Aggiornato alle: 20:09 Mercoledì, 21 Agosto 2019 cielo sereno (MC)
Cronaca Recanati

Caso Vismara, Michela Pierozzi assolta perché il fatto non sussiste: "La fine di un incubo"

Caso Vismara, Michela Pierozzi assolta perché il fatto non sussiste: "La fine di un incubo"

Michela Pierozzi è stata assolta con formula piena perché il fatto non sussiste dal giudici del Tribunale di Macerata questo pomeriggio. L'accusa che pendeva su di lei era quella di truffa in quanto la Pierozzi era l'amministratore unico della Vismara&co. Alla Vismara, la Procura contestava di aver chiesto all'azienda Plexi srl di Potenza Picena delle forniture assicurando che queste sarebbero state pagate. L'azienda all'epoca (2014, ndr.), condotta dalla Pierozzi e dall'allora compagno Carlo Vismara, aveva spiegato alla ditta, che reclama già un vecchio pagamento non adempiuto, che queste forniture sarebbero state pagate mostrando di aver inoltrato alla banca le richieste del bonifico. Il legale rappresentante della Plexi ha quindi proceduto a una ulteriore fornitura di 36mila euro, che poi non è stata pagata, ed è qui che arriva la contestazione della truffa.

Carlo Vismara, all'epoca compagno di Michela Pierozzi, era stato anche protagonista di uno dei servizi de Le Iene; servizio durante il quale erano state intervistate svariate persone che accusavano il recanatese di averle truffate. L'azienda era poi stata dichiarata fallita con una sentenza del 12 novembre 2014 e Carlo Vismara era stato condannato a 2 anni per aver distratto somme e attività per 145 mila euro.

"In questi anni ho pagato moralmente, e non solo, per cose che non ho mai fatto e mai visto - il commento della Pierozzi -. Sette lunghi anni di indagini, perizie calligrafiche e udienze che ho dovuto pagare solo perché ero una ragazza innamorata e ingenua che si fidava della persona che aveva accanto. Sette lunghi anni di minacce e di insulti, sette lunghi anni durante i quali mi sono dovuta discolpare di cose mai fatte."

"Voglio ringraziare tutti quelli che in questi anni ci sono stati e mi hanno voluto bene - ha concluso la Pierozzi -. Agli altri invece, consiglio di non giudicare una persona solo per delle accuse che, nel mio caso, si sono rivelate non vere. Ho pagato caro il prezzo di essermi fidata di una persona dovendo, in seguito, abbandonare questo Paese e dovendo sopportare moralmente di tutto. Oggi l'assoluzione con formula piena mi ha restituito un po' di quella serenità che avevo perso anche se ciò che ho passato, non lo dimentico. Oggi è la fine di un incubo."

 

Picchio News
Il giornale tra la gente per la gente.

Quotidiano Online Picchio News

Indirizzo: Corso della Repubblica 10, 62100, Macerata, MC, ITALIA

Direttore Responsabile: Guido Picchio

Direttore Editoriale: Alessandra Bastarè

Copyright © 2019 Picchio News s.r.l.s | P.IVA 01914260433
Registration Login
Sign in with social account
or
Lost your Password?
Registration Login
Registration
Comuni