Aggiornato alle: 21:48 Lunedì, 4 Marzo 2024 cielo coperto (MC)
Eventi Macerata

"La nobiltà di oggi", a Macerata il convegno dell'Aristocrazia adriatica

"La nobiltà di oggi", a Macerata il convegno dell'Aristocrazia adriatica

Sabato 10 giugno nella Gran Sala Piero Cesanelli, allo Sferisterio di Macerata, si terrà il IV convegno dell’Aristocrazia Adriatica dell’Europa Orientale, dal tema “La nobiltà di oggi: il senso e la missione”.

Durante l’evento sarà presentato lo stemmario di proprietà della nobile famiglia Agricola, che fa capo al rettore dell’Accademia organizzatrice dell’incontro. Si tratta di un importante documento in quanto mostra, in digitale, il repertorio degli stemmi nobili, dal 1300 ai giorni nostri.

 L’Aristocrazia Adriatica dell’Europa Orientale si prefigge di valorizzare, custodire e trasmettere il patrimonio storico, religioso e culturale dell’aristocrazia, la quale è riuscita ad unire nobili, notabili e aristocratici di tutta Europa, dalla nobiltà antica a quella moderna. "Il senso del parlare di nobiltà oggi – dice il delegato dell’Accademia per la provincia di Macerata, Paolo Perini – sta anche nell’aprire questi contesti, che vogliono valorizzare il patrimonio culturale e storico di cui sono in possesso, al dialogo con le istituzioni".

"I nobili tendono a dividersi tra chi non fa affatto cenno al suo titolo, chi lo sfrutta per ottenere favori e chi invece ci lavora e opera per scopi benefici". L’evento vedrà la partecipazione di due sindaci dal Molise, dove ha sede l’Accademia, e di una rappresentanza della Regione Marche.

Durante il convegno si parlerà ampiamente della figura di padre Matteo Ricci, che fu il primo cristiano a creare un ponte con l’Oriente. L’Accademia promuoverà un’associazione di volontariato sul territorio, la Omphalos, che si occupa, tra Recanati, Fano e Ascoli, di aiutare ragazzi con autismo. La data scelta per il convegno tiene memoria dell’investitura a cavaliere, da parte di Enrico I, di Goffredo Plantageneto, che avvenne il 10 giugno 1128. L’evento maceratese sarà anche occasione per celebrare la giornata internazionale dell’araldica, ossia la disciplina che si occupa dello studio degli stemmi.

Il convegno sarà coordinato da Lara Carelli, saranno trattate negli specifici argomenti da illustri relatori e, precisamente, da: il conte Enzo Modulo Morosini di Risicalla e Sant’Anna Morosina , senatore accademico dell’Aduomssan e curatore del Libro d’Oro delle famiglie nobili e notabili con annesso armoriale storico che interverrà sul tema: “Matteo Ricci e l’Araldica”, omaggiando ospiti ed invitati con un quaderno dell’archivio Corder Morosini su “Matteo Ricci nella Storia e nella Araldica”;

 

Dario Grandoni, presidente della Fondazione Matteo Ricci che tratterà il tema: “Padre Matteo Ricci, un ponte tra  Oriente e Occidente”; L’architetto Enzo Fusari , già presidente dell’Ordine degli Architetti di Macerata,  che illustrerà il tema: “La città di Macerata al tempo di Padre Matteo Ricci attraverso le antiche mappe”; Simonetta Torresi, invece,  approfondirà gli aspetti riguardanti il tema: “La città di Macerata e Papa San Leone IV”.

Durante il convegno verranno assegnati i titoli di Equitem et Dominam dell’ordine dinastico famigliare Smossan, e i decreti di membro d’onore dell’Accademia Dinastica Universitaria oltre al prestigioso Premio Internazionale Capitolino intitolato a Gneo Giulio Agricola.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni