Aggiornato alle: 20:17 Mercoledì, 24 Aprile 2024 nubi sparse (MC)
Politica Serravalle di Chienti

INTERVISTA - Ronchetti e la ricostruzione che verrà: "Tanti nodi da sciogliere entro la primavera 2022"

INTERVISTA - Ronchetti e la ricostruzione che verrà: "Tanti nodi da sciogliere entro la primavera 2022"

"Sembrava che, con il nuovo commissario Legnini, la strada fosse spianata e invece le cose si stanno complicando. Il costo dei materiali edili è aumentato spropositatamente e le ditte disposte ad avviare i cantieri non si trovano, visto che stanno lavorando tutte con il Superbonus 110%. Il problema si porrà seriamente la prossima primavera, quando la ricostruzione dovrà partire in maniera poderosa, con centinaia di cantieri". A far suonare il campanello d'allarme è Venanzo Ronchetti, divenuto per tutti il 'sindaco del terremoto' grazie alla gestione egregia della ricostruzione post-sisma della sua Serravalle di Chienti, epicentro del terremoto umbro-marchigiano del 1997. 

"A ciò si aggiunge un'altra preoccupazione - aggiunge Ronchetti, in visita assai gradita alla nostra redazione -. Non essendoci più alberghi o ristoranti aperti, dove alloggeranno gli operai e i tecnici dei cantieri? Dove mangeranno? La Regione sta aspettando indicazioni, mentre nel '97 fummo noi sindaci a decidere subito cosa fare delle casette, una volta che gli sfollati ebbero trovato una sistemazione. A Serravalle di Chienti le diedi in alloggio proprio ai lavoratori e, fino al termine della ricostruzione, vivemmo con 300 persone in più rispetto a quelle residenti. Una situazione che generò anche un indotto economico non indifferente per il nostro paese".  

L'ultima avventura politica di Ronchetti, 'socialista' storico, risale alle elezioni Regionali dello scorso anno quando si candidò nella lista 'Rinasci Marche': "Mi ero già ritirato dalla politica, ma molta gente mi fermava dicendomi 'Se ti candidi tu, vado a votare. Altrimenti evito'. Così mi sono detto 'Perchè no?' e sono partito, all'ultimo minuto, con la campagna elettorale, facendo tutto completamente da solo. Proprio per questo il risultato ottenuto è andato ben oltre le mie aspettative, visto che sono stato il più votato della lista in provincia di Macerata con 600 preferenze".  

Ronchetti, a cinque anni dalle scosse del 2016, analizza anche - dal suo punto di vista - cosa è andato storto nella gestione della ricostruzione mettendola a paragone con quella di cui fu attivo protagonista: "Nel '97 dopo nove mesi dalle scosse diedi l'autorizzazione di inizio lavori e, dopo cinque anni, la ricostruzione era a metà. Invece qui si sono persi tre anni con la scelta di commissari inadeguati, che ogni volta smontavano quanto fatto dal loro predecessore. La fortuna, ora, è stata trovare il commissario straordinario Legnini, che sta facendo il massimo. C'è stato un bel cambio di passo. Le sue ordinanze devono essere poste a modello per redigere una 'Legge nazionale della calamità'. Dimodochè, dopo 20 giorni da un terremoto, si sappia già come intervenire". 

Altro problema annoso, già prima del terremoto, è quello dello spopolamento delle aree montane: "Si dovrebbe pensare a istituire una zona a tassazione agevolata per le imprese, come incentivo per investire e creare posti di lavoro nelle zone del cratere - suggerisce -. Bisogna combattere lo spopolamento che da tempo affligge paesi come Serravalle di Chienti, Visso e Pioraco. Basti pensare che negli anni '50 contavamo 3 mila abitanti, mentre oggi siamo anche sotto la soglia dei mille abitanti". 

 

 

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni