Aggiornato alle: 08:44 Venerdì, 20 Aprile 2018 cielo sereno (MC)
Cronaca Porto Recanati

Hotel House, si riaprono le indagini sulla morte di Camey. Ma del fidanzato ormai non c'è più traccia

Hotel House, si riaprono le indagini sulla morte di Camey. Ma del fidanzato ormai non c'è più traccia

Quarto Grado, la trasmissione di approfondimento di Rete4, nell'ultima puntata si è occupata dell'Hotel House e dei ritrovamenti che sono stati fatti nel casolare confinante e all'interno di quello che è stato definito "il pozzo degli orrori".

Nella settimana appena trascorsa, oltre ai mezzi già utilizzati, ci si è avvalsi anche dell'uso dei cani molecolari e la ricerca di reperti è terminata con 60 frammenti di ossa, appartenenti verosimilmente ai corpi di un adulto e di un adolescente ma anche un pezzo di un pantalone, un foulard, un fermacapelli, una t-shirt e un paio di scarpe da tennis bianche, che hanno subito fatto pensare a Camey Mosammet, la quindicenne originaria del Bangladesh scomparsa il 29 maggio del 2010.

Nel servizio vengono ricostruiti i movimenti della ragazzina, che quel giorno, dopo aver marinato la scuola, venne vista entrare proprio all'Hotel House, dove all'ottavo piano abitava il suo fidanzatino, anche'egli bengalese. In quell'appartamento, durante le indagini, venne trovato un cappellino simile a quello usato da Camey e delle tracce di sangue e ci si chiede se quel sangue sia stato analizzato per stabilirne l'appartenenza.

La cosa che lascia sbalorditi è che Monir Kazi, il fidanzatino di Camey, a quell'epoca fu indagato ma non venne mai fermato e un anno dopo, nel 2011, venne allontanato con un decreto di espulsione. Il suo fascicolo venne archiviato però solo nel 2017 e il giornalista chiede "come mai è stato espulso mentre era ancora indagato?".

Di sicuro il fascicolo aperto su di lui dalla procura di Ancona potrebbe contenere elementi molto rilevanti ed è proprio per questo che l'avvocato della famiglia della ragazzina scomparsa ha chiesto a più riprese di poterlo visionare, già dal 2013, ma gli è stato sempre negato, anche dopo l'archiviazione del febbraio 2017. Proprio grazie all'ennesima richiesta di qualche giorno fa, l'avvocato Luca Sartini viene a sapere che il fascicolo in questione, dopo gli ultimi ritrovamenti di ossa, è stato riaperto e l'inchiesta sulla scomparsa di Camey riparte.

Avendo a disposizione il dna della ragazza, sarà solo questione di tempo ma si arriverà certamente a stabilire se i resti trovati siano o meno i suoi e in caso affermativo, il fascicolo cambierà immediatamente il capo d'imputazione da sequestro di persona a omicidio e occultamento di cadavere. A questo punto però, qualora venisse incolpato l'ex fidanzatino, ora 28enne, ci sarà probabilmente la beffa di non poterlo assicurare alla giustizia, data l'impossibilità di rintracciarlo.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Roberto Scorcella

Copyright © 2018 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni