Aggiornato alle: 18:51 Sabato, 8 Maggio 2021 cielo coperto (MC)
Varie Altri comuni

Vittime di crimini ambientali: anche nelle Marche reati ambientali in aumento, alcuni collegati allo smaltimento delle macerie del sisma 2016

Vittime di crimini ambientali: anche nelle Marche reati ambientali in aumento, alcuni collegati allo smaltimento delle macerie del sisma 2016

Quando si pensa alle vittime di un crimine, in automatico, complici i mass media, si pensa sempre ai crimini violenti, dolosi, omicidio, lesioni personali, stalking, maltrattamenti  contro familiari e conviventi, etc.

Eppure ci sono alcuni crimini, i cd crimini ambientali, che silenziosamente affliggono la nostra società, si nutrono della nostra salute,  ma che non sempre hanno la eco mediatica che la gravità del fenomeno richiederebbe.

“Eppure ogni anno”, ricorda il Prof. Marco Monzani, docente universitario, giurista, criminologo e vittimologo di fama internazionale,  “per ogni omicidio ci sono 800 morti di cancro ai polmoni causato da inquinamento ambientale”.

Di che reati stiamo parlando?

Inquinamento ambientale,

Disastro ambientale,

Traffico ed abbandono di materiale ad alta radioattività,

Impedimento del controllo,

Omessa bonifica,

Tali crimini sono una reale minaccia per la salute nostra, di tutti noi cittadini, del nostro pianeta, ed al contempo una fonte di reddito inimmaginabile per i soggetti che li pongono in essere: è crescente il coinvolgimento della criminalità organizzata in attività illecite, è fitto il collegamento tra crimini ambientali e riciclaggio di denaro,  frode, evasione e  corruzione fiscale.

Nella nostra regione Marche, come risulta  dal rapporto Ecomafia 2020 , sono 990 i reati ambientali registrati nel 2019, in aumento rispetto agli anni precedenti; il 2,9% del totale, con 1.042 persone denunciate, 4 arresti e 280 sequestri.

In occasione della presentazione del Rapporto Ecomafia 2020 il magistrato Paci (DDA Ancona)  ha segnalato che da indagini effettuate sullo smaltimento delle macerie del sisma 2016 sono stati riscontrati i reati di traffico illecito e corruzione.

Riferisce inoltre  “sul nostro territorio sono presenti aziende soggette a interdittive antimafia che operano in regione ad alta intensità mafiosa e persone legate in qualche modo alla criminalità organizzata"..

Ecco allora che c’è bisogno di un’ importante opera di sensibilizzazione che tenga accesi i riflettori sul problema dei reati ambientali e sulle gravi ripercussioni sulla nostra salute.

In tale direzione va il libro  “Vittime di crimini ambientali. Tra silenzi e istanze di riconoscimento”  del Prof. Marco Monzani, che affronta, come sempre con grande cuore, dedizione, passione e vicinanza alle vittime anche questo argomento, con un approccio criminologico e vittimologico; perchè il lavoro di un criminologo di valore, cito le sue parole, “ è quello di uscire dalle stanze delle Università, “sporcarsi le mani sul territorio” e incontrare le vittime per combattere le ingiustizie ed il disagio sociale, per la difesa del più debole e dei diritti dell’ uomo”.

La speranza è quella che condividendo e diffondendo tali insegnamenti e tali valori, ciascuno di noi diventi più consapevole che un mondo diverso da quello che stiamo lasciando ai nostri figli è possibile, solo se ciascuno, cittadini, Istituzioni, opinione pubblica etc. , ci mette del proprio.

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni