Aggiornato alle: 20:14 Domenica, 23 Giugno 2024 cielo sereno (MC)
Economia Provincia Macerata

"Troppa confusione normativa sui bonus edilizi, a rischio oltre 10mila cantieri"

"Troppa confusione normativa sui bonus edilizi, a rischio oltre 10mila cantieri"

Le continue modifiche normative ai bonus edilizi hanno prodotto confusione tra le imprese e i cittadini. È quanto afferma il presidente di Cna Macerata, Maurizio Tritarelli che interviene sulla questione: “Ricordo che quando furono varate le agevolazioni per la riqualificazione degli immobili tutte le forze politiche parlarono di operazione salvifica per l’economia italiana. Oggi i bonus ristrutturazioni sono etichettati come estremamente dannosi per le casse dello Stato, nonostante siano state modificati, stravolti e ridotti dallo stesso governo”.

Oltre alla cancellazione dell’opzione della cessione del credito, il Superbonus è stato fortemente ridimensionato già con l’ultima legge di Bilancio, sia nella dimensione che nella platea dei potenziali beneficiari: “Queste continue modifiche – prosegue il presidente CNA - hanno prodotto una vistosa frenata del comparto costruzioni. Nella provincia di Macerata le imprese del settore edile, senza contare quelle degli altri settori coinvolti, sono scese di 350 unità in un anno. In questo periodo, a causa della forte incertezza, molte imprese e cittadini hanno valutato la possibilità di rinunciare ai lavori. Non possiamo certo dargli torto, perché certezza e stabilità del quadro normativo sono il principale requisito per l’efficacia di una misura”.

Nel tempo, l’associazione di categoria si è spesa per proporre miglioramenti alla misura: “Come CNA – sottolinea Tritarelli - abbiamo più volte proposto il riordino del sistema degli incentivi del comparto casa, così da renderlo sostenibile sia per le finanze pubbliche che per il mercato. Purtroppo, le continue modifiche hanno invece generato il grave problema dei crediti incagliati nei cassetti fiscali delle imprese, che sono ancora senza soluzione. Infine lo stop improvviso al 110% nel novembre scorso che rischia di scardinare molti contratti per i quali i cantieri non sono stati ancora avviati”.

Cna propone quindi alcuni interventi governativi per scongiurare il peggio: “È necessaria una proroga per i condomini che hanno avviato i cantieri per gli interventi del Superbonus e che hanno già raggiunto uno stato di avanzamento lavori pari al 30% - sollecita il Presidente CNA Macerata. È essenziale per scongiurare di avere migliaia di cantieri che non potranno portare a termine i lavori”.

Dall’Osservatorio della Confederazione sui bonus edilizi risulta che qualora la proroga preveda una percentuale di avanzamento lavori al 60% (che corrisponde al secondo step per ottenere il beneficio) oltre il 50% dei cantieri avviati non sarà nelle condizioni di concludere gli interventi: “Stiamo parlando di oltre 10mila edifici in tutto il Paese e diverse centinaia solo nella nostra regione”.

Infine, CNA sottolinea la necessità di dare risposte al grave problema dei crediti incagliati che zavorrano migliaia di imprese del settore esponendole al rischio di fallimento: “Non possono vivere in un limbo indefinito per anni e anni; si intervenga con una soluzione condivisa”.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni