Aggiornato alle: 21:01 Giovedì, 20 Giugno 2019 cielo sereno (MC)
Cultura Monte San Martino

Monte San Martino, presso la Pinacoteca al via la mostra di pittura e scultura Novus Dies

Monte San Martino, presso la Pinacoteca al via la mostra di pittura e scultura Novus Dies

Ha da poco chiuso i battenti la fortunata mostra dedicata al sacro tenutasi nelle sale della Pinacoteca Civica A. Ricci di Monte San Martino in occasione del Natale e già nel suggestivo “borgo” marchigiano fervono i preparativi per ospitare un secondo evento espositivo sul tema del sacro.

L'appuntamento con la nuova rassegna d'arte, intitolata NOVUS DIES. Per un geografia della rinascita, è per il prossimo 13 Aprile sempre nelle Pinacoteca civica A. Ricci.

L'esposizione, che rimarrà aperta fino al 23 giugno 2019, va a coincidere con le celebrazioni pasquali e si propone quale momento conclusivo della triade nascita/morte/rinascita iniziata nel periodo della natività.

Promossa dal Comune di Monte San Martino, Unione Montana dei Monti Azzurri, Associazione Culturale LOGOS in collaborazione con Pro loco di Monte San Martino e Acca edizioni di Roma, la mostra NOVUS DIES. Per una geografia della rinascita, andrà ad arricchire la già interessante proposta turistico culturale della cittadina del Maceratese, che, tra i suoi tanti tesori naturalistici, architettonici e artistici, custodisce, nella chiesa di San Martino vescovo, alcuni pregevolissimi polittici, capolavori assoluti della pittura tardo gotica, realizzati dai due maestri del 400, i fratelli Carlo e Vittore Crivelli.

A dialogare idealmente con i capolavori dell'arte sacra dei Crivelli saranno in questa occasione espositiva le opere dei pittori Giuseppe Bedeschi, Maurizio Pilò, Guido Venturini e degli scultori Elena Modelli, Sergio Monari, Lucio Russo, Giovanni Scardovi, Salvatore Vaccalluzzo, Mario Zanoni.

Dello scultore Mario Zanoni, sono inoltre presenti, fin dal dicembre 2018, fianco a fianco con i polittici dei maestri Crivelli, due sculture sacre e un trittico ispirato alle miniature del Codex Purpureus Rossanensis, uno dei più antichi evangeliari esistenti al mondo.Afferma con orgoglio l'assessore alla cultura di Monte San Martino, Matteo Pompei: “Scegliere di esporre le opere dei tanti ed illustri artisti partecipanti, in contesti culturali cittadini come la Pinacoteca Civica e la Chiesa di San Martino Vescovo, ci permette di porre a confronto l’arte locale, dal tardo-gotico dei fratelli Crivelli alla collezione di opere del ‘600 lascito di Mons. Armindo Ricci, con l’evoluzione pittorica e scultorea dell’epoca in cui stiamo vivendo. Questo apparente parallelismo non è privo di collegamenti profondi, intrinseci della storia artistica italiana, e da sempre permette all’innovazione di interagire con il passato, manifestandosi sotto forma pittorica, scultorea e architettonica. Seguendo questa linea d’azione, le politiche culturali della nostra amministrazione pongono da sempre in risalto un’offerta artistica che ci contraddistingue, e poter apporre elementi innovativi ed attuali ci permette di dare ulteriore risalto a ciò che ci è pervenuto dal passato”. Nel suo saggio critico, Alberto Gross così commenta la prossima mostra "Novus Dies. Per una geografia della rinascita intende testimoniare - attraverso una scelta di artisti contemporanei – la traduzione di un pensiero in segno, forma, scalfittura del tempo in una prospettiva diacronica e simultanea insieme, tentando di stanare ulteriori possibilità per le capacità evocative dell'immagine. L'enigma dell'uomo è da sempre quello della propria esistenza e del proprio destino: assai prima dell'avvento del cristianesimo, con l'intero suo coté iconografico, l'arte figurativa è stata capace di crearsi un apparato di allegorie e simbologie che è giunto diritto al cuore della questione, stratificando, aggiungendo tassello su tassello e costruendo una cronistoria visiva del pensiero. Questi i sentieri, le ramificazioni che dischiudono nuove vie e rinnovati percorsi su quella mappa complessa e oscura su cui è tracciata l'essenza dell'esistenza.

Scrive Heidegger nel suo “Essere e tempo” che l'esserci dell'uomo è continuamente impegnato in un avvenire che lo oltrepassa e in un passato rispetto al quale sopraggiunge sempre in ritardo, non essendo esso stesso il fondamento di questo passato. La condizione dell'esistenza è data dunque da una doppia polarità di provenienza e destinazione, di passato e avvenire. Un percorso non privo di insidie quello intrapreso dagli artisti per attraversare la notte, ma arrivati all'alba c'è sempre un nuovo giorno ed ognuno di noi sarà il primo a vederlo".

Alla inaugurazione del 13 aprile, saranno presenti, oltre agli artisti, il Sindaco Valeriano Ghezzi e l'Assessore alla Cultura Matteo Pompei per il Comune di Monte San Martino, il Presidente Giampiero Feliciotti per l'Unione Montana dei Monti Azzurri, la curatrice Marilena Spataro, il critico d'arte Alberto Gross.

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni