Aggiornato alle: 13:43 Martedì, 5 Luglio 2022 cielo sereno (MC)
Cronaca Ancona

Truffa, bancarotta fraudolenta e false fatture: nei guai un commercialista e due imprenditori

Truffa, bancarotta fraudolenta e false fatture: nei guai un commercialista e due imprenditori

Chiuse le indagini preliminari per un commercialista di Fabriano per bancarotta fraudolenta, truffa, emissione di fatture per operazioni inesistenti e autoriciclaggio, e per due imprenditori, anche loro fabrianesi, di cui uno in concorso per bancarotta fraudolenta e l'altro per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. Le indagini sono state condotte dalla Guardia di Finanza di Fabriano, coordinata dalla Procura di Ancona.

 La minuziosa attività d’indagine dei finanzieri ha permesso di ricostruire condotte illecite poste in essere dal commercialista nell’esercizio della professione. Il professionista, che ha precedenti per reati fiscali e truffa, in concorso con l'amministratore e poi liquidatore di una società di verniciature industriali di Fabriano dichiarata fallita, avrebbe distratto e occultato 37mila euro, dopo aver ottenuto un finanziamento di 265mila euro a favore della stessa azienda garantito da Cassa Depositi e Prestiti.

Un finanziamento agevolato per pagare i tributi sospesi, ai sensi del "Decreto Sisma", che posticipava il pagamento dei tributi sospesi a seguito del terremoto del 2016, per le imprese del cratere sismico. Invece di pagare le imposte, però, il commercialista avrebbe stipulato contratti di accollo tributario con altre società toscane, quindi fuori dal cratere sismico.

Le somme sarebbero state usate per pagare i debiti tributari di queste ultime: come contropartita avrebbe ricevuto l'80% dei tributi pagati. I 37mila euro, anziché confluire nelle casse della società di verniciature industriali, sarebbero state dirottate sui conti correnti personali del professionista che è al centro anche di altre vicende: come liquidatore di un'altra società è accusato di essersi appropriato di 75mila euro invece di versarli ad alla banca creditrice, di avere emesso una fattura per operazioni inesistenti per 29mila euro per evadere le imposte dei redditi e Iva, a favore di un'impresa il cui rappresentante legale è stato anche lui denunciato.

Inoltre avrebbe distratto oltre 23mila euro dai conti correnti di un'azienda poi dichiarata fallita, in concorso con l'amministratore, mediante un bonifico con una causale di comodo. In tutto un giro di 'affari' per 127mila euro, trasferiti in un conto corrente in Romania.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni