Aggiornato alle: 02:12 Giovedì, 18 Luglio 2024 nubi sparse (MC)
Economia Provincia Macerata

Fiberwide e Fastnet: percorso strategico per spingere la digitalizzazione del territorio marchigiano

Fiberwide e Fastnet: percorso strategico per spingere la digitalizzazione del territorio marchigiano

Il 29 novembre scorso Fiberwide Spa, operatore nazionale di telecomunicazioni B2B, con licenza di operatore telefonico, con sede a Milano, Torino e Roma, ha concluso il closing per l'acquisto del 100% della proprietà di Fastnet Spa, primo internet service provider delle Marche, il cui socio di maggioranza è stata per anni la famiglia Pieralisi di Jesi.

Pieralisi non abbandonerà il progetto, ma anzi continuerà a sostenerlo direttamente dall'interno di Fiberwide. Questa operazione si pone l'obiettivo di contribuire a dare un forte impulso strategico e tecnologico alla transizione digitale delle piccole e medie imprese del territorio marchigiano, puntando sulla cooperazione tra le due aziende per lo sviluppo di nuove tecnologie It e soluzioni IaaS abilitanti per le sfide dell'Industria 4.0.

"L'importanza di questa operazione nasce dall'idea strategica di unire un operatore nazionale di telecomunicazioni alla prima Service Farm della regione Marche, che da quasi trent’anni accompagna le aziende del territorio nella transizione digitale. Fastnet è il partner tecnologico giusto per diffondere ulteriormente il nostro know how e i nostri servizi innovativi e altamente tecnologici non solo nelle Marche ma soprattutto nell'area del centro Italia", dichiara Elio Romagnoli, ceo di Fiberwide Spa. 

"Fondamentale, inoltre, la possibilità di associare i sevizi di telecomunicazione alla gestione diretta dei dati dei nostri clienti - aggiunge Romagnoli -, possibilità offerta dal Datacenter Tier IV compliant di proprietà di Fastnet. Il Data Center è certificato Iso 27001 e qualificato Acn (ex Agid), ed ha una presenza diretta presso i due principali punti di interscambio dati d’Italia (Mix e NaMeX) raggiunti con un anello in fibra a 100Gbps. In questo modo forniremo oltre ai servizi Tlc, It e Ict integrati anche servizi Infrastructure as a Service (IaaS) altamente sicuri e performanti alle aziende e alle Pa locali e nazionali. Un bel salto tecnologico in avanti per il tessuto imprenditoriale locale che potrà contare su un player storico che da oggi è parte di un gruppo nazionale di aziende specializzate nella trasformazione digitale".

Da alcuni anni Fiberwide sta, infatti, continuando a perseguire l’obiettivo di creare un ecosistema di aziende tecnologiche, unico nel suo genere sul territorio italiano. Il punto di forza di questo progetto è che ogni azienda del gruppo è specializzata e ben radicata in un territorio preciso, ma allo stesso tempo può afferire ad un sistema più ampio di competenze e servizi dedicati al settore B2B.

Ad oggi il gruppo è in grado di offrire un’ampia gamma di soluzioni che vanno dalla fornitura nazionale ed internazionale di servizi tlc, di sistemi it e ict integrati ed ora, con l’ingresso di Fastnet, anche al cloud e alla colocation. L'acquisizione di Fastnet arriva appena ad un mese circa dall’acquisizione di Profexional S.r.l, altra azienda storica che ha portato in dote al gruppo Fiberwide 40 anni di eccellenza nei territori del Trentino-Alto Adige, Veneto e Lombardia, ai quali fornisce servizi ICT integrati verticalizzati sul mondo dell’Hospitality di alto livello.

"In questo momento la nostra strategia aziendale punta a creare un ecosistema di aziende specializzate nel settore TLC e IT, e che abbiano un forte radicamento nel territorio locale di appartenenza. Negli anni abbiamo capito che le Telco nel settore B2B funzionano se creano valore per il cliente e questo valore è dato non solo dalla competenza ma anche dalla vicinanza. Per gli imprenditori, infatti, è fondamentale avere un partner tecnologico che stia al suo fianco, soprattutto nei momenti di necessità", spiega Ilenia De Bortoli, Coo di Fiberwide SPA.

"La vera innovazione del nostro progetto però sta nel dare a realtà locali di eccellenza l’occasione sia di poter portare il loro know how anche al di fuori del loro territorio, sia di poter ampliare la loro offerta integrando i servizi altamente tecnologici e innovativi che sono forniti dalle altre aziende del gruppo - prosegue De Bortoli -. In questo modo si crea uno scambio reciproco di conoscenza e di tecnologia che ci stimola a collaborare per continuare ad innovare. Infine, molto importante per la creazione di un gruppo solido, è mantenere l'imprenditorialità e la forza lavoro già presenti nelle realtà che di volta in volta stiamo acquisendo. In questo modo si garantisce sia la stabilità del fatturato, sia la fiducia dei clienti".

L’adesione all’ecosistema nasce da una forte volontà di Andrea Pieralisi, ex presidente di Fastnet ed ora nell'azionariato di Fiberwide, che ha intuito le potenzialità di crescita che avrebbe avuto la Service Farm marchigiana all’interno di un gruppo nazionale altamente innovativo come quello di Fiberwide.

"Sono passati ormai molti anni da quando il Gruppo Pieralisi in modo pionieristico decise di diversificare le proprie tradizionali attività anche nel settore della digitalizzazione. La propensione alla sfida dell'innovazione è sempre stata nel dna della nostra famiglia, basti pensare alla nostra Tv Centro Marche che è una delle prime realtà televisive private sorte in Italia. Ora - dichiara Elio Romagnoli, ceo di Fiberwide Spa - con questo accordo ci lanciamo verso il futuro dentro una galassia fortemente radicata dentro la quale Fastnet potrà soltanto continuare a crescere. Questo passaggio garantisce stabilità occupazionale, rafforza il legame con il territorio ed offre ulteriori opportunità a tutte le aziende che da anni credono in noi concedendoci la loro fiducia nel trattare dati importantissimi e reti delicate ormai fondamentali per la valorizzazione del tessuto produttivo e del lavoro sul territorio". 

Ad oggi il gruppo Fiberwide conta circa 80 dipendenti e un fatturato aggregato di circa 11 milioni di euro. Il gruppo ha 4 sedi operative in Italia, con headquarter a Milano nel quartiere dell’Hitech di Isola e con le altre sedi a Torino, Genova e a Roma a cui si aggiungono, dopo le recenti acquisizioni, Ancona, Bolzano e Trento per un totale di 7 presenze operative sul territorio italiano.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni