Apiro

Cicarilli del Conapo, dopo l'ennesimo incidente nel cingolano: "Occorre rendere permanente il distaccamento di Apiro"

Cicarilli del Conapo, dopo l'ennesimo incidente nel cingolano: "Occorre rendere permanente il distaccamento di Apiro"

  "Urge potenziare il dispositivo di soccorso della Provincia, il distaccamento volontario di Apiro deve essere trasformato in permanente". Così il segretario provinciale del CONAPO (Sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco)  Cicarilli Michele esordisce in un comunicato stampa diffuso dopo l’ennesimo incidente stradale occorso ieri pomeriggio nel cingolano tra un’autovettura ed un camion dove è rimasto gravemente ferito un ragazzo di 19 anni, ad oggi ricoverato in rianimazione presso l’ospedale di Torrette. Sul posto dell’incidente sono dovute intervenire due squadre di vigili del fuoco provenienti dalla sede centrale di Macerata (MC) e dal distaccamento di Jesi (AN) nonostante il tratto di strada dove si è verificato l’incidente rientrasse nel territorio di competenza del distaccamento VVF volontario di Apiro. Quanto accaduto non è altro che l’ennesima dimostrazione dei limiti oggettivamente legati all’istituzione dei distaccamenti vvf volontari anziché delle sedi VVF costituite con personale di ruolo. "È inammissibile, continua Cicarilli, che qualsiasi cittadino, dal più povero al più ricco, dal politico al semplice dipendente, debbano aspettare più di mezzora per essere estratti dalle lamiere sperando di avere salva la vita dopo un incidente di tale dimensione quando invece la presenza di un distaccamento permanente in Apiro avrebbe visto intervenire i Vigili del fuoco in un tempo massimo di 5 minuti. L’incidente occorso nel primo pomeriggio di ieri non è altro che l’ennesima dimostrazione dell’assoluta necessità di trasformare il distaccamento VVF volontario di Apiro in un distaccamento VVF permanente dislocando, presso tale sede, personale di ruolo presente in loco 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, con personale in grado di offrire un servizio di soccorso tecnico urgente con alta professionalità, in qualsiasi momento della giornata e capace di intervenire in pochissimi minuti anziché in tempi lunghissimi che potrebbero compromettere, come in questo caso con la completa assenza delle squadre VVF volontari che avrebbero dovuto garantire il soccorso nel comune di Apiro, la sicurezza e la vita dei cittadini". Sono noti infatti i lunghissimi tempi di attivazione delle squadre composte da vigili volontari piuttosto che da quelle di personale di ruolo, così come sono noti i brevi periodi di disponibilità che gli stessi volontari forniscono giornalmente considerato che di norma, tutti, svolgono altre attività lavorative che giustamente li impegnano condizionandone l’efficienza operativa che invece è propria del personale VVF di ruolo. "È inammissibile - continua Cicarilli- che per portare soccorso nel comune di Cingoli, più precisamente in località Bachero come in questo caso, o in tutti quei Comuni limitrofi ad Apiro, si debba spesso ricorrere alle squadre della sede centrale di Macerata, diminuendone la capacità operativa della stessa, per intervenire in zone dove sono presenti distaccamenti VVF volontari ma che purtroppo non hanno sempre la forza operativa per portare costantemente soccorso. Proprio nella legge di bilancio 2019, afferma Cicarilli, il Governo ha predisposto un potenziamento di organico di 1500 unità da spalmare sul territorio nazionale, è dunque giunto il momento propizio per poter richiedere di potenziare alcune sedi VVF della Provincia di Macerata tra qui il distaccamento di Apiro trasformandolo in Permanente. Va detto, tra l’altro, che proprio questo distaccamento, ricopre una posizione geografica di notevole importanza considerando la vicinanza al monte san Vicino così come di tutta la zona montana dell’entro terra maceratese spesso oggetto di incendi boschivi nel periodo estivo e non meno importante il contributo che porterebbe ad entrambe i Comandi VVF di Macerata ed Ancona relativamente a tutte le altre tipologie di interventi. Avere un distaccamento permanente presso il comune di Apiro, sarebbe utile tanto per il Comando di Macerata che per quello di Ancona. Infatti, parimenti al distaccamento di Civitanova Marche (per il quale questo Sindacato da anni sta chiedendone una riclassificazione in SD4) che spesso interviene in comuni limitrofi di competenza del Comando di Ascoli Piceno, anche il personale di Apiro si troverebbe ad intervenire in zone di competenza dei due Comandi VVF del Centro Marche". "Va precisato, specifica il segretario del sindacato autonomo Cicarilli Michele, che nessun giudizio esiste nei confronti dell’operato del personale volontario che sino ad oggi si è adoperato per cercare di fronteggiare le criticità del territorio nei limiti delle loro possibilità il quale con senso del dovere e disponibilità ha elargito la propria opera. Oggi però, dobbiamo continuare a costruire il futuro aumentando e rafforzando il dispositivo di soccorso nell’entro terra maceratese così come in altre sedi, proprio in virtù del corposo aumento di organico previsto dalla legge di bilancio. È dovere di qualsiasi politico o rappresentante del Governo auspicare che vi sia nel proprio territorio un dispositivo di soccorso con la "S" maiuscola. Quanto accaduto nell’incidente stradale di Ieri pomeriggio è l’ennesima dimostrazione che le richieste di questo Sindacato vanno ascoltate e assecondate". Lo stesso segretario provinciale del CONAPO, nel suo comunicato fa presente che già da diversi mesi, al fine di riclassificare il dispositivo di soccorso della provincia di Macerata, compreso il distaccamento di Apiro, ha interessato i vertici del Corpo Nazionale e i rispettivi Dirigenti Locali tra cui il Direttore Regionale, il Comandante provinciale, e le cariche istituzionali quali il Prefetto di Macerata ed il Sindaco dello stesso Comune di Apiro. "Ora ci aspettiamo che le stesse, in maniera sinergica, chiedano al Governo attenzione alle necessità di questo territorio senza soffermarsi a superflue valutazioni legate a numeri o convenienza. La vita dei cittadini non ha prezzo".

06/02/2019
Apiro, progetto didattico "Cittadino Attivo", grande successo tra gli studenti

Apiro, progetto didattico "Cittadino Attivo", grande successo tra gli studenti

Come possiamo far diventare Cittadini Attivi e Solidali i ragazzi delle nuove generazioni? Il progetto didattico CITTADINO ATTIVO si pone proprio questo obiettivo: sensibilizzare ed avvicinare i ragazzi a tematiche relative l’ambiente, il risparmio energetico, la sostenibilità ambientale e la solidarietà con una metodologia innovativa ed interattiva, vicina ai ragazzi nativi digitali. Attraverso la sana competizione e il divertimento gli studenti dopo una lezione che li coinvolge attivamente, rispondono a domande multi-risposta a tempo attraverso l’utilizzo di risponditori wireless. Un metodo vincente da un punto di vista didattico – formativo che permette di trasferire valori e nozioni importanti in modo divertente. Ragazzi attentissimi ad ogni parola della relatrice, Sarah Salvucci, venerdì ad Apiro all’Istituto Comprensivo “Coldigioco”. “È la seconda volta che assisto a questa sfida tra le classi – ha dichiarato Emanuela Tarascio, Dirigente Scolastico -  e al di là del risultato, quello che per me è più importante è che i ragazzi siano attenti a rispettare l’ambiente, a riciclare e siano generosi, quando verrà il momento, con un gesto importante come la donazione di sangue. Altro aspetto molto importante è che imparino anche a coordinarsi come squadra e a fare gruppo. È un’esperienza davvero positiva per l’Istituto e spero continui anche nei prossimi anni”. Anche la professoressa Filomena Corvino entusiasta dell’iniziativa ha dichiarato: “Sono davvero felice che i ragazzi hanno partecipato a questo progetto perché attraverso la sana competizione si ottengono degli ottimi risultati”. Avis sempre vicina ai giovani era presente all’Istituto Comprensivo Coldigioco con la Presidente Avis Comunale di Apiro, Morena Soverchia: “Ringrazio gli organizzatori di questo progetto e la Scuola che ci ha ospitato. “Cittadino Attivo” è un progetto che condivido e approvo pienamente perché permette all’Avis di entrare a Scuola e di diventare materia di studio e di formazione portando valori fondamentali per il cittadino del domani come solidarietà, collaborazione e altruismo”. Partners dell’iniziativa Avis Regionale Marche, Gruppo Astea e Astea Energia, Consmari, San Giorgio Servizi e Distribuzione, Solgas, Tech Inform, Comune di Fermo, Comune di Grottammare e Comune di Recanati.    

Apiro, maltrattavano per anni l'anziano padre: arrestati figlio e nuora

Apiro, maltrattavano per anni l'anziano padre: arrestati figlio e nuora

I carabinieri della stazione di Apiro, coadiuvati da quelli del nucleo radiomobie di Macerata, hanno tratto in arresto una coppia di coniugi di quelle aree - lui 49enne, lei 45enne - in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso dal Tribunale di Macerata per maltrattamenti in famiglia continuati in concorso e lesioni aggravate. Tutto ha inizio nell’agosto del 2014, allorquando i carabinieri di Apiro sono intervenuti in seguito alla denuncia di lesioni patite da un anziano. Dopo gli accertamenti i militari hanno arrestato la coppia per maltrattamenti gravi nei confronti del padre di lui, all’epoca 76enne. L’anziano è stato successivamente ricoverato all'ospedale di Jesi per le gravi lesioni riportate a seguito di una rovinosa caduta dalle scale, conseguenza di un calcio. Nel dicembre successivo l’uomo è deceduto. La coppia è stata riconosciuta colpevole dei reati sopra menzionati ed ora, a seguito di condanna, il tribunale di Macerata ha emesso il provvedimento di carcerazione, i due devono scontare quasi 4 anni. Il marito è stato trasferito nelle carceri di Fermo mentre la moglie in quella di Pesaro.

25/01/2019
Camion perde il carico, ss76 invasa da bombole gpl

Camion perde il carico, ss76 invasa da bombole gpl

Erano le 18.30 quando per cause in corso di accertamento, un mezzo pesante ha perso il carico lungo la ss76 E' così che all'altezza dell'uscita per Apiro, sulla careggiata direzione mare, una decina di bombole di GPL hanno invaso la sede stradale occludendo il transito.  Tre autovetture che sopraggiungevano non hanno potuto evitarle ed hanno centrato violentemente le bombole. Nonostante i danni, non ci sono state conseguenze importanti. La polizia Stradale è intervenuta fulmineamente con tre automezzi ed ha evitato il peggio mantenendo la sicurezza sino all'arrivo dei Vigili del Fuoco arrivati poco dopo. L'immediato intervento unito alla grande professionalità dei soccorsi hanno permesso di non chiudere la strada e di riportare tutto alla normalità alle ore 19.00. Auto danneggiate e carico inservibile ma non si annoverano fortunatamente feriti  

07/01/2019
Apiro, carabinieri arrestano un uomo residente nella zona per bancarotta fraudolenta

Apiro, carabinieri arrestano un uomo residente nella zona per bancarotta fraudolenta

  I carabinieri della stazione di Apiro hanno dato esecuzione ad un provvedimento di carcerazione emesso dalla corte d'appello di Ancona nei confronti di un soggetto, 51enne, residente in quelle zone, riconosciuto colpevole di bancarotta fraudolenta commessa nel 2003. L'uomo deve scontare una pena di 4 anni e 4 mesi di reclusione, è stato tradotto presso la corte di reclusione di Fermo.

11/12/2018
Un cartellone unico per quattro teatri storici del Maceratese grazie all'Unione Montana

Un cartellone unico per quattro teatri storici del Maceratese grazie all'Unione Montana

Spettacoli di prosa, musical e operette, concerti, incontri con l’autore e film. I cartelloni di quattro teatri storici della provincia di Macerata -  il teatro Mestica di Apiro, il teatro Piermarini di Matelica, il teatro Feronia di San Severino Marche e il teatro Comunale di Treia - raggruppati in una stagione davvero unica.  “L’Unione Montana Potenza Esino Musone di San Severino Marche è riuscita a unire, nel segno della cultura, le programmazioni teatrali di quattro realtà fino ad oggi così vicine eppure così lontane - commenta con soddisfazione il presidente dell’ente comunitario, Matteo Cicconi, che sottolinea - Un lavoro non di poco conto realizzato grazie a un’idea di Francesco Rapaccioni, che lo ha anche progettato e realizzato, e che è stato reso possibile solo grazie alla lungimiranza dei sindaci, degli assessori alla Cultura, dei direttori delle rassegne che, in maniera davvero corale, ci hanno permesso di poter mettere insieme e distribuire, in un unico depliant, un’offerta realmente variegata e adatta a tutti, ragazzi compresi”.  La straordinaria maxi stagione  va quella del teatro Mestica di Apiro, stagione dedicata ai “Sette vizi capitali”, che domenica 2 dicembre vedrà portare in scena, alle 17,30, lo spettacolo di prosa “Ventimila leghe sotto i mari”. Il 16 dicembre verrà invece proiettato il film “A Christmas Carol” e il 18 gennaio del nuovo anno la pellicola “Bernie”. Sempre a gennaio, ma domenica 27, spettacolo per ragazzi “Che rabbia!” mentre venerdì 8 gennaio la rassegna cinematografica vedrà proporre il film “Dallas Buyers Club”. Sarà invece itinerante, e interesserà i locali del teatro, l’appuntamento atteso per sabato 23 febbraio dal titolo: “Molto piacere, Casanova”. La programmazione riprenderà poi il 1 marzo con il flm “Tre manifesti ad Ebbing, Missouri” e proseguirà il 16 marzo con la prosa di Alice Conti nello spettacolo “Errini, o del rimorso”. Venerdì 12 e sabato 13 aprile “Fratello Otello”, sabato 25 e domenica 26 maggio “L’Avaro” nella versione di Fiorenza Montanari. Al Piermarini di Matelica, invece, la stagione teatrale il 16 dicembre presenta “Nemo” con Giovanni Moschella, il 26 dicembre “Mr James Patterson Gospel Group”, il 12 gennaio la serata dedicata alla grande Mina, il 18 gennaio il concerto dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana dedicato a Bach, Mozart e Beethoven. Sempre la musica sarà protagonista al teatro comunale di Matelica il 3 febbraio, con il gruppo Alvarez Guitar Quartet, il 10 febbraio, con Novecento, e il 24 febbraio con l’Italian Clarinet Consort. Il 3 marzo la rassegna “A teatro con i grandi”, dedicata ai più piccoli, propone “Ombre” mentre il 9 marzo sarà la volta di Ilaria Graziano e Francesco Forni con lo spettacolo dedicato agli “Altri percorsi”. Sipario aperto, infine, il 17 marco con “La locandiera”, il 23 con “Matelitango”, il 30 con “Non esistono più le mezze stagioni”, il 31 col “Baule dei sogni”, il 6 aprile con “Chris Cain & Luca Giordano Band” e, infine, il 12 aprile con “Tosca X”. Ricchissimo di eventi pure il cartellone del Feronia di San Severino Marche che per domenica 2 dicembre propone “Mia madre è un fiume” poi per il 7 la rassegna musicale itinerante “Febbre a 45 giri” e per il 13 dicembre il concerto “Suoni per la Rinascita” con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana. Il 22 dicembre sempre musica con il Concerto di Natale dell’Orchestra Feronia, il 29 concerto gospel Dennis Reed & Gap, il 2 gennaio concerto di Capodanno con l’Orchestra sinfonica Puccini e il 5 gennaio concerto dell’Epifania con il Corpo filarmonico “Francesco Adriani”. La prosa tornerà l’8 gennaio con “Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco” mentre il 18 e il 19 sarà la volta del musical “Cuore Matto”, il 29 dello spettacolo “Il Misantropo” con Giulio Scarpati e Valeria Solarino, il 2 febbraio quella di Ambrogio Sparagna in concerto. La prosa tornerà di nuovo il 14 febbraio con “Il Padre” ed Alessandro Haber insieme a Lucrezia Lante della Rovere. Il 17 febbraio concerto di San Valentino, il 6 aprile teatro dialettale con “Giulietto e Romeo” e il 10 aprile prosa ancora con “Don Chisciotte” con Alessio Boni. Al comunale di Treia, infine, il 7 dicembre l’operetta “Scugnizza”, il 16 il teatro per ragazzi con “Cenerentola in bianco e nero”, il 21 dicembre la prosa con “Dove vai tutta nuda?” poi il 22 il concerto Armonie della serata e il 31 dicembre il grande Capodanno a teatro con “Febbre a 45 giri”, la musica italiana degli anni Sessanta rivista attraverso i dischi in vinile. Il nuovo anno si aprirà il 18 gennaio con “Mi amavi ancora” per poi proporre il 20 “Pippi Calzelunghe”, il 10 febbraio “Pi… Pi… Pinocchio”. La prosa tornerà il 16 aprile con Cesare Bocci e Tiziana Foschi in “Pesce d’aprile”. Il 9 marzo “la casa di Famiglia”, il 10 marzo “C’era una volta un flauto magico” e, infine, il ritorno dell’operetta previsto per il 16 marzo con un gran galà della prestigiosa Compagnia Italiana Operette.  

29/11/2018
Trovato morto nel Lago di Castreccioni l’uomo scomparso stamattina

Trovato morto nel Lago di Castreccioni l’uomo scomparso stamattina

servizio aggiornato alle 15.50 È stato trovato morto l'88enne scomparso questa mattina. L'uomo è stato trovato senza vità metà in acqua e metà fuori. Secondo una prima ricostruzione dovrebbe trattarsi di suicidio. _____________ Trova gli abiti del padre 88enne nell'auto parcheggiata vicino al Lago Castreccioni e denuncia la scomparsa. È accaduto stamattina quando appunto è stato dato l'allarme dal figlio dell'uomo scomparso. Sul posto vigili del fuoco e auto medica, si sta attendendo l'arrivo dei sommozzatori da Teramo che avvieranno le ricerche in acqua  

31/10/2018
Benigni ad Apiro: "Mi piacerebbe tanto tornare in tv, teatro, al cinema"

Benigni ad Apiro: "Mi piacerebbe tanto tornare in tv, teatro, al cinema"

"Mi piacerebbe tanto tornare in tv, teatro, al cinema, i tre i settori nei quali ho sempre passeggiato nella mia vita". Lo ha detto Roberto Benigni ad Apiro che ospita la prima sessione del Convegno Internazionale "Letture dell'Inferno di Roberto Benigni" oggi al Teatro Mestica. Dopo tre anni 'sabbatici' Benigni pensa ad uno spettacolo televisivo sull'amore: "il titolo provvisorio è 'La verità vi prego sull'amore'", "una specie di atlante, di un bel viaggio intorno a questo sentimento, è come parlare dell'infinito, dell'oceano". L'amore, un tema che Benigni ha già toccato, anche nel film La vita è bella' "è un discorso politico molto forte, è rivoluzionario: tutto quello di cui si discute oggi ha a che fare con l'amore, come la questione dei migranti e anche l'Europa, che ritengo sia l'unico sogno rimasto. Il sogno dell'Europa unita è l'unico sogno che si può dare ad un bambino che nasce ora. Non lo si può far morire. Nel mio programma vorrei parlare di questo". (Fonte Ansa)

07/10/2018
Apiro: i carabinieri inchiodano un noto truffatore

Apiro: i carabinieri inchiodano un noto truffatore

Qualcuno aveva attivato utenze in Piemonte a nome del suo defunto marito, ma i carabinieri di Apiro ricostruiscono la truffa e inchiodano il responsabile. Così un sessantasettenne di origini campane, già noto alla giustizia, è stato denunciato per la truffa messa in essere ai danni di una donna di Apiro. La donna si era rivolta ai carabinieri dopo aver ricevuto alcune bollette da pagare per le utenze domestiche di una abitazione in Piemonte. Abitazione che, chiaramente, la donna non possedeva e che non è mai sata in suo uso. Esaminando documentazione prima acquisita presso l’Enel e poi presso gestori telefonici, nonché navigando in internet, i militari hanno quindi scoperto che erano state attivate utenze domestiche a nome del defunto coniuge della denunciante. I militari hanno anche scoperto che l’appartamento era stato reso disponibile per essere affittato magari da parte di ignari clienti che, eventualmente, dopo aver contattato l’uomo e versata possibile caparra, sarebbero rimasti certamente vittime di truffe.

06/10/2018
Interviene per un soccorso in casa, ambulanza resta impantanata: tirata fuori dai vigili del fuoco

Interviene per un soccorso in casa, ambulanza resta impantanata: tirata fuori dai vigili del fuoco

Interviene per un soccorso in casa, ambulanza resta impantanata e viene salvata dai vigili del fuoco. È accaduto ieri sera in una frazione di Apiro. Intorno alle 20 il 118 ha inviato, dopo aver ricevuto una segnalazione, un'ambulanza per un soccorso in casa. Il mezzo è però rimasto impantanato e si è dovuto ricorrere all'intervento dei vigili del fuoco per tirarlo fuori. Nel frattempo sul posto è stata mandata un'altra ambulanza per il trasporto il ospedale.

21/09/2018
Roberto Benigni torna ad Apiro

Roberto Benigni torna ad Apiro

Roberto Benigni torna nelle Marche con una Lectura Dantis dopo essersi esibito, nel 2015, ad Apiro (Macerata) al termine di un convegno di studi organizzato per commemorare i 750 anni dalla nascita del poeta.Benigni sarà il 6 ottobre al Teatro Mestica di Apiro ed il 7 ottobre al Teatro Pergolesi di Jesi per il convegno internazionale "Letture dell'Inferno di Roberto Benigni", con letterati da varie università italiane e straniere (inglesi, belghe, olandesi, irlandesi, francesi, tedesche, austriache, spagnole e statunitensi). I Canti danteschi saranno approfonditi ed analizzati in un programma che vedrà, a coronamento di entrambe le giornate, lo stesso Benigni leggere il Canto VIII (quello degli iracondi e accidiosi) ad Apiro, e del Canto XXVI (quello dei consiglieri fraudolenti detto anche "Canto di Ulisse") a Jesi. Presiede il Comitato Scientifico Franco Musarra, professore emerito di Letteratura Italiana all'Università Cattolica di Lovanio e legato a Benigni da antica amicizia. (Ansa)

14/09/2018
Ingerisce acido: grave una donna di Apiro

Ingerisce acido: grave una donna di Apiro

Sono gravi le condizioni della quarantenne soccorsa in eliambulanza ad Apiro. Stando alle prime informazioni, la donna ha ingerito una sostanza corrosiva, probabilmente acido, ma non é dato sapere se si sia trattato di un tragico incidente o di un gesto volontario. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che, viste le gravi condizioni in cui versava la donna, ne hanno disposto il trasferimento in eliambulanza a Torrette. 

01/09/2018
"Sibillini e dintorni": evento in crescita nel segno dell'internazionalizzazione

"Sibillini e dintorni": evento in crescita nel segno dell'internazionalizzazione

L'undicesima edizione di "Sibillini e dintorni" entra negli annali dell'automobilismo storico maceratese per la qualità del parco auto d'epoca e per aver portato equipaggi provenienti da più parti d'Italia e dall'estero alla scoperta della provincia. Dal mare alla montagna, da Civitanova ad Apiro passando per Macerata, Appignano, Montelupone e Montecosaro, infatti, nei tre giorni di "Sibillini e dintorni" i partecipanti hanno conosciuto e apprezzato diversi aspetti del territorio, la sua cultura e la sua capacità produttiva. "Le nostre realtà locali trovano nel raduno della Scuderia Marche uno strumento qualificato di valorizzazione - dichiara Massimo Serra - In più, da quest'anno la manifestazione ha lo sguardo rivolto anche all'estero e dopo questa fortunata edizione, che nel maceratese ha portato pezzi unici da Oltralpe, lavoreremo per rendere quella del prossimo anno ancor più internazionale". Proprio nel borgo dove si è svolta nel fine settimana la mostra mercato Apimarche, gli equipaggi sono stati accolti sabato nel Teatro Nicola degli Angeli dal sindaco Rolando Pecora e lì hanno potuto vedere come avviene la smielatura. Un lavoro antico che, pur con l'adozione di strumenti moderni, dipende dalla fondamentale mano dell'uomo per estrarre il miele dalle arnie. Interessante il racconto degli organizzatori della manifestazione che hanno mostrato tutti i procedimenti fino all'invasettamento e l'etichettatura e parlato dei tanti benefici di questo alimento. I conducenti delle auto, alcune antichissime con oltre un secolo di vita, prima di ripartire dopo la sosta nella piazza principale hanno ricevuto in omaggio un vasetto di miele locale e si sono diretti in direzione Montecosaro. Un felice ritorno quello della Scuderia Marche nel paese che ha dato i natali ad Anita Cerquetti, e nel Teatro delle Logge i partecipanti hanno applaudito l'esibizione di danza aerea di Mariana Taneva. Prima del pranzo, preparato dalla Pro loco presieduta da Alessandra Massari, hanno visitato un museo unico in Italia: "Cinema a pennello" di Paolo Marinozzi. Si tratta dell'unica esposizione permanente a livello nazionale, esclusivamente dedicata alla grafica pubblicitaria cinematografica. Al rientro a Macerata, affrontati i rischi dell'acquazzone che si è abbattuto sul maceratese, gli equipaggi sono arrivati a Palazzo Bourbon del Monte, splendida sede della Società Filarmonico-Drammatica che si è dimostrata una volta di più sapiente maestra di ospitalità. Nel teatro settecentesco di via Gramsci, Stefania Cittadini ha fatto gli onori di casa con un catering di primissimo livello. A lei e a Magnolia srl, partner di "Sibillini e dintorni", l'organizzazione del raduno desidera rivolgere un sentito ringraziamento per aver curato alla perfezione i momenti maceratesi dedicati alla convivialità.  

27/08/2018
Apiro, chiuso il 48° festival del folclore “Terranostra”

Apiro, chiuso il 48° festival del folclore “Terranostra”

Si è concluso ad Apiro il 48° Festival internazionale del folclore, “Terranostra”. Dopo i saluti del Ferragosto, con l'esibizione anche del minigruppo dell'associazione Urbanitas, le formazioni ospiti – giunte quest'anno da Bosnia, Brasile, Cuba, Ossezia, Perù e Baschiria (Russia) – hanno via via lasciato il paese, portando con sé tante “cartoline” di un'esperienza emozionante che travalica l'aspetto puramente artistico dell'evento. L'ultimo a partire, ieri, è stato il gruppo del Perù. Per tre di loro, però, il tour in Italia prosegue con altre tappe. Parliamo dei brasiliani del “Boi Brilho da Ilha” di São Luis (capitale dello stato settentrionale di Maranhão), della compagnia di danza Akjondoz proveniente dalla Baschiria (parte occidentale degli Urali) e della Compañía Folklórica Camagua di Cuba (ballerini e musicisti professionisti). Saranno impegnati in altre manifestazioni internazionali dedicate al folclore, poi torneranno pure loro a casa. “E' stato un bel Festval – dice il presidente dell'Urbanitas, Federico Ciattaglia – in cui sono stati proposti spettacoli di qualità. Il pubblico li ha apprezzati; anche a Jesi, nelle due serate di 'Terranostra in tour', hanno avuto successo. Inoltre, la Festa paesana e l'evento finale di Ferragosto sono stati, come sempre, affollatissimi di persone. Al Galà del folclore – serata clou della rassegna – è mancata invece qualche presenza a causa del maltempo. Alla fine non è piovuto e lo spettacolo si è svolto regolarmente, ma l'allerta-meteo diramata alla vigilia ha scoraggiato evidentemente alcuni potenziali spettatori che in condizioni normali sarebbero senza dubbio venuti ad Apiro. Pazienza, sarà per il prossimo anno...”.Nelle foto: lo spettacolo pirotecnico al termine del Galà del folclore

17/08/2018
Apiro, tutto pronto per il gran finale del festival Terranostra

Apiro, tutto pronto per il gran finale del festival Terranostra

Domani, martedì 14 agosto, ad Apiro c’è la serata finale del 48° Festival internazionale del folclore, “Terranostra”. Alle 21.30 nell’area della pista di pattinaggio è previsto, infatti, il Galà del folclore, cioè il grande spettacolo conclusivo con la partecipazione di tutti i gruppi, compreso l’Urbanitas di Apiro. I biglietti si possono acquistare anche online su CiaoTicket, prenotando da casa il posto in platea.In caso di maltempo la serata non sarà annullata, ma verrà recuperata il giorno di Ferragosto (sempre alle 21.30). I gruppi protagonisti arrivano quest’anno dal Brasile (“Boi Brilho da Ilha” di São Luis, capitale dello stato settentrionale di Maranhão); dalla Russia (“Akjondoz” della Baschiria, repubblica che si trova nella parte occidentale degli Urali); dal Perù (“Sentimiento y Tradicion” di Lima); dalla Bosnia (“Kud “Nikola Kokošar”, gruppo di Šipovo, città di 10 mila abitanti a nord di Sarajevo); da Cuba (“Compañía Folklórica Camagua”, con ballerini e musicisti professionisti); dall’Ossezia del Nord (“Goretz”, giunto dalla capitale Vladikavkaz, situata nel centro del Caucaso, alla frontiera tra Europa e Asia). Gli ospiti sono circa 200 e in questi giorni stanno animando e colorando Apiro con le loro musiche e i loro costumi. In paese si respira un’atmosfera unica. Dormono nelle scuole locali e mangiano insieme in un grande salone-ristorante dove l’incontro di culture e tradizioni tanto diverse fra loro diventa il cuore pulsante di una rassegna che anche quest’anno sta riscuotendo il meritato successo. Molto apprezzato pure l’evento collaterale “Art&terra”: la mostra mercato di prodotti enogastronomici, artigianali ed etnici, affiancata da stand gastronomici, laboratori didattici per bambini, serate di degustazione di birre artigianali, vini e olio. Dopo il Galà del folclore, “Terranostra” si chiuderà a Ferragosto: alle 16.30 verrà celebrata la messa animata dai canti tradizionali dei gruppi ospiti; alle 17.30 seguirà la sfilata dei partecipanti lungo le vie del centro fino al “Pattinaggio”, dove il minigruppo dell’Urbanitas saluterà le delegazioni ospiti.

13/08/2018
Apiro, entra nel vivo il festival del folclore: lunedì 13 agosto la tradizionale “festa paesana”

Apiro, entra nel vivo il festival del folclore: lunedì 13 agosto la tradizionale “festa paesana”

Dopo lo spettacolo di apertura di giovedì scorso, che ha richiamato un buon pubblico alla pista di pattinaggio per la prima esibizione dei gruppi partecipanti, prosegue ad Apiro il 48° Festival internazionale del folclore, “Terranostra”. Gli spettatori hanno potuto già apprezzare che pure quest'anno la qualità delle formazioni ospiti è piuttosto alta. Provengono da Bosnia, Brasile, Cuba, Ossezia, Perù e Russia. A loro si aggiunge il gruppo locale dell'Urbanitas. Intanto, cresce l'attesa per la Festa paesana, che si tiene lunedì 13 (dalle 19.30) con i sei gruppi pronti ad animare le vie di Apiro dando anche la possibilità di assaggiare i piatti tipici dei loro Paesi di provenienza. Dal Brasile arriva il gruppo “Boi Brilho da Ilha” di São Luis, capitale dello stato settentrionale di Maranhão. Oltre alla samba e alle danze di chiara influenza africana il gruppo si esibirà nella danza più rappresentativa della propria regione, il Bumba-boi, che racconta la storia dello schiavo Francisco, il quale, per soddisfare il desiderio di una lingua di toro della moglie incinta, uccide il bue del padrone della fattoria. Compreso il rischio di tale gesto, l’uomo convoca sciamani e guaritori sperando di rianimare l'animale. Il bue torna alla vita e la comunità festeggia.La compagnia di danza Akjondoz, invece, proviene dalla Baschiria, repubblica della Federazione Russa nella parte occidentale degli Urali. I Baschiri rappresentano un gruppo etnico di origine turca che vive in Russia, dediti all’agricoltura e all’allevamento. Akyondoz in baschiro significa stella. Il Perù è rappresentato dall’associazione Sentimiento y Tradicion di Lima, che conta una trentina di musicisti e ballerini, il quali cercano di rappresentare con la massima autenticità - in costumi, musiche e danze - il bagaglio del folclore peruviano: dalla costa alle montagne, fino alla giungla. Per la Bosnia c'è il gruppo KUD “Nikola Kokošar”: proviene da Šipovo, città di 10 mila abitanti situata a circa 200 km a nord di Sarajevo. Nato nel 2011, ha già raggiunto un elevato livello artistico grazie e soprattutto al lavoro di ricerca svolto dal direttore e coreografo Milos Mitric.La multiculturalità è l'elemento-principe della Compañía Folklórica Camagua, un’associazione di professionisti (ballerini e musicisti) che, in collaborazione col Ministero della Cultura di Cuba, si fa portavoce della diffusione della cultura cubana nel mondo. Musica e danza hanno un ruolo dominante negli spettacoli che, variopinti e travolgenti, riscuotono ovunque molto successo.Infine, il gruppo Goretz viene da Vladikavkaz, capitale dell'Ossezia del Nord, una Repubblica della Federazione russa situata nel centro del Caucaso, alla frontiera tra Europa e Asia. Gli Osseti, con un  vasto repertorio di canti e danze, trasmettono l'orgoglio e l’amore per la libertà del loro popolo che, nonostante un passato segnato dalla guerra, non ha mai rinunciato alla propria ricchezza culturale. Scandite dal suono di fisarmonica e dohoul (un particolare tipo di tamburo), le danze mostrano la destrezza acrobatica dei ballerini e la leggerezza delle danzatrici, che sembrano fluttuare nell’aria.Domani, domenica 12 agosto, i gruppi di Brasile e Ossezia si esibiscono a Jesi (in Piazza della Repubblica, alle 21.30) nell'ambito di “Terranostra in tour”. Ad Apiro, invece, sempre domani sera (ore 21.30), sono protagoniste sul palco della pista di pattinaggio le formazioni di Perù e Bosnia.  Martedì 14 agosto, poi, ci sarà ad Apiro il Galà del folclore, cioè il grande spettacolo finale con la partecipazione di tutti i gruppi, compreso l’Urbanitas (inizio ore 21.30).

11/08/2018
Apiro, al via il 48° Festival Internazionale del Folclore "Terranostra"

Apiro, al via il 48° Festival Internazionale del Folclore "Terranostra"

Domani, giovedì 9 agosto, si apre ad Apiro il 48° Festival internazionale del folclore, “Terranostra”. Alle 21.30 nell’area della pista di pattinaggio, è prevista la presentazione ufficiale dei gruppi ospiti che, dopo il saluto di benvenuto, si esibiranno sul palco. Gruppi che quest’anno provengono da Bosnia, Brasile, Cuba, Ossezia, Perù e Russia. A loro si aggiunge, come sempre, il gruppo della locale Associazione culturale e folcloristica Urbanitas, promotrice dell’evento in collaborazione con il Comune di Apiro. Intanto, fin da oggi (mercoledì 8 agosto), e fino al giorno di Ferragosto, si svolge l’evento collaterale “Art&terra”: la mostra mercato di prodotti enogastronomici, artigianali ed etnici, affiancata da stand gastronomici, laboratori didattici per bambini, serate di degustazione di birre artigianali, vini e olio. Il programma della manifestazione prosegue venerdì 10 con lo spettacolo dedicato alle formazioni di Cuba e Russia; sabato 11 con l’esibizione dei gruppi di Brasile e Ossezia; domenica 12 con quelli di Perù e Bosnia. Le serate del 10, 11, 12 agosto avranno inizio alle 21.30 con ingresso libero. Poi, uno dei momenti più attesi della rassegna, la Festa paesana, che si terrà lunedì 13 a partire dalle 19.30: i gruppi ospiti animeranno le vie del paese con musiche e balli, offrendo al pubblico la possibilità di assaggiare i piatti tipici dei loro Paesi di provenienza. Quindi, la giornata clou alla vigilia di Ferragosto. Infatti, martedì 14 ci sarà il Galà del folclore, cioè il grande spettacolo finale con la partecipazione di tutti i gruppi, compreso l’Urbanitas di Apiro con inizio alle ore 21.30. Per le serate del 9 e 14 c'è la possibilità di acquistare i biglietti anche online su CiaoTicket, prenotando così il proprio posto in platea. Dopo la serata conclusiva, “Terranostra” passerà ai saluti il giorno di Ferragosto: alle 16.30 verrà celebrata una messa animata dai canti tradizionali dei gruppi ospiti; alle 17.30 seguirà la sfilata dei partecipanti lungo le vie del centro fino alla pista di pattinaggio, dove il minigruppo dell’Urbanitas saluterà le delegazioni ospiti.    

08/08/2018
Dieci per i Vigili del Fuoco di Apiro! (Foto)

Dieci per i Vigili del Fuoco di Apiro! (Foto)

Festeggiamenti per i 10 anni di operatività del distaccamento volontario Vigili del Fuoco di Apiro, unico nella regione Marche. Alla presenza dell assessore regionale alla Protezione Civile, Angelo Sciapichetti, e dei sindaci del comprensorio, il comandante provinciale Patrizietti ha tracciato un resoconto dell attività svolta e delle prospettive future, auspicando la risoluzione dei problemi legati alla sede di servizio.  Sia l assessore Sciapichetti che il sindaco di Apiro, Scuppa, hanno concordato sulla necessità di risolvere la problematca, impegnandosi ad offrire una prospettiva concreta in tempi rapidi.

30/06/2018
Apiro, scontro tra due auto: in quattro in ospedale

Apiro, scontro tra due auto: in quattro in ospedale

Scontro frontale tra due auto avvenuto questo pomeriggio, alle ore 15:40 circa, nel comune di Apiro, all'altezza dell'incrocio Borgo Trento. I conducenti ed i trasportati, in tutto quattro persone, sono stati condotti all’ospedale di Macerata, all’ospedale di Jesi ed a quello di Ancona. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per mettere in sicurezza i due veicoli, i sanitari del 118 e i Carabinieri della locale Stazione         

22/06/2018
Pian d'Elmo, inaugurato il nordic walking park di Monte San Vicino e Monte Canfaito

Pian d'Elmo, inaugurato il nordic walking park di Monte San Vicino e Monte Canfaito

Una festa nella festa quella promossa dall’Unione Montana Potenza Esino Musone di San Severino Marche e ospitata a Pian dell’Elmo dove è stato inaugurato dal presidente Matteo Cicconi - alla presenza dei sindaci di Apiro, Ubaldo Scuppa, di San Severino Marche, Rosa Piermattei, di Matelica, Alessandro Delpriori, e di Gagliole, Sandro Botticelli, e dei rappresentanti del Cea, delle associazioni ambientaliste e dell’Anpi -, il nuovo Nordic Walking Park che l’ente comunitario ha realizzato all’interno della Riserva naturale regionale del monte San Vicino e del monte Canfaito. L’appuntamento è coinciso con la premiazione del concorso fotografico “Le emozioni della Riserva” e del concorso video per droni “In volo sulla Riserva”, organizzati con la collaborazione del Centro di educazione ambientale “La Valle dei Grilli e dell’Elce”. Il parco dedicato alla camminata nordica che si pratica utilizzando speciali bastoncini, prevede sei diversi percorsi con lunghezze che vanno dai 3,9 ai 15,1 chilometri e dislivelli che variano dai 30 ai 310 metri. Inoltre sarà possibile muoversi anche due varianti della lunghezza dai 700 ai 900 metri con dislivelli che vanno dagli 80 ai 90 metri. Il percorso è stato tracciato dall’impresa Francesco Cianconi di Bolognola mentre per la parte progettuale e la direzione dei lavori ci si è avvalsi dell’ingegner Attilio Mogianesi, per quella amministrativa dell’ingegnere Iole Folchi Vichi, funzionario dell’area Tecnica dell’Unione Montana. Ufficialmente la prima escursione è prevista per domani (domenica 17 giugno) alle 9,30 con ritrovo sempre in località Pian dell’Elmo. Le camminate saranno seguite dagli esperti della Scuola italiana di Nordic Walking di Macerata (www.maceratanordicwalking.it oppure 3272919452). Nel corso del proprio intervento di saluto il presidente dell’ente comunitario, Matteo Cicconi, ha ricordato i lavori effettuati negli ultimi anni all’interno della Riserva naturale regionale del monte San Vicino e del monte Canfaito: “Oltre al parco dedicato al nordic walking sono stati sistemati alcuni sentieri, è stata sistemata l’area di sosta di Canfaito con una nuova staccionata e nuovi punti fuoco, insieme alle altre aree di sosta all’interno dell’area naturalistica sono state realizzate una pubblicazione dedicata ai “Mammiferi, uccelli e non solo”, e la Carta dei Sentieri. Poi è stato predisposto il Piano di gestione ungulati e quello dell’antincendio boschivo ed è stata realizzata una nuova cartellonistica. Da ultimo è stato realizzato un nuovo sito internet”. Questi i premiati per il concorso fotografico “Le emozioni della Riserva”: primo posto Ciprian Burloiu per la foto “L’albero della vita”, secondo posto Roberto Ricci per la foto “Verso i Sibillini”, terzo posto Marco Gentili per la foto “Barbalbero”.   Per il concorso video “In volo sulla Riserva” primo premio a Marcello Pannelli e Moreno Morosini Desideri, secondo posto ad Andrea Morico e terzo ad Alessandro Zepponi.

16/06/2018

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433