Aggiornato alle: 13:16 Giovedì, 11 Agosto 2022 cielo coperto (MC)
Attualità Altri comuni

Fondazione Michele Scarponi alla Camera dei Deputati: proposte di modifica al "nuovo Codice della Strada"

Fondazione Michele Scarponi alla Camera dei Deputati: proposte di modifica al "nuovo Codice della Strada"

La Fondazione Michele Scarponi è stata ascoltata in Commissione Trasporti per le modifiche al nuovo codice della strada.

La Fondazione si è espressa contraria all'aumento della velocità fino ai 150 km/h in autostrada e ha depositato le petizioni di cui è promotrice. Ha invece espresso parere favorevole a tutte quelle misure che hanno come scopo la tutela e l'incentivazione della mobilità ciclistica e dell'utenza fragile in generale.

Limitare la velocità degli autoveicoli nei centri cittadini a 30 kilometri orari, come succede nel resto d'Europa, istituire ai semafori la striscia di arresto avanzata per i ciclisti e consentire di usare le corsie per il TPL agli stessi. Consentire il doppio senso ciclabile in alcune strade ad uso condiviso tra pedoni e ciclisti dove la velocità è particolarmente moderata.

Verrà inoltre proposta la possibilità di consentire ai ciclisti di percorrere le strade extraurbane "affiancati in due", per aumentare la visibilità e la maggior sicurezza degli stessi.

Nei giorni scorsi è stata avviata una campagna di raccolta firme sul tema che mira tra gli altri punti a definire una distanza minima di 1,5 metri, per il sorpasso dei velocipedi all'interno dell'art.148 del codice della strada, in sostituzione del termine "distanza adeguata" citato nello stesso; e a definire le sanzioni, all'interno della Legge 366 del 19/10/1998 per gli enti che non provvedono a realizzare percorsi ciclabili nel caso di strade di nuova realizzazione o manutenzioni straordinarie come previsto dall'Art.10 della stessa.

La stessa Fondazione è anche promotrice di un'altra petizione per l'installazione obbligatoria dei dispositivi di limitazione di velocità ISA (Intelligent Speed Adaptation) dispositivo già sperimentato a più riprese e positivamente valutato in diversi studi e ricerche internazionali, tra cui l’ETSC (European Transport Safety Council) che lo promuove come una soluzione importante per ridurre la mortalità e la lesività degli scontri stradali.

La Campagna per l’introduzione del dispositivo ISA è veicolata in tutti i Paesi dell’Unione Europea e fatta conoscere al resto del mondo perché possano svilupparla in tutti i Paesi aderenti all’ONU.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni