Aggiornato alle: 23:06 Mercoledì, 26 Gennaio 2022 cielo sereno (MC)
Curiosità San Severino Marche

"Ridateci la Valle dei Grilli e l'Abbazia di Sant'Eustachio": flash mob a San Severino

"Ridateci la Valle dei Grilli e l'Abbazia di Sant'Eustachio": flash mob a San Severino

Doppio appuntamento per l’edizione 2021 della campagna nazionale di Legambiente “Salvalarte” che è tornata ad essere organizzata in città dopo lo stop imposto dal terremoto. 

L’iniziativa, promossa dal locale circolo di Legambiente “Il Grillo”, con il patrocinio del Comune, dell’Arcidiocesi di Camerino - San Severino Marche, dell’Accademia di Belle Arti Macerata e in collaborazione con il Cai di San Severino, il Masci San Severino e C2C, cammino “Coast to Coast” Portonovo – Orbetello; ha regalato a tutti i partecipanti due momenti di incontro: il flash mob “Riprendiamoci la Valle dei Grilli e l'Abbazia di Sant'Eustachio”, nella Valle dei Grilli, e l’apertura straordinaria della chiesa confraternale di Sant’Antonio in Cesalonga, vicina all’omonimo ponte medievale, utilizzata per molti secoli, come vuole la tradizione, anche come lazzaretto.

Quest’ultima iniziativa, in particolare, ha richiamato una sessantina di persone. Tra i partecipanti, anche l'assessore alla Cultura del Comune di San Severino Marche, Vanna Bianconi, e il presidente pro tempore di Legambiente Marche, Marco Ciarulli.

A guidare le visite all’interno della chiesa, in tutto quattro quelle organizzate nella giornata d’apertura di domenica 31 ottobre, l'architetto Luca Maria Cristini, membro del direttivo del Grillo e responsabile dell'evento settempedano di Salvalarte 2021, il quale ha illustrato le preziosità dell’edificio, oggi praticamente sempre chiuso: “Ringrazio don Edoardo per averci dato la possibilità di tenere aperta e far conoscere la chiesa di Sant'Antonio in Cesalonga, situata in un punto di passaggio molto trafficato sin dall'antichità: qui vi passava l'antica strada romana che collegava Nocera Umbra all'Adriatico. La chiesa è stata eretta intorno al XIII secolo ed è sempre stata alle dipendenze del monastero di San Lorenzo in Doliolo. Nella facciata, notiamo i residui di un antico porticato e di affreschi molto rovinati".

"Fino agli inizi del secolo scorso - ha spiegato ancora Cristini - l'edificio veniva spesso utilizzato come lazzaretto durante le epidemie e ciò ha portato, nei secoli, a vari interventi di copertura delle pareti: per igienizzare gli interni, queste venivano tinteggiate con la calce bianca, coprendo gli affreschi. Infatti, Vittorio Emanuele Aleandri, storico locale di fine Ottocento, nella sua guida della città del 1898, non riportava l'esistenza di dipinti parietali, segno che erano già coperti al tempo della sua scrittura. Soltanto di recente, dopo i primi anni del Duemila, siamo riusciti a far riaffiorare qualcosa".

"Ora possiamo vedere varie immagini di Sant'Antonio, santo che dà il nome alla chiesa; un grande affresco di Sant'Elia ed altre particolarità, come una piccola scena di esorcismo - aggiunge Cristini -. Inoltre, sulla parete nord, troviamo dei frammenti di un affresco enorme, e da quel poco che è stato, per ora, riscoperto, possiamo avanzare due ipotesi principali: potrebbe essere un'altra raffigurazione di Sant'Antonio oppure, per la vastità della figura, addirittura San Cristoforo, dato che si era soliti raffigurarlo sempre gigantesco. Come vedete, abbiamo molto di cui parlare, e c'è ancora tanto altro da tirare fuori da queste pareti: questa nostra iniziativa è un primo passo per stimolare le istituzioni competenti al recupero della chiesa. Ci sono ancora molte immagini da scoprire e tante ipotesi da verificare”.

L'assessore Bianconi ha molto apprezzato l'iniziativa, capace di portare alle luce la ricchezza di una chiesa, un tempo meta di feste e liturgie, ora non più in auge: un luogo che andrebbe maggiormente valorizzato e recuperato. 

Anche Marco Ciarulli, Legambiente Marche, ha seguito con interesse l'evento, complimentandosi con “Il Grillo” per l'iniziativa, capace di far riscoprire un luogo degno d'interesse, e per la complessiva organizzazione delle due giornate di Salvalarte 2021 apertesi con un il flash mob alla Valle dei Grilli, per sensibilizzare la cittadinanza sulla questione della valle, ormai inaccessibile dall'estate del 2019 per motivi di sicurezza.

I volontari del circolo “Il Grillo”, insieme ai rappresentanti dell'associazione scout Masci e del Cai, alle ore 15 sono partiti dal ponte di Sant'Antonio in direzione Valle dei Grilli, percorrendo uno dei cammini più affascinanti della zona (già luogo protagonista di Puliamo il Mondo 2021), fino al punto di sbarramento. L’iniziativa è anche servita per chiedere la messa in sicurezza del tratto di percorso oggi inaccessibile.

“Un impegno – secondo il circolo “Il Grillo” - che deve interessare e spingere le istituzioni a mobilitarsi, perché quella valle è un bene tanto paesaggistico quanto storico (da ricordare la presenza dell'abbazia di Sant'Eustachio). Un luogo che unisce natura e cultura in maniera pregevole non può continuare ad essere così precluso al pubblico. Da non dimenticare, inoltre, che il tratto in questione è parte integrante dell'antica Via Lauretana”.

 

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.
Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni