Attualità

Ombrelli aperti nelle Marche, allerta gialla della Protezione Civile: mare mosso e pioggia in arrivo

Ombrelli aperti nelle Marche, allerta gialla della Protezione Civile: mare mosso e pioggia in arrivo

Arriva la pioggia nelle Marche e, per tutta la giornata di giovedì 29 febbraio, la Protezione Civile ha diramato un'allerta gialla idrogeologica valevole sull'intero territorio regionale. "Le precipitazioni saranno deboli e continue, maggiormente persistenti nel settore meridionale della regione - si legge nel bollettino meteo -. La ventilazione proveniente dai quadranti orientali sarà di brezza tesa o moderata. Il mare di conseguenza sarà mosso o localmente molto mosso". Temperature minime in lieve aumento (10 gradi a Macerata) e massime in diminuzione (13 gradi a Macerata). Una circolazione ciclonica con minimo sul basso Tirreno, infatti, trasporterà masse d'aria più calda e umida sulle Marche. Meteo previsto, comunque, in miglioramento per il fine settimana.   

28/02/2024 17:30
Treia, post sisma: partiti i lavori al convento del Santissimo Crocifisso. Sette milioni di euro d'intervento

Treia, post sisma: partiti i lavori al convento del Santissimo Crocifisso. Sette milioni di euro d'intervento

È partito il cantiere del santuario del Santissimo Crocifisso, a Treia, per il quale è previsto un intervento, già finanziato, dell’importo di quasi 7 milioni di euro. L’edificio, dichiarato d’interesse culturale, è rimasto gravemente danneggiato e reso inagibile dal terremoto del 2016. Oltre ad avere una grande rilevanza da un punto di vista storico, rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la comunità treiese e il territorio.  L’intero complesso è costituito dal santuario del Santissimo Crocifisso e dal convento dei frati francescani col campanile; saranno effettuati lavori di restauro, risanamento conservativo con miglioramento sismico nonché per il superamento delle barriere architettoniche. Felice di annunciare questa importante novità il sindaco Franco Capponi: «Per noi si tratta di un intervento importantissimo che riguarda un territorio intero visto che il santuario francescano è frequentato da tanti fedeli anche di altri Comuni. La chiesa del convento nel 2017 è stata ricostruita con una struttura temporanea in legno – ha spiegato - È stato un piccolo miracolo realizzato in tre mesi, quando si era ancora in piena emergenza. Sapere che i lavori di ricostruzione sono partiti e ci restituiranno il Santissimo Crocifisso nella sua originaria bellezza rappresenta davvero una fantastica notizia».

28/02/2024 13:10
Quanto costa il successo su OnlyFans? Marco Marozzi di Miss Agency: "Ve lo racconto io"

Quanto costa il successo su OnlyFans? Marco Marozzi di Miss Agency: "Ve lo racconto io"

Il digitale ha trasformato profondamente le nostre vite, lasciandoci immersi in un mare di informazioni e opportunità da esplorare. Una situazione accentuatasi in maniera particolare durante la pandemia, quando il web è stato lo strumento principale con cui assottigliare le distanze e mantenere i contatti con le altre persone. Fra le varie piattaforme che hanno riscontrato successo durante e dopo il lockdown c’è sicuramente OnlyFans, social media che consente agli utenti di pubblicare contenuti esclusivi, molti di natura sessuale, in cambio di un abbonamento a pagamento da parte dei loro fruitori. La piattaforma è diventata popolare tra creatori di contenuti, artisti, modelli e tutti coloro che desiderano monetizzare il loro lavoro attraverso un abbonamento diretto. Il grande successo di OnlyFans ha creato effetti anche sul mondo dei night club, specialmente durante la pandemia di Covid-19. Le restrizioni sull'apertura e sulle attività sociali hanno inevitabilmente colpito questo settore. Molte persone che lavoravano nei night club, come ragazze immagine, ballerini e spogliarellisti, hanno così trovato in OnlyFans un'opportunità per continuare a guadagnare denaro in modo alternativo. Tuttavia, ciò ha anche portato a una competizione online più intensa con conseguenze sia positive che negative per l'industria dei nightclub. Abbiamo parlato proprio dell’impatto che questo tipo di piattaforme ha avuto sul mondo dei night club con Marco Marozzi, fondatore e organizzatore eventi di Miss Agency. Miss Agency è un’agenzia di riferimento in Italia per tutte quelle ragazze che vogliono valorizzare la propria immagine lavorando nei locali notturni, come night club, sexy disco, piano bar, lap dance e discoteche. L’obiettivo di Marco è quello di rendere più onesto e pulito questo settore, aiutando e tutelando le ragazze in un ambiente sempre più minacciato da pericoli, soprattutto online. “Oggi una ragazza alla prima esperienza che si affaccia sul mondo del digitale va in contro a mille trappole. In questo ambiente, quando ci sono di mezzo i soldi e le donne, le persone sono disposte a tutto”, spiega Marozzi. Fatta questa premessa, abbiamo chiesto a Marco quali effetti, a suo modo di vedere, abbia avuto OnlyFans sul mondo dei night club. Ecco cosa ne pensa: “Sempre meno ragazze in Italia scelgono di venire a lavorare nei night club, proprio perché preferiscono mettersi in proprio. Ormai, soprattutto per le più giovani, il sesso è diventato uno strumento per arrivare subito a raggiungere i propri obiettivi economici. Le ragazze della fascia che va dai 18 ai 24 anni, vedendo magari la sorella, la cugina, l’amica più grande che guadagnano subito, pensano di fare la stessa cosa. È facile allora cadere in annunci trappola e ritrovarsi in situazioni pericolose”.   Parlando appunto di pericoli, Marco ci spiega come su queste piattaforme le ragazze sono facilmente adescabili da personaggi poco raccomandati, che fanno grandi promesse e raramente le mantengono.  “Sul web sono presenti molti impresari che lavorano nell’illegalità: senza un volto, senza partita IVA, che non pagano le tasse, mettono annunci su internet e spesso le ragazze cadono nella trappola. Trovano così locali squallidi, case sporche, e molte volte il trattamento economico che ricevono non corrisponde a quello stabilito. Molte di queste ragazze arrivano comunque ad accettare queste proposte, per via della situazione disperata da cui provengono. La mia agenzia invece garantisce innanzitutto trasparenza. Sul mio sito c’è il mio nome, la mia foto, nonché la partita iva e la visura camerale che certifica la piena regolarità. Affidandosi ad un’agenzia come la mia, le ragazze hanno la certezza di avere un referente a cui rivolgersi per ogni eventualità, oltre alla possibilità di sentire il parere di altre ragazze che sono già inserite nel settore e che magari all’inizio si trovavano nella loro stessa situazione. In più, aspetto da non sottovalutare, se un locale non ti paga, lo fa l’agenzia". Marco ci spiega come anche lui ha avuto a che fare con molte ragazze provenienti da contesti sociali disastrosi, ma grazie al lavoro si sono riscattate e hanno iniziato una nuova vita. “Dopo la pandemia la maggior parte delle ragazze che decide di contattarci sono quelle che hanno bisogno di un alloggio. Parliamo di ragazze che hanno avuto problemi di droga, alcol, che scappano per vari motivi dalla famiglia, dalle comunità. Sono tutte ragazze che avevano grosse problematiche. Un gestore di night oggi deve essere per loro un padre prima che un titolare. Ci sono ragazze che non avevano mai messo un rossetto o indossato dei tacchi nella loro vita. Sono partite da zero, poi col tempo e con l’esperienza hanno acquisito sicurezza e sono rinate”.   Parlando appunto di pericoli, Maarozzi ci conferma come su queste piattaforme anche la privacy dei loro utenti è sempre più a rischio: “Le ragazze che iniziano a postare contenuti su Onlyfans non sanno che un domani non potranno eliminare quegli stessi contenuti, che continueranno invece a circolare sul web. Il successo che possono garantire queste piattaforme è a breve termine, mentre i contenuti che vengono pubblicati poi rimangono a vita”.   Ma siamo poi così tanto sicuri che guadagnare con OnlyFans sia così semplice? Come spiegato dal nostro interlocutore, la concorrenza sul noto social media si è inasprita notevolmente e per avere successo c’è bisogno di pubblicare contenuti sempre più hot. "Oggi su Onlyfans c’è molta più concorrenza rispetto a qualche anno fa. Questo ovviamente provoca un guadagno minore. In più, lo stesso algoritmo di Onlyfans ha cambiato il suo modo di filtrare i contenuti, dando sempre maggiore precedenza a quelli più hot. Se vuoi guadagnare devi letteralmente mettere la faccia su queste piattaforme. Se prima bastava pubblicare una foto con un vestitino sexy, oggi gli utenti non si accontentano più e cercano un’esposizione sempre maggiore. Per questa serie di motivi molte ragazze che avevano abbandonato il mondo dei night club stanno iniziando a tornarci”. Se invece una ragazza che lavora per la sua agenzia decidesse di aprire un account Onlyfans? Ecco la risposta del titolare di Miss Agency: “Non sono nessuno per giudicare la vita privata di una ragazza. Io mi occupo della sicurezza delle ragazze all’interno del locale, garantendole un posto di lavoro serio, contrattualizzato e sicuro. Poi fuori dal lavoro sono libere di fare quello che vogliono”.   Per concludere, abbiamo chiesto a Marco Marozzi cosa pensa di coloro che nutrono pregiudizi nei confronti della figura della ragazza immagine. La sua risposta: “Ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero. Rimane il fatto che parliamo di un lavoro contrattualizzato e sappiamo che in Italia dove c’è un contratto non c’è prostituzione. È chiaro che, se una ragazza si affida a persone e locali sbagliati, può andare incontro a seri pericoli. Ci sono ragazze che scelgono di fare questo lavoro per mantenersi gli studi o per aiutare le proprie famiglie. Quello della ragazza immagine è un lavoro che si fa, appunto, sfruttando la propria immagine, oltre che la propria personalità”.

28/02/2024 11:00
"Salviamo Belforte", i cittadini si mobilitano contro l'antenna 5G in via San Giorgio

"Salviamo Belforte", i cittadini si mobilitano contro l'antenna 5G in via San Giorgio

I cittadini di Belforte del Chienti si schierano contro la realizzazione in un terreno privato di un'antenna di oltre 30 metri per la tecnologia 5G. Lo scorso venerdì si è svolta un'assemblea pubblica convocata dal comitato "Salviamo Belforte" dall'inquinamento, tornato a mobilitarsi dopo diversi anni dalla sua ultima battaglia contro l'elettrodotto.  "L'avvio dei lavori potrebbe essere immediato considerato che lo Sportello Unico per le Attività Produttive dell'Unione Montana Monti Azzurri, ha rilasciato l'autorizzazione, pur con il parere contrario dell'ufficio tecnico del Comune di Belforte del Chienti", spiegano i componenti del comitato che definiscono la realizzazione dell'antenna in via San Giorgio "un brutto colpo per un paese come Belforte che già risulta oltraggiato da innumerevoli infrastrutture (centrale elettrica, elettrodotti, superstrada) e che da tempo sta lottando contro un caso di inquinamento atmosferico già conosciuto ad enti e autorità del luogo".  "Unico intento del comitato è quello di informare la popolazione e di intraprendere azioni concrete a difesa del proprio paese e di chi lo abita - spiegano i suoi membri -. Ad oggi ci stiamo occupando di inquinamento elettromagnetico ed inquinamento atmosferico". Durante l'assemblea pubblica del 23 febbraio scorso, infatti, si è parlato dei principali rischi dell'elettromagnetismo e sono state illustrate le future azioni che il comitato compirà per bloccare l'installazione dell'antenna, tra le quali l'avvio di una raccolta firme e un probabile ricorso al Tar contro l'autorizzazione rilasciata.      

27/02/2024 12:40
Civitanova, ripartono i corsi di ginnastica con tecniche di medicina tradizionale cinese

Civitanova, ripartono i corsi di ginnastica con tecniche di medicina tradizionale cinese

Nell’ultima riunione di venerdì 23 febbraio, la Giunta comunale ha confermato, anche per l’anno in corso, l’organizzazione del nuovo ciclo di lezioni di ginnastica medica con l’utilizzazione delle tecniche della tradizione cinese, rivolti in maniera gratuita a persone che abbiano superato i 55 anni. L’iniziativa si avvale della consulenza del dottor Lucio Sotte, stimato specialista in Medicina tradizionale cinese, che da oltre 25 anni collabora con i Servizi sociali del Comune per questo progetto dedicato alla salute e alla socializzazione di persone anche anziane. Non cambia il format, saranno due gli incontri settimanali di gruppo tenuti dalla terapista istruttrice Fernanda Biondi, della durata di un'ora ciascuno, nella zona sud e nord della città, precisamente nella palestra Risorgimento e nel centro civico del quartiere di Fontespina. Il primo periodo di frequenza va dal 19 marzo al 31 maggio e il secondo dal 10 settembre al 29 novembre per un totale complessivo di 90 ore. “L’Amministrazione comunale conferma i corsi di ginnastica cinese, un lavoro che ha alle spalle una lunga tradizione nella nostra città” - ha dichiarato il vice sindaco e assessore allo Sport Claudio Morresi, annunciando una novità. “In considerazione delle tante richieste pervenute in questi anni agli sportelli e dei benefici sulla salute che derivano anche da una buona pratica sportiva amatoriale, stiamo valutando di avviare un altro progetto benessere, che raggiungerà le altre zone della città finora non raggiunte dal servizio, in modo da incentivare e facilitare la frequenza alle lezioni”. Nei prossimi giorni saranno illustrate le modalità per l’iscrizione gratuita.

26/02/2024 17:18
A Camerino 'Just The Woman I Am': la camminata per la ricerca sul cancro e la parità di genere

A Camerino 'Just The Woman I Am': la camminata per la ricerca sul cancro e la parità di genere

Questa mattina, durante la conferenza stampa tenutasi a Camerino, è stata presentata la camminata 'Just The Woman I Am' in collaborazione con Unicam e il Comune. La manifestazione, in programma sabato 2 marzo presso l’impianto del Cus Camerino, rappresenterà un momento di socialità e aggregazione per cittadini e studenti di tutto il territorio.  La Jtwia è l’evento che dal 2014, attraverso una corsa o camminata di 5 chilometri aperta a tutti, raccoglie i fondi per la ricerca universitaria sulla salute e sul cancro, promuove la prevenzione, i corretti stili di vita, l’inclusione e la parità di genere. È un evento in origine organizzato dal Cus Torino in collaborazione con l'Università degli studi di Torino e il Politecnico di Torino. Jtwia si svolge rigorosamente nella prima settimana di marzo, in concomitanza con la Giornata Internazionale della Donna. Si può scegliere di partecipare alla corsa o camminata in modalità virtuale o in presenza, come singolo o in gruppo. Il 2 marzo, presso Cus Camerino (ritrovo ore 10, partenza ore 10:30) si svolgerà la corsa/ camminata in modalità virtuale (collegata con l’evento in piazza castello a Torino) aperta a tutti, dagli Under 18 agli Over 60. L'iscrizione alla manifestazione sarà gratuita e all’interno della manifestazione sarà possibile partecipare, oltre alla camminata, a diverse attività proposte dal Cus tra cui Teqball, Tennistavolo, Calcio Balilla e tante altre attività in collaborazione con la Figest. Alla presentazione il sindaco Roberto Lucarelli ha sottolineato la vivacità della città di Camerino nello sport con eventi nazionali ed internazionali. Il presidente del Cus Camerino Stefano Belardinelli anche a nome di Federcusi ha ricordato il grande lavoro per favorire l'inclusione dei ragazzi di culture diverse, di chi ha abilità diverse ma ottime per praticare tante attività sportive e ludico motorie. Presenti anche la presidente della Associazione Corsa alla Spada e Palio, Donatella Pazzelli, e il delegato allo sport del rettore professor Filippo Maggi, oltre a molti giornalisti ed intervenuti.  

26/02/2024 17:15
Montecassiano, abbattuti 14 alberi. Il Comune: "Erano pericolanti, presto ripiantumazione"

Montecassiano, abbattuti 14 alberi. Il Comune: "Erano pericolanti, presto ripiantumazione"

Sono 14 gli alberi pericolanti abbattuti sul territorio di competenza del Comune di Montecassiano. "L’amministrazione comunale in questi anni ha prestato grande attenzione al tema della manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio arboreo e di recente ha stanziato altre risorse finanziare per consentire all’Ufficio tecnico di provvedere all’abbattimento degli alberi pericolanti", si legge in una nota. "Si tratta di quegli alberi che presentano gravissimi difetti morfologici e strutturali dove i rischi di caduta sono elevatissimi e il ricorso alle tecniche conservative e preservative è da considerarsi non praticabile", fa sapere ancora l'amministrazione comunale. "Alberi che all'esterno possono dare l’illusione che siano sani ma che in realtà sono risultati malati e/o cavi al loro interno". L’intervento ha interessato 14 alberi dislocati tra il capoluogo (10 alberi), la frazione di Vallecascia (3 alberi), la frazione di Sambucheto (un albero), valutati attraverso attenti sopralluoghi di tecnici specializzati che hanno relazionato rispetto al rischio per la sicurezza pubblica. "Al contempo l’amministrazione comunale si è impegnata a ripiantumare nel più breve tempo possibile, preservando così la bellezza e l'equilibrio del nostro ambiente".

26/02/2024 16:29
Post sisma, Ussita si libera dalle macerie: 641mila euro di fondi per le demolizioni

Post sisma, Ussita si libera dalle macerie: 641mila euro di fondi per le demolizioni

Ussita, fondi per le demolizioni di Castelfantellino e Sorbo. Il commissario alla riparazione e alla ricostruzione sisma 2016 Guido Castelli ha firmato un decreto con cui trasferisce 641mila euro al comune di Ussita, destinati agli interventi di messa in sicurezza, demolizione, rimozione, trasporto e recupero delle macerie degli edifici pubblici e privati nelle frazioni di Castelfantellino e Sorbo. La somma stanziata comprende il primo saldo e un’ulteriore anticipazione rispetto al contributo totale per i lavori che ammonta a 1,2 milioni di euro. Gli interventi nelle frazioni di Castelfantellino e Sorbo, come delineati nell'ordinanza speciale in deroga per Ussita, comprendono lo smontaggio controllato, la demolizione e la rimozione delle macerie degli edifici pubblici e privati. Queste azioni sono necessarie per eliminare gli ostacoli che impediscono la ricostruzione di queste due frazioni, considerando anche la pericolosità di ulteriori crolli connessi allo stato di danno degli edifici o il pericolo che questi possono rappresentare per la pubblica incolumità. “La demolizione è un momento difficile, perché c’è sempre il timore di perdere un pezzo della nostra identità che queste frazioni di montagna, con la loro storia e il loro forte legame con le comunità che le hanno abitate, ben rappresentano. Ma è assolutamente necessario procedere, per far sì che la ricostruzione possa avvenire, preparando il terreno ai progetti privati che consentiranno alla ricostruzione delle case di andare avanti - dichiara il Commissario Castelli -. Dobbiamo recuperare tante false partenze e questi stanziamenti testimoniano che il cambio di passo per cui abbiamo lavorato sta finalmente trovando attuazione anche nei comuni maggiormente colpiti. Insieme al presidente Francesco Acquaroli, all’Ufficio speciale per la ricostruzione delle Marche e al sindaco Silvia Bernardini teniamo sempre alta l’attenzione, per tradurre anche a Ussita le risorse in cantieri il più rapidamente possibile".

26/02/2024 16:15
Philipp Plein conquista la Milano Fashion Week con una sfilata visionaria: mix di stili, dal casual al lusso (FOTO)

Philipp Plein conquista la Milano Fashion Week con una sfilata visionaria: mix di stili, dal casual al lusso (FOTO)

La Milano Fashion Week è uno degli eventi più importanti nel panorama della moda internazionale, che ogni anno attira l’attenzione di migliaia di appassionati, addetti ai lavori e media. Dal 20 al 26 febbraio 2024, la città meneghina ha ospitato le sfilate delle collezioni femminili per l’autunno/inverno 2024-25, presentando le proposte di oltre 160 brand, tra cui alcuni dei nomi più noti e prestigiosi del settore. Tra le sfilate più attese e spettacolari, c’è stata quella di Philipp Plein, il designer tedesco famoso per il suo stile audace, provocatorio e glamour. Seguendo il filo dell’alta moda la redazione di Picchio News, e l’obiettivo d’autore di Guido Picchio, non si sono lasciati sfuggire l’occasione di assistere a questo evento per il quale migliaia di persone sono giunte da tutte le parti del mondo. Lo show si è svolto nella cornice serale di venerdì, all’Allianz Cloud, l’arena polifunzionale situata nel quartiere milanese QT8 e trasformata per l’occasione in una scenografia dalle atmosfere uniche e suggestive graffiata da incursioni metropolitane. Al centro della scena, una passerella strutturata su più piani collegati da una scalinata centrale che sembra evocare quasi un’impalcatura urbana. In sintonia con l’architettura scenografica, a risuonare in tutto lo spazio una colonna sonora scandita da ritmi punk e hip-hop con le performance di due band d’eccezione: i Club Dogo e La Sad. Entrando nel vivo della collezione, quando si tratta di moda, Philipp Plein non delude mai, stupendo sempre il pubblico in stile e  visionarietà. La sua collezione Autunno/Inverno 2024 è un tripudio di stili diversi, pensati per soddisfare i gusti maschili e femminili; dalla pelle strutturata che dà luogo a linee più geometriche e squadrate ai capi più morbidi e leggeri, la galleria di modelli è ricca e variegata. La collezione esprime un’eleganza diurna, basata su una gamma di colori neutri che si accendono di tocchi blu e verdi. Questi capi da giorno spiccano per la loro raffinatezza e per il loro stile minimalista, realizzati con maglie morbide e tagli sartoriali. Ma la vera magia arriva con la sera, quando Philipp Plein celebra il suo glamour inconfondibile con abiti scintillanti e ricchi di dettagli: dai cristalli preziosi alle applicazioni totali. A dialogare con questo tripudio luminoso, l’elegante linea di abiti neri improntati alla sobrietà e alle linee seducenti, che trasmettono il carattere forte e audace del marchio Il monogramma e il logo di Philipp Plein sono i veri protagonisti della sua collezione Autunno/Inverno 2024; questi si stagliano su ogni capo, dai jumpsuit ai vestiti, rendendo inconfondibile uno stile unico che attraversa ogni stagione. Infine, la collezione si completa con i “Denim Delights”, dove giacche e jeans si distinguono per la loro peculiare combinazione di elementi casual ed eleganti, che assumono un valore aggiunto per la loro versatilità e il loro comfort.

26/02/2024 15:49
Macerata, un giorno speciale per i bambini della scuola Cardarelli: in gita alla caserma "Infelisi"

Macerata, un giorno speciale per i bambini della scuola Cardarelli: in gita alla caserma "Infelisi"

La mattina del 22 febbraio, una scolaresca dell’Istituto Comprensivo “Enrico Mestica” di Macerata ha fatto visita alla Caserma “Infelisi” di via XX Settembre, sede del Comando Provinciale Carabinieri di Macerata. Nell’ottica di una sempre maggiore e più proficua opera di collaborazione con le varie istituzioni ed in particolare con l’organizzazione dell’istruzione scolastica, il Comando dell’Arma ha accolto e sostenuto con entusiasmo la proposta della Scuola dell’Infanzia “Cardarelli” di Macerata. L’incontro, ideato dalla scuola e volto ai bambini di età compresa fra i 3 e i 4 anni, nell’ambito di un consolidato progetto didattico caratterizzato da varie attività svolte all’esterno: da visite ai musei e parchi, ad altre attività varie presso sedi istituzionali connotate da un interesse pedagogico per lo sviluppo delle capacità dei bambini. In caserma sono stati accolti 36 alunni delle sezioni A e B della scuola sopracitata, accompagnati da 8 insegnanti e 2 assistenti, ricevuti dal comandante della Compagnia di Macerata, dal comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile, coadiuvato da quello della Sezione Radiomobile e da un militare motociclista, nonché dal Comandante della Stazione di Macerata. Nel cortile della caserma è stata predisposta una mostra dei principali mezzi in uso in tutta Italia ai Carabinieri dei Nuclei Radiomobile per il servizio di Pronto Intervento ed una piccola esposizione dei vari materiali tecnici e speciali in dotazione. E’ stata immensa la gioia dei piccoli alunni poter ammirare le “speciali” macchine e moto dei Carabinieri e tanta è stata la curiosità suscitata anche dalla mostra dei materiali. Tutti i bambini, ed anche le accompagnatrici, sono saliti sia sulle moto Yamaha Tracer 900, aventi allestimento speciale configurato appositamente per i servizi dei Carabinieri, che sulle Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Tonale, quest’ultima recentemente assegnata per il potenziamento dei servizi preventivi di controllo del territorio. I piccoli si sono divertiti molto ad accendere i lampeggianti blu e le sirene, attivare i pannelli luminosi telecomandati per segnalazioni stradali, allestiti sui tettucci delle auto, e a parlare alla radio con gli operatori della Centrale Operativa. Infine i visitatori hanno potuto vedere gli apparati informatici adoperati per il controllo del territorio, l’etilometro, il precursore “alcoltest”, le palette segnaletiche, il materiale per le segnalazioni verticali e orizzontali adoperate nei posti di blocco o nell’attività di controllo della circolazione stradale e l’attrezzatura per l’infortunistica stradale. Al termine della visita a tutti i partecipanti sono stati donati dei gadget dell’Arma dei Carabinieri mentre alle due classi sono stati consegnati alcuni quaderni a quadretti per i disegni, “Fedele e Fiammetta” con il logo dell’Arma, alcuni album da colorare con fumetti raffiguranti dei Carabinieri durante varie attività ed il libro, un’edizione apposita per l’Arma, della fiaba di “Pinocchio” a fumetti. Il giorno 27 febbraio la piacevole esperienza si ripeterà con tanti altri bambini della Sezione C della stessa scuola dell’Infanzia.     

24/02/2024 18:45
Macerata, Sabrina De Padova e il progetto contro il sessismo: "La discriminazione linguistica è sottovalutata"

Macerata, Sabrina De Padova e il progetto contro il sessismo: "La discriminazione linguistica è sottovalutata"

Anche oggi, in qualità di presidentessa del consiglio delle donne,Sabrina De Padova si è recata nelle scuole per promuovere eventi di sensibilizzazione sulla discriminazione di genere. "Come insegnante- afferma la De Padova- come politica impegnata nel sociale, come mamma sono convinta che i pilastri della formazione debbano essere affidati alle famiglie e alle scuole, con interventi costanti. Siamo state ospiti dell'ITE di Macerata, pertanto, un ringraziamento particolare va alla dirigente Alessandra Gattari e la vice Cinzia Cecchini.Insieme alle mie colleghe Ninfa Contigiani, Roberta Vitelli psicologa, Eliana Leoni professoressa, abbiamo cercato di sensibilizzare e attenzionare gli adolescenti sulle problematiche inerenti alla discriminazione".  Durante l'evento, un particolare focus è stato dedicato alla linguistica legata alla tematica gender: "Si è partiti- prosegue la consigliera- da alcune letture, interpretate dalla professoressa Leoni di alcuni brani della scrittrice Michela Murgia, tratte dal libro ‘Stai zitta’.   Esistono diversi tipi di discriminazione di genere; una di queste è la discriminazione linguistica che è generalmente sottovalutata e comunemente accettata con un uso marcatamente sessista del Quest’ultimo è lo specchio della nostra società, delle regole che la governano, dei rapporti che la costituiscono. Infatti, spesso si accetta l’uso di espressioni sessiste, solo perché sono ormai considerate “comuni”, perché percepite come prive di connotazione offensiva". "Non solo nel parlare della vita di tutti i giorni, ma anche nei libri di testo, sui giornali, nelle dichiarazioni rilasciate da esponenti politici, si registra frequentemente un uso improprio e sessista della lingua, una grande disattenzione circa le conseguenze dell’uso di un linguaggio discriminatorio. Basti pensare al parlato quotidiano se un termine viene trasformato al femminile acquisisce una connotazione offensiva", conclude la De Padova . Questo evento sarà riproposto l’8 marzo, in occasione della giornata internazionale della donna, presso il locale Hab di Macerata.

24/02/2024 17:41
Macerata, giardini intitolati al medico Geppino Micheletti: "Continuò a salvare vite nonostante la morte dei figli"

Macerata, giardini intitolati al medico Geppino Micheletti: "Continuò a salvare vite nonostante la morte dei figli"

Si è volta questa mattina l’intitolazione dei giardini del quartiere Le Vergini a Geppino Micheletti, il medico dell’ospedale di Pola che dopo l’eccidio di Vergarolla del 18 agosto 1946, continuò a operare i feriti e a salvare decine di vite nonostante gli fosse giunta notizia della morte, in quella spaventosa esplosione, dei suoi due figli piccoli e di altri familiari. Presenti alla cerimonia, le autorità civili, militari, religiose e il senatore Roberto Menia che è stato il primo promotore della legge che ha istituito il 10 febbraio come Giorno del Ricordo. Presenti anche gli alunni della classe V della scuola primaria “Enrico Medi”, accompagnati dalle docenti Isabella Savelli e Federica Cerquetella. Dopo la benedizione del vescovo di Macerata Nazzareno Marconi, il sindaco Sandro Parcaroli, salutando le autorità presenti, ha sottolineato come “il ricordo diventa costruzione e speranza per il bene delle nostre comunità. Dovere delle istituzioni è affrontare, soprattutto con i giovani, quelle tragedie che condanniamo fermamente e che solo con un percorso condiviso possono essere conosciute e mai dimenticate. Ricordiamo e rendiamo onore a un padre al quale sono stati strappati, in uno dei modi più orrendi possibile, quello di una strage, i suoi due figli”. “Celebriamo, al contempo, la grande umanità di un uomo e di un medico che, pur vivendo un dramma familiare enorme, ha continuato a svolgere il suo lavoro come una vera e propria missione. Il pensiero va al dolore del popolo giuliano, istriano e dalmata affinché tali sofferenze, che non dobbiamo e non vogliamo dimenticare, possano portare a commemorare i valori della vita e del rispetto tra le persone”. A seguire, la parola al senatore Menia, che ha ripercorso la storia di Geppino Micheletti sottolineando quanto sia fondamentale “recuperare la memoria vincendo la maledizione del tempo”, e alla senatrice Elena Leonardi che ha evidenziato l’importanza della presenza delle giovani generazioni. A ringraziare il Consiglio comunale, che ha reso possibile l’intitolazione dei giardini a Micheletti, l’assessore Paolo Renna. “Un ringraziamento anche al dirigente Moreno Trubbiani per aver permesso la presenza degli alunni in questa occasione e a tutta la struttura comunale per l’organizzazione di questo importante momento per la comunità” - ha detto -. “Geppino Micheletti, con la sua tragica storia, ha dimostrato cosa vuol dire essere servitore dello Stato perché non ha esitato un attimo nel compiere la sua missione, salvando vite umane. Ha risposto alla violenza con dedizione e sacrificio e abbiamo fortemente voluto promuovere questa intitolazione per far conoscere la sua storia, soprattutto ai nostri ragazzi, e ridare dignità a connazionali che per troppo tempo hanno visto negate le proprie sofferenze”. "Il 25 maggio del 2021 era stato approvato l’ordine del giorno presentato dalla consigliera Lorella Benedetti in merito all’intitolazione pubblica al medico eroe Geppino Micheletti al quale, il 5 ottobre del 1947, fu conferita dal Ministero dell’Interno la medaglia d’argento al valor civile con la seguente motivazione: “Mentre si accingeva a prestare le prime cure ai numerosi feriti e agonizzanti, che venivano ricoverati in ospedale, a seguito dello scoppio di alcune mine su un tratti di spiaggia, scorse tra di essi il corpo esanime di un suo figliuolo, dilaniato dall’esplosione". "Soffocando, in un estremo sentimento di attaccamento al dovere, il suo immenso dolore, non esitava a prodigarsi con sublime forza di animo, in soccorso degli infortunati. Avendo poi appreso che nella disgrazia erano periti un altro figliuolo, il fratello e la cognata, continuava sacrificandosi fino alla sofferenza più indicibile, nella sua opera umanitaria e la conduceva al termine, noncurante delle gravi conseguenze cui esponeva il suo organismo per tale e sovrumano sforzo di volontà. Ammirevole esempio di abnegazione e di alto senso del dovere. Pola, 18 agosto 1946”. Nel 2017, in occasione della prima commemorazione congiunta italo-croata delle vittime della strage di Vergarolla a Pola, alla presenza dei Ministri degli Esteri e della Salute italiani e dei loro omologhi croati, è stata conferito al dottor Micheletti la medaglia d’oro al merito della sanità pubblica della Repubblica Italiana.

24/02/2024 16:46
San Severino, l'ufficio postale si trasferisce in un container

San Severino, l'ufficio postale si trasferisce in un container

La società Poste Italiane ha comunicato che da lunedì prossimo (26 febbraio), e fino all’11 aprile, l’ufficio postale di via Gorgonero resterà chiuso al pubblico per consentire l’avvio dei lavori tecnici propedeutici alla realizzazione del Progetto Polis — Casa dei Servizi di cittadinanza digitale nel Comune di San Severino Marche. Durante questo periodo, al fine di garantire continuità e accessibilità ai servizi postali, l’ufficio verrà trasferito in un container ubicato in via Campo Fiera, nel parcheggio antistante i campi da tennis di fronte alla palestra Boni ex Gil, in un’area messa a disposizione del Comune di San Severino Marche. L’ufficio temporaneo sarà aperto da giovedì 29 febbraio e fino al 07 aprile, e comunque fino a fine lavori. Poste Italiane informa la cittadinanza che gli orari di apertura saranno i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle ore 08:20 alle 19:05, il sabato dalle ore 08:20 alle 12:35.

24/02/2024 14:00
Anche dalle Marche agricoltori a Bruxelles per protestare: "Vogliamo risposte immediate e concrete"

Anche dalle Marche agricoltori a Bruxelles per protestare: "Vogliamo risposte immediate e concrete"

Anche una nutrita delegazione marchigiana parteciperà alla manifestazione del 26 febbraio a Bruxelles quando gli agricoltori europei sfileranno dalla stazione Luxembourg fino a Roi de la Loi per "chiedere risposte immediate e concrete alla Commissione Europea". Coldiretti, insieme alle altre associazioni agricole come gli spagnoli dell'Asaja, il Cap dal Portogallo e belgi del Fwa,"uniti perché dopo le parole occorrono i fatti". "Nel pacchetto semplificazione per l'agricoltura della Commissione - afferma Coldiretti - abbiamo letto alcune semplificazioni da noi proposte ma manca completezza e certezza dei dettagli”. “Si sono, finalmente, accorti di alcuni aspetti su cui intervenire, come la condizionalità ambientale e la razionalizzazione dei controlli. Sono positive anche le ipotesi di intervento per i piccoli agricoltori. Però al momento sono solo dichiarazioni: i tempi delle aziende non combaciano con i tempi della burocrazia europea. Vogliamo risposte concrete e interventi immediati”. “Non è più tempo di annunci, serve cambiare le regole che penalizzano l'agricoltura: lunedì saremo di nuovo a Bruxelles a manifestare in piazza insieme a migliaia di agricoltori per avere tempi e strumenti certi per cambiare le politiche europee che minacciano la sopravvivenza del settore".  "L'intero pacchetto sarà discusso lunedì a Bruxelles al Consiglio dei Ministri agricoli dell'Ue dalle ore 10 - fa sapere ancora Coldiretti - in concomitanza dei lavori si terrà la manifestazione che è stata preceduta, nei giorni scorsi, da una fitta sequenza di 40 assemblee che nelle Marche hanno riguardato i 36 uffici di zona territoriali e coinvolto migliaia di agricoltori per confrontarsi sui problemi che interessano le varie filiere e sulle prossime battaglie da combattere". Tra i temi "la difesa del reddito degli agricoltori, gli aiuti ai giovani, scambi commerciali con Paesi esteri basati sulla reciprocità degli alti standard europei, l'applicazione della legge contro pratiche sleali affinché i prezzi non siano mai inferiore ai costi di produzione, la semplificazione, l'accesso al credito, un più efficace contrasto alla fauna selvatica; ma anche i bandi Psr, Pnrr Inail e nuova Pac 2024".

24/02/2024 13:10
Montecosaro, nei laboratori "Io faccio da solo" un nuovo servizio per ipovedenti e non vedenti

Montecosaro, nei laboratori "Io faccio da solo" un nuovo servizio per ipovedenti e non vedenti

I laboratori Io faccio da solo di Montecosaro aprono ad un nuovo servizio dedicato alle persone ipovedenti e non vedenti. La cooperativa sociale Il Camaleonte, che gestisce i laboratori promossi dall’Anffas Civitanova Marche, ha infatti aperto una collaborazione con la Focus-Soluzioni Visive di Ascoli Piceno, con la sua professionista Samantha Orfei che sta avviando anche a Montecosaro un servizio dedicato. Samantha Orfei, tecnico degli ausili visivi, si occuperà così di individuare tramite consulenza la migliore soluzione in fatto di strumenti utili a risolvere problematiche quotidiane di chi ha difficoltà visive: come videoingranditori, lettori vocali per chi non ha più residuo visivo, software di sostegno per studenti o lavoratori e altri tipi di sistemi.    “Da sette anni tratto questa tematica - spiega Orfei - e ho avviato così alcuni percorsi nel territorio. La Focus-Soluzioni visive nasce proprio per dare opportunità e supporto a persone con vista fragile, ipovedenti e non vedenti, permettendo loro di essere, o tornare ad essere, autonome nelle attività quotidiane abbandonate a causa dell'insorgere della patologia visiva e di conseguenza cercare di facilitare l'integrazione sociale e lavorativa”.    “Questa collaborazione - prosegue Simone Forani, referente di Io faccio da solo - ci permette di aggiungere un ulteriore e significativo tassello ai nostri servizi offerti, potenziando così la nostra Ausilioteca. Ringraziamo Samantha Orfei per aver scelto Io faccio da solo come base per avviare un nuovo laboratorio presso il nostro centro”.  

24/02/2024 09:50
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.