre cose ci stanno davvero disgustando oggi che al contrario dovrebbe regnare euforia e felicità per esser ritornati in serie D. Abbiamo festeggiato in piazza un mese fa, abbiamo sorriso e ci siamo abbracciati tutti insieme nell’atrio comunale fra tifosi, sportivi, cittadini comuni e amministratori al completo che promettevano di far qualunque cosa pur di non far fare i bagagli all’AC.Sangiustese, poichè soprattutto il prossimo anno rappresenterà Monte San Giusto in giro per mezza Italia, con tutti i vantaggi che ne conseguiranno. Invece ad oggi il nulla. Tutte chiacchiere buttate al vento, settore giovanile impossibilitato a farlo, comunale colmo di squadre, gestione assurda, prezzi ridicolarmente ridotti e una società,quella rossoblu costretta a fare i conti con la più totale indifferenza di chi potrebbe fare, di chi dovrebbe fare, di chi ha promesso di fare, ma che di fatto non c’è nulla.  Assolutamente consapevoli del fatto che a Monte San Giusto vi siano molte priorità, ci mancherebbe altro, ma un occhio di riguardo, per una squadra che rappresenta l’intera provincia in un campionato di serie “D” e nel rispetto dei molti sangiustesi che vorrebbero e dovrebbero seguirne le sorti nel proprio impianto di casa. Deve essere assolutamente obbligatorio da parte di chi è stato eletto ad amministrare che ciò avvenga. Per tanto, qualora tutto ciò venisse meno, ci riserviamo di attuare varie e significative forme di proteste verso coloro che non si impegnano a risolvere una situazione singolare come questa, che non ha precedenti nelle Marche, atte a sensibilizzare l’opinione pubblica su ciò che sta accadendo. La Sangiustese è ei cittadini e i cittadini meritano rispetto.

23/06/2017
Macerata, sbanda e finisce contro un albero: auto in fiamme

Macerata, sbanda e finisce contro un albero: auto in fiamme

Prima perde il controllo in curva, poi finisce dritta contro un albero e viene inghiottita dalle fiamme: è successo questa notte in località Valteia, a Macerata. L’auto stava percorrendo la strada che da Corneto conduce a Piediripa quando è accaduto l'incidente. I ragazzi che viaggiavano a bordo del mezzo non hanno riportato ferite gravi. Per accertamenti sono stati trasportati al pronto soccorso. Sul posto sono intervenuti il personale medico del 118 e i vigili del fuoco di Macerata. (Servizio in aggiornamento)    

23/06/2017
Tolentino, pronta la nuova Giunta per il Pezzanesi bis: sabato l'ufficialità

Tolentino, pronta la nuova Giunta per il Pezzanesi bis: sabato l'ufficialità

Pronta la nuova Giunta di Tolentino dopo le elezioni dell'11 giugno scorso che hanno visto la nettissima affermazione del sindaco uscente Giuseppe Pezzanesi, uscito vincitore al primo turno con quasi il 60 per cento dei consensi.  L'ufficialità ci sarà soltanto sabato mattina, ma già oggi tutti i tasselli dei diversi assessorati sono stati messi al loro posto. Gli assessori confermati sono due: Silvia Luconi (Tolentino nel Cuore), che manterrà la delega al Bilancio e sarà vicesindaco, e Giovanni Gabrielli (Lega Nord) al quale sarà nuovamente assegnata la delega alla Sicurezza e alla Polizia Municipale. Il nuovo assessore all'Urbanistica sarà Alessandro Massi (Tolentino Popolare), mentre la delega ai Servizi Sociali sarà appannaggio di Francesco Colosi (Fratelli d'Italia). Entra in Giunta anche Forza Italia con la delega allo Sport e al Turismo che verrà assegnata ad Alessia Pupo.  Il nuovo presidente del consiglio comunale sarà, invece, Fausto Pezzanesi (Tolentino nel Cuore). Quasi scontata la conferma alla presidenza dell'Assm per Stefano Gobbi (Tolentino nel Cuore)

22/06/2017
A piedi lungo la "via dritta" tra Roma e Loreto: Unicam rilancia una passeggiata su strade antiche e affascinanti - VIDEO

A piedi lungo la "via dritta" tra Roma e Loreto: Unicam rilancia una passeggiata su strade antiche e affascinanti - VIDEO

Domenica 25 giugno le città di Camerino e San Severino Marche saranno nuovamente legate da una strada che ha segnato indissolubilmente la loro storia religiosa, economica e culturale, e che solo nei decenni più recenti è stata completamente abbandonata: quella che per molti secoli aveva rappresentato lo snodo cruciale della "via dritta", ovvero un asse strategico che collegava il santuario di Loreto e la capitale pontificia. Sulla scia di accurate ricerche storiche, i membri delle sezioni camerte e settempedana del CAI lo hanno individuato e il mattino di domenica 25 giugno guideranno fedeli, turisti, appassionati di trekking lungo un tracciato di rara bellezza sotto il profilo paesaggistico, artistico e ambientale: quello che dalla Rocca dei Borgia in Camerino conduce a Renacavata e Torre Beregna da un lato; e dall'altro quello che da San Severino condice a Sant'Eustachio in Domora, Torre Beregna e il Convento che, come è noto, fu teatro della Riforma cappuccina. All'iniziativa, promossa dall'Università di Camerino, aderiscono i Comuni di San Severino, Camerino, Serravalle di Chienti, Spoleto, Treia, Castelraimondo, Pioraco, le Unioni Montane camerte e settempedana, l'Ordine dei Cappuccini, le Clarisse, gli Scouts, Legambiente, Associazioni Lauretane. Il Consiglio regionale delle Marche la sostiene con il suo patrocinio. Da Camerino si parte alle 8.30: il luogo di raccolta è la Rocca dei Borgia, nei pressi di Porta Malatesta (l'antica porta San Giacomo, in direzione di Roma e della Francigena); attraversando viale Leopardi e raggiunta piazza San Venanzio, si uscirà attraverso Porta Felillo (altra antichissima porta medievale), quindi si raggiungeranno i Ponti, Renacavata, Torrone, Torre Beregna, di nuovo Renacavata. Da San Severino si partirà alle 8 dalla chiesa di Sant'Agostino quindi, raggiunte le Grotte di Sant'Eustachio, ci si dirigerà verso il rifugio Manfrica, Torre Beregna e Renavacata. Nel Convento dei Cappuccini si condividerà il pranzo intorno alle 13.30. Il "cammino", che si svolgerà anche in caso di maltempo, è solo il primo di una serie di appuntamenti analoghi, preparatori del cammino che si svolgerà a settembre, allorchè verrà percorso tutto l'itinerario da Roma a Loreto lungo quella che la ricerca storica ha ormai accertato essere il più antico tracciato della via romano-lauretana e che le fonti definiscono significativamente la "via dritta", cioè la più breve, in funzione per tutta l'età medievale e che soltanto sul finire del Cinquecento verrà sostituita dalla "via nova", che passava per Muccia e la Val di Chienti, fino a Macerata, Recanati e Loreto. Le cittadinanza di Camerino e San Severino e quelle dei centri limitrofi, studiosi e appassionati sono invitati a partecipare alla riscoperta di un itinerario impresso nei documenti, nelle cronache, nel paesaggio, che ha segnato in modo determinante l'economia, la cultura, la società di tanta parte del territorio appenninico e dell'Italia Centrale, sostenendone coesione e sviluppo. 

22/06/2017

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2017 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433