Attualità

I piccoli comuni e Overtime Festival insieme per Castelsantangelo sul Nera

I piccoli comuni e Overtime Festival insieme per Castelsantangelo sul Nera

I piccoli comuni italiani insieme. Per non tremare di fronte alla paura del terremoto. Per fare un gesto concreto per aiutare chi è in difficoltà. Per testimoniare che, proprio  insieme, ricostruire è possibile. E’ questo il senso dell’iniziativa che unirà Macerata, Castelsantangelo sul Nera, Romentino (Novara) e Rivarolo Mantovano (Mantova) “E vissero… sconfitti e vincenti”, ecco il titolo di un libro fatto di storie, aneddoti, racconti e fantasie che unisce tutte queste realtà d’Italia. Un libro che ha coinvolto tante penne e voci del giornalismo sportivo italiano. Per la prima volta insieme. Tutti in nome della solidarietà e dell’etica sportiva.  Un libro i cui proventi sono destinati alla ricostruzione della comunità di Castelsantangelo sul Nera, piccolo centro del Maceratese tra i più colpiti dallo sciame sismico che dal 2016 fino ad ancor oggi  sta martoriando il Centro Italia. Grazie alla collaborazione tra le diverse amministrazioni comunali e la Pindaro eventi, il volume vedrà nei prossimi giorni una doppia presentazione: Giovedi 19 aprile alle ore 21 presso il Centro Culturale Pio Rocchetta – via Donati 26 a Romentino  Venerdi 20 aprile alle 21 presso la biblioteca Sanguanini di Rivarolo Mantovano Ventidue gli autori e i giornalisti di fama nazionale che hanno aderito al progetto. Diciannove invece i racconti, di cui molti inediti. Il terreno fertile su cui è nato il libro è un’idea che arriva da «Overtime Festival» (il festival di letteratura e sport che si tiene ogni anno a Macerata, organizzato proprio da Pindaro Eventi), e ha visto coinvolti oltre venti giornalisti. Tutti uniti, nel segno della solidarietà e dell’etica sportiva. La prefazione è di Bebe Vio. Ed è una rivelazione. Scrive Bebe: «Non è stato un oro, ma per me ha un valore maggiore: il bronzo che ho vinto con le mie compagne di Nazionale, Loredana Trigilia e Andrea Mogos. Perché quello lo abbiamo raggiunto insieme». E’ in quest’ultima parola - «insieme» - che va cercato il senso di «E vissero…sconfitti e vincenti». E anche contenti. Per aver fatto qualcosa di utile.    

18/04/2018
I ragazzi di Scampia al sindaco di Porto Recanati: "Bastavano le scuse"

I ragazzi di Scampia al sindaco di Porto Recanati: "Bastavano le scuse"

Se il sindaco di Porto Recanati  Roberto Mozzicafreddo non ci sta (leggi qua l'articolo) i ragazzi di Scampia  rispondono a quella che era stata la sua risposta. Il sindaco infatti, riferendosi alla situazione dell'Hotel House, aveva rilasciato delle dichiarazioni nelle quali aveva affermato che "Porto Recanati non è scampia". La dichiarazione ha suscitato diverse reazioni da parte degli abitanti di Scampia che hanno indirizzato a Mozzicafreddo alcune lettere. Il sindaco ha allora voluto chiarire le sue parole attraverso un'intervista ma i ragazzi di Scampia ribattono sulla mancanza di scuse da parte del primo cittadino. "Il sindaco di Porto Recanati - scrivono - ha risposto in un'intervista ad un giornale locale ("Picchio News") alle lettere inviategli dai ragazzi di Scampia dopo la sua recente dichiarazione ("Porto Recanati non è Scampia"). Nell'intervista il sindaco dichiara che lui "non ha mai fatto riferimenti ad altre realtà" (ma li ha fatti nella sua conferenza stampa del 6/4/18 e proprio per difendere la sua città e rimarcare le differenze e l'offesa era proprio in quel passaggio). Nell'intervista sottolinea che è giusto che "ognuno parli del territorio che conosce" (questo non lo aveva affatto detto in conferenza e questo dovrebbero dirlo quelli di Scampia, visto che è stato lui a parlare di loro e non il contrario). Di fronte all'amarezza di quelle lettere fiere e belle e di fronte all'indignazione di migliaia di persone anche sul web in queste ore, nell'intervista, però, non c'è traccia di una parola che in questi casi sarebbe stata e sarebbe importante: "SCUSATEMI". Resta l'invito per un caffé caffè a Scampia (siamo Napoletani, cortesi e ospitali da 3000 anni) ma cresce la perplessità se questo è l'atteggiamento di chi rappresenta una intera comunità. PS Le parole testuali del sindaco in conferenza: "Hotel House di Porto Recanati, pur con tutti i suoi problemi, non è Scampia... A Scampia i singoli agiscono con una regia di stampo camorristico" (altro che "non ho mai fatto riferimenti"...).

18/04/2018
Trofeo Scarfiotti, la gara dei Monti Sibillini si svolgerà dal 3 al 5 agosto: staff al lavoro

Trofeo Scarfiotti, la gara dei Monti Sibillini si svolgerà dal 3 al 5 agosto: staff al lavoro

Con la stagione delle cronoscalate già iniziata per il tricolore autostoriche, ha preso avvio anche il lavoro dello staff organizzatore del Trofeo Scarfiotti, che raggiungerà il traguardo della 28^ edizione per le auto moderne valida come settima prova del CIVM e l’11^ edizione per le autostoriche, valida come settima prova del CIVSA. Continua l’unicità per l’Italia dell’appuntamento di Sarnano, dalla doppia validità tricolore. Cambia invece la dislocazione in calendario, con l’Automobile Club Macerata e l’Associazione Sportiva AC Macerata che hanno preferito inserire la gara dei Monti Sibillini nel weekend 3-5 agosto 2018, tornando praticamente nel tradizionale periodo delle prime edizioni. Lo splendido scenario appenninico del Trofeo Lodovico Scarfiotti attende i protagonisti della montagna tra le mura della bella cittadina di Sarnano, dalle origini medioevali e dal suggestivo centro storico. Lo spettacolare percorso, apprezzatissimo per le sue caratteristiche, è lungo 8877 metri e sale dalla località Sant’Eusebio, appena fuori dal centro abitato, per raggiungere l’arrivo presso Fonte Lardina a 1300 metri d’altitudine, poco prima della sommità di Monte Sassotetto. La prima parte tecnica ed impegnativa precede il tratto centrale e finale con allunghi e sette spettacolari tornanti che permettono passaggi mozzafiato. Particolare la dislocazione del paddock in centro a Sarnano, diviso tra Piazza della Libertà, il parcheggio Bozzoni (sede anche delle verifiche tecniche) e Via Benedetto Costa dove vengono dislocati solitamente i van dei protagonisti delle vetture più potenti. Lo sforzo organizzativo è reso possibile anche dall’impegno e la collaborazione del Comune di Sarnano, della Provincia di Macerata e dall’associazione Sarnano In Pista, che rendono ottimamente funzionale la macchina organizzativa. Con l’Amministrazione Comunale c’è ormai grande sinergia, questo è il pensiero del vice-sindaco Stefano Censori: “Lo scorso anno siamo riusciti tra mille difficoltà ad organizzare nel migliore dei modi il Trofeo Scarfiotti, con grande soddisfazione degli appassionati e della comunità locale. Il nostro territorio deve ripartire, e a maggior ragione in questo 2018 stiamo cercando di farlo con grandi eventi sportivi. Proprio il percorso della Sarnano-Sassotetto ha visto un bellissimo fine tappa della gara ciclistica Tirreno-Adriatico, con l’arrivo in montagna. La città sarà teatro a metà maggio di un traguardo volante di una tappa del Giro d’Italia ed in agosto ospiteremo di nuovo la cronoscalata automobilistica di doppia validità tricolore. Stiamo compiendo questi sforzi perché crediamo fortemente nel turismo per la nostra montagna, che è attrazione turistica invernale ed estiva e non c’è altro modo di lavorare se non dare visibilità alle nostre bellezze promuovendo questi eventi, l’ospitalità e di conseguenza anche l’economia.”

18/04/2018
Fermento Creativo al cinema Italia di Macerata: l'appuntamento è per domani 19 aprile

Fermento Creativo al cinema Italia di Macerata: l'appuntamento è per domani 19 aprile

Ancora una importante iniziativa di Fermento Creativo al cinema Italia di Macerata. Domani, giovedì 19 aprile, serata evento alle ore 21, con il documentario Ex Libris-The New York Public Library del grandissimo regista/documentarista Frederick Wiseman.  L’iniziativa presa dall’AIB, Biblioteca Mozzi Borgetti, Comune di Macerata, in collaborazione con la società della famiglia Perugini, sarà introdotta dalla dottoressa Alessandra Sfrappini, Direttrice dell’Istituzione Macerata Cultura Biblioteca e Musei. Per quanto riguarda il documentario, «volendo azzardare una sintesi un po' brutale, e che tradisce comunque lo sguardo sempre elegante di Frederick Wiseman, Ex Libris – hanno scritto alcuni critici cinematografici - potrebbe essere recensito con una frase: “Studiate, capre!”». Perché i 197 scorrevolissimi minuti del film, che racconta una delle biblioteche più famose nel mondo, la New York Public Library, sono una vera e articolata dichiarazione politica che rivendica il ruolo centrale, nella vita sociale ed economica delle nostre società della cultura. Dove per cultura non s'intende solo leggere libri, ma tutta quell'esperienza complessa di esperienza del mondo e dei suoi meccanismi garantito dall'accesso all'informazione e alla conoscenza di cose, fatti, persone, immagini, musiche, parole, storie. Non è un caso che questo lungo ma mai noioso documentario, libero e lontano da ogni forma di pedanteria e dell'odiatissimo elitismo intellettuale di cui si fa un gran parlare di recente, si apra con le parole di Richard Dawkins che sottolineano l'importanza di combattere l'ignoranza e il pregiudizio che oggi sembrano voler governare con arroganza ogni ambito della vita pubblica e politica degli Stati Uniti e di molte altre nazioni, Italia compresa.  

18/04/2018
Macerata Musei a Vinitaly con Opera Tua di Coop Allenza 3.0

Macerata Musei a Vinitaly con Opera Tua di Coop Allenza 3.0

Macerata Musei con il vice sindaco e assessore alla Cultura Stefania Monteverde presenti a Vinitaly, il salone internazionale del vino  a Verona. L’occasione è la presentazione della seconda edizione del progetto Opera Tua promosso da Coop Alleanza 3.0 che sposa cibo e arte e investe sul restauro dei beni culturali per creare comunità e valore sul territorio con il patrimonio d’arte e il quello enogastronomico. In tutta Italia Coop Alleanza 3.0, insieme all’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco e a Fondaco Italia, ha selezionato dall’immenso patrimonio d’arte italiano 16 opere che parteciperanno a un sondaggio online che premierà grazie al voto di tutti l’opera da restaurare per prima.  “Ci fa molto piacere che sia stata selezionata un’opera importante dei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi che ha bisogno di un restauro che riporti i colori e la luce, - afferma l’assessore alla Cultura Stefania Monteverde. - Un ringraziamento speciale va a Coop Alleanza e ai partner, un’impresa sensibile che comprende il valore dei beni culturali e investe per rendere più ricca  la comunità. Presentare l’iniziativa al salone Vinitaly, una grande vetrina internazionale, è un’occasione di promozione per il territorio tutto”. Per le Marche quest’anno sono state scelte due opere d’arte, una di Macerata e l’altra di Urbino che si sfideranno a colpi di click dal 2 al 31 maggio su fb o nel sito.  L’opera scelta a Macerata è “Ritratto di padre Matteo Ricci” olio su tela del XVII secolo conservata nei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi. È una bella rappresentazione del grande maceratese in abiti confuciani con il simbolo dei gesuiti in una mano e un ventaglio nell’altra, a rappresentare il ponte di amicizia che ha costruito tra cultura cinese e cultura europea. L’opera scelta per Urbino è una statua dedicata a Raffaello Sanzio.  “Progetti come questi stimolano tutti a prendersi cura dell’eredità culturale che abbiamo avuto in dono proprio nel solco del grande gesuita padre Matteo Ricci che ha costruito una bella amicizia con la Cina fondata sulle diverse culture. E oggi continua ancora”, conclude l’assessore.  Tramite la votazione on line nella pagina Facebook di CoopAlleanza3.0 o nel sito www.coopalleanza3-0.it/soci/votazioni-opere/, nel mese di maggio si potrà votare per l’opera da restaurare con priorità. Possono votare tutti; i soci coop di tutta Italia che partecipano al voto sul sito otterranno uno sconto del 15% da spendere per l’acquisto di prodotti inseriti nella promozione.  

18/04/2018
Il cuoco Andrea Giuseppucci, da Tolentino a Parigi per rappresentare le Marche

Il cuoco Andrea Giuseppucci, da Tolentino a Parigi per rappresentare le Marche

Ancora soddisfazioni per il giovane cuoco tolentinate Andrea Giuseppucci che è stato invitato dal Ministero per gli Affari Esteri e dall’istituto Italiano di Cultura a Parigi a rappresentare le Marche ad una importante serata che si terrà nella capitale francese a metà giugno. Andrea Giuseppucci, al pari di altri importanti chef, come già fatto ad esempio da Bottura, avrà il compito di preparare e presentare piatti ricavati dalle ricette tradizionali delle Marche, facendo scoprire ai palati francesi e non solo, le prelibatezze gastronomiche e le tipicità marchigiane che, ovviamente saranno accompagnate dai nostri migliori vini. L’evento vedrà la partecipazione di ospiti di varie ambasciate e consentirà a tutti i partecipanti di degustare e apprezzare sia i piatti preparati dallo chef Andrea Giuseppucci che la grande tradizione enogastromonica delle Marche, senza dimenticare il grande cuoco dei monarchi europei del Settecento, Antonio Nebbia.  

18/04/2018
Città in Comune: "A Pezzanesi servono ripetizioni di logica, misura e senso del bene comune"

Città in Comune: "A Pezzanesi servono ripetizioni di logica, misura e senso del bene comune"

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma dell'Associazione Città in comune.  "Sbagliate e fuori misura le affermazioni del Sindaco Pezzanesi su presunte classificazioni tra città terremotate “di serie A e di serie B”. Pezzanesi si sente discriminato? Dopo che, a un anno e mezzo dal sisma, ha rifiutato categoricamente di installare una sola SAE (le casette prefabbricate, unifamiliari di legno) perché a Tolentino non servono, perché secondo lui tutto va bene, ora si agita perché i sindaci dei comuni montani che hanno subito danni molto pesanti chiedono comprensibilmente di poter differenziare il cratere? Dopo che a Tolentino sono piovuti 20 milioni per interventi sugli edifici pubblici (v. Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n.510 del 27.02.18 al comma 5) senza che in un anno e mezzo lui abbia costruito nulla per i terremotati, avendo prodotto solo carta, mentre i sindaci che hanno seguito scrupolosamente e responsabilmente le direttive della protezione civile e i protocolli per la gestione dell’emergenza devono ancora vedersi completare la consegna delle casette?  A Pezzanesi occorrono ripetizioni di logica, di misura e di senso del bene comune: o il terremoto a Tolentino ha fatto danni gravi e allora si attrezzi per dare risposte abitative subito e costruisca le SAE per chi ha diritto, oppure abbia la decenza di tacere di fronte a comunità distrutte o semidistrutte dal terremoto. Non solo sta ignorando i bisogni dei tolentinati che hanno perso la casa e ritardando irresponsabilmente l’adozione di risposte concrete, ora sta anche pregiudicando con atteggiamenti arroganti il ruolo che Tolentino riveste quale avamposto naturale e storico del territorio montano della provincia. Ricordi chi di dovere a Pezzanesi che è un sindaco e non il gestore della proprietà di famiglia, che non è padrone ma servo della comunità che rappresenta e che le sue responsabilità sono molto più ampie di come interpreta il suo ruolo".

18/04/2018
Incarico Romozzi, Ciarapica risponde a Corvatta: "Il nostro è un approccio pragmatico per risolvere le problematiche della viabilità"

Incarico Romozzi, Ciarapica risponde a Corvatta: "Il nostro è un approccio pragmatico per risolvere le problematiche della viabilità"

"Dopo aver lasciato Civitanova all’abbandono, l’ex Sindaco critica l’operato di chi invece prende in mano la situazione e si attiva concretamente per mettere in pratica opere pubbliche necessarie alla città. Il nostro è un approccio pragmatico che mira a risolvere le problematiche della viabilità che oggi stanno soffocando la città e la sua voglia di crescere". Queste le parole del sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica, in risposta a Corvatta. "Il progetto definitivo della rotatoria - continua il sindaco -  è stato consegnato nel giugno 2016, era solo sufficiente far convocare la conferenza dei servizi in quanto: c’era la copertura finanziaria necessaria, 12 milioni di euro, per la realizzazione della rotatoria e del sottopasso, scaturita dalla rinegoziazione del mutuo con CDP (Dicembre 2015) che aveva generato una somma totale di 166, 864 milioni di euro, come recepito dalle delibere CIPE del 1/12/2016, finalizzato alla realizzazione: Pedemontana delle Marche, Allaccio SS77 con SS16 a Civitanova Marche, Intervalliva di Macerata. Ma dal 2016 nessuno si è mai attivato per la conferenza che avrebbe dovuto essere calendarizzata prima dal MIT e poi, a seguito di chiusura della stessa portata, al CIPE. Oggi ci troviamo di fronte a una vera e propria emergenza che sta condizionando la vita dei cittadini di Civitanova quella dei fruitori della nostra città, vanificando la funzionalità dell’arteria nuova SS77". "Altro punto dolente della nostra viabilità - conclude - è il nodo Area Tecnica Distributiva al palasport - accesso a 14- che dovrebbe avere una circolarità  per permettere al traffico di fluire, evitandone il  reflusso che, nel fine settimana, arriva fino a Morrovalle. Questo si può evitare tramite la circolarità, congiuntamente al sistema di rotatorie e a una vera organizzazione della rete urbana esistente adiacente al terminale 77. Se, come emerge dagli atti, il mutuo è stato rinegoziato nel 2015, il progetto definitivo è stato consegnato nel 2016, come è possibile che a distanza di un anno e mezzo tutto è stato lasciato dormire? Poiché ho molto a cuore la mia città, subito dopo il mio insediamento mi sono incontrato con tecnici Anas e Quadrilatero, con a quale c’è stata corrispondenza nelle settimane successive. Lo spirito col quale è stato dato l’incarico a Romozzi è proprio quello di recuperare tutto il tempo perso perché, in pochissimo tempo, sono avvenuti incontri produttivi con i vertici di Qudrilatero, con la Regione e con la Provincia".    

18/04/2018
Festa dell’Europa e occupazione suolo pubblico: le richieste dovranno pervenire entro il 21 aprile

Festa dell’Europa e occupazione suolo pubblico: le richieste dovranno pervenire entro il 21 aprile

In vista della Festa dell’Europa che si svolgerà a Macerata dal 9 al 12 maggio, gli esercizi commerciali che hanno necessità di fare richiesta di autorizzazione di occupazione suolo pubblico straordinaria, relativa quindi ai soli giorni in cui si svolgerà la manifestazione devono farne richiesta entro il 21 aprile.   Questa formula consente di redigere un quadro complessivo e garantire il corretto svolgimento della manifestazione anche alla luce dei piani di sicurezza obbligatori.   

18/04/2018
Recanati, Cosmari: "Ritardi nel servizio di Porta a Porta? Sì, ma tanti gli aspetti positivi"

Recanati, Cosmari: "Ritardi nel servizio di Porta a Porta? Sì, ma tanti gli aspetti positivi"

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma del Cosmari. "A proposito dell’articolo inerente il ritardo dei rifiuti in alcune zone della Città di Recanati è bene non dimenticare la qualità e gli aspetti positivi propri del servizio di raccolta differenziata Porta a Porta. Infatti se da un lato si segnalano comprensibili ritardi nel ritiro dei sacchetti è bene anche precisare gli aspetti oggettivi, soprattutto ambientali, di questa specifica tipologia di differenziazione dei nostri rifiuti. Da quando il Comune di Recanati e Cosmari hanno avviato con indiscutibile successo il Porta a Porta su tutto il territorio comunale, la percentuale della raccolta differenziata, grazie anche all’introduzione dei sacchetti con microchip, ha avuto una crescita esponenziale, con un generale miglioramento del cosiddetto decoro urbano, dovuto soprattutto alla rimozione degli antiestetici cassonetti stradali che molto spesso si trasformavano, per l’inciviltà di pochi maleducati, in vere e proprie mini discariche a cielo aperto, magari a due passi dai monumenti più importanti e alla vista dei tanti turisti che visitano e apprezzano la città di Giacomo Leopardi. A tal proposito è bene ricordare che il servizio di raccolta differenziata Porta a Porta è stato avviato con tre distinti step tra il 2008 e il 2009. La raccolta differenziata dal 34,28% del 2008 è subito salita al 58,16% del 2009. Cinque anni più tardi, nel corso del 2013, anche Recanati ha introdotto il sistema con i sacchetti dotati di microchip con un notevole incremento della differenziata salita sino al 76,59%. A dicembre dello scorso anno (2017) i cittadini recanatesi hanno differenziato il 78,70% dei loro rifiuti urbani, confermandosi uno dei migliori Comuni Ricicloni delle Marche e d’Italia. Del resto, proprio negli anni scorsi, Recanati ha vinto diversi premi e riconoscimenti a livello nazionale, come ad esempio quello assegnato dal Consorzio Rilegno conquistato in virtù dell’alta percentuale di legno riciclato pro capite. Aspetto di fondamentale importanza anche quello inerente la tassa sui rifiuti che grazie alle percentuali raggiunte, alle economie di scala del servizio Porta a Porta, in questi anni è rimasta invariata, senza subire alcun aumento.    Inoltre, sempre grazie al Porta a Porta, i cittadini possono contare su un centro di raccolta (isola ecologica) particolarmente funzionale e su un apposito servizio di distribuzione dei sacchetti.  Non è vero quindi che il Porta a Porta ha peggiorato il decoro della città. Al contrario a parte qualche ora in cui i sacchetti sono davanti alle abitazioni, vie e piazze restano assolutamente pulite per il resto della giornata, aumentandone la fruibilità e la bellezza generale del contesto urbano. Al contrario i grandi cassonetti stradali avrebbero sicuramente dato una immagine negativa e particolarmente impattante.   Peraltro il dover coniugare i costi bassi con il servizio, come in altre realtà, ci impone di dover fare delle scelte riguardo alle raccolte privilegiando, come sempre detto, ad esempio, il centro storico, più frequentato e importante anche dal punto di vista turistico, andando a raccogliere i sacchetti in altre zone generalmente meno vivaci dal punto di vista sociale e di frequentazione. Resta importante il rispetto degli orari di conferimento dei cittadini che consente agli operatori Cosmari di intervenire in maniera rapida, senza continui doppi passaggi e con l’intento di portare via i sacchetti con i rifiuti differenziati prima possibile".    

18/04/2018
Progetto pilota “Primo soccorso a scuola”: c’è anche Macerata fra le 13 province selezionate in tutta Italia dal Ministero dell’Istruzione

Progetto pilota “Primo soccorso a scuola”: c’è anche Macerata fra le 13 province selezionate in tutta Italia dal Ministero dell’Istruzione

Prendono il via da oggi a Macerata le attività di formazione dei tutor che saranno successivamente impegnati nella sperimentazione di percorsi formativi sulle tecniche di primo soccorso per studenti e studentesse nell’ambito del progetto pilota “Primo soccorso a scuola”, già previsto dalla legge sulla “Buona scuola”. Interessato un numero circoscritto di istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado di un campione di tredici province italiane, fra cui appunto, nelle Marche, quella di Macerata. Qui l’Ufficio scolastico regionale ha individuato, quali destinatari della sperimentazione, l’Istituto Comprensivo “Don Bosco” di Tolentino per il primo ciclo di istruzione e l’Istituto di Istruzione Superiore “Matteo Ricci” di Macerata per il secondo. Coinvolti nel percorso formativo anche i docenti delle classi e il personale ATA delle due scuole. Percorso che è stato delineato nella convinzione che ogni azione educativa orientata alla promozione della salute si debba fondare su dati sanitari e sulle conoscenze scientifiche più attuali e documentate per poter innestare, su questa base conoscitiva, le opportune metodologie didattiche. Per questo sono state elaborate delle linee guida predisposte da un gruppo di lavoro congiunto tra il Ministero dell’istruzione e il Ministero della salute, composto da professionalità amministrative, educative e sanitarie dei due dicasteri e da rappresentanti regionali dei servizi di emergenza territoriale 118 ed esperti del settore sanitario e scolastico.  Analogamente, per la realizzazione dell’iniziativa, è stato costituito anche nelle Marche un tavolo di lavoro regionale, cui partecipano rappresentanti dell’Ufficio scolastico e del servizio di emergenza territoriale 118 e i due dirigenti delle scuole coinvolte, con il compito di coordinare, anche dopo la fase di sperimentazione, l’erogazione a regime della formazione sulle tecniche di primo soccorso.  

18/04/2018
Caldarola, recuperato un manoscritto del 1434 rubato negli anni Ottanta

Caldarola, recuperato un manoscritto del 1434 rubato negli anni Ottanta

I carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Ancona hanno recuperato un manoscritto del 1434, appartenente al Comune di Caldarola, piccolo centro del Maceratese ferito dal sisma, e rubato prima del 1980, messo all'asta su un sito web. Il documento era stato messo in vendita da un inserzionista di Varese, con l'indicazione in lingua inglese "Mysterious manuscript with dragon" evidentemente diretta a suscitare l'attenzione di una clientela straniera. L'annuncio è stato notato da un appassionato di documenti antichi e segnalato alla soprintendenza archivistica dell'Umbria e delle Marche di Perugia, che ha interessato i carabinieri del Tpc. In collaborazione con il Comune di Caldarola, i militari sono risaliti al venditore e sequestrato, su decreto della Procura di Varese, il documento che stava per essere aggiudicato. Il misterioso "manoscritto con un drago" è in realtà il registro dei dazi del 1434, ed è risultato essere il più antico documento di Caldarola. (Fonte Ansa)

18/04/2018
343 persone controllate, 60 perquisizioni personali e 10 denunce. I numeri dei "Carabinieri di rinforzo" a Porto Recanati

343 persone controllate, 60 perquisizioni personali e 10 denunce. I numeri dei "Carabinieri di rinforzo" a Porto Recanati

A distanza di dieci giorni dall’arrivo dei 10 Carabinieri di rinforzo appartenenti alla Compagnia d’Intervento Operativo dell’8° Reggimento “Lazio” di Roma, si può tracciare già un primo bilancio positivo. L’attività degli uomini della Compagnia di Intervento Operativo (C.I.O.), appunto specializzata nello svolgimento di servizi di controllo straordinario del territorio per l’attuazione di pattugliamenti, rastrellamenti, posti di blocco e di controllo, con l’impiego di cinque veicoli e la dotazione del sistema “O.d.i.n.o.” ha permesso di procedere, tra gli altri, a un arresto, alla denuncia di 10 persone, al sequestro di circa 40 grammi di sostanze stupefacenti tra cocaina, eroina e marijuana, all’esecuzione di 60  perquisizioni tra personali e domiciliari. In totale sono state controllate complessivamente 343 persone e 121 veicoli, sono state elevate 16 contravvenzioni al codice della strada e 2 veicoli sono stati sottoposti a sequestro. Il reparto, che rimarrà a Porto Recanati ancora per tutto il mese di aprile, verrà richiesto al Comando Generale anche per il mese di maggio.    

18/04/2018
Da giugno voli diretti da Ancona per Kiev

Da giugno voli diretti da Ancona per Kiev

Con voli settimanali, in partenza ogni sabato, l'Aeroporto delle Marche sarà collegato all'Ucraina tramite connessioni dirette da Ancona allo scalo di Kiev-Boryspil. I voli prenderanno avvio nella stagione estiva, sabato 9 giugno per terminare sabato 8 settembre e saranno operati dal vettore ucraino Windrose Airlines: arrivo ad Ancona alle 9:15, partenza alle 10:15 con arrivo previsto all'aeroporto di Kiev alle 13:55. L'avvio dei collegamenti con l'Ucraina - riferisce una nota di Aerdorica - è stato reso possibile da attività promozionali e turistiche messe in atto in questi mesi dall'aeroporto in sinergia con la Regione per la valorizzazione delle Marche su nuovi mercati esteri e in collaborazione con Tez Tour, uno dei maggiori tour operator sui mercati dell'Est Europa. Sui voli Windrose per Kiev, con aeromobili A320 da 180 posti a sedere e A321 da 218 posti, sarà possibile anche, previa disponibilità di spazio in stiva, caricare merce come prodotto 'general cargo'. (Ansa)

18/04/2018
Industria 4.0, accordo tra e-Lios ed Eurotech

Industria 4.0, accordo tra e-Lios ed Eurotech

Eurotech, fornitore leader di piattaforme per abilitare applicazioni Internet of Things (IoT), annuncia la collaborazione tecnica con e-Lios s.r.l., azienda di Camerino (Macerata) specializzata nello sviluppo software a supporto delle piccole e medie imprese, nel progetto di studio dell’interconnessione e controllo remoto di macchine da caffè.  La collaborazione è nata grazie ad un progetto innovativo che vede coinvolta Simonelli Group S.p.A., azienda marchigiana che esporta macchine da caffè in tutto il mondo. I dispositivi della famiglia IoT Edge Gateways (ReliaGATE) di Eurotech e il software personalizzato di e-Lios hanno permesso a Simonelli Group di raccogliere i dati trasmessi dalle macchine del caffè dislocate nel mondo ed elaborarli in ottica 4.0.   Gli IoT Edge Gateway raccolgono ed elaborano i dati relativi a pressione, temperatura e tempi di erogazione di ogni singolo caffè e li inviano al software e-Lios che ne analizza le statistiche e li trasforma in indicazioni preziose per il perfetto funzionamento della macchina. L’obiettivo è controllare a distanza ogni parametro significativo e migliorare le prestazioni, i consumi e garantire un’assistenza di qualità.  “Eurotech sta diffondendo il concetto di ecosistema ormai da tempo” dichiara Giuseppe Surace CP&MO di Eurotech “e a conferma di questo approccio, la collaborazione con partner specializzati come e-Lios permette sviluppo e implementazione di architetture IoT in qualsiasi campo di applicazione” “La sinergia tra software e-Lios, piattaforma e dispositivi Eurotech si è rivelato vincente ed ha dato vita ad un sistema per il controllo telemetrico delle macchine da caffè di altissimo livello” afferma Francesco Maccari, responsabile della Business Unit Industria 4.0 di e-Lios. “La soluzione può essere declinata per moltissimi altri casi d’uso. Il nostro software è scalabile e altamente personalizzabile e può integrarsi alla vasta gamma di sistemi Eurotech, adatti ad ogni tipologia di progetto”, conclude.    Il Gruppo Eurotech Eurotech (ETH:IM) è una multinazionale che progetta, sviluppa e fornisce soluzioni per lʼInternet of Things complete di servizi, software e hardware ai maggiori system integrator e ad aziende grandi e piccole. Adottando le soluzioni di Eurotech, i clienti hanno accesso alle pile di software (stack) open-source e agli standard più recenti, a Multi- service IoT Gateway flessibili e robusti e a sensori sofisticati, allo scopo di raccogliere dati dal campo e renderli fruibili per i processi aziendali. In collaborazione con numerosi partner di un ecosistema mondiale, Eurotech contribuisce a realizzare la visione dellʼInternet delle Cose, fornendo soluzioni complete oppure singoli blocchi "best-in-class", dalla gestione dei dispositivi e dei dati alla piattaforma di connettività e comunicazione, dai dispositivi periferici intelligenti agli oggetti “smart”, con modelli di business idonei al mondo dell’impresa moderna. Per maggiori informazioni su Eurotech: www.eurotech.com.  e-Lios  Nata nel 2007 come spin-off dell’Università di Camerino, e-Lios s.r.l. è oggi una realtà in continua crescita, attiva nel campo dello sviluppo software.  Fin dalla fondazione l’azienda lavora sui sistemi ICT a supporto della digitalizzazione, interconnessione, e ottimizzazione dei processi delle PMI, in modo particolare del settore manifatturiero. Questi sistemi si sono evoluti oggi in soluzioni personalizzabili, complete ed integrate per il supporto della produzione e della supply chain nel settore INDUSTRIA 4.0. Altri settori rilevanti per l’azienda sono quello turistico  on portali territoriali, App mobile georeferenziate e realtà aumentata per valorizzare in modo innovativo il patrimonio artistico e culturale; quello dei trasporti con software per l’infomobilità, bigliettazione elettronica, gestione delle sanzioni, AVM e pianificazione delle reti di trasporto; smart PA con soluzioni software per migliorare l’organizzazione e i processi di tutti i settori delle PA ad elevata capacità di integrazione con software e basi dati eterogenee; web agency con applicazioni web personalizzate, siti web e e-commerce responsive, basati su CMS, in linea con tutte le novità tecnologiche e grafiche; mobile app con app personalizzate per dispositivi mobile su iOS, Android, Windows mobile, per una gestione innovativa delle attività di marketing e del lavoro da remoto. Il costante aggiornamento, l’attenzione alla qualità del software e alla soddisfazione del Cliente rendono e-Lios un partner ideale per le imprese che credono nell'innovazione come fattore trainante di sviluppo. 

17/04/2018
Addetto all'installazione di impianti elettrici, c'è il corso gratuito

Addetto all'installazione di impianti elettrici, c'è il corso gratuito

Il presidente Ivana Marchegiani, dell’Ente di Formazione  Lacam, Ente gestore del progetto, illustra il programma del percorso formativo, unico finanziato nell’intero territorio regionale per la formazione di addetti all'installazione di impanti elettrici civili, della durata di 500 ore di cui 150 di stage aziendale. La figura professionale molto richiesta dal mercato del lavoro: l'installatore di impianti elettrici civili è la figura professionale che ha competenze metodologiche e tecnologiche nel campo elettrico ed elettronico e opera come lavoratore autonomo o dipendente in aziende – di qualsiasi dimensione – che producono, installano e riparano impianti elettrici in edilizia residenziale e in ambienti produttivi artigianali. In particolare interviene, a livello esecutivo, nel processo di realizzazione dell’impianto elettrico con autonomia e responsabilità limitate a ciò che prevedono le procedure e le metodiche della sua operatività. La qualificazione nell’applicazione di metodologie di base, di strumenti e di informazioni gli consentono di svolgere attività con competenze nel rispetto delle norme relative alla sicurezza degli impianti elettrici; pianifica e organizza il proprio lavoro seguendo le specifiche progettuali, occupandosi della posa delle canalizzazioni, del cablaggio, della preparazione del quadro elettrico, della verifica e della manutenzione dell’impianto. È in grado, inoltre di installare ed eseguire la manutenzione di apparati elettromeccanici, di sistemi di comando e controllo e di sistemi Domotici; di pianificare la manutenzione degli apparati, eseguire la diagnosi dei malfunzionamenti degli apparati elettrici ed elettromeccanici e di provvedere al recupero delle anomalie pianificando l'intervento di ripristino delle funzionalità. Le materie professionalizzanti che verranno insegnate da docenti altamente qualificati sono ad esempio: informatica, normativa settore elettrico, elementi di elettrotecnica ed elettronica, laboratorio elettrico, pianificazione e organizzazione del lavoro, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, inglese tecnico. Per inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro bisogna investire su se stessi e sulla propria formazione. Questo corso può offrire una preparazione tecnica e pratica. Possono accedervi persone che abbiano assolto l’obbligo scolastico (licenza media) e lo stage ha la sua importanza, infatti abbiamo previsto 150 ore in aziende del settore. Il corso di svolgerà a Macerata presso l’Istituto “F. Corridoni”  con orario pomeridiano dalle ore 14,00 alle ore 19,00 dal lunedi al venerdi. I possibili destinatari, potranno presentare domanda entro il 7 maggio 2018, scaricando l’avviso pubblico e la modulistica disponibile sul  sito www.scuolartiemestieri.it   Per informazioni è possibile rivolgersi al personale Lcam al  n. 0737/470082.  

17/04/2018
Belforte del Chienti, nuovi giochi per la scuola per l'infanzia

Belforte del Chienti, nuovi giochi per la scuola per l'infanzia

L'area verde dell'asilo di Belforte del Chienti ora è tutta rinnovata. Nuovi i giochi dove i più piccoli potranno divertirsi in piena sicurezza. A rendere nota la conclusione dell'intervento di ripristino delle strutture, è proprio il sindaco Roberto Paoloni, direttamente dalla sua pagina Facebook: "Abbiamo deciso di investire circa 15.000 euro per dare un giardino più bello e pieno di tanti bellissimi giochi. Teniamo molto ai nostri bimbi e quindi consideriamo i soldi ben spesi. Sapere di aver reso felici i bambini e il poter sentire le loro urla e vedere i loro sorrisi ci da la forza per guardare avanti e per vedere crescere il nostro Comune".

17/04/2018
Accompagnatori di media montagna, arriva il riconoscimento professionale

Accompagnatori di media montagna, arriva il riconoscimento professionale

La Giunta regionale delle Marche ha recentemente emanato la delibera, attesa da tempo, che individua le zone montane in cui è prevista l’attività professionale degli accompagnatori di media montagna, figura professionale individuata ai sensi della legge 6/89 e recepita dalla Regione Marche con legge regionale n. 4 del 1996. Si tratta di un importante riconoscimento del lavoro svolto dagli accompagnatori di media montagna in termini di sicurezza, competenza e professionalità. La delibera, approvata con voto espresso all’unanimità, fa finalmente chiarezza sulle competenze dei soggetti che, a vario titolo, svolgono attività di accompagnamento nel panorama dell’escursionismo. Il documento dispone una riserva in favore degli accompagnatori di media montagna nell’esercizio dell’attività al di sopra di un determinato livello altimetrico e, al di sotto di questo, su sentieri classificati con precisi indici di difficoltà. La ragione di quanto deliberato si fonda principalmente sul grado del profilo professionale dell’accompagnatore di media montagna che prevede una appropriata formazione volta alla conoscenza di tecniche e capacità non richieste per l’esercizio delle altre professioni che operano nel turismo. Dopo il corso di formazione gli aspiranti accompagnatori devono superare un esame di Stato disposto dalle regioni di appartenenza. Questo contribuisce in maniera decisiva alla tutela del consumatore, spesso non in grado di comprendere quanto un determinato servizio sia svolto da un soggetto competente o meno. Le competenze degli accompagnatori di media montagna potranno essere acquisite, da chi fosse interessato, partecipando al corso programmato dalla Regione Marche con il concorso del Collegio Regionale delle Guide Alpine i cui termini per le iscrizioni scadranno il prossimo 15 maggio.

17/04/2018
Sarnano riparte: al via la scuola voluta dalle fondazioni di Andrea Bocelli e Renzo Rosso

Sarnano riparte: al via la scuola voluta dalle fondazioni di Andrea Bocelli e Renzo Rosso

I ragazzi di Sarnano riavranno la loro scuola: una struttura antisismica, ecosostenibile, tecnologicamente avanzata, inondata di luce, con un’ampia corte centrale e tanti servizi – dalla palestra ai laboratori musicali e multimediali – aperti alla comunità. Sarà una fucina di futuro, una metafora concreta della vita che riparte, in uno dei luoghi più colpiti dal sisma del 2016. Mercoledì 2 maggio, a partire dalle 15, alla presenza di Andrea Bocelli e di Renzo Rosso, fondatori rispettivamente della Andrea Bocelli Foundation (ABF) e della Only The Brave Foundation, sarà ufficialmente inaugurato l’istituto secondario “Giacomo Leopardi”, costruito grazie all’impegno delle due realtà filantropiche, nel tempo record di centocinquanta giorni, laddove sorgeva l’edificio formativo compromesso dal terremoto. L’intera località marchigiana festeggerà la realizzazione di questo progetto: una scommessa (ed un traguardo) che evidenzia come la realtà imprenditoriale italiana possa reagire con forza e coesione ad un evento calamitoso, ed attraverso il circolo virtuoso della solidarietà, possa risolvere con trasparenza e rapidità anche situazioni complesse, al punto da far risorgere una comunità, restituendogli la speranza. I veri protagonisti della giornata inaugurale saranno proprio i giovanissimi di Sarnano, gli oltre cento alunni dell’istituto. Per buona parte dell’anno sono stati ospitati presso altri edifici, e dalle finestre delle loro provvisorie classi hanno potuto seguire, passo dopo passo, la rinascita della loro scuola. Il complesso, che s’appresta a diventare la seconda casa della nuova generazione dei sarnanesi, è stato realizzato - completamente con fornitori del territorio marchigiano - secondo le più moderne tecniche antisismiche, al punto da essere classificato ufficialmente quale “edificio strategico”, riparo sicuro in caso di calamità. Luogo di crescita, di amicizie, di futuro, la scuola media del centro montano è simbolo tangibile d’una comunità che è stata ferita e che ha saputo reagire con dignità, coraggio e buona volontà. Intitolato al sommo poeta marchigiano e dedicato al ciclo di studi secondario, il “Leopardi”, gravemente danneggiato dal sisma del 2016 (la prima scossa, in agosto, l’ha messo alla prova, la seconda, in ottobre, l’ha definitivamente piegato), ed è stato ricostruito in 5 mesi grazie alla sinergia fra Andrea Bocelli Foundation e Only The Brave Foundation. La sfida – ricostruirlo in cinque mesi per poi donarlo al paese, “chiavi in mano” – è stata vinta grazie alla presenza costante ed attiva del team delle due fondazioni (a partire da Veronica Berti ed Arianna Alessi, rispettivamente Vice-presidente della Andrea Bocelli Foundation la prima e Direttrice della Only The Brave Foundation la seconda), le quali si sono occupate direttamente di ogni aspetto, assumendosi responsabilità assai gravose e però avendo la possibilità di gestire gli spazi, in accordo con una amministrazione locale particolarmente collaborativa e partecipe, realizzando così una struttura aperta all’intera comunità: attrezzature sportive, spazi aggregativi, strumentazione musicale. Infatti, nonostante l’intervento si collochi in un contesto di emergenza, Andrea Bocelli Foundation e Only The Brave Foundation sono state mosse dalla volontà di creare occasioni di empowerment di più ampio respiro. La palestra sarà quindi aperta all’utilizzo da parte della comunità nelle ore pomeridiane così come la biblioteca (data la chiusura temporanea della biblioteca comunale). L’aula magna, l’aula musica e l’aula informatica sono concepite e attrezzate per poter dialogare fra loro e dare vita ad una sala di registrazione/conferenze, utilizzabile dalle molteplici realtà del territorio. Tanti gli amici, le aziende e le organizzazioni che si sono unite ad ABF e Only The Brave Foundation nel progetto di ricostruzione e che saranno presenti accanto alle due fondazioni il 2 maggio in occasione del taglio del nastro. Significativo è stato anche il contributo raccolto da ABF grazie alla campagna di SMS Solidale lanciata nel settembre 2017 in occasione della “Andrea Bocelli Night” al Colosseo di Roma: un esempio positivo di come i fondi raccolti grazie alla sensibilità e generosità dei donatori italiani siano subito stati impiegati nella realizzazione del progetto. Da parte sua invece Diesel, società del gruppo OTB a cui fa capo Only The Brave Foundation, ha avviato una serie di iniziative a supporto del progetto, come ad esempio “Customized with Love” (personalizzato con amore), che ha visto il coinvolgimento di molti personaggi famosi del mondo della musica e dell’arte a livello internazionale come Jovanotti, Saturnino, Cesare Cremonini, Courtney Love, David La Chapelle, Fabio Novembre, Jamie Campbell Bower e le modelle Petra Nemcova e Coco Rocha, che hanno personalizzato un capo di abbigliamento Diesel il cui ricavato è stato donato a questo progetto. Incubatrice di relazioni e di idee (proprio come la piazza principale d’ogni paese, ancor più se di una comunità montana) la scuola avrà idealmente la propria piazza: una corte interna a cielo aperto, intorno alla quale la struttura prende forma... Uno spazio verde che interagisce con il legno delle aule e con i corridoi loggiati. Una scuola colma di vita, di saperi, di sport, di bellezza, in armonia con la sensibilità dell’imprenditore veneto, patron della Diesel, e di musica, in armonia con l’arte che ha reso una fiaba (ed una missione) la vita stessa di Andrea Bocelli.

17/04/2018
Le studentesse dell’Ipseoa Varnelli al Gymfestival

Le studentesse dell’Ipseoa Varnelli al Gymfestival

Per la prima volta alcune studentesse dell’Ipseoa Varnelli di Cingoli hanno partecipato ad un importante una gara di ginnastica, il Gymfestival, presso il Palazzetto dello sport di Senigallia. Una competizione nazionale di ginnastica aerobica e artistica e altre specialità riservata alla Scuola Secondaria di I e II grado, organizzata dall’Asd Libertas Marotta con il Patrocinio del Comune di Senigallia e del Coni Regionale Marche, in collaborazione con la Federazione Ginnastica d’Italia, che ha visto la partecipazione di più di trecento ginnaste provenienti da tutta Italia.  Le ginnaste dell’Ipseoa (Marica Mogetta 3at, Elena Governatori 3at, Erika Passeri  3at, Emily Amico 5b, Giulia Sileoni 3sb, Anna Formentini 3ap, Sean Raffaello Andreucci 4at) hanno partecipato alla prova di acrobatica in cui si sono classificate settime, al corpo libero di squadra femminile con raggiungendo l’ ottimo  risultato di ottave, al corpo libero individuale ed infine alla nuova disciplina del "rope skipping" con la corda nella specialità dello "speed" nella quale hanno raggiunto il quinto posto . Gli atleti preparati dalla prof.ssa Tiziana Falleroni ed accompagnati dalla prof.ssa Rosella Ottaviani hanno rappresentato egregiamente l’istituto a testimonianza della grande attenzione che l'Ipseoa rivolge a tutti gli sport sia individuali che di squadra. Grande soddisfazione da parte sia degli alunni che delle insegnanti per i risultati ottenuti e l'impegno dimostrato, anche perché i Giochi Sportivi Studenteschi ormai non prevedono più fasi nazionali per la Ginnastica e le occasioni significative per finalizzare il lavoro scolastico di conseguenza sono drasticamente ridotte. Oltre alle gare di ginnastica aerobica ed artistica è prevista un’importante attività di sport unificato con l’integrazione di alunni con disabilità accompagnati, sostenuti e guidati da compagni di classe o di istituto, all’ insegna dello sport inclusivo.  

17/04/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433