Aggiornato alle: 19:07 Domenica, 29 Gennaio 2023 cielo coperto (MC)
Cronaca Ancona

Orme di rettile marino sul monte Conero: la scoperta di una specie risalente a 150 milioni di anni fa

Orme di rettile marino sul monte Conero: la scoperta di una specie risalente a 150 milioni di anni fa

Numerosi, interessati e coinvolti gli invitati alla presentazione del libro dell’archeologo Luca Natali "Siro e il mistero delle sue impronte - La scoperta sul Monte Conero delle orme di un antico rettile marino", che si è tenuta nel salone della Parrocchia Santa Madre di Dio, la sera di lunedì 23 gennaio, organizzato dalla Sezione Anps di Macerata e dall'Oratorio Santa Madre di Dio, aderente all'Anspi. 

Dopo il saluto iniziale del parroco, Don Carlos, è intervenuta l’assessore al comune di Sirolo, Barbara Fabiani, che ha donato a tutti i bambini presenti una copia del fumetto, ideato a seguito della scoperta delle orme, il cui personaggio, appunto Siro, è diventato la mascotte di Sirolo. In effetti Siro è l’abbreviazione di Sirolo, comune dove è avvenuta la scoperta di Natali. 

È stato poi presentato Marco Barabba, il pescatore di Numana, che ha soccorso l'equipe di esperti, in difficoltà per il mare mosso, durante la ricognizione, tesa a verificare la validità della scoperta. A Barabba, il cui vero nome è Marco Luna, è stata strappata la promessa di un giro in barca la prossima estate.

Si è quindi entrati nel vivo con le relazioni dei protagonisti, ad iniziare dall’autore sia della scoperta che del libro, Luca Natali, che ha raccontato come, mosso dalla curiosità, ha voluto verificare da vicino in una zona impervia del Monte Conero, quelle macchie viste da lontano e risaltate dalla particolare angolatura dei raggi solari.

La sua curiosità l'ha premiato, prima la perplessità, poi l’ipotesi, poi la concretezza dell’ipotesi e quindi la verifica con l’ausilio di studiosi, che si sono interessati del caso. Si è quindi giunti alla conclusione che si trattasse di un rettile marino vissuto ad oltre 200 metri di profondità circa 150 milioni di anni fa, le cui impronte sono state impresse nel fondale per un particolare fenomeno di sedimentazione.

L'illustratore scientifico Marco Astraceni e il designer Francesco Saverio Giovagnoli hanno descritto le tecniche utilizzate per raffigurare Siro, basandosi essenzialmente dalle orme scoperte, ma anche dagli studi degli esseri viventi nel presunto periodo.

Ha concluso l'icnologo dei vertebrati Giuseppe Leonardi raccontando la sua esperienza di studioso in 6 dei 7 continenti dove ha vissuto, studiato e ricercato sul campo, anche in situazioni di grande pericolo di vita. Si è soffermato sulle tante impronte di dinosauri esistenti sulla terra, come riconoscerle e valutarne il periodo.

Il professore Leonardi ha coinvolto i bambini presenti, ottenendo risposte davvero sorprendenti a domande cui la maggior parte degli adulti non avrebbe saputo rispondere, segno di come il mondo dell'archeologia affascini tanti ragazzi.

 

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Commenti

Copyright © 2020 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registrazione al Tribunale di Macerata n. 4235/2019 R.G.N.C. - n. 642/2020 Reg. Pubbl. - n. 91 Cron.
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni