Montefano

Premio "Ghergo" a Montefano, un weekend di grande fotografia: ecco i premiati

Premio "Ghergo" a Montefano, un weekend di grande fotografia: ecco i premiati

Ieri pomeriggio, alle 17.00, nella splendida cornice del Teatro Rondinella di Montefano la Commissione del Premio “Arturo Ghergo” composta da Dennis Curti (curatore artistico), Cristina Ghergo (fotografa professionista e figlia del grande fotografo montefanese) e Pasquale Pozzessere (regista) hanno conferito a Toni Thorimbert, reporter, ritrattista art director e fotografo di moda (sue le indimenticabili immagini di moda realizzate negli anni a cavallo fra gli ’80 e ’90 per Vogue Italia, Amica, Io Donna e moltissime altre testate femminili) il Premio alla Carriera con la seguente motivazione “Per la sua capacità di porre l’universo umano al centro di tutta la sua ricerca artistica. Per aver saputo innovare il vocabolario contemporaneo della fotografia, per aver portato, all’interno della fotografia pubblicitaria e di moda, una narrazione reportagistica del tutto personale.” Bellissima la Lectio Magistralis di Thorimbert, a tratti addirittura emozionante, che ha ripercorso tutto il processo evolutivo della “sua” fotografia che dura da quasi quarant’anni. Il pubblico in sala lo ha seguito per circa un’ora e mezza in religioso silenzio, tanto il personaggio ha affascinato con il suo racconto esperti e profani di questa splendida arte. Il Premio Giovani è andato alla marchigiana Monia Marchionni, con il lavoro “Primo Amore”, attraverso il quale ha raccontato la sua città natale, Porto San Giorgio. Un lavoro giudicato “di notevole impatto visivo e dotato di coerenza stilistica espressa con grande semplicità.” Nel loggiato del Teatro sono state esposte le opere fotografiche dei partecipanti ai Laboratori “Ghergo Kids”, bellissime e dedicate all’inclusione: una serie di visi di bambini tagliati con grazia e ricomposti per dare volto ad un melting pot umano, l’unica strada percorribile – ci dicono i bambini – per vivere bene tutti insieme su questo bistrattato Pianeta. In conclusione il Sindaco Barbieri ha inaugurato la Mostra Fotografica allestita a fianco del Teatro che sarà aperta al Pubblico fino al 6 Dicembre: sono esposti molti splendidi ritratti di dive del Cinema Italiano degli anni ’40 e ’50 realizzati da Arturo Ghergo, alcune opere di Thorimbert e della nostra conterranea e fresca vincitrice Monia Marchionni.

28/09/2020
Il Montefano batte la Maceratese in amichevole: decide Mastronunzio su rigore

Il Montefano batte la Maceratese in amichevole: decide Mastronunzio su rigore

Seconda sgambata della pre stagione per la nuova Maceratese di mister Francesco Nocera. Contro una squadra di categoria superiore come il Montefano sono arrivate nuovamente buone indicazioni, sebbene la "Vipera" Mastronunzio abbia confermato la sua fama di bomber implacabile siglando la rete della vittoria degli ospiti (si è giocato sul campo di Sforzacosta ndr) per uno a zero.  Il primo tempo è avaro di grandi emozioni, anche a causa del forte caldo che sta contraddistinguendo il mese di settembre. Al 27' il primo a farsi vedere è Sopranzetti con un destro da dentro l'area che finisce fuori di poco. Un minuto più tardi Carrion di testa sfiora il palo sotto misura su traversone di Vechiarello.  L'ultimo brivido dei 45 minuti lo regala Ruibal con una conclusione decentrata che si spegne alta sopra la traversa.   Nella ripresa si parte con una punizione di Miramontes indirizzata all'incrocio, ma deviata in angolo da Rocchi con un balzo felino. Al 24' del secondo tempo Bianchi colpisce il palo da posizione ravvicinata dopo azione insistita, prima della conclusione deliziosa di Vechiarello nuovamente respinta da Rocchi in volo plastico (32' st).  All'84' l'episodio che decide il match. Marino atterra Cingolani, il direttore di gara non ha dubbi: è rigore. Dal dischetto Mastronunzio non perdona e regala la vittoria ai suoi.     

19/09/2020
Montefano, Consiglio comunale aperto: si affronterà il tema della discarica

Montefano, Consiglio comunale aperto: si affronterà il tema della discarica

Ieri sera a Montefano, alle 21:00 in Piazza Bracaccini, si è svolto il Consiglio Comunale Aperto per affrontare il delicato tema della discarica. Dopo giorni di botta e risposta sui media locali, il sindaco Angela Barbieri ha deciso, in accordo con l’Amministrazione Comunale tutta, di coinvolgere la cittadinanza in un incontro che sia il più possibile chiarificatore sull’argomento. “L’istituto del Consiglio Comunale Aperto è un istituto di alta democrazia, possibile qualora si debbano affrontare argomenti di particolare interesse per la comunità – ha esordito il Sindaco Barbieri – e a questo istituto possono partecipare altri enti, istituzioni, cittadini ed esperti sugli argomenti trattati. Su nostro invito questa sera è quindi presente il Dottor Buongarzone, agronomo esperto in Valutazione di Impatto Ambientale, che supporterà l’Amministrazione Comunale nella dura battaglia per evitare l’insediamento di una discarica nel nostro territorio". Un breve escursus riassuntivo del percorso fin qui tracciato: al momento della delibera sulla ricerca di un nuovo sito discarica in provincia di Macerata (parliamo del 2017) l’allora Amministrazione Comunale di Montefano non ha in alcun modo fatto opposizione alla decisione della Provincia, come invece hanno agito molti altri Comuni. Il Sindaco ha citato, atto dopo atto, tutti i tentativi fatti nell’ultimo anno per opporsi a quanto purtroppo già pianificato nel 2017, fino alla seduta del Comitato Consultivo del 4 Settembre u.s. nella quale è stata consegnata la richiesta di una relazione tecnica, complessa e corposa, entro 30 giorni. La reazione dei Sindaci è stata molto dura, troppo poco tempo per garantire relazioni tecniche complete e che riescano a tutelare il proprio territorio. “Grazie a Dio il comune di Montefano si era già dotato di un esperto nella Valutazione dell’Impatto Ambientale, il Dottor Buongarzone, e di un legale esperto nel settore, l’avvocato Carassai, che sta preparando il ricorso” afferma il Sindaco. Il Dottor Buongarzone, sollecitato dagli interventi dei cittadini, ha spiegato che il piano regionale rifiuti tutela le aree montane e quelle marittime quanto a dislocazione delle discariche, mettendo così in difficoltà le zone collinari (per quanto ci riguarda, in buona sostanza, l’area che va da San Severino a Recanati). La discriminante per ubicare una discarica è avere disponibilità di una superficie di 30 ettari in continuità: tuttavia la superficie in questione non può essere utilizzata se sono presenti “produzioni agricole di pregio” (DOP, IGP, etc.), produzioni biologiche, abitazioni civili esistenti nell’area individuata ed aree archeologiche. Quindi, l’indagine preparatoria e la successiva relazione tecnica lavoreranno su questi fattori, la materia è molto delicata e complessa, la richiesta dell’Amministrazione Comunale è di rendersi tutti disponibili a fornire dati e informazioni affinchè la stessa relazione sia strutturata nel miglior modo possibile ed utile ad allontanare la possibilità della localizzazione di una discarica nel territorio montefanese. Attesissimo l’intervento del presidente del Comitato “No Discarica”, Fabio Lanari. Dalla nascita, nel luglio scorso, ad oggi il Comitato è cresciuto sempre più (conta ormai oltre 3000 aderenti), portando avanti la sua battaglia a colpi di ricorsi, di professionisti eccellenti che collaborano al progetto, unitamente a moltissimi cittadini che si sono messi a disposizione liberamente. “Il rischio discarica esiste ed è alto, il percorso sarà lungo e faticoso, tutti dobbiamo lavorare e collaborare con l’Amministrazione Comunale affinchè tutte le informazioni utili siano a disposizione per la finalità di interesse comune.” Un confronto serrato fra il Presidente ed il Dottor Buongarzone ha messo in luce come, negli anni, l’argomento discarica in generale sia stato trattato in maniera avulsa dalla realtà, senza tenere nel debito conto tutta una serie di caratteristiche dei territori che non possono essere considerate con superficialità. Il consigliere Mezzalani interviene dichiarando che finalmente, grazie a questo aperto confronto, si possono trovare punti d’accordo. “Purtroppo però il problema resta, i costi per affrontare ricorsi e altre modalità per contrastare queste decisioni della Provincia ricadono sul Comune e quindi sui cittadini, ma l’auspicio è quello di fare fronte comune per vincere questa battaglia".  “Il problema alla base è la produzione dei rifiuti, non solo lo smaltimento. Il contributo che il nostro Comitato vuol dare alla questione è legato all’educazione, alla corretta differenziazione dei rifiuti, al rispetto dell’ambiente e della salute. Un ringraziamento va all’Amministrazione Comunale per quanto sta facendo, non di meno i punti in comune fra Comitati, i cittadini e l’Amministrazione Comunale sono molti e sentiti, dobbiamo lavorare tutti insieme da qui in avanti, contribuendo insieme a raggiungere gli obiettivi prefissati” afferma Daniele Messi, Presidente del Comitato T.A.M.O., altro Comitato nato in conseguenza della questione. Anche T.A.M.O. , come il Comitato NO Discarica è apartitico e apolitico. L’Assessore Sparapani riporta l’attenzione sul rapporto fra politica, istituzioni e cittadini. “I Comitati sono importanti perché danno voce alle esigenze della Comunità ma, sì, c’è un ma. Se vogliamo, di natura politica. Dal marzo 2017, quando tutto è iniziato, sono passati tre anni e si è perso molto, molto tempo per affrontare il problema. Certa politica, quella buona, non lascia cadere osservazioni ed azioni a tutela della comunità, invece questo è accaduto a Montefano. E’ necessario fare molta attenzione, perché anche in politica 'verba volant, scripta manent', bisogna fare atti e non solo parole.” L’intervento del Sindaco Barbieri conclude la seduta. E’ decisa, ferma e dura Angela, non concede spazio al lassismo di nessuno, tantomeno a quello che definisce “inutile chiacchiericcio”. “L’unità ed il confronto vanno sempre cercati, tanto più in una comunità ristretta, nella quale fare bene è forse più semplice che in realtà più grandi. Io, e dicendo io dico tutta la mia Amministrazione Comunale, sono da sempre a vostra disposizione, lo sapete, l’ente è il Comune e non i Comitati, che pure ringrazio per il loro incessante lavoro su questo tema difficile, a noi dovete rivolgervi con franchezza per ogni problema e difficoltà. Poichè è il Comune a parlare nelle sedi preposte a prendere decisioni, e quindi a fare gli atti necessari, strumenti con i quali lavora l’Amministrazione Pubblica. Ringrazio tutti della partecipazione, questa è stata per me una bellissima esperienza, grazie per il vostro grande senso di responsabilità, la compostezza e la comprensione dell’istituto del Consiglio Comunale Aperto, avete dimostrato un grande senso di democrazia". L’applauso finale è liberatorio, certo il problema resta ed il percorso sarà lungo ed arduo da affrontare ma, con ogni probabilità, sarà possibile – da oggi in poi - un confronto più aperto e costruttivo.

18/09/2020
Montefano, inaugurata la mensa della scuola primaria “Olimpia”: arriva il tempo pieno

Montefano, inaugurata la mensa della scuola primaria “Olimpia”: arriva il tempo pieno

Ieri pomeriggio alla presenza della Dirigente di Plesso Dottoressa Greco Filomena e di Don Ignazio, che ha impartito la Sua Benedizione, il sindaco di Montefano Angela Barbieri ha tagliato il nastro della nuovissima cucina realizzata nella sede della Scuola Primaria “Olimpia”. Un obiettivo già presente nel programma elettorale e raggiunto con un investimento programmato: la somministrazione diretta dei pasti anche alle Scuole Primaria e Secondaria, oltre alla Scuola dell’Infanzia, consentendo così – per la prima volta a Montefano – l’istituzione del Tempo Pieno e Prolungato. "La precedente Amministrazione Comunale in questa opportunità, ignorando così le necessità di molte famiglie, e non ha mai fatto quei passi necessari ad offrire un contesto scolastico attuale e di servizio alla comunità" sottolinea il sindaco. Come affermato dalla Professoressa Greco "il servizio mensa non è solo un sostegno alla comunità ma anche un’opportunità di socializzazione maggiore per i bambini e i ragazzi. Fino ad oggi i pasti dei bambini della sola Scuola dell’Infanzia erano somministrati dalle cucine della Casa di Riposo 'A. Cristallini' - prosegue la professoressa Greco-. Ma adeguare le cucine della Casa di Riposo non poteva rappresentare la soluzione ad un’esigenza diversa, quella di un servizio dedicato ai ragazzi sotto tutti i punti di vista". "Peraltro, l’open space in cui si svolgono le attività comuni (recite, eventi natalizi, feste di fine anno, incontri con i genitori) non è stato affatto ridotto grazie all’utilizzo di alcune aule disponibili, mettendo così a profitto ampi spazi per la cucina" conclude la professoressa.  “La Scuola Olimpia doveva dotarsi di una struttura che permettesse di non dipendere in alcun modo da altri, soprattutto in questi tempi difficili, e di offrire un servizio nuovo ed atteso da tutti. La nuova cucina non rappresenta assolutamente un investimento superfluo ma la risposta concreta alle necessità di tante famiglie che hanno 'bisogno' del tempo pieno e prolungato per lavorare con serenità e nella certezza che i propri figli abbiano un menù pensato per loro e biologico, come raccomandato dalla Regione Marche che in tal senso erogherà un contributo economico - afferma il sindaco Angela Barbieri, proseguendo - I posti di lavoro non sono persi, anzi: una delle cuoche della Casa di Riposo ha avuto completato l’orario di lavoro secondo contratto presso la 'Primaria Olimpia' e ben altre tre persone sono state già assunte per garantire l’eccellenza del servizio”.

Sisma, 67enne di Montefano senza Cas da otto mesi. Il sindaco precisa: "Situazione già sbloccata"

Sisma, 67enne di Montefano senza Cas da otto mesi. Il sindaco precisa: "Situazione già sbloccata"

In merito alla vicenda della 67enne terremotata di Montefano,  costretta a vivere un calvario lungo otto mesi a seguito della mancata erogazione del Cas, è intervenuto il sindaco di Montefano, Angela Barbieri, per chiarire la posizione dell'amministrazione comunale. "L 'Amministrazione Comunale di Montefano tiene a precisare che la situazione, al momento della pubblicazione dell’articolo, era già sbloccata". "Nessuna malavolontà né alcun disinteresse per la questione - spiega in una nota l'Amministrazione comunale montefanese -  molto più semplicemente fatti tecnici e procedure, a volte un po' laboriose, non hanno permesso una risoluzione rapida del problema, come in effetti indicato dalla figlia della signora nel predetto articolo. La signora riceverà tutto quanto di sua spettanza nel rispetto dei tempi di monitoraggio e verifica di Coeshion Regione Marche, come è accaduto per tutti coloro che hanno riportato danni dal sisma del 2016. Il Sindaco di Montefano – Angela Barbieri – invita, per il futuro, i suoi concittadini a richiedere un incontro diretto con lei, qualora la questione da affrontare tocchi temi importanti e che incidono pesantemente sulla qualità della vita".

11/09/2020
Terremoto, 67enne di Montefano costretta ad un calvario da febbraio. La figlia: "Pensiamo alle vie legali"

Terremoto, 67enne di Montefano costretta ad un calvario da febbraio. La figlia: "Pensiamo alle vie legali"

"Mia madre, terremotata e vedova da 2 anni, costretta a vivere tutt'oggi un calvario che va avanti da otto mesi". Questo quanto racconta alla nostra redazione la figlia di una donna di 67 anni di Montefano, una delle tante storie di difficoltà che ancora persistono nonostante siano passati ben quattro anni dalle scosse di terremoto del 2016.  Il sisma le portò via la casa, ma - fin da subito - fu offerto, a lei e al marito, alloggio in un albergo di Castelfidardo. Poi, quando le condizioni di salute del compagno di una vita si sono aggravate, la coppia si è spostata all’Hotel Recina di Villa Potenza. Qui la signora è rimasta anche dopo la scomparsa del marito perlomeno fino a febbraio di quest’anno, quando ha dovuto lasciare la sua camera (come previsto da un'ordinanza della protezione civile) e cercarsi un appartamento, nel quale attualmente vive e di cui tutt’ora sta pagando affitto e spese. Come da ordinanza la signora ha presentato la domanda per il C.A.S. (contributo di autonoma sistemazione) ma, stando al racconto della figlia, ancora ad oggi non ha ricevuto alcuna risposta.  Per evitare problemi nella compilazione della domanda, sia la signora che la figlia, si sono recate in comune facendo scrivere il documento direttamente agli addetti dell’ufficio. Nel frattempo la signora è rimasta nell’appartamento che aveva affittato ma, essendo sola e vivendo unicamente con la pensione, non riesce a far fronte a tutte le spese con cui deve fare i conti ogni mese. Come previsto dal comune di Montefano, ora la signora rischia di essere sfrattata in quanto non riesce ad arrivare a coprire tutte le spese. La figlia, indignata per la situazione in cui è costretta a vedere la madre, è in cerca di soluzioni sul come procedere ma, nonostante le numerose telefonate in comune e in regione, non si arriva da nessuna parte. “Stiamo cercando da 8 mesi un riscontro ma non otteniamo nulla, continuano a dirci che stanno controllando la situazione ma quello che resta è solo l’essere presi in giro”. Queste le parole con cui la figlia della 67enne ci descrive la situazione che vivono ogni giorno. “La domanda l’abbiamo presentata a febbraio con il contratto di affitto sulle mani e pensavamo che dopo poco - prosegue nel racconto la figlia - la situazione si sarebbe sistemata ma, a quanto sembra, o la domanda è stata compilata male o è stata chiusa male o ancora non è partito nulla a livello burocratico, resta il fatto che non ci viene data nessuna spiegazione e veniamo solamente rimandati di rimbalzo da un ufficio all’altro”. "A breve, non ci saranno novità o miglioramenti sarà costretta a procedere per vie legali" conclude esasperata la ragazza.

09/09/2020
Il senatore Battisoni interroga i ministri: "Recanati e Montefano meritano di essere siti Unesco, non una discarica"

Il senatore Battisoni interroga i ministri: "Recanati e Montefano meritano di essere siti Unesco, non una discarica"

"Ho avviato, nella giornata di ieri, un atto di sindacato ispettivo nei confronti dei Ministri dell'Agricoltura, della Cultura e dell'Ambiente per fare luce sulle procedure che hanno portato all'individuazione, come aree idonee ad ospitare una discarica, alcuni territori della provincia di Macerata ad alta vocazione agricola con colture biologiche, vocazione turistico-culturale e vincolate al rispetto ambientale e paesaggistico, fra cui diverse aree individuate nei Comuni di Recanati e Montefano". Così il senatore Francesco Battistoni interviene in merito alle scelta, fatta nel 2017 dall'ente provinciale di Macerata. Una scelta ritenuta "incomprensibile, anche in ragione del fatto che questi luoghi sono conosciuti al turismo nazionale e internazionale per la bellezza del paesaggio e l'importanza storica".  "Stanno nascendo diverse associazioni a difesa e tutela del paesaggio e della quale mi ha portato a conoscenza la candidata di Forza Italia Sabrina Baiocco. Ritengo opportuno che il Governo faccia velocemente chiarezza e spieghi esattamente come stanno andando le cose, con la speranza che le istituzioni locali possano ravvedersi sulle loro scelte e magari invertirle. Parliamo di una terra che ha ispirato Giacomo Leopardi, e che forse meriterebbe di più una iniziativa verso l'ammissione al Patrimonio dell'Unesco che una discarica" conclude il senatore Battistoni.

03/09/2020
Montefano, beccato con 430 grammi di hashish e marijuana: arrestato un 20enne (VIDEO e FOTO)

Montefano, beccato con 430 grammi di hashish e marijuana: arrestato un 20enne (VIDEO e FOTO)

I finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Macerata hanno tratto in arresto un ventenne, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, procedendo al sequestro di 320 grammi di hashish e 106 grammi di marijuana.   Fondamentale, si è rivelata l’intensificazione del controllo su tutto il territorio provinciale di competenza ed il monitoraggio di soggetti collegati con gli ambienti dello spaccio. Proprio nel corso di un servizio di pattugliamento, nei pressi di Montefano , i finanzieri hanno sottoporlo a controllo il giovane, trovandolo in possesso di una cospicua quantità di sostanze stupefacenti. Lo stupefacente, verosimilmente destinato al “mercato” locale, è stato sottoposto a sequestro, mentre il responsabile è stato tratto in arresto e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.  

26/08/2020
Comitato "No discarica" Montefano-Recanati: incontro con il candidato presidente Acquaroli

Comitato "No discarica" Montefano-Recanati: incontro con il candidato presidente Acquaroli

Ieri pomeriggio presso il Ristorante Villa Anton di Recanati, Francesco Acquaroli candidato unitario del centrodestra per la Regione Marche, ha incontrato una delegazione del Comitato No Discarica territorio di Montefano Recanati. Dopo una presentazione del Comitato e una breve introduzione del Presidente Fabio Lanari, sono state rivolte all’Onorevole alcune domande riguardo al tema della futura discarica della Provincia di Macerata. A una prima domanda circa la sua opinione in merito, Acquaroli ha risposto che secondo lui è impensabile che possa essere autorizzata la realizzazione di una discarica nelle terre dell’Infinito, valorizzate da tutti come uno strumento di crescita turistica e come un punto di riferimento culturale non solo per la città di Recanati e per la Provincia di Macerata, ma per tutte le Marche e l’Italia intera. Ha ribadito inoltre che, l’individuazione e l’autorizzazione di una discarica in questi luoghi, sarebbe una sconfitta non solo per la città di Recanati ma per il brand “Marche”.  In più, la notizia della costruzione di una discarica davanti ai colli dell’Infinito avrebbe una vasta eco a livello mondiale. Una seconda domanda posta al candidato del centrodestra è stata relativa alla sua posizione riguardo al dibattito sulla opportunità o meno di costruire nuove discariche.  Acquaroli ha tenuto a precisare che, non essendo un tecnico della materia e non conoscendo le nuove tecnologie, ritiene che la politica debba confrontarsi su tutte le eventualità che le vengono proposte per capire quali siano le alternative esistenti riguardo alle tecnologie nel trattamento e nella gestione dei rifiuti. In primis, dovranno farlo il Consiglio e la Giunta Regionale che verranno eletti e lo dovranno fare anche tramite un confronto serio con tutti i sindaci dei territori coinvolti, perché non possono essere lasciati soli ogni volta che si ripresenta il problema dello smaltimento dei rifiuti, tra l’altro sempre in emergenza. ”La salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente devono sempre e comunque essere messe al primo posto e, su temi così importanti, la condivisione deve auspicabilmente andare oltre il perimetro delle maggioranze”. Bisogna poi capire se ci sono i margini o meno per fare una discussione collettiva: la politica non può sottrarsi a un confronto con i cittadini, di qualsiasi schieramento siano, perché lascerebbe uno spazio vuoto non più consentito. Per concludere, a una domanda maggiormente circostanziata relativa ai criteri adottati dall’ATA per individuare i siti dove localizzare la nuova discarica, ha risposto che i criteri ci sono e sono stati anche ben individuati dal Piano Regionale del 2015 e dai criteri della Provincia. Se però non si tiene conto del danno all’immagine che si produce a un territorio, bisogna inserirlo assolutamente rivedendo comunque bene tutti i criteri utilizzati, aggiungendo, poi, che a lui risulta che questo criterio fosse presente nella Legge nazionale. Il Comitato No Discarica Territorio Montefano Recanati, che ad oggi conta 800 iscritti, 2.073 aderenti alla campagna aperta su Change.org e oltre 2.800 membri del gruppo Facebook, incontrerà a breve il candidato del centrosinistra Maurizio Mangialardi, che dovrebbe confermare sua presenza in queste ore. Il fitto programma di incontri proseguirà poi con una discussione collettiva con gli altri candidati Governatori per la Regione Marche.

19/08/2020
Montefano, nasce T.A.MO: il comitato cittadino a tutela dell'ambiente

Montefano, nasce T.A.MO: il comitato cittadino a tutela dell'ambiente

A Montefano si sta costituendo un Comitato spontaneo che sarà denominato Tutela Ambiente MOntefano (T.A.MO). "T.A.MO. sarà un gruppo libero, apartitico, che avrà come scopo principale la difesa della salute e dell'ambiente tramite la promozione di iniziative di carattere socio-culturale volte alla sensibilizzazione e al coinvolgimento della cittadinanza - dichiarano i rappresentati in un comunicato -  Il comitato non avrà alcun fine di lucro e prioritariamente si porrà l’obiettivo di supervisionare sulle azioni di individuazione e realizzazione di una discarica per rifiuti ordinari e speciali in base a quanto approvato attraverso la delibera assembleare dell’ATA n.9 del 26/06/2020 - precisano - I promotori del comitato, riconoscendo la problematica generale che sta alla base delle necessità oggettive che impongono la creazione di impianti di smaltimento dei rifiuti, ritengono indispensabile il coinvolgimento del singolo Cittadino come atto fondamentale di consapevolezza sulle decisioni che, a breve termine, potrebbero portare alla realizzazione di un impianto di smaltimento nel territorio comunale - la nota si conclude  - A questo scopo si sono dichiarati intenzionati a promuovere, in sinergia con le istituzioni, ogni iniziativa utile e necessaria anche per favorire l’elaborazione e l’attuazione di azioni di miglioramento in tema di gestione dei rifiuti, di valorizzazione, tutela e rispetto dell’ambiente che nascono dal forte legame con esso che ogni Persona deve trasmettere con responsabilità alle future generazioni" Il comitato è proposto da Alessandro Paesani, Maura Benelli, Alessandro Soricetti, Davide Petroselli, Silvia Amicucci, Donato Donatiello, Gianluca Conocchiari e Daniele Messi    

16/08/2020
Montefano, precipita dal balcone facendo un volo di oltre 6 metri: uomo in gravi condizioni a Torrette

Montefano, precipita dal balcone facendo un volo di oltre 6 metri: uomo in gravi condizioni a Torrette

Uomo precipita dal balcone posto al secondo piano della sua abitazione. È quanto avvenuto attorno alle ore 16:30 del pomeriggio odierno a Montefano. Secondo una prima ricostruzione, l'uomo - 46enne padre di due figli -  sarebbe caduto dal balcone del suo appartamento, facendo un volo di circa 6 metri. Il violento impatto sarebbe stato in parte attutito da alcuni ostacoli, che il 46enne avrebbe trovato prima di precipitare a terra. Per soccorrerlo sono immediatamente intervenuti i volontari del Croce Rossa. Constatate le condizoni del paziente è stato richiesto il supporto dell'eliambulanza, che è atterrata presso il campo sportivo. L'uomo è sta trasferito in codice rosso all'ospedale Torrette di Ancona. Dalle prime informazioni, sembra si sia trattato di un gesto volontario. Sul posto, per ricostruire la vicenda, i carabinieri di Montefano.

07/08/2020
Montefano dice no alla discarica: "Incaricato un legale per tutelare il nostro territorio"

Montefano dice no alla discarica: "Incaricato un legale per tutelare il nostro territorio"

Sono oltre 70 i siti ritenuti idonei ad una discarica in provincia di Macerata: questo è quanto emerso in base alla delibera assembleare dell’ATA n. 9 del 26 giugno 2020, con la quale è stato approvato il Piano d’Ambito, con il voto contrario del Sindaco di Montefano Angela Barbieri.  "La delibera è stata, tuttavia, adottata dopo un percorso avviato nell’agosto 2017 con l’approvazione delle tavole di macro-localizzazione ovvero dell’individuazione delle aree idonee e non idonee per gli impianti di gestione dei rifiuti - sottolinea la prima cittadina -. Nel territorio di Montefano sono stati individuati 5 potenziali siti su cui realizzare la discarica".  Al fine di scongiurare la realizzazione di una discarica per rifiuti ordinari e speciali in ognuno dei 5 siti individuati, l’Amministrazione comunale di Montefano ha deliberato di incaricare un legale ed un esperto del settore per procedere alla stesura di osservazioni di carattere qualitativo e quantitativo, ritenendo i siti individuati tutti ugualmente non idonei.  "Oggi la battaglia è dura - sottolinea il sindaco - ma, nonostante le mancate osservazioni che potevano essere prodotte nel 2017, siamo fermamente decisi a tutelare il nostro territorio, sulla base di elementi oggettivi".   

07/08/2020
Montefano, "diario di un'emergenza": grande successo per la serata dedicata al volontariato

Montefano, "diario di un'emergenza": grande successo per la serata dedicata al volontariato

L’emergenza sanitaria, gli aiuti alle famiglie in difficoltà, l’organizzazione della casa di riposo e, ancora, la didattica a distanza e la scuola che verrà a settembre: sono questi i temi affrontati nel corso della serata “Montefano, diario di un’emergenza – Ho a cuore il volontariato”, promossa dall’Associazione Nazionale dei carabinieri, Sezione Giuseppe Diaschi, in collaborazione con l’amministrazione comunale montefanese. Un’iniziativa per fare il punto su quanto accaduto negli ultimi mesi, mettendo in evidenza il ruolo di primo piano avuto dal volontariato proprio nella gestione della pandemia: “Non ci siamo mai tirati indietro. Il nostro gruppo, così come quello della Protezione civile, - ha spiegato Stefano Palmili, presidente dell’ANC di Montefano – si è messo a disposizione del paese per garantire la copertura di tutte quelle mansioni straordinarie, date dallo stato di emergenza. I numeri ci dicono che l’attività è stata intensa, sicuramente rischiosa, ma utile a tutti”. Sul palco anche il Vice Sindaco di Montefano, nonché medico di medicina generale, Claudio Pianesi, il referente del Gruppo di Protezione Civile, Ivano Bracaccini, e la fiduciaria della scuola primaria di Montefano, Leida Furiasse. Nel corso della serata sono stati conferiti riconoscimenti legati agli anni di servizio di alcuni membri dell’ANC. Tra questi Giuliano Angeloni e Giuseppa Raponi, recentemente scomparsi. L’iniziativa è stata preceduta, nel pomeriggio, da un momento formativo destinato ai più giovani: “Abbiamo scelto di coinvolgere i nostri ragazzi in un piccolo corso dedicato alle tecniche di rianimazione cardiopolmonare. – spiega Palmili – Questo perché vorremmo renderli partecipi della nostra attività di volontariato, partendo dalla possibilità di offrire loro momenti di condivisione e conoscenza legati, in questo caso, alla percezione del rischio e al ruolo degli operatori sanitari”. L’appuntamento, svoltosi presso il Parco Veragra, è stato coordinato dal dottor Daniele Messi, docente della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Politecnica delle Marche. I partecipanti hanno potuto osservare da vicino le caratteristiche del primo soccorso, grazie anche alla presenza sul posto di un’ambulanza, e sono stati coinvolti in alcune rilevazioni destinate ad un lavoro di tesi universitaria.  

04/08/2020
Giorgia Pigliapoco festeggia 18 anni: l'abbraccio di Montefano

Giorgia Pigliapoco festeggia 18 anni: l'abbraccio di Montefano

"La casa è quel posto dove, quando ci andate, vi accolgono sempre" diceva Frost e così, dopo aver viaggiato a Londra e in Irlanda per imparare l'inglese in full immersion - nonostante in questo periodo preferisca Civitanova per il mare - è proprio a casa sua, a Montefano, dove ha ricevuto il segno di affetto più profondo. Tutto il paese, infatti, si unisce e invia i più affettuosi auguri di buon compleanno a Giorgia Pigliapoco, neo diciottenne conosciutissima ed amata in tutto il paese. Guidati da Nonna Teresa e Nonno Domenico e organizzati grazie agli amici di sempre Flora, Leandro, Nicoletta e Antonio, Marco e Luisa, in tantissimi hanno voluto far sentire il proprio affetto ad una ragazza che tutti definiscono una vera forza della natura, sempre simpatica e allegra e legatissima al suo cagnolino.  "Le vogliamo tutti bene. Per questo le auguriamo di cuore un buon diciottesimo compleanno, l’inizio della vita vera, piena di successi e sogni da realizzare" ci confidano al telefono. E quando chiediamo di inviargli il miglior augurio ci rispondono "Il miglior augurio? Che realizzi ogni suo sogno!" Studentessa meritevole del Liceo Linguistico di Macerata, non si è mai abbattuta nella vita portando sempre avanti ogni impegno con dedizione e ottimismo.  A Giorgia i migliori auguri anche da parte della redazione.     

31/07/2020
Montefano, finisce con l'auto contro una casa e si dà alla fuga: individuato dal sistema di videosorveglianza

Montefano, finisce con l'auto contro una casa e si dà alla fuga: individuato dal sistema di videosorveglianza

Ancora una volta gli impianti di videosorveglianza e soprattutto il sistema OCR per la lettura delle targhe e la preziosa collaborazione tra le forze di Polizia locale di Macerata e Montefano, hanno portato, nei giorni scorsi, all’individuazione del conducente di un’auto, che finito fuori strada, aveva procurato danni ad un’abitazione privata, abbandonando il luogo dell’incidente senza avvisare le forze dell’ordine di quanto accaduto. Grazie prima alle indagini della Polizia locale di Montefano, che con ausilio dell'impianto di videosorveglianza è potuta risalire all’auto e alla targa del mezzo coinvolto nell’incidente, e alla trasmissione dei dati al comando di Macerata, successivamente i vigili urbani del capoluogo, attraverso l’impianto OCR, sono riusciti a monitorare i transiti in ingresso e uscita da Macerata verso Montefano e quindi a risalire al proprietario del mezzo coinvolto nell’incidente. Una volta individuato, il proprietario del mezzo, residente a Macerata, è stato convocato in ufficio ed è stato identificato, portando così a conclusione le procedure per il risarcimento del “Ho partecipato fin dal primo incontro al progetto del sistema integrato di videosorveglianza in cui la mia Amministrazione crede molto – afferma il sindaco di Montefano Angela Barbieri -. La sicurezza è fondamentale per il territorio. Montefano era un paese completamente sprovvisto di telecamere, ora ha un impianto importante con 9 telecamere OCR e i risultati si stanno  vedendo.” “Un ottimo esempio di collaborazione fra le forze di polizia locali del nostro territorio – interviene l’assessore alla Sicurezza Mario Iesari -  che hanno utilizzato al meglio i vantaggi delle videocamere a lettura targhe. Questi risultati positivi potranno essere ancora più numerosi con la concretizzazione del progetto di integrazione territoriale dei sistemi di videosorveglianza a cui stanno lavorando, coordinati da Macerata, lo stesso Comune di Montefano e altri 24 delle provincie di Macerata, Ancona, Fermo ed Ascoli.” 

29/07/2020
Montefano e Recanati, nasce il "Comitato No discarica"

Montefano e Recanati, nasce il "Comitato No discarica"

Si è costituito ieri sera, 22 luglio, presso la sala parrocchiale “San Biagio” di Montefiore il "Comitato No discarica" del territorio Montefano e Recanati.  "Per ora è un’ipotesi ma il pericolo che la nuova discarica provinciale sorga tra Recanati e Montefano è reale" sottolineano i soci fondatori.  Il Sindaco di Recanati Antonio Bravi e la Sindaca di Montefano Angela Barbieri all’assemblea dell’ATA hanno espresso il loro voto contrario e, dopo i consigli comunali delle due città, è stata approvata una delibera in cui si evidenziavano tutte le criticità delle zone dietro la presentazione di una valutazione tecnica di ogni area potenzialmente idonea. Le aree individuate nel territorio dei due Comuni sono quelle di Santa Croce, Mattonata, contrada Castelnuovo, Bagnolo, Ricciola, Saletta, Settefinestre, Villa Gigli, Valdice, S. Agostino e un sito sul versante del Musone.  Dopo l'esclusione delle zona del terremoto, dell’entroterra e della costa, la scelta è ricaduta sulle zone collinari. Perciò il rischio è concreto, soprattutto per la pubblicazione del Piano d’Ambito per la Gestione rifiuti dell’ATA 3 di Macerata avvenuta lo scorso venerdì 17 luglio.  A seguito dell’assemblea, molto partecipata, il Presidente Fabio Lanari e i soci fondatori hanno dichiarato che a breve, il "Comitato No discarica" Territorio Montefano/Recanati, oltre ad organizzare iniziative con le associazioni e le parrocchie per far sì che le persone sappiano ciò che sta succedendo, userà tutti i mezzi per fronteggiare questa ipotesi di devastazione di un territorio a forte vocazione turistica, agricola e paesaggistica.       

23/07/2020
Montefano, ripartono a pieno ritmo i centri estivi

Montefano, ripartono a pieno ritmo i centri estivi

Sono partiti i Centri Estivi per bambini e ragazzi i a Montefano, tutte superate le tante le difficoltà dovute al rispetto dei rigidi protocolli dettati dal Covid 19 ma, grazie all'impegno dei molti soggetti coinvolti nella progettualità, siamo riusciti ad unire le forze e finalmente i nostri ragazzi hanno cominciato a godere di nuovo dell’aria aperta e dello stare insieme. La quotidianità, quella fatta anche di svago e rapporti interpersonali che stimolano la crescita e l’armonia, ha fatto ritorno fra noi dopo i molti mesi di lockdown. Bollicine, alla Scuola d’Infanzia “Mamma Vanessa”, con ben tre gruppi di bambini, propone  attività ludiche ma al tempo stesso educative: creatività con materiali di recupero, esperimenti scientifici, laboratori teatrali, arte e pittura. Si entra dalle 7,30 alle 9,00, pranzo al sacco alle 12,00 e si torna da mamma e papà al più tardi alle 15,00. Grande partecipazione anche per le attività sportive vere e proprie. Montefano Basket e SSD Montefano Calcio contano ben più di cento iscritti: tre pomeriggi a settimana, si parte con l’attività motoria per sgranchirsi un po’ e si prosegue, soprattutto con i più grandi, con l’allenamento tecnico vero e proprio. Ai più piccoli è dedicata un’area ludico-coordinativa. Ai Giardini da Bora, Gymusic intrattiene gli aspiranti musicisti in erba: oltre naturalmente alle prime melodie, bimbi e bimbe trascorrono il tempo in allegria, fra le altre attività, con la Tombola degli Animali in inglese e il disegno espressivo. Alla Scuola Primaria Olimpia la UISP Macerata inizia la sua giornata alle 7,40. Nella prima parte della mattinata gli educatori coinvolgono i bambini in attività di psicomotricità di gruppo, per recuperare agilità e coordinamento, più tardi e fino alle 12,30 si gioca con i cerchi, si dipinge a mano libera, si fanno giochi d’abilità e poi salta  fuori un pallone per una partitina a calcetto, sempre gradito ai maschietti. Un bel ventaglio di proposte, tantissimi gli iscritti, in attesa delle iniziative sociali e culturali dedicate agli adulti, con un programma ricco di eventi all’aria aperta.  L’Amministrazione Comunale ha ringraziato "tutti coloro che hanno reso possibile questa bellissima ripresa della normalità: grazie alle Associazioni che si sono  impegnate per realizzare i progetti, ai dipendenti comunali che - tra decreti e regole ferree - hanno interpretato e risolto al meglio le questioni burocratiche, agli operatori che hanno reso fruibili e puliti gli spazi comunali, alla dirigente scolastica sempre disponibile".   “L’intera comunità montefanese ha mostrato forza, decisione e coerenza, dando prova di coesione e collaborazione, per raggiungere un’altro obiettivo importante per il territorio e i cittadini. Il benessere dei nostri figli” – scrivono in una nota - .  

20/07/2020
Montefano, ruba dalla cassetta delle offerte e minaccia il parroco che lo scopre: denunciato un 41enne

Montefano, ruba dalla cassetta delle offerte e minaccia il parroco che lo scopre: denunciato un 41enne

Il 1° luglio al termine delle indagini e degli accertamenti, i Carabinieri della Stazione di Montefano, hanno denunciato un pregiudicato di origini campane per furto e per violazione del “divieto di ritorno” nel medesimo comune. Il parroco aveva sorpreso, qualche giorno prima, un soggetto ad armeggiare contro la cassetta delle offerte e dopo averle asportate, lo stesso malfattore, mentre si dava alla fuga, lo aveva anche minacciato di picchiarlo, qualora avesse chiamato i carabinieri. Invece il prelato, incurante della minaccia subita, si è rivolto all’Arma ed ha denunciato l’accaduto. Assunta la notizia, i Carabinieri della Stazione di Montefano al fine di risalire all’identità del responsabile, hanno immediatamente posto in essere una specifica attività investigativa basata nell’analisi dei filmati della videosorveglianza, che ha permesso di rintracciare il responsabile, un 41enne pregiudicato di origini campane. Nel corso degli accertamenti di rito posti in essere nell’ambito dell’attività, il malfattore è risultato anche destinatario di Divieto di Ritorno nel comune di Montefano A conclusione delle attività, l’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà per il Furto delle monete e per la violazione del Divieto di Ritorno.

03/07/2020
Montefano nel segno della continuità: confermato mister Lattanzi

Montefano nel segno della continuità: confermato mister Lattanzi

  La SSD Montefano Calcio comunica di aver raggiunto l'accordo con l'allenatore Roberto Lattanzi per la prosecuzione della collaborazione sportiva nella stagione 2020/2021. Il mister siederà dunque sulla panchina dei viola per il quarto anno consecutivo. A Lattanzi il merito dell'ottimo lavoro svolto e del progressivo crescendo dal suo arrivo, nella stagione 2017/2018. Con lui il Montefano si è consolidato anno dopo anno e ha costruito delle fondamenta importanti insieme al grande gruppo di ragazzi viola.   Il suo score con il Montefano parla chiaro: vittoria dei playoff e promozione in Eccellenza al primo anno, storica salvezza alla prima partecipazione dei viola nel massimo campionato regionale al secondo e infine in questa stagione con la squadra aveva maturato un incredibile 6° posto, prima dello stop causa Covid. La posizione più alta mai raggiunta dal Montefano nella sua storia.   "Sono molto entusiasta di questa conferma, mi ha fatto davvero piacere." -dice il mister- "Non vedo l'ora di ricominciare a lavorare con i ragazzi, anche perchè ci siamo lasciati sul più bello. Un finire di campionato al quale ci affacciavamo nel migliore dei modi, avevamo già la salvezza in tasca e ci stavamo giocando i play-off. Inoltre esserci fermati proprio prima della gara con l'Anconitana e aver chiuso così il campionato non fa che aumentare la voglia di riprendere a Montefano, dove la società non ti fa mancare nulla per lavorare bene. In fin dei conti il calcio inizia a mancarci veramente."   Una notizia che permette a tutto l'ambiente di proseguire nel segno della continuità, sulla scia dei buoni traguardi finora raggiunti. Si inizia così a gettare le basi per la stagione 2020/2021 e pensare al prossimo campionato di Eccellenza Marche.   I verdetti sulla stagione 2019/2020 non sono stati ancora ufficializzati dal Comitato Regionale Marche, ma non riguardano da vicino il Montefano che ha al sicuro la sua permanenza alla categoria per la terza stagione consecutiva.  

17/06/2020
Montefano, la laurea ai tempi del Covid-19: tre dottoresse dal salotto di casa

Montefano, la laurea ai tempi del Covid-19: tre dottoresse dal salotto di casa

Grande festa ieri (9 giugno) a Montefano,  dove alle ore 10 presso le loro abitazioni -  come previsto dalle disposizioni legate al covid19 – tre studentesse  hanno conseguito la laurea magistrale in Lingue,  ognuna dal salotto della propria casa. Iscritte presso l’Università  degli studi di  Macerata,  hanno coronato il sogno diventando tutte e tre dottoresse. Maria Laura Cionco, 26anni,  ha discusso la  tesi: "Un giorno è gioia e un altro è obbrobrio" Le traduzioni italiane della raccolta "Aprèslude" di Gottfried  Benn,  voto finale  110.  Valeria Coppetta, invece,  di 25 anni ha discusso la tesi dal titolo : "La ricezione dell'anglicismo nello Spagnolo peninsulare: proposta di analisi socio culturale". Anche il voto finale da lei conseguito è stato di 110. Mentre la 25enne Laura Peloni  ha presentato una tesi dal titolo: Die Geteilte Sprache.  Il tedesco della Repubblica Democratica Tedesca, con  votazione finale di 110 e lode. Dopo le proclamazioni, le 3 amiche del cuore hanno festeggiato l’ottimo risultato con le rispettive famiglie nelle proprie abitazioni di Montefano.

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.