Aggiornato alle: 11:11 Venerdì, 18 Giugno 2021 cielo coperto (MC)
Sanità Macerata

Vaccini e gravidanza, la dottoressa Garbati fa chiarezza: "Nessuna controindicazione"

Vaccini e gravidanza, la dottoressa Garbati fa chiarezza: "Nessuna controindicazione"

Le società scientifiche Italiane di ginecologia ed ostetricia lanciano l’allarme. In questo momento più che mai sono necessarie informazioni corrette che rassicurino le donne in età riproduttiva verso la vaccinazione anti-Covid; le istituzioni devono fare la loro parte.

Situazioni come gravidanza, allattamento, o desiderio riproduttivo non sono una controindicazione alla vaccinazione. 

Elisabetta Garbati, ginecologa maceratese, che ha già affrontato alcune settimane fa il tema della vaccinazione anti-covid 19 in gravidanza, ritorna sull’argomento, spinta dalle innumerevoli donne che ogni giorno la contattano, manifestando dubbi e perplessità.

“Molte pazienti stanno vivendo in questo momento un forte disagio, a causa della confusione che si è creata sull’argomento, anche perché ancora le informazioni che circolano a riguardo sono scarse. Da quando è cominciata la pandemia tutte le società Italiane di ginecologia ed ostetricia si sono mosse per informare in modo esaustivo le pazienti circa il comportamento da adottare in gravidanza ed allattamento, sostenendo la sicurezza della vaccinazione anticovid- 9. Noi medici tutti dobbiamo pertanto ribadire con forza alcuni concetti fondamentali” aggiunge la Garbati che riporta di seguito testualmente le dichiarazioni delle società scientifiche di ginecologia ed ostetricia Italiane: 

- la gravidanza non è una controindicazione alla vaccinazione

- il desiderio riproduttivo o la ricerca della gravidanza non sono una controindicazione alla vaccinazione

- l’allattamento non è una controindicazione alla vaccinazione

- la contraccezione ormonale non è una controindicazione alla vaccinazione

- non esistono indagini preliminari o terapie da praticare prima della vaccinazione in nessuna di queste situazioni

- le donne gravide dovrebbero essere invitate a vaccinarsi con maggiore premura rispetto alle donne non gravide della stessa età, perché la gravidanza è una condizione di fragilità.

"Nonostante queste posizioni, ancora oggi c’è confusione, e ogni giorno mi arrivano messaggi di pazienti disorientate, che hanno avuto le informazioni più bizzarre e disparate, spesso non corrispondenti assolutamente al vero. Mi associo alla comunità scientifica Italiana nel lanciare un appello al Ministro della Salute Roberto Speranza affinché si faccia promotore di una campagna di corretta informazione che rassicuri le donne in età riproduttiva verso la vaccinazione anti-Covid" aggiunge la dottoressa Garbati.

Come ha infine ricordato la Dott.ssa Elsa Viora Presidente Aogoi (Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani) “mantenere le donne in uno stato confusionale su tale argomento rappresenta un grosso deterrente alla natalità e spinge le coppie che vorrebbero avere figli a procrastinare tale evento, rendendo così ancora più drammatica la problematica ‘culle vuote’ che rappresenta il maggiore problema sociale della nostra nazione”. 

"Continuerò a portare avanti la nostra verità” conclude la Garbati “perché dobbiamo pensare al futuro delle nuove generazioni, le stesse che hanno visto appena nate, un papà ed una mamma senza sorriso, perché nascosto da una mascherina chirurgica". 

 

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni