Aggiornato alle: 21:26 Martedì, 16 Luglio 2024 cielo sereno (MC)
Sanità Provincia Macerata

La sanità che verrà: considerazioni, idee e suggerimenti

La sanità che verrà: considerazioni, idee e suggerimenti

In questi giorni sono alle prese con una programmazione di comunicazione che ha al centro un argomento che va al di là di ogni capacità speculativa ed organizzativa di singoli individui, associazioni, partiti e persino istituzioni.

L’argomento spinosissimo è l’organizzazione territoriale del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), qui nelle Marche il già annunciato piano sanitario regionale.

L’assistenza sanitaria per i cittadini deve essere universale, puntuale, efficiente, con le stesse possibilità di accesso senza distinzione di provenienza, genere, ceto e reddito. Lo dice la Costituzione!

Finora il nostro servizio sanitario si è distinto come uno dei migliori al mondo proprio per l’accessibilità a tutti e in tutte le strutture. Ultimamente sono emerse delle difficoltà ancor più accentuate dall’emergenza innescata dalla pandemia Covid.

Liste di attesa lunghe e pericolose per la salute in ogni ambito e quasi dappertutto, dagli ambulatori per i consulti, nei servizi della diagnostica e nei reparti operatori; nei pronto soccorso attese incredibili e davvero tristi da constatare.

In questa situazione rischia di sgretolarsi tutto il sistema e soprattutto la fiducia dei cittadini. Chi ha urgente bisogno e ne ha la possibilità è costretto spesso a rivolgersi alle strutture sanitarie private, non sempre con servizi convenzionati, all’occorrenza un impegno economico ingente che molti non sono in grado di sostenere.

Cosa fare? Anzitutto affrontare il problema con umiltà. Le formule magiche veloci non esistono, esiste la possibilità di confronto e dialogo e senza girarci tanto intorno il confronto deve essere tra le strutture del servizio pubblico e quelle private, che nel tempo, vita la richiesta, sono cresciute molto di numero, un esempio nella nostra regione Marche.

Alcune sono molto organizzate, dotate di tecnologia e servizi di ultimissima generazione. L’ideale sarebbe che il Servizio Sanitario Nazionale sia rivitalizzato, finanziato per ben soddisfare tutti i bisogni dei cittadini, ma sarà possibile?

E poi, a questo punto tutte le risorse del settore che operano con investimenti privati che fine farebbero? Alcune sarebbero di élite ed opererebbero per pazienti ricchi, tante sarebbero costrette al fallimento. Non sarebbe comunque una perdita, uno spreco ed una ulteriore discriminazione?

Coniugare i due settori con regole che garantiscano un accesso libero e alla portata di tutti i cittadini, dove il privato supporta il pubblico e il pubblico amalgama con il privato le sue funzioni con regole chiare e vincolanti, con suddivisione di compiti e servizi.

E le terme con le loro sorgenti di proprietà pubblica non potrebbero avere un ruolo importante e di sicuro piacevole per i pazienti? Qui nelle Marche alcune stazioni termali hanno dimostrato tanta disponibilità, organizzazione e capacità soprattutto nel periodo della pandemia Covid.

Ho la vaga idea che un progetto serio, fatto da competenti che sappiano coniugare tutti questi aspetti avrebbe un impegno economico totale uguale o forse minore di quello riscontrabile nei bilanci pubblici attuali e la salute di tutti sarebbe più in sicurezza.

È una verifica di fattibilità anzitutto, poi un processo culturale ed infine politico. Con un unico principio intangibile: la difesa della salute è un diritto di tutti e tutti lo devono poter perseguire ricorrendo ai servizi migliori ed efficaci, in ogni luogo e nei tempi dovuti.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni